Condividi questa pagina su

oro Status oro (Livello 9/10)

Ciobin

Ciobin

Autori che si fidano di me: 701 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Tornata e non vedo l'ora di ripartire LO SCAMBIO DI LETTURE E' PROIBITO DAL REGOLAMENTO

Opinioni scritte

dal 08/07/2000

1549

Abbazia di Sant'Antonio di Ranverso, Buttigliera Alta 22/05/2017

Sant'Antonio di Ranverso

Abbazia di Sant'Antonio di Ranverso, Buttigliera Alta Grazie alla tessera musei, sono riuscita ad andare a vedere alcuni musei e monumenti che non ero ancora riuscita a vedere e, il tutto, anche gratuitamente. Una domenica pomeriggio, avendo poco tempo a disposizione, abbiamo pensato di non andare troppo lontano e di andare a vedere questo gioiellino che si trova a Buttigliera Alta, in provincia di Torino. ** STORIA ** La costruzione dell’abbazia venne cominciata poco prima del 1200 grazie a Umberto III e venne poi data in uso ai canonici regolari di Sant’Antonio di Vienne. La sua posizione era perfetta in quanto si trovava sulla via dei pellegrini che venivano quindi ospitati nella foresteria. Ma tale luogo venne anche utilizzato per isolare e cercare di curare i malati del fuoco di Sant’Antonio. Questo suo utilizzo come infermeria non venne mai abbandonato e anche nel XIV secolo, durante l’epidemia di peste, i malati vennero rinchiusi e curati proprio in questa struttura. Va da sé che tutti questi utilizzi nel corso dei secoli forgiarono la sua architettura che cambiò moltissimo nei diversi passaggi di mano e di utilizzo. Ad un certo punto il complesso ospitava un ospedale, una precettoria e una chiesa, ma se deciderete di andarlo a visitare non aspettatevi sicuramente di vedere una struttura del 1200. La chiesa, ad esempio, è stata rimodellata e modificata soprattutto nel XIV e XV secolo, ma il suo campanile eretto nel 1300 è ancora visibile e non modificato in modo che potrete farvi un’idea di come poteva essere la ...

Zoran, Il Mio Nipote Scemo (M. Oleotto - Italia 2013) 19/05/2017

Zoran

Zoran, Il Mio Nipote Scemo (M. Oleotto - Italia 2013) Ho sempre amato moltissimo Battiston fin da quando lo avevo visto per la prima volta in “Agata e la tempesta”, ma non sono mai riuscita a vedere tutti i suoi film. Oggi vi parlo di un suo film di un paio di anni fa di cui ho recuperato la visione da poco. ** TRAMA ** Il film è ambientato nella zona di Gorizia, in un piccolo paese dove vive Paolo Bressan (interpretato da Giuseppe Battiston). Paolo è un uomo molto corpulento, che beve spesso troppo vino e che trascorre la maggior parte del suo tempo in osteria con alcuni amici. Durante il giorno lavora alla mensa del centro anziani e al pomeriggio si interessa solo del suo bicchiere di vino, vive solo e ogni tanto la domenica la passa a pranzo dalla sua ex fidanzata che ora si è sposata e vive con Alfio. La sua vita sembra prendere un’altra piega quando muore una vecchia zia slovena di Paolo e come unico nipote Paolo eredita… Zoran. Purtroppo la zia è stata molto malata e ha dovuto vendere tutto ciò che aveva per pagarsi le cure e così non rimane praticamente nulla da ereditare se non il nipote Zoran. Zoran ha qualche problema e Paolo se ne deve occupare solo per qualche giorno in attesa che vengano sbrigate tutte le pratiche per metterlo in istituto. E così Paolo e Zoran lasciano la Slovenia e si mettono in marcia verso il paesino vicino a Gorizia dove passano alcuni giorni insieme. Dopo poco Zoran, lasciato solo in osteria, comincia a giocare a freccette e la sua capacità di prendere sempre il centro, si fa notare. Anche ...

