Condividi questa pagina su

oro Status oro (Livello 9/10)

Ciobin

Ciobin

Autori che si fidano di me: 680 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Tornata e non vedo l'ora di ripartire LO SCAMBIO DI LETTURE E' PROIBITO DAL REGOLAMENTO

Opinioni scritte

dal 08/07/2000

1507

Franny (Dvd) 24/02/2017

Si salvi chi può

Franny (Dvd) Mi sembrava di aver visto una presentazione di questo film, ma poi non ero andata a vederlo anche perché mi ispirava proprio poco: alla fine sono riuscita a vederlo grazie al cineforum che frequento e oggi ho pensato di raccontarvi qualcosa in merito. ** TRAMA ** Franny (interpretato da Richard Gere) non fa assolutamente nulla dalla mattina alla sera: è un milionario e il suo unico scopo e interesse è fare beneficienza. La sua vita sembra filare tutta perfetta, liscia come l'olio e felice per quello che può essere fino a quando non arriva uno scossone che cambierà tutto. Franny, infatti, incontra dopo tanti anni Olivia (interpretata da Dakota Fanning) che è la figlia dei suoi più cari amici ed è sposata. Tra poco diventerà madre e Franny proprio non può stare fuori dalla sua vita e da quella del marito. Comincia a entrare nelle loro vita con piccoli aiuti che si fanno man mano sempre più importanti e invadenti, ma i due ragazzi proprio non se la sentono di dirgli qualcosa. Cercano però di fargli capire che la loro vita con il bambino è solo loro, che lui può partecipare ma non può vivere con loro ogni istante e ogni piccola cosa. Ma Franny non capisce o fa finta di non capire e porta questo rapporto all'esasperazione. E qualcosa si rompe. Un segreto tenuto nascosto per molti anni, un terribile segreto esce allo scoperto e sconvolgerà la vita di tutti quanti, ma soprattutto quella di Franny roso e vinto dai sensi di colpa. ** CONSIDERAZIONI PERSONALI ** Che dire di un film ...

Atrio di San Maclovio 22/02/2017

Atrio di San Maclovio

Atrio di San Maclovio Se siete a Parigi e ci siete già stati diverse volte e avete voglia di fare una gita un po' fuori dal solito, allora vi consiglio di prendere il treno e andare a Rouen. E la città di Rouen potrebbe essere anche la prima tappa per la visita di Normandia e Bretagna sempre partendo da Parigi. Comunque sia, una volta che siete arrivati nella città, non potete perdervi la cattedrale che è bellissima ma anche il suo centro storico e, camminando camminando, arriverete anche al luogo di cui vorrei parlarvi oggi. Quest'atrio è un cimitero costruito al centro della parrocchia di San Maclovio, aggiunto alla cinta muraria della città nel 1253. Era una delle parrocchie più grandi e più popolate, polmone di una delle attività principali della città: l'arte tessile. La creazione del cimitero risale all'epoca della Grande Peste (1348): l'epidemia è stata una delle più mortali di sempre che ha portato alla morte quasi 1/3 della popolazione. Agli inizio del 1500 ci fu una nuova epidemia di peste e la parrocchia decise di aumentare la capacità del cimitero costruendo tutto intorno tre gallerie sormontate da un ossario. Durante le epidemia e di fronte al crescente numero di morti e ai rischi di contagio, le pratiche funebri variarono: i corpi vennero avviluppati da un semplice lenzuolo e gettati così com'erano in grandi fosse comuni che occupavano lo spazio centrale dell'atrio. Con la creazione dell'ossario, i becchini esumarono i resti e li interrarono sopra le gallerie nello spazio vuoto ...

