Green Zone (Rajiv Chandrasekaran)

Immagini della community

Green Zone (Rajiv Chandrasekaran)

Zona nord di Baghdad, una mattina qualsiasi. Quattro kamikaze si fanno saltare in aria in un santuario. Quando Rajiv Chandrasekaran arriva sul posto, ...

> Vedi le caratteristiche

85% positiva

9 opinioni degli utenti

Opinione su "Green Zone (Rajiv Chandrasekaran)"

pubblicata 29/06/2010 | Bellatrix72
Iscritto da : 14/03/2004
Opinioni : 665
Fiducie ricevute : 708
Su di me :
Ma per meritare un DIAMANTE cosa devo fare? Mah....qualcuno me lo spiega?:-P
Soddisfacente
Vantaggi Spinge alla riflessione...argomento di attualità
Svantaggi Azione, guerra, bellicosità e tatticismo...cose da uomini insomma....
Eccellente

"La verità è più pericolosa delle armi..."

Matt Demon in Green Zone

Matt Demon in Green Zone

Indovinate chi scelse questo film da vedere al cinema?
Fossi matta...mica io!!
Ovviamente avete indovinato...MIO MARITO!! Più film "Bum Bum spara al cattivo" di questo...non ce n'è... e mi sono ritrovata comodamente seduta in mezzo ad una guerra....ma come sempre riesco a trovare il modo per superare i momenti difficili e a volte risco anche a trarre qualcosa di positivo dall'esperienza subita, quindi posso dire di aver visto un Buon Film, anche se da sola MAI l'avrei scelto... le guerre le scanzo sempre figuriamoci pagare per vederne i particolari sul maxi schermo....

Ma smetto di girarci intorno... entriamo nella Green zone!!!

Brevemente...la trama:

Siamo a Baghdad ed è l'anno 2003. Roy Miller (Matt Demon) è a capo di un gruppo di militari d'azione che cercano armi distruttive di massa per conto dell'esercito americano. Il governo ha avuto segnalazioni circa l'ubicazione di queste armi nel deserto, ma ogni volta che il gruppo di militari giunge sul posto scopre che delle armi non c'è traccia...che sia una presa in giro o un modo per farli girare come trottole alla ricerca di qualcosa che non esiste?
Roy ben presto si renderà conto che la sua presenza serve a tutt'altro che trovare armi nascoste...e vuole andare a fondo della situazione...la sua operazione si trasformerà quindi in una sorta di "pericolosa" indagine personale!!

Tra azione, sparatorie, manipolazioni governative e sospetti politici, scorrono i minuti di una pellicola che diventa man mano sempre più accattivante, almeno per chi nutre un minimo d'interesse per l'argomento...per chi invece è indifferente al tema se riesce a non annoiarsi potrebbe scoprire cosa esiste dietro "gli specchietti per le allodole".

Green Zone

Paul Greengrass si è ispirato al libro : "Imperial Life in the Emerald City: Inside Iraq’s Green Zone" scritto dal giornalista Rajiv Chandrasekaran, storia di una MISSIONE DI GUERRA in terre calde...molto calde, direi bollenti sotto l'aspetto bellico.
La storia su carta diventa un Thriller di guerra sul video che ha suscitato non poche polemiche sul messaggio che se ne trae riguardo all'opera americana in Iraq che, dal film, appare troppo minimizzata.
Matt Demon veste i panni di un maresciallo dell'esercito, un uomo onesto e leale che dalla ricerca di armi pericolose con la sua squadra, passa alla PERICOLOSA ricerca della verità. Una verità che viene continuamente negata e nascosta da chi, sopra di lui, muove le sue pedine senza concedere spiegazione né ammettere intromissioni e domande!
Il regista non aveva come obiettivo, quello di far nascere polemiche intorno al suo lavoro, ma voleva solo che si arrivasse a riflettere sul senso delle missioni di guerra. Oltre alle riflessioni non si riesce ad andare, risposte come al solito non ce ne saranno...ognuno arriverà alla sua conclusione e alla sua verità, perchè la VERITA', quella vera non ci è dato di conoscerla!

Lo stile del film mi ha ricordato lontanamente il film LEONI PER AGNELLI, ricordate? Un film sulla guerra, e nello stesso tempo CONTRO la guerra... un film che chiedeva al pubblico di riflettere e di siglare, ognuno a suo modo e con le sue conclusioni, il verdetto finale...

Paul Greegrass ama lavorare nel campo dell'azione...basti pensare a Bourne Ultimatum e Bourne Supremacy nonché al mitico UNITED 93, per farsi un'idea del genere preferito dal regista... ma questa volta, pur restando nel settore "azione", Greengrass si è buttato in un film bellico che ha, però, attrattiva dal punto di vista dell'attualità e della riflessione che porta alla cultura...pur continuando ad usare la telecamera a mano che sembra farci partecipare alla storia e farci entrare in un mondo tutt'altro che tranquillo....

Non mancheranno anche qui i servizi segreti americani, le azioni esplosive e caotiche, in mezzo alle quali, puntualmente mi perdo... e la paura, il sangue e il sudore, lo stress emotivo di uomini alla ricerca della verità e della giustizia, elementi che, puntualmente, più si cercano e meno si trovano...
Non mancherà nemmeno la donna di turno, stavolta vestita da giornalista "in gamba", "con le palle" e pronta anche lei a pagare qualsiasi prezzo per scoprire la verità...

