Opinione su

Come allevare e accudire un drago (Joseph Nigg)

Valutazione complessiva (1): Valutazione complessiva Come allevare e accudire un drago (Joseph Nigg)

 

Tutte le opinioni su Come allevare e accudire un drago (Joseph Nigg)

 Scrivi la tua opinione


 


Veri amanti draghi, cercansi!

5  08.01.2008

Vantaggi:
Reale mescolato a fantastico .

Svantaggi:
Sguardo spesso d'insieme, non approfondito .

Consiglio il prodotto: Sì 

gategate

Su di me: Esiste un prodotto per eliminare la polvere dalle opinioni? :-P

Iscritto da:20.07.2004

Opinioni:512

Fiducie ricevute:835

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata Eccellente da 88 utenti Ciao

Un libro particolare... titolo emblematico. Avrei potuto resistere alla tentazione e non acquistarlo? :-D
Si parte! Che la "missione Drago" abbia inizio.

(<0>) UN DRAGO IN CASA... IN CINQUE MOSSE
Il libro si presenta come una vera e propria guida.
Prima domanda, cui dare risposta: "Perché possedere un drago?". E' necessario, naturalmente, conoscere ciò a cui si va incontro: le caratteristiche di questi animali, la loro classificazione, le ragioni che spingono le persone ad occuparsi di un drago, le spese ed i pericoli che questo comporta. Un test finale, in 8 punti, consente di verificare il possesso dei requisiti necessari.
Si passa quindi alle "Razze di draghi", per procedere nella conoscenza di questi animali: dal loro albero genealogico alle varie tipologie che popolano ogni angolo della Terra. Si ammirano, ovviamente, le loro immagini, e si espongono le loro caratteristiche, la storia, l'ìndole, le qualità particolari, le abitudini, le cure che richiedono. Giunti al termine di questa panoramica, se ancora non si fosse presa una decisione, una tabella favorirà la scelta: ma ci si trova già all'inizio della sezione successiva, la più corposa del volume, ovvero...
"Allevare il Drago perfetto". Essenziale la scelta del nome, oggetto di approvazione e registrazione presso il CMD (Club Mondiale dei Draghi), da effettuare con oculatezza, dato che si tratta di creature con un'aspettativa di vita di centinaia di anni. Il facsimile del modulo necessario, con le relative istruzioni, è presente nel volume. Espletate le formalità, si deve decidere se partire dalle origini, ovvero acquistare un uovo, o se occuparsi di un cucciolo o di un adulto, in miniatura (ne parlerò in seguito) o di dimensioni normali. Vengono fornite indicazioni sul trasporto e sull'habitat interno ed esterno da predisporre per accogliere l'animale. Ovviamente, le esigenze variano a seconda della razza del Drago. Si conclude con cenni generali sulla comunicazione tra uomo e animale (non è facile capire un rettile!), indicazioni sul cibo e varie domande sulla salute e l'igiene, cui l'autore risponde.
La quarta parte insegna ad "Addestrare un Drago". Decisamente più difficile del lavoro richiesto da un cane o da un cavallo, ma i principi di base sono sempre validi. L'animale va abituato a collare e guinzaglio, con dolcezza e pazienza; in seguito si procede ad insegnargli vari comandi, gratificando gli sforzi ed i successi con leccornie (le tortine al miele sono i loro dolci preferiti! Anche a me non dispiacciono... :-D). Si conclude con i primi rudimenti per cavalcare, operazione che richiede istruzioni diverse a seconda che si abbia a che fare con un Drago Terrestre, Acquatico o Volante (molto particolare il comportamento da tenere con i Draghi Asiatici).
Siamo al finale. Drago cresciuto ed addestrato... Sarebbe un vero peccato fargli passare la vita rinchiuso in un recinto! Ecco quindi come "Presentare un Drago". Un Drago può fungere da modello, mettersi in posa, per stemmi araldici o per semplice oggettistica. Oppure partecipare ad esposizioni e concorsi.
Il volume si conclude fornendo una serie di indirizzi di allevatori e negozi specializzati in attrezzature per Draghi, la nutrita bibliografia, l'indice analitico ed i ringraziamenti dell'autore.

(<0>) UN ANTICO TESTO
Chi ha ideato questo volume meriterebbe una medaglia (crepi l'avarizia!). E' pensato come un antico

Fotografie per Come allevare e accudire un drago (Joseph Nigg)
  • Come allevare e accudire un drago (Joseph Nigg) Fotografia 6393335 tb
  • Come allevare e accudire un drago (Joseph Nigg) Fotografia 6393336 tb
  • Come allevare e accudire un drago (Joseph Nigg) Fotografia 6393337 tb
  • Come allevare e accudire un drago (Joseph Nigg) Fotografia 6393338 tb
Come allevare e accudire un drago (Joseph Nigg) Fotografia 6393335 tb
1
testo, quindi copertina pesante, che reca il disegno dei legacci che la uniscono alle pagine. Pagine di una carta molto spessa, con un fondo ocra che fa pensare all'usura del tempo. E, altra finezza, con il bordo leggermente frastagliato.
La copertina robusta permette anche una chicca: l'occhio del drago è costituito da una piccola pietra (ovviamente falsa... :-D), sfaccettata, che regala dei bei riflessi a seconda della provenienza della luce che l'accarezza.
Stupisce anche il costo. "Solo" 12,90 Euro per 130 pagine (per dovere di cronaca, ho trovato in Rete una versione venduta in Olanda, identica, a 9.95 Euro!). Può dipendere dal fatto che è stato stampato in Cina... Vi sono, comunque, libri, molto meno curati esteticamente e con una scelta peggiore di materiali, a prezzi decisamente superiori. L'edizione italiana è del 2007, Casa Editrice Il Castello: quella originale dell'anno precedente.

... trovato! A pagina 74, tra le parole in grassetto, si legge "consevare" al posto di "conservare"! Dirò di più. Pagina 18. Preventivo di costruzione per dimora, recinzione e capanno che Topsell richiese per il suo Drago: allora... 20.000 Euro, 3.000 (gasp!) e poi... i punti diventano virgole nelle quattro cifre successive. Totale 59 Euro. Wow, tutti possono tenere un Drago. No, gli Euro sono 59.000, la colpa è della virgola. Acc!
Aquilotto colpisce ancora, voi abbiate pietà e non lanciatemi nulla. :-D

(<0>) AUTORI
Il libro è attribuito a John Topsell, che si presenta nell'introduzione. L'Editore dichiara di aver faticato, mesi di corrispondenza, per convincerlo a pubblicare questo manuale. Probabilmente è un po' restio a rivelare i suoi segreti... :-D
Racconta di essersi ispirato al volume di un antenato, il naturalista Edward Topsell, "La historia dei serpenti" (1608): testo realmente esistente, del quale sono riprodotti stralci nelle pagine da 13 a 15. La sua lettura fece prima nascere e poi alimentò, nel giovane John, l'amore per questi animali. Topsell ne approfitta per confutare un'affermazione errata di uno scrittore concorrente... che non è nemmeno il caso di menzionare... :-D
Dietro questo pseudonimo si cela, in realtà Joseph Nigg, già professore universitario, ora dedito totalmente alla scrittura. Il cui interesse per le creature fantastiche si è espresso nei numerosi libri pubblicati: il primo, risalente al 1982, trattava di grifoni. Temo che in Italia sia stata tradotta solo la sua opera più recente, quella di cui sto appunto trattando.
Il libro omette, purtroppo, la presentazione del coautore, Dan (Daniel) Malone, al quale si devono le splendide illustrazioni (copertina esclusa, appannaggio di Niroot Puttapipat, disegnatore di origine thailandese). In Rete risulta famoso come games designer.

(<0>) ALCUNE CURIOSITA'
Problemi di spazio? Non è una buona scusa per non occuparsi di un drago! Gli allevatori, infatti, selezionano dei Draghi in miniatura, di dimensioni ridotte (tipo dei bonsai!). Naturalmente la spesa per il mantenimento di questi animali è molto più elevata di quella richiesta da un cane o da un gatto.

A pagina 47, curiosamente relegate in un angolo, quasi si trattasse di un argomento incidentale all'interno della descrizione del Drago Occidentale, si trovano alcune righe da non perdere: il dottor Nels Erikson spiega l'origine del fuoco, emesso dalle fauci di questi animali. Non si tratta di ipotesi campate in aria (anche se ovviamente sono fantasiose), viene citata l'esistenza in natura dell'insetto bombardiere, in grado di emettere gas alla temperatura dell'acqua bollente.

