Opinione su "Giorgio Bassani"

pubblicata 16/11/2012 | DoloresClaiborne
Iscritto da : 13/02/2008
Opinioni : 3488
Fiducie ricevute : 648
Su di me :
"...e quanto ai riccioli di polvere, vadano a farsi fottere!"
Ottimo
Vantaggi *****
Svantaggi -
molto utile
Qualita' grafica
Qualita' delle storie
Simpatia/credibilita' dei personaggi
Reperibilita'

"Giorgio Bassani"

Giorgio Bassani

Giorgio Bassani

Giorgio Bassani nacque a Bologna nel 1916 ma visse poi sempre a Ferrara fino al 1943; da quell'anno ha abitato quasi sempre a Roma.
Egli però si considera ferrarese: quella è la città dei suoi genitori, lì trascorse la giovinezza, contrasse le prime amicizie, ebbe le esperienze più vive: e a Ferrara ha poi ambientato tutta, si può dire, la sua opera di narratore.

Altra costante di Bassani scrittore sarà il motivo ebraico; figlio di una cospicua famiglia israelitica, egli visse direttamente la tragedia dei suoi correligionari, specialmente quelli della comunità ferrarese, quando il fascismo infierì contro gli Ebrei.
Nel 1940 sotto uno pseudonimo pubblicò la prima opera narrativa, "Una città di pianura", costituita da sei racconti.
Frutto dell'esperienza romana nel periodo 1943-44 fu il diario "Roma, inverno '44".

Finita la guerra, nel '45 esordì come poeta, con "Storie di poveri amanti e altri versi", a cui negli anni successivi tennero dietro altri libri di liriche, raccolte poi in "L'alba ai vetri" (1963).
Nel decennio '50-'60 si sviluppò anche l'attività narrativa di Bassani, che raggiunse una notevole fama con la comparsa delle "Storie ferraresi" nel '60, "storie" in parte precedentemente pubblicate.
Due anni dopo usciva "Il giardino dei Finzi-Contini", uno dei libri più rappresentativi del nostro Novecento (più tardi portato sullo schermo da De Sica), e quello in cui la personalità di Bassani, con la sua elegiaca ed esistenzialistica visione della vita, raggiunge la più alta manifestazione artistica.

Oltre agli scritti narrativi e poetici, ricordiamo anche un libro di saggistica, "Le parole preparate" (1966), ed una ulteriore raccolta di dodici brevi racconti, "L'odore del fieno" (1972), anch'essi ambientati a Ferrara.

Morì a Roma il 13 aprile del 2000.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 1071 volte e valutata
100% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • sarad12 pubblicata 17/01/2013
    Grazie
  • hendor pubblicata 19/11/2012
    Grazie :)
  • maureste72 pubblicata 18/11/2012
    molto bene
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Giorgio Bassani

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 15/11/2012