Condividi questa pagina su

arancione Status arancione (Livello 6/10)

AndreaEx72

AndreaEx72

Autori che si fidano di me: 145 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

!

Opinioni scritte

dal 04/12/2014

34

Parodontax Whitening 01/05/2017

Buono ma...

Parodontax Whitening "Basta un mal di denti per non farci credere nella bonta' del creatore" Questo sosteneva Pessoa, ed e' difficile dargli torto. In questo periodo mia figlia sta iniziando il processo di sostituzione dei denti da latte con quelli permanenti. Questo ha portato in primo piano a casa nostra, da qualche settimana, l'argomento denti e relativa igiene orale. Visto che nell’ultimo anno abbiamo anche introdotto in famiglia questo nuovo prodotto ho pensato di scrivere una opinione in merito. Ho sempre pensato alla seconda dentizione come un rito che la natura ha voluto regalarci per annunciare ad un bambino l'inizio del suo cammino verso l'eta' adulta. E' una fase della vita che tutti noi ricordiamo e che i bambini vivono con grande attesa, e qualche volta con un po' di timore (almeno questa e' la mia esperienza). La cura dei denti, tuttavia, inizia gia' dalla comparsa dei primi dentini da latte. E' opportuno prendersi cura di loro con una adeguata igiene orale, prima di tutto per prevenire la comparsa delle carie e, successivamente in eta' piu' adulta, per evitare la comparsa di tartaro, alitosi o problemi gengivali di vario tipo. Breve storia dell'igiene orale La storia dell'igiene orale e' antichissima. Gia' nel 2000 a.C. era conosciuto l'utilizzo del bicarbonato di sodio per il benessere della bocca. Le citazioni relative a metodi ed usanze relative alla pulizia del cavo orale sono innumerevoli. Testi indiani di centinaia di anni prima di Cristo parlano della ...

Nokia Asha 311 01/04/2017

La potenza e' nulla senza controllo

Nokia Asha 311 Lo sapevate che a settembre del 2016 fu eseguito un test che mostro’ come l’iPhone7 se la cavava meglio di qualsiasi MacBook Air prodotto fino a quel momento? Risulto’ vincente sia nei test a single core che multi-core. Oltre a doppiare in performance il Samsung Galaxy S7 evidenzio’ delle prestazioni in linea con quelle di un MacBook Pro del 2013. Stupefacente. Tuttavia la domanda nasce spontanea: ma tutta questa potenza in uno smartphone serve? Personalmente avrei preferito avere oggi prodotti con le performance di due anni fa ma con batterie che durano il doppio o il triplo di quelle attuali. Voi cosa ne pensate? In questa opinione vi propongo un prodotto che e’ tutt’altro che un top di gamma ma che, a mio avviso, puo’ ancora dire la sua. Il 311 e’ il dispositivo top della famiglia Asha di Nokia. Questo cellulare ha tutto quello che serve ad un utente che non e' alla ricerca spasmodica dell'ultimo ritrovato tecnologico. E' un prodotto che si pone su una ideale linea di demarcazione che separa il mondo dei cellulari tradizionali di tipo evoluto, come quelli della serie N di Nokia per intenderci, ed i veri e propri smartphone di punta come quelli che appartengono alla serie Lumia. Vediamo come si presenta questo prodotto non prima di spendere due parole sul marchio. Cenni sul marchio Nokia e' una societa' finlandese produttrice di apparecchiature per telecomunicazioni nata nel 1865. Inizialmente la ditta era una segheria e nei primi del '900 venne acquisita da una ...