Rowena Casa del Drago, la femmina di Drago Occidentale Standard, che vive con Topsell, proviene dall'allevamento Casa del Drago, che si trova a Castelmagno, Corte dell'Araldo, in provincia di Cuneo. Chi può dare un'occhiata? :-D

Curiosa l'avvertenza posta a pagina 4, non so quanto sia ironica: l'Editore ricorda che si tratta di un'opera di fantasia (purtroppo, aggiungerei io) e declina qualsiasi responsabilità per un uso improprio del libro: vale a dire che sarebbe stato sfiorato dalla preoccupazione che qualcuno applichi i sistemi per allevare un Drago a qualche altro tipo di cucciolo? Mah...

(<0>) CONSIDERAZIONI E CONCLUSIONI
Inizio subito con il confutare il primo pensiero che, probabilmente, nasce, di fronte a questo libro: che si tratti di un volume dedicato ai bambini. E' l'impressione che se ne può ricavare sfogliandolo velocemente: tante immagini che costringono quasi il testo a farsi da parte, a riempire gli spazi lasciati liberi. Eppure... si provi a leggere. Arrivato a pagina 14, ho dovuto riporre il volume: si incontra la classificazione dei draghi in 16 righe, quella di Edward Topsell! Nomi e caratteristiche, come un vero trattato scientifico. Impossibili da ricordare, a meno che non si compia uno sforzo mnemonico non indifferente. A tal proposito, proporre un glossario dei termini non sarebbe stata una cattiva idea.
Se manca vera passione, sommersi da questa mole di informazioni concentrate, il libro viene abbandonato (tranquilli, io l'ho ripreso! :-D). Ovviamente non tutto il testo è esposto in questa maniera, vi sono punti più leggeri, anzi questo rappresenta probabilmente lo scoglio più duro. Non credo che un bambino supererebbe questo passo, però, ed i successivi. Si limiterebbe, probabilmente, a dare una scorsa alle figure.
Leggere di draghi significa compiere un affascinante viaggio nella storia e nella mitologia, dalla preistoria fino al Medioevo, dai miti babilonesi alle leggende della tribù degli Algonchini. Interessante (ma fin troppo rapido) il capitolo dedicato ai Draghi nell'araldica.
Divertendosi a fantasticare, qualche cosa si impara...

I draghi, in questo libro, sono presentati come animali a tutti gli effetti, nessun contatto telepatico (in stile Eragon), nè, men che meno, la possibilità che comprendano il linguaggio umano: sono sensibili ai gesti ed ai toni della voce. Si tratta di rettili, e hanno tutte le caratteristiche della categoria.
Il libro fornisce istruzioni in gran parte valide per chiunque decida di entrare in contatto con un qualsiasi animale, anche se, ovviamente, le indicazioni più specifiche non si adattano a cani e gatti. E per questo propone grandi valori. I draghi vanno avvicinati con il dovuto rispetto, considerando anche la pericolosità legata ad alcune razze ed alle dimensioni: il primo passo è la conquista della loro fiducia, che si ottiene con modi e metodo appropriati, ma soprattutto con infinita pazienza. Nessuna forzatura o costrizione, tutto deve essere graduale, per non innervosire l'animale. Risultati positivi non sono affatto certi. In definitiva, si tratta di un processo che educa non solo il Drago, ma anche l'uomo.

Nigg, sotto lo pseudonimo di Topsell, descrive un mondo in cui la presenza dei Draghi non ha nulla di straordinario: ed è il nostro mondo, circolano gli Euro (ricordo il preventivo di cui sopra), si citano città reali. Viene voglia di abbonarsi alla rivista "Tutto Drago" e al catalogo postale di articoli per Draghi "DragonMarket" (sì, è proprio la parodia di "quello" :-D: ne vengono riprodotte un paio di pagine).
La visione è probabilmente troppo idealizzata: non si calca la mano sui problemi che i Draghi possono causare, gli incidenti (pagina 18)... Topsell, impegnato nel tagliare le unghie, per la prima volta, al suo Drago (pagina 89), venne ferito: una cicatrice percorre, oggi, tutto il suo braccio sinistro... Ma che volete che sia? E' stato un semplice riflesso involontario... La convivenza tra uomini e Draghi non è sempre stata pacifica, si accenna, ma appunto si tratta solo di un accenno, a famosi "Draghi-killer" del passato. Sono creature umorali, dalle reazioni imprevedibili. Certo, nessuno chiede descrizioni di spargimenti di sangue, ma minimizzare la questione rende il testo meno realistico e credibile.
Tutto sommato, però, siamo nel regno della fantasia. Se non si crede che, almeno in quell'ambito, i problemi non esistano...