Last Resort - Stagione 01 (Dvd) 19/02/2017

Sottomarino americano contro gli USA

Last Resort - Stagione 01 (Dvd) Stavo cercando alcune serie televisive da vedere in pausa pranzo in ufficio e, cercando cercando, ho trovato questa che si è rivelata carina e corta visto che è durata solo una stagione. ** TRAMA ** Siamo a bordo di un sottomarino nucleare USS Colorado della marina militare statunitense quando l'equipaggio e il comandante stanno manovrando per soccorrere una squadra di SEAL esfiltrati dal Pakistan. I SEAL salgono a bordo con un ferito e il sottomarino parte per dirigersi al più vicino ospedale. Durante la navigazione, dopo neanche 10 minuti, ricevono un ordine di attacco nucleare contro il Pakistan. L'ordine, però, sembra molto strano al comandate Marcus Chaplin perché non arriva dai canali ufficiali, ma da un canale secondario da utilizzarsi solo in caso di vera emergenza e di golpe dello stato. Ad una richiesta diretta del comandate Chaplin ai suoi capi negli USA, il sottomarino Colorado viene attaccato da un altro sottomarino statunitense, l'USS Illinois, che centra il bersaglio. Nonostante il centro, però, il Colorado sopravvive e così i suoi uomini che lo conducono fino alla più vicina isola: Sainte Marina. Una volta arrivati sull'isola, sia Chaplin sia il suo secondo Sam Kendal, capiscono che c'è qualcosa che non va e decidono di farsi sentire dal mondo intero per cercare giustizia e capire cosa stia realmente accadendo nel mondo e nel loro paese. Da quel momento i fatti precipitano perché sull'isola non c'è solo una stazione di controllo NATO, ma anche gli abitanti ...

Florence (S. Frears - GB 2016) 17/02/2017

La sua vita per la musica

Florence (S. Frears - GB 2016) Ho avuto modo di vedere questo film grazie al solito cineforum che frequento: ovviamente ne avevo sentito parlare ma non ero andata a vederlo al cinema appena uscito così ne ho recuperata la visione alcuni giorni fa. ** TRAMA ** Il film è tratto da una storia vera e racconta la storia di Florence Foster Jenkins (interpretata a Meryl Streep): ereditiera americana malata di sifilide che vive per la musica. Il suo più grande sogno è fare la cantate lirica, adora la musica in ogni sua forma e vuole solo cantare davanti alle persone che la stimano e la amano. Decide di rimettersi a studiare per poi fare nuovamente un concerto e così chiama un autorevole direttore d'orchestra affinché le dia delle lezioni e un pianista, Cosmé McMoon, che la accompagni in questo suo studio. La casa della Jenkins è frequentata da baroni e baronesse, amanti della musica e da suo marito, St. Clair Bayfield (interpretato da Hugh Grant) e da Arturo Toscanini. Quando McMoon ottiene il lavoro non gli sembra vero di frequentare quel mondo e ricevere quei soldi quindi si lancia anima e corpo nel progetto. Alla prima lezione, però, qualcosa non torna: Florence non solo non è una brava cantante lirica, ma è forse la cantante più stonata che si sia mai sentita sulla faccia della terra. Ma McMoon non si capacita soprattutto del fatto che pare che sia solo lui ad accorgersi perché né l'insegnante di canto né il marito fanno cenno a nulla. Florence è convinta di cantare bene, di essersi già allenata abbastanza ...

World of Coca-Cola, Atlanta 15/02/2017

Il mondo della Coca

World of Coca-Cola, Atlanta Un viaggio negli Stati Uniti è un viaggio un po' particolare e ognuno di noi ha le proprie preferenze e le proprie idee. La mia prima volta negli USA è stata proprio nella zona che mi ispirava di più e cioè quello che viene comunemente chiamato Deep South. Guardando i voli, quello più economico era ad Atlanta e così ho aggiunto anche questa città nella mia visita. Alla fine del viaggio, abbiamo dedicato alcuni giorni a girovagare per la città e a farci un'idea di com'era fatta e abbiamo visitato un paio di cose molto interessanti come la CNN e il Museo della Coca Cola di cui vi parlerò oggi. Ovviamente tutti sapete che la Coca-Cola ha la sua sede ad Atlanta, ma è anche qui che è nata e il Museo della Coca Cola non poteva trovarsi in nessun altro posto se non qui. Più precisamente il Museo si trova nell'area denominata Pemberton Place che è un'area di circa 80,000 metri quadrati che comprende il Museo della Coca Cola, il Georgia Acquarium e il Center for Civil and Human Rights. Il percorso all'interno si snoda su due piani ed è molto semplice e ben costruito. Al primo piano, non appena entrati nella lobby avrete modo di scoprire la vera storia che sta dietro alla bibita più famosa del mondo. Proseguendo nella visita avrete modo di poter vedere le evoluzioni grafiche del logo ma anche e soprattutto i moltissimi prodotti e oggetti che la Coca Cola ha utilizzato negli anni per farsi pubblicità e farsi conoscere in tutto il mondo. Alcuni oggetti sono davvero molto belli, altri ...