Matt Demon risulta invece un po' meno coinvolgente in questo ruolo, sembra spento e troppo riflessivo, sembra quasi dimenticarsi di comunicarci cosa ha scoperto e come vuol agire...ci lascia intuire molto e lascia all'azione il giusto spazio necessario a fare di un film di guerra un film, appunto DI GUERRA!

Concludendo, gli spunti ci sono, il cast è buono e anche la regia non delude del tutto... la storia può risultare intrigante ai più, e anche se reputo che un film così possa anche non essere visto senza dannarsi per averlo perso, una volta che ci si trova al suo cospetto non si può evitare di riflettere su quello che ci "imbocca".

Mi sento di consigliarlo maggiormente ai "maschietti" che alle femminucce... lo apprezzeranno senz'altro di più.......ma non è detto che alle donne certi argomenti non stimolino le cellule cerebrali... con me il film ci è riuscito anche se in certi momenti facevo fatica a seguire a casua delle mie scarse conoscenze degli eventi politici e delle motivazioni di complotto...
Dunque, senza infamia e senza lode e soprattutto senza OSCAR, io non ve lo sconsiglio ma vi lascio liberi di decidere se approfondire o meno l'argomento di cultura generale e sociale...

Vi abbraccio

Mary*

Scheda tecnica del film

Titolo originale: Green Zone
Nazione: U.S.A., Francia, Spagna, Regno Unito
Anno: 2010
Genere: Drammatico, Guerra
Regia: Paul Greengrass

Cast: Matt Damon, Jason Isaacs, Brendan Gleeson, Greg Kinnear, Amy Ryan, Said Faraj, Michael O'Neill, Khalid Abdalla, Yigal Naor, Antoni Corone, Raad Rawi
Produzione: Working Title Films
Distribuzione: Medusa

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 1687 volte e valutata
60% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • lauraestrema pubblicata 08/04/2011
    ottimo consiglio! :3
  • Enny80 pubblicata 06/09/2010
    Come te non è un film che io avrei scelto... ma come te devo ammettere che è un film ben fatto e che lascia allo spettatore qualcosa.
  • ondalis pubblicata 12/08/2010
    anche se è un film per maschietti, l'hai descritto in modo degno. Alla faccia loro! ^___^
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Green Zone (Rajiv Chandrasekaran)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Zona nord di Baghdad, una mattina qualsiasi. Quattro kamikaze si fanno saltare in aria in un santuario. Quando Rajiv Chandrasekaran arriva sul posto, quel che resta dei cadaveri è già ricoperto da teli bianchi. Brandelli di corpi sparpagliati arrivano fino al secondo piano dei palazzi circostanti. Meno di un quarto d'ora dopo, nella Green Zone, il giornalista ne parla con un funzionario del contingente americano, ma questo è ignaro del massacro: era "troppo preso a lavorare per la democrazia in Iraq" per seguire le notizie. E solo uno dei paradossi della guerra raccontata in questo libro: un reportage che somiglia a una spy-story per la vicenda al limite del romanzesco, per la carica di avventura e ironia, per i personaggi incredibili che lo popolano. E per la sua ambientazione, l'enclave americana a Baghdad: 10 chilometri quadrati di ex palazzi reali, piscine, cocktail, aria condizionata, corsi di salsa e yoga, due ristoranti cinesi e una mensa con personale musulmano che serve principalmente carne di maiale. Costruito in quasi due anni di interviste e ricognizioni nella capitale irachena e dintorni, "Green Zone" è la cronaca del disastro annunciato scatenato dall'America e dai suoi alleati tra cui l'Italia.

Caratteristiche Tecniche

Regia: Paul Greengrass

Anno di Uscita: 2010

Durata: 156'

Area DVD: Area 2 (Europa/Giappone)

Produttore: Medusa Home Entertainment

Formato: Dvd

Genere: Guerra, Colonne Sonore

Telefono: +44 121 7645577 / 0121 7645588

Indirizzo: 1159 Warwick Road, Birmingham, West Midlands B27 6RG, Inghilterra

Continente: Europa

Stato: Regno Unito

Città: Birmingham

Genre: Indiano

Tipo: Fastfood e Take away

Registrazione: Studio

EAN: 9788817027205, 8010020055906, 4005939701123

Numero dischi: 1

Data di uscita: 15/03/2010

Tipologia del prodotto: Libro in brossura

Numero catalogo: VSD 7011

Autore: Rajiv Chandrasekaran

Traduttore: M. Gardella

Casa discografica: Varese Sarabande, Varèse Sarabande

Titolo: Green Zone, Green Zone (Original Soundtrack/Film Score)

Numero totale di pagine: 381, 350

Alice Classification: Scienza Politica, Letterature Straniere: Testi

Artista / Gruppo: Artisti Vari, John Powell

Sottogenere: Colonne Sonore Film

Editore: Rizzoli

Data di pubblicazione: 2010, 2008

Format: Artista / Gruppo

Anno di pubblicazione: 2010

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Stereo: STEREO

Titles on Disc 1

14.: Chaos/Email

13.: WTF

12.: Attack And Chase

11.: Evac Preps (part 2), Evac Preps

10.: Evac Preps (part 1), Evac Preps

9.: Mobilize/Find Al Rawi

8.: Truth/Magellan/Attack

7.: Miller Googles

6.: Questions

5.: Helicopter/Freddy Runs

4.: Meeting Raid

3.: Traffic Jam

2.: 1st WMD Raid

1.: Opening Book

Ciao

Su Ciao da: 11/04/2010