Ayers Rock

Immagini della community

Ayers Rock

> Vedi le caratteristiche

95% positiva

18 opinioni degli utenti

Opinione su "Ayers Rock"

pubblicata 17/02/2017 | CHEZIAOTTO
Iscritto da : 18/07/2007
Opinioni : 305
Fiducie ricevute : 178
Su di me :
Un abbraccio Cristiano a tutti I componenti di questo meraviglioso Sito! Che Geova vi benedica per il vostro cuore a Lui dedicato Umberto Polizzi (CHEZIAOTTO)
Ottimo
Vantaggi bellissime rocci e valli
Svantaggi Nessuno
Eccellente
Bellezze naturali
Ospitalitá
Attrazioni
Gastronomia
Efficienza trasporti pubblici

"Il più grande singolo masso del mondo."

Ayers Rock

Ayers Rock

Molti di voi sanno che dal 1982 vivo in Australia, ma comunque sono italiano, sono nato a Lucca. Spesso io e mia moglie ci fermiamo per ammirare le meraviglie australiane, una di queste è la bellissima Ayers Rock (Roccia di Ayers), si leva a oltre 335 metri sopra la pianura circostante ed è lungo più di tre chilometri.
Ayers Rock si può raggiungere prendendo un volo low cost!
Desiderosi una una salutare vacanza, abbiamo voluto integrarci io, mia moglie, suocera e altri amici, in questo ambiente 'diverso' naturale e prezioso al fine di una completa rigenerazione dello spirito se non anche totale del fisico.
L’AUSTRALIA centrale è un paese di rarità e meraviglie. Non ha nulla che sia più sorprendente delle sue incredibili formazioni rocciose e montuose.
Qui, per esempio, c’è una meraviglia senza uguale, il più grande singolo masso del mondo. È tutto solo e si erge all’improvviso su una pianura. Detto Roccia di Ayers, Ayers Rock si leva a oltre 335 metri sopra la pianura circostante ed è lungo più di tre chilometri.
Immaginate una vasta solida cupola di arenaria che copra una superficie di 4.800 metri quadrati e misuri tutt’intorno alla base più di otto chilometri!
Si può avere un’idea dell’immensa mole di questo monolito mettendo contro la roccia il famoso ponte del porto di Sydney (dal pelo dell’acqua alla cima dell’arcata), mettendovi sopra un edificio di dieci o dodici piani, e insieme non arriverebbero ancora alla cima della parete del dirupo.
Oppure, immaginate un solo masso appena 33 metri più basso dell’originale altezza dell’Empire State Building o 49 metri più alto della Torre Eiffel.
Di giorno, la ruvida arenaria della roccia produce forti, sempre mutevoli colori. E all’alba e al tramonto, si tinge di colori che variano da un intenso porpora a uno scintillante arancione.

Altri pittoreschi canyon, baratri e gole vicino alla Ayers Rock


Circa trentadue chilometri a ovest della Ayers Rock ci sono gli Olga. In contrasto con la Roccia di Ayers, questi sono un gruppo di enormi monoliti. Separate da profondi e stretti canyon, queste alte, bizzarre formazioni rocciose coprono una superficie di sessantadue chilometri quadrati. La vetta più alta, il monte Olga, è più alto della Roccia di Ayers, raggiungendo l’altezza di 550 metri.
Gli alberi della gomma col tronco bianco, dalle belle e strane forme contorte, risaltano nitidamente contro la roccia di color rosso acceso e la fresca, purpurea ombra.
Altri maestosi monumenti dell’Australia centrale sono i monti Macdonnell. Dopo milleseicento chilometri di pianura, si trova sul cammino questa alta barriera. La prima impressione che si ha è di un’alta e insormontabile parete che si stende a est e a ovest fin dove si può vedere, sì, per circa 400 chilometri. Essa suscita infinita meraviglia da un’estremità all’altra. Perché? Perché, anzitutto, questi monti sono tagliati da profonde gole, dove scorrono ogni tanto corsi d’acqua. Alcune di queste gole sono larghe nel punto più ampio solo sei o nove metri. Ma le pareti di roccia da ambo i lati sono alte da 120 a 150 metri.
Questi monti sono di imponente pietra rossa con un cappuccio di erba verde Spinifex. Stranamente belli, hanno forme insolite, come cupole a forma di tartaruga, dischi in bilico e cubi ammucchiati. Volando sopra questi monti, un entusiastico ammiratore li descrisse in questo modo: “C’erano creste e picchi, monoliti rocciosi, cupole curve, fenditure e crepacci e recinti scavati circondati da colli rosseggianti da ogni parte dell’orizzonte . . . convessi, concavi, sfrangiati e diritti o inclinati, in un incredibile labirinto attraverso cui corsi d’acqua avevano in qualche modo scavato un letto in mezzo ad alte pareti”. — I Saw a Strange Land di Arthur Groom.

Il King’s Canyon


Fra i pittoreschi canyon sparsi in questi monti c’è il King’s Canyon. Le sue pareti superano i 275 metri di altezza. Questa bocca spalancata è lunga oltre un chilometro e mezzo. Pure impressionante è il Baratro di Standley. Le pareti alte settantacinque metri di questo rimarchevole baratro distano solo cinque metri e mezzo l’una dall’altra. La roccia rossa di questo baratro è così dura che quasi non si può scheggiare con un martello.
Quando il sole illumina l’intera zona da diversi angoli, questo palcoscenico già pronto si accende! Compaiono all’improvviso colori dove un momento prima sembrava poco interessante e senza vita, trasformandolo in nuove scene col passare di ogni ora. All’alba il color crema, il rosa e il rosso si trasformano in un indistinto azzurro e al tramonto la zona diventa color oro fuso.

La “Roccia dell’Onda”


Nell’Australia Occidentale c’è un altro strano, maestoso monumento di roccia. È la famosa “Roccia dell’Onda” vicino a Hyden, circa 385 chilometri a est di Perth.
Fatta di granito, la sua facciata somigliante a un’onda è il risultato dell’erosione eolica ed è stata fatta saltare per darle la forma di un’onda di quindici metri che sta per frangersi.
L’immensità e l’aspetto sorprendentemente insolito di tutte queste pietre miliari hanno meravigliato quelli che le hanno viste. Un visitatore disse: ‘Non credo che alcuno possa guardare le strane vette dei Macdonnell, i picchi degli Olga e il monolito di Ayers senza che il suo animo sia profondamente commosso, o tornarsene via senza sentirsi meglio per aver fatto questa esperienza’. Nella persona dall’inclinazione devota producono un forte sentimento di meraviglia e di stupore per tali spettacolari manifestazioni dell’opera del Creatore.
La vacanza stava per finire, seguivo con il binocolo una donna e un bimbo, che, lenti sulle loro orme impresse sulla terra rossa raccolgono pietruzze colorate, ignare di chi li seguiva con sguardo triste e un soffocato nodo in gola per la gioventù perduta.
Forse domani vi vedrò ancora. Forse!

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 254 volte e valutata
99% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Suckitandsee17 pubblicata 17/03/2017
    Eccellente
  • Serena1984 pubblicata 16/03/2017
    Da vedere un giorno...Eccellente !!!
  • sunflowerss pubblicata 15/03/2017
    Dopo avere letto la tua opinione ho incominciato a segnora ad occhi aperti ! eccellente recensione caro fratello !
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Ayers Rock

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 10/07/2000