Bricolage

Opinione su

Bricolage

Valutazione complessiva (92): Valutazione complessiva Bricolage

 

Tutte le opinioni su Bricolage

 Scrivi la tua opinione


 


Per Carnevale: CAPPELLINI da Giacometta!

5  14.02.2012

Vantaggi:
creare cappellini unici

Svantaggi:
il lavoro richiede tempo

Consiglio il prodotto: Sì 

Meet

Su di me: Io sono natur-ALE! :-) E da domenica sulle orme di San Francesco per dire NO alla CACCIA! Zaino in s...

Iscritto da:01.01.1970

Opinioni:151

Fiducie ricevute:172

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata Eccellente da 98 utenti Ciao

Buongiorno a tutti, il Carnevale è alle porte. Qui a Torino le maschere tipiche sono Gianduja e Giacometta.

Ve le presento con l’aiuto del sito della Famija Turineisa:

Gianduja era un burattino e diventò la maschera ufficiale di Torino nel 1808 a Callianetto. Gianduia nome che proviene da Giôvan d’la dôja (Giovanni dal boccale), era un tipo libero, democratico che non s’inchina ai padroni, è schietto e sincero, senza mezzi termini. Nel 1862 nasce la Società Gianduia che ha a cuore le sorti dei meno fortunati. A questo si lega il motto “Ridet beneficando” ossia ridere fa bene. Nel 1925 nasce la Famija turineisa e l’anno seguente il carnevale si pare con il motto: "Gianduja a tôrna Turin as dësvija" (Gianduia torna e Torino si sveglia). Ogni anno viene eletto un Giaduja con vera e propria cerimonia d’investitura.

Giacometta è la compagna di Gaianduja e rappresenta la saggezza della donna piemontese. Reagisce ai prepotenti ed aiuta i poveri. Anche Giacometta viene nominata tutti gli anni e compare nelle manifestazioni più importanti della regione.

Ricordo che, a Carnevale, mi è sempre piaciuto fare i cappellini e ne ho fatti di tutti i tipi: da quelli semplici da fata a quelli da principessa, a quelli da laureato a quelli da animaletti.. Mi divertivo a reinventare i copricapi dandogli il mio tocco fantasioso. Alla fine credo che sia solo occorrente un po’ di buona volontà e sicuramente avremo un cappellino che sarà unico e costerà meno di quelli stereotipati che si trovano nei vari negozi e cartolerie.
Per questo carnevale, ho avuto l’incarico di creare i cappellini da Giacometta per ben 13 bimbe e così mi sono messa all’opera. Prima di tutto sono andata sul sito della http://www.famijaturineisa.com/ ed ho visionato le varie foto di Giacometta impegnata in cortei o manifestazioni, poi ho rispolverato le vecchie foto, quando mia zia aveva fatto il cappellino a me ed a mia sorella.

Il materiale occorrente:
- cartoncino non troppo rigido ma neanche troppo morbido,
- biro o pennarello e matita
- grilletto tondo o piatto o compasso (il diametro dev’essere di cm. 26, circa)
- forbici
- colla vinilica
- una riga lunga almeno 45 cm.
- carta crespa bianca (con un rotolo da m. 330 di lunghezza, si riescono a fare circa 7 cappellini)
- pinzatrice
- scotch
- stoffa
- colla a caldo
- nastri colorati
- fiori di carta o di stoffa
- colla con brillantini

Per il cartoncino ho utilizzato un vecchio calendario della Fabriano che mi era stato gentilmente regalato dalla ditta lo scorso anno. I fogli sono grandi cm. 48 x cm. 60 ed un foglio basta per creare un cappellino (foto n° 1).

Per prima cosa occorre ritagliare due cerchi del diametro di cm. 26 circa, quando il cartoncino non è abbastanza rigido. I due cerchi dovranno essere incollati in modo da creare una base tonda abbastanza rigida.

Prendete il rotolo di carta crespa e tagliate tre strisce lunghe cm. 45 ed alte rispettivamente cm. 18, cm. 14,5 e cm. 16,5 circa. Se si vuole dare l’aspetto più ricco al cappellino si può aumentare la lunghezza delle strisce di carta crespa tenendo presente che occorrerà maggiore carta. Un consiglio per l’acquisto di carta crespa è quello di scegliere i rotoli con l’indicazione delle strisce e non la carta crespa liscia senza nessun indicazione. Questo per essere agevolati nel taglio in lunghezza e non dover prendere le misure per fare le strisce di 45 cm. di lunghezza.

Prendete i cerchi che si saranno asciugati nel frattempo e posizionate la striscia di carta crespa alta cm. 16,5 a semicerchio come si vede nella foto n° 002 e pinzatela al cerchio di cartoncino, alle estremità. Sotto mettete un po’ di colla vinilica distribuendola con un pezzo di cartoncino di avanzo che farà da spatolina. Cercate di attaccare la carta crespa facendole fare delle pieghine e seguendo sempre la rotondità del cerchio di base. Per aiutarvi nel mantenere la simmetria potete segnare, con una matita, il diametro verticale e fare riferimento a questo quando posizionate la carta crespa e la cuffietta.
A questo punto mettete un peso sul pezzo per aiutare la colla a fare presa.
Dopo qualche minuto prendete un altro pezzo di carta crespa (quello alto cm. 14,5) e posizionatelo in modo da coprire quasi tutto il cartoncino (che sarà il retro del cappello) Per fare più in fretta potete pinzare la carta crespa al cartoncino in modo da fare una curva nella parte più bassa.

