Con la  R

Immagini della community

Con la R

> Vedi le caratteristiche

75% positiva

1098 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Con la R"

pubblicata 01/04/2015 | ConLui
Iscritto da : 30/08/2011
Opinioni : 43
Fiducie ricevute : 155
Su di me :
Passo solo per un saluto. La pausa non è ancora finita ma cercherò di tornare presto e recuperare un pò di letture. Buon tutto!!
Soddisfacente
Vantaggi ?
Svantaggi ?
Eccellente

"Riunioni pericolose (attenzione: bollino rosso!)"

In questi incontri ci sono i brav’uomini che fuori prometterebbero amore, tenerezza e attenzione. Ce ne sono davvero molti.
Ma altri, più onesti, ammettono, con coraggio e faccia tosta, che vogliono solo ottenere il tuo corpo, fare sesso con te. Questi li ammiri di più, sono quantomeno leali.
Questo ad una bella signora come te, capita spesso. E capitano di entrambi i tipi.

Il fatto che tu sia sposata non conta nulla per loro. In fondo sia i primi, che fanno i delicati e amorevoli, pronti a tutto per te, sia i secondi che invece trattano te, e gli argomenti connessi, in maniera ben più franca e veritiera, in fondo non si curano di cosa può accadere ad una donna che tradisce il proprio marito e torna a casa con addosso l’odore acre di sperma che ancora la riempie. E non vede l’ora di farsi una doccia per sentirsi quantomeno più pulita fuori. Non certo dentro.

Il fatto che rischi gli incubi notturni che ti riportano in mente quel primo pomeriggio folle, nato per gioco e finito in una bolgia, o meglio definirla orgia, poco conta per loro e pian piano anche per te diventa diverso e sempre più accettabile.

Perché un’amica ti faceva sentire diversa e fuori dalla normalità. “Impossibile che tu non l’abbia mai provato” diceva. “Ho degli amici giusti. Un giorno ti porto ma stai serena, se non ti va lasci perdere e vai via”.

Si, come no! Prova a lasciar perdere quando tre o quattro uomini infuocati, col membro dritto e duro sono attorno a te e non vedono l’ora di metterlo dappertutto e non sanno più controllarsi.
E poi ammettiamolo pure. In fondo anche tu sei partita.

È già di per sé difficile resistere alle tentazioni mentali. Ma quando le pelli si sfiorano, gli odori e gli umori si mescolano, quando l’adrenalina sale a mille e sentirsi così fortemente posseduta e violata in ogni angolo nascosto del proprio corpo da un senso di "un viaggio folle a velocità incontrollata", allora tutto è più complicato, sorge una sorta di stato di lucidità appannata come fosse effetto di una droga leggera e piacevole. E sentirti umida, poi bagnata e sempre più eccitata ti porta a non poterti più fermare.
E scatta anche la voglia di esagerare. “Ma si, in fondo, si. Ormai che ci sono inutile tirarsi indietro prendiamo tutto e di più”.

Qualcuno dei tuoi amici e delle tue amiche più “di mondo” ti avevano detto spesso che farsi penetrare contemporaneamente da due uomini è qualcosa di fantastico e sconvolgente.
“Allora dateci dentro” pensi “ sfondatemi pure, davanti e dietro. E venite, fatemi mille docce, davanti, dietro, sulle tette, in bocca, nei capelli, dappertutto. Schiavizzatemi pure”.
Questi, assieme ad altri impronunciabili, sono i pensieri che ti prendono ma anche le frasi che inizi a dire sempre più frequentemente.

La tua amica sapeva bene che non saresti andata via, anzi…
Lei ormai è esperta e sa bene che una volta partiti non ci si ferma più. E sa proprio bene anche un’altra cosa: dopo il rigetto dei primi giorni, dopo la prima volta. Dopo il sudiciume che ti senti addosso al rientro a casa, dopo la prima volta, è molto probabile che vorrai riprovare le stesse intense sensazioni e ci tornerai.
E poi di nuovo e di nuovo ancora. Fino a quando? Fino alla nausea.

Quando vomiterai per aver superato eccessi indicibili, allora forse ci sarà il rigetto contrario e riuscirai a smettere.
E nel frattempo?

Paure e sensi di colpa che perdono apertamente la loro partita rispetto al desiderio di rifarlo.
Masturbazioni nascoste nella tua camera da letto, con tuo marito che ti dorme accanto, mentre pensi a quei membri così forti e vigorosi che si infilano in te ripetutamente e dappertutto, senza lasciarti fiato.
Sei un corpo fatto per dare piacere. Bellissima. Questo è certo. Allora non dare solamente ma prenditene anche.
E così sarà per un bel po’.

E fra quelli che si alternano a queste riunioni di piacere senza limiti ci sono sia i primi, gli amorevoli e teneri, sia i secondi, le facce toste. Ma entrambi i tipi, iniziato il gioco diventano uguali. Vogliono sottometterti ai loro piaceri e tu, più ti senti loro schiava, più godi.
E dopo le prime tre o quattro riunioni, capisci che tuo marito non ti ha mai fatto godere in maniera così forte ed esagerata.
Il senso di colpa continua ancora ma tu non resisti più e non puoi più dire di no.

Ed ora la tua amica ha nuovi consigli e parole buone. “Vedrai che prima o poi ti verrà voglia di lasciar perdere per sempre e non verrai più qui. Ma intanto non perderti questi momenti. Sei fortunata a poterli vivere. Ci sono donne che nella vita questa fortuna non l’hanno mai avuta”.

E tra un incubo e un desiderio bagnato, nel letto di casa tua, ti consoli al pensiero che non hai figli. Almeno questo. Sarebbe ingestibile moralmente.
Lui, tuo marito, ci può stare ad avere una moglie che sta vivendo da vera puttana senza freno e oltretutto senza paga, solo per piacere, anzi pensi che di mariti così ce ne sono tanti e tante sono le mogli che vivono alla rovescia queste situazioni. Ma i figli? Sarebbe durissima. Eppure ci saranno anche questi, in alcuni casi.
Che fare ora?

Domani c’è un nuovo incontro. La tua amica ti ha rivelato che ci sarà un nuovo amico che, oltre ad essere bellissimo, ha una dotazione di serie davvero fuori misura. Non puoi perdertelo. Magari ti sfonderà facendoti molto male. Chissà, potrebbe essere l’occasione per dire basta. Ma intanto, dentro te, la verità è che non vedi l’ora che sia domani, per ricominciare e provare a superare di nuovo qualche limite.
Finché dura va bene. Poi si vedrà.

Guardi la foto di quando eri ragazzina, prima di sposarti. Nella foto ci sono i tuoi genitori che ti stringono a loro. Ti vergogni ma solo un po’, per ora, e ti dici “che fine ho fatto…”.
Ma poi arriva subito l’auto-tolleranza “questa è la vita, non sono né la prima né l’ultima, e comunque prima o poi finirà”.

E intanto, nell’attesa del rigetto finale, semmai arriverà, continui a distruggerti e a farti distruggere in tutto ciò che di bello eri e avevi ma poco importa perchè sei già follemente eccitata all’idea dell’incontro di domani.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 1296 volte e valutata
96% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • shiffy pubblicata 10/04/2017
    Dramma e passione che si mescolano... Il senso di colpa è inevitabile... Davvero profondo
  • CinziaGirl1 pubblicata 01/03/2017
    Una pagina di vita reale, purtroppo. Che dire.......... non ho parole !esposizione Eccellente
  • lucediluna12 pubblicata 26/11/2016
    Triste ma molto vera, dietro le porte chiuse non è così raro trovare situazioni come questa... Sai chi m'immagino sia il nuovo ospite? Per me è il marito... Un abbraccio, bravissimo, come sempre :)
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Con la R

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 27/01/2002