Condividi questa pagina su

rosso Status rosso (Livello 5/10)

Estherazy

Estherazy

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 07/04/2007

16

Stuzzichini 27/09/2007

Arancini con il paté di olive

Stuzzichini Che mi piacciono molto gli arancini di riso è una cosa risaputa e ho già scritto due opinioni su come prepararli sia con il ripieno di carne che con il ripieno di pesce. Oggi scrivo una ricetta che uso per preparare gli arancini che servo come antipasto o come stuzzichini e che preparo in misura più piccola di quelli soliti e che insaporisco con il paté di olive. Gli ingredienti necessari alla preparazione, per circa 5 persone, sono 250 grammi di riso, 50 grammi di parmigiano grattugiato, una noce di burro, una cipolla, 150 grammi di paté di olive, due uova, farina, brodo, olio d'oliva extra vergine, pan grattato, sale e pepe. La preparazione è molto semplice e inizio con preparare un risotto nel modo solito, con un soffritto con olio d'oliva, una noce di burro e la cipolla tritata. Aggiungo il riso, lo insaporisco con un mezzo bicchiere di vino bianco e quando il vino è evaporato aggiungo 50 grammi di paté di olive e porto a cottura aggiungendo il brodo necessario. Quando è pronto, lascio raffreddare il risotto e aggiungo il paté di olive rimanente, un uovo intero, il parmigiano grattugiato, un pizzico di sale e una spolverata di pepe. Mescolo il riso e preparo delle polpettine di circa 3 cm di diametro, le passo nella farina, nell'uovo sbattuto, nel pane grattugiato e le faccio friggere in abbondante olio. Sono da mangiare calde, se si lasciano raffreddare perdono molto del loro sapore. ...

Brescello 26/07/2007

Il paese di Don Camillo e Peppone

Brescello Dei paesi reggiani che ho occasione di frequentare molto spesso, ho lasciato per ultimo Brescello, il paese forse più conosciuto della zona per essere stato il set dei famosi film tratti dai racconti scritti da Giovanni Guareschi e che avevano come protagonisti gli indimenticabili Don Camillo e il Sindaco Peppone. Brescello si trova a una trentina di chilometri da Reggio Emilia, la sua storia è antichissima e la sua fondazione è fatta risalire al VII secolo a.C. per opera di popolazioni di origine gallica e germanica che costruirono i primi insediamenti e chiamarono il luogo Brixellum, un nome che restò anche dopo l'occupazione romana e dal quale deriva il moderno nome. La fama a Brescello arrivò nel secondo dopoguerra, quando fu scelto come luogo dove ambientare le scene dei film di Guareschi e il successo di quella serie cinematografica è ancora vivo nei ricordi di questo paese, nel quale molti luoghi ricordano le più famose scene cinematografiche, e quei personaggi ai quali è anche stato dedicato un Museo che, aperto su iniziativa di alcuni volonterosi è oggi gestito dalla locale Pro Loco. Il Museo espone numerosi cimeli e ricordi di quella serie cinematografica, molte fotografie scattate durante le riprese dei film e fra i reperti più interessanti, ci sono l'abito sacerdotale usato da Don Camillo, la motocicletta di Peppone e le biciclette usate dai protagonisti. Nella piazza antistante il Museo è esposto il carroarmato, protagonista di un'indimenticabile scena ...