Prendete l’ultima striscia di carta crespa (quella più alta) e mettetela nell’altro lato del cerchio in cartoncino sempre cercando di darle rotondità e pinzandola ai lati. Anche per questa sarà sufficiente un po’ di colla vinilica per poterla incollare al cartoncino lasciando libere le estremità che verranno lavorate per dare movimento alla carta crespa.

Sempre sul lato “B” del cappellino, posizionate al centro dei nastrini e pinzateli al tondo di cartoncino. Incollate un nastro un po’ spesso coprendo i punti della pinzatrice (foto n° 003).

Tagliate una striscia dal cartoncino alta cm. 20 e lunga cm. 35 che sarà la cuffietta. Ripiegate i due bordi, da una parte in modo che ci sia una piega di cm. 1,5 e dall’altra un po’ più grande poiché si dovranno praticare dei tagli (come nella foto n° 004) in modo da poter incollare bene la striscia dandole la forma di una cuffietta.

Mettete della colla vinilica dietro le linguette e incollate questo pezzo al cerchio di cartoncino esercitando una certa pressione per un po’ di tempo. Per essere sicuri che questo pezzo non si stacchi, usate dello scotch. Lo scotch serve anche per coprire i punti metallici della pinzatrice che potrebbero essere pericolosi per le bimbe. (foto n° 005)

Per completare la cuffietta nell’interno, prendete un pezzo di stoffa che avete in casa (meglio se in cotone) e ritagliatelo della misura e forma adatta all’interno della cuffia. Per fare questa operazione potete appoggiare la stoffa all’interno e con un pennarellino indelebile o una semplice biro se la stoffa è in cotone, disegnare la forma adatta seguendo i bordi. (foto n° 006).

A questo punto incollate la stoffa al cartoncino con colla vinilica.

Lavorate quindi la carta crespa sui bordi per creare l’effetto ondulato.

Decorazione
Prendete un fiore di stoffa o anche i fiorellini delle bomboniere vecchie che avete in casa o un fiore di carta e del nastro.
Provate prima a posizionare la composizione sul cappellino, da un lato, e quindi procedete a fare scaldare la colla a caldo.
La colla a caldo è sempre utilissima per fare questi lavori ma non solo: a Natale potrete, con pochissima fatica, decorare i vostri pacchi regali e fare anche palline molto fantasiose per il vostro albero. Ve ne consiglio caldamente l’acquisto. Ovviamente se avete bimbi piccoli fate attenzione e mettetela a scaldare in un posto difficile da raggiungere perché la colla a caldo è davvero bollente quando esce liquida dalla pistola.

A questo punto incollate i fiori ed i nastri esercitando con attenzione una piccola pressione. La colla a caldo si rapprende molto velocemente e quindi fate questa operazione senza indugiare e, soprattutto siate precise poiché, una volta incollati i fiori ed i nastri, sarà difficile ripensarci.

Con i brillantini (a colla) potrete decorare ancora il vostro cappellino. Nelle foto potrete vedere degli esempi. Potete dare libero sfogo alla fantasia cercando sempre di abbinare colori che stanno bene fra loro (foto n° 007)

Come ultimo passaggio pinzate due nastri alle estremità della cuffietta che serviranno per legare il cappellino sotto il mento delle bimbe.

Vi consiglio ancora di fare particolare attenzione ai punti metallici e cercate sempre di coprire la parte in cui potrebbero essere pericolosi per eventuali ferite o graffi. Usate lo scotch oppure copriteli con i brillantini a colla.

Buon carnevale!!! E, vabbè che a Carnevale ogni scherzo vale, ma non esageriamo, però!

(p.s. mi riservo il diritto di pubblicare altrove questa mia pagina.)
Fotografie per Bricolage
  • Bricolage 001 - materiale - Bricolage
  • Bricolage 002 - praparazione retro - Bricolage
  • Bricolage 003 - retro cappellino - Bricolage
  • Bricolage 004 - preparazione cuffia - Bricolage
Bricolage 001 - materiale - Bricolage
Materiale occorrente
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
ajna1975

ajna1975

14.10.2012 11:04

eccellente

c19591959

c19591959

03.05.2012 11:41

eccezionale

nicola1985

nicola1985

21.03.2012 09:56

che bello,eccellente

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Bricolage è stata letta 2840 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (94%):
  1. ajna1975
  2. c19591959
  3. Rossella1978
e ancora altri 91 iscritti

"molto utile" per (6%):
  1. principessa40
  2. SarettaP85
  3. davide-priolo
e ancora altri 3 iscritti

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.