Un'altra critica al volume (ad essere pignoli)? L'eccessivo schematismo, derivante dalla volontà di presentarsi come manuale: cinque sezioni, ulteriormente suddivise per argomenti, trattati in poche pagine (solitamente due). Questo rende l'opera ideale per chi abbia poco tempo da dedicare alla lettura, mancando lo sviluppo di una trama ed essendo i singoli temi presentati e conclusi in breve spazio. Tuttavia, il metodo ordinato nell'esposizione si contrappone al modo in cui sono organizzate le pagine, divertente e senza regole. In definitiva: manuale sui generis.

Ed io, quale drago sceglierò? Difficile a dirsi. Preferire l'eleganza del Drago Asiatico o i sette colori del Serpente Arcobaleno? Il più facile da allevare pare il Drago Marino, è sufficiente allocarlo in un lago e non disturba nessuno. Per le dimensioni, si torna al Drago Asiatico, considerando la sua capacità di variarle a suo piacimento (da un minuscolo baco da seta fino a toccare il cielo...). Per il suo buon carattere, mi attrae il Mushussu, con antenati babilonesi. Certo però che farebbe comodo la saggezza di un Dragone...
Essendo l'unico che ho nominato due volte, ho deciso: alleverò e addestrerò un Drago Asiatico! Impresa ardua, dato che nascono e sono già adulti. Saprò conquistare la sua fiducia? Suppongo che la cura del Drago mi terrà un po' occupato nei prossimi mesi... :-D Voglio provare a cavalcarlo e volare: chissà se ci riuscirò. Certo, il metodo Sinbad sarà anche più sicuro, ma ... In che cosa consiste? Eh, no! Rispolverate le "Mille e una notte" oppure correte a pagina 105! :-D

"Non è consigliabile chiamare il vostro Drago con il nome di un parente vivo, che si potrebbe offendere (anche se in realtà dovrebbe esserne onorato)."



Per le immagini,
© Quarto Publishing plc, Il Castello srl (1 e 2)
© Quarto Publishing plc, Librero (3,4,5)

1 - Copertina, in cui un Drago Occidentale Standard stringe tra gli artigli una coppa, dopo una probabile vittoria ad un'Esposizione. Gli spaghi, i graffi e le pieghe sono rigorosamente disegnati.
2 - Anche il retro merita la visione. Intrigante la presentazione. Notare la coda, che appartiene al Drago in copertina. :-D
3,4,5 - Pagine interne, dall'edizione olandese. Rappresentano, rispettivamente, la scheda del Serpente Arcobaleno, le pagine in cui si sceglie la Razza, il linguaggio del corpo.
6 - Cover dell'opera dell'antenato, il naturalista Edward Topsell...
7 - ... e immagine di un Anfittero, Drago con grandi ali, privo di zampe, tratta dalla stessa opera, riprodotta anche nel volume di John Topsell (pagina 14).
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
123paolocesare

123paolocesare

30.01.2011 20:47

veramente insolito questo libro....mi aggiungo alla lista dei possibili allevatori....

Reed

Reed

10.11.2010 22:10

lettura particolare, anche io vorrei allevare un drago ^____________^

christie

christie

18.03.2008 19:27

Un libro davvero curioso! Auguri per l'allevamento del Drago Asiatico! ;)) Ciao

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Come allevare e accudire un drago (Joseph Nigg) è stata letta 6114 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (83%):
  1. 123paolocesare
  2. Reed
  3. christie
e ancora altri 98 iscritti

"molto utile" per (17%):
  1. ddraghetto
  2. ZAQXSWCDE
  3. Dia86
e ancora altri 17 iscritti

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.
Prodotti interessanti per te
Enciclopedia delle piante da appartamento (Dorte Nissen) Enciclopedia delle piante da appartamento (Dorte Nissen)
Collana: Giardinaggio
Questo prodotto non è ancora stato recensito. Valutalo ora
Acquista a soli € 20,23
Guida completa alla potatura delle piante (Steve Bradley) Guida completa alla potatura delle piante (Steve Bradley)
Collana: Giardinaggio
Questo prodotto non è ancora stato recensito. Valutalo ora
Acquista a soli € 14,26
Il grande libro del giardinaggio Il grande libro del giardinaggio
Collana: Giardinaggio
Questo prodotto non è ancora stato recensito. Valutalo ora
Acquista a soli € 14,93
Risultati simili a Come allevare e accudire un drago (Joseph Nigg)