Bilbao

Immagini della community

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Bilbao"

pubblicata 04/09/2017 | Eidos81
Iscritto da : 13/04/2016
Opinioni : 85
Fiducie ricevute : 107
Su di me :
Certo che Ciao ne sforna di gente strana!!!!
Ottimo
Vantaggi Cultura, architettura, tanta arte
Svantaggi I Baschi non amano molto lo straniero :)))
Eccellente
Bellezze naturali
Ospitalitá
Attrazioni
Gastronomia
Efficienza trasporti pubblici

"Bilbao: Ultima Tappa di un Viaggio"

Bilbao, Paesi Baschi

Bilbao, Paesi Baschi

BILBAO: ULTIMA TAPPA

Nel mese di giugno, come ho già avuto modo di scrivere, sono stata in Spagna, per metà la mia Terra (da parte di madre), e che sento a tutti gli effetti casa mia nonostante ci vada così di rado.
Ho visitato molti posti della Galizia, che è bellissima e che consiglio di cuore, e per concludere le vacanze tornando verso casa nel viaggio di ritorno ho voluto fermarmi a Bilbao, nei Paesi Baschi.
Sono potuta rimanere poco, giusto qualche ora dato che il viaggio per tornare a casa era piuttosto lungo, ma in quelle ore ho potuto subito cogliere e ammirare la bellezza di questa città. Trovandosi sul mare, in realtà sul Golfo di Biscaglia, da subito si evidenzia la tipicità delle strutture, il clima, l’aria genuina. Fortunatamente era una bellissima giornata di sole, cosa non così comune come si potrebbe credere, la costa Atlantica ha un clima abbastanza incostante, nonostante fosse inizio giugno ad esempio nel viaggio d’andata in tutti i Paesi Baschi c’era una fitta nebbia che sembrava essere novembre!
Dicevo una bella giornata con un clima gradevole, amo molto le città di mare non tanto per le spiagge, come tipica vacanza al mare dove si va in spiaggia al solo scopo di prendere il sole e farsi una sana nuotata, ma mi piacciono da un punto di vista architettonico, hanno una loro caratteristica che balza subito all’occhio, mi piacciono per l’aria che si respira, non solo in senso fisico, ma soprattutto nel senso figurato, perciò preferisco girarmele e visitarle quando posso, e una delle prime cose che voglio subito vedere è il porto, non so perché ma mi affascina molto. A Bilbao però il porto ho potuto vederlo solo da lontano, dall’autostrada, ma è sempre un bel panorama anche se a distanza.
La città è molto moderna, di fatti Bilbao ha subito molti cambiamenti a livello urbanistico, e come alcuni sapranno un po’ tutta la Spagna ha investito molto su questo settore per portare il Paese ad un benessere non solo economico, ma volendo anche donare un aspetto nuovo che sottolineasse il balzo economico che hanno vissuto dagli anni ’90 fino alla crisi economica, che nel caso della Spagna è stato dovuto anche alle grandi spese che lo Stato ha adottato per modernizzare il pubblico e il privato. Ma non mi dilungo troppo, questo è un altro aspetto.
Perciò visitando Bilbao noterete come molti edifici siano concepiti in modo contemporaneo, e molto della tradizione è andato perso, o meglio modificato, come anche le località dove è cresciuta mia madre, tanti elementi che caratterizzavano una cultura così diversa dalla nostra non si possono più ammirare, ed è un peccato, con l’idea di raggiungere un progresso hanno forse dimenticato cosa vuol dire mantenere la loro storicità.
Ho potuto recensire solo l'inizio e la fine del viaggio perché purtroppo Ciao non contempla gran parte della Galizia e le città sue più note che io ho visitato, come Santiago e Fisterra (Finisterre), sarà per un prossimo futuro.

BILBAO: LA VISITA AL GUGGENHEIM

La ragione principale per cui ho voluto sostare a Bilbao era appunto poter visitare il noto museo del Guggenheim , quella struttura che molti hanno ribattezzato il Carciofo, e come avrete modo di vedere nelle foto pubblicate capirete subito il perché.
Il museo è molto bello, e già da fuori balza la sua imponenza, tutto attorno è immenso, sviluppandosi su di un’area davvero vasta, ho dovuto camminare e girargli molto attorno per trovare l’ingresso.
Proprio quest’anno sono vent’anni dall’inaugurazione del Guggenheim, aperto nel 1997 dopo che il noto architetto Frank Ghery lo progettò.
Devo ammettere che se pur tanto bello, gli spazi così immensi non sono propriamente sfruttati per contenere le opere, infatti solo all’ultimo piano, che se non ricordo male sono quattro o giù di lì, ci sono grandi sale piene delle opere che in quel dato periodo si trovavano lì ad allestire le varie mostre.
Questo perché lo spazio anche all’interno è fatto da movimento fluttuanti e attorcigliati, dove scale e corridoi si dilatano di piano in piano.
Le mostre lì presenti, era precisamente il 3 luglio, erano parecchie, e per questa ragione il prezzo del biglietto era di 16 euro, che di norma è di 7 euro, ma il Museo adotta la politica del prezzo in base al numero di diversi allestimenti.
In quella data erano presenti i seguenti artisti:
  • La Retrospettiva di Bill Viola', presente fino al 9 novembre 2017, famoso artista della VideoArte, genere che confesso io non amo particolarmente, in genere tende all’inquietudine, uno stato d’animo che non mi spaventa, ma che tendo a respingere, mandandomi facilmente in crisi se gli permetto di farsi strada nei meandri della mia mente già di per sé complicata emotivamente. Aveva comunque il suo perché...
  • Ricordo in particolare i nove pannelli a led con delle scritte che si muovevano lungo tutta la parete verticale dal piano terra fino all’altezza massima dell’edifico, ben concepita e ideata da Jenny Holzer. Questa grande parete la si è potuta allestire in questo modo proprio grazie alla struttura interna del Guggenheim (che potete vedere nelle foto, più esaustive di me), che prevede le scale che permettono di accedere ai piani in maniera indipendente, al centro dell’edificio con corridoi pressoché scoperti privi di mura, così da rendere possibile guardare in quasi ogni punto sia dentro che fuori dal Guggenheim, dove infatti ci sono opere collocate anche nei giardini.
  • Per chi ama l’arte in senso più classico, ma si fa per dire, dato che è proprio l’arte di fine Ottocento con l’Impressionismo ad aver dato il via all’arte Contemporanea che vive ancora oggi, c’era la mostra PARÍS, FIN DE SIGLO (Parigi Fine Del Secolo), che occupava almeno tre sale, una più bella dell’altra, con opere che andavano da: SIGNAC, REDON, TOULOUSE-LAUTREC e i loro contemporanei.

Come ogni Museo in genere si può osservare la collezione permanente appartenete alla nota famiglia che dà il nome appunto alla struttura Guggenheim., le opere e gli artisti presenti erano:
  • Il Ragno gigantesco posto al di fuori, molto interessante con un discreto fascino, creazione dell’artista Louise Bourgeois.
  • Gli amanti dell’Arte certamente conosceranno Jeff Koons artista di fama internazionale presente con due opere imponenti, un cane di fiori chiamato Puppy, lto ben 13 metri (davvero impressionati le dimensioni!!!!) che si trovava all’ingresso del Museo, e un fiore i Tulips, molto bello e appariscente per via dei colori e dei materiali che si trovava all’interno dei giardini.
  • Nel resto delle sale le opere Contemporanee degli artisti del '900, come Rothko, artista che stimo molto, e Anselm Kiefer le cui opere hanno una gran attrattiva per me, tra ignoto, mistero, fascinazione, questi gli stati d'animo che d'impatto mi suscita.

Magari direte: ormai è troppo tardi che ce ne facciamo delle informazione su delle opere che lì non si possono più vedere? Il fatto è che il Guggenheim in sé offre sempre mostre di questo livello, e almeno si può capire cosa aspettarsi volendo andare in questo spettacolare museo, ma è anche un modo per spingere a non perdersi qualcosa, queste opere girano in lungo e largo, è c’è sempre modo di poterle osservare in qualche parte del mondo. Per me ne è valsa la pena, anche se la visita è dovuta essere super veloce.

Cos'altro visitare a Bilbao

Oltre appunto al porto che la prossima volta vedrò sicuramente, vi consiglio:
  • Il Centro Storico di Casco Viejo: la parte vecchia della città, sicuramente un luogo che merita.
  • Cattedrale di Santiago a Bilbao: si trova sempre nel centro storico, facente parte del periodo gotico del XIV secolo.
  • La funicolare di Artxanda.
  • Il Ponte di Zubizuri: la città di Bilbao sorge sul fiume Navion il quale è attraversato da 17 ponti du cui il più importante e particolare è appunto quello di Zubizuri, inaugurato anch'esso nel 1997 come il Museo del Guggenheim.
  • Parco Dona Casilda Iturrizar: il parco più importante di Bilbao.
  • Poi ovviamente tante le chiese di interesse storico culturale, chi ama le architetture di certo non se le farà mancare. A seconda del proprio gusto ognuno può creare il proprio itinerario, le bellezze non mancano, e per quanto mi riguarda basta poco, già solo passeggiare e vedere cosa il caso ti porta davanti ha già il suo perché.

CONCLUSIONI FINALI SULLA MIA VISITA A BILBAO

Bilbao è una città che sicuramente andrò a rivedere, magari già l’estate prossima, ho intenzione di godermi di più le bellezze che ci sono nella nostra bella Europa e Italia compresa. Quello che il mio viaggio in Spagna mi ha lasciato, è certamente la voglia di tornare a muovermi e viaggiare, cosa che per varie ragioni da tanto tempo non facevo più. Ed essendo stata così brevemente a Bilbao, la prossima volta voglio spulciarmela per bene visitando tutto il resto che ho dovuto tralasciare e guardarmi come si deve le strade, il porto, gli angoli della città, la cultura, e l’ambiente in generale.
Il poco che ci sono stata mi ha fatto stare bene, vedere posti nuovi è sempre un piacere per me.

Le Foto di Bilbao
Le foto sono state scattate tutte da me, nessuna immagine prelevata da internet! Le foto all'interno del Guggenheim non è che si potessero fare, ma io le ho fatte lo stesso di nascosto :))))...Spero che possiate godere della città grazie a qualche immagine:
  • Veduta del Guggenheim dall'esterno
  • Palazzo vicino al Museo del Guggenheim
  • Interno del Guggenheim, veduta della struttura delle scale.
  • Sala della mostra permanente con opera di Rothko.
  • Sala della mostra permanente con opere di Kiefer.
  • Veduta dalle vetrate dell'opera di Koons Tulips.
  • Veduta dall'esterno dell'opera di Louise Bourgeois il Ragno.
  • Cristo benedicente nei pressi del Guggenheim.
  • Due vedute della città.
Buon Viaggio da Eidos!!!!


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 306 volte e valutata
97% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • scotty1 pubblicata 21/09/2017
    deve essere un bel posto , complimenti
  • Rysonance pubblicata 19/09/2017
    Eccellente opinione, complimenti
  • Silv_IA pubblicata 18/09/2017
    davvero eccellente
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Bilbao

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 18/08/2004