Castelnovo di Sotto 25/07/2007

Una bella cittadina di campagna

Castelnovo di Sotto Castelnovo di Sotto, con Gualtieri, Guastalla, Novellara e Reggiolo, è una delle piacevoli località che si trovano nella provincia reggiana, circa 15 chilometri a nord del capoluogo Reggio Emilia, un territorio che conosco molto bene perchè sono molto spesso a Guastalla. Tante piccole località che, se facciamo eccezione della più conosciuta Novellara, sembrano non avere nulla da offrire e che invece hanno certamente molto da offrire. Castelnovo di Sotto è sicuramente sconosciuta ai più, ed invece è una cittadina che trae le sue origini dai tempi dell'Impero Romano, quando dopo la costruzione della Via Emilia nel 187 a.C., venne fatta una centuriazione con la divisione dei terreni agricoli e relativa assegnazione agli ex legionari, quasi una anteprima di riforma agraria. La vocazione agricola dura tutt'ora essendo l'agricoltura e l'allevamento le proncipali attività economiche della zona. Nel suo insieme Castelnovo di Sotto è una bella cittadina, con un grazioso centro storico in gran parte lastricato in acciottolato, la bella Via Gramsci fiancheggiata da portici, il polmone verde del Giardino della Rocca e l'edificio della Rocca Municipale. Mi piace passeggiare in Castelnovo ed è anche piacevole una sosta alla Gelateria K2 che è in via XX Settembre, una parallela della centralissima Via Gramsci. Interessanti anche gli edifici religiosi di Caltelnovo di Sotto, con la Chiesa della Madonna e la Chiesa Parrocchiale di San Andrea Apostolo ed altre tre chiese ...

Kinder Pinguì 24/07/2007

Una squisita dolcezza

Kinder Pinguì Sono golosa di dolci e anche se cerco di mangiarne in quantità contenuta, mi piace molto variare il gusto e quindi sono una buona consumatrice degli snack in generale. Alcuni li prediligo quando fa più fresco e allora è il tempo della Fiesta e del Kinder Bueno, altri li preferisco nel periodo di caldo e allora è il tempo del Kinder fetta al latte, ma soprattutto del Kinder Pingui. Kinder Pingui è uno snack fresco, lo si deve conservare in frigorifero e lo si mangia appena averlo tolto. All'esterno è ricoperti di cioccolato e all'interno interno c'è una crema di latte fresco pastorizzato con una farcitura di cacao, fra due fettine di pan di spagna. Un sapore molto delicato grazie all'omogeneità ed al giusto equilibrio fra gli ingredienti, che appena si mette in bocca sembra sciogliersi e sprigionare tutto il suo sapore. La confezione in vendita comprende 4 porzioni singolarmente confezionate in un involucro multicolorato molto accattivante, e il costo è mediamente di 1 euro, ma dipende dal tipo di negozio o di supermercato dal quale lo si acquista. Ogni porzione ha un peso di circa 30 grammi e l'apporto calorico è di circa 136 calorie, che è quindi da considerare molto elevato. Ma se si vuole la bontà, bisogna dimenticare le calorie e rimandare la dieta al giorno dopo. Il Kinder Pinguì è prodotto dalla Ferrero di Alba, una casa dolciaria molto conosciuta per la molteplicità e la qualità dei suoi prodotti e credo sia sufficiente ricordare la Nutella, gli snack ...

Vicolungo Outlets, Vicolungo (NO) 21/07/2007

Articoli di marca a prezzi straordinari

Vicolungo Outlets, Vicolungo (NO) Il Vicolungo Outlet o Parco Commerciale di Vicolungo, come ho letto in un opuscolo, è un complesso di negozi in cui è possibile fare acquisti di prodotti di primarie marche a prezzi molto convenienti e se si va durante i periodi di vendite promozionali è ancora più conveniente. Dal 1° Luglio e fino al 25 Agosto è in corso una di queste promozioni con sconti che arrivano anche al 70% del prezzo Outlet normalmente già scontato. Quindi, è difficile lasciare questo Outlet senza aver fatto qualche buon acquisto. Ci sono negozi di ogni genere, allineati lungo un viale centrale, la merce è esposta in modo ordinato ed i prezzi molto chiari.In questo periodo ho notato che i negozi di abbigliamento e in particolare quelli che producono abbigliamento estivo e costumi da bagno sono fornitissimi. Nel negozio di Intimissimi, erano esposti migliaia di costumi da bagno a prezzi medi di 7,50 euro di cosi tante fogge e modelli che è difficile non trovare quello che si cerca. Interessanti anche i negozi Infiore, Parah e Tezenis. Sconti molto alti anche nel negozio della Zucchi su articoli di tovaglieria e biancheria per la casa, all'abbigliamento Facis, alla Sisley e alla Stefanel. Nel negozio della Sisley ci siamo ritornate tre volte, perché era quello con l'aria condizionata più efficace e in una giornata calda era veramente un sollievo. Fra un giro e l'altro nei negozi ci si può riposare con una granita alla Gelateria dell'Angelo o con uno spuntino nel fornitissimo punto di ...

