Canon EOS 40D

Immagini della community

Canon EOS 40D

con Obiettivo Intercambiabile - 10.5 Megapixel, 10.1 Megapixel - Zoom digitale: 1 x - senza Wi-Fi - Flash incorporato

> Vedi le caratteristiche

98% positiva

23 opinioni degli utenti

Opinione su "Canon EOS 40D"

pubblicata 26/09/2009 | promos
Iscritto da : 15/03/2002
Opinioni : 147
Fiducie ricevute : 92
Su di me :
Ottimo
Vantaggi è solo una mia opinione
Svantaggi appunto
molto utile
Risoluzione
Qualità video
Autonomia
Design:
Manuale d'uso

"C'ha pure un difetto. Forse vuol esser perfetta"

Ci sono attimi alle volte che a condensarli par di raccontare un film.
Gli ingredienti erano lì: l’imminente compleanno, il desiderio di possesso, di possedere l’oggetto che i più oggi definiscono “il migliore”….. Per farla breve oggi entro in un negozio di apparecchiature fotografiche. C’ero già stato altre volte, quasi un periodico pellegrinaggio, tanto che ormai, né i commessi né il titolare ci facevano caso al mio entrare. Ci si salutava e mi lasciavano in “contemplazione”. Il punto d’orizzonte dello sguardo sempre lo stesso: loro, le due di Nikon, al secolo D300 e D700.
La ragione, le parole, il tanto letto portava la pupilla verso quello scaffale mentre la coda dell’occhio, ed il cuore, volgevano furtivamente l’attenzione all’altro, quello Canon, opportunamente distante.

Ormai tutti i presenti soliti conoscevano il mio tormento: lasciare Canon dopo un rapporto fedele durato oltre vent’anni e passare a Nikon oppure……?

Oppure? Quali ragioni poteva opporre la ragione ad una scelta segnata nei fatti?

Oggi poi era un giorno particolare. L’imminente compleanno richiedeva gratificazione ma soprattutto il blocco della mia fedele 300D, che ieri, proprio ieri aveva deciso d’abbandonarmi nel più bello d’egli scatti d’una ricorrenza.

Nel negozio entrambe le Nikon mi attendevano, quasi superbe, consce della loro superiorità

Il prezzo della 700 era stato da tempo concordato. Un buon prezzo considerando la garanzia Nital e le offerte on line, un prezzo di poco sopra i minimi, quel tanto di differenza che nonostante ci sia ti fa pensare che, dopotutto, i tuoi soldi li puoi lasciar scorrere in Città anziché disperderli per la Nazione.

Si avvicina il commesso più anziano. Chiacchieriamo un poco della 7D che sta per arrivare. Anche lui ha perplessità sui 18 Mpx -“Però…chissà…”-. Anche lui usa Canon, anche lui sa della superiorità di Nikon. Però rimane fedele a Canon. Me lo dice senza usare parole, sperando forse che trovassi io un motivo, uno serio, per giustificare quella scelta.

Lei è lì, un po’ appartata, come un’invitata ad una festa che si è accorta all’ultimo momento di avere una calza smagliata, o che il suo vestito non è più alla moda e certo non può competere con quello delle reginette del ballo. Lei è lì, sobria. Sa di non essere la più bella e nemmeno la migliore, sa che la puoi guardare solo se ti accorgi che dietro il suo carattere discreto promette di …..mettercela tutta. “Non sono la migliore – pare ammettere – ma sono qui per fare, docile, il mio lavoro” E par dirtelo con un peso rassicurante ma non affaticante, con quel suo modo semplice, intuitivo diresti, di assecondati mentre inquadri e scatti. La D40, una delle ultime, delle sopravvissute, non si esibiva in nulla, disposta a concedersi solo a chi ne coglieva l’intimo carattere fuori da numeri di catalogo e lustrini.

Il commesso apertamente tifa per lei, disposto pure a perdere una vendita ben più remunerativa. O forse tifa per sé, per quella parte del suo cuore che lo tiene fedele per i suoi scatti personali, a quel logo rosso che campeggia sulla scatola.

Mi fa un prezzo che non mi impressiona, simile a quello che internet lancia di questi tempi.

Ne parlo col titolare del negozio. Sorride. Non so se per l’idea di separarsi da una delle ultime 40D oi perché mi considera ormai un caso umano. Senza che io lo chieda prende il prezzo tracciato su carta dal suo commesso e lo corregge al ribasso di quasi il 10%. Ora è allineato ai minimi storici.

