Opinione su

I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd (Agatha Christie)

Valutazione complessiva (1): Valutazione complessiva I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd (Agatha Christie)

6 offerte a partire da EUR 8,42 a EUR 12,00  

Tutte le opinioni su I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd (Agatha Christie)

 Scrivi la tua opinione


 


Indagini tra le nuvole parlanti.

3  16.01.2011

Vantaggi:
Leggere la Christie è sempre piacevole .

Svantaggi:
Formato, bianco e nero, solo per fans .

Consiglio il prodotto: Sì 

Dettagli:

Qualita' grafica

Qualita' delle storie

Simpatia/credibilita' dei personaggi

Reperibilita'

continua


gategate

Su di me: Esiste un prodotto per eliminare la polvere dalle opinioni? :-P - G R A Z I E ! - "Il serpente ...

Iscritto da:20.07.2004

Opinioni:510

Fiducie ricevute:830

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata Eccellente da 102 utenti Ciao

Qualcuno sperava di essersene liberato? Mai abbassare la guardia! Quando meno te l'aspetti, ricompare… tra le mie opinioni. Chi? Il detective belga più famoso del mondo, Hercule Poirot! Il celeberrimo ''figlio'' della scrittrice Agatha Christie.
Nemmeno l’abile travestimento l'ha salvato dall’acuto spirito d'osservazione del vostro Aquilotto (modestamente :-D). Eppure, qualcosa di strano c’è. Procediamo con ordine: che le indagini abbiano inizio.


!? La scoperta del corpo del reato... ?!


Il luogo, in cui tutto ebbe inizio, fu... casa mia! Niente panico, non è stato assassinato nessuno. :-P Stavo semplicemente sfogliando una rivista, quando notai la copertina di un libro di Agatha Christie. La mia attenzione non fu attirata tanto dal nome dell'autrice, quanto dal trovarlo in un mensile che si occupa prevalentemente di fumetti! La novità è questa. Alcuni suoi celebri romanzi, con protagonista Poirot, sono diventati fumetti, per opera di autori franco/belgi. Le Edizioni BD (iniziali di Bande Dessinée, ''striscia disegnata'' in francese), nel giugno 2009, hanno regalato, a noi lettori, la versione italiana.
Regalato è un eufemismo, ovviamente. Il "dono" costa 12 euro!
La cover propone l'inconfondibile sagoma di Poirot. Nella versione di Peter Ustinov, direi, o forse in quella di David Suchet. Non certo nell’interpretazione fornita da Albert Finney nel 1974 (Assassinio sull'Orient Express), considerando la "stazza". :-P In quarta di copertina (e sfogliando il volume :-P) s’apprende che il libro presenta graphic novel di un "gruppo di maestri del fumetto francese".


!? I delitti son serviti... ?!


Il primo caso da risolvere è intitolato Morte sul Nilo. Una copia di novelli sposi, Simon Doyle e la facoltosa Linnet Ridgeway, hanno scelto di trascorrere la luna di miele in Egitto. Tormentati (ma questo non l’avevano previsto) da Jacqueline De Bellefort, ex di Simon ed ex amica di Linnet, che le ha sottratto il fidanzato. Il caso vuole che in Egitto si trovi anche il grande detective Hercule Poirot. Il belga aveva già notato Simon e Jacqueline a Londra, dove sembravano filare d'amore e d'accordo... Ora tutto è cambiato. Linnet si sente minacciata e teme per la propria vita: confida le sue preoccupazioni a Poirot, che può fare ben poco. Tenta di far ragionare Jacqueline... invano.
I due sposi fuggono a bordo del battello Karnak, che li porterà in crociera sul Nilo, ma Jacqueline li ha seguiti. Anche Poirot, per fortuna, è salito sul natante (in questa storia, è ovunque, come il prezzemolo :-D).
Una sera, Jacqueline perde la testa. Minaccia il suo ex con una pistola, ferendolo accidentalmente ad una gamba. Sconvolta per l’accaduto, è sedata e vegliata tutta la notte da un'infermiera.
Il mattino dopo, Poirot si risveglia da un sonno profondo. Mai aveva dormito così bene! La realtà, però, è un incubo. Linnet è stata uccisa, con un colpo di pistola alla tempia. Raccolte le ultime forze, prima di spirare, ha tracciato con il suo sangue una "J" sulla parete della cabina. Jacqueline, però, non può sicuramente essere incolpata del delitto...

