Condividi questa pagina su

oro Status oro (Livello 9/10)

Ciobin

Ciobin

Autori che si fidano di me: 705 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

E il 6 agosto si riparte!!!!

Opinioni scritte

dal 08/07/2000

1564

One day (L. Scherfig - USA, UK 2011) 25/06/2017

Un giorno

One day (L. Scherfig - USA, UK 2011) Rieccomi a voi con un altro film che ho visto dopo la segnalazione di un amico oramai un bel po’ di tempo fa e solo ora riesco a ritagliarmi del tempo per parlarvene. ** TRAMA ** Il film si apre in un giorno ben preciso, 15 luglio 1988 e siamo ad Edimburgo. E’ appena finita una sessione di laurea e i ragazzi sono tutti felici ed entusiasti e stanno festeggiando. Emma Morley (interpretata da Anne Hathaway) e Dexter Mayhew (interpretato da Jim Sturgess) si incontrano e si conoscono. I due trascorrono la notte insieme ma senza aver alcun contatto intimo e alla mattina successiva si salutano e si lasciano soprattutto a causa della loro evidente diversità: Emma è una giovane donna impegnata che vorrebbe fare la differenza nel mondo per renderlo un posto migliore mentre Dexter è un giovane rampollo ricco e viziato che pensa solo al divertimento e alle molte donne che ha conosciuto nella sua vita. Un anno dopo lei è a Londra per cercare di diventare una scrittrice mentre Dexter sta per partire per l’India. Ogni anno, il 15 di luglio, scopriremo cosa è successo nella loro vita e così scopriremo che Emma alla fine non è riuscita a sfondare e ha continuato il lavoro nel ristorante messicano dove conosce Ian. Dexter, invece, comincia a lavorare in televisione dove il suo stile arrogante e spaccone ha grande successo e non fa altro che divertirsi e conoscere una donna dopo l’altra. I due rimangono amici e spesso si sentono e si frequentano, si raccontano e confrontano le loro vite, i ...

Gammelstad 23/06/2017

Gammelstad, Lapponia svedese

Gammelstad Oggi riprendo in mano le opinioni che vorrei scrivere sul mio viaggio in Lapponia per raccontarvi di un paesino molto interessante che si trova nella parte svedese della Lapponia vicino alla città di Lulea. Il sito è patrimonio dell’UNESCO dal 1996 per il suo patrimonio architettonico e culturale. Il motivo per cui è iscritto nell’UNESCO che è poi anche il motivo per cui vi consiglio di andarlo a visitare è che questo paesino rappresenta un tipo di villaggio (denominato villaggio della chiesa) che era molto abituale nel nord della Scandinavia e che si può ammirare nella sua costruzione solo in questo posto. Come dice il nome stesso, il fulcro del paese era la chiesa costruita in pietra e che si fa risalire agli inizi del XV secolo e tutto intorno avrete modo di ammirare diverse abitazioni (nello specifico 424) tutte costruite in legno e colorate di rosso. Quando siamo arrivati noi, in giugno, gli abitanti di queste case erano tutti intenti a fare i lavori quindi c’era chi lavorava al tetto, chi alle grondaie e chi dava il colore alle casette. Le casette del villaggio erano nate come dimora provvisoria per i fedeli che, una volta giunti in zona per la chiesa, non avevano il tempo materiale di tornare alle loro case e, quindi, avevano modo di trascorrere la notte al caldo prima di incamminarsi nuovamente verso casa. L’idea è sicuramente molto originale e utile soprattutto in inverno quando in zona come queste l’oscurità cala molto presto e non consente un viaggio in ...