La Roche-Posay Deodorant Roll-On 01/03/2017

Il sudore separa l'uomo dalla gioia

La Roche-Posay Deodorant Roll-On Sono perfettamente consapevole che in questa comunita' esistono veri e propri "mostri sacri" in fatto di opinioni su profumi, cosmetici e deodoranti. Autori che godono di tutta la mia stima ed ammirazione. Tuttavia ho deciso di cimentarmi in questo lavoro con entusiasmo e desiderio di scoperta. Un po' di studio e qualche chiacchierata con la mia consorte hanno prodotto questo... :) La sudorazione è un fenomeno normale e non patologico in se. Una persona adulta puo' produrre fino a 10 litri al giorno di sudore (ovviamente questo valore dipende dalle condizioni ambientali e dallo sforzo fisico). Il processo di sudorazione, che avviene grazie a specifiche ghiandole sudorifere, svolge molteplici funzioni alcune delle quali hanno ridotto la loro importanza in seguito al processo evolutivo. La funzione primaria e' senza alcun dubbio quella di mantenere la temperatura del corpo ad un valore ottimale di circa 37 ° C attraverso l'evaporazione di questo liquido che sottrae calore al nostro corpo. Tuttavia, analizzando la composizione chimica del sudore, possiamo scoprire che oltre all'acqua sono presenti altre sostanze al suo interno quali sali minerali (sono presenti ioni di sodio, cloro, potassio, magnesio), urea, colesterolo, acido lattico, immunoglobuline. Ne consegue che una funzione non secondaria della sudorazione e' l'eliminazione delle sostanze di scarto del metabolismo (sostanze azotate eliminate con l'urea), ma esiste anche una funzione "sociale" attraverso la produzione ...

Italtherm City Basic 24F 01/02/2017

L'acqua calda made in Italy

Italtherm City Basic 24F Circa tre anni fa a causa di una cospicua perdita d’acqua dallo scambiatore di calore della vecchia caldaia Riello (perdita che ha rovinato anche altre parti della caldaia stessa) ho dovuto procedere rapidamente alla sua sostituzione con una nuova di zecca. A tal fine non ho fatto alcuna ricerca di mercato, non avendone il tempo, e mi sono completamente affidato alla ditta che aveva gia’ effettuato un lavoro simile dai miei genitori con loro piena soddisfazione. Gli addetti all’intervento hanno provveduto alla rottamazione di quella vecchia ed alla installazione di una caldaia di una marca che non conoscevo: la Italtherm e precisamente il modello City Basic 24F. Le motivazioni degli installatori sono state queste: ”e’ un prodotto di qualita’, con tubature interamente in ottone che necessita di una bassa manutenzione”. Se questo ultimo punto corrispondera’ al vero lo vedremo negli anni ma le prime impressioni sono molto positive. Premetto che la caldaia e’ alloggiata all’esterno dell’appartamento in una nicchia ricavata nel muro e protetta dalle intemperie da un mobiletto in alluminio anodizzato. Osservata durante il montaggio ho potuto constatare che effettivamente la struttura di questa caldaia non presenta componenti palesemente dozzinali o di materiale plastico ma tutto appare ben studiato e soprattutto assemblato con cura con materiali di buona qualita’. La Italtherm La Italtherm S.r.l e’ una azienda che ha sede a Piacenza e si occupa di riscaldamento autonomo e ...

LogiLink Adapter USB 2.0 TO 2.5/3.5 IDE Sata HDD OTB 01/01/2017

Per non perdere la memoria

LogiLink Adapter USB 2.0 TO 2.5/3.5 IDE Sata HDD OTB Sapete cosa si prova guardando una bambina di due anni rovesciare un bicchiere d'acqua sulla tastiera di un MacBook Pro acceso e non poter far nulla per impedirglielo? Ve lo dico io: un bel cazzotto nello stomaco! Sorvolo sui motivi che mi hanno condotto a questo triste epilogo per parlarvi di quello che avevo (e che per fortuna adesso ho ancora) sul mio Mac: ben 10 anni di foto, dalle prime vacanze con la mia fidanzata, adesso mia moglie, passando per tutti gli eventi piu' importanti come la nascita dei nostri due figli, i nostri viaggi ecc. Avevo tutto li perché sono alle prese con la realizzazione di alcuni libri fotografici ed utilizzo iPhoto. Per mancanza di tempo e scarsa perseveranza non avevo una copia di backup completa e quindi era tutto li... In seguito a questo triste evento il Mac si spense di colpo e non si riaccese piu' nonostante la rimozione del liquido e relativa asciugatura della scheda madre. Come forse qualcuno saprà quando mandate questi oggetti in assistenza il recupero dei dati e' a carico del cliente. Gli interventi di manutenzione non sono coperti dal rischio di perdita dei dati, ammesso che l'hard disk sia ancora integro ovviamente. Per questo motivo ho acquistato questo adattatore fra mille dubbi e perplessita’: l'hard disk era ancora funzionante? L'adattatore era quello giusto? Sarei riuscito ad accedere ai dati? L'operazione da eseguire era quella di smontare l'hard disk dal portatile ed utilizzare l'adattatore per collegarlo via USB ad un ...