Secondo caso: l’intramontabile Assassinio sull'Orient Express. Sul lussuoso treno, che percorre l'Europa, è stato commesso un omicidio. Mister Ratchett, un uomo
Immagini
  • I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd (Agatha Christie) Immagine 1
  • I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd (Agatha Christie) Immagine 2
  • I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd (Agatha Christie) Immagine 3
  • I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd (Agatha Christie) Immagine 4
I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd (Agatha Christie) Immagine 1
Copertina dell'edizione italiana, di Giorgio Cantù. Ustinov o Suchet?
ricco che ha tentato di assumere Poirot (la storia si ripete :-P), è morto, colpito da dodici pugnalate. Il treno è bloccato, in mezzo al nulla, da una tempesta, in attesa della polizia e degli sgombraneve. L'assassino è, quindi, tra gli inquieti passeggeri.
Poirot cede alle richieste del suo amico Bouc ed indaga, per evitare scandali e fastidiose intromissioni della polizia nella vita privata dei passeggeri. Il delitto è legato al rapimento della piccola Daisy Armstrong, misfatto che originò una serie di morti, senza che la giustizia riuscisse a punire il responsabile. Qualcuno, sull’Orient Express, ha messo in atto l’audace piano per vendicarsi...

Non c'è tregua neanche per i detective in pensione! Poirot s'è ritirato in un piccolo villaggio, a coltivare zucche (sic!). Forse perché ha incontrato tante teste vuote, nel corso della sua carriera? :-P
Flora Ackroyd, conoscendo il valore del detective, gli chiede di indagare sulla morte dello zio. Il nuovo caso per Poirot sarà L'assassinio di Roger Ackroyd. Tante persone gravitano intorno a quest'uomo, puntando alla sua eredità. Tra ricatti e pettegolezzi, l'indagine sarà complicata. Tutti gli indizi sembrano puntare contro Ralph Paton, figlio squattrinato della moglie defunta di Ackroyd, improvvisamente scomparso.
Quando tutto è troppo semplice, però, le celluline grigie di Poirot non si convincono ed entrano in azione. Coadiuvate dal dottor Sheppard, che redige il resoconto della vicenda...


!? Accenni agli "autori dei delitti" ed un piccolo giallo ?!


Né la copertina del libro né il retro citano gli autori (tranne Agatha Christie, i cui geniali romanzi hanno ispirato questi fumetti). Probabilmente, si è ritenuto che fossero nomi sconosciuti al pubblico italiano. Sono indicati prima dell'inizio di ogni storia, senza fornire alcun elemento della biografia. Cercherò di rimediare.
I primi due casi portano la firma di Francois Rivière (sceneggiatura) e Solidor (disegni). L'attività di Rivière spazia in numerosi campi: critico letterario, editore, romanziere, traduttore, biografo ("Agatha Christie, duchesse de la mort") ed, ovviamente, autore di fumetti. Lo pseudonimo Solidor cela Jean-Francois Miniac, che alterna l'attività di disegnatore a quella di scrittore. Lo ideò in occasione della ristampa francese dei lavori presentati in questo volume (2002/2003), quasi per prenderne le distanze, in quanto riteneva che il suo stile si fosse ormai affrancato dal realismo di quando lavorò a quelle opere.
A differenza dei primi due autori, francesi, colui che s'è occupato del terzo caso di Poirot, Bruno Lachard è belga (conterraneo di Hercule!). Pur avendo studiato fumetto, all'inizio della sua carriera si dovette limitare a... vendere quelli degli altri, in negozio. In seguito la musica cambiò, per sua e nostra fortuna.

Sulle copertine delle edizioni francesi di "Le Meurtre de Roger Ackroyd" (nelle prime uscite, le più recenti portano il titolo originale inglese) accanto al nome di Bruno Lachard appare quello di Ongalro (o Alexandre Robert). Si tratta di colui che colorò le tavole: per questo non è stato indicato nel volume italiano, in bianco e nero.


!? Conclusioni ?!


In Francia, i tre racconti sono stati pubblicati separatamente. Questo significa un risparmio per i nostri portafogli: 12 euro, mentre le prime edizioni transalpine dei singoli volumi costano 10,50 euro, le più recenti poco più di dodici. Un buon investigatore, però, non si ferma all'apparenza. Le edizioni francesi sono cartonate, hanno un formato più grande e, dulcis in fundo, le tavole sono colorate! In definitiva, il nostro volume sembra il parente povero, purtroppo. Pazienza per la riduzione del formato delle tavole, anche se resta la sensazione che le vignette contengano troppi elementi e le parole dei balloon siano piccole. Si perdono i particolari delle tavole, molto curate. I colori, però, non si possono immaginare! Peccato.
Spiace non trovare articoli d'approfondimento, sugli autori, sulla Christie, sui film. Argomenti da approfondire ve ne sono parecchi… Sono indicati gli anni di pubblicazione dei romanzi, ma non quelli delle uscite dei fumetti.

Mi ha colpito favorevolmente la cura con cui è stata tradotta l'opera, tanto che cito il nome del responsabile, Marco Cedric Farinelli. E' raro incontrare, in un fumetto, termini come "addirsi" (pagina 10) e "inopinato" (pagina 17). Farinelli utilizza parole non frequenti nel linguaggio corrente, ma non per questo meno eleganti o inappropriate.

Riguardo al primo racconto, Morte sul Nilo, critico l'incipit: tantissime informazioni in poche pagine (che emicrania! :-P). Assodato che Poirot deve essere già noto al lettore (e questo si può accettare) e, quindi, non è presentato, anche gli altri personaggi irrompono sulla scena, all'improvviso. Si esce frastornati dal fatto che Simon è innamorato di Jacqueline e, dopo poche vignette, è sposato con Linnet! Per non parlare dei tanti personaggi presenti, con un ruolo modesto, considerando la brevità del fumetto. L’omicidio di pagina 42 quasi non si nota! Gravissimo. Gli autori avrebbero dovuto eliminare qualche personaggio (intendo, non presentandolo: lungi da me l’idea di istigare al delitto! :-D): il racconto non ne avrebbe risentito, secondo me. Nella prima pagina, poi, la telefonata tra Linnet e Jacqueline pare avvenire in contemporanea con il ballo di Jacqueline e Simon: manca una didascalia per avvertire che la scena è avvenuta in precedenza.
Colpo di genio, invece, il balloon a pagina 29 ("Si calmi, Louise..."), non attribuito ad un personaggio individuabile, in quel momento. Solo un attento osservatore capirà chi sta parlando (è spiegato a pagina 47). Indizio importante, mostrato con noncuranza: il tipico stile della Christie diventa fumetto. Se queste trovate fossero state numerose, saremmo di fronte ad un capolavoro.
Mal si conciliano con la serietà dei temi trattati, a parer mio, alcune vignette con stelline e teschio a pagina 40, per indicare parolacce, o le onomatopee, scritte a caratteri cubitali, a pagina 48 (ricordano i telefilm di Batman con Adam West!).
Nemmeno il finale affrettato (pagina 50) mi ha soddisfatto. In poche tavole succede di tutto, il suicidio sembra un incidente di percorso!

Il secondo racconto, Assassinio sull'Orient Express, è, non ho dubbi, il migliore della raccolta. Si fornisce una versione originale del celeberrimo romanzo, citando alcune scene dell'altrettanto famoso film del 1974, con Albert Finney nei panni di Poirot. La riduzione a fumetti è magistrale. I personaggi sono numerosi, anche questa volta, ma abilmente presentati. Alcuni sono indicati a Poirot dal suo compagno di viaggio, altri si presentano da soli, altri ancora sono notati dal detective. Le inquadrature sono varie, alleggeriscono il clima claustrofobico di un ambiente chiuso qual è il treno e contribuiscono a conferire un buon ritmo alla narrazione.
L'unico appunto da rivolgere alla sceneggiatura riguarda la seconda vignetta da destra, in alto, a pagina 54. Il flash-back sul rapimento di Daisy, posto tra due scene sul treno, senza didascalie, non comprensibile da chi non conosca romanzo o film.
Avverto, ancora, un leggero fastidio alla vista dei balloon comici e delle onomatopee, alle pagine 58 e 59.

Il problema della folla dei personaggi si ripresenta nel terzo racconto, L'assassinio di Roger Ackroyd. A creare caos sono i rapporti di parentela tra i personaggi, presentati in pochissime pagine. L'unica soluzione, per essere chiari, sarebbe stata presentare un elenco o uno schema. La confusione contagia anche lo scrittore (o il traduttore?): Ralph Paton definisce suocero il patrigno (pagina 104).
Il terzo racconto è il peggiore della serie. Ho faticato a concluderne la lettura. Non incolpo l'autore, bensì la trama. Basata su intrecci di parentela e chiacchiere di paese e sulla narrazione diretta da parte del dottore (il che significa una marea di didascalie!). Le immagini sono spesso superflue, l'azione è quasi assente. La scelta, poi, di proporre vignette "ipotetiche", che, cioè, rendono concrete le ipotesi formulate, vivacizzando la situazione stagnante, spiazza ulteriormente il lettore, già esausto e disperato.
Molto interessante vedere Poirot invecchiato. Fisicamente il disegnatore lo rende molto bene. Notevolmente appesantito, irriconoscibile rispetto alle versioni cinematografiche e televisive. Eppure tanto realistico.

Lo spirito dei romanzi è intatto. Temo che, nel tentativo di non stravolgere l'opera ispiratrice, si sia peccato nel senso opposto. Si è cercato di non perdere alcun elemento, inserendone troppi in racconti così brevi. Assenza di pause, quindi. Ritmo sostenuto per la necessità di condensare tante informazioni in uno spazio angusto. Tanti personaggi che interpretano ruoli marginali... Il lettore occasionale getterà la spugna! Base di partenza indispensabile, quindi, è la precedente conoscenza dei libri della Christie o dei film e dei telefilm tratti dalle sue opere. Solo in questo modo s'apprezzeranno i fumetti. Iniziativa interessante, senza ombra di dubbio, ma rivolta ai fan. V'è il rischio fondato di allontanare dalla Christie chi le si avvicini partendo da questi fumetti. Ne ricaverebbe l'impressione che abbia scritto opere caotiche, dense di tematiche e di personaggi. Pesanti, pur nella genialità delle soluzioni finali.
Osservazioni che non valgono per il secondo racconto, perfetto. L’unico da consigliare, a tutti, senza riserve. :-)

"La natura selvaggia... un luogo in grado di risvegliare gli istinti più brutali, parola di Hercule Poirot!" .

Immagini © Edizioni BD srl, Emmanuel Proust Editions, Partvonal Kiadò (per le opere in magiaro)


  1. Copertina dell'edizione italiana, di Giorgio Cantù. Ustinov o Suchet?
  2. Pagina tratta dal primo racconto, edizione ungherese, con tavole colorate.
  3. Poirot maldestro? No, deve semplicemente controllare a chi appartenga un fazzoletto. :-P
  4. Prima pagina del terzo racconto. Si noti l'uso smodato delle didascalie. La voce narrante prevale sulle immagini.
  5. Copertina dell'edizione francese (2002) del primo racconto.
  6. Il Poirot transalpino, in procinto di salire sull'Orient Express (2003).
  7. Il terzo racconto, con i nomi dei due autori (2004).
  8. Il retro dell'edizione francese mostra il pensionato Poirot.
  9. Confronto tra una vignetta ed il film del 1974 (EMI Film Distributors Ltd.), diretto da Sidney Lumet. Ottimi entrambi!
  10. In chiusura, il retro del volume. Qualche notizia ed una sinistra bottiglietta. :-P
Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
lOverella

lOverella

12.09.2012 10:49

mi intrigherebbe leggere la versione originale di assassinio sull'orient express :)

lauraestrema

lauraestrema

17.04.2011 10:47

speciale

joetaras

joetaras

24.03.2011 22:58

Parlare di Agatha Christie non è mai semplice perché si rischia di cadere nel banale. Ovviamente tu hai accuratamente evitato di caderci. Grande come sempre

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento
Compara i prezzi ordinate per Prezzo
I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd (Agatha Christie)

I grandi casi dell'ispettore Poirot.​ Assassinio sull'Orient Express-​Morte sul .​.​.

Pagine: 150, Copertina flessibile, Edizioni BD

€ 8,42 amazon.it libri 511 Valutazioni

Costi di sped.: EUR 2,80

Disponibilità: Generalmente spedito in 24 ore.​.​.

     Al negozio  

amazon.​it libri

I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd Agatha Christie

I grandi casi dell'ispettore Poirot.​ Assassinio sull'Orient Express-​Morte sul .​.​.

I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul ...

continua

€ 9,00 Inmondadori.it 38 Valutazioni

Costi di sped.: EUR 2,90

Disponibilità: vedere sito

     Al negozio  

Inmondadori.​it

Letterature#graphic novels Christie Agatha

Letterature#gra​phic novels Christie Agatha

Agatha Christie: i grandi casi di Poirot

€ 9,00 Lafeltrinelli.it 54 Valutazioni

Costi di sped.: Disponibile

Disponibilità: vedere sito

     Al negozio  

Lafeltrinelli.​it



Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd (Agatha Christie) è stata letta 940 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (98%):
  1. lOverella
  2. joetaras
  3. djsip
e ancora altri 106 iscritti

"molto utile" per (2%):
  1. lauraestrema
  2. fchurch

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.
Prodotti interessanti per te
Dodici (Zerocalcare) Dodici (Zerocalcare)
(+) Divertente, buona tecnica, attenzione ai dettagli.
(-) È carico di citazioni che potrebbero non essere comprese da tutti
1 Opinioni
Acquista a soli € 7,99
Educazione sessuale a fumetti! (Pierluigi Diano) Educazione sessuale a fumetti! (Pierluigi Diano)
Collana: Percorsi familiari
2 Opinione
Acquista a soli € 7,80
È tutto sotto controllo (Silvia Ziche) È tutto sotto controllo (Silvia Ziche)
(+) geniale!
(-) nessuno!!!
1 Opinioni
Acquista a soli € 9,00
Risultati simili a I grandi casi dell'ispettore Poirot. Assassinio sull'Orient Express-Morte sul Nilo- L'assassino di Roger Ackroyd (Agatha Christie)