Lo guardo e poi, quasi ipnotizzato dico –“La prendo”- “fanculo – penso fra me - alla superiorità vera o presunta dell’altro Marchio, e poi con la 7D par che Canon sia tornata sulla giusta via….e magari con la prossima ff……che poi dovesse mancare il fuoco in qualche scatto….fanculo”, me lo guarderò col cuore quello sfocato e, sono certo, sorriderò ripensando ad oggi.


Ora che ciò che ho scritto serva a qualcuno per decidere d’acquistare questa macchina che, detto per inciso, è da poco uscita di produzione, mi par quasi inverosimile. Cercherò allora di dare un senso, come dire…., più tecnico a questa mia presenza qui. E sarò prolisso, lo dico subito, per scansar gli equivoci, chè nel “meno” non ci sta anche il più, ma solo la sua abbreviazione.

E se vogliamo esser tecnici dobbiamo esserlo fino in fondo e analizzare le cose, e capirle bene. Come tutto nella vita, infondo.

Bene sgombriamo il campo dagli equivoci, il listino CANON si compone di macchien cosiddette entry level denominate rispettivamente 1000D e 450/500D. Per comodità e gergo tecnico le denomineremo xxxD e xxxD, dove le x denotano il numero di cifre prima della D.

Salendo di categoria i numeri…scendono. Le centinaia lasciano il posto alle decine, ecco quindi 40D (da poco uscita di listino) e 50D, ed infine al vertice, la cifra diventa unità 1D, 1Ds, 5D, e da pochissimo anche 7D
La presenza di una sigla MkII o III indica l’aggiornamento del progetto iniziale. Attualmente con la 5D siamo giunti alla serie MkII e con la 1 alla MkIII

Fine delle chiacchiere introduttive.

Orbene dalla 1000D alla 1DMkIII tutti questi corpi macchina fanno le stesse foto. Pressappoco. Cosa cambia fra i vari modelli? Nulla se intendiamo una macchina fotografica come un qualcosa da prendere, inquadrare e poi scattare, un mondo se intendiamo fare della fotografia un hobby o magari una professione.

Siamo nel mondo delle macchine fotografiche reflex, quelle cioè che permettono l’intercambiabilità delle ottiche e che pertanto, a mio avviso, solo se si ha davvero l’intenzione di dotarsi di un parco lenti “specializzato”, adatto cioè a farci riprendere al meglio i nostri soggetti preferiti, ha senso acquistare. Oggi in commercio esistono innumerevoli modelli di fotocamere compatte capaci di risultati di tutto rispetto. Sono più leggere, maneggevoli, usabili e spesso offrono risultati comparabili con le migliori reflex quando utilizzate per foto ricordo.

Spesso anche fra appassionati, si leggono e sentono discussioni del tipo: perché comperare una serie XD rispetto ad una più economica XXD? Da un punto di vista delle prestazioni i numeri combaciano, anzi, guardando bene le più recenti XXD addirittura superano in alcuni parametri, le XD, soprattutto quelle della passata generazione, come la 40D.

Poi le prendi in mano e….il mondo cambia. Voglio dire, rispetto tutti, soprattutto chi fa scelte differenti, però se è vero che un corpo macchina non fa di per se foto migliori rispetto ad un altro, è pur vero che aiuta il fotografo a farle meglio.

La serie XD rispetto alla XXD è così: più grande, più robusta e anche più pesante, più (ma è la mia sensazione personale) ergonomica.

E’ più grande, qualche centimetro in più, non si parla d’altro, ma quelli sufficienti a farmi sentire più padrone della situazione, quel tanto che basta ad appagare la presa.

E’ più robusta, ha un corpo in lega di magnesio, non in plastica. L’otturatore testato per 100.000 scatti. E’ più pesante e con questo aiuta a bilanciare meglio il peso delle ottiche montate che quando sono di qualità, si fanno sentire.

Ha il doppio rotellone posteriore, un sistema semplice che lascia a portata di pollice una serie di funzioni semplici da impostare e controllare mentre si inquadra.

Insomma, un altro modo di fotografare che sarà apprezzato soprattutto da chi utilizza una reflex in profondità, usando cioè delle varie possibilità di controllo dell’immagine e dell’esposizione. Chi vuole inquadrare e poi scattare e via se ne tenga alla larga.

L’autofocus è molto buono, ottimo il punto di autofocus centrale, buoni gli altri, con la doppia possibilità di selezione durante la ripresa sia tramite ghiera superiore che joystick posteriore. Buona è la resa agli alti iso fino agli 800. una grana compatta che mi ha molto ricordato quella della pellicola.

Ha un difetto: un monitor con risoluzione e luminosità davvero misere, ma pazienza. Conoscete il detto? “per essere perfetta le manca solo un difetto”. Bene lei ce l’ha. Forse aspira alla perfezione..

Non entro nella diatriba sul totale dei Megapixel, per me, per i miei gusti e scopi i suoi 10 sono sufficienti, altri hanno esigenze differenti.

Il modello che l’ha sostituita nel catalogo Canon, la 50D, oltre al numero di pixel notevolmente maggiore (con i suoi pro ma anche i suoi contro) ha due vantaggi considerevoli: un monito posteriore molto più definito ed una finezza tecnica: la possibilità di tarare direttamente sulla macchina eventuali anomalie dell’autofocus delle ottiche, evento più frequente di quanto si possa immaginare.

Detto questo, ha senso oggi acquistare questa macchina? Direi di si se sussistono due condizioni. La prima è che la si trovi ad un prezzo inferiore ai 700,00 euro (si si, avete letto bene), la seconda è che si intenda tenerla a lungo e quindi sfruttarla, diversamente la sua intrinseca robustezza passa in secondo piano rispetto alle performances permesse dalle più economiche xxxD.

La mia è stata una scelta del cuore e, come si sa, quello è un “organo” a cui non si comanda.


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 1756 volte e valutata
69% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • hidrangea pubblicata 27/09/2009
    Ripassata !
  • Inti pubblicata 27/09/2009
    Ottima, ciao!
  • sabbiaevento pubblicata 27/09/2009
    Ma guarda chi si legge!! Piacere ritrovare il tuo ottimo, ineguagliabile stile!
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Canon EOS 40D

Descrizione del fabbricante del prodotto

con Obiettivo Intercambiabile - 10.5 Megapixel, 10.1 Megapixel - Zoom digitale: 1 x - senza Wi-Fi - Flash incorporato

Caratteristiche Tecniche

Marca: Canon

Reflex/Compatta: Reflex

Pixel effettivi (megapixel): 1.01E-5

Pixel massimi (megapixel): 10.5, 10.1

Risoluzione orizzontale foto (pixel): 3888

Risoluzione verticale foto (pixel): 2592

Tipo di chip: CMOS

Dimensione sensore: 22.2 x 14.8 mm

Zoom digitale: 1

Lente intercambiabile: con Obiettivo Intercambiabile

Autofocus: con Autofocus

Anti vibrazione: No

Tipo di mirino: Mirino Ottico-Elettronico LCD, Optical Viewfinder

Dimensioni monitor LCD: 3

Risoluzione display (pixel): 230000

Flash incorporato: Flash incorporato

Registratore video/voce: No

Bluetooth: No

PictBridge: Si, S?

WiFi: senza Wi-Fi

Tipo di memoria: Interna e Esterna, CompactFlash type I; CompactFlash type II

Compact flash card: Si, S?

Multimedia card: No

Multimedia card di ridotte dimensioni: No

Smart media card: No

XD card: No

Secure digital card: senza Secure digital card

Mini secure digital card: No

Secure Digital High Capacity Card (SDHC): No

Micro drive: Si, S?

Memory stick / memory stick pro: No

Memory stick duo / memory stick duo pro: No

microSD/TransFlash Card: No

Serial Shot Mode: Si, S?

Formato RAW: Si, S?

Velocità minima otturatore: 1/8000s

Velocità massima otturatore: 30s

Tipo di batteria: Canon BP 511/512/514

Larghezza (mm): 145.5

Altezza (mm): 107.8

Profondità (mm): 73.5

Peso (g): 740

Sensore Ottico/Tipo: CMOS

Funzione Face Recognition: No

Colore: Nero

EAN: 4960999530093, 8714574508757

SDXC card: No

Priorità apertura: S?

Priorità otturatore: S?

Velocità  minima otturatore: 1/8000

Velocità  massima otturatore: 30

3D: No

Modulo GPS Integrato: No

Touchscreen: No

Ciao

Su Ciao da: 26/09/2007