Xerapol Plastic Polish 01/12/2016

Questo si che spiana le rughe!

Xerapol Plastic Polish Non avrei mai pensato che la mia passione per la stereofonia ed i prodotti per la riproduzione del suono ad alta fedelta’ mi avrebbero portato un giorno ad utilizzare il prodotto che e’ oggetto di questa opinione: Xerapol Plastic Polish. Qualche anno fa, prima di appagare (credo solo momentaneamente) la mia sete di upgrade con l’amplificatore Marantz PM KI Pearl Lite, dopo aver avuto numerosi impianti provenienti dai paesi del sol levante (Pioneer, Technics solo per citarne alcuni), fece la sua comparsa nel mio salotto l’anglosassone Harman Kardon HK980. Il deciso cambio di impostazione timbrica veniva accompagnato da un evidente modifica del design rispetto ai suoi predecessori, design caratterizzato da un ampio fascione di spesso plexiglas che rivestiva l’ampio display con sfondo nero. Linee pulite ed essenziali. A causa delle sue forme qualcuno all’epoca lo defini’ come l’Aston Martin degli amplificatori. Gettate nel cestino le linee vintage (che poi sono ritornate con il Marantz) mi godevo quindi le forme eleganti e minimaliste di questo buon prodotto. Tutto bene fino a quando un giorno, in uno dei mie frequenti rientri da lavoro "con sorpresa", scopro un graffio che percorreva longitudinalmente la zona centrale del display. La pulizia delle forme era irrimediabilmente compromessa! L’ampia superficie piana e lucida dell’amplificatore non poteva tollerare un tale sfregio. Guardo per bene il danno che appariva di natura superficiale... penso (solo dopo essermi arrabbiato ...

Roling's GT-1 03/11/2016

L'elettronica che non stona

Roling's GT-1 ”Coloro che amano la musica sono assurdamente irragionevoli: ci vorrebbero perfettamente muti proprio quando si desidererebbe essere assolutamente sordi.” Vero Oscar Wilde? …Credo di riscontrare un vasto consenso affermando che una delle cose più insopportabili per il nostro fisico (mente inclusa) è quella di ascoltare un suono sgraziato, non intonato, sia che esso provenga dall'ugola di un improvvisato cantore, sia che provenga da uno strumento musicale non accordato. Questo avviene perche' esiste una forte interazione fra la corteccia uditiva e la zona del nostro cervello che si occupa della gestione delle emozioni. I suoni diventano di fatto sgradevoli perche' determinano delle alterazioni emozionali negative. A tutto questo si aggiunge il contenuto "musicale" immagazzinato nel nostro cervello costituito da tutti i suoni che abbiamo considerato gradevoli e non, quindi associati a ricordi ed emozioni positive o negative, che abbiamo sperimentato nell'arco della nostra vita. Questa informazione ci condiziona nel classificare i suoni che ascoltiamo o che ascolteremo in futuro. Ad ogni modo, tornando al tema di questa opinione, vorrei iniziare la mia disamina spiegando che cosa significa essere intonato. Il concetto di intonazione L'intonazione non è altro che la differenza fra la frequenza di un suono è quella di un altro suono preso come riferimento. Si è intonati rispetto al riferimento se le frequenze associate ai due suoni coincidono. A questo punto però, ...

Panasonic SD-ZB 2502 01/10/2016

Buono? Forse... certamente sano!

Panasonic SD-ZB 2502 Cronaca Il presidente dell'Unipan (Unione Panificatori Campani), Mimmo Filosa, gia’ alcuni anni fa fece una denuncia inquietante: “La camorra dall'inizio della crisi economica ha messo nuovamente e prepotentemente le mani sul mercato alimentare del napoletano e casertano. In particolare stanno proliferando forni abusivi di pane ovunque”. Secondo gli ultimi dati solo tra Napoli e provincia ce ne sono oramai oltre 1500 ed il numero è in costante crescita. Sono forni in condizioni igienico-sanitarie pericolosissime, che realizzano un prodotto che in molti casi potrebbe essere tossico: per la sua realizzazione vengono usati infatti gusci di nocciole trattati con agenti chimici e quindi nocivi, oppure legni trattati con vernici e solventi tossici. L’aspetto drammatico di questa triste vicenda e’ che oltre alla filiera totalmente illegale che parte dal forno abusivo e arriva alla vendita illegale per strada spesso ancora nei cofani delle macchine o con bancarelle improvvisate, il pane della camorra è arrivato nei supermercati e nelle salumerie legali! Questo e’ quello che si sa in relazione al prodotto finito realizzato in una specifica area geografica ma nessuno luogo nel nostro paese e’ totalmente al sicuro. La criminalita’ organizzata cerca di imporre le proprie materie prime anche ai produttori legali in tutta Italia. In particolare parliamo di farine e prodotti per la lievitazione di pessima qualita’ e di provenienza incerta. Il pane dalle mie parti Il costo del pane ...

Giffoni Film Festival 16/09/2016

Be different

Giffoni Film Festival Il giovane non e' solo avvenire ma soprattutto presente che non ammette procrastinazione d'intervento Familismo amorale. Nel 1958, un antropologo americano di nome Edward Banfield, studiò a lungo le dinamiche di un paesino lucano in provincia di Potenza. I risultati furono pubblicati in un saggio dal titolo The Moral Basis of a Backward Society che fece storia proprio perché coniò il termine di familismo amorale, inteso come architrave atavica della società meridionale. Volete sapere Benfield cosa scopri durante questa analisi sociologica svolta per conto dell'Universita' di Harvard? Bene, le famiglie di quel paesino erano assolutamente prive di etica civica. Perseguivano esclusivamente i loro interessi materiali ed economici senza curarsi del bene comune attraverso un estremizzazione familiare nella difesa dei propri piccoli o grandi privilegi unita ad una diffusa pubblica menzogna. Familismo amorale, appunto. Nel corso degli anni la letale ipocrisia di questi veri e propri clan familiari che si occupavano di accrescere solo le loro richezze fingendo di occuparsi dell’interesse pubblico si e’ sviluppata e ramificata aggredendo i gangli cruciali del sistema duale composto da pubblica amministrazione e politica. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, una terra depredata di risorse intellettuali e materiali, senza alcun piano di rilancio all’orizzonte che annaspa in un mare di sconforto e rassegnazione. Tuttavia qualcuno e’ riuscito a piantare un seme, un seme che ...

Majestic WR-174 AX 27/08/2016

Il teatro della mente

Majestic WR-174 AX "Se ci mettiamo a parlare in una stanza buia, le parole assumono improvvisamente nuovi significati; così tutte le qualità che la pagina stampata ha sottratto al linguaggio ritornano nel buio della radio." (Marshall McLuhan, La sposa meccanica, 1951) Correva l’anno 1986 e Gaetano Curreri degli Stadio cantava “Canzoni alla radio” al trentaseiesimo Festival di Sanremo. Un brano che a me piacque molto ma piuttosto lontano dai gusti di quegli anni, infatti si classifico’ ultimo con distacco nella categoria Big. La radio, invenzione nata da un sogno che alimenta i nostri sogni ed i nostri ricordi, proprio come quel “sasso lanciato nel cielo che diventa una stella cometa… e quelle corse in bici sotto un cielo blu…”. Forse la radio oggi e’ l’unico strumento insieme ad alcune eccezioni relative alla carta stampata con cui e’ possibile venire in contatto con pensieri e considerazioni fuori dal coro in grado di farci comprendere le cose per quello che realmente sono. Strumento meno pressato dal connubio ricavi pubblicitari-ascolti che conserva quindi ancora alcuni angoli di verginita’. L’oggetto di questa opinione e’ in realta’ qualcosa di piu’ di una semplice radio: e’ una radiosveglia multifunzione. La radiosveglia, come oggetto di uso comune, vede la sua massima diffusione fra gli anni '70 ed '80. Un successo sostanzialmente legato al semplice connubio fra utilita' e piacere. Svegliarsi con la musica puo' dare una bella marcia in piu'. Inoltre utilizzare direttamente la radio come ...