Fontainebleau 13/02/2017

Castello di Fontainebleau

Fontainebleau Durante il mio ultimo soggiorno a Parigi, ho deciso di dedicare alcune giornate alla scoperta dei castelli e delle residenze reali nei dintorni. Grazie agli ottimi collegamenti con i mezzi pubblici ho avuto modo di vedere molte cose tra cui questo bellissimo castello di cui vorrei parlarvi un po' oggi. Come spesso accade, la storia e la costruzione del castello è abbastanza complessa visto che anche questo nacque nel Medioevo (siamo intorno al XII secolo) ma i resti di questa costruzione sono pochi e poco visibili. Nel XVI secolo, poi, Francesco I ha ricostruito il castello aggiungendo una porta dorata (ispirata all'architettura italiana) che doveva servire come accesso al cortile ovale dove affacciavano gli appartamenti reali e la sala da ballo. Questo cortile è poi collegato ad un cortile secondario dalla galleria denominata proprio Francesco I. Enrico IV è stato un altro grande artefice dei cambiamenti del castello visto che aprì e allargò il cortile ovale aggiungendo un ulteriore cortile denominato cortile degli uffici (si trova sulla sinistra e si accede tramite una porta chiamata del Battistero). Sempre nel XVII secolo, Enrico IV costruì anche un'ala laterale sovraelevata con due gallerie, una voliera e un campo per il gioco del tennis. Sotto Luigi XV (siamo nel XVII secolo) venne costruita un'altra galleria molto più ampia a implementare quella già esistente. La rivoluzione, purtroppo, portò via quasi tutti gli arredi, ma lasciò in piedi il castello che venne poi ...

Chateau d'Angers 11/02/2017

Castello di Angers

Chateau d'Angers Oggi vorrei parlarvi di un altro castello che ho potuto visitare grazie al viaggio fatto nel nord della Francia. Questo castello è molto interessante soprattutto per il suo pezzo forte e cioè l'arazzo dell'apocalisse. Ma partiamo dall'inizio. La zona venne abitata per la prima volta dal conte d'Angiò già nel IX secolo sotto la minacci dei Normanni ma fu solo tre scoli dopo che venne eretto un vero e proprio palazzo. Nel XIII scolo la fortezza venne fatta edificare dalla reggente Bianca di Castiglia che vi concentrò anche le truppe. Nei due secoli successivi, la fortezza si trasformò in un castello pieno di arte e cultura grazie soprattutto a Luigi I e Luigi II, duchi d'Angiò amanti dell'arte e delle lettere. Purtroppo, però la vita cultura del castello si interruppe nel XVI secolo quando il governatore di re Enrico III fece livellare la sommità delle torri e delle mura per poter sfruttare meglio la sua artiglieria, vi ospitò l'esercito per molto tempo e a più riprese servirà anche da prigione. L'esterno del castello è molto particolare e colpisce immediatamente: la cinta fortificata lunga circa 500 metri è imponente e anche le sue 17 torri sono impressionanti visto che la loro altezza si aggira sui 30 metri. Nei secoli “di pace” gli edifici organizzati intorno a un cortile centrale vengono utilizzati come spazio privato, residenziale e amministrativo separato dalla fortezza vera e propria. Per accedere al cortile signorile (angolo sud ovest) si deve accedere dal castelletto ...