Il Grande Gatsby (B. Luhrmann - Usa 2013) 21/06/2017

Si salva solo Leo

Il Grande Gatsby (B. Luhrmann - Usa 2013) Rieccomi a raccontarvi un altro film visto al cineforum. Lo avevo già adocchiato quando era uscito nelle sale ma non ero riuscita ad andarlo a vedere e così l’ho recuperato. ** TRAMA ** Essendo il film chiaramente tratto dal romanzo di Francis Scott Fitzgerald, la trama ricalca quasi in tutto il romanzo anche se alcune piccole differenze ci sono ed è anche divertente trovarlo. Per chi non conoscesse la storia oppure la ricordasse solo di sfuggita, credo sia essenziale raccontare almeno un pochino la trama. Le vicende sono raccontate in prima persona da Nick Carraway (interpretato da Tobey Maguire), un giovane uomo che arriva nella zona di New York e più precisamente sulla costa di Long Island dove decide di affittare una casa e cercare di svoltare facendo l’agente di borsa. Nick si trasferisce in estate e avrebbe intenzione di dedicare il suo tempo allo studio dei vari manuali per cominciare poi alla grande il suo nuovo lavoro. Per cominciare trova una casetta senza troppe pretese nella zona del West Egg anche se intorno a lui sono presenti moltissime ville e dimore di grandissime dimensioni. Proprio il suo vicino, un tale Jay Gatsby (interpretato da Leonardo di Caprio), possiede la più bella in assoluto e ogni fine settimana dà dei party immensi e memorabili. Tutta la città vi partecipa senza invito e senza bisogno di averlo, e un giorno anche Nick ci andrà ma solo dietro un invito scritto, forse l’unico che sia mai stato inviato dal padrone di casa. Proprio di fronte ...

Nili Restaurant, Rovaniemi 19/06/2017

La cucina lappone

Nili Restaurant, Rovaniemi Il viaggio che ho fatto in Lapponia è stato sicuramente un viaggio molto bello e sarebbe assolutamente da ripetere oltre che da consigliare a tutti, ma ciò che non lo rende un viaggio per tutti è il suo costo. Se nel volo alla fine si riesce a rimanere nel budget, il problema nasce proprio nel momento in cui si arriva visto che, purtroppo, la vita in Norvegia è molto cara. Il costo della vita, compreso il mangiare, è molto alto sia in Norvegia sia in Svezia e quindi abbiamo preferito portarci il cibo dall’Italia e cucinare la pasta e poi del salmone e delle verdure fresche senza usare troppo i ristoranti. Una sera, però, volevamo provare a mangiare alcuni piatti locali e abbiamo deciso di farlo andando ad un ristorante lappone in Finlandia che è il posto più abbordabile a livello economico e così abbiamo scelto il Nili Restaurant. Il Nili è un ristorante lappone per definizione e si trova nella città di Rovaniemi, proprio in centro, quindi è facilmente raggiungibile sia dagli hotel della zona a piedi sia in macchina se avete il posto a dormire un po’ fuori città. Noi siamo andati un sabato sera e abbiamo attesa solo 10 minuti quindi penso non ci sia da prenotare a meno che siate una compagnia numerosa. Fin dall’ingresso è evidente che si tratta di un ristorante turistico visto che alle pareti sono appese delle corna di renna e di alce oltre a dell’artigianato in pelle di renna. Il cibo e il servizio, però, sono di un buonissimo livello e devo dire che abbiamo mangiato bene ...

Lezioni d'amore (I.Coixet - USA 2008) 17/06/2017

Delusione tranne la Cruz

Lezioni d'amore (I.Coixet - USA 2008) Avevo sentito parlare molto di questo film, ma non avevo ancora avuto l’occasione di vederlo e così ho deciso di farmelo prestare ed ora eccomi qui a scrivere qualcosa per raccontarlo un po’ a chi se lo era perso. ** TRAMA ** Il film è ambientato a New York dove vivono i due personaggi principali del film: David e Consuela. David è un professore sessantenne, insegna all’università ma è molto famoso per essere un critico teatrale e un conduttore di un programma radiofonico dedicato alla letterature. David ora è single, vive da solo, ha avuto una moglie che ora non sente più e ha un figlio che non vede quasi mai. Le sue relazioni sono tutte occasionali e si limitano al puro sesso compresa quella con una donna storica che da lui non vuole altro se non sesso. I due si intendono a meraviglia e David si intrattiene spesso con altre donne comprese alcune sue studentesse. Consuela è, infatti, proprio una sua studentessa che rapisce lo sguardo del professore e lo porta a chiederle di uscire. Tra i due comincia a nascere qualcosa che va al di là della pura passione e, ben presto, David capisce di essere innamorato e di avere davvero paura di perdere Consuela. Tra i due la relazione diventa sempre più forte e profonda, ma perdere le vecchie abitudini non è facile e così, quando Consuela invita il suo uomo a una festa dove ci sarà anche la sua famiglia, David inventa una scusa e non si presente. Questo segnerà la fine della loro relazione, almeno per il momento. Dopo due anni David ha ...

