I grandi miti della psicologia popolare. Contro i luoghi comuni

Immagini della community

I grandi miti della psicologia popolare. Contro i luoghi comuni

"Ascoltare Mozart rende più intelligenti." "L'adolescenza è sempre un periodo difficile." "Gli opposti si attraggono, tendiamo ad amare chi è diverso ...

> Vedi le caratteristiche

80% positiva

1 opinioni degli utenti

Opinione su "I grandi miti della psicologia popolare. Contro i luoghi comuni"

pubblicata 16/04/2016 | Nicole.co
Iscritto da : 20/09/2015
Opinioni : 68
Fiducie ricevute : 24
Su di me :
Buono
Vantaggi tutti
Svantaggi Nessuno
molto utile
Contenuti
Reperibilità
Qualià Materiale

"Perfetto per conoscere i meccanismi del cervello"

Premetto che ogni tanto, desidero leggere libri di psicologia, che possibilmente abbiano un minimo di nozioni senza essere fortemente nozionistici e solo ed eslussivamente per esperti e fissati.

La scelta, tempo fa, è caduta su questo libro di John Ruscio,Steven Jay Lynn,Scott O. Lilienfeld,Barry L. Beyerstein, perchè mi era molto piaciuta la recensione che ne faceva il Corriere della Sera, in cui ne dettagliava le parti.
E' un testo divulgativo scritto in maniera scorrevole e divertente, in cui si affronta in maniera scientifica, cosa accade nel nostro cervello, e quali sono le cose che funzionano e le cose che non funzionano, ad esempio, in caso di prestazioni, ma anche sfatare i luoghi fin troppo comuni della cosiddetta "psicologia popolare".
In pratica, la scienza spiega la psicologia,
Lo consiglio a chi vuole avvicinarsi alla psicologia, in ogni suo ambito, e vuole anche tutelarsi, perchè i manipolatori sono anche in tale ambiente (e posso assicurarvi che ne ho conosciuti di ignobili)

Lo consiglio a tutti, anche se viene considerato per addetti ai lavori, perchè è ben scritto ed è scorrevole (come ho già fatto presente).

Buona lettura!

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 210 volte e valutata
100% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Safi1983 pubblicata 17/04/2016
    molto bene
  • skylark_83 pubblicata 16/04/2016
    grazie!
  • MeryG1963 pubblicata 16/04/2016
    molto bene :)
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Offerte "I grandi miti della psicologia popolare. Contro i luoghi comuni"

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : I grandi miti della psicologia popolare. Contro i luoghi comuni

Descrizione del fabbricante del prodotto

"Ascoltare Mozart rende più intelligenti." "L'adolescenza è sempre un periodo difficile." "Gli opposti si attraggono, tendiamo ad amare chi è diverso da noi." "La colite è causata da stress." Credete a una qualsiasi di queste affermazioni? Allora dovete assolutamente leggere questo libro... Sradicare le falsità non è un compito facile ma gli autori di quest'opera riescono appieno nel loro obiettivo: sfatare i luoghi fin troppo comuni della cosiddetta "psicologia popolare", spiegare perché tendiamo a cadere vittime di tali falsità, evidenziare come la "realtà" possa essere affascinante quanto i miti con cui ci ritroviamo a fare i conti ogni giorno. Vengono anche presentati esempi paradigmatici di come la scienza funziona davvero e ogni capitolo costituisce uno stimolo a esercitare la capacità di pensiero critico. Peraltro, applicare la scienza alla psicologia basata sul senso comune non è solo straordinariamente utile, è anche divertente.

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788860304247

Tipologia del prodotto: Libro in brossura, Libro

Traduttore: C. Marchetti

Numero totale di pagine: 391, 380

Tipo di illustrazioni o altri contenuti: sono presenti illustrazioni

Alice Classification: Psicologia

Editore: Cortina Raffaello

Data di pubblicazione: 2011

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 05/10/2011