Cattedrale della Dormizione (Vladimir), Mosca 17/05/2017

Cattedrale della Dormizione

Cattedrale della Dormizione (Vladimir), Mosca Oggi ho pensato di cominciare a scrivere qualcosa in merito al mio ultimo viaggio e cioè quello fatto in Russia. Oggi vi vorrei parlare nello specifico della Cattedrale (o Duomo) della Dormizione del Cremlino di Mosca. Come dice il suo nome, la Cattedrale si trova all'interno delle mura del Cremlino e avrete modo di visitarla solo quando visiterete l'intero complesso. Durante i secoli il duomo fu legato ai maggiori avvenimenti del Paese. Qui erano consacrati i monarchi russi, i capi della Chiesa erano scelti e veniva dato loro il potere, i Te Deum erano cantati all'inizio di una campagna o dopo una vittoria, gli atti statali erano resi pubblici e i metropoliti e i patriarchi venivano tutti interrati qui. A partire dall'inumazione del metropolita Pietro nel duomo (all'epoca incompiuto) nel 1326, diventò una necropoli per tutti i metropoliti russi e più tardi, (intorno alla fine del XVI secolo) per i patriarchi della chiesa russa. Nel duomo ci sono 19 tombe: i monumenti funerari si trovano lungo i muri. Nel XVII secolo furono anche installate delle lapidi per mostrare il luogo di sepoltura esatto. La posizione delle tombe dei prelati corrisponde all'ordine cronologico del loro regno. All'interno della Cattedrale della Dormizione ebbero luogo i matrimoni di molti monarchi tra cui Ivan IV e Anastasia Romanova; Alessio I battezzò i suoi figli. La principessa tedesca che divenne poi nota col nome di Caterina II La Grande si convertì proprio in questa chiesa alla religione ...

E ora dove andiamo? (N. Labaki - Francia, Libano, Egitto, Italia 2011) 14/05/2017

E ora dove andiamo?

E ora dove andiamo? (N. Labaki - Francia, Libano, Egitto, Italia 2011) Non ricordo da dove ho preso questo titolo o chi me lo abbia consigliato però è stata una vera fortuna che me lo sia segnato e che sia riuscita a recuperarne la visione perché l'ho trovato un film davvero molto bello. ** TRAMA ** Siamo in Medioriente, in un paesino sperduto sulle montagne dove cristiani e musulmani vivono insieme da anni e vivono in pace, senza problemi tra di loro o altro. L'unico grosso problema sembra essere quello di due ragazzi che si piacciono ma lui è musulmano e lei è cristiana, chi dei due deve convertirsi per coronare il sogno d'amore? Un giorno, però, un'antenna parabolica viene portata nel villaggio e viene issata su una collinetta in modo che si possa ricevere il segnale: da quel momento il villaggio si riunisce davanti alla televisione e scopre le notizie del mondo esterno. Ed è proprio così che viene a sapere che nel resto del Paese ci sono lotte per le religioni e le cose cominciano a cambiare: in un primo momento in maniera quasi impercettibile e poi divenendo via via sempre più importanti. All'inizio sembrano solo dei piccoli scherzi come far entrare gli animali in moschea oppure mettere del sangue al posto dell'acqua santa, ma presto le lotte si fanno serie. Tutto ciò nella parte maschile della popolazione mentre le donne li guardano con un po' di comprensione, prima, e con un po' di apprensione, poi. Decidono di tentare tutte le strade possibili per farli ragionare e farli smettere con questi attacchi vili e assurdi verso i loro vicini ...

Il Muro del Pianto, Gerusalemme 13/05/2017

Il Muro del Pianto

Il Muro del Pianto, Gerusalemme Un viaggio in Israele è un viaggio abbastanza complesso e ci sono moltissimi modi per affrontarlo: c'è un modo spirituale, un modo turistico, uno curioso o un mix di tutte queste cose. Sicuramente, però, qualunque sia la motivazione che vi spinge (o spingerà) a visitare Israele non dovrete assolutamente perdervi la visita a Gerusalemme. La città è molto varia e complessa, ci sono moltissime cose da vedere ed è sicuramente uno dei luoghi dove le fedi religiose si incontrano e, troppo spesso, si scontrano. Visto che non avevamo molti giorni a disposizione per visitare bene la città, per un giorno ci siamo affidati ad una guida che ci ha fatto fare un giro veloce per darci un'infarinatura in modo da avere poi il tempo i giorni seguenti di visitarla con calma. La prima visita al Muro del Pianto l'abbiamo fatta con la guida, ma ci siamo poi ritornati anche in un'altra occasione. Penso che il Muro del Pianto (o muro occidentale) sia conosciuto da tutti quanti e immagino che ognuno di voi abbia visto le scene degli ebrei in preghiera davanti a questo muro, però vorrei raccontarvi qualcosa in più sulla sua storia e sulla mia esperienza personale. Perché è considerato il luogo più sacro di tutto l'ebraismo? Questo muro è l'unica vestigia rimasta del muro di contenimento che venne costruito intorno al monte sulla cui sommità erano stati posti sia il Primo sia il Secondo Tempio e dove gli ebrei sperano di ricostruire il Terzo Tempio. Il primo tempio, costruito del X secolo a.C. da ...

Io, Daniel Blake (Ken Loach - Regno Unito 2016) 10/05/2017

Daniel Blake

Io, Daniel Blake (Ken Loach - Regno Unito 2016) Questa volta devo proprio ringraziare il cineforum perché sono riuscita a vedere questo bellissimo film che mi ero persa alla sua uscita al cinema. Purtroppo oramai seguo solo più il cineforum e recupero gli altri film online, ma questa volta sono stata proprio fortunata. ** TRAMA ** Daniel Blake è un carpentiere che ha sempre lavorato e che ama il suo lavoro e conduce una vita semplice. A seguito di un attacco cardiaco, il medico gli ha prescritto della fisioterapia e del riposo e non può lavorare. Decide quindi di fare richiesta per l'indennità da malattia, ma lo stato della Gran Bretagna respinge la sua richiesta e gli consiglia di fare ricorso. Per fare ricorso, però, deve avvalersi di un computer e compilare la domanda on line e attendere che venga riesaminato il suo caso senza la certezza né di vincere né di avere tempi certi per il riesame. Daniel Blake non demorde si reca al centro per l'impiego chiedendo di poter fare la pratica di ricorso, ma gli viene risposto che deve essere fatta on line e che non possono aiutarlo. Mentre è lì, però, incontra Katie, giovane madre di due bambini che si è appena trasferita in città dalla grande Londra. Purtroppo Katie non conosce le strade e arriva in ritardo all'appuntamento e, per questo motivo, le viene data una sanzione e diminuito l'assegno di disoccupazione. Alle rimostranze di Daniel e delle persone sedute in attesa, il responsabile non fa altro che ribadire la sua idea e sbatte fuori sia Katie sia Daniel che, da quel ...

Castello di Cesis 08/05/2017

Castello e parco di Cesis

Castello di Cesis Sto svariando un po' tra i ricordi dei miei viaggi per raccontarvi alcuni posti che ho avuto modo di visitare. Oggi vi porto in Europa, più precisamente in Lettonia nella cittadina di Cesis dove potrete ammirare un bellissimo complesso architettonico con un castello. Il complesso è costituito dalle rovine del castello medioevale, da un museo di arte e storia di Cesis, da due torri e da un parco dove troverete dei giochi per bambini e un'area per il pic nic. La costruzione del castello iniziò nel XII secolo grazie all'Ordine Teutonico e divenne ben presto sede della residenza del Maestro dell'Ordine fino al 1560 circa anche se con fasi alterne. Il Castello era sicuramente uno dei più grandi della zona e, proprio per questo motivo, venne attaccato e distrutto numerose volte: la prima volta, per la verità, venne distrutto in maniera volontaria per evitare che cadesse tra le mani di Ivan Il Terribile. Ma la storia del Castello, dei suoi abitanti e della zona circostante, la potrete vedere e studiare meglio proprio andando a Cesis e recandovi nel Nuovo Castello dove si è installato il Museo di Storia e Arte. Gli interni storici sono stati restaurati e ora accolgono delle mostre temporanee molto interessanti che raccontano comunque sempre la storia del Castello e di Cesis all'interno della storia della Lettonia. Oltre a questo, però, potrete anche godervi una splendida vista della città e delle rovine del vecchio castello. Le rovine del vecchio castello medioevale raccontano la ...

In Guerra per Amore (Pif - Italia 2016) 06/05/2017

Il secondo di Pif

In Guerra per Amore (Pif - Italia 2016) Come molti di voi, anche io avevo visto il primo film di Pif (anche se alcuni mesi dopo la sua uscita nelle sale) ed ero molto curiosa di vedere questo suo secondo lavoro. Anche in questo caso l'ho visto alcuni mesi dopo e quindi solo oggi sono qui per raccontarvelo un po'. ** TRAMA ** Siamo a New York nel 1943 e Arturo, palermitano immigrato negli USA, lavora come cameriere in un ristorante italiano. La nipote del proprietario del ristorante, Flora (interpretata da Miriam Leone), è molto bella e Arturo non può che innamorarsene e ha la fortuna di essere ricambiato. Il problema, però, è che lo zio di Flora l'ha già promessa sposa al figlio del braccio destro di Lucky Luciano e la storia d'amore tra i due sembra destinata a spegnarsi ancora prima di cominciare. Ma Flora ha un'idea: l'unico modo per cui lo zio potrebbe acconsentire alle sue nozze con Arturo è che il padre dia la sua benedizione ai due giovani. Arturo è felice e dice subito alla ragazza che andrà a chiedere la sua mano al padre, ma nasce un altro “piccolo” intoppo: il padre di Flora è rimasto in Sicilia, per la precisione in un piccolo paesino della Sicilia, dove, proprio in quei giorni, è in corso la Seconda Guerra Mondiale. Arturo decide di non mollare la presa e di tentare il tutto per tutto e ben presto capisce che l'unico modo che ha per arrivare fino in Sicilia senza soldi è arruolandosi con l'esercito e così farà. Arrivato in Sicilia, trova immediatamente il paesino visto che, fortunatamente, il suo ...

Parco Nazionale, Beit She'an 03/05/2017

Beit Shean

Parco Nazionale, Beit She'an Torniamo in Israele per un attimo così posso raccontarvi di un'altra visita che ho avuto modo di fare a questo parco archeologico nazionale che si trova nella parte nord di Israele. Il Bet She'an National Park si estende su un'area di circa 400 acri e i primi scavi archeologici vennero fatti intorno agli anni Venti. Ma i veri e proprio scavi di una certa rilevanza cominciarono solo nel 1986 grazie a una collaborazione tra la Hebrew University e la Antiquities Authority. Gli scavi hanno riportato alla luce circa un decimo dell'intera area cittadina, ma sono stati accompagnati da ricostruzioni architettoniche degli edifici, delle varie installazioni e delle strade. I primi insediamenti nella zona cominciarono intorno al V millennio prima di Cristo in un'area molto fertile grazie all'abbondanza di acqua e all'incrocio di alcune delle strade principali del posto. Intorno al XVI – XII secolo a.C. il luogo venne occupato dagli egizi che ne fecero uno dei loro centri di potere. Gli israeliani provarono a riconquistare il luogo ma senza successo tanto che, dopo la battaglia, il capo di Bet dispose i corpi di Saul e di suo figlio proprio sulle mura della città a memento di ulteriori battaglie. I passaggi di mano della città avvennero come nel resto del Paese: re Davide ne prese possesso e divenne poi un centro amministrativo sotto il regno di Re Salomone. Il sito venne distrutto nel 732 a.C. dal re assiro che conquistò tutta la parte nord del Paese. Alla fine del II secolo a.C. la ...

Voglia di Vincere (R. Daniel - USA 1985) 01/05/2017

Filmetto carino

Voglia di Vincere (R. Daniel - USA 1985) Tempo fa ho avuto modo di rivedere questo film che avevo già visto diversi anni fa ma che, onestamente, non ricordavo molto bene. Quando ho avuto la possibilità di vederlo di nuovo, non mi sono lasciata scappare l’occasione e così ora eccomi qui a raccontarvelo. ** TRAMA ** Marty (interpretato da Michael J. Fox) è un giovane studente liceale che vive una vita assolutamente nella media tra lo studio, gli amici e la squadra di basket. Bisogna dire, però, che questa squadra è davvero di infima categoria e che non vincono una partita per nulla al mondo. La vita sociale di Marty, inoltre, non è il massimo e non si può sicuramente dire che rientra nel gruppo degli studenti più benvisti dalle ragazze. La sua adolescenza sembra essere oramai segnata dalla mediocrità quando un giorno scopre di essere un licantropo. Spaventato si chiude in bagno per cercare di capire cosa gli stia succedendo, è spaventato e non capisce quando suo padre gli bussa alla porta. Subito il ragazzo cerca di non aprire con una scusa qualunque, ma ben presto il padre quasi lo obbliga a farlo e così gli rivela che anche lui è un licantropo. Ovviamente il ragazzo è spaventato e non sa bene cosa lo aspetta, ma ben presto capisce che Marty in versione licantropo è molto più benvoluto a scuola ma soprattutto si rivela un grande giocatore di basket che porta ben presto la sua squadra alla finale del campionato. Ma “la bestia” non è ben vista da tutti: il preside fa di tutto per screditarlo agli occhi degli altri e ...