Cattedrale delle Lofoten, Kabelvag 14/06/2017

La cattedrale delle Lofoten

Cattedrale delle Lofoten, Kabelvag Rieccomi a parlarvi del mio viaggio in Lapponia e questa volta ho pensato di raccontarvi di una chiesa davvero molto bella che si trova nella città di Kabelvag nelle Lofoten e che viene spesso identificata come la cattedrale delle isole stesse. Kabelvag ha circa 1690 abitanti ed è una cittadina molto piccola e carina che vale la pena visitare se passate in zona. Sicuramente il suo centro è molto piccolino ma una passeggiata ci può tranquillamente stare, ma quello che non dovete assolutamente perdervi è la chiesa in legno che si chiama Vagan Kirke. Noi abbiamo realmente rischiato di non vederla visto che quando siamo arrivati era già chiusa (purtroppo in questi posti i posti e i negozi chiudono sempre un po’ presto). Così ci siamo soffermati un pochino fuori e stavamo per andare via quando abbiamo visto arrivare una macchina e scendere un ragazzo che entrava in Chiesa. Ci siamo avvicinati e gli abbiamo chiesto se poteva farci vedere un attimo la chiesa ed è stato molto gentile e ci ha lasciato circa un quarto d’ora per fare un giro. Anche se veloce, abbiamo visto che è una chiesa davvero molto bella e quindi ho pensato che valesse la pena scrivere una opinione solo su questa visita tralasciando invece quella su Kabelvag. LA parte esterna della Chiesa è già molto carina e si nota molto meglio dalla strada che le scorre accanto: è costruita con un stile che ricorda molto il gotico anche se è fatta completamente in legno dipinto di giallo con i bordi in legno e il tetto in ...

I Colori dell'Anima (M. Davis - USA 2004) 12/06/2017

Modì

I Colori dell'Anima (M. Davis - USA 2004) Un mio amico, sapendo che mi piacciono i film e che avevo letto alcune cose sui pittori della Parigi di inizio Novecento, mi avevo parlato di questo film consigliandomi di vederlo e così ho fatto non appena ne ho avuto l’occasione. ** TRAMA ** Come si capisce già dal titolo, il film racconta un pezzo della vita di Modigliani e soprattutto la parte finale della sua vita che va più o meno dall’incontro con Jeanne fino alla loro morte. Ma cominciamo dall’inizio. Amedeo Modigliani è nato a Livorno in una famiglia ebraica, ma ben presto decide di dedicare la sua intera esistenza alla pittura, alla scultura e ad una vita dissoluta. E quale migliore posto se non quella Parigi che era il fulcro mondiale dell’arte di quel periodo? E così Amedeo, da tutti conosciuto col nome di Modì, si trasferisce nella capitale francese dove viene a contatto non solo con il mondo dell’arte, ma anche direttamente con pittori del calibro di Picasso, Utrillo, Soutine, Kisling, Chagall e non ultimo Renoir. La vita dissoluta che conduce segnata da poco cibo e tanto alcool non aiuta sicuramente la malattia che lo affligge da diverso tempo: la tubercolosi. Purtroppo all’alcool e alla cattiva alimentazione aggiunge spesso anche delle droghe che creano danni irreparabili al suo corpo. La svolta nella sua vita privata avviene quando conoscerà Jeanne Hébuterne di cui si innamorerà fino ad arrivare a chiederle di sposarlo. Jeanne, dal canto suo, è innamorata follemente del pittore italiano e decide di ...