Caesarea Harbor National Park, Israele 08/02/2017

Parco archeologico di Cesarea

Caesarea Harbor National Park, Israele Oggi vorrei raccontarvi un posto molto bello in Israele, uno dei primi che ho visitato durante il mio viaggi: il Cesarea National Park. Per le informazioni di logistica e altro, al fondo vi lascio il sito internet di riferimento quindi comincio subito col raccontare il sito archeologico e la sua visita. Il parco si estende dal teatro romano fino alla città dei crociati e include la piazza bizantina, l'anfiteatro erodiano, il palazzo sul promontorio, le terme e un agglomerato di varie strade. Le scelte per visitare il parco sono molte e così pure i percorsi che variano da un'oretta a tutta la giornata. Noi abbiamo dedicato al posto un paio d'ore quindi non abbiamo fatto la visita completa, ma abbiamo già visto molte cose interessanti. Il teatro è il più antico teatro che sia stato trovato in Israele. Costruito durante il regno di Erode, è stato utilizzato per centinaia d'anni dopo. La sua posizione è stata scelta in maniera accurata secondo i criteri del tempo. Ha due aree per gli spettatori seduti e poteva contenere fino a 4000 persone. L'area dell'orchestra era decorata con delle mattonelle in simil marmo che venivano rinnovate molto spesso. Verso la fine del periodo bizantino il teatro venne riconvertito in un castello e venne poi abbandonato dopo la conquista degli arabi. Il palazzo sul promontorio si trova proprio sul mare a ovest rispetto al teatro, ma ciò che potrete ammirare sono solo degli scavi di un palazzo impressionando che aveva anche una piscina. Il palazzo si ...

Chateau d'If, Marsiglia 06/02/2017

Castello d'If

Chateau d'If, Marsiglia Chi di voi ha mai sentito parlare del Conte di Montecristo? Penso che tutti, chi più chi meno, abbia già sentito questo nome e i più attenti sicuramente hanno anche già sentito parlare del Chateau d'If. Questo Castello si trova su un'isola proprio davanti a Marsiglia e durante un mio viaggio in zona, ho deciso di andare a visitarlo e così ora eccomi qui a parlarvene un po'. Il Castello d'If è stata la prima fortezza reale di Marsiglia, edificata nel 1529, e il suo compito era quello di proteggere uno dei principali porti commerciali della Francia dove si trovava la flotta delle galere reali e di sorvegliare la città. Verso la fine del 1500, la città si rifiuta di riconoscere come suo Re Enrico IV perché era protestante e diventa così la città partigiana per eccellenza della Lega cattolica e accoglie le truppe del Duca di Savoia. Il governatore d'If, fedele al re, fece costruire delle mura a protezione della città in modo che l'isola non potesse essere attaccata dalle truppe straniere. Ma è grazie al libro di Dumas, uscito nel 1844, che l'isola assunse le proporzioni di un luogo mitico tanto che venne aperto al pubblico già nel 1880. Per poter visitare l'isola dovete informarvi al porto di Marsiglia (il porto vecchio, in centro, non dove attraccano le navi da crociera) e prenotare un giro in battello fino all'isola. Da quel momento comincia la vostra visita che si articola su un piano terra, un primo piano e una terrazza del castello oltre ad altri edifici presenti ...

Parco Ornitologico di Pont de Gau 05/02/2017

Parco ornitologico

Parco Ornitologico di Pont de Gau Un viaggio in Camargue significa principalmente un viaggio in mezzo alla natura, al mare, agli animali. I famosi cavalli e i tori della Camargue sono sicuramente una delle principali attrazioni, ma anche i fenicotteri e gli altri uccelli non sono da meno. Soggiornavo proprio a Saintes-Maries-de-la-Mer e da lì il Parco Ornitologico era proprio ad un tiro di schioppo e così abbiamo deciso di andarci. Il Parco si potrebbe tranquillamente definire come un condensato della Camargue perché vi troverete in mezzo alle paludi percorrendo sentieri pedonali per raggiungere le zone più isolate oppure per arrivare a dei posti di osservazione che offrono l'opportunità di una rara vicinanza con la fauna selvatica. Il parco è aperto tutto l'anno quindi se siete degli appassionati di birdwatching avrete modo di osservare i diversi tipi di uccelli che si alternano durante le stagione, ma sicuramente l'attrazione principale per i non addetti ai lavori sono i bellissimi fenicotteri rosa osservati nel loro habitat naturale. Il Parco è formato da stagni, paludi, canneti, prati inglesi che si estendono su circa 60 ettari e al suo interno vengono proposti sette chilometri di sentieri per la scoperta degli uccelli che abitano la zona. La passeggiata potrà quindi essere fatta al ritmo che preferite e della durata che preferite e ogni stagione ha le sue particolarità e vi stupirà. Le passeggiate sono aperte e percorribili da tutti, sia esperti trekker sia persone comuni, ma sono anche accessibili alle ...