Bowers&Wilkins 685 05/07/2016

La natura come fonte di ispirazione

Bowers&Wilkins 685 Dopo alcuni mesi torno a recensire, con mio grande piacere, un prodotto audiophile, che mi offre l’opportunita’ di scrivere nuovamente in un settore che rappresenta, per me, davvero una grande passione: la stereofonia. Raccontare ma soprattutto descrivere il suono e cio' che lo ripoduce e’ qualche cosa di affascinante ed intrigante allo stesso tempo perche’ poche cose sono cosi’ legate alla nostra sfera emotiva come la riproduzione di un brano musicale, cosa inevitabile per una prova di ascolto che non sia solo un freddo ed analitico test audiometrico. Questo rende piuttosto complicata la stesura del giudizio e difficile giustificare la sentenza. Esistono certamente aspetti fondamentali ed imprescindibili che classificano un dispositivo per la riproduzione audio come di qualita’ Hi-Fi (o Hi-End): il rapporto segnale/rumore, la distorsione, l’equilibrio tonale ed altro, ma quando parliamo di timbrica, enfasi negli estremi di banda ecc... qui, c’e’ poco da fare, entra in gioco il gusto personale ed anche il tipo di musica che normalmente ascoltiamo e’ un aspetto che puo’ influire su alcune nostre scelte. Spesso tutto questo determina, in questo settore, valutazioni per uno stesso prodotto anche molto diverse fra loro a seconda di cosa viene enfatizzato e classificato come pregio o difetto dai vari revisori. Per questo motivo il vero appassionato trascorre molte ore ad ascoltare, abbinare componenti diversi, provare svariate configurazioni fino a raggiungere quello che al suo ...

Apple iPad MINI Retina WI-FI 16GB 01/06/2016

Dalle intuizioni di Kubric ad una realta' stupefacente

Apple iPad MINI Retina WI-FI 16GB Forse qualcuno di voi ricordera' la recente battaglia legale a colpi di brevetti fra Apple e Samsung. In una di queste vertenze legali la casa di Cupertivo accusava il colosso coreano di aver copiato il design dell'iPad ma la Samsung rispose con una delle piu' originali tesi difensive mai viste in un contenzioso di questo tipo: "il fatto non sussiste in quanto il tablet non l'ha inventato Steve Jobs ma Stanley Kubric come mostrano alcune sequenze del film "2001 Odissea nello spazio" dove alcuni astronauti interagiscono con un dispositivo dotato di monitor di forma appiattita". Questa tesi fece molto scalpore ma non ottenne particolari effetti pratici dal punto di vista giuridico. Se un punto di vista simile venisse accettato si potrebbe anche affermare che gli americani non hanno inventato nulla di nuovo per portare l’uomo sulla Luna perche' aveva gia' pensato a tutto questo Giulio Verne molti anni prima! In realta' spesso il termine "design" trae in inganno. Ovviamente non si puo' brevettare un parallelepipedo anche se molto sottile, questo appare evidente. Tuttavia il termine “design” indica anche progettazione in senso stretto: l'insieme degli elementi costitutivi del prodotto e la loro interazione e disposizione. Questo si, questo si puo' brevettare. Prima di procedere voglio precisare che con il termine "tablet" si fa riferimento ad un dispositivo il cui controllo avviene attraverso una interfaccia di tipo multi-touch. La Apple e' stata la prima a commercializzare un ...