Amore a 1000... miglia (N. Burstein - USA 2010) 10/06/2017

C'è di molto meglio

Amore a 1000... miglia (N. Burstein - USA 2010) Ho visto questo film un po’ per caso visto che una persona che conoscevo me ne aveva parlato bene. Ho voluto crederci ma sono rimasta abbastanza delusa perché il film non rientra quasi per niente nei miei generi preferiti e, oltretutto, è anche abbastanza ovvio e scontato. ** TRAMA ** Erin (interpretata da Drew Barrymore) è una ragazza di San Francisco che ha deciso di trascorrere le sue vacanze estive a New York facendo uno stage per un giornale. Durante queste vacanze incontra Garrett (interpretato da Justin Long) che lavora in una casa discografica proprio a New York. Tra i due scocca immediatamente la scintilla e cominciano a frequentarsi e sentirsi ogni giorno e a passare sempre più tempo insieme nonostante entrambi sappiano che a breve dovranno salutarsi e lasciarsi. Quando arriva il giorno fatidico i due si lasciano ripromettendosi di sentirsi, scriversi, telefonarsi e di vedersi non appena possibile, ma le cose non saranno così facili. Una volta separati, i loro amici cercano di farli ragionare e di far loro capire che una storia a distanza così siderale non può avere un futuro. Ma l’amore tra i due continua e Erin cerca in ogni modo di trovare lavoro in un giornale a New York o almeno da quelle parti ma senza successo. Quando è quasi decisa a lasciare San Francisco per raggiungere Garrett nella Grande Mela, le arriva un’offerta che non può rifiutare da un giornale della sua città. Parlandone con il suo ragazzo, decide di accettare. La loro storia deve per forza ...

American Sniper (C. Eastwood - USA 2015) 07/06/2017

Un cecchino americano

American Sniper (C. Eastwood - USA 2015) Ho visto questo film oramai un bel po' di tempo fa al cineforum ma solo ora riesco ad avere qualche minuti per raccontarvelo. E' un film che fa pensare e vale la pena di vederlo. ** TRAMA ** Chris Kyle (interpretato da Bradley Cooper) è un giovane americano, vive nel profondo sud (Texas) dove trascorre la sua vita tra la caccia e i rodeo. Ama la sua famiglia e la sua patria e, non appena ne avrà la possibilità e sentirà dentro di sé che è la cosa giusta da fare, si arruolerà nei Navy SEAL. L'addestramento del corpo speciale del SEAL non è affatto una passeggiata, ma Chris, grazie anche alla sua esperienza di cacciatore, riesce a distinguersi e a candidarsi come cecchino. Finito l'addestramento viene inviato in Iraq e ci viene mostrata la sua prima missione a Falluja. Il suo compito è quello di coprire, dall'alto di edifici abbandonati, i suoi commilitoni cercando di segnalare imboscate o kamikaze. Una situazione potenzialmente pericolosa si delinea immediatamente visto che un bambino accompagnato solo dalla madre sembra andare in maniera pericolosa verso i suoi commilitoni. Per Kyle non è facile decidere, ma alla fine prenderà la decisione giusta. Le sue capacità lo fanno diventare una specie di eroe per i suoi che lo soprannomineranno Leggenda, ma anche un personaggio molto pericoloso per i nemici che lo chiameranno Il Diavolo di Ramadi. Il problema è che i nemici vogliono la sua testa e arriveranno persino a mettere una taglia di 180,000 dollari per la sua testa. Prima di ...

Masada National Park, Israele 05/06/2017

Mai più Masada cadrà

Masada National Park, Israele Con questa mia nuova opinione vi riporto in Israele e più precisamente nel Masada National Park. Immagino che il nome Masada vi susciti qualche ricordo e spero di farvelo tornare in mente raccontandovi la mia visita. Masada fa parte della lista dei siti protetti dall'UNESCO dal 2001 ed è quindi una garanzia in più che sia un posto valido e interessante da visitare se avete deciso di fare un giro in Israele. Masada è conosciuta per essere stato l'ultimo bastione dei combattenti ebrei per la libertà contro i romani e la sua caduta ha segnato la distruzione violente del regno di Giudea alla fine del periodo del Secondo Tempio. I tragici eventi avvenuti negli ultimi giorni da parte dei ribelli, hanno trasformato al rocca di Masada in un'icona per la cultura ebraica e un simbolo per il mondo intero contro l'oppressione e la voglia di libertà. Prima di raccontarvi un po' la sua storia nel dettaglio (non troppi dettagli, promesso), volevo darvi un attimo un'idea di dove si trovi: Masada si trova nella parte est del deserto della Giudea vicino al Mar Morto tra En Gedi e Sodoma. E' un plateau che si trova a circa 450 metri sul livello del mare ed è 650 metri per 300 metri quindi è sicuramente ben visibile. L'accesso può avvenire in diversi modi: sia a piedi sia grazie a una cabinovia. Noi per pigrizia e per il poco tempo a disposizione abbiamo optato per questa seconda opzione anche se credo che sia migliore la prima per rendersi veramente conto di quello che è Masada e di come sia ...

