Condividi questa pagina su

rosso Status rosso (Livello 5/10)

ELel

ELel

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 04/11/2007

102

Enoteca L'Anfora Wine Bar, Martina FRanca (TA) 16/12/2009

Un ripiego azzeccatissimo!

Enoteca L'Anfora Wine Bar, Martina FRanca (TA) Alcune sere fa volevamo farci un giretto con degli amici per le bancarelle della festa di San Martino in quel di Martina Franca, ma arrivando sul tardi ci siamo trovati solo i cartoni per strada post bancarelle. Ci siamo quindi fatti guidare dai nostri amici e siamo finiti in questo localino davvero particolare e che mi è piaciuto moltissimo. Il locale non si trova in centro, ma bisogna proseguire sulla strada che porta a Locorotondo e lo si trova sulla sinistra, poco dopo una rotonda da poco costruita. C'è un piccolo parcheggio vicino al ristorante, ma al massimo ci possono stare una decina di macchine e questo è il vero e forse unico difetto che ho riscontrato; per lo meno non ci sono parcheggiatori abusivi, che io odio! Entrando ci si trova in un piccolo ambiente scavato nella pietra, con sì e no cinque tavolini e il bancone al fianco del quale ci sono delle scale che portano alla sala che sta al piano inferiore con circa una decina di tavolini. La sala inferiore è davvero molto bella, con la volta in pietra e tante piccole anforette sulle pareti per decorare; l'unico neo forse sono i tavolini: rotondi e in ferro, uno stile che non amo moltissimo (ovviamente è gusto personale), inoltre uno è troppo piccolo per quattro persone e due messi vicini sono un po' scomodi essendo rotondi. Sulle scale poi c'è un porta a scomparsa fatta con lo stesso materiale delle pareti che porta in un piccolissimo bagno unisex, pulitissimo e profumatissimo, dettaglio che io apprezzo ...

Hotel Pérola dos Anjos, Lisbona 28/05/2009

Qualche sorpresa poco gradita

Hotel Pérola dos Anjos, Lisbona Per il nostro viaggio in Portogallo abbiamo cercato di economicizzare il più possibile e, quando abbiamo incontrato questo hotel, quasi non ci sembrava vero spendere 78 euro per 3 notti in una struttura che non fosse un ostello (non li amo), ma appena arrivati ci siamo resi conto che le informazioni viste su internet non davano l'esatto quadro della situazione... Siamo arrivati pensando di trovare un appartamento con qualche camera e una cucina da divedere, ma quello che invece è questo affittacamere è qualcosa di diverso che cercherò di spiegare il meglio possibile. La stanza è davvero molto piccola e cosa importante senza bagno in camera, dettaglio che ci ha lasciati piuttosto perplessi perchè ricordavamo perfettamente di aver letto il contrario in qualche sito. Comunque la piccolissima camera era equipaggiata alla bell'e meglio con un letto che definire matrimoniale sarebbe davvero gentile, un armadio e una scrivania dell'anteguerra, un lavandino e un bidet così attaccati da non poter usare quest'ultimo in modo "normale", ma facendo le pose più assurde e ridicole. Il bagno vero e proprio era alla fine di un lungo corridoio e, come tutto il resto, non era esattamente pulito e sapeva abbastanza di vecchio. L'unica finestra presente dava su un palazzo fatiscente e non era propriamente come si suol dire insonorizzata, fortuna che la sera eravamo stanchi e ci mettevamo a dormire come sassi, altrimenti saremmo rimasti svegli a sentire i peggio rumori che venivano dalla strada ...

Etap Aix en Provence Les Milles, Aix En Provence 20/04/2009

Un'ottima scoperta!

Etap Aix en Provence Les Milles, Aix En Provence Nel 2006 decidiamo le nostre vacanze: Francia on the road, una settimana, 4000 km percorsi e una decina di città toccate da Bordeaux scendendo verso Carcassone e trotterellando su tutta la costa franco-mediterranea. Ci fermavamo a caso senza una meta precisa, ma solo un "più o meno sul da farsi". È proprio questo più o meno che ci ha fatto incontrare questo hotel e la catena Etap, che entrambi non conoscevamo, perchè l'idea era quella di fermarsi a Aix en Provence, ma il traffico e l'ora tarda ci ha dirottato verso la periferia, così senza troppe storie ci siamo infilati nel parcheggio gratuito di questo hotel. La reception era ancora aperta, ma per chi non lo sapesse c'è la possibilità di farsi il check-in da soli, con la carta di credito ovviamente, grazie a una macchina apposta ubicata proprio fuori dalla porta d'entrata, che vi consegnerà scontrino e il badge con cui entrare. Il prezzo è stato veramente ottimo: una quarantina di euro per la camera, non compresa la colazione, che se non ricordo male era sui 5 euro a persona. La stanza era a mio modo di vedere veramente molto carina, piccola certa e magari non lussuosa, ma arredata in modo essenziale, poi, cosa che io ho trovato molto carina, il terzo letto era posizionato sopra il letto matimoniale orizzontalmente rispetto a questo (mi piacciono i letti sovarapposti in maniera strana!).In un angolo c'era poi una scrivania con una televisione perfettamente funzionante (ovviamente nè cable tv, nè sat tv) e due ...

Vila Monte Resort, Moncarapacho 30/03/2009

Una sorpresa per il mio compleanno

Vila Monte Resort, Moncarapacho Finalmente trovo un attimo di tempo per scrivere sulla sorpresa che Elia mi ha fatto per il mio compleanno. Tornato da lavoro il venerdì mi ha fatto fare le valigie e siamo partiti, destinazione: sconosciuta fino all'arrivo!! Appena arrivati in questo paesino sperduto del Portogallo non avevo idea di quello che mi aspettava, ma andiamo con ordine... Arrivando si entra per un portone in ferro battuto e si percorre con la macchina un vialetto circondati da uno dei campi di golf presenti della proprietà e quello che colpisce maggiormente è la traquillità del luogo e il verde che ti circonda in qualsiasi parte della struttura ti trovi. La reception è ubicata nella prima struttura, dopo il vialetto d'entrata, piccola e arancione, al suo interno, tutto intorno a un camino molto moderno, c'è un bar dove poter mangiare piccoli piatti o berti una tisana, d'inverno il ristorante (avendo pochi ospiti non aprano tutti i locali) e una scrivania molto accogliente dove si viene fatti sedere per le formalità iniziali e finali del soggiorno. In quella scrivania c'è sempre qualcuno del personale pronto ad accoglierti con estrema gentilezza appena metti piede all'interno. Per quanto riguarda il personale, c'è da dire che è fin troppo gentile e disponibile, alla volte mi sono sentita addirittura a disagio, forse perchè non ne sono abituata chi lo sa! Qui come in tutto l'hotel sono esposti molti quadri come se la struttara intera fosse una galleria d'arte e ciò da colore e vivacità al ...

Ristorante Ventorillo Del Chato, Cádiz 12/03/2009

San Valentino con alte prospettive, ma ¿i risultati?

Ristorante Ventorillo Del Chato, Cádiz Quest'anno per San Valentino io&il mio bel maritino abbiamo deciso di regalarci una cenetta fuori e subito ci è venuto in mente questo ristorantino, molto famoso nella zona, che abbiamo scoperto inoltre faceva un menù degustazione apposta per la serata. Il ristorante è facilmente raggiungibile, in quanto si trova direttamente affacciato sulla superstrada che collega Cadiz con San Fernando da un lato, mentre dall'altro si è direttamente sulla spiaggia della Cortadura, la più estesa e selvaggia della capitale gaditana. Parcheggio ce n'è in abbondanza sia esterno (più facilmente occupato, soprattutto d'estate), che interno quindi privato, oltretutto ora come ora c'è anche una promozione "Free Taxi", cioè esiste la possibilità di farsi portare e accompagnare in taxi gratuitamente, ma non so di preciso quale sia il limite chilometrico. Anche se è facilmente localizzabile, secondo me la location è veramente oscena, se si guarda la parte direttamente sulla strada in quanto il patio d'entrata è letteralmente a un passo dalla corsia e non sto parlando di quella d'emergenza! Una volta dev'essere stato davvero bello, quando la strada in questione era sterrata e ai due lati c'erano spiaggia e mare, ma ora con questa superstrada e la montagna di turisti in estate che vanno a prendere il sole, ha davvero perso fascino! L'interno inceve è decisamente tutta un'altra cosa, innanzitutto è quasi totalmente insonorizzata per cui non si sentono le macchine che sfrecciano vicine, e poi è ...

Sogni d'oro Tisana Digestiva 23/02/2009

Per digerire qualsiasi cosa!

Sogni d'oro Tisana Digestiva Ormai è un anno e mezzo che vivo in Spagna e, a parte pasta e caffè di cui ci riforniamo a ogni viaggio, prodotti italiani su cui poter parlare ne ho davvero pochi. Questa tisana è qui in casa mia perchè mia sorella e mia cognato, tisana-dipendenti, quando sono venuti qua per le vacanze, si sono finiti tutte le mie scorte di tisana digestiva e per riparare mi hanno comprato due pacchi di questa. L'AZIENDA Innanzitutto un piccolo accenno su questa azienda italiana, che da oltre quarant'anni porta avanti il suo progetto partito prima con la semplice camomilla, ora invece ampliato al campo delle tisane. È un'azienda disarmante in fatto di semplicità, nessuna pubblicità incessante, nessun marketing aggressivo, ma solo qualità e controllo su prodotti al 100% e senza nessun tipo di OGM. Sul fondo della confezione c'è il numero verde del servizio consumatori e l'indirizzo di quest'azienda, che è parte della più grande Star. LA CONFEZIONE La scatola di cartoncino contiene venti filtri da 2 g l'uno, protetti da una piccola bustina di carta e da conservare in luogo fresco e asciutto. Ha il caratteristico colore verde delle Tisane Sogni d'Oro e su tutti i lati ci sono notizie interessanti, perfino al suo interno si trova la scheda con origine e proprietà della menta. GLI INGREDIENTI Nel filtrino della tisana troviamo le seguenti percentuali di erbe: ?Anice verde frutto (pimpinella anisum) 27% Analogo all'anice stellato sia per composizione, che per proprietà, che ...

Hecherhof Pension Residence, Merano 16/02/2009

La nostra casa a Merano

Hecherhof Pension Residence, Merano Per quei tre giorni a Merano fatti a dicembre, volevo trovare un posticino carino senza dover spendere una cifrona, così dopo svariate ricerche (moltissimi hotel erano addirittura chiusi) ho trovato questo bed&breakfast, non proprio in centro ma con un buon rapporto qualità/prezzo. "'Stanza"' 93/100 Dimensioni 90/100 Pulizia 100/100 Equipaggiamento 80/100 Stato della stanza 100/100 Design della stanza 100/100 Letto/Materasso 100/100 Veduta 80/100 Arrivati all'albergo siamo stati subito portati nella nostra stanza, non era enorme ma ben ammobiliata con tutto l'occorrente, almeno per quello che noi siamo abituati, in fondo l'albergo per noi è solo una stanza dove dormire il più delle volte. E questa volta ci era capitata un nido dove il legno imperava su tutto, con un bel lettone grande stile tedesco ovviamente, scrivania, armadio e un bel balcone che dava sul giardino tutto bianco, dove d'estate è possibile farsi un bel bagno in piscina. Una vista che sarebbe stata stupenda,sulle montagne intorno tutte innevate, peccato che a rovinarla c'era una fabbrica e la statale principale che porta da Merano a Bolzano, anche se lontane dall'hotel comunque rovinavano quel piccolo paradiso sommerso da una bellssima coltre bianca. Il bagno era piccolino, ma ben pulito. In tutto questo l'unica vera pecca era la temperatura sia della stanza, che dell'albergo in generale: faceva freddissimo!!!! E non era nemmeno possibile regolare la temperatura all'interno della stanza, ma ...

Arktikum Museum, Rovaniemi 28/01/2009

Una serra che nasconde segreti polari!

