I peccati di Peyton Place (Grace Metalious)

Immagini della community

I peccati di Peyton Place (Grace Metalious)

Collana: La Gaja scienza

> Vedi le caratteristiche

73% positiva

3 opinioni degli utenti

Opinione su "I peccati di Peyton Place (Grace Metalious)"

pubblicata 12/10/2014 | vespana150
Iscritto da : 24/09/2014
Opinioni : 137
Fiducie ricevute : 89
Su di me :
Ottimo
Vantaggi +++
Svantaggi ---
Eccellente
Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

"I peccati di Peyton Place: incesto, morte e passione"

I peccati di Peyton Place (Grace Metalious)

I peccati di Peyton Place (Grace Metalious)

Trama


Una piccola città del New England, negli anni Quaranta. Gente perbene, famiglie solide, religione e lavoro, educazione e rispetto reciproco. Il volto pulito del sogno americano, una facciata pronta a crollare. Violenza familiare, tradimenti, moralismo e intransigenza, le speranze e le disillusioni degli adolescenti, le sconfitte degli adulti: niente è come sembra, a Peyton Place.

Opinioni


Un romanzo che è stato letto di nascosto, scandalizzando milioni di persone e vendendo milioni di copie, e che ha dato vita all'industria dei sequel e degli adattamenti, con due serie televisive e due film leggendari.

Tra incesto, morte e passione, oscenità e pettegolezzi, Grace Metalious - «Pandora in blue jeans», come veniva chiamata - ha lasciato un'opera che è al tempo stesso pop e trash, rivoluzionaria e imprescindibile.

I numeri fanno sorridere rispetto a quelli vantati dal più recente e un po' scemo e molto abile grande successo editoriale. Sessant'anni fa, in un mondo totalmente diverso, di cui è difficile far capire a chi ha oggi vent'anni le limitazioni, le crudeltà, gli spaventosi lacciuoli dell'ipocrisia che imprigionavano la vita privata, in quel mondo di (a)moralità dimenticata, il successo e lo scandalo prodotti dall'apparizione di Peyton Place furono immensi.

Altro che paragonarlo a Sex and the City o a Desperate Housewives_. E non c'è nulla in comune tra Peyton Place e Twin Peaks se non la Piccola Città, che da Capra a Thornton Wilder a Edgar Lee Master, ha sempre rappresentato il concentrato del bene e del male della cultura americana, e la logica repressiva - che nella serie di Lynch diventa terrore irreale - di un'organizzazione sociale maschilista e feroce, occhiuta e ipocrita, piena di regole e di codicilli pensati per rendere la vita punitiva e invivibile.

E così, quando cinquant'anni fa apparve come un Ufo nel paesaggio letterario americano il romanzo di una casalinga inquieta di nome Grace Metalious - un romanzo in cui si parlava apertamente di alcolismo e di incesto, di un aborto (un aborto!!!) e di gravidanze extraconiugali, di piacere sessuale e di sessualità adolescenziale - lo scandalo, e il correlato successo, furono immensi. Ma secondo modalità impensabili oggi.

E Peyton Place , dal titolo di un romanzo destinato a trasformarsi in uno dei primi blockbusters della storia editoriale, dopo la Bibbia e Via col vento, divenne un'antonomasia, un simbolo, l'etichetta di un mondo pieno di terribili segreti, di peccati, di sesso occulto, di vizi privati e di pochissime pubbliche virtù.

Correva l'anno 1956, ma Grace Metalious cominciava la sua storia nel 1938, in una mitica età dell'oro rooseveltiana, lontana da ogni vento della politica o della storia, e la portava avanti attraverso gli anni della guerra vista dalle pacifiche retrovie. Metalious era nata nel 1924 a Manchester, nel New Hampshire, da una famiglia disastrata dalla partenza del padre (e quindi scriveva Peyton Place sulla soglia dei suoi trent'anni e sulla scorta di molte difficili esperienze personali).

Era una desperate housewife, sposata da quando aveva diciotto anni (e sposata da incinta), con George Metalious, un signore di origine greca. Nel 1955, quando tirò fuori quello che diventerà Peyton Place e che allora di chiamava The Tree and the Blossom, aveva già tre figli. Il futuro Peyton Place fece il giro di molte case editrici, e venne regolarmente rifiutato, finché non finì sulla scrivania di tale Kathryn Messner, una signora a capo della Lippincott, che capì subito quale materiale aveva per le mani.

Grace firmò immediatamente un contratto per l'anticipo di 1500 dollari. Però il romanzo dovette subire una serio lavoro di editing, non solo per abbellirlo - cosa che già turbava l'autrice - ma, ciò che la offese anche di più, per alleggerirlo della sua tragica carica di scandalo. Perché non condivido quello che si afferma (o si cita?) nella sia pur interessante introduzione al libro di Mattia Caratello. Peyton Place non è «un libretto da quattro soldi rozzo e piccante».
Irene Bignardi, per La Repubblica

Opinione personale


Avrò letto questo libro in circa due settimane, per un progetto promosso dall'Università di Napoli Federico II. L'intento era proprio quello di effettuare una indagine sociologica sulla piccola cittadina protagonista del Romanzo. Essa infatti rispecchia la nostra società per gli usi ed i costumi. Per i pettegolezzi, i tradimenti, le liti fino ad arrivare alla morte. Interessante l'aspetto introspettico del romanzo che aiuta il lettore a capire la dimensione del posto ed a riflettere sulle modalità di socializzazione della società post-moderna.
Un romanzo che consiglio a tutti, per la semplicità di lettura ed i contenuti ad alto contenuto introspettico
l'estate indiana...

L’estate indiana è come una donna: morbida, calda, appassionata, ma incostante. Va e viene come e quando le pare e nessuno sa se arriverà davvero né per quanto si tratterrà.
All’inizio d’ottobre di quell’anno, l’estate indiana arrivò in una città chiamata Peyton Place. Come una donna fascinosa e sorridente, l’estate indiana venne e si distese sulla campagna rendendola indicibilmente bella.

Approfondimenti su Grace Metalious


Grace Metalious (Manchester, 8 settembre 1924 – Boston, 25 febbraio 1964) è stata una scrittrice statunitense.

Nata Marie Grace de Repentigny, inizia a scrivere già in giovane età. Prima dei vent'anni sposa George Metalious, laureato in sociologia e preside della scuola di Gilmanton.
La vita da casalinga di provincia le lascia il tempo di scrivere. Nel 1956 sceglie casualmente un agente letterario cui invia il testo del romanzo al quale lavorava da tempo. Si tratta di Peyton Place, diffuso in Italia col titolo I peccati di Peyton Place.

L'opera ottiene un grande successo di pubblico mentre la critica la disprezza. Il libro vende milioni di copie, anche all'estero, entrando così nel novero dei 16 maggiori best-seller della storia della cultura (cioè dei libri che han superato i 10 milioni di copie in tutti i tipi di edizione).

Nella vicenda confluiscono sia aspetti autobiografici (la gioventù povera dell'autrice) sia ispirazioni dalla cronaca (alcuni anni prima una giovane uccise il patrigno che la violentava nella vicina località di Alton). La fittizia cittadina di Peyton Place pare esser la combinazione di due abitati del New Hampshire (nel nordest degli Stati Uniti): Gilmanton, dove abitava la Metalious e Laconia, la città più vicina delle dimensioni attribuite a Peyton.

Hollywood non perde tempo ed è pronta a trarne una pellicola con Lana Turner e Hope Lange, che esce nel 1957 (in Italia col titolo I peccatori di Peyton) ed amplifica la grande fama già raggiunta dal romanzo.

L'anno successivo Grace si rimette al lavoro e scrive "Ritorno a Peyton Place", un'opera meno densa di avvenimenti ma scritta meglio, che ha un successo inferiore al primo libro. Hollywood anche stavolta ne trae una pellicola, Ritorno a Peyton Place (1961, che ha meno successo anche perché nessuno degli attori del primo film è presente, dando così al pubblico l'idea di esser un prodotto scadente, nonostante la presenza di attori di vaglia quali Tuesday Weld e Mary Astor.

Nello stesso anno esce La camicia bianca, terzo lavoro della Metalious, cui segue Niente Eden per Adamo, nel 1963. Non hanno lo stesso successo di Peyton Place, ed in Italia son tutti editi dalla Longanesi.

Grace Metalious muore all'età di 40 anni per cirrosi epatica da alcolismo. È sepolta al cimitero del suo paese, Gilmanton.

Sulla Metalious esiste una biografia in inglese scritta da Emily Toth.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 359 volte e valutata
85% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • saretta98 pubblicata 14/10/2014
    Eccellente
  • degcash pubblicata 12/10/2014
    grazie
  • autoscan pubblicata 12/10/2014
    si, hai fatto parte di un gruppo di studio anche per comingsoon. Gruppo di studio non corrisponde ad essere l'autore di un articolo firmato Daria Bignardi.Questa la tua precedente opinione http://www.comingsoon.it/film/la-cieca-di-sorrento/24396/scheda/
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : I peccati di Peyton Place (Grace Metalious)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Collana: La Gaja scienza

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788830401068

Tipologia del prodotto: Libro

Autore: Grace Metalious

Traduttore: A. Pellegrini

Numero totale di pagine: 400

Alice Classification: LETTERATURE STRANIERE: TESTI

Editore: Longanesi

Data di pubblicazione: 1984

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 18/12/2009