Eglise Saint-Eustache, Parigi 02/02/2017

La chiesa con Keith Haring

Eglise Saint-Eustache, Parigi Stavo cercando questa chiesa sul sito per parlarvene un po', ma ho notato che non è presente tra le attrazioni di Parigi e, quindi, ne ho chiesto l'inserimento perché credo sia una delle cose da vedere non solo per la chiesa in sé ma anche per il bellissimo trittico di Keith Haring. Sulla strada che porta verso l'Ile de la Cité arrivando dalla collina di Montmartre, una piccola cappella venne edificata intorno al 1213 e venne consacrata a Saint Eustache grazie al fatto che accolse le reliquie del Santo che furono donate dall'abbazia di St Denis. Nei secoli la parrocchia è cresciuta sempre di più grazie anche al fatto che la gente la frequentava, ma i lavori richiedettero molti anni e solo nel 1637 la chiesa venne infine consacrata dall'arcivescovo di Parigi. Meno di 30 anni dopo, però, un errore di progettazione fece quasi crollare la facciata, che venne quindi buttata giù e rifatta a partire dal 1754, ma non venne mai finita quindi la stessa facciata di quegli anni, è quella che vediamo oggi. Dopo alcuni anni in cui venne chiusa al culto (intorno al 1793 circa), venne finalmente cominciato un vero e proprio lavoro di ristrutturazione nel 1846. I lavori andarono avanti per circa 9 anni e vennero sistemate le cose più importanti come a zona dell'organo, il coro e i vari affreschi. Negli anni successivi fu la volta dei contrafforti della facciata a sud e del suo consolidamento. La Chiesa divenne uno dei luoghi più importanti della zona soprattutto dopo che il mercato Les ...

Nordkapp 25/01/2017

Capo Nord e il suo fascino

Nordkapp Tornando al mio viaggio in Lapponia, eccomi pronta oggi a raccontarvi di un must del viaggio e cioè Capo Nord e il sole a mezzanotte. In realtà viaggiando in Lapponia in giugno, il sole a mezzanotte è visibile ovunque ed è sempre giorno, ma non dovete assolutamente perdervi la possibilità di vederlo dalla falesia di Capo Nord. Nordkapp si trova nel punto più a nord della Norvegia, su una falesia che potrete ammirare in tutta la sua bellezza visto che si getta a capofitto nel Mar Artico; questa falesia si trova sull’isola di Magerøya ma è facilmente raggiungibile in macchina. Noi siamo arrivati la sera e abbiamo soggiornato in uno dei tanti campeggi situati in zona ed eravamo un po’ tristi perché pensavamo di non vedere il famoso solo dalla falesia visto che stava nevicando. Abbiamo comunque deciso di andare lo stesso a Capo Nord sperando che il tempo si sistemasse e, in effetti, verso le 23 ha smesso di piovere e nevicare ed è uscito il sole così abbiamo potuto goderci la visione. Il luogo è diventato famoso per essere il punto più a nord d’Europa e storicamente è sempre stato considerato il punto di arrivo di ogni viaggio di esplorazione verso il nord del continente, ma a livello geografico è inesatto. Il punto più a nord si trova sempre sulla stessa isola, leggermente a ovest rispetto a Capo Nord ed è il promontorio Knivskjellodden, raggiungibile solo a piedi con un’escursione di circa 18 Km tra andata e ritorno. L’escursione per questo promontorio è assolutamente ...