Barzellette - NO razzismo e volgarità :) 20/07/2007

Premio di produzione

Barzellette - NO razzismo e volgarità :) Ho letto oggi questa barzelletta che ho trovato molto simpatica e quindi la ripropongo: Un prete ed un tassista muoiono quasi contemporaneamente e si presentano quindi insieme ai cancelli del Paradiso. San Pietro chiede al primo, il tassista: "Chi sei?". Il tassista si presenta e San Pietro guarda nel suo librone e quindi: "Bene, entra pure, ti è stata riservata la camera nel nostro albergo: è nell'attico, con vista su tutti i beati e le bellezze dell'Universo". Il tassista ringrazia ed entra. E' il turno del prete che si presenta a San Pietro. Questi controlla il suo registrone e quindi gli dice: "Bene, entra. Ti è stato riservato un letto nella camerata multipla; sarete in dieci, ma non c'è altro posto". Il prete però ha qualcosa da ridire: "Ma come, al tassista camera singola nell'attico e a me una in camerata! Ma non c'è più religione! Come è possibile?". E San Pietro: "Guardi che qui guardiamo ai risultati. Mentre tu pregavi, la gente dormiva, invece mentre il tassista guidava, la gente pregava!". ...

Con pesce 16/07/2007

Arancini di riso ripieni di Cefalo

Con pesce In un'altra opinione ho già scritto come gli arancini di riso sono uno dei piatti che preferisco e che in estate preparo frequentemente perché li trovo molto buoni anche se consumati freddi o leggermente intiepiditi al microonde. Li preparo nel modo classico con il ripieno di ragù, ma a volte mi diverto a prepararli anche con altri ripieni, per esempio con il pesce, e ho costatato che il cefalo si presta bene a questo scopo e che il risultato è un arancino particolarmente gustoso e con un sapore molto delicato. Gli incredienti necessari alla preparazione sono 350 grammi di riso, 150 grammi circa di piselli, 200 grammi di filetti di cefalo, 2 pomodori ben maturi, 1 cipolla, 5 uova, 5 cucchiai di olio d'oliva extravergine, 80 grammi di burro, mezzo bicchiere di vino bianco secco, brodo di pesce, pangrattato, olio per friggere, sale e pepe. Inizio tagliando i pomodori a dadini e tritando la cipolla. Taglio a pezzetti il cefalo e lo metto a rosolare per tre minuti con due cucchiai d'olio, gli verso un poco di vino bianco e lo lascio evaporare, aggiungo il pomodoro, sale e pepe e lascio cuocere il pesce per un'altra decina di minuti. In un altro tegame metto il restante olio d'oliva, metà della cipolla tritata e faccio rosolare i piselli per alcuni minuti. Solitamente uso una scatola di piselli della Bonduelle di 200 grammi (140 grammi di prodotto snocciolato), ma se si usano i piselli freschi dopo averli fatti rosolare, si aggiunge un mestolo di brodo e si fanno cuocere per ...

Gualtieri 13/07/2007

Il Feudo dei Marchesi Bentivoglio

Gualtieri Gualtieri è una località che spesso ho occasione di attraversare quando vado a trovare una mia amica che abita a Guastalla. Una bella cittadina che è distante circa venti chilometri da Reggio Emilia, lungo il Po, lungo il famoso argine del Po che molti anni fa è anche stato il set dei Film di Don Camillo e di Peppone. Una vicinanza con il Po che spesso ha creato problemi alla città con l'allagamento della zona da parte delle piene del fiume, proprio come in un film della serie del grande scrittore Guareschi, ma che non ha cancellato le testimonianze del passato della città che risale al periodo romano, quando era conosciuta come Castrum Walterii. I periodi medievali e rinascimentali sono stati quelli che hanno lasciato le più importanti tracce in città, con la bellissima e spaziosa Piazza dell'Argenta, che porta il soprannome dall'architetto che la progettò e la realizzò, G. B. Aleotti detto appunto l'Argenta. La Piazza è molto bella, spaziosa, particolarmente abbellita dai porticati che la circondano in gran parte e sulla quale si affaccia un'altra opera dell'Argenta, il prestigioso e imponente Palazzo Bentivoglio, con la sua bella facciata in mattoni a vista, che per molti decenni è stata la residenza dei Bentivoglio, marchesi di Gualtieri, dove ancora oggi sembra di essere nel loro feudo. L'insieme della piazza comprende anche la Torre dell'Orologio, proprio di fronte a Palazzo Bentivoglio, e che da non molto tempo è stata completamente restaurata e riportata ...

Con carne 06/07/2007

Gli intramontabili arancini di riso

Con carne Durante una vacanza in Calabria ho conosciuto gli arancini di riso e ne sono rimasta entusiasta. Sapevo già prima della loro esistenza ma non ne avevo mai mangiati, non mi avevano mai particolarmente attirata. Dopo averli mangiati in quella circostanza li ho trovati cosi buoni e anche cosi comodi da preparare in anticipo e da mangiare dopo averli intiepiditi qualche secondo nel microonde, che ne ho quasi fatto un piatto che in estate preparo anche in modo fin troppo ripetitivo. Naturalmente non sono mai riuscita a prepararli cosi buoni come quelli mangiati sul posto, ma quelli che preparo io sono sicuramente molto migliori di quelli che si possono trovare nei banchi della gastronomia dei supermercati o anche in certi negozi di gastronomia specializzati. Gl ingredienti nesessari alla preparazione sono 400 grammi di riso, 150 grammi di piselli lessati, 50 grammi di parmigiano grattugiato, 200 grammi di carne di manzo tritata, 4 uova, 2 cucchiai di concentrato di pomodoro, 1 spicchio di aglio tritato molto finemente, mezza cipolla affettata fine, 5 cucchiai di olio d'oliva extra vergine e poi pane grattugiato, farina 00, brodo, vino rosso, olio per friggere, sale e pepe. Inizio lessando il riso, lo scolo e lo metto in una ciotola e lo mescolo con lo zafferano, due uova sbattute e il parmigiano. Preparo il ragù mettendo la cipolla a rosolare con l'aglio nell'olio e aggiungo la carne facendola rosolare per un paio di minuti. Bagno con il vino, lo lascio evaporare e ...

Carrefour pass 01/07/2007

Comoda e conveniente

Carrefour pass Davvero una comodità la Carta Pass che è emessa dalla catena Carrefour per i clienti dei suoi supermercati. Sono già alcuni mesi che la uso e ne sono molto soddisfatta per le numerose agevolazioni che sono collegate a questa carta. Moltissimi prodotti possono essere acquistati con uno sconto del 10% che è calcolato direttamente alla cassa al momento del pagamento. Indipendentemente dal numero degli acquisti fatti durante il mese, l'addebito è uno solo e viene fatto direttamente nei primi giorni del mese successivo sul conto corrente che è stato segnalatola momento della richiesta. Al momento del rilascio della carta è stabilito un tetto di spesa che può anche essere aumentato se si porta in visione il modello Unico o il Cud che certifica i redditi di lavoro dipendente. Un altro vantaggio di questa carta è che se si ha bisogno di un piccolo finanziamento, basta chiederlo e entro la disponibilità concessa, l'importo è direttamente accreditato al proprio conto corrente. Non ho ancora usato questa possibilità, ma a volte può lasciare più tranquilli il fatto di pensare che all'occorrenza posso avere in 24 ore l'accredito in contanti della mia disponibilità. Il servizio della Carta Pass, dal lato organizzativo, è gestito dall'AGOS che è una delle più importanti e vecchie società italiane di finanziamento al consumo. Fino a questo momento tutto è sempre stato molto preciso e regolare. Mensilmente mi arriva l'estratto conto, molto chiaro e ben comprensibile, e poi l'addebito ...

