Ayers Rock

Immagini della community

Ayers Rock

> Vedi le caratteristiche

95% positiva

18 opinioni degli utenti

Opinione su "Ayers Rock"

pubblicata 08/02/2001 | veber
Iscritto da : 25/01/2001
Opinioni : 12
Fiducie ricevute : 5
Su di me :
Ottimo
Vantaggi Un luogo affascinante che colpisce per la sua ricchezza di significato
Svantaggi Molto caldo
molto utile

"Red Center,fascino e mistero anangu"

Sono arrivata qui in un assolato pomeriggio di dicembre da Melbourne. Già dal finestrino dell’aereo si poteva distinguere questo magnifico paesaggio che scorreva sempre uguale e sempre diverso sotto i miei occhi spalancati per la curiosità e l’entusiasmo. Appena sbarcata dall’aereo la prima cosa che colpisce è questo niente che ti circonda…un nulla però così ricco di significato e di sfumature diverse. Intorno solo terra rossa, di un rosso vivissimo, che contrasta nettamente con l’azzurro del cielo. L’impatto è impressionante, ma bellissimo. L’ aeroporto di Ayers Rock quasi non esiste, è solo un enorme spiazzo. Passare dall’aria condizionata a questo caldo soffocante ti fa rivoltare lo stomaco, quasi non respiri, ci vuole un po’ per abituarsi. Ad Ayers Rock c’è solo un unico resort dove puoi trovare di tutto per tutte le tasche, ostello, camping, residence, supermarket, ristorante, negozi e quant’altro. Io sono stata in questo posto solo mezza giornata, poi sono partita per un mini tour che mi ha portato a visitare Uluru , la montagna sacra aborigena, Kata Tjiuta (le Olgas), e il King’s Canyon. Ho dormito in tenda, ed è un’esperienza che consiglio a tutti. Uluru e le Olgas sono vicinissimi tra loro. Quando ancora il sole non era sorto del tutto, abbiamo percorso la basement walk che cinge la montagna sacra aborigena, che si tingeva ad ogni passo di splendidi colori grazie al sole che si rifletteva sulle sue pareti di roccia facendo risplendere il rosso vivo della sabbia che la ricopre. Ad ogni curva si presentava uno scenario sempre diverso, numerose sono le cavità e le pareti dipinte dagli aborigeni. Gli anangu chiedono di non scalare Uluru per quello che rappresenta per il loro popolo, per la sacralità del luogo. Io l’ho fatto. Mi sono sentita vile e meschina, ma l’ho fatto lo stesso. E’ stato molto faticoso, il vento sferzava con violenza le pareti, quasi a volerci cacciare da quel luogo carico di tradizione. Arrivare in cima è stata dura, ma proprio per questo è stata una grandissima soddisfazione. La vista che si apre davanti lascia senza parole: da un lato vedi chiaramente le Olgas ed in lontananza si riesce a scorgere la sagoma del King’s Canyon…ed ovunque volgi lo sguardo, i tuoi occhi si posano su una distesa di terra.
La passeggiata a Kata Tjiuta non è stata meno faticosa ed altrettanto piacevole. Un tempo anche le Olgas costituivano un'unica roccia, ma poi attraverso l’erosione si sono divise fino a diventare le formazioni rocciose che conosciamo oggi.
Il giorno dopo è dedicato al King’s Canyon, a circa 300 km. dall’ Uluru NP. La vegetazione qui è più folta, ci sono molte felci ed altre piante. Il paesaggio roccioso è completamente differente, molto frastagliato, pieno di piccoli e grandi canyon.
Durante la mia breve permanenza nel deserto ho sempre dormito all’aperto. La notte è particolarmente silenziosa, a volte l’unico rumore che si sente è quello incessante dei grilli. Al buio non si ha l’impressione di stare in mezzo al deserto….di giorno i colori sono più vivi che in tutti gli altri posti, e la notte è molto più buia. Si vedono tantissime stelle:non avevo mai visto un cielo stellato così bello e nonostante la stanchezza non è facile chiudere gli occhi rivolti verso l’alto attirati da tanto splendore.
Qui non c’è niente, non si incontrano persone, fa incredibilmente caldo, ma il deserto australiano resta un luogo magico, pieno di suggestione. Molte città si assomigliano tra loro, molte spiagge si confondono, ma questo è un luogo unico, albe e tramonti ti accecano tanta è l’esplosione di colori. Ha profumi, sapori, colori particolari che appartengono soltanto a lui, è così bello da togliere il fiato.


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 1096 volte e valutata
80% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • cri22 pubblicata 17/02/2001
    Ciao, la tua descrizione è bellissima, e che inviadia....io ho potuto visitare pochissimo di queste continente visto che stavo studiando, ma dopo aver letto la tua opinione, si rafforza sempre di più l'idea di rivedere, e di vedere questi bellissi, meravigliosi posti.
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Offerte "Ayers Rock"

Informazioni sul prodotto : Ayers Rock

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 10/07/2000