Tre – Teresa De Sio 01/05/2016

Il brigante intellettuale

Tre – Teresa De Sio Quanto siamo cio' che abbiamo vissuto? Spesso ho riflettuto su questa domanda. L'ultima volta e' accaduto pochi giorni fa. Ripercorrendo la mia piccola collezione di vinili e' apparsa, quasi inaspettata in quel momento, la grande foto di Teresa De Sio stampata sulla copertina dell'album "Tre". Sono lentamente tornati a galla... cosa?... i ricordi. Vita passata dei primi anni '80. Emozioni. La foto sembrava che mi dicesse: "...non ti sarai dimenticato di me, spero...". Sollevo il disco, guardo il contenuto. Sulla copertina di carta che custodisce il disco c’e’ una frase scritta a penna, recita cosi’: "Con affetto. Mamma". Quella mamma era mia nonna. E' difficile pensare alla nostra di mamma come ad una figlia. Ancora piu' difficile farlo per un ragazzino di appena dieci anni che solo l'anno precedente aveva festeggiato come un evento "divino" la vittoria dei mondiali da parte della nazionale di calcio guidata dal mitico Bearzot. Ma era proprio cosi'... Quel disco era un piccolo dono di una mamma per la sua cara figlia. Scorrono le immagini... memoria fotografica, stralci di conversazioni, ricordi di ambienti familiari, odori, suoni e musica. Colonna sonora di quelle giornate felici trascorse dai nonni materni era la canzone d'autore napoletana. Non macava mai. Dai classici di Sergio Bruni, alle voci emergenti di quegli anni, come quelle di Teresa, passando per la Nuova Compagnia di Canto Popolare. Tradizione certo, ma con un occhio attento ai talenti emergenti. Un concetto di ...

Calcolo delle probabilità (Baldi) 01/04/2016

Certo, certissimo... anzi, probabile.

Calcolo delle probabilità (Baldi) Il dilemma di Monty Hall... Solo dopo alcuni anni capi' che quella sera di due decenni fa ormai la persona che per puro caso avevo incontrato aveva letto qualcosa in merito a Marylin Vos Savant, un personaggio davvero singolare, presente nel Guinness dei Primati per il suo altissimo Q.I., ben 228! Era lei la fonte... Da questa conoscenza, dalla conoscenza di un episodio analogo accaduto diversi anni prima, a cui la signora Marylin aveva dato la corretta interpretazione, era scaturita la sua affermazione che mi fece riflettere per molti giorni: “...gli conviene senza alcun dubbio cambiare!”. Facciamo un passo indietro. Guardavano tutti un quiz televisivo. Ad un giocatore vennero mostrate tre porte chiuse; al di là di una c'era un premio mentre dietro ciascuna delle altre due era nascosta una capra (avevano preso spunto in realta’ da un famoso format televisivo americano come scopri' solo in seguito). Il giocatore all’inizio del gioco scelse una porta senza aprirla; successivamente il conduttore del quiz apri’ un'altra porta e naturalmente poiché conosceva la disposizione del premio apri’ quella che nascondeva la capra. A questo punto il presentatore diede al giocatore la possibilità di cambiare la propria scelta iniziale (cioe' gli diede la possibilita' di passare all'unica porta chiusa restante) oppure di confermare la scelta accettando il premio nascosto dietro alla porta che lui aveva inizialmente indicato. La domanda che si poneva quindi era: al giocatore conveniva ...

B & W 603 S3 01/03/2016

Bocche della passione

B & W 603 S3 "Per non assuefarsi, non rassegnarsi, non arrendersi, ci vuole passione. Per vivere ci vuole passione." (A. Fallaci) Siamo giunti all’ultima tappa di questo viaggio affascinante che partendo da un supporto digitale ci ha condotto fin qui per parlare di cio’ che rende possibile l’ascolto trasformando un segnale elettrico in suono. Nelle precedenti recensioni sui prodotti Marantz che possiedo spesso ho citato, parlando del setup del mio impianto, i miei diffusori acustici: una coppia di Bowers & Wilkins serie DM603 S3. E’ un prodotto a cui sono molto legato. Direi di piu': sono orgoglioso di avere nel mio salotto questi diffusori ma non per il loro valore assoluto (esistono prodotti ben piu’ costosi) ma perche’, nel loro piccolo, rappresentano un pezzo di storia nel campo della stereofonia. Sono cosciente del fatto che prima o poi mi privero' di loro per passare ad altro (…e’ l’unico modo per provare cose nuove senza spendere ogni volta una barca di soldi), ma per il momento preferisco non pensarci e quindi, con tutta la mia passione, vi presento le mie torri vestite per l'occasione di nero ash... Last but not least… Nella catena che permette la riproduzione del suono costituita da sorgente, pre-amplificazione, amplificazione, cavi e diffusori acustici, questi ultimi rivestono un ruolo molto importante. Stiamo parlando di oggetti che non sono altro che trasduttori in grado di convertire un segnale elettrico in un segnale acustico sfruttando le vibrazioni meccaniche di ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra