Opinione su

Il silenzio del ghiaccio (Tess Gerritsen)

Valutazione complessiva (1): Valutazione complessiva Il silenzio del ghiaccio (Tess Gerritsen)

 

Tutte le opinioni su Il silenzio del ghiaccio (Tess Gerritsen)

 Scrivi la tua opinione


 


Il silenzio uccide

4  01.01.2012 (02.01.2012)

Vantaggi:
trama scorrevole, buon ritmo della narrazione

Svantaggi:
personaggi superficiali

Consiglio il prodotto: Sì 

Dettagli:

Contenuti

continua


eusapia

Su di me: Tanto tempo fa un angelo giaceva morente nella nebbia. E un diavolo si inginocchiò su di lui e sorri...

Iscritto da:24.06.2003

Opinioni:161

Fiducie ricevute:211

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata Eccellente da 46 utenti Ciao

Maura Isles è una stimata anatomopatologa, seria e molto preparata.

La sua vita professionale va alla grande, ma la sfera personale è piuttosto incasinata.

Infatti, Maura ha una relazione sentimentale con Daniel Brophy, una sacerdote cattolico ed è ovvio quanto la loro storia sia scomoda e debba rimanere segreta agli occhi di tutti.

Dopo l’ ennesima discussione tra i due, Maura deve partire per un congresso medico a Jeckson Hole nel Wyoming, un’ ottima scusa per staccarsi dalle difficoltà quotidiane della loro storia d’amore impossibile.

Il convegno è interessante e Maura sembra essersi rilassata almeno un po’.

L’ inaspettato incontro con Doug Comley, suo vecchio compagno di college ,e la serata trascorsa in sua compagnia hanno fatto si che Maura finalmente si sia distratta dai suo problemi.

Così quando Doug le propone di passare il fine settimana con lui, sua figlia e una coppia di amici, Maura contravviene al suo solito comportamento estremamente razionale accettando l’ invito.

Il gruppo parte alla volta della montagna, ignari che il clima stia peggiorando rapidamente.

La strada innevata, il navigatore che indica una stradina sperduta, il suv che slitta sulla strada ghiacciata sono complici dell’ inizio dei loro problemi.

L’ auto finisce fuori strada nel mezzo al nulla ,i cellulari non prendono il segnale, così il gruppo di amici è bloccato nella neve.

Non sanno cosa fare, sono troppo lontani sia per tornare indietro che per arrivare alla meta e poi, a piedi, sarebbe comunque impossibile fare qualsiasi cosa.

Sembrano destinati a rimanere li a congelarsi al freddo, almeno fino a quando Maura vede tra la neve un cartello che indica una strada privata destinata solo ai residenti.
Questo significa che lì da qualche parte, non troppo lontano, debba esserci un villaggio.

Così il gruppo si incammina alla volta di Verrà il regno , questo è il nome del piccolo villaggio sperduto tra la neve.

Una volta arrivati all’ insediamento si rendono immediatamente conto che c’è qualcosa di strano.

Le dodici case identiche che costituiscono Verrà il regno sono deserte.
Sembra che gli abitanti si siano volatilizzati nel nulla.

Tutto indica che se ne sono andati in tutta fretta.
Le porte non sono state chiuse a chiave, le finestre lasciate aperte, addirittura le tavole sono apparecchiate e i cibi sono ancora nei piatti.

Questo è molto inquietante, ma al momento per Maura e compagni non ci sono alternative, almeno li sono al riparo.

“Esplorando” le varie case scoprono che in ogni garage è ancora presente un auto e una jeep con delle vecchie catene sembra proprio essere la loro via d’ uscita da quella situazione.

Il gruppo si mette di nuovo in marcia e, quando la macchina rimane bloccata nuovamente nella neve, Doug e il suo amico Arlo sono costretti a scendere e spingere.

In una frazione di secondo la situazione precipita, le catene cedono imprigionando la gamba di Arlo che viene terribilmente maciullata.

Doug e Maura riescono a bloccare l’ emorragia, ma per Arlo le probabilità di sopravvivere sono veramente poche.

Così tutti sono nuovamente bloccati in quel posto sperduto, tagliati fuori dal mondo e senza via di fuga.

Quello che doveva essere un week end all’insegna del divertimento in poco tempo è diventato un incubo.

Ma a Verrà il regno saranno veramente al sicuro?
Che cosa è accaduto alle famiglie che vi vivevano?
Qualcuno andrà a cercare Maura e i suoi nuovi amici?

Nel frattempo, Daniel Brophy non ricevendo chiamate da Maura, si mette in allerta.

Questo comportamento non è consono alla personalità pragmatica della sua compagna, deve esserle successo qualcosa, perciò il sacerdote si è rivolto al detective Jane Rizzoli, amica e collega di Maura.

Jane non più fare altro che mettersi in contatto con le autorità di Jackson e collaborando con loro si metterà sulle tracce dell’amica scomparsa ...


== Considerazioni==

Dopo aver letto con delusione “Il college delle brave ragazze” ero rimasta con la voglia di gustarmi un bel thriller.

Così in libreria mi sono guardata in giro e ho finito per scegliere proprio questo romanzo di Tess Gerritsen, regina del genere medical thriller, tanto da aver ispirato “Rizzoli & Isles” la nuova serie tv.

La trama de “Il silenzio del ghiaccio “ mi ha subito colpita e il trafiletto in copertina mi ha definitivamente convinta.

“Dodici case identiche. Vuote. Dodici famiglie scomparse. Nel nulla. Una verità sepolta. Nel gelo.”

Questo romanzo mi ha intrigato fin dalle prime pagine e fin tanto che non sono arrivata alla fine non ho potuto fare a meno di leggere, tanto che l’ ho letto in un solo giorno ( in effetti sono solo 344 pagine ).

La trama è avvincente e fitta di misteri il che fa rimanere il lettore perennemente con il fiato sospeso, in attesa di sapere e capire che cosa sia realmente accaduto o accadrà a i vari personaggi della storia.

I segreti in questo romanzo sono molti, ma tutti sembrano scaturire da Verrà il regno .

Questo paese è solo un insediamento religioso di una setta capeggiata dal profeta Jeremiah Goode, ma dodici famiglie non possono scomparire di punto in bianco, deve essere successo qualcosa di terribile in questo luogo.

Le spiegazioni potrebbero essere le più disparate, ma tutto porta a pensare a un suicidio di massa o comunque a qualcosa che coinvolga le convinzioni religiose di questa setta così ambigua.

Forse la spiegazione è più semplice oppure coinvolge persone insospettabili.

Toccherà a Maura risolvere il mistero, nel tentativo di salvarsi la pelle, e a Jane non arrendersi all’ idea della scomparsa dell’ amica.

Lo stile della Gerritsen è chiaro e molto deciso, è abilissima nel rivelare poco alla volta e a tenere tutto in sospeso fino alla fine, quando in un crescendo di suspense si rivela tutto in un finale ad alta tensione.

Il segreto del successo di questa storia è il ritmo incalzante, è difficile staccarsi dalla narrazione e solo alla fine, riflettendoci, ci si rende conto che alcuni aspetti sono un po’ tirati via.

A mio avviso, la pecca più significativa del romanzo sono i personaggi.

Solo Maura e Jane sono interessanti e un po’ più delineati, gli altri sono giusto accennati e poi lasciati scomparire.

“Il silenzio del ghiaccio” non è un capolavoro, ma riesce perfettamente a tenerti in tensione fino alla fine, quindi come thriller è assolutamente ben riuscito.

Probabilmente in futuro tornerò a leggere qualcosa di questa autrice, mi piacerebbe molto continuare a seguire le avventure dei suoi personaggi.

Consigliato a chi ama l' azione senza esclusione di colpi, decisamente sconsigliato a chi predilige storie introspettive e profonde.

Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
ElEmperador

ElEmperador

01.10.2012 15:58

interessante

Vivi46

Vivi46

04.09.2012 15:25

Bella opinione... :)

Aily

Aily

18.05.2012 18:01

mi hai fatto tornare in mente questì'autrice che non mi dispiace affatto ma non avevo più letto, andrò a ricercare anche questa sua opera

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Il silenzio del ghiaccio (Tess Gerritsen) è stata letta 162 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (67%):
  1. Aily
  2. Bugsy
  3. gategate
e ancora altri 29 iscritti

"molto utile" per (33%):
  1. Vivi46
  2. Gianfro86
  3. nicoman
e ancora altri 13 iscritti

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.
Risultati simili a Il silenzio del ghiaccio (Tess Gerritsen)