Castelli del ducato di Parma e Piacenza

Immagini della community

Castelli del ducato di Parma e Piacenza

> Vedi le caratteristiche

95% positiva

4 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Castelli del ducato di Parma e Piacenza"

pubblicata 17/05/2007 | rossoferrari74
Iscritto da : 30/11/-0001
Opinioni : 13
Fiducie ricevute : 0
Su di me :
Ottimo
Vantaggi sono rappresentativi della storia delle città
Svantaggi molto distanti tra loro
molto utile
Collocazione
Interesse

"un pò di turismo tra le colline..."

"il ducato di Parma e Piacenza nasce per mano di Napoleone nel ..., i Farnese subentrano e prendono possesso delle terre per mano di ..." se fossimo a scuola è grosso modo così che dovrei iniziare a raccontarvi la storia della terra in cui sono nata.
Purtroppo non li conosco tutti ma voglio comunque tentare di farvi apprezzare queste zone appartenenti a città richiamate dai media per fatti di cronaca poco mondana.

Intanto un pò di numeri: i castelli del ducato sono ben 20 di cui 11 appartenenti alla città di Parma:
fortezza di Bardi, Reggia di Colorno, Castello di Compiano, Castello di Felino, Rocca di Sanvitale di Fontanellato, Castello di Montecharugolo, Castello di Roccabianca, Rocca di Sala Baganza,Rocca dei Rossi di San Secondo, Rocca Meli Lupi di Soragna e Castello di Torrechiara.
9 appartengono alla città di Piacenza: Rocca e Castello di Agazzano, Rocca Viscontea di Castell'Arquato, Castello di Grazzano Visconti, Castello di Gropparello, Rocca d'Olgisio, Castello di Paderna, Castello di Rivalta, CAstello di San Pietro in Cerro, Mastio e Borgo di Vigoleno.

Questi sono i castelli visitabili delle nostre colline, anche se il territorio in realtà sarebbe ben più ricco di strutture antiche che nel tempo sono state adibite ad altri usi, come sedi comunali, o abbandonate a se stesse.

Tra i castelli della provincia di Piacenza la Rocca Viscontea di Castell'Arquato negli anni ha richiamato a se molte attenzioni.
Per arrivare al paese si percorre una strada moderna, abbastanza dritta, su per le colline per arrivare ad un'ingresso decisamente poco medioevale. Parcheggiata l'auto si salgono le scalinate per arrivare al borgo antico e nella piazza del paese, in cui sono concentrate il castello, l'antica chiesa e un piccolo museo.
Se volete gustare la cucina tipica piacentina, potete approfittare dei due ristoranti situati nella piazza, di cui uno con terrazza affacciata sul panorama della valle.
Una piccola curiosità: ricordate le scene finali di Lady Hawk? l'antica chiesa,il borgo e le strutture medioevali che si vedono sono della Rocca di Castell'Arquato.

Un'altro castello originale è quello di Grazzano Visconti. Il borgo è molto conosciuto specialmente tra gli abitanti lombardi, molto caratteristico e reale, ma purtroppo ricostruito nel dopo guerra. Nonostante questo è estremamente fedele al prima della guerra, fontane, ponticelli, portici...con gli anni si è reso tutto molto turistico e durante il periodo trovate persone in costume tipico. E' meta di molte coppie di sposi per le foto di rito, ma l'unica struttura originale rimane il castello per cui vi consiglio solo di andarci nei periodi in cui è visitabile.
Se volete fare una breve fermata a cinque minuti dal borgo vi consiglio di visitare la chiesa di Maiano intitolata a SS Ippolito e Cassiano; conosciuta nella valle per l'affresco originale della S. Maria delle Grazie soppravvissuta ai bombardamenti della guerra. Famosa anche per aver dato ristoro ai viandanti che passavano da lì. Se pensate di trattenervi per il pranzo, potete considerare di uscire dal borgo e andare in altri ristoranti un pò più economici, uno dei quali l'Olimpia di cui vi ho già parlato nell'altra opinione.

Per fare rivivere l'atmosfera medioevale in ciascun castello sono periodicamente organizzate manifestazione e incontri a scopo cultura sia per le scuole che per i turisti in particolare in quelli del piacentino a Gropparello hanno creato il parco delle fiabe, dove le scolaresche vanno molto spesso, a Grazzano Visconti in periodi diversi vengono organizzati il corteo storico con gara di cavalli e la cena. In quelli del parmense vengono organizzati diversi laboratori con attività didattiche che includono la lavorazione della ceramica e della carta.
Ci vorrebbe una pagina enorme per raccontarvi la storia di ogni castello e le attività presenti, per cui se siete curiosi non posso che lasciarvi questo sito www.castellidelducato.it in cui trovate i numeri a cui chiedere aiuto per organizzare un week end, compreso il vitto e alloggio; per non dimenticare che Parma è la terra del culatello e Piacenza invece ha il gutturnio e la coppa.

I telefoni 0521 829055 e 8232212 fax 0521 823246
oppure info@castellidelducato.it
..........

........................
e se passate a Bardi attenzione al fantasma.


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 1996 volte e valutata
92% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • aureliop pubblicata 17/07/2007
    ottima segnalazione
  • tartarughella pubblicata 16/07/2007
    Buone informazioni.
  • albodoro pubblicata 05/06/2007
    molto interessante, la prossima volta che capito in zona, non mancherò di visitarli.
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Castelli del ducato di Parma e Piacenza

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 18/04/2007