Opinione su "Biochetasi"

pubblicata 04/03/2017 | Zarin
Iscritto da : 22/04/2011
Opinioni : 87
Fiducie ricevute : 371
Su di me :
""Mio padre mi disse: "Anto, per farla innamorare devi farla sorridere"...ma appena ho visto il tuo sorriso mi sono innamorato di te Azzurra""
Ottimo
Vantaggi Efficace
Svantaggi Non abusare
Eccellente
Sede delle visite/terapie
Prezzi
Efficacia
Professionalità del personale

"Addio alla nausea...con Biochetasi"

Biochetasi

Biochetasi

BIOCHETASI


Introduzione

Voglio fare una piccola precisazione prima di iniziare. Per evitare così, che il contenuto della mia opinione venga interpretato in modo scorretto o frainteso. In quanto, le informazioni che vi riporto sono conseguenza della mia esperienza personale.

Il prodotto che vi sto per presentare, è dunque un medicinale di automedicazione, di conseguenza prima di usarlo va consultato assolutamente il vostro medico.

Questa mia opinione ha solo lo scopo informativo di discutere del prodotto in questione. Per offrirvi così, un’ampia visione delle sue caratteristiche, trattamento e di riportare il genere di prodotto. Cercando in questo modo di capire a cosa serve e come va somministrato. Mettendo in questo modo la mia esperienza a disposizione per chi è interessato a sapere maggiori informazioni sul prodotto. Confrontando così, pareri e la mia esperienza con altre persone che hanno già utilizzato il prodotto.

Come tutti i medicinali di automedicazione, il prodotto che sto per presentarvi si può acquistare in farmacia, senza ricetta medica. Malgrado tutto, il mio consiglio è comunque quello di chiedere anche il parere al vostro medico. Poiché, il medico conosce la vostra salute e vi potrà consigliare in modo più preciso.

Ogni persona ha delle abitudini alimentari diverse. Queste, ovviamente dipendono dal tipo di vita che si conduce e il lavoro che si svolge.

La colazione è il primo pasto giornaliero, che non si dovrebbe mai saltare. Mentre, il pranzo e la cena (altrettanto fondamentali) di solito li distribuiamo secondo le abitudini e vengono spesso legati agli impegni lavorativi.

Nonostante, il mio lavoro non mi consenta di essere sempre presente in orari sempre uguali, io e la mia Azzurra riusciamo ad organizzarci per poter mangiare insieme e in maniera sana. In questo modo, evitiamo di alimentarci di cibi poco sani e condurre una vita regolare.

Anche se poi capitano periodi dove i miei turni diventano più estenuanti. Quindi, sono costretto a mangiare fuori casa. In questo modo, spesso i pranzi diventano sbrigativi e mi capita di mangiare cibi diversi.

Ebbene, mi è capito di passare un periodo in cui il lavoro non mi consentiva di pranzare a casa. Quindi, mangiavo panini o pizze. Un modo veloce per riprendere il lavoro senza fermarmi.

Tuttavia, se fatto in maniera corretta, evitando intigoli, cibi speziati e condimenti vari può anche andar bene. Ma, mangiando fuori si sa, qualche cosa in più nei panini si aggiunge, come maionese ketchup e altro.

E dopo..

Passato un po’ di tempo cominciavo ad avvertire dei piccoli disturbi digestivi, che riuscivo a sistemare bevendo un bicchiere di tè con l’aggiunta di limone. Fin qui tutto bene, ma una notte ho percepito un senso di pesantezza, seguito da un bruciore di stomaco che mi provocava una sensazione di nausea.

Ovviamente, non volevo far preoccupare Azzurra, allora mia alzai e cercai di trovare la soluzione da solo. Tentando di trovare il motivo di questo mio malessere. Quindi, iniziai a passeggiare per la casa, con l’intento di cercare di riprendermi presto. Nel frattempo, si era svegliata anche Azzurra preoccupatissima. Capendo la situazione, mi suggerì di prendere qualcosa (come un digestivo, tipo bicarbonato) Poi si ricordo che lei aveva fatto uso di un antiacido per contrastare la nausea (Biochetasi). Allora, ne sciolsi una bustina nell’acqua e dopo circa un ora cominciai a stare meglio. Si tratta del prodotto: Biochetasi. Un antiacido che aiuta a contrastare dei disturbi comuni, che colpiscono lo stomaco. Nel mio caso è stato utile perché, il mio malessere era di leggera entità. Ossia, una piccola indigestione e il medicinale è riuscito a sopperire il fastidio.


Le cause del fastidio e come intervenire

E’ uno dei disturbi più diffuso e trattasi di una forma di dispepsia. Credo che è capita a tutti almeno una volta nella vita avere mal di stomaco o senso di pesantezza una volta mangiato. Questo disturbo si può presentare in forma lieve (come è successo a me), ma anche in maniera insopportabile. A tal punto da far intervenire il medico.

In genere il fastidio è avvertito alla bocca allo stomaco. Quindi, i sintomi sono bruciori allo stomaco, senso di nausea e cattiva digestione.

Le cause possono derivare dall’eccessiva secrezione dei succhi gastrici. Oppure, da una cattiva alimentazione.

La seconda opzione è quella che spesso si presenta, per via di una masticazione veloce, o per aver mangiato cibi troppo speziati e grassi.

Anche se poi, alla fine è lo stomaco che raccoglie il cibo e rispetto alla bocca è un ambiente lievemente basico ed è fortemente acido. Mentre, il completamento della digestione avviene nel primo tratto dell’intestino tenue, il duodeno. Qui affluiscono tre diversi succhi digestivi: il succo pancreatico, il succo enterico e la bile. Questi contribuiscono in modo diverso alla digestione dei tre tipi di sostanze nutritivi che si trovano nei cibi. Tra cui i carboidrati, le proteine e i grassi.

Quindi, se tutto questo non avviene con precisione possono avvenire questi squilibri digestivi.

A questo punto intervenire è fondamentale.

Quella sera, sono riuscito a contrastare il fastidio prendendo una bustina di Biochetasi. Il giorno dopo stavo meglio, ma dopo l’insistenza di Azzurra, ho chiesto informazioni al medico e se avevo fatto bene ad agire in questa modo. Il mio medico ha risposto in maniera positiva, consigliandomi di mangiare in bianco e leggero per circa tre giorni.

Ovviamente, già di mia iniziativa lo stavo facendo. Tanto che, la mattina mi ero limitato a far colazione con un the leggero con limone.

A pranzo avrei continuato a seguire la dieta con un primo di pasta in bianco, o riso.


Aspettare o intervenire?


Questa è una domanda molto lecita. Nel mio caso è bastato semplicemente prendere un antiacido e il mio stomaco ha subito reagito in maniera positiva. Ma spesso si deve capire se la causa è realmente provocata dalla cattiva digestione.

Per far passare questo sintomo di solito è necessario prendere dei medicinali, che neutralizzano l’eccessiva produzione di acidi gastrici. Seguiti, da digiuni che possono interessare delle ore. Oppure addirittura un intero giorno. Naturalmente, sempre consultando il medico (vi raccomando, questo è essenziale!) Quindi, è importante intervenire, cercando di capire il disturbo. E se è realmente dovuto a una semplice indigestione. Per poi, risolvere i disturbi di stomaco.


Casa farmaceutica del prodotto: Biochetasi

Fonte: sommario della azienda farmaceutica riportato dal sito: Sigma- tau industrie farmaceutiche riunite s.p.a.

Per cercare questa informazione ho dovuto per forza consultare il sito, dove viene riportata la situazione dell’azienda.

L’azienda Signa-tau è l’industria farmaceutica che produce “Biochetasi” e altri tipi di farmaci. Oggi è una player di vendita in questo campo e si sta estendendo progressivamente a livello nazionale. Interessante, la politica di crescita di questo tipo di settore che riesce a mantenere e migliore i servizi per la distribuzione di una vasta gamma di farmaci. Quindi, se siete interessati a conoscere l'argomento e volete approfondire, potete collegarvi al sito e consultarlo.


A quale categoria e classe appartiene: Biochetasi

Fonte: Specifico che alcune informazioni li ho riassunte dal foglietto informativo del farmaco

La Biochetasi è un Policomposto. Ovvero un farmaco ad azione antiacidosica, per la reintegrazione del potassio intracellulare e per un corretto funzionamento dei cicli metabolici e un integratore delle sostanze ad azione enzimatica e coenzimatica. (questi sono termine specifici che ho voluto riportare dal bugiardino, per indicare la formulazione specifica).

Il prodotto che vi sto presentato è contenuto in bustina. Ma è possibile trovarlo anche in pastiglie e supposte. Noi preferiamo acquistare sempre la formula in bustine. Poiché, risulta più pratica e secondo Azzurra ha un effetto più immediato.


Come va usato

La Biochetasi è un farmaco che può risultare utile in caso di iperacidità gastrica, difficoltà digestive, insufficienze epatica, stati chetonemici e nausea in gravidanza.

Ovviamente, utilizzandolo sempre sotto consiglio medico. Poiché, nonostante il farmaco sia da banco (come tutti i medicinali) può provocare effetti collaterali. Quindi, se i disturbi persistono, è necessario allora approfondire con esami specifici.

Somministrare il farmaco è molto semplice. Basta versare in un bicchiere un po’ d’acqua, mettere il contenuto della bustina e mescolare. Fino a quando la soluzione si scioglie completamente.

Il farmaco va usato prestando attenzione e senza abusarne. Pertanto è fondamentale non superare le dosi indicate. Queste equivalgono a due bustine tre volte al giorno per gli adulti. Mentre, per i bambini al di sotto di dodici anni, una bustina tre volte al giorno.

Il farmaco può provocare effetti indesiderati?

Oltre agli effetti benefici, tutti i farmaci possono provocare questo stato. Naturalmente se si fa un uso inadeguato.

Nel foglietto illustrativo del prodotto ho letto che non sono stati ancora segnalati. Se si riscontrano occorre sospendere immediatamente il farmaco e avvisare il proprio medico. Anche se poi, gli effetti indesiderati più frequenti vengono alla luce fin dalla prima fase di somministrazione.

Inoltre, viene anche somministrato in gravidanza e durante l’allattamento.

Ovviamente, non va utilizzato dalle persone che riconoscono nei componenti ipersensibilità al prodotto. Oltretutto, nelle precauzioni viene precisato che il prodotto contiene zuccheri. Quindi, i pazienti diabetici e coloro che seguono regimi alimentari ipocalorici non possono usare il farmaco come prodotto di automedicazione.


Descrizione e caratteristiche nello specifico

La Biochetasi è un granulato effervescente antiacido deputato a ridurre l’acidità gastrica. Agisce in con modalità sintomatica e in molti casi ha dei risultati ottimi. Appartiene alla categoria degli assorbibili, poiché contiene il sodio bicarbonato. Un eccipiente come altre sostanze simili presente nella formulazione.

Il medicinale contiene per ogni bustina i seguenti principi attivi:

*Sodio citrato mg 425,0

*Potassio citratomg 50,0

*Tiamina difosfato estere libero mg 50,0

*Riboflavina 5-monofosfato monopodico mg 25,0 (pari a mg 23,8 di acido libero)

*Vitamina B6 cloridrato mg 125,5

*Acido cidrico mg 100,0

Eccipienti: Acido malico, sorbitolo, sodio bicarbonato, polivinilpirrolidone, aroma arancio, saccarina, glucosio, sodio edetato, propile gallato, saccarosio, fruttosio.


Il prodotto e composizione di ogni bustina

Il medicinale è un prodotto di automedicazione contenuto in bustina. Ognuna di queste contiene 5 g di Biochetasi. E’ un granulato effervescente di colore bianco e arancio e una volta sciolto in acqua emana un profumo d’arancia. Inoltre, la sua composizione produce una leggera effervescenza e anche in questo caso si avverte il sentore di arancia.


La confezione

Il prodotto viene racchiuso in una scatola rettangolare di colore bianco con delle forme geometriche attorno di colore fucsia e azzurre. Quest'ultime separano il logo "Biochetasi", che viene evidenziato al centro dell'involucro a grandi lettere. La confezione in ogni sua parte riporta informazioni sulla composizione, gli eccipienti, caratteristiche del prodotto e relativa scadenza.

Risulta facile da aprire e contiene venti bustine da 5 g per uso orale di Biochetasi.


Scadenza e conservazione

La Biochetasi viene classificata come medicinale da banco e ha una scadenza predefinita. Viene inserita nell’apertura della scatola, sopra alla dicitura lotto prodotto. Inoltre, si trova segnata in ogni singola bustina. La scadenza va rispettata, quindi, una volta passata la data indicata, il medicinale va assolutamente gettato.

Per quanto riguarda la conservazione, bisogna fare molta attenzione a riporre il medicinale in un luogo fresco. Poiché, la composizione, essendo in granulato può alterarsi facilmente. Quindi, è fondamentale controllarlo bene prima di farne uso.


Conclusione e considerazioni

Alimentarsi in maniera corretta è certamente una delle prime regole che va sempre seguita. Molti sono gli accorgimenti da adoperare. Il primo è quello di mangiare lentamente e masticare bene. In questo modo si favorisce l’attività gastrica. Oltretutto, mangiando lentamente il cibo si mescola con gli enzimi della saliva, che a sua volta favoriscono la digestione.

Anche lo stress è uno dei fattori che può favorire questi problemi. Anzi, credo che nel mio caso possa aver influito in maniera diretta.

Infatti, non difficile questa situazione, poiché una situazione emotiva o di stanchezza, può influire sulla muscolatura volontaria della stomaco. Quest’ultima tende a contrarsi, impedendo la corretta motilità gastrica.

Inoltre, occorre stare attenti all’uso di alcuni farmaci. Quelli più colpevoli sono gli antinfiammatori, specialmente se si fa un uso spropositato. Questi con il tempo possono rovinare le pareti dello stomaco. Per evitare, questo vanno presi sempre dopo aver mangiato e associando dei gastroprotettori. Comunque sia, sono dei particolari che vanno discussi sempre con il proprio medico di fiducia.

Cosa penso

Il prodotto per me è un medicinale abbastanza valido. Perché, posso affermare, che nel mio caso quella notte mi è risultato utile. Ovviamente, ogni persona deve agire in maniera giusta, accertandosi che il malessere si possa risolvere con l’automedicazione. Ma ricordate sempre di consultare il medico. Questo è un concetto che ribadisco e non va mai sottovalutato!

Il prodotto si acquista in farmacia e ha un prezzo di circa sei euro e cinquanta, ma può variare secondo il loro listino.

Per finire consiglio il prodotto e gli assegno cinque stelline.

Didascalia delle foto

1. Scatola Biochetasi

2. Bustine Biochetasi

3. Retro Biochetasi


Amore sei la mia cura, ti amo.


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 520 volte e valutata
97% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • lucetta7 pubblicata 16/07/2017
    Suggerimento eccellente!!!
  • partyshop pubblicata 28/06/2017
    eccellente
  • kiakim pubblicata 08/05/2017
    eccellentissima opi, brava!
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Biochetasi

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 08/03/2006