Il grande racconto dei viaggi d'esplorazione, di conquista e d'avventura (Attilio Brilli)

Immagini della community

Il grande racconto dei viaggi d'esplorazione, di conquista e d'avventura (Attilio Brilli)

Migrazioni, invasioni, esodi, anabasi, deportazioni: la storia dei popoli è segnata dal procedere collettivo dei viaggi. Al di là di questi cataclismi...

> Vedi le caratteristiche

100% positiva

1 opinioni degli utenti

Opinione su "Il grande racconto dei viaggi d'esplorazione, di conquista e d'avventura (Attilio Brilli)"

pubblicata 30/05/2017 | FCasillas
Iscritto da : 05/05/2014
Opinioni : 54
Fiducie ricevute : 35
Su di me :
La musica non dice bugie, i cantanti sono bravi a mentire... io suono solamente!
Ottimo
Vantaggi da leggere, sfogliare e conservare.
Svantaggi nessuno in particolare
Eccellente
Contenuti
Reperibilità
Qualià Materiale

"Il grande racconto dei viaggi d'esplorazione ecc..."

Qualche tempo fa, da un carissimo amico ho ricevuto in regalo questo libro dal titolo chilometrico. Regalatomi per la mia grande passione per i viaggi che, per lavoro o piacere, mi hanno portato in tante parti del mondo. Viaggiare è liberare la mente e il corpo, è scoprire e scoprirsi. Conoscere nuovi luoghi, nuovi stili di vita è sempre un arricchimento culturale personale. In definitiva ad ogni viaggio si apporta un cambiamento soggettivo significante.

Pertanto, questo libro di tantissime pagine, per la precisione 562, di cui 140 circa di illustrazioni e mappe, edito dal “Il Mulino” è un ricco studio a partire dalle avventure di Marco Polo fino ad arrivare viaggiando nei secoli al novecento, intraprendendo un’analisi minuziosa dei grandi viaggi che cambiarono il mondo, dopo aver cambiato la vita di chi li ha avviati.

Il libro è ricchissimo di citazioni tratte dai diari dei grandi navigatori e viaggiatori, analizzando giornali di bordo e diari. E la conclusione che trae dal suo studio l’autore è in definitiva che, la naturale sete di conoscenza andasse a braccetto con la brama di ricchezza, che a pensarci bene non è poi così tanto scontato. E nel contempo si afferma con una certa sicurezza data da riscontri oggettivi che tra esploratori e pirati c'era poca difformità ed ecco qui li binomio “di conquista e d'avventura”. Dove le sbalorditive rotte tracciate mentre si solcavano gli oceani a bordo di navi veloci e ben armate, che viste con gli occhi odierni assomigliavano più a carrette dei mari che a navi! Con il consenso e i finanziamenti di lungimiranti regnanti, consentirono la nascita di una nuova epoca nella storia del mondo.

Il modello studiato e fonte di ispirazione per molti è stato in particolare per gli italiani, secondo l’autore, Marco Polo, in quanto il famosissimo Il Milione costituisce la prima testimonianza in cui si dà prova di un atteggiamento costruttivo associato a vera e propria ansia di conoscenza. Il commercio offre indubbiamente l'opportunità di arricchirsi e, nello stesso tempo, consente materialmente di esplorare universi sconosciuti cercando di carpirne i segreti.

Allo stesso tempo le successive grandi battaglie commerciali intraprese dai mercanti italiani contro i grandi colossi dell’epoca Inghilterra, Spagna e Portogallo è un tratto inconfondibile della risolutezza che, secondo l’autore, costituisce un primo elemento dell'identità nazionale ch si va affermando. Ma oltre a tutto quello che si scatenò nei mari, oltre alle innumerevoli “figuracce” dovute ai fortunali che in più di un’occasione distrussero intere flotte, a volte i viaggi di esplorazione e conquista potevano nascondere sorprese, scoperte e nuove conoscenze culturali. Insomma, una continua fucina di evoluzioni dove quotidianamente nasceva una nuova mappa o una cartografia più dettagliata.

La sapiente analisi di Brilli arriva, come detto fino all'inizio del Novecento, chiudendo il cerchio sul suo studio, ossia fin quando dopo secoli gli avventurieri europei avevano ispirato svariati viaggi che in quel periodo stavano divenendo un ricordo del passato, i popoli più o meno colonizzati iniziavano a reclamare libertà e indipendenza. L’epilogo lo si ha dopo la seconda guerra mondiale, ciò quando, smembrati gli imperi, le carte geografiche acquisirono nuovi colori, le penetrazioni commerciali presero a seguire altre strategie. E molte mappe a lungo familiari agli europei dovettero essere ridisegnate.

In definitiva 562 piacevolissime pagine di un libro studio che, per chi appassionato è davvero molto piacevole da leggere, sfogliare e conservare.


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 55 volte e valutata
79% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • lupo68 pubblicata 06/06/2017
    mettiamo in lista
  • hope79 pubblicata 05/06/2017
    ECCELLENTE opinione!!!
  • kolossal pubblicata 02/06/2017
    Eccellente!
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Il grande racconto dei viaggi d'esplorazione, di conquista e d'avventura (Attilio Brilli)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Migrazioni, invasioni, esodi, anabasi, deportazioni: la storia dei popoli è segnata dal procedere collettivo dei viaggi. Al di là di questi cataclismi umani, sono singoli personaggi ad assumersi il compito di andare oltre l'orizzonte conosciuto. Nell'interminabile percorso terrestre di Marco Polo verso il Catai, in quello marittimo di Cristoforo Colombo che s'imbatte nel continente imprevisto, nelle peregrinazioni dei mercanti avventurieri veneziani, genovesi, fiorentini ritroviamo una stessa visionaria temerarietà. Ma proprio le loro vicende valgono a ricordarci che spirito ardimentoso di avventura e volontà di dominio nell'Europa dei potentati sono inscindibili. A Oriente come a Occidente con l'apertura delle grandi rotte oceaniche il viaggio d'esplorazione si fa subito viaggio di conquista, fatto di avidità e conoscenza, scoperta e sfruttamento, richiamo dell'ignoto e brama di ricchezze. E oggi? Oggi che i viaggi non offrono più i loro tesori, ripercorrere quelle avventure significa attingere alla formidabile risorsa dell'immaginario e, in compagnia di navigatori, pirati, cannibali, eruditi, sultani, gioiellieri e gesuiti, appassionarsi a inedite trame narrative, consapevoli delle irriducibili contraddizioni di quella eredità in divenire che chiamiamo civiltà.

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788815259790

Tipologia del prodotto: Libro rilegato

Autore: Attilio Brilli

Numero totale di pagine: 562

Tipo di illustrazioni o altri contenuti: sono presenti illustrazioni

Alice Classification: Geografia Generale. Viaggi

Editore: Il Mulino

Data di pubblicazione: 2015

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 21/07/2015