Il profumo virtuale dei libri

5  30.05.2001

Vantaggi:
Vivere una passione

Svantaggi:
il costo del biglietto

Consiglio il prodotto: Sì 

VGilles

Su di me:

Iscritto da:01.01.1970

Opinioni:31

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 15 utenti Ciao

Amo i libri e avendo la fortuna di vivere in Piemonte tutti gli anni , fin dalla prima edizione, non mi perdo quello che prima si chiamava Salone del Libro ed ora Fiera del Libro ( forse per farla somigliare a quella famosissima di Francoforte con cui però ha ben poco in comune ) ed anche quest’ anno non ho mancato questo appuntamento maggense.
L’ edizione da diversi anni si tiene nella struttura dell’ Expo Lingotto , la ex fabbrica Fiat ora convertita (Agnelli riesce a guadagnare anche con ciò che per altri rimarrebbe un peso morto )a vari usi e in essa vi trovano spazio i più disparati editori, alcuni dei quali ti chiedi come facciano a vivere visto ciò che propongono nelle loro pubblicazioni.Non male l' ambientazione post-industriale, adattissima secondo il personale giudizio al prodotto. Bisogna ammettere che la disposizione logistica non è un gran che, non è facile trovare al primo colpo una casa editrice anche ricorrendo al depliant illustrativo ( un esempio la Piemme era sotto la lettera I ) i corridoi di accesso sono spaziosi, ma molti stand sono davvero angusti ( vedi Feltrinelli )e che non vengono presentate anterpime o prossime uscite o novità assolute, ma solo ciò che è già in "produzione". Un altro punto negativo è il costo del biglietto 12000L e perfino i bambini da 3 anni in su pagano 3000L e i libri sono tutti a prezzo intero, non vi è alcun
sconto Fiera.
Ma non è precisamente di questo che vi volevo parlare, ma di come un bibliofilo come me vive ed ha vissuto questa edizione e la precedente. Immaginatevi di trovarvi davanti al paradiso dei libri , tutti i libri, , nella più grande e fornita libreria del mondo ed essere in compagnia della persona che con te condivide questa enorme passione . Ebbene si, perché queste due ultime Fiere le ho vistate in compagnia di topina, ( per chi mi conosce in Ciao , sa che è la protagonista della mia più cara opinione) Dicevo immaginatevi di girare in questa orgia di libri e di poterli toccare, guardare, sfogliare e commentare ( perchè il bello dei libri e viverli e ve lo dice uno che fino a poco tempo fa credeva che l e-book sarebbe stato per lui la più grande invenzione del secolo e che si è dovuto ricredere perchè nulla è comparabile allo sfogliarlo un libro ). E scoprire, si, perché lei ha davvero un talento nello scoprire autori e titoli che all’ apparenza potrebbero no attirare e invece si sono sempre rivelati delle grandi emozioni. Quest’anno lo slogan della manifestazioen era “Respirare Libri” e mai come nel mio caso slogan fu più appropriato, perché veramente girando insieme abbiamo respirato i libri , ci siamo immersi dentro le atmosfere che essi possono creare e donare. Così come gli odori, siamo stati conquistati e attratti da alcuni e disgustati da altri, o dapprima attratti e poi come dire ci siamo accorti che il profumo era buono ma il gusto insomma…
e coem i profumi può capitare che sia gradito ad un dei due e non essere convincente per l’ altro e allora cercare di scoprire cosa non convince, e giungere alla conclusione che forse non convince neanche tanto voi.
Immaginatevi di prendere in mano un libro che per voi ha significato qualcosa in tempi passati e esporlo brevemente alla vostra compagna, cercare di trasmetterle quello che vi ha dato e poi vedere che lei lo acquista per cercare di fare sue queste emozioni o vedere se riesce a condividerle. Quello che raccontavo precedentemente degli spazi angusti, ha anche
i altri contro in quanto, vi pùo capitare come è successo a me di decantare un libro, e poi accorgervi che la persona al vostro fianco era una sconosciuta che magari vi dice che l’ avete convinta e il libro lo prende ( giuro che mi è capitato così da Feltrinelli con una signora ,io stavo parlando di un libro della Allende convinto di avere al mio fianco topina)
Vi assicuro che ho vissuto momenti di verà intimità in mezzo ad a una folla,non ovviamente fisica, ma mentale, profonda , di completa empatia di pensiero, in cui un solo sguardo rende consapevoli che l’ altra persona ha recepito ciò che si voleva trasmettere, e di totale condivisione di una comune passione.
Se amate i libri e condividete questa passione con una persona cara, la vostra compagna/o, un amico, un genitore, provate il prossimo maggio a venire a Torino…. e potrete vivere un’ emozione, alla fine sarete stanchi, spossati, ma felici.
Un saluto a tutti


Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
anouchka

anouchka

03.05.2003 18:55

Anch'io adoro questa atmosfera.ciao

signorinavaniglia

signorinavaniglia

05.02.2003 21:30

in libreria mi succede la stessa cosa, parlo parlo parlo e poi mi chiedono di tutto! :-) A Torino non sono mai stata ma mi piacerebbe, in compenso quest'anno c'è stata a Roma la fiera della Piccola e Media Editoria, ed è stato ugualmente meraviglioso, soprattutto perchè non erano le solite edizione, tante nuove scoperte!! ciao ciao

Lory64

Lory64

20.01.2003 14:14

Scusa non ti ho rilasciato ilmio indirizzo: lory64@email.it

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su 2001 - Fiera del Libro di Torino è stata letta 1148 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"molto utile" per (98%):
  1. anouchka
  2. sabbiaevento
  3. signorinavaniglia
e ancora altri 36 iscritti

"poco utile" per (3%):
  1. luisa55

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.
Risultati simili a 2001 - Fiera del Libro di Torino