Arktikum Museum, Rovaniemi Eccomi di nuovo tra voi per un'altra opinione decisamente polare! Ho voluto l'inserimento di questo museo perchè credo che chi decida di fare un viaggio da quelle parti debba prendere assolutamente in considerazione l'idea di fermarsi una mattinata o un pomeriggio e dedicarlo a questa attrazione. Probabilmente la miglior attrazione di Rovaniemi, questo museo è qualcosa di totalmente fuori dal comune che ci ha colpito per come è stato ideato e per le tante notizie sul mondo artico, un mondo lontano falle nostre concezioni, ma che in realtà si trova a poco più di 2000 km dall'Italia (praticamente come la Spagna di cui invece ci sentiamo legati e la consideriamo come una patria cugina!). Con divertimento e facendo partecipare il visitatore, questo museo ti accompagna nei meandri di un mondo gelato, ma con una vita che ti stupisce per la vitalità e la bellezza. La natura ovviamente ne fa da padrone, ma anche l'uomo è in qualche modo protagonista in questo museo a forma di serra, sia in positivo, se pensiamo al popolo Sami che vive in sintonia e simbiosi in questo clima proibitivo, ma anche in negativo relativamente alle svariate sezioni e angoli dedicati al problema dell'inquinamento che qui si sente come in nessun altro posto al mondo. Ma vediamo più in dettaglio questa "porta del grande Nord" come viene definito. L'Artikum si trova leggermente decentrato, sulle rive del fiume Ounasjoki, che lambisce tutta la città e passa anche sotto al famoso ponte-simbolo della ...

Palace Hotel Linna, Helsinki 19/01/2009

Uno dei castelli di Helsinki

Palace Hotel Linna, Helsinki Per Capodanno abbiamo deciso di farci una bella vacanza per dimenticare un 2008 non proprio felicissimo, così la scelta è ricaduta sulla Finalndia, un paese che vi consiglio davvero. Per le due notti passate a Helsinki abbiamo trovato una buonissima offerta per questo particolare hotel in centro città e, sebbene abbia utilizzato poco i servizi offerti, ne sono rimasta davvero contenta. 82/100 Stanza in generale 70/100 Dimensioni 100/100 Pulizia 100/100 Equipaggiamento 90/100 Stato della stanza 70/100 Design della stanza 100/100 Letto/Materasso 40/100 Veduta La stanza che abbiamo scelto era una standard, a dire il vero non molto grande, ma con ogni tipo di comfort, addirittura appena entrati la televisione era accesa e con un messaggio privato per noi, dove venivano elencati alcuni servizi a pagamento che ci venivano offerti, come la pay tv e internet in camera, è stata davvero una piacevole sorpresa anche se noi, come sempre, non siamo stati molto in albergo e quindi non valeva la pena utilizzarli. Nella stanza c'era un enorme e comodo letto con tre cuscini a testa e un comodino per parte con sopra, oltre a le solite cose come telefono, lampada, carta e penna, anche una spiegazione di come dovrebbero venire usati tutti quei i cuscini per riposare perfettamente e dei servizi compresi nel prezzo da richiedere in receptions o già presenti come l'aroma terapy (entrando infatti vi colpirà il buonissimo odore di agrumi presente). Oltre al letto c'era una poltrona ...

ROVANIEMI 12/01/2009

IL mio viaggio nella terra di Babbo Natale

ROVANIEMI 30.12.2008 h 10.40 Dopo più di 12 ore di viaggio in treno (per fortuna siamo riusciti a prenotare la cuccetta, cosa che invece non ci è riuscita per il ritorno...) partendo da Helsinki, sonnecchianti e mangiando una pulla, il tipico dolcetto finlandese speziato di cannella e zenzero, arriviamo nella piccola stazione di Rovaniemi. Ormai sono ore che ammiriamo il paesaggio lappone: campi sterminati ricoperti di neve, qualche casetta in legno rossa o azzurrina, stazioni ferroviarie circondate da alberi tanto da sembrare di essere in mezzo alla foresta il tutto in una penobra quasi irreale…insomma il sole che era appena "salito" nel cielo e tutta la neve che ricopriva i binari, i tetti, le strade di Rovaniemi non ci ha più di tanto impressionato, anche se arrivare fino al nostro b&b a piedi con le valigie non è stata proprio una passeggiatina! Le ruote dei trolley scivolano che era un piacere su quel manto di neve ghiacciata che ricopriva sia l'asfalto che i marciapiedi, tanto che alle volte te li ritrovavi direttamente sui talloni soprattutto nelle discese! Per arrivare a Yliopistonkatu, la via che, attraversando un immenso lago ghiacciato, porta verso le zone periferiche di Rovaniemi e dove si trova il b&b Haase, la casa/alloggio dove ci siamo fatti coccolare a suon di succhi di mirtillo e dolcetti fatti a mano, passiamo accanto all'imponente chiesa luterana, unica chiesa della città, che visiteremo più tardi. Da fuori è davvero notevole e la neve non fa che abbellirla ancora ...

