Polizza "Casa Dolce Casa" AIUTO, non risponde al sinistro

1  14.04.2011

Vantaggi:
Nessuno

Svantaggi:
Tutti

Consiglio il prodotto: No 

magicsly

Su di me:

Iscritto da:14.04.2011

Opinioni:2

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 2 utenti Ciao

BUSTO ARSIZIO (VA)

E' incredibile e impensabile, a mio parere, pagare un' assicurazione annuale per tutelarsi economicamente in caso di evento specifico, ma in caso di necessità, non poter far valere i propri diritti, e non avere nessuna risposta sulla liquidazione del danno subito a quasi 1 ANNO di distanza , nonostante le numerossissime chiamate intercorse , i numerosi Fax di Sollecito, i Fax di Reclami.

L'impotenza nell'agire è sconfortante.
L'impossibilità di non poter parlare con un responsabile o con un liquidatore ritengo che non sia accettabile da parte di un consumatore.

In supporto alle mie perplessita espongo e RECLAMO quanto segue :

1) a INA ASSITALIA SPA a fronte di un danno elettrico, sinistro aperto agli inizii di MAGGIO 2010, opportunamente assicurato con la polizza "CASA DOLCE CASA" e opzione "Fenomeno Elettrico HiTech" :

a. LIQUIDAZIONE non ancora avvenuta in APRILE 2011 senza nessuna motivazione FORNITAMI SCRITTA e VERBELA, nonostante IO abbia fornito tutta la documentazione richiestami da Perito, Nonostante i numerosi Solleciti e FAX di RECLAMO da me inviati e comunicazioni intercorse con Agente di riferimento.

b. Nessun seguito, nessuna risposta fornitami a ULTIMO RECLAMO FORMALE mandato a metà di NOVEMBRE a INA ASSITALIA SPA sede Legale e Agenzia.

c. Nessun seguito dopo incontro avuto con difficoltà, a quasi un anno di distanza, con responsabile Agente Generali del comune di interesse.

2) STUDIO Incaricato di perizia da PARTE DI INA ASSITALIA

a. Notevole ritardo per Visione in mia sede degli oggetti danneggiati avvenuta circa 1 mese dopo incarico

b. Accordi presi con Perito e non rispettati per presa contatto diretto con centri autorizzati al fine di chiarimenti sui preventivi emessi per Sostituzione e/o riparazione oggetti danneggiati.

c. Notevole ritardo per la stesura della perizia (AGOSTO 2010) emessa, dopo diversi calcoli inesatti e dichiarazioni richiestemi, con atto di accertamento conservativo di danno senza nessuna richiesta di ulteriore documentazione, ne a me, ne ai centri autorizzati di cui aveva in custodia i numeri di recapito e i preventivi, ma che non ha mai contattato – Motivazione : nessuna dichiarazione di irreparabilità era stata fornita dai centri di assistenza autorizzati.

d. Avuto nuovamente Incarico per ulteriori chiarimenti, SOLO A FINE DICEMBRE 2010 prende il contattato con centro assistenza autorizzato che mi aveva però GIA fornito dichiarazione di irreparabilità degli oggetti danneggiati GIA fatta pervenire a INA ASSITALIA.

e. Notevole ritardo per invio sua ultima relazione. Solo a Febbraio 2001 mi comunica che la settimana precedente ha inviato relazione di cui però non mi può illustrare i contenuti.


IN SUPPORTO ESPONGO quanto segue :

Agli inizi di MAGGIO inoltro fax ad INA Assitalia informandola dei danni materiali e diretti causati da fenomeno elettrico con l’elenco completo degli oggetti danneggiati con relativa prova d’acquisto e/o i preventivi di sostituzione e/o riparazione fatti da centro autorizzato.

INA Assitalia DESIGNA per la perizia uno studio PERITALE , il quale si fa ATTENDERE 1 MESE, e solo a metà giugno finalmente ricevo la sua visita. Il Perito visiona regolarmente e fotografa gli oggetti danneggiati chiedendomi di tenerli a disposizione per la sola settimana successiva.
Il perito prende visione di tutta la documentazione e gli vengono forniti i recapiti dello studio tecnico da contattare per chiarimenti in merito a riparazione e/o sostituzione dei pezzi danneggiati, rimessi nel frattempo a disposizione del centro autorizzato per poterli visionare e analizzare nuovamente per dare eventuale supporto a PERITO dal quale dovevano essere contattati.

Per mia puntigliosità gli oggetti vengono da me conservati e mantenuti in visione da centro autorizzato per altre numerose settimane e smaltiti parzialmente solo dopo mio ennesimo fax di sollecito di contatto e di risoluzione della liquidazione del danno.

Agli inizi di Agosto ricevo perizia con atto di accertamento conservativo di danno ma il centro di assistenza autorizzato, che ha sconsigliato la riparazione in termini economici, non ha mai ricevuto nessuna comunicazione e/o contatto da parte del perito per poter dare ulteriori dettagli in merito ai preventivi forniti e per poter fornire eventuale dichiarazione di irreparabilità dei prodotti lasciati a loro ancora disponibili per Analisi e Perizia.

Dopo numerose Comunicazioni verbali con agente INA in mio riferimento e numerosi FAX di Sollecito destinate a INA ASSITALIA alla sede di Riferimento a metà di Novembre INVIO ULTIMO FAX di RECLAMO allegando ulteriori altre dichiarazioni.

Successivamente faccio pervenire a INA ASSITALIA , di mia iniziativa, la dichiarazione scritta di irreparabilità dei prodotti danneggiati rilasciata dal centro autorizzato, poiché intuisco essere l’oggetto del contendere per il ritardo e comunque oggetto dell’atto conservativo di danno del perito.

AD OGGI la situazione rimane IMMUTATA e nessuna LIQUIDAZIONE mi è ancora stata corrisposta.

Mentre l’ agente di riferimento mi conferma che devo solo aspettare assegno poiché tutto è stato definito, il perito non conferma nulla negandomi altre spiegazioni.

Dopo numerosi tentativi di parlare con la direzione, solo agli inizi di MARZO riesco ad ottentere un incontro con agente generali presso l’ufficio di zona, il quale parla di una offerta da me non accettata (FALSO) e si impegna in 1 settimana a portare a ROMA la proposta di liquidazione.

Nessuna Dichiarazione o Proposta mi viene PERO' Rilasciata per Iscritto.

Faccio inoltre presente che non mi è stato concesso di avere nessun’altra possibilità di contatto diretto al di fuori del PERITO e dell’agente di riferimento nonostante più volte espressamente richiesto.

Nessun NOME, nessun CONTATTO (di un liquidatore, di un responsabile o di altri Incaricati) mi è stato concesso di avere e sapere per poter chiedere delle spiegazioni formali in merito alla mia pratica.

AD OGGI SE NON INOLTRARE LE PRATICHE ALL 'ISVAP e ad altri organi di SORVEGLIANZA e di comunicazione, nessuna risposta mi è stata data.

Nonostante i continui tentativi di parlare con responsabile di zona Agente Generali, nessuna possibilità mi è stata concessa.

A mio parere l'impossibilità di potersi relazionare con un responsabile INA ASSITALIA nel COMUNE DI BUSTO ARSIZIO è una situazione non apprezzabile per i diritti di un consumatore.

SPERO che la mia situazione sia un caso ISOLATO, ma nel frattempo, CHIEDO a tutti di riflettere su questo caso di liquidazione e trarre individualmente le proprie CONCLUSIONI.
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
gvitos

gvitos

20.04.2011 19:09

certo che in Italia non siamo messi bene

Gloris1976

Gloris1976

14.04.2011 14:55

Anch'io ho avuti a che fare con INA di Busto Arsizio. Il mio problema era inerente una polizza vita... CHE FATICA RAGAZZI RIAVERE I MIEI SOLDI!

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su INA Assitalia è stata letta 4291 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"molto utile" per (100%):
  1. gvitos
  2. Gloris1976

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.