Opinione su "1984 (George Orwell)"

pubblicata 21/06/2001 | paolomaddaloni
Iscritto da : 30/11/-0001
Opinioni : 184
Fiducie ricevute : 0
Su di me :
Ottimo
Vantaggi è un'opera titanica che fa riflettere motlto
Svantaggi ne potrebbe avere
molto utile
Contenuti
Layout:
Qualità Materiale

"BIG BROTHER IS WATCHING YOU"

Sullo scaffale di casa mia trovai un vecchio libro ingiallito edizioni Mondadori, avevo si e no 15 anni. L'edizione risaliva ai primi anni sessanta. Cominciai a leggerlo e ne fui subito affascinato. Il libro mi si decomponeva in mano pagina dopo pagina, era una vecchia edizione tascabile, e alla fine era totalmente distrutto. Quasi una metafora della cancellazione della memoria collettiva della quale si parla nel testo. Un ragazzino di quindici anni però, non ha le basi storiche e la formazione politica per comprenderlo a pieno; per me a quel tempo era solo una bella storia di fantascienza con un amaro finale ma niente di più. Negli anni dell'università lo rilessi e ne godetti appieno il senso. Il libro parla di Wiston (trasposizione di Wiston Churcill), impiegato del ministero della verità, che trova la forza di ribellarsi al potere che governa il suo mondo. E' un mondo in cui l'attività dei singoli è rigidamente controllata, il loro pensiero è sottoposto a una continua influenza di teleschermi che è impossibile spegnere, i cartelloni con il volto baffuto (trasposizione di Stalin) del capo dello stato, il grande fratello, dominano il paesaggio. La gente (i prolet) non ricorda nulla del proprio passato se non quello che il regime vuole fargli ricordare. Il governo è gestito da tre ministeri: il ministero dell'amore (che è quello della ploizia politica che si occupa di eliminare i sovversivi); il ministero della pace (che si occupa di fare la guerra) e il ministero della verità (che si occupa della mistificazione sistematica della storia) dove lavora come correttore di testi secondo il verbo del grande fratello, Wiston, il protagonista. Si vive nel terrore più completo, la gente è spiata fino all'interno delle proprie case, la scritta THE BIG BROTHER IS WATCHING YOU (il grande fratello vi guarda) è molto eloquente per tutti. Una speciale polizia, la psicopolizia, controlla che nessuno eserciti alcuna libertà di pensiero e che le regole del regime vengano rispettate da tutti fin dalla coscienza. Un chiaro riferimento ai paesi comunisti in particolare all'Unione Sovietica che sia il riferimento alla fisionomia di Stalin che un breve saggio storico che Orwell fa ritrovare al protagonista, dimostrano ampiamente. George Orwell era un socialista inglese, di quei socialisti che fanno riferimento non tanto al materialismo storico di Marx quanto al socialismo utopistico di Sansimon. Arruolatosi come volontario in Spagna con i repubblicani contro i franchisti, aveva vissuto sulla propria pelle la persecuzione degli anarchici catalani da parte dei comunisti filosovietici (da cui un altro splendido libro: Omaggio alla Catalogna). Aveva vissuto la sistematica falsificazione della verità finalizzata alla distruzione dell'avversario politico. Un vizio che la sinistra italiana conosce bene.
Attraverso un lento processo interiore Wiston si affranca dalla cappa di terrore che domina lo stato, soprattutto perchè lavorando al ministero della verità, ha spesso dei ricordi sul passato, anche se molto flebili, che non coincidono con le verità che è costretto a propagandare. Visitando i quartieri più malfamati di Pista 2, così si chiama il paese se non ricordo male, viene in possesso di documenti che parlano di un passato affatto diverso da quello che pensava. Nel frattempo si innamora di una donna con cui è costretto a fare all'amore in luoghi assurdi, dove il grande fratello non possa vederlo (il regime considera il sesso un fattore socialmente disgregante). Wiston vorrebbe unirsi a Goldstein, l'odiato oppsitore contro il quale il regime propaganda ogni nefandezza, perchè crede che il nemico del suo nemico sia suo amico. Riesce a mettersi in contatto con i sediziosi e proprio quando sta per incontrare Goldstein viene catturato e tradotto al ministero dell'amore, dagli strettissimi e luminosi corridoi, dove verrà sottoposto a trattamento rieducativo (lavaggio del cervello). Ormai ha capito tutto, come quel regime sia perverso e come la storia sia stata modificata a vantaggio del regime. Gli manca l'ultima scoperta che farà durante il trattamento. Il Grande Fratello e Goldstein sono la stessa persona. Goldstein non è altro che un nemico inventato per tenere alta la tensione del popolo, dei prolet. Il libro finisce male come tutti i libri di Orwell che mai hanno lieto fine. Wiston e la sua amata dopo il trattamento si ritrovano in un bar del suburbio ad applaudire un discorso televisivo del grande fratello.
Su questa opera si potrebbero fare miliardi di considerazioni. Il dato più significativo di 1984, scritto ne 1948 (che è 84 invertiro) è la lunglimiranza soprattutto su regimi di matrice comunista. Pensare al regime cambogiano di Polpot negli anni '70, che uccideva tutti coloro che avevano anche una minima istruzione (chi aveva gli occhiali era spacciato, perché sapeva leggere) o alla bulgaria, dove la radio e la televisione, proprio come in 1984 venivano regalate dallo stato ma non potevano mai essere spente e private del volume, è un tuttuno con il riconoscere la grandezza di quest'opera.
Chi non lo avesse fatto lo legga subito: è fondamentale.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 8974 volte e valutata
100% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • edoardo75 pubblicata 21/06/2001
    Meravigliosa opinione.
  • haramis pubblicata 21/06/2001
    anche a me il libro era piaciuto molto ... ti ricordo però che in italia oggi chi possoede i mezzi di informazione e ne fa l'uso che vuole non è esattamente la sinistra!!!
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : 1984 (George Orwell)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Collana: La lettura

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788824710336

Tipologia del prodotto: Libro

Autore: George Orwell

Numero totale di pagine: 350

Alice Classification: Letterature Straniere: Testi

Classico della letteratura: classico

Editore: Mondadori Scuola

Data di pubblicazione: 1998

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 21/05/2010