E se poi prende il vizio? Pregiudizi culturali e bisogni irrinunciabili dei nostri bambini (Alessandra Bortolotti)

Immagini della community

E se poi prende il vizio? Pregiudizi culturali e bisogni irrinunciabili dei nostri bambini (Alessandra Bortolotti)

Esistono molti libri sull'accudimento dei bambini. Spesso si presentano come manuali di istruzioni, come magiche ricette di felicità per genitori e fi...

> Vedi le caratteristiche

100% positiva

4 opinioni degli utenti

Opinione su "E se poi prende il vizio? Pregiudizi culturali e bisogni irrinunciabili dei nostri bambini (Alessandra Bortolotti)"

pubblicata 27/03/2017 | carmelag
Iscritto da : 22/01/2017
Opinioni : 28
Fiducie ricevute : 12
Su di me :
Cercherò di dare sempre la mia onesta e personale opinione sui prodotti. Spero che le mie opinioni siano di vostro gradimento e vi aiutino nelle vostre scelte!
Ottimo
Vantaggi vedi recensione
Svantaggi nessuno
molto utile
Contenuti
Reperibilità
Qualià Materiale

"Fondamentale per ogni futura mamma"

E se poi prende il vizio? Pregiudizi culturali e bisogni irrinunciabili dei nostri bambini (Alessandra Bortolotti)

E se poi prende il vizio? Pregiudizi culturali e bisogni irrinunciabili dei nostri bambini (Alessandra Bortolotti)

Questo libro mi è stato consigliato da un'amica che ha da poco avuto una bambina e che a mio parere sta gestendo alla grande questo grande e meraviglioso sconvolgimento della sua vita. Dunque mi sono fidata del suo parere e ho comprato questo libro (in formato digitale ebook per kindle), devo dire che ne ho sottolineato una buona parte, cosa che accade quando ritengo davvero utile un testo.
Il libro è incentrato sul rapporto madre-figlio soprattutto nei primi 3 anni del bambino, smonta a uno a uno con dei riferimenti bibliografici reali e scientifici, tutti i pregiudizi tipici delle generazioni che ci hanno precedute, la prima quella delle nostre madri, su come crescere un bambino.
L'autrice con una sensibilità e un rispetto che non è facile trovare in tutti questi "manuali" per genitori che l'editoria ci propina, ci spiega come i bambini abbiano il bisogno innato di stare vicini alla madre, di sentire il suo contatto. La sua idea va contro a tutto quello che di preconfezionato ci offre la società: ciucci, biberon, passeggini, sdraiette, box...tutti strumenti commerciali che allontanano la madre e il figlio da un reale contatto umano.
Trovo questo libro illuminante, mi ha fatto ricredere su molti concetti, primo tra tutti quello che i bambini abbiano una sorta di "astuzia" per raggirare i propri genitori e fargli fare quello che desiderano.
Ho scoperto che i bimbi coccolati piangono circa la metà di quelli che vengono abbandonati a loro stessi e che l'allattamento dovrebbe essere la normalità (solo nel 5% dei casi esistono veri impedimenti ad allattare, per il resto è una questione di volontà).
Sono stata iniziata al mondo del babywearing (portare in fascia) e ho già conosciuto delle persone meravigliose grazie a questa nuova scoperta.
Ringrazio la mia amica per avermelo consigliato e l'autrice per aver scritto un libro cosi bello.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 70 volte e valutata
82% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • camy91 pubblicata 27/03/2017
    Un libro interessante, soprattutto per i neo genitori :))
  • beralexnew pubblicata 27/03/2017
    opinione molto interessante
  • dannyinco pubblicata 27/03/2017
    bello
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Offerte "E se poi prende il vizio? Pregiudizi culturali e bisogni irrinunciabili dei nostri bambini (Alessandra Bortolotti)"

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : E se poi prende il vizio? Pregiudizi culturali e bisogni irrinunciabili dei nostri bambini (Alessandra Bortolotti)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Esistono molti libri sull'accudimento dei bambini. Spesso si presentano come manuali di istruzioni, come magiche ricette di felicità per genitori e figli. Questo libro non propone metodi uguali per tutti. È un invito a riflettere sulla particolarità di ogni famiglia, sul diritto di allevare i bambini in piena libertà lasciando da parte i pregiudizi culturali, ascoltando il proprio istinto. Viviamo, infatti, in una società che impone tempi e spazi basati sulla logica della produttività e del consumismo e che non si cura a sufficienza di proteggere lo sviluppo affettivo dei più piccoli. I nostri figli crescono perciò in un mondo che spesso si è dimenticato di loro pretendendo che diventino da subito autonomi, che non disturbino, che ignorino fin dai primi istanti di vita i propri istinti e la capacità di comunicare le proprie necessità. Attraverso l'analisi dei bisogni primari ed universali di ogni bambino in queste pagine vengono trattati temi quali l'allattamento, il sonno dei neonati e dei bambini più grandi, il bisogno di contatto e le più efficaci forme comunicative fra genitori e figli. Il testo è arricchito da numerose fonti bibliografiche che rimandano alle ultime scoperte delle neuroscienze e delle ricerche sulla fisiologia di gravidanza, parto e allattamento per sottolineare in maniera semplice e chiara, come rispondere ai bisogni affettivi di base dei nostri bambini non abbia nulla a che vedere coi vizi ma, anzi, sia un patrimonio irrinunciabile.

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788895177755

Tipologia del prodotto: Libro in brossura

Autore: Alessandra Bortolotti

Numero totale di pagine: 180

Alice Classification: Psicologia

Editore: Il Leone Verde

Data di pubblicazione: 2010

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 22/12/2010