Il Principe Abusivo (A. Siani - Italia 2013) 21/01/2017

Commedia carina

Il Principe Abusivo (A. Siani - Italia 2013) Sto cercando di recuperare le opinioni sui film visti al cineforum e quindi ho deciso di continuare col raccontare i film visti in modo da arrivare a raccontarvi prima possibile i film più nuovi. Questo film fa parte dell’ultimo cineforum quindi direi che è abbastanza recente. ** TRAMA ** Antonio (interpretato da Alessandro Siani) è un uomo che abita a Napoli, non ha un lavoro e non ha nemmeno i soldi e così vive quasi completamente a scrocco. Anzi si può tranquillamente dire che dello scrocco ne ha fatto quasi un’arte: per il caffè si finge controllore della qualità della macchinetta in un bar della zone e riesce a bere spesso gratuitamente. Per mangiare poi ha moltissimi espedienti: dal frequentare tutte le inaugurazioni dei locali, delle pizzerie e delle gelaterie fino ad andare a casa di conoscenti ai quali scroccare un pasto, della frutta o qualunque altra cosa. L’unico introito nella sua vita gli deriva dal suo “lavoro” come cavia umana per le compagnie farmaceutiche. La principessa Letizia (interpretata da Sarah Felberbaum) vive in un bellissimo castello di un piccolo principato insieme a suo padre e al ciambellano di corte (interpretato da Christian de Sica) ed è molto triste. La sua tristezza è data dal fatto che non è popolare come lo era sua madre e soprattutto teme che lo sarà mai e questa sua mancanza di popolarità la porta a non poter fare feste per la raccolta di fondi. Insieme al ciambellano e al padre decidono quindi di creare uno scoop giornalistico in ...

I Due Volti di Gennaio (H. Amini - USA, Francia 2014) 16/01/2017

Molto interessante

I Due Volti di Gennaio (H. Amini - USA, Francia 2014) Ho avuto modo di vedere questo film grazie al cineforum che frequento e devo dire che sono felice di averlo fatto perché non ne avevo mai sentito parlare, ma l'ho trovato proprio carino e interessante. ** TRAMA ** Metti due americani in viaggio in Europa, metti che siano di mezza età e che siano in fuga dalla polizia che sta indagando su di loro. A questo cocktail esplosivo aggiungi un giovane greco di origini americane che si offre come guida turistica e come gigolò e otterrai una trama di un film, per la precisione proprio questo film. In realtà questa è solo la trama, ma quello che conta e che rende il film molto interessante è sicuramente lo svolgimento della stessa. Chester MacFarland (interpretato da Viggo Mortensen) e sua moglie Colette (interpretata da Kirsten Dunst) stanno girando l'Europa non per turismo ma per scappare alla polizia che sta indagando sugli affari del signor MacFarland. Nel loro vagabondare arrivano in Grecia, ad Atene, dove si affidano a Rydal (interpretato da Oscar Isaac) affinché li porti a visitare i posti migliori e le isole più belle. Ma Rydal non è solo una guida turistica, ma anche un vero e proprio gigolò che si presta a soddisfare le donne e le mogli trascurate. Ben presto, quindi, comincerà a corteggiare in maniera sempre più intensa la moglie lasciando al marito ben poco spazio di manovra. Le cose, però, non sono così semplici né per la coppia né per Rydal. ** CONSIDERAZIONI PERSONALI ** Volutamente non vi ho raccontato molto della ...

Grand Budapest Hotel (Dvd) 18/12/2016

Grand Budapest Hotel

Grand Budapest Hotel (Dvd) Ho visto questo film diverso tempo fa ma solo ora riesco a raccontarvelo sperando che abbiate modo di recuperarne la visione magari in televisione o tramite DVD. ** TRAMA ** La trama non è affatto facile da raccontare in breve perché parte al giorno d'oggi con una statua di un famoso scrittore (interpretato da giovane da Jude Law) di un romanzo che si intitola appunto “Grand Budapest Hotel” e poi, con diversi flash back ritorna indietro fino al momento del massimo splendore dell'Hotel intorno agli anni Trenta. Il filo conduttore di questo racconto è Zero Moustafa che è colui che ha raccontato la storia allo scrittore che poi ha scritto il famoso romanzo. Zero Mustafa negli anni Trenta era solo un ragazzino, assunto come lobby boy all'interno di uno degli Hotel più belli dell'epoca che era frequentato anche dalla migliore aristocrazia dell'Europa. All'epoca il concierge nell'hotel era un certo Monsieur Gustave H. (intepretato da Ralph Fiennes) e ben presto scopriamo che era solito intrattenersi con alcune clienti molto più vecchie di lui. Una di queste, dopo aver lasciato l'hotel e fatto ritorno a casa, viene trovata morta. Stranamente decide di lasciare uno quadro molto importante e molto costoso al “suo” concierge e così Gustave decide di andare alla lettura del testamento. Per non andare solo si porta dietro anche Moustafa e così il ragazzo assiste a tutta la vicenda che, poi, racconta anche a noi spettatori. Tutto nasce proprio da quel quadro regalato, ma la famiglia non ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra