Condividi questa pagina su

verde Status verde (Livello 2/10)

25maggio64

25maggio64

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 11/09/2002

32

Villa Aurelia, Roma 25/08/2007

un passaggio a Villa Aurelia

Villa Aurelia, Roma Da anni ormai, quando sono a Roma, sperimento Villa Aurelia. Si tratta di una struttura, appartenente a religiosi, che si colloca in via Leone XIII (zona Piazza Pio XI incrocio via Gregorio VII), zona discretamente centrale della città di Roma. La struttura é spartana ma presenta requisiti di pulizia, centralità, buon servizio e prezzi modici (€ 68 la singola - € 108 la doppia per dormire + 1° colazione. Aggiungendo € 15 si ha anche un pasto). All'interno dell'albergo sono presenti un ristorante, un bar, un auditorium ed altre sale di buona fattura. La qualità del ristorante é media. La cucina é abbastanza semplice ma di buona fattura. La colazione é a buffet e associa dolce e salato. La struttura é l'ideale per accogliere gruppi di medie dimensioni. Si raggiunge con i mezzi pubblici da Termini (bus 64 fino a Ponte Vittorio angolo via Paola dove, prendendo l'881 e scendendo in Piazza Pio XI, si arriva praticamente all'entrata dell'albergo). La durata del viaggio é di circa mezz'ora/40 minuti, a seconda delle condizioni del traffico romano. In taxi la durata della percorrenza può diminuire drasticamente. La corsa viene tra i 10 e i 15 euro. In auto é raggiungibile dirigendosi verso l'Aurelia Antica. Da Fiumicino é raggiungibile con circa mezz'ora di taxi. Strategicamente, la posizione dell'albergo é molto positiva. Si colloca alle spalle della Città del Vaticano. Si arriva da Villa Aurelia a Piazza S. Pietro, a passo abbastanza tranquillo, in circa 20 ...

Mutui Subprime 25/08/2007

Cosa sta dietro al crollo delle borse mondiali?

Mutui Subprime In questi giorni le televisioni e i giornali ci stanno bombardando con i crolli delle borse mondiali, apparentemente, causati dai cosiddetti "mutui USA". Con questa mia opinione vorrei cercare di fare un pochino di chiarezza in quello che succede. Partiamo dal presupposto che io lavoro per la più grande banca tedesca e mi occupo, nello specifico, di mutui semiprime. Innanzitutto bisogna chiarire cosa sono i mutui subprime e quelli semiprime. Sia i primi che i secondi sono forme di finanziamento volte a permettere l'acquisto, la ristrutturazione, la costruzione di immobili di abitazione o sono operazioni di liquidità. Questa tipologia di mutui, che prevedono l'accensione di ipoteca sull'immobile finanziato, sono rivolte a categorie di persone che, generalmente, il sistema creditizio classico non finanziarebbe. Si tratta di persone che non hanno un lungo rapporto di lavoro a tempo indeterminato, lavoratori atipici, lavoratori autonomi che svolgono la loro attività da un periodo non troppo lungo di tempo. Sono operazioni che vanno a finanziare, per esempio, il 100% del valore di acquisto degli immobili cauzionali e sono anche rivolte, per esempio, agli extracomunitari, persone, fino ad oggi, escluse dal circuito dei finanziamenti ipotecari. Tali operazioni, inoltre, presentano dei rapporti rata/reddito (percentuale dell'importo della rata da pagare rispetto al reddito mensile) spesso di molto superiore ai livelli, che si attestano, generalmente, al 35-40%, dei mutui ...

Giappone 05/08/2007

Lezioni giapponese

Giappone Ho avuto la fortuna ed il piacere di poter accompagnare un gruppo di studenti, di un'associazione culturale di cui faccio parte, diretti a studiare per due mesi in Giappone. Ho preso la palla al balzo e ho deciso di fare un mini tour di questo Paese. Mi sono fermato, infatti, per poco meno di due settimane. Sono arrivato con il mio gruppo, alla fine di giugno, a Nagoya. Affidati i 20 ragazzi ai volontari giapponesi dell'associazione, ho iniziato la mia vacanza. Mi sono recato dall'aeroporto in città (naturalmente puntale e efficiente il servizio di treni che collega Nagoya al centro della città). La prima cosa che mi ha colpito é stato vedere una città piena di vita e di impiegati che uscivano dagli uffici. Vi chiederete: cosa c'é di strano? L'unica cosa strana é che erano le 11 di sera! Il mio tour è continuato il mattino dopo con il debutto sul treno proiettile, lo Shinkansen. Con un questo tecnologicissimo treno ho raggiunto in poco meno di 2 ore la città di Tokyo. Da buon pendolare che si reca ogni giorno da casa al lavoro a Milano impiegando oltre due ore ad andare e 2 ore a tornare, vivendo i drammi delle ferrovie italiane, sono rimasto sbalordito da quello che ho visto nelle stazioni giapponesi. Ho trovato, innanzitutto, treni di una puntualità stratosferica; annunci fatti in giapponese ed in un correttissimo inglese; indicazioni sempre in giapponese ed in inglese. Sui marciapiedi dei binari degli Shinkansen, sono indicati i numeri delle carrozze che si fermeranno in ...

Korean Air Lines (Ke) 05/08/2007

Nei cieli con i coreani

Korean Air Lines (Ke) Alla fine di giugno ho avuto la possibilità di fare da accompagnatore ad un gruppo di studenti che si recavano in Giappone dove si sarebbero fermati a studiare lingua e cultura giapponese per due mesi. Quando mi hanno comunicato che avremmo volato Korean air ho iniziato un piccolo giro informativo tra i miei conoscenti. I riscontri sono stati generalmente positivi. In effetti, devo dire che ho potuto constatare personalmente che quanto dettomi corrispondeva al vero. Innanzitutto, Korean air é membro dell'allenza Sky team, quella di Alitalia per intenderci. Per raggiungere il Giappone, abbiamo volato da Roma a Seoul e da Seoul a Nagoya. Il ritorno, invece, per mia scelta, é stato da Osaka a Seoul, da Seoul a Francoforte e da Francoforte a Milano Linate. Le impressioni sono complessivamente positive. Ad un prezzo nettamente più competitivo rispetto a quello delle altre maggiori compagnie che volano sul Giappone (JAL o Alitalia o Lufthansa o AIr-France), Korean Air abbina un servizio di prim'ordine sia a terra che in volo. Il servizio a bordo, espletato da hostess pettinate con tipica acconciatura coreana, é stato contraddistinto da efficienza e gentilezza. Gli aeromobili erano puliti e, nei limiti, spaziosi. Ogni postazione aveva il proprio schermo, quindi, ognuno aveva la possibilità di scegliere i film, i giochi, ascoltare informazioni o musica a proprio gusto. Il pasto, nella tratta intercontinentale, presentava due opzioni: cibo coreano o internazionale. Nel collegamento ...

Giacinto Facchetti 24/10/2006

ciao Giacinto

Giacinto Facchetti E' passato qualche mese dalla morte del capitano. Fiumi di inchiostro sono stati versati e fiumi di parole sono state dette per descrivere questo grande uomo e per piangere la sua scomparsa. Per me interista da sempre, unico in una famiglia di milanisti "assatanati", Giacinto é sempre stato un idolo, un esempio da seguire. Giacinto é stato simbolo della grande Inter che, ahimé, furoreggiava quando sono nato ma che, me interista, tapino ho potuto vivere solo attraverso i mille filmati in bianco e nero che mi sono "bevuto" nel corso dei miei quarant'anni di vita. Giacinto rimane un'icona. Mi é venuta la pelle d'oca ascoltando gli applausi scroscianti in ogni stadio d'Italia quando c'é stato il minuto di silenzio in suo ricordo. E' sempre stato un simbolo di correttezza umana ed intellettuale. Rimango indignato dal tentaivo di infangarne la memoria accostandolo alla storiaccia delle intercettazioni telefoniche. Sono solidale con Moratti, il presidente che spesso ho contestato, nel momento in cui lo ha difeso con quello sdegno che é anche il mio e di quelli che in Giacinto hanno sempre apprezzatto la pacatezza e l'onestà in campo e fuori. Giacinto é stato, é e deve restare un simbolo per tutti quelli che entrano nel mondo del calcio come calciatori e come dirigenti. Almeno noi poveri perdenti dell'Inter abbiamo una fulgida bandiera da sventolare e di cui andare fieri.

Kuoni Gastaldi Tours 20/04/2006

cielito lindo!

Kuoni Gastaldi Tours Sono appena tornato da un tour di 10 giorni in Messico con Kuoni Gastaldi. Il tour é stato molto interessante. Siamo partiti da Città del Messico, dove ci siamo fermati, due giorni. Il primo giorno é stato dedicato al riposo e all'acclimatamento. Ho approfittato di questa libertà per iniziare a scoprire da solo, girandola a piedi, questa megalopoli. La prima impressione é stata di una città economicamente meglio messa delle altre metropoli latino americane. Ho trovato una città pulita e ordinata, sempre tenuto conto dei canoni latinoamericani. Mi ha positivamente impressionato ma non mi sono sentito in quello che io ritenevo essere il "vero" Messico. La seconda giornata é stata dedicata alla visita del santuario della Vergine di Guadalupe e, nel pomeriggio, al Zocalo, al Palazzo Presidenziale e alla Cattedrale. Per me che sono cattolico, é stato molto toccante venire a contatto con la religiosità dei messicani. Mi ha colpito moltissimo, al santuario della Vergine di Guadalupe, vedere coloro che in ginocchio, per invocare una grazia, percorrevano l'immenso piazzale della nuova cattedrale fino a giungere ai piedi dell'altare maggiore. Mi ha molto emozionato l'attaccamento dei messicani alla figura di Giovanni Paolo II. Campeggia nel santuario della Vergine di Guadalupe una grossa statua a lui deidicata e viene esposta la Papa mobile utilizzata nell'ultimo viaggio del Santo Padre in Messico. Dopo Città del Messico si é passati a quello che io immaginavo dovesse essere il ...

Myair.Com 07/11/2005

Il buongiorno non si vede più dal mattino!

Myair.Com "La mia esperienza con Myair é iniziata con la nascita di Myair. Per lavoro volo da Napoli a Bergamo con frequenza settimanale. Da Napoli é sicuramente la compagnia più concorrenziale per costi, affidabilità di servizio e puntualità. L'unica controindicazione, naturalmente, é il numero di voli giornalieri e gli orari degli stessi. Per me risulta impossibile da effettuare il volo del mattino da Bergamo. I prezzi degli articoli a bordo non é particolarmente esoso e si colloca nella media delle compagnie low-cost. Il personale di bordo é generalmente, allo stesso tempo, cordiale e professionale." Qui finisce quello che Myair mi suggeriva qualche mese fa. Purtroppo la situazione sta cambiando. Soprattutto da quando la rete dei collegamenti si é ampliata ed é iniziata la collaborazione con Eurofly. Francamente non credo che Myair sia più una compagnia affidabile. I ritardi, soprattutto in partenza da Bergamo, nel mio caso, sono diventati costanti e di buona entità. Spesso, per i voli già acquistati, gli orari di partenza vengono cambiati, anche più volte. L'informazione a terra, in caso di ritardo, é inesistente. L'assistenza idem. Ieri mi é capitato che, a causa del mancato utilizzo di un aereo fermato per problemi tecnici, il mio orario di partenza da Bergamo é passato dalle 16.55 alle 22.15. Il sito non riportava fino alle 15 nessuna informazione in merito. Nessuno del personale di terra Myair ha fornito spiegazioni e indicazioni sugli orari di partenza. Nessuno ...

Cascate Vittoria 05/11/2005

quando la natura é spettacolo

Cascate Vittoria Nel corso di uno dei miei viaggi in solitario, sono arrivato alle cascate Vittoria. Ero partito con il mio classico biglietto aereo per Johannesburg in tasca e con qualche idea di viaggio nella testa. A dire il vero, visto il limitato numero di giorni a disposizione, l'intenzione era quella di fermarmi il giusto per dare un'occhiata a Johannesburg, per poi dirigermi verso il Mpumalanga per visitare il parco Kruger e, se ci fosse rimasto un po' di tempo, andare a visitare Citta' del Capo e la garden route. Arrivo alla metà teorica del mio viaggio, mi é balenata per la testa l'idea di andare in Zimbabwe a vedere le cascate Vittoria. Dopo aver visto le cascate del Niagara e le cascate di Igazù, mi é sembrato giusto aggiungere una nuova perla ai miei ricordi. Ho preso un aereo e sono andato a Livingstone in Zimbabwe. Dopo una serie di formalità e di lungaggini per il rilascio per del visto di entrata in Zimbabwe (costo 20 usd e una lunga fila in attesa!!!!) sono arrivato al lodge che mi avrebbe ospitato. Da lì, in pochi minuti di auto sono arrivato, all'entrata delle cascate Vittoria. Pagato il mio bel biglietto di entrata (20 usd), mi sono addentrato avendo subito a disposizione uno scenario naturale fantastico. Le Cascate Vittoria sono, sicuramente, tra le cascate più spettacolari del mondo. Secondo me sono seconde solo alle cascate di Igazù. Si trovano lungo il corso del fiume Zambesi, che in questo punto demarca il confine geografico e politico tra lo Zambia e lo ...

Chiaja Hotel de Charme, Napoli 30/10/2005

perché non farci un giro?

Chiaja Hotel de Charme, Napoli Per qualche giorno sono sceso all'hotel Chaja de Charme in via Chiaia al 216 a Napoli. Si tratta di un hotel a 3 stelle collocato al primo piano di un palazzo d'epoca nel cuore di Napoli. Via Chiaia é considerata una delle strade "bene" di Napoli. E' la strada che prosegue con via Filangieri e via dei Mille. Per intenderci é una zona che, parametrata a Milano, sarebbe la zona di via Montenapoleone. L'albergo presenta delle camere pulite, comode e spaziose. I prezzi sono nella norma degli hotel a tre stelle di Napoli. Il servizio é di buon livello e la colazione a buffet é abbondante. La nota più positiva di questo albergo é la sua posizione che definirei ideale per muoversi a Napoli. Si trova a 20 m. da Piazza del Plebiscito e da Palazzo Reale. Poco più in là si trova la galleria Umberto I. Nel cortile del palazzo che ospita l'hotel vi é una delle uscite da Napoli sotterranea. Per chi non lo avesse ancora fatto, é estremamente interessante farsi un giro nel "gruviera" che sotto i piedi dei napoletani. Dall'hotel Chiaia é semplice raggiungere, sempre a piedi in circa 10 minuti, il lungomare e il molo Beverello. Dal molo Beverello partono i traghetti e gli aliscafi per raggiungere le isole (Capri, Procida, Ischia). Dal molo Beverello parte anche il metro' del mare che permette di raggiungere, a prezzi abbastanza abbordabili, la costiera sorrentina e quella amalfitana. Alle spalle dello stabile dove si trova l'hotel Chiaia, ci sono i quartieri spagnoli. Fare un giro nei ...

Aeroporto Internazionale di Napoli 05/09/2005

Una delle cose che funzionano a Napoli

Aeroporto Internazionale di Napoli Da oltre due anni, sono utente affezionato dell'aeroporto di Napoli. Almeno una volta ogni due settimane transito, infatti, da Capodichino per tornare a casa a Lecco. Trovo questo aeroporto piccolo ma discretamente funzionale. Il primo aspetto non trascurabile é che l'aeroporto si trova a meno di 10 chilomteri dal centro della città. Raggiungerlo é abbastanza semplice utilizzando il servizio di bus Alibus, gestito da ANM - azienda napoletana di mobilità, che collega l'aeroporto al centro della città per € 3. Le corse sono circa ogni 20 minuti. La disposizione, poi, all'interno dell'aeroporto é interessante. Molto bella é l'area al primo piano, denominata La Galleria, dove é possibile trovare negozi, bar con vetrata panoramica, sala d'attesa. Trovo molto simpatici i negozi del primo piano in quanto ci sono esercizi dove é possibile trovare tante piccoli gadgets con espressioni titpiche napoletane (magliette, agende, tazze, calendari, ecc.). L'area dedicata ai check-in, al piano terra, é abbastanza razionale. Riterrei più opportuno utilizzare, però, le targhette che indicano i check-in delle singole compagnie, come avviene a Linate. Non funzionale é la biglietteria. Nei momenti di maggior afflusso le file della biglietteria vanno a mescolarsi con le file dei check-in immediatamente vicini, check. in situati a pochi centimetri. Rimanendo al problema del grosso afflusso, nei periodi di Natale o agosto, entrare a Capodichino é abbastanza difficile. L'aeroporto risulta ...

Aeroporto Orio al Serio (Bergamo) 05/09/2005

un aeroporto che sta crescendo troppo in fretta

Aeroporto Orio al Serio (Bergamo) Sto diventando un fedele utente dell'aeroporto di Orio al Serio da quando ho iniziato a volare da Napoli con Myair. Trovo Orio un aeroporto abbastanza funzionale, un aeroporto che gode di tutti i benefici del piccolo aeroporto. Un aspetto che, secondo me, dovrebbe essere migliorato é quello dei collegamenti con mezzi pubblici con il centro di Bergamo. Non più tardi della scorsa domenica, ho utilizzato il bus dell'ATB per raggiungere l'aeroporto dal centro di Bergamo (via Locatelli). I pullman di linea che svolgono questo servizio riescono a scontentare sia i viaggiatori diretti a Orio che i normali utenti bergamaschi che utilizzano il bus per muoversi all'interno della città. Soprattutto in questo periodo, che fa' registrare un picco di utenti dell'aeroporto di Orio, si ha, in media, un bus all'ora. Naturalmente questo bus viene affollato da persone e montagne di bagagli. La scorsa domenica mi sono dovuto sorbire la lamentela, a tratti anche pesante, di un pensionato abbonato ATB. In parte aveva ragione, in quanto credo che si possa utilizzare un bus per un servizio cittadino per trasportare anche i partenti da Orio. Si dovrebbe creare un servizio di navetta dedicato agli utenti dell'aeroporto. Credo che la soluzione adottata a Milano per trasportare le persone dirette a Linate o Malpensa sia quella più opportuna. Da Milano Centrale, infatti, parte un bus, ogni mezz'ora, diretto a Linate al costo di € 2,50 a fronte di un costo di € 1, se si volesse raggiungere ...

Fiji 31/08/2005

Il mare cristallino delle Fiji

Fiji Alle Fiji mi é capitato di andarci qualche anno fa. Mi trovavo in Nuova Zelanda, dove avevo accompagnato un gruppo di studenti, borsisti di un'associazione di cui sono volontario, e decisi di andare a cercare il mare ed il sole a qualche ora di aereo più in là. Tramite Air New Zeland ero riuscito a trovare un pacchetto di una settimana in partenza da Auckland. La mia destinazione era stata una piccolissima isoletta che si girava tutta con una passeggiatina in poco più di un quarto d'ora. Un piccolo paradiso incastonato in un mare cristallino. Sembrava di essere un novello Robinson Crusoe. La mia "casetta" Era un piccolo bungalow sulla spiaggia. Le uniche altre strutture "civili" erano il bungalow, sempre in paglia e legno, al centro dell'isoletta che fungeva da sala ristorante e quella che pomposamente chiamerei la reception. Quello che mi ha colpito é stato il mare cristallino che ho avuto il piacere di trovare. Sono stato ai Caraibi, alle Mauritius e alle Maldive ma un mare così limpido non l'avevo mai visto. Un mare pieno di pesci colorati. Un paradiso per chi ama fare snorkeling. La cosa che mi affascinava di più era l'essere fuori dal mondo. Non c'erano televisori o radio. La giornata scorreva tra nuotate in quello splendido mare, qualche uscita in barca e la classica partitella di pallone sulla spiaggia. La cosa che mi piaceva anche era che io ero l'unico italiano sull'isoletta. Gli indigeni, poi, erano di un'ospitalità e di una cordialità squisite. Il brutto é ...

Sky 30/08/2005

Il bello del digitale

Sky Sono abbonato Sky da quando ha raccolto l'eredità di tele+. Usufruisco del pacchetto calcio/sport/cinema a € 53 mensili. Posso, pagando tale abbonamenti, seguire tutti i canali sportivi, oltre al campionato di calcio, alla Champions League e ai canali di cinema. Ritengo molto interessante questa scelta in quanto, con la mia tv digitale riesco a seguire tutta una serie di canali estremamente interessante. Io sono un fruitore affezionato di canali quali History Channel o Discovery Channel. Attraverso questi canali riesco a seguire interessantissimi documentari che soddisfano due delle mie passioni: la storia e i viaggi. I programmi storici sono estremamente ben fatti e molto brillanti. COn Discovery Channel si riesce a saltellare da un posto all'altro del mondo senza alzarsi dalla poltrona di casa. E' molto interessante anche Discovery Channel Science. I servizi sulle tematiche scientifiche più disparate sono anche qui di alto livello e di ottima fattura. E' bello avere anche la possibilità di ricevere canali nelle più disparate lingue. E' stato veramente interessante, per esempio seguire la campagna elettorale americana confrontando le informazioni date dai telegiornali italiani, da quelli francesi e da quelli statunitensi. E' stato buffo scoprire che per i telegiornali italiani Bush, nei sondaggi, spesso era indietro. Girando su CNN e ABC si scopriva esattemente il contrario. Io consiglio Sky. Il prezzo vale il servizio. ...

INTER 30/08/2005

Interista é bello ............... malgrado tutto

INTER Questa mia non vuole essere un'opinione articolatissima. Non disquisirò sugli elementi tattici e sui nuovi acquisti della Beneamata. La mia é solo una constatazione. Ho espresso un'opinione sul sito www.inter.it solo per gioco. Ho visto che sono fioccati i contatti! Questo mi porta ad una solo conclusione: il Milan e la Juve vinceranno sempre ma, sulla bocca di tutti, nel bene e nel male, c'é sempre l'Inter! Il popolo nerazzuro é grande perché, malgrado tutte le batoste ricevute, ha imparato a ridersi addosso e continua ad amare e a seguire quella che é la squadra più grande.

RONALDO (Selezione Brasile) 29/08/2005

il vero fenomeno é Adriano!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

RONALDO (Selezione Brasile) Io faccio parte della schiera degli interisti che tanto hanno "amato" Ronaldo e che tanto hanno mal digerito il suo modo poco signorile di dare il ben servito a coloro che tanto lo hanno osannato e tanto l'hanno aspettato nei momenti difficili. Ieri sera, uscendo da S.Siro e dirigendomi verso l'aeroporto di Linate per prendere l'aereo di ritorno per Napoli, consideravo come, ormai di Ronaldo, nella mente degli interisti, é rimasto ben poco. Ieri mi sono deliziato con il nuovo vero fenomeno. Secondo me, anche ieri, a mezzo servizio, Adriano ha dimostrato di essere un grande. Un compendio di forza, tecnica e classe cristallina. Potrei, quindi, dire che non tutti i mali vengono per nuocere. La fuga di Ronaldo a Madrid non é stata, poi, così negativa. Senza rancore, dico al "caro" Ronaldo, buona permanenza a Madrid! Il vero fenomeno ce l'abbiamo a Milano!
Visualizza altre opinioni Torna sopra