Esperienze personali

Immagini della community

Esperienze personali

> Vedi le caratteristiche

74% positiva

1392 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Esperienze personali"

pubblicata 08/12/2007 | angeltrinity
Iscritto da : 26/08/2007
Opinioni : 145
Fiducie ricevute : 6
Su di me :
Non fa per me
Vantaggi non prendete antidepressivi se non state davvero male!
Svantaggi tutto
Eccellente

"COME SONO USCITA DAGLI ANTIDEPRESSIVI!"

PREMETTO CHE NON SONO UN MEDICO E NON HO INTENZIONE DI CONSIGLIARE NIENTE A NESSUNO, OGNUNO HA LA SUA SITUAZIONE PERSONALE.
ho dovuto MODIFICARE QUESTA OPINIONE PER NON FERIRE ALTRA GENTE.
LA SEGUENTE E' UNA TESTIMONIANZA DI UNA MIA ESPERIENZA. o intenzione di parlarvi della mia esperienza con gli anti-depressivi e gli ansiolitici e di come ne sono uscita del tutto.
Avevo affrontato l' argomento gia' parlando del Prozac, ma ora vorrei approfondire.
Se non siete seguiti da un neurologo o da uno psichiatra, fate attenzione alla facilità con cui il medico di base può scambiare un vostro grave problema per una depressione e prescrivervi il prozac e gli ansiolitici.. perchè queste cose che spacciano per medicinali, PER CHI NON SOFFRE DI DISTURBI GRAVI, MA SOLO DI UNA TRISTEZZA DOVUTA A PROBLEMI PERSONALI, in realtà non sono altro che droghe per fuggire.... creano dipendenza, provocano una visione distorta della realtà, annebbiano i sensi, ci fanno diventare iperattivi ma non risolvono affatto i propri problemi ALLA RADICE..
L' anno scorso per una serie di problemi economici e di qualche difficoltà nel mio matrimonio (mio marito aveva avuto seri problemi sul lavoro per mobbing e non lo riconoscevo piu', ha avuto un indicente con la macchina - per fortuna illeso - ma ci siamo ritrovati per un anno senz' auto in un paesino di periferia, dove viviamo..) avevo perso la voglia di vivere, ero diventata incapace di tutto, non mi sentivo affatto adeguata. Devo dire che in passato mi era gia' successo di soffrire di questa forma depressiva, e avevo fatto una cura con il seroxat ma alla fine pure quello mi faceva male, all' epoca vivevo coi miei genitori e non mi accorgevo che avevo preso una decina di chili e che sul lavoro rendevo meno di zero per distrazione...
ho smesso all' epoca quando ho conosciuto il mio attuale marito, riducendo progressivamente le dosi fino a terminare.
Ma questa 'ricaduta' non mi era piaciuta affatto cosi' sono andata dal mio medico perchè avevo un problema alla gola, che pensavo fosse tonsillite, quando invece lei mi guardo' e mi disse "la sua gola non ha niente, è un disturbo psicosomatico" ed iniziò a prescrivermi il Pasaden che sono delle gocce di benzodiazepina (ansiolitico ipnotico) dicendo di prenderne 3/5 gocce 'al bisogno'. Inutile dire che il mio 'al bisogno' si trasformò in una dipendenza... ero rimbambita e non me ne accorgevo.. poi ci uni' pure il prozac che faceva l' effetto contrario (mi rendeva iperattiva), così subito iniziai a stare malissimo perchè mi sentivo 'dissociata', la notte non dormivo, il desiderio di morire aumentava invece di dimunuire, cosi' come la fame nervosa che mi portava a divorare dolci ...
Alla fine dopo tre mesi di cura arrivò il peggio, una sera ero cosi' depressa e con l' emicrania che di gocce ne presi dieci anzichè il dosaggio normale e mi sdraiai sul letto sperando che il Signore mi prendesse con se'.
Ovviamente di tutte queste cose ne ho patito solo io perchè mio marito faceva i turni di lavoro ed ero spesso sola quindi potevo fare tutte le cazzate che volevo.
Allora invece non mi accadde nulla, quel mal di testa che avevo mi passo' ed io mi dissi 'che cosa stai facendo?'.
Andai dal mio medico e le dissi che io non potevo piu' andare avanti in quel modo, che stavo diventando una drogata, che io volevo smetterla.
Lei mi disse 'ah, allora cambiamo il farmaco, che i farmaci sono come le scarpe, se non vanno bene si cambiano' e mi prescrisse il cymbalta, altro antidepressivo meno forte del prozac e più leggero come effetti.
Mi disse che avrei dovuto prenderlo dopo due giorni di stacco dal prozac, e vi lascio immaginare quei due giorni come mi sentivo, senza medicine avevo come crisi di astinenza, ero agitatissima e il tempo non passava mai..
Presi il cymbalta per quattro giorni, ando' male ugualmente perche' alla notte io non dormivo piu'.
Allora tornai ancora dalla dottoressa, e lei invece di aiutarmi me ne prescrisse un altro, a quel punto io quella sera decisi che NON AVREI PIU' PRESO FARMACI.
Presi tutte le boccette e le scatole delle pastiglie che avevo, ne feci un sacchetto e le gettai nel contenitore dei medicinali usati.
Ero stanca dell' incompetenza della mia dottoressa, di non avere aiuti umani da nessuno,. ero stanca di dipendere dai farmaci per stare bene.
Ok, da quel giorno la mia vita cambiò.
Ebbi un aiuto da un gruppo di auto-aiuto on line che trovai per caso su internet, da una signora molto gentile che mi parlo' spesso al telefono e mi venne a trovare da Bologna, e da allora io non ho piu' toccato un antidepressivo, e parliamo del mese di febbraio 2007.
Oggi sono una persona emotivamente felice, il mio matrimonio ha risolto parte dei suoi problemi perche' mio marito ha cambiato lavoro, abbiamo una macchina nuova e cerchiamo di essere piu' vicini ...
Mi raccomando, fate molta attenzione quando vi prescrivono antidepressivi, perchè spesso la forza di essere felici dipende soltanto da noi!

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 5388 volte e valutata
44% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • mammatynca pubblicata 10/12/2007
    ok ti ho trovato girando in ciao ,ti scive una che ah risolto dipendenza da farmaci come te ma in altra maniera ,solo voglia x i figli ma.....e cè un ma non è uscita x nulla dalla depressione io convivo con quella non prendo nessuna medicina ormai mai,ma se mi succede cadere povero chi mi è accanto eppure io in teoria non avrei nulla da lamentarmi solo cose di tutti problemi che tutti hanno xcio sono felice x te e ti auguro conrinuare a vivere cosi vicino a tuo marito e spero anche figli non ti conosco x sapere se ne hai .....auguri x un buon natale cara a te e famiglia
  • Mabuse pubblicata 09/12/2007
    Hai avuto una grande forza di volontà !
  • paropiri pubblicata 09/12/2007
    Solo chi veramente vive il problema depressione può capire qualcuno che ne parla........................qualcuno a me vicino ha sofferto di questo problema.............se si sbagliano i farmaci,non se ne viene più fuori.............CIAO
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Esperienze personali

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 25/01/2002