Qualcosa di Nuovo (C. Comencini - Italia 2016) 02/06/2017

Meglio a teatro

Qualcosa di Nuovo (C. Comencini - Italia 2016) Ho avuto modo di vedere questo film al cinema e devo dire che fin dalle prime battute ho avuto come il sentore che mi ricordasse qualcosa che avevo visto o letto o sentito. Mi sono poi ricordata verso la fine che era uno spettacolo teatrale al quale avevo assistito e ho scoperto poi che anche lo spettacolo teatrale era scritto e diretto dalla Comencini. Insomma, ci ho messo un po' ma tutto è tornato! ** TRAMA ** Lucia (interpretata da Paola Cortellesi) e Maria (interpretata da Micaela Ramazzotti) sono due donne amiche da sempre anche se sono molto diverse. Lucia è una cantante jazz con un divorzio alle spalle e con un carattere molto duro e controllato che non lascia spazio a nessuno e non vuole che nessuno entri nella sua vita per sconvolgerla nuovamente. Maria ha anche lei un divorzio alle spalle da un uomo che la tradiva con la babysitter, due figli e ha una voglia immensa di stare con qualcuno e non stare mai sola. E' dipendente dagli uomini e non ci vede nulla di male ad andarci a letto anche la sera stessa senza nemmeno sapere come si chiamano o cosa fanno nella vita. Maria ha appena conosciuto uno e chiama Lucia per disfarsene e così lei arriva, fa la sua scenetta e l'uomo di turno se ne va a gambe levate lasciandole sole a fare colazione al loro solito bar. Lucia però non vuole lasciar cadere la cosa e cerca di spiegare alla sua amica che fare così non la porterà a nulla perché per poter far nascere qualcosa di serio e importante bisogna anche parlare oltre che avere ...

Museo Civico Casa Cavassa, Saluzzo 30/05/2017

Casa Cavassa

Museo Civico Casa Cavassa, Saluzzo Questa mia visita risale ad un bel po’ di tempo fa ma tanto oramai lo sapete che sono in mega ritardo con le opinioni e quindi spero che mi perdonerete se ve ne parlo solo ora. In questo caso vi racconto di un Museo Civico che si trova a Saluzzo, in provincia di Cuneo e che consiglio a tutti di visitare non solo per il Museo in sé ma anche per sfruttare l’occasione per fare un giro nella bella cittadina di Saluzzo. ** LA VISITA ** Casa Cavassa, come dice il nome stesso, è stata la casa della famiglia Cavassa che proveniva da Carmagnola (comune non troppo lontano) anche se prima era stata la dimora dei marchesi di Saluzzo. Come detto, nella sede di Casa Cavassa oggi è presente un bellissimo Museo Civico dove potrete ammirare in un colpo solo non solo la Casa in stile rinascimentale, ma anche alcuni arredi appartenuti a Silvio Pellico. Molto bello anche il portale di ingresso che alterna un bellissimo portale marmoreo con una porta in legno molto interessante. Gli affreschi presenti nelle varie sale sono davvero belli e vale la pena soffermarsi un po’ anche solo per cercare il motto della famiglia Cavassa che recita “DROIT QUOY QUIL SOIT”. Il motto è riportato in quasi tutte le stanze, in un modo o nell’altro ed è quasi una specie di gioco cercarlo in ogni affresco oppure riportato sulla teleria. Hans Clemer è un pittore fiammingo che ha lavorato molto nella zona e anche in questa casa ha lasciato molti dei suoi lavori partendo dalla pala della Madonna della Misericordia fino ...