Pamplona 13/06/2007

Il capoluogo della Navarra

Pamplona Della mia vacanza in Spagna dello scorso anno, uno dei più piacevoli ricordi è la visita della città di Pamplona, molto conosciuta per la nota Feria di San Firmino, in luogo chiamate Los Sanfermines, con "l'encierro", la cavalcata dei tori lungo le vie della città. Una manifestazione da molti contestata e da altri vista con entusiasmo che in ogni caso è considerato uno dei più importanti richiami turistici. Los Sanfermines sono una serie di manifestazioni religiose e folcloristiche che si tengono tra il 6 e il 14 luglio in onore di San Firmino di Amiens, patrono di Pamplona. La città di Pamplona è posizionata lungo le sponde del fiume Arga, alle pendici della parte occidentale della catena montuosa dei Pirenei, a pochi chilometri dal confine con la Francia ed è la capitale della Navarra, una delle più antiche e storiche regioni della Spagna. La visita di Pamplona non richiede molto tempo, la città non è molto estesa ed ha circa 200.000 abitanti, e può essere fatta a piedi, cominciando la visita dal bel centro storico e principalmente dalla centrale Piazza del Castello, chiamata Plaza del Castillo, che è il cuore storico e sociale della città, frequentatissima anche dai locali oltre che dai turisti e dalla quale si diramano i più importanti viali di Pamplona come il bellissimo Viale Carlo III, chiamata Avenida de Carlos III, su cui si affaccia il Teatro Gayarre, lo spazioso Paseo de Sarasate che collega la parte vecchia alla parte nuova della città, la pittoresca Via ...

Vodafone free 200 24/05/2007

Una buona promozione

Vodafone free 200 Quando ho trovato nella posta una lettera della Vodafone non l'ho neppure aperta, convinta che si trattava della solita pubblicità o di qualche nuovo piano tariffario che, per l'uso limitato che faccio del cellulare, non mi hanno mai interessata. Qualche giorno dopo, per mia fortuna, prima di cestinare la comunicazione ho almeno aperto la busta ed ho trovato una piacevole sorpresa. La Vodafone mi comunicava che, attivando una ricarica telefonica di almeno 10 euro entro il 15 maggio avrei potuto beneficiare di un bonus di complessivi 200 euro da utilizzare nella misura massima di 50 euro al mese e, quindi, per una durata di 4 mesi. Naturalmente ho provato ed ho fatto una ricarica entro il tempo indicato, e dopo alcune ore è arrivato un messaggio che confermava l'avvenuta attivazione della loro promozione. Ora sono già alcuni giorni che beneficio di questo bonus e che riguarda le comunicazioni telefoniche in partenza dall'Italia e indirizzate verso i numeri telefonici della Vodafone e verso tutti i numeri telefonici di utenze fisse. In una jungla di tariffe e di condizioni cosi differenti fra loro e a volte anche non semplici da interpretare, che ogni giorno gli operatori di telefonia mobile pubblicizzano, almeno questa proposta ha il vantaggio della semplicità perché si capisce subito che è una promozione gratuita e soprattutto il vantaggio avere a disposizione un bonus di 200 euro che non sono pochi. ...

Museo d'Arte Preistorica (Pinerolo) 27/04/2007

Per gli appassionati d'Arte Rupestre

Museo d'Arte Preistorica (Pinerolo) Qualche domenica fa sono stata a Pinerolo, accompagnando un anziano zio che ha fatto il servizio militare in cavalleria e che voleva visitare il Museo Nazionale dell'Arma di Cavalleria che si trova proprio a Pinerolo. La visita al Museo non è stata molto lunga, anche perché siamo arrivati a Pinerolo a metà mattina e non eravamo a conoscenza che il Museo è aperto solo la domenica e solo dalle 9.00 alle 11.30 e pertanto la visità si è purtroppo ridotta all'essenziale. Ci siamo comunque fermati a pranzo e poi abbiamo approfittato del pomeriggio per fare un giro per questa bella cittadina che si trova in provincia di Torino all'inizio della Val Chisone e, girovagando, ci siamo imbattuti nel Museo d'Arte Preistorica ed essendo da tempo appassionata di archeologia non ho resistito alla tentazione di visitarlo, tanto più che l'ingresso era gratuito. Una visita molto interessante perché è un museo ricco di rari reperti di archeologia e di arte rupestre, non solo della zona, ma provenienti da diverse parti del mondo che sono raccolti in alcune collezioni di grande interesse che documentano ritrovamenti fatti in diversi tempi ed epoche, nell'arco Alpino, nella Val Camonica, in Spagna, Portogallo, Svezia, Norvegia e altre nazioni europee. Le collezioni sono integrate da documenti e fotografie e, per gli approfondimenti, c'è anche una videoteca e un laboratorio didattico. Il Museo è organizzato dal Centro Studi e Museo d'Arte Preistorica, che è considerato una delle ...

Reggiolo 19/04/2007

Una simpatica cittadina

Reggiolo Reggiolo è una piccola località che si trova in provincia di Reggio Emilia, lungo il percorso dell'autostrada del Brennero, nel tratto cha va da Modena a Mantova, ed è percorrendo questa autostrada che ho conosciuto questo piccolo paese. Per raggiungere una mia amica che abita a Guastalla, sono uscita propria al casello autostradale di Reggiolo e, attraversandolo, ho notato la presenza di un castello e di un palazzo particolarmente bello e quindi, al ritorno da Guastalla mi sono permessa un supplemento di turismo, visitando questo paese che è anche confinante con la città di Novellara, dove si trova un altro castello altrettanto bello e sicuramente più conosciuto. La Rocca è il monumento più evidente e importante di Reggiolo, una massiccia costruzione medievale che è stata risistemata nel 1400, e che è ben conservata, all'interno della quale si accede attraverso un portone sormontato da una torre. A differenza di altri castelli che avevo visitato, questo ha la caratteristica di non avere spazi residenziali di pregio, quasi che nessun nobile vi abbia mai abitato e infatti, dopo la visita alla biblioteca comunale, ho scoperto che si trattava di una fortezza usata solo a scopi difensivi, adatta ad ospitare la popolazione in caso di necessità. L'altro edificio che aveva attirata la mia attenzione, era Palazzo Sartoretti, dove c'è la Biblioteca comunale. Il palazzo è molto bello, di grande superficie e con un bel parco all'interno. Apparteneva ad una famiglia non proprio ...

Guastalla 09/04/2007

Una bella località della Bassa Reggiana

Guastalla Guastalla è attualmente una delle più importanti cittadine della provincia di Reggio Emilia, per merito delle sua attività artigianali e commerciali, rese più facili dalla sua favorevole posizione rispetto alle città di Mantova, Reggio Emilia e Parma, dalle quali dista circa una trentina di chilometri. E' anche una delle più interessanti località della stessa provincia per i suoi trascorsi storici che sono fatti risalire al periodo etrusco, anche se la sua vera fondazione risulta opera del re longobardo Agilulfo con il nome di Wartstall che ne fece un centro fortificato contro i Bizantini che occupavano Mantova. Guastalla è stato poi uno dei primi liberi comuni a dotarsi di statuti autonomi e questo fin dal 1116. Il periodo in cui Guastalla rimase libero comune non fu molto lungo perché diventò ben presto un feudo dei nobili Torelli e successivamente, per oltre due secoli, dominio della famiglia dei Gonzaga. Per la sua posizione strategica, Guastalla diventò una delle località più fortificate della bassa reggiana e alla fine entrò a far parte del Ducato di Parma, Piacenza e Guastalla. La famiglia Gonzaga fu quella che più si adoperò per sviluppare e dare un volto nuovo a Guastalla, avvalendosi dell'opera dell'architetto Domenico Giunti, uno dei più importanti progettisti dell'epoca al quale si deve l'attuale sistema urbano del centro storico della città. Queste sono state le prime informazioni che ho avuto su Guastalla da parte di una carissima amica che ci abita, ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra