Aeternum Bialetti Red Line Ceramic Ok

Opinione su

Aeternum Bialetti Red Line Ceramic Ok

Valutazione complessiva (19): Valutazione complessiva Aeternum Bialetti Red Line Ceramic Ok

 

Tutte le opinioni su Aeternum Bialetti Red Line Ceramic Ok

 Scrivi la tua opinione


 


Aeternum Bialetti: 3 padelle rosso fuoco

5  15.01.2012 (22.01.2012)

Vantaggi:
rivestimento in ceramica, prezzo per il set, meno condimento da usare

Svantaggi:
delicate se non si è abituati , hanno bisogno di qualche accorgimento che altre padelle non hanno

Consiglio il prodotto: Sì 

Dettagli:

Rapporto prezzo/qualità

Facilità d'uso

Design

continua


oriuccia86

Su di me: Auguri a tutti! Ci vediamo dopo la befana!

Iscritto da:05.10.2008

Opinioni:460

Fiducie ricevute:82

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata Eccellente da 70 utenti Ciao

Ciao a tutti!

Di recente ho visto scontato questo set di padelle e non ho potuto resistere. Sto parlando del set da tre padelle della linea Aeternum di Bialetti, la linea con rivestimento in ceramica. Le padelle prese da me sono quelle della Red Line. All’interno del set sono presenti 3 padelle rotonde di diametro crescente:
  • 20 cm
  • 24 cm
  • 28 cm

Queste padelle sono garantite 5 anni, a patto che vengano rispettate le condizioni d’uso che in seguito andrò ad elencare.

Le padelle sono molto belle ma anche funzionali. La parte interna con il rivestimento in ceramica è bianca, mentre il resto della padella compreso il manico è un bel rosso fuoco. Come viene più volte ripetuto nella confezione e nel libretto che accompagna le padelle, il rivestimento di queste pentole è di “CeramicOK” che viene descritto come “”l’innovativo ed evoluto rivestimento nano-ceramico: un composto costituito da una fitta rete di microparticelle ceramiche a base di silicio” il risultato finale è che tale rivestimento risulta resistente alle alte temperature, alle abrasioni e ai graffi. Ormai è sulla bocca di tutti che cucinare una padella con rivestimento in ceramica è più sano e naturale, ma perché?

Innanzitutto sono anti-aderenti, quindi i cibi che vengono cucinati in questo tipo di padelle non si attaccano e di conseguenza serve meno condimento nella cottura: così si riduce gran parte dell’olio che si usa in cottura. Meno condimento non significa assenza totale di condimento: tutte le case produttrici e alcuni blog sconsigliano la totale eliminazioni di condimenti per la cottura quali olio, burro ma anche acqua, anche se con quest’ultima bisogna stare più attenti visto che con il tempo evapora, mentre olio e burro ovviamente no.

Altro vantaggio: la dispersione delle sostanze nutritive dei cibi durante la cottura è minima e si ottengono comunque dei buoni manicaretti croccanti ma non attaccati al fondo della padella, perché la padella riesce a essere calda in maniera uniforme ed a mantenere costante questo stesso calore. Da qui ne consegue un’altra considerazione, ossia non servono fiamme alte e prolungate ma si può scegliere di mantenere sempre la fiamma moderata, il che è un vantaggio non solo per la padella, ma anche per la bolletta del gas.

Sul lato della confezione c’è il disegno della sezione trasversale delle padelle: sotto lo strato di ceramica vi è il corpo della padella in alluminio, che dà leggerezza ma è anche un ottimo conduttore di calore, ed infine vi è un ultimo strato di vernice antigraffio anche per proteggere la parte esterna sottostante della padella.

Quindi queste padelle sono molto belle e resistenti, ma a patto che vengano prese alcune accortezze che vengono SEMPRE indicate sulla confezione e/o sul libretto illustrativo, ma che non sono proprio “ovvie”. Al primo utilizzo delle padelle, queste devono essere pre-condizionate, ossia l’interno della padella deve essere unto con dell’olio, ed è consigliabile ripetere l’operazione in modo periodico. Inoltre non bisogna mai surriscaldare il recipiente vuoto, vigilare sempre sulla cottura e non carbonizzare i cibi: se ciò avviene questo potrebbe comportare delle modifiche di colorazioni della ceramica. In questo ultimo caso il libretto d’istruzioni ci consiglia di immergere la padella (fredda) in acqua bollente e sapone, e poi frizionare con una spugna morbida. In ogni caso tali macchie risultano solo estetiche e non compromettono la funzionalità della cottura. E’ molto importante che la padella sia lavata sempre e solo quando questa è fredda. Nel caso di macchie effettivamente persistenti, è possibile anche mettere a scaldare dell’aceto bianco e poi procedendo alla normale pulizia della padella.

Ovviamente mai utilizzare posate o utensili di acciaio o altri metalli che possono graffiare il rivestimento: preferire sempre e solo utensili in legno o silicone. Per lo stesso motivo, mai tagliare i cibi direttamente nella pentola né utilizzare spugnette abrasive né detergenti troppo aggressivi. È vero che se si usa con criterio la padella, i cibi non si attaccano e quindi anche la pulizia risulta veloce e facile.

Le padella Aeturnum Bialetti possono essere messe in lavastoviglie, ma è sempre e consigliabile preferire l lavaggio a mano, che è più controllabile e delicato.

Al momento dell’acquisto erano presenti diversi set da tre padelle, con diversi prezzi, e quindi, incuriosita, ho chiesto delucidazioni al personale: mi è stato spiegato che a seconda del metodo di produzione della padella, lo spessore in ceramica è diverso, determinando resistenza e prezzo diversi. Al momento della produzione di queste padelle, la ceramica viene spruzzata sopra, mentre in altre padelle la ceramica viene adagiata sopra sottoforma di un sottilissimo strato. Le prime sono quindi padelle con un rivestimento più spesso e più resistente (e quindi più care), mentre le seconde, sono comunque buone, ma leggermente meno durature della prime.

Veniamo ora al prezzo, che comunque è una nota dolente. Ho preso il set in un negozio outlet Bialetti al prezzo di circa 32€ per tutte e tre: come costo è decisamente da valutare, visto che normalmente le stesse padelle vendute singolarmente possono arrivare a costare 28-30 euro, a seconda del loro diametro. In questo set la padella più grande è da 28 cm, che non è la più grande sul mercato ma è già di una certa grandezza: da sola questa può costare una trentina di €.

Il set è venduto senza coperchi. Della Bialetti ne sono disponibili alcuni in vetro con manico rosso in tinta con le padelle. Essendo in vetro si vedono i cibi mentre cuociono, ma inevitabilmente sono più pesanti e delicati. Pensando quindi a numerosi “metti/togli” il coperchio, ho pensato che con il tempo la pesantezza del coperchio rischia di rovinare più velocemente il bordo della padella. Aggiungendo il fatto che sono un po’ maldestra e il coperchio rischia di cadermi, ho decisamente optato per dei coperchi più tradizionale e leggeri, ma non trasparenti come quelli in vetro.

Queste padelle possono essere usate su quasi tutti i diversi fornelli, tra cui piastre elettriche, piastre a gas e quelle in vetroceramica. Non possono essere poste sulla piastra alogena.

Il manico è in silicone soft touch ergonomico, il che assicura una presa forte e salda: la mano resta ben impuntata e non c’è possibilità che scivoli via né la possibilità di scottatura. Inoltre vi è una piccola conca per appoggiare in modo comodo il pollice quando si prende in mano la padella. Al termine del manico è presente anche un foro piuttosto grosso rivestito in acciaio, che permette di appendere la padella.

L’intero set è contenuto in una scatola di cartone e ho apprezzato molto il modo in cui sono stati impacchettate le padelle, tale per cui non c’era il rischio di graffiare le padelle una contro l’altra. Anche a livello dei manici vi è un ulteriore plastica protettiva infatti quando le si impilano, sono proprio i manici i primi punti di contatto tra le tre padelle.

Per quanto riguarda l loro utilizzo ne sono soddisfatta: i cibi non si attaccano e cucinano effettivamente bene. Tutti i punti che vengono pubblicizzati sono rispettati, inoltre è bello e funzionale vedere i proprio cibi che cuociono su un letto bianco, anziché nero. Anche il colore di sfondo aiuta a dosare meglio i condimenti: se sul fondo nero la percezione della quantità di olio presente nella padella non è precisa, qui si vede proprio tutto l’olio che c’è, senza dubbi, perché sul bianco si vede bene.

Di questa linea Bialetti sono disponibili i prodotti singoli, ma anche questo set da 3 padelle o il set grande da 10 pezzi, compresi i coperchi. A seconda della necessità, come allestire una nuova cucina o semplicemente rimpiazzare delle padelle usurate e vecchie, la linea Aeternum Bialetti è sicuramente un ottima alternativa, che consiglio a tutti. Forse per chi ha la mano pesante dovrà stare più attento e le accortezza da prendere quando si maneggiano queste padelle saranno molte, ma saranno tutte ripagate in cottura più salutare e cibi più genuini.

Ciao… alla prossima!
Fotografie per Aeternum Bialetti Red Line Ceramic Ok
Aeternum Bialetti Red Line Ceramic Ok padella bialetti - Aeternum Bialetti Red Line Cera
Aeternum Bialetti Red Line Ceramic Ok. Fonte: www.bialetti.it
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
ssbb

ssbb

02.05.2014 17:41

E' vero le ho anche io!!!

africainside

africainside

03.02.2012 15:28

ottima!

nicoman

nicoman

01.02.2012 16:22

ne ho una anche io, ma si è già un po' scheggiata :(

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Aeternum Bialetti Red Line Ceramic Ok è stata letta 2965 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (89%):
  1. ssbb
  2. nicoman
  3. Lila0084
e ancora altri 62 iscritti

"molto utile" per (11%):
  1. sonoiosoloio
  2. simo-ogg
  3. marzulla
e ancora altri 5 iscritti

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.