Grotte di Frasassi

Immagini della community

Grotte di Frasassi

> Vedi le caratteristiche

99% positiva

23 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Grotte di Frasassi"

pubblicata 28/10/2006 | Romario
Iscritto da : 29/07/2000
Opinioni : 601
Fiducie ricevute : 534
Su di me :
Ottimo
Vantaggi un percorso molto interessante e per certi versi emozionante
Svantaggi nessuno meritevole di essere evidenziato
molto utile
Qualità
Rapporto qualità prezzo
Collocazione
Orari di apertura
Interesse

"Lo splendore della natura"

In tempi diversi ho avuto modo di visitare alcune fra le più importanti grotte conosciute, quelle di Postumia e di San Canziano in Slovenia, la caverna Gigante a Trieste, le Grotte di Baume Oscure a Saint Vallier de Thiey in Francia, trovando che ognuna aveva caratteristiche cosi peculiari da non consentire paragoni fra loro. E cosi è stato anche per le Grotte di Frasassi (in alcuni casi le avevo viste accostate a quelle di Postumia) che nella loro unicità non possono essere paragonate ad altre grotte.

Questo spettacolo della natura (non trovo altri termini per definirlo) si trova nella piccola cittadina di Genga, in provincia di Ancona, dove fenomeni naturali hanno creato quello splendido scenario naturale che è la Gola di Frasassi, lunga circa tre chilometri e attraversata dal fiume Sentino, in un contesto di natura incontaminata di particolare bellezza, considerata una delle aree speleologiche fra le più importanti d'Europa, e di cui anche le Grotte di Frasassi fanno parte.

Queste grotte, scoperte solo nel 1971 da un gruppo di speleologi del CAI di Ancona, sono veramente di una grandiosità è di una bellezza difficile da descrivere, e si possono visitare molto bene grazie ad un percorso ben studiato, di facile accesso e sicuro nelle protezioni, che permette di apprezzare nella loro bellezza quella foresta di stalattiti, stalagmiti gigantesche, laghetti, pareti di lucido calcare che sembrano quasi cascate.

La visita di queste Grotte è regolamentata molto bene. Appena lasciata la superstrada Ancona-Roma all'uscita di Genga, si trova un ampio piazzale per il parcheggio di auto ed autobus, dove si trova anche la biglietteria per la visita alle grotte. Il biglietto viene rilasciato con la data oraria in cui avverrà la visita e poco prima dell'orario stabilito un autobus navetta trasporta il gruppo all'ingresso delle grotte distanti, penso, un paio di chilometri.

Un'iniziativa molto lodevole che consente di non avere problemi di parcheggio e di evitare l'eccessivo e non controllato affollamento nei pressi dell'ingresso delle grotte. Il piazzale è attrezzato con tutta una serie di servizi utili al turista, con posti di ristoro, e numerosi stands che propongono in vendita, oltre ai classici souvenirs, prodotti e specialità alimentari locali. Un solo rilievo negativo a questa buona iniziativa: non ho capito perché chi arriva alle 9 del mattino e se ne va via alle 11 dopo la visita alle grotte, deve pagare il parcheggio per l'intera giornata.

L'autobus navetta porta i visitatori fino all'ingresso della struttura e da lì si entra a gruppi di una sessantina di persone accompagnati da una guida e percorrendo una galleria iniziale di circa 200 metri, si arriva all'inizio delle grotte. La temperatura interna è costante sui 14° e quindi per i più freddolosi potrebbe essere buona cosa portarsi un golf. La visita richiede poco più di un'ora di tempo ed è abbastanza agevole, ed anche se alla fine si saranno fatti migliaia di gradini se ne esce soddisfatti.

Non mi dilungo in una spiegazione dettagliata della visita perché ci sono molti siti che la propongono in modo più completo e preciso di quanto potrei farlo io e mi limito a segnalare che ha inizio con una grotta immensa (la prima scoperta del 1971 e chiamata Abisso Ancona) alta circa 200 metri, larga 120 e lunga 180 che, a quanto dicono, potrebbe contenere il Duomo di Milano (ma non sono riuscito al immaginarcelo) e termina in quella che è chiamata Sala dei Pagliai. A mio avviso, i punti più spettacolari sono "Le cascate del Niagara" (un accumulo di sedimenti che sembrano formare una maestosa cascata), "La spada di Damocle" (una stalattite di sette metri e mezzo) e la "Sala delle Candeline" (con un laghetto di acqua cristallina).

Questo è il classico percorso turistico che abbiamo fatto anche noi ma, in aggiunta, sono proposti anche due escursioni più impegnative che richiedono una preventiva prenotazione. Una prima escursione che inizia dalla Sala dei Pagliai (dove termina quella turistica) e dura circa due ore e che prevede il passaggio di cunicoli, strettoie, scivoli, camminamenti nel fango e arrampicate. Una seconda escursione ancora più impegnativa richiede una permanenza di tre ore ed il superamento di particolari difficoltà.

Al termine della visita il rientro al piazzale del parcheggio con l'autobus navetta. Il costo dell'ingresso è di 13,00 euro. Nel complesso, è stata una visita molto interessante e, per certi versi, anche emozionante. Ho cercato di fare delle foto (anche se era vietato) ma con scarsi risultati. Le grotte di Frasassi si trovano lungo la superstrada Roma-Ancona, all'uscita di Genga-Sassoferrato, e dopo qualche centinaio di metri si trova subito il piazzale.


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 2916 volte e valutata
62% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Baboushka pubblicata 19/06/2008
    Davvero molto belle
  • Haifisch pubblicata 20/05/2008
    Splendide queste grotte
  • Tucana pubblicata 24/11/2007
    sono veramente delle grotte stupende
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Grotte di Frasassi

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 29/11/2004