Gelsomino

Opinione su

Gelsomino

Valutazione complessiva (32): Valutazione complessiva Gelsomino

 

Tutte le opinioni su Gelsomino

 Scrivi la tua opinione


 


e i balconi prendono vita ---- Aggiornamento

5  02.06.2005 (22.02.2006)

Vantaggi:
profumato delicato meraviglioso

Svantaggi:
nessuno

Consiglio il prodotto: Sì 

lelluzza75

Su di me:

Iscritto da:14.10.2004

Opinioni:192

Fiducie ricevute:41

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 12 utenti Ciao

Dopo la brutta nevicata il mio gelsomino si era suicidato, ma oggi quando sono andata a verificare se davvero era da buttare via mi ha mostrato timidamente le prime piccole foglioline nuove.
E' ancora vivo, nonostante la devastante nevicata, il ghiaccio e il freddo il mio piccolo gelsomino e' vivo!!!!

21/02/2006
*****************************************************************


Ho finalmente trapiantato i gelsomini sul balcone, due belle piante, una alla destra e una alla sinistra del balcone.
Devo dire che lo spettacolo e' veramene unico, perche' oltre alla vista, anche l'olfatto ne rimane assolutamente strabilato.
La parola " Gelsomino" deriva dal persiano " yasamin" con la sovrapposizione della parola " gelso ". Appartiene alla famiglia delle Oleaccee.

STORIA DEL GELSOMINO
Il Gelsomino, originario del Malabar nelle Indie Orientali, fu importato nell'Europa dai navigatori spagnoli in epoca non ben precisata fra il 1524 ed il 1528. Ma in Italia sembra però che esistesse anche prima di quel tempo, e ne fa prova una figura di tal fiore ben disegnata e colorita che si trova nel Codice lasciatoci dal Rinio " Liber de Simplicibus" scritto nel 1415. Il Gelsomino come molti fiori a quel tempo era poco conosciuto e di conseguenza molto poco apprezzato.
Il primo ad averne qualche esemplare fu Cosimo I de' Medici, detto il "Gran diavolo": infatti si innamoro' così tanto di questo fiore che volle esserne l'unico proprietario e quindi proibì severamente ai suoi giardinieri di regalarne anche una sola pianta e di riprodurlo in molti esemplari.
L'ordine granducale fu scrupolosamente rispettato per molti anni e chi sa per quanto tempo ancora il Gelsomino sarebbe rimasto proprietà esclusiva dei Medici, se un caso fortuito non ne avesse agevolata la propagazione.

Un giovane giardiniere, volendo regalare qualcosa di bello alla sua fidanzata pensò di offrirle un ramoscello di Gelsomino, e così fece. La ragazza ne rimase estasiata, e per paura che potesse avvizzire presto lo pianto' in terra. Ottenne più di quanto sperasse. Il Gelsomino restò verde per tutto l'anno e nella seguente primavera gettò nuovi germogli e nuovi fiori.

Con il tempo migliorandone la coltura si fece più robusto e regalo' molte piante. Divenne il padre, se non di tutti, di almeno i buona parte dei Gelsomini che possediamo! Il ricavo della vendita di queste pianticelle fu tanto cospicuo. In Toscana ancora oggi si dice che " ragazza degna di portare quel mazzolino è ricca abbastanza per fare la fortuna del marito".

Il Gelsomino e' una pianta rampicante , sempre verde che solitamente ha bisogno di un clima temperato.
Ne esistono speci diverse sono all'incirca 250.
Suddivisi nelle varie categorie, per colore, tipologia di foglia o altro.
Vi elenco qualche specie, le piu' diffuse:
- Gelsomino di San Giuseppe, che fiorisce nel pieno dell'inverno, sui rami ancora privi di foglie, con fiori solitari, giallo intenso;
- Jasminum primulinum, arbusto sempreverde di origine cinese, ha fiori gialli e semidoppi, larghi anche più di 4 centimetri.
- Jasminum beesianum, con piccoli fiori rosa carminio, seguiti da insoliti frutti neri;
- Jasminum officinale( quello piu' diffuso da noi), a fiori bianchi, forse il più coltivato, capace di crescere anche 15 metri;
- Jasminum polyanthum, con boccioli rosa che si aprono in candidi fiori a stella.

Solitamente per crescere hanno bisogno di un terreno ricco di Humus, e se il clima e' temperato potere trapiantarlo da aprile ad Ottobre, mentre se come me abitate in una zona non proprio mite questo eriodo e' l'ideale.
Pur resistendo, come molte specie mediterranee, alla siccità, sarebbe l'ideale annaffiarli molto spesso ma bisogna fare attenzione al ristagno d'acqua, alla siccità prolungata ed alle cocciniglie.
Se dovesse per caso rimanere preda di queste sanguisughe, in commercio ci sono dei prodotti efficacissimi specifici per cocciniglie, che eliminano le bestie in tempi brevi.

Ha bisogno di molta luce e calore, infatti nelle zone temperate la coltivazione del gelsimino, non e' solo per uso decorativo, ma sopratuttutto per la produzione di profumi, olii, e le tisane.


Spero di non aver dimenticato nulla.
Quindi se volente un gelsomino in casa, non ci sono scuse avete tutte le informazioni che vi servono.
E' una pianta molto indipendente quindi va bene anche per chi non e' proprio il cosidetto pollice verde.

ci tengo a precisare che molte delle informazioni sono state prese dal mio libro di giardinaggio.


Fotografie per Gelsomino
Gelsomino Fotografia 222808 tb
gelsomino
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
eglexxx

eglexxx

26.04.2010 22:07

Fantastico, ho una piantina sul mio balcone... che profumo!

stefanov

stefanov

05.11.2006 10:53

anch' io l' avevo.Peccato che a me è morto

agrifoglio

agrifoglio

18.03.2006 12:35

E' la pianta si aper i balconi sia per i giardini che preferisco!!!...Adoro il suo delicato profumo ed il suo candito colore!!!!!!!!...mi sembra di sentire il suo profumo!!!!

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Gelsomino è stata letta 4660 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (25%):
  1. agrifoglio
  2. El3na
  3. davide-priolo
e ancora altri 2 iscritti

"molto utile" per (75%):
  1. eglexxx
  2. stefanov
  3. el_despertar
e ancora altri 12 iscritti

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.