Gloria (S. Lelio - Cile 2013) 28/05/2017

Gloria

Gloria (S. Lelio - Cile 2013) Altro giorno e altro film visto al cineforum. Devo ammettere che non ne avevo sentito parlare e non lo conoscevo, ma ora mi sento di consigliarlo a tutti soprattutto per quello che ci lascia dentro e per l’interpretazione di Paulina Garcia. ** TRAMA ** La trama, in realtà, non è per nulla complicata, ma racconta semplicemente un pezzo di vita di Gloria (interpretata appunto da Paulina Garcia). Gloria è una donna cilena di circa 58 anni, è divorziata e i suoi due figli sono oramai grandi e indipendenti quindi non molto presenti nella sua vita. Gloria ha una casa, un lavoro, alcuni amici ma sente che le manca qualcosa affinché sia felice e completa e per vivere appieno la sua vita. Si rende ben presto conto che il mondo che la circonda non è fatto per gente della sua età, che non ci sono molti posti da frequentare, molto vestiti da comprare adatti a lei e a quelli come lei, ma Gloria non si deve arrendere, non può farlo e così si sfoga cantando a squarciagola in macchina e andando a ballare la sera nelle balere per single. Proprio una di queste sere, ballando, incontra Rodolfo che ha più o meno la sua età, anche lui divorziato e con due figlie. Tra i due sembra nascere qualcosa che sfocia in una notte d’amore, ma cominciare una nuova relazione non sarà affatto semplice. Entrambi sono abituati a vivere in una condizione ben precisa dalla quale è difficile riuscire per rimettersi in gioco, ci proveranno, falliranno e ci riproveranno. ** CONSIDERAZIONI PERSONALI ** Sono stata ...

Grace di Monaco (O. Dahan - USA 2014) 26/05/2017

Grace di Monaco

Grace di Monaco (O. Dahan - USA 2014) Ho visto questo film grazie al cineforum che frequento spesso e non avevo ancora avuto il tempo di recensirlo quindi ora, eccomi qui, per raccontarvi questo film interessante. ** TRAMA ** Il film è ambientato nel Principato di Monaco nel 1962 e cioè nel periodo di tensione tra il Principe Ranieri e il presidente della Francia Charles de Gaulle. Ovviamente il tutto è visto dagli occhi della Principessa Grace Kelly, divenuta principessa nel 1956 e che si trova a dover affrontare un periodo molto difficile sia nella vita personale sia nella vita di coppia. La tensione tra il Principato e la Repubblica è arrivata ad un livello altissimo, i problemi finanziari sono sempre più importanti e il Principe Ranieri è diventato colui su chi si sono posati tutti gli occhi. Grace Kelly, invece, vive un periodo della sua vita molto particolare: ha abbandonato Hollywood per dedicarsi alla famiglia, ha lasciato la fama e il successo, la sua carriera e si ritrova a vivere dietro le quinte come non le era mai successo. In quei fatidici mesi, la Kelly deve decidere cosa fare della sua vita: se continuare la sua carriera di attrice accettando alcune proposte molto allettanti oppure se dedicarsi alla sua famiglia, alla sua patria di adozione e al suo popolo. Ovviamente la scelta non è facile perché le si chiede di essere quello che non è, di relegare in un angolo la sua passione per la recitazione, la sua voglia di stare sul palco e di fare l'unica cosa che la rendeva felice. Tutti sappiamo cosa ...

Jobs (J. M. Stern - USA 2013) 24/05/2017

Steve Jobs ma non al massimo

Jobs (J. M. Stern - USA 2013) Ho visto questo film oramai molto tempo fa ma sono ancora riuscita a parlarvene quindi sfrutto questi momenti di pausa per cominciare a scrivere qualcosa in merito. Ne avevo sentito parlare sia sui diversi siti sia tramite amici e non ero molto convinta di volerlo vedere, ma alla fine, eccomi qui a raccontarvelo. ** TRAMA ** Il film racconta la storia di Steve Jobs e, in pratica, il riassunto della trama potrebbe tranquillamente esaurirsi qui, ma credo sia meglio raccontarvi qualcosina in più almeno sulle date e sulla scelte delle cose che vengono raccontate. Il film si apre con Jobs (interpretato da Ashton Kutcher) che, nel 2001, presenta l'iPod, ma ben presto si torna indietro nel tempo fino al 1974, anno in cui Jobs frequenta ancora l'università più per curiosità che per ottenere il titolo di studio. Lascia ben presto gli studi e decide di andare in India dove rimane per quasi due anni. Torna ben presto in California a casa dei suoi genitori e comincia a frequentare un amico, Steve Wozniak (interpretato da Josh Gad ), che è un vero amante della tecnologia. Woz coinvolge ben presto Jobs nei suoi lavoretti e gli spiega quello che sta cercando di fare con la scheda madre sulla quale sta lavorando. I due decidono di mettere insieme le loro capacità e da quella scheda madre nascerà il primo personal computer: l'Apple I. Da quel momento Jobs e Woz avvieranno la loro azienda personale grazie ad alcuni imprenditori che hanno deciso di investire nel loro prototipo. Dall'Apple I ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra