Opinione su "Concerto per clarinetto e orchestra K622 - W. A. Mozart"

pubblicata 12/02/2001 | greg68
Iscritto da : 07/11/2000
Opinioni : 172
Fiducie ricevute : 80
Su di me :
Ottimo
Vantaggi Musica perfetta
Svantaggi Nessuno
molto utile

"Gli adagi di Mozart"

Questo concerto è stato composto a soli due mesi dalla morte del compositore austriaco, e rappresenta in qualche modo una sintesi di molte sue opere, soprattutto i concerti per strumento solista e orchestra, che con Mozart toccano vette di perfezione forse mai raggiunte prima. Ciò è riscontrabile soprattutto nei secondi movimenti (dei tre in genere previsti) che compongono un concerto, quegli "adagio" che spesso sono musica purissima, qualsiasi siano gli strumenti solisti scelti. Non dimentichiamo che Mozart è stato capace di scrivere anche concerti per corni e addirittura un concerto per due strumenti solisti, flauto e arpa (K299), primo autore a cimentarsi con uno strumento, l'arpa appunto, che in genere ha sempre avuto funzioni di secondo piano in una orchestra. Tornando a questo concerto, il clarinetto del secondo movimento qui è perfezione assoluta, assecondato da partiture d'orchestra quasi matematiche. Ma l'effetto non è per nulla freddo e distante e un ascolto a volume alto (possibilmente nella versione dell' "Academy of ancient music", diretta da Christopher Hogwood, che usa strumenti dell'epoca) saprà coinvolgere qualsiasi ascoltatore. E' da ricordare l'uso di questo adagio fatto da Peter Weir nel film "Green card", nella scena in cui un'algida Andie Mc Dowell cura le sue piante nell'attico che di lì a poco sarà invaso da uno straripante Gerard Depardieu.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 2393 volte e valutata
60% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • gilels pubblicata 28/07/2004
    Ottima edizione consigiata, e bella prosa.
  • poldina pubblicata 29/03/2001
    Bravo!Soprattutto per l'accenno a Hogwood che è un vero purista della musica classica.Il concerto per clarinetto di Mozart è sicuramente uno dei suoi concerti meglio riusciti ed il secondo tempo ha la capacità di entrarti nel cuore. Aproffitto dello spazio per ringraziarti del commento su "Accordi e Disaccordi".Grazie anche per l'accenno a "Radio Days",ho anche questo disco e mi piace un sacco! ("Johnny guitar",con la sua malinconica tristezza, è una della mie preferite).Ciao,Paola
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Concerto per clarinetto e orchestra K622 - W. A. Mozart

Descrizione del fabbricante del prodotto

Caratteristiche Tecniche

Compositore: Wolfgang Amadeus Mozart

Ciao

Su Ciao da: 12/02/2001