Cattedrale Notre-Dame, Chartres 29/04/2017

La Cattedrale

Cattedrale Notre-Dame, Chartres Parigi è una città bellissima che io amo molto e che frequento non appena mi è possibile, ma dopo esserci andata molte volte, l'ultima mia vacanza nella capitale francese, è stata anche l'occasione per girare alcuni castelli e zone nei dintorni grazie ai treni precisi e puntuali. Una delle visite che ho fatto è stata la cittadina di Chartres. Dopo avervi parlato dell'Atrio di Maclovio, oggi vi parlo della sua bellissima cattedrale che è poi il motivo principe per cui sono andata a Chartres. I primi segni della presenza di un luogo di culto in questa zona risalgono al IV secolo quando i gallo romani costruirono i primi muri per edificare un luogo di culto. Due secoli dopo venne costruita la cattedrale merovingia di cui potete ammirare alcuni resti sotto il coro. Nell'VIII secolo la cattedrale venne distrutta dal duca di Aquitania e venne ricostruita un'altra cattedrale nel medesimo luogo. Un secolo dopo fu l'ora della cripta carolingia, chiamata nello specifico cripta St Lubin. Un'altra cripta, la cripta di S. Fulberto venne edificata nel XI secolo: è la più lunga di tutta la Francia grazie ai suoi 220 metri. Fulberto insegnò nella famosa scuola della cattedrale e ne divenne vescovo nel 1006. Nel 1194 la cattedrale prese fuoco e si incendiò quasi tutta tanto che venne ricostruita partendo solo dalle due cripte. La versione definitiva si ebbe nel 1230 e da allora pochi rimaneggiamenti vennero compiuti e, soprattutto, sulla parte esterna. Piccolo curiosità: Enrico IV fu l'unico ...

Sully (C. Eastwood - USA 2016) 27/04/2017

C'è Sully ma manca Eastwood

Sully (C. Eastwood - USA 2016) Come penso tutti quanti voi, anche io avevo visto la presentazione di questo film quando è uscito nelle sale, ma ho attesa di vederlo al cineforum come al solito e quindi, ora, ho pensato di raccontarvelo un po'. ** TRAMA ** Sully, abbreviazione di Chesley Sullenberger, e interpretato da Tom Hanks è un pilota di aviazione civile con moltissima esperienza alle spalle, ma mai nella sua carriera si era trovato davanti un problema così grave. Siamo a gennaio, esattamente il 15 gennaio 2009, quando l'aereo comandato dal capitano Sully decolla dall'aeroporto di La Guardia a New York. Poco dopo il decollo, si imbatte in uno stormo di uccelli che penetrano nei motori rendendoli inutilizzabili fin da subito. Pilota e co-pilota si rendono immediatamente conto di quello che è accaduto e contattano la torre di controllo per cercare di capire cosa possono fare e come possono cercare di atterrare sani e salvi. In quei pochi minuti decisivi capita di tutto: l'uomo radar cerca di trovare una soluzione al problema e propone ben tre aeroporti nelle vicinanze per poter effettuare un atterraggio di emergenza. Ma il pilota, analizzando immediatamente tutto ciò che sta accadendo intorno a lui, decide che non arriverà mai a quegli aeroporti e che rischia solo inutilmente la sua vita e quella dei passeggeri a bordo. In un attimo decide che l'unico modo per darsi una possibilità è quello di atterrare sul fiume Hudson e così decide di fare con il co-pilota che rimane sbalordito ma che appoggia al ...

Barnes Foundation, Philadelphia 20/04/2017

Fondazione Barnes, un museo particolare

Barnes Foundation, Philadelphia Una visita obbligatoria (almeno per me) se andate a Philadelphia è quella della Fondazione Barnes. Il perché? Cercherò di spiegarvelo in questa mia opinione. Il museo venne fondato da Barnes nel 1922 che decise di fare tutto ciò per promuovere la cultura e la conoscenza delle arti e dell'orticoltura (oltre al museo, infatti, c'è anche un orto botanico che, però, io non ho visitato quindi non vi posso raccontare nulla in merito). Barnes nacque nel 1872 da una famiglia della classe media e morì a 79 anni. Studiò medicina e a 20 anni era già dottore, ma decise di non praticare la professione nel senso più stretto del termine ma di dedicarsi alla ricerca chimica. Proprio grazie a questo scoprì una molecola adatta a combattere la gonorrea e sopratutto i sintomi della gonorrea nei nascituri. Tutto ciò gli fece guadagnare molti soldi che divennero ancora di più quando decise di liquidare la società poco prima del crack finanziario che colpì gli Stati Uniti e anche poco prima che inventassero gli antibiotici (che avrebbero reso il suo medicinale, sorpassato). Divenuto miliardario si dedicò alle sue grandi passioni e cioè collezionare quadri di artisti europei, ma ben presto anche manufatti e dipinti di nativi americani. Il cuore della sua collezione è sicuramente dato dai primi 20 quadri che un suo vecchio amico d'infanzia gli comprò a Parigi, ma la collezione si implementò grazie ai consigli di Gertrude Stein e altri mercanti d'arte parigini. E così all'interno della Fondazione ...

Apri gli occhi (Matteo Righetto) 17/04/2017

Una montagna e il passato

Apri gli occhi (Matteo Righetto) Onestamente proprio non ricordo come questo titolo sia entrato nella mia lista di libri da leggere però sono davvero contenta di averlo messo in lista e di averlo letto perché mi è piaciuto molto nonostante non sia esattamente il mio genere letterario preferito. ** TRAMA ** Luigi sta preparando lo zaino e sta controllando di avere tutto l'occorrente per andare in montagna mentre sua moglie lo guarda un po' triste, un po' rassegnata e un po' speranzosa. Ma lei non sta preparando alcuno zaino. In un'altra casa di Milano anche Francesca è andata a riprendere la sua attrezzatura da montagna, il suo zaino, i suoi vestiti e i suoi scarponi e anche in quella casa il marito non è invitato alla gita tra le vette dolomitiche. Luigi e Francesca partono insieme da Milano verso le vette delle Dolomiti, insieme come tanti anni fa quando erano sposati ed erano felici. Eh sì, perché i due sono stati amici, fidanzati e poi sposati per un lungo periodo e, anche, felici. Ma poi qualcosa tra di loro si è incrinato per sempre per colpa di un evento tragico che li ha segnati per sempre. Il viaggio è un momento di vera tensione tra di loro: un silenzio imbarazzante scende sulla macchina e i due sembrano quasi pentirsi di aver deciso di partire insieme però è necessario farlo. Bisognava farlo per cercare di quietare quel senso di malessere e di “non detto” che c'è sempre stato tra di loro. Mano a mano che la montagna si avvicina, anche le loro lingue si sciolgono e cominciano a parlare, a ...

Castello di Azay-Le-Rideau 13/04/2017

Chateau d'Azay

Castello di Azay-Le-Rideau Anche oggi vi racconto di un castello che ho avuto modo di vedere durante il mio viaggio nella Loira: è un castello molto bello e penso sia una tappa obbligata per chi vuole fare il giro dei castelli della Loira. Nel cuore della Touraine avrete modo di scoprire un capolavoro del Rinascimento perché il Castello di Azay-Le-Rideau non solo è iscritto nel patrimonio mondiale tutelato dall'UNESCO ma riesce a unire in maniera molto speciale e sottile le tradizioni francesi con quelle italiane. E' un castello molto elegante e si trova su un'isola circondata da un parco all'inglese: è stato costruito nel XVI secolo al posto di un'antica fortezza medioevale e ben rappresenta lo sforzo di Francesco I e dei suoi ministri delle finanze ad avvicinarsi all'innovazione architetturale proveniente dall'Italia. Questo gusto per il Rinascimento si può notare dai tetti molto sporgenti, dai camminamenti e dagli scaloni monumentali, dalle larghe aperture e dagli ornamenti delle facciate che formano un insieme armonioso di un gusto incomparabile. La costruzione, però, non si fermerà qui e anche nel XIX secolo continuerà con la costruzione di torri e torrette. Il Castello venne acquisito nel 1510 da Gilles Berthelot (notaio e segretario del Re) che ne cominciò la ricostruzione e si ingrandì grazie al matrimonio con Madame Lesbahy, proprietaria dei terreni circostanti. La sua scaltrezza lo porterà ad avvicinarci al ministro delle finanze di re Francesco I che, però, verrà poi giustiziato per ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra