Armaghedon (Leon Uris)

Immagini della community

Armaghedon (Leon Uris)

Berlino 1945. In una città divisa in due - da una parte gli americani, dall'altra i russi - e praticamente isolata dal mondo intero, Sean, giovane uff...

> Vedi le caratteristiche

80% positiva

1 opinioni degli utenti

Opinione su "Armaghedon (Leon Uris)"

pubblicata 20/05/2017 | amicona
Iscritto da : 24/12/2005
Opinioni : 115
Fiducie ricevute : 135
Su di me :
Nel terzo secolo per i romani "convertirti" in massa dall'imperatore il vivere da cristiani non era più visto come un’esigenza della fede, nacque un falso cristianesimo che sostituì l'amore con l'odio e cominciò a mettere a morte gli "eretici"
Buono
Vantaggi Ottimo libro
Svantaggi Nessuno
Eccellente
Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

"Dopo Armaghedon un futuro sicuro senza guerre!"

Armaghedon (Leon Uris)

Armaghedon (Leon Uris)

Prefazione


Ho alcuni parenti che sono T.d.Geova. C'è da farsi la domanda se i T.d.Geova interpretano la Bibbia nel modo giusto...
Meditandoci da persona adulta, io sinceramente, devo dire che i T.d.Geova non sono stupidi, hanno spesso ragione e sono logici, per esempio non fanno alcuni ragionamenti dogmatici e insensati che ho sentito nella religione cattolica, per esempio che la morte è inevitabile, che si muore e si va in cielo o all'inferno e poi un LONTANISSIMO giorno "alla fine dei tempi", tutti i corpi IN CARNE dei defunti risusciteranno e si ricongiungeranno alle rispettive anime... mi chiedo a che scopo?
Se uno è già in cielo (o all'inferno) da millenni, a che cavolo di scopo dovrebbe risuscitare anche il suo corpo in carne e ossa per ricongiungersi alla sua anima già beata o già condannata da millenni? Quanto è più logica la promessa di Gesù che i morti risusciteranno in carne ed ossa su una terra paradisiaca dove VERRA' il Suo Regno, E questo avverrà dopo Armaghedon.

ARMAGHEDON: non è motivo di timore, ma di speranza!


Avvenimenti mondiali che adempiono la profezia indicano che siamo molto avanti negli “ultimi giorni”, nei “tempi difficili”. (II Timoteo 3:1-5)
Questo significa che siamo vicini all’“Armaghedon” biblico. (Rivelazione 16:16)
Secondo il libro, molti “credono che l’ordine sociale sta crollando e Armaghedon è proprio dietro l’angolo”.
Tuttavia l’avvicinarsi di Armaghedon non dovrebbe essere causa di timore, ma di vera speranza!
Perché?
Perché Armaghedon è la guerra di Dio che purificherà la terra da ogni malvagità e spianerà la via a un prospero, luminoso nuovo mondo paradisiaco!
La Bibbia spiega che allora i giusti “possederanno la terra, e in realtà proveranno squisito diletto nell’abbondanza della pace”. — Salmo 37:11.
Poiché le cattive condizioni saranno scomparse per sempre, la vita di ogni giorno sarà allora una delizia.
Neanche malattia e morte turberanno la felicità. Dio “asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e la morte non sarà più, né vi sarà più cordoglio né grido né pena”. — Rivelazione 21:4.
Come potete essere certi che un mondo migliore e prossimo?
Queste riviste additano ai lettori l’adempimento delle profezie bibliche le quali spiegano che Armaghedon presto aprirà la strada a benedizioni eterne per tutti coloro che amano la giustizia.

Finalmente un futuro sicuro!


“L’intera terra si è riposata, è divenuta libera da disturbo. La gente si è rallegrata con grida di gioia”. — ISAIA 14:7.
“IL NOSTRO è un mondo di giganti in campo nucleare e di bambini in campo morale. Sappiamo di più riguardo alla guerra che riguardo alla pace, di più su come uccidere che su come vivere”. Queste parole, pronunciate nel 1948 da un generale americano, richiamano alla mente l’osservazione biblica: “L’uomo ha dominato l’uomo a suo danno”. (Ecclesiaste 8:9)
Quando gli uomini possiedono armi nucleari, possono fare di peggio che danneggiare il prossimo: possono annientarlo!
Molti sono concordi nel dire che possedere e usare armi nucleari è immorale.
Purtroppo i governi ritengono di averne bisogno per motivi di sicurezza alquanto razionali; inoltre, ci tengono moltissimo alle armi nucleari perché queste costituiscono senza dubbio una specie di oscuro potere magico che politici e militari riconoscono e vogliono possedere”.
È vero che negli ultimi cinquant’anni l’uomo in qualche modo è riuscito a evitare un conflitto nucleare. Ma in questo stesso periodo di tempo si è fatto ricorso ad armi convenzionali per massacrare un numero incalcolabile di persone. A giudicare da come l’uomo si è comportato finora, è solo ragionevole ritenere che, prima o poi, queste spaventose armi nucleari verrebbero usate.

Le cause di fondo


È possibile eliminare le tendenze guerrafondaie dell’uomo? C’è chi dice che gli uomini combattono le guerre a motivo di stupidità, egoismo e aggressività maldiretta.
Se sono queste le cause principali della guerra, allora per eliminare la guerra bisogna elevare e illuminare gli uomini.
Altri dicono che le cause della guerra risiedono nella struttura della politica internazionale. Dal momento che ogni stato sovrano persegue i propri interessi nazionali, è inevitabile che nascano dei conflitti. Non essendoci nessun modo affidabile per conciliare sempre i dissensi, scoppiano le guerre.
Le difficoltà sono di ordine politico. Non è possibile avere un regime di controllo efficace senza che a monte vi sia la volontà politica di fermare e addirittura invertire la proliferazione delle superarmi.
Nessun gruppo ha la minima intenzione di rinunciare alle proprie armi o alle proprie capacità, né alla possibilità di migliorare le une o le altre.
È ovvio che se si desidera eliminare qualsiasi minaccia nucleare ci vuole la cooperazione internazionale.

Parole, solo parole


La politica della fiducia reciproca deve quindi prendere dappertutto il posto di della distruzione reciproca assicurata altrimenti prima o poi ci sarà una catastrofe.
Purtroppo, i rapporti internazionali e i negoziati odierni assomigliano spesso a ciò che il profeta Daniele descrisse 26 secoli fa: ‘Siedono allo stesso tavolo, ma si scambiano solo parole false’. — Daniele 11:27, Parola del Signore.

Cooperazione mondiale sotto un unico governo


La Bibbia, però, ci assicura che Dio stesso vuole che ci sia un’autentica collaborazione a livello mondiale sotto un unico governo davvero efficiente. Milioni di persone hanno pregato per questo governo senza rendersene conto pronunciando il “Padrenostro”: “Venga il tuo regno. Si compia la tua volontà, come in cielo, anche sulla terra”. (Matteo 6:10)
Un regno è un governo. E il Capo di quel governo regale è il Principe della pace, Gesù Cristo.
La Parola di Dio ci assicura: “Dell’abbondanza del [suo] dominio principesco e della pace non ci sarà fine, Il medesimo zelo di Geova degli eserciti farà questo”. (Isaia 9:6, 7) A proposito di tale governo retto da Gesù la Bibbia promette che “esso stritolerà tutti questi regni”, o governi umani, “e porrà loro fine”. — Daniele 2:44.
Questo governo mondiale porterà vera pace e sicurezza, ma non grazie alla deterrenza nucleare o attraverso fragili trattati sugli armamenti. Salmo 46:9 profetizza che Geova Dio “fa cessare le guerre fino all’estremità della terra. Frantuma l’arco e taglia a pezzi la lancia; brucia i carri nel fuoco”. Non ci saranno mezze misure. Il Regno di Dio retto da Cristo non si limiterà a ridurre il numero delle armi nucleari: le eliminerà del tutto insieme a tutte le altre armi.
La minaccia nucleare non esisterà più perché non ci saranno né superpotenze né nazioni senza scrupoli né terroristi. Abbonderà la vera pace: “Realmente sederanno, ciascuno sotto la sua vite e sotto il suo fico, e non ci sarà nessuno che li faccia tremare; poiché la medesima bocca di Geova degli eserciti ha parlato”. Queste parole ispirate vengono dall’Iddio che non può mentire. — Michea 4:4; Tito 1:2.
Secondo Salmo 4:8, vera pace e sicurezza si possono trovare solo all’interno della disposizione di Geova Dio: “In pace certamente giacerò e anche dormirò, poiché tu, sì, tu solo, o Geova, mi fai dimorare al sicuro”.
Come la storia umana ha dolorosamente dimostrato, qualsiasi promessa di “pace e sicurezza” che viene da una fonte che non sia il Regno di Dio non può che essere fasulla. — Confronta 1 Tessalonicesi 5:3.

“Quiete e sicurezza”


Ma che dire della natura guerrafondaia dell’uomo stesso? ‘Gli abitanti del paese produttivo certamente impareranno la giustizia’. (Isaia 26:9) Tale istruzione nella giustizia influirà profondamente sulla natura umana e sulle condizioni mondiali: “L’opera della vera giustizia deve divenire pace; e il servizio della vera giustizia, quiete e sicurezza a tempo indefinito”. (Isaia 32:17)
Aggressività e istinti violenti verranno sostituiti dall’amore per il prossimo e dall’interesse per il bene comune. Gli abitanti della terra “dovranno fare delle loro spade vomeri e delle loro lance cesoie per potare. Nazione non alzerà la spada contro nazione, né impareranno più la guerra”. — Isaia 2:4.
Con linguaggio profetico, Isaia predisse che le persone con tendenze animalesche saranno trasformate. Parlò di un tempo in cui “la terra sarà certamente piena della conoscenza di Geova”. Di conseguenza, “il lupo risiederà temporaneamente con l’agnello, e il leopardo stesso giacerà col capretto, e il vitello e il giovane leone fornito di criniera e l’animale ingrassato tutti insieme; e un semplice ragazzino li condurrà.
Non faranno danno né causeranno rovina in tutto il mio monte santo”. — Isaia 11:6-9.
La fiducia in queste promesse divine ha permesso ai testimoni di Geova (come già detto, ho alcuni parenti che sono T.d.Geova), di essere ottimisti. Quando pensiamo al futuro non immaginiamo una terra devastata da una catastrofe nucleare. Al contrario, vediamo l’adempimento della promessa biblica secondo cui “i giusti stessi possederanno la terra, e risiederanno su di essa per sempre”. (Salmo 37:29) Gesù stesso confermò questa promessa quando disse: "Beati i miti che erediteranno la terra"
C’è chi definisce questa fede ingenua e irrealistica. Ma chi è veramente ingenuo? Chi ripone fede nelle promesse di Dio che ha sempre fatto quello che ha promesso, o chi crede ciecamente alle vuote promesse degli uomini politici? Per chi ama davvero la pace, la risposta è ovvia.
.
Caratteristiche tecniche
EAN: 9788845245718
Tipologia del prodotto: Libro
Categoria commerciale: tascabile
Autore: Leon Uris
Traduttore: V. Mantovani
Numero totale di pagine: 668
Alice Classification: Letterature Straniere: Testi
Editore: Bompiani
Data di pubblicazione: 2000

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 157 volte e valutata
97% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • hope79 pubblicata 24/05/2017
    ECCELLENTE opinione!!!!
  • ondulino pubblicata 23/05/2017
    ECCELLENTE La verità è questa! Per chi non conosce il Vangelo e la Bibbia, sappia che è stato predetto che al "tempo della fine la VERA conoscenza sarebbe diventata abbondante", ciao
  • RAUTO pubblicata 22/05/2017
    Grazie per le utili e RASSICURANTI informazioni :)
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Armaghedon (Leon Uris)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Berlino 1945. In una città divisa in due - da una parte gli americani, dall'altra i russi - e praticamente isolata dal mondo intero, Sean, giovane ufficiale americano, e Igor, colonello dell'Armata rossa, si ritrovano su fronti opposti a combattere la loro personale battaglia per sopravvivere al mucchio di rovine che li circonda, in una città dove regna l'odio e incomincia la guerra fredda. Solo l'amore autentico e contrastato per Ernestine e Lotte li farà sognare un impossibile ritorno agli ideali mai dimenticati della loro giovinezza.

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788845245718

Tipologia del prodotto: Libro

Categoria commerciale: tascabile

Autore: Leon Uris

Traduttore: V. Mantovani

Numero totale di pagine: 668

Alice Classification: Letterature Straniere: Testi

Editore: Bompiani

Data di pubblicazione: 2000

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 18/12/2009