Grotte di Frasassi

Immagini della community

Grotte di Frasassi

> Vedi le caratteristiche

99% positiva

23 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Grotte di Frasassi"

pubblicata 19/05/2017 | clade1977
Iscritto da : 07/04/2016
Opinioni : 63
Fiducie ricevute : 174
Su di me :
La matematica non è un'opinione!
Ottimo
Vantaggi Visita bellissima.
Svantaggi Nessuno.
Eccellente
Qualità
Rapporto qualità prezzo
Collocazione
Orari di apertura
Interesse

"Un Mondo Roccioso e...Sotterraneo!"

Grotte di Frasassi

Grotte di Frasassi

Un saluto a tutti

INTRODUZIONE

Un saluto a tutti i membri di questa community. Quest'oggi, nella mia nuova opinione, ho deciso di parlarvi di un luogo straordinario che merita assolutamente una vista, Le grotte di Frasassi, complesso ipogeo tra i più grandi del mondo, che si trova nelle Marche, in Provincia di Ancona e che mi ha lasciato degli splendidi ricordi dopo le due visite che ho effettuato in anni diversi.

Quando l'ho visitato?

Bazzicando spesso le Marche per ragioni familiari e sportive, ho avuto il piacere di visitare questo straordinario luogo un paio di volte. La prima, anni fa e la seconda, più recente l'Agosto scorso durante una giornata piovosa in cui, purtroppo, in spiaggia non si poteva stare. Ma le Marche sono una regione straordinaria proprio per questo, cioè in occasione di giornate non favorevoli per una permanenza al mare, hanno una ricchissima offerta di luoghi visitabili e raggiungibili con estrema facilità. Percorsi enogastronomici, borghi medioevali, musei culturali e meraviglie della natura che, essendo a portata di mano, permettono di passare delle giornate diverse e rilassanti anche lontano dalla spiaggia.
LE GROTTE DI FRASASSI

Come detto, Le Grotte di Frasassi, sono uno dei complessi ipogei più grandi e più profondi del mondo. Il complesso, che si trova nel comune di Genga, è facilmente raggiungibile in auto e, tramite un servizio di navette, offre una completa fruibilità fin dall'arrivo, con un enorme parcheggio gratuito proprio a fianco della biglietteria che dista circa due chilometri dall'entrata del complesso.

LA VISITA

Una volta raggiunta la biglietteria e parcheggiata l'auto, con il gruppo di amici con cui ho visitato l'ultima volta le grotte, ci siamo armati di pazienza e ci siamo messi nella lunga coda di turisti in attesa di un biglietto. Nonostante le molte persone in attesa, con mia grande sorpresa, le tempistiche per prendere i biglietti sono state davvero limitate ed in circa 10 minuti eravamo già in attesa della navetta che ci avrebbe accompagnato all'entrata.
Il percorso in navetta, durato meno di cinque minuti, inizia sul piazzale della biglietteria, dove, tra l'altro, sono presenti numerosi chioschi in cui assaporare diverse specialità culinarie della zona, e finisce davanti alla scalinata coperta che porta ai tornelli d'entrata.

I percorsi di visita

Per visitare le Grotte di Frasassi abbiamo a disposizione diversi percorsi di visita guidata, che si differenziano per durata e difficoltà:
  • Percorso Turistico, che prevede un percorso di visita facile ed attrezzato, quindi fruibile da tutti, della lunghezza di circa 2 chilometri e che dura circa un'ora e mezza.
  • Percorso Azzurro, che è un percorso speleologico di bassa difficoltà della durata di due ore.
  • Percorso Rosso, che è un percorso di visita speleologica di difficoltà media e, quindi, fruibile solo da persone che abbiano già un'esperienza speleologica alle spalle.

Per i due percorsi speleologici è necessaria la prenotazione, mentre il materiale necessario lo si trova in loco ma, non avendo prenotato, ci siamo diretti verso il più semplice percorso turistico.

Costo dei biglietti

Il prezzo dei biglietti, ovviamente, varia a seconda del percorso scelto e se si ha la possibilità di accedere ad alcune riduzioni.
Per quanto mi riguarda, avendo scelto obbligatoriamente il percorso turistico, abbiamo pagato 15,50 Euro a testa. Sono previsti dei biglietti ridotti per i bambini o per i gruppi superiori a 20 persone, ma sfortunatamente noi eravamo solo 9...
I due percorsi speleologici, ovviamente, hanno costi più alti che sono di 35 Euro per il percorso Azzurro, più facile, e di 45 Euro per il percorso Rosso, più difficile.
Il costo del biglietto, infine, comprende anche la visita a due piccoli musei cittadini, situati nel centro di Genga, e che sono il Museo Paleontologico ed il Museo Arte, Storia e Territorio che, per mancanza di tempo, non abbiamo potuto visitare.

La visita

Raggiunta l'entrata del complesso di Grotte, siamo stati accolti dalla nostra guida, un giovane speleologo della zona, che, dopo aver atteso le 25 persone che componevano il nostro gruppo di visita, ci ha aperto le porte di questo magnifico mondo sotterraneo.
Lo sbalzo di temperatura è notevole, infatti siamo passati in un paio di metri, dai circa 25 gradi esterni ai 15 gradi dell'interno. Una piacevole frescura.
La visita turistica, come detto lunga circa 2 chilometri, comprende il passaggio nelle più importanti sale del complesso e, in ognuna di loro, le rocce, le stalagmiti e le stalagtiti presenti, ci sono state raccontate con straordinaria passione.
Ma, procediamo con ordine.

Sala Ancona

La prima sala che si raggiunge, dopo aver percorso un lungo tunnel in cui ci è stata spiegata la storia di queste Grotte, la loro scoperta e tutti i meccanismi messi in atto per proteggere questo fantastico sito, è la sala Ancona, la più grande cavità del complesso. Infatti, avendo una larghezza che supera i 100 metri, una lunghezza di circa 200 metri e, soprattutto, un'altezza che arriva fino a sfiorare i 200 metri, mi è apparsa come una grotta immensa, monumentale.
All'interno di questa immensa sala, le opere naturali da visionare e che meritano una menzione sono molte. Si inizia da un lago cristallizzato, che si è formato a causa dell'evaporazione dell'acqua presente, e che ha l'aspetto di un laghetto artificiale congelato. Su un lato della sala, è possibile vedere una formazione rocciosa che ha le sembianze di una cascata bianca ed a cui, per questo motivo, hanno dato il nome di Cascate del Niagara.
Al centro della sala Ancona, infine, c'è un complesso di altissime stalagmiti che toccano addirittura i 20 metri e che, per la loro enorme altezza, ci sono state presentate come I giganti.
Alla sommità della sala Ancona si vede un'apertura importantissima per la storia di questo complesso. Infatti, proprio attraverso questa apertura naturale, si calarono i primi speleologici che, ad inizio anni '70, hanno scoperto Le Grotte di Frasassi.

Sala 200

Attraversata la Sala Ancona, si accede alla Sala 200, chiamata così a causa della sua lunghezza. Anche all'interno di questa sala, sebbene più piccola della precedente, le formazioni rocciose degna di nota sono molteplici. Ad esempio, troviamo una formazione di rocce rossastre che nel tempo hanno preso una forma simile ad un castello fiabesco e, per questo, viene chiamata Il Castello delle Streghe. Dalla volta di questa sala pende una stalattite che, dal basso, sembra piccolisssima ma che, in realtà, è lunga ben 7 metri e mezzo. Essendo pendente sulla testa dei visitatori, viene chiamata La Spada di Damocle. Infine, sul fondo della Sala 200, si vede un'enorme stalagmite di diversi colori, alta circa 20 metri e chiamata L'Obelisco e che domina, dalla sua altezza, l'intera sala.

Grand Canyon

Per accedere nella sala successiva, si attraversa un percorso costruito su crepe e cavità profonde e che prende il nome di Grand Canyon. Alla destra di questo percorso, si erge un complesso roccioso che ha la forma identica a delle canne di un organo.

Sala Candeline

Attraverso il passaggio Grand Canyon si accede ad una piccolissima sala, chiamata Sala Candeline, caratterizzata dal fatto di avere ai due lati del passaggio, delle piccole formazioni coniche bianche che, innalzandosi per pochi centimetri dal suolo, prendono l'aspetto di un pavimento ornato da centinaia di candeline.

Sala Dell'Orsa

La sala dell'Orsa è, insieme alla Sala Ancona, la sala più caratteristica di questo complesso ed è quella che mi è assolutamente piaciuta di più. Infatti, questa sala è caratterizzata da profonde crepe e cavità nelle quali si può distintamente vedere numerosi laghetti. Questi laghi, essendo ricchi di rame, prendono un caratteristico colore azzurro che li rende molto coreografici e che sono la parte che mi ha maggiormente colpito dell'intero sito. All'interno di questi laghetti, inoltre, si ritrovano delle piccole forme di vita, come dei microscopici molluschi, che, nonostante la profondità, hanno trovato il loro habitat ideale in questi luoghi.
Al centro della sala dell'Orsa, infine troviamo una formazione rocciosa che ha le sembianze di un grosso orso bianco.

Sala Infinito

Dopo aver girato intorno alla Statua dell'Orsa, si accede all'ultima sala del percorso di visita, cioè la Sala Infinito. Questa sala, piccola e lunga, si contraddistingue per formazioni rocciose rossastre che, innalzandosi dal terreno, prendono la forma di cupole orientali. Una sala carina, ma per quanto mi riguarda, meno interessante delle precedenti.

Il ritorno

Finita la visita all'ultima sala del complesso, si effettua il ritorno verso l'uscita percorrendo il medesimo percorso effettuato all'andata, ma nel senso inverso. Questo particolare mi è piaciuto moltissimo in quanto permette di godere ancora una volta delle particolari formazioni rocciose viste in precedenza o di poter vedere altri dettagli sfuggiti al primo passaggio.

LE MIE IMPRESSIONI

Per quanto mi riguarda, ma riporto anche le sensazioni degli 8 amici presenti con me in questa visita, Le Grotte di Frasassi sono un luogo del nostro paese che vanno assolutamente visitate. Avevo già visitato altri complessi sotterranei in altre zone, sia in Italia che in Europa, ma, a differenza di altri posti, questo complesso offre una moltitudine di formazioni, di panorami e di curiosità difficilmente reperibili tutti insieme altrove.
Dalle particolari forme dei complessi rocciosi, alle colorazioni di alcune rocce o dei laghetti sotterranei, dalle immense vastità della Sala Ancona, fino alle curiose forme di vita che popolano le acque così profonde. Dopo una visita a questo complesso avrete una vastità di informazioni e curiosità in più nel vostro bagaglio con cui potrete arricchire le vostre vacanze.
La Sala Ancona, con le sue immense formazioni rocciose, la Sala dell'Orsa con i laghetti profondi e colorati di uno splendido azzurro intenso ed il Castello delle Streghe sono i particolari che, all'interno di questa lunga visita, mi sono rimasti più nel cuore e mi hanno maggiormente colpiti.
Qualche consiglio per la visita

Il primo consiglio che mi sento di dare è quello di avere un abbigliamento adeguato. Questo sia per quanto riguarda le calzature, dovendo camminare in un ambiente roccioso per due chilometri, che per quanto riguarda il vestiario. Infatti, alcune persone componenti della visita, non erano preparate alle basse temperature interne.
Un secondo consiglio, nel caso vogliate partecipare a delle visite più impegnative e speleologiche, è quello di prenotare informandosi preventivamente. Infatti, purtroppo, avendo deciso all'ultimo di effettuare questa escursione, non abbiamo potuto usufruire dei percorsi azzurro e rosso, ma mi riprometto di farlo a breve.
Ultimo consiglio, per poter usufruire a pieno del biglietto comprendente la visita agli altri due musei cittadini, è quello di arrivare al complesso in mattinata. Noi, essendo arrivati dopo pranzo, infatti, non abbiamo avuto il tempo di effettuare queste due visite, ma le strutture presenti in zona, permettono di poter passare tranquillamente un'intera giornata in loco.

LE FOTO

Diversamente dalle mie solite opinioni, in cui certifico la mia esperienza con diverse fotografie di ciò che recensisco, non posso allegare molte foto.
Tutto il territorio del complesso di Frasassi, infatti, è soggetto a Copyright e non si possono effettuare fotografie all'interno del sito (e nel caso si effettuino contravvenendo alle regole, proprio a causa del copyright, è sconsigliato pubblicarle in rete...)
Nel caso si vogliano fare foto, si deve partecipare, prenotando, ad un percorso fotografico che permette di effettuare alcuni scatti ma non dà la possibilità di pubblicarli in rete.
Inserisco le foto del biglietto di ingresso con il mio nick, una foto dell'entrata ripresa dalla strada ed una foto del tunnel dell'entrata con i particolari delle Grotte di Frasassi.


Indicazioni Utili

Consorzio Frasassi
Piazzale Leone XII, 1 Genga (AN)
Numero verde per prenotare 800166250

CONCLUSIONI

Per concludere, non posso fare altro che consigliare una visita in questo complesso straordinario. Io ho passato due ore assaporando le meraviglie di un mondo sotterraneo e, grazie alle spiegazioni avute dalla guida, ho scoperto alcune curiosità di un mondo lontano dal mio.

Ringrazio tutti coloro che hanno voluto fare un breve giro turistico leggendo la mia recensione su un complesso che tutto il mondo ci invidia, ringrazio coloro che valuteranno il mio scritto con obiettività e vi do appuntamento alla mia prossima pubblicazione.

Grazie a tutti!

clade1977

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 632 volte e valutata
99% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Ciobin pubblicata 25/06/2017
    eccellente
  • orizzonte65 pubblicata 16/06/2017
    Diamante meritatissimo. Posto fantastico da visitare almeno una volta nella vita. Grazie
  • Pacman1984 pubblicata 15/06/2017
    eccellente,complimenti....
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Grotte di Frasassi

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 29/11/2004