Il Mulino Delle Pile, Chiusdino 22/12/2008

La casetta del Mulino Bianco

Il Mulino Delle Pile, Chiusdino Questa volta voglio parlarvi di una posto a dir poco magico, un luogo che ho visto solo una volta qualche anno fa, ma che mi è rimasto nel cuore e dove spero di ritornare prima o poi! Purtoppo non ricordo con precisione i prezzi, ma se non sbaglio erano un centinaio di euro a camera con colazione, ovviamente sono prezzi di qualche anno fa. Ho passato un week-end con un mio ex ragazzo qui (la nostra unica vacanza, se così la si può chiamare) alcuni anni fa e ci ho spedito i miei genitori la scorsa estate, oltre a consigliarlo a chiunque passi da quelle parti, perchè il mulino delle Pile è un luogo magico, che ti fa tornare bambino, che ti ricorda le camille, i soldini, i rigoli con la bimbetta bionda che saltella tra le spighe di grano (provate a farlo se vi capita: vi ucciderete le gambe!!!!) e la felicità della mamma sulla porta di casa... Insomma una piccola favola creata in questo posto al 100% reale e nemmeno troppo irraggiungibile. LA STANZA 100/100 Dimensioni 100/100 Pulizia 100/100 Equipaggiamento 100/100 Stato della stanza 100/100 Design della stanza 100/100 Veduta 100/100 Entrando nell'enorme stanza da letto t'immergi in un'atmosfera fuori dal tempo con il grande letto matrimoniale al centro e un piccolo lettino sul soppalco sotto una finestrella che da sul cielo limpido della Toscana, raggiungibile con una graziosa scala con il corrimano in ferro battuto. Tutto è curato nei minimi particolari: gli asciugamani in tinta con la biancheria e le ...

Cressy, Roma 17/11/2008

A occhi chiusi...ho trovato qualcosa di buono!

Cressy, Roma Eccomi qui per un'altra opinione lampo! Non me ne vogliate, ma mi sto riprendendo piano piano, poi per Capodanno sto organizzando un viaggione e ritornerò con delle opinioni da favola, lo prometto! Una delle mie tante toccate e fughe a Roma, mi ha visto alloggiata in questo ostello; tra viaggi e concorsi prima o poi si passa nella capitale e, dovendo fare un notte lampo buttata da qualche parte, sostanzialmente io cerco sempre di non spendere troppo, rimanendo vicina ai luoghi strategici; per questo sono ricaduta sulla scelta di una struttura come questa, anche se ll'inizio ero un po' titubante, poi mi sono ricreduta e ora vi spiegherò il tutto nel dettaglio. -> STANZA media 56/100 Dimensioni 60/100 Pulizia 60/100 Equipaggiamento 50/100 Stato della stanza 60/100 Design della stanza 30/100 Letto/Materasso 70/100 Veduta 60/100 Nell'ostello si trovano sia camere private, un po' più costose (sui quaranta euro se non sbaglio), che camere comuni femminili e maschili a un prezzo decisamente stracciato (22 euro a notte) e proprio una di queste è stata la mia scelta. Arrivando ho incrociato le mani perchè mi immaginavo una camerata piena di gente e con gli scarafaggi, invece mi sono trovata davanti a una stanza abbastanza spoglia con 4 letti singoli più un letto a castello su un lato, un semplice armadio a 6 ante (un'anta per letto), un lavandino e una piccola scrivania con un ventilatore. Io mi sono sistemata nel letto più lontano dalla porta che si trovava ...

Casablanca Playa, Salou, Salou 03/11/2008

Italia-Spagna...dove dormiamo?

Casablanca Playa, Salou, Salou Ho deciso di tornare a mettere qualche opinione, ma siccome non ho proprio molta fantasia, nè voglia, per ora inserisco questa già pronta...Vi chiedo di scusarmi, ma decisamente non è un gran periodo per me! Normalmente nei nostri viaggi in macchina Italia-Spagna o viceversa, il punto d'appoggio dove dormire era sulla frontiera con la Francia, in un hotel di cui ho già parlato (La Jonquera, se a qualcuno interessasse). L'ultima volta però ci siamo trovati a essere piuttosto in anticipo sulla tabella di marcia, così ne abbiamo approfittato per macinare ancora qualche chilometro arrivando a fermarci a Salou, che ci ha accolta con i suoi moltissimi hotel, ancora piuttosto vuoti essendo fine maggio, ma di cui pochissimi a un prezzo decente con la possibilità di ospitare animali (avevamo con noi il nostro gattino). La nostra scelta è ricaduta su questo hotel, che con un prezzo di circa 60 euro ci ha offerto, gatto compreso, una doppia con colazione. Niente male, soprattutto per i servizi offerti e visto che erano le undici di sera dopo più di 1000km in macchina e non avevamo molta voglia di fare i pignoli! Prendendo l'ascensore siamo arrivati subito alla nostra stanza, non spaziosissima, ma con tutto l'occorrente: un letto comodo di dimensioni decenti (in Spagna i letti sono piccolissimi!!), due comodini, una scrivania con la televisione, un armadio che non abbiamo nemmeno aperto e un balconcino piuttosto grande, per la gioia del nostro gattino, con ammassati in un angolo, ...

Aborto 30/10/2008

Sperare che sia qualcosa che mai avresti voluto...

Aborto Sono scomparsa. Magari tanti non se ne sono accorti, magari alcuni sì. Allora mi sono decisa a scrivere, anche se non ne ho voglia, anche se penso che queste siano parole al vento, buttate per cercare di lenire il dolore, per cercare di raggiungere un oblio che invece non incontrerò mai. Ma scrivo per dare segni di vita a chi si è reso conto che mancavo e per dare un senso a ciò che mi è capitato, magari trovandomelo scritto, lo rende più reale e meno difficile da comprendere. Chissà perchè ma trovo questa una vana speranza. Sono rimasta sola per tutto settembre e buona parte di ottobre, ho parlato con molti di voi che hanno reso le mie giornate meno noiose. Ora più che mai mi rendo conto che sarei dovuta andare a casa e tutto questo non sarebbe successo...o forse avrei solo ritardato l'inevitabile. Dopo mesi che provavamo, dopo mesi di inutili aspettative e false speranze, mi ritrovavo serena, sapendo che di sicuro non potevo rimanere incinta. Come avrei potuto? In un mese io e mio marito ci siamo visti solo due volte, sarebbe stata una fortuna sfacciata dopo mesi di continue prove finite male! Eppure le mestruazioni non si vedevano (ma questo per me non è un sintomo, avendo un ciclo irregolarissimo) e iniziavo a sentirmi strana: stanca, con il seno incredibilmente dolorante e soprattutto una nausea impressionante... Mia madre ha iniziato a dirmi che ero incinta ed Elia mi prendeva in giro dicendo che era tutto psicologico. Ma stavo male sul serio così decisi di fare ...

Io vi troverò (P. Morel - Francia 2008) 28/09/2008

Vietato a...genitori iperprotettivi!

Io vi troverò (P. Morel - Francia 2008) Siccome la recensione che ho fatto su Hancock è piaciuta, mi voglio cimentare un'altra volta con un film che ho visto la scorsa settimana al cinema, qua in Spagna il titolo è "Venganza" (vendetta), molto meno originale, ma forse molto più azzeccato dell'italiano "Io vi troverò". LA TRAMA Una casa vuota e buia con qualche fotografia, un uomo che per comprare una radio ci mette due settimane leggendo e rileggendo il manuale d'istruzione e visitando l'oggetto in questione al negozio. Così inizia il film che subito lascia intravedere il carattere drammatico e forse fin troppo ossessionato del protagonista, un bravissimo Liam Neeson ("Schindler's list" sicuramente la sua maggior pellicola), nei panni di Bryan, un ex agente dei servizi segreti che ha scelto di lasciare il suo amato lavoro per poter stare più vicino alla figlia Kim (Maggie Grace attrice in "The fog - la nebbia assassina" e "Il club di Jane Austen"), tentando di ricucire qualcosa che sembra perso per sempre. Oltre ai continui impedimenti della ex moglie (Famke Janssen, la potente Fenice in "X-men") che di certo non aiutano questo rapporto, Kim sembra proprio non preoccuparsi dei sentimenti del padre, e l'unico momento in cui sembra voler passare del tempo con lui è quando le serve il permesso, in quanto minorenne, di lasciare il paese per una vacanza in Europa con un'amica, Amanda (Katie Cassidy, che ha recitato in diversi serial tv come "Settimo cielo" e "Supernatural"). Bryan non è affatto contento della ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra