Condividi questa pagina su

bronzo Status bronzo (Livello 7/10)

Fefy

Fefy

Autori che si fidano di me: 110 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Click circle? No grazie! :) Leggetemi se vi interessa quello che scrivo, io vi leggerò se mi interessa quello che scrivete.

Opinioni scritte

dal 19/06/2001

520

It (Dvd) 17/09/2017

Galleggiando nel dubbio...

It (Dvd) Ho passato tutta la fanciullezza, l'adolescenza e parte dell'età adulta a RIFIUTARMI categoricamente di vedere It - il pagliaccio assassino. No, no, e poi mi sarei fatta terrorizzare da quel pagliaccio! Non che abbia la fobia dei clown...ma mi mettono comunque un po' a disagio. Poi sono stata fregata dall'uscita del Remake, e dalla vecchiaia che insorge e ... Un film così famoso non si poteva non vedere...e quindi ieri ho rimediato. In raltà, IT-IL PAGLIACCIO ASSASSINO è una miniserie del 1990 diretta da Tommy Lee Wallace, e tratta dal romanzo di Stephen King che dura in totale 3 ore e 7 minuti. La storia, ve la ricordo è quella di 7 ragazzini che si uniscono per battere It un pagliaccio che faceva sparire i bambini nella loro città. E quasi ci riescono, ma dopo 30 anni i 7 si ritrovano a causa di un ritorno di questo pagliaccio assassino che ha strani poteri....Assume la forma della paura più grande di ciascuno di noi. E colpisce sempre e solo quando il bambino è solo. Il gruppo riesce ad essere più forte. Fino a qui sembrerebbe un classico film dell'orrore se non fosse che verso il finale, tutto comincia a confondersi e si arriva alla fantascienza. Personalmente ho perso il filo logico della storia. Non ho capito niente. Forse la luce dei morti ha ipnotizzato e bloccato anche me? Chi è il vero mostro? In alcuni momenti non capivo se stavo guardando i Goonies o il Signore degli Anelli... Per questo motivo, che ovviamente è un motivo personale di mancata ...

Non tutti gli uomini vengono per nuocere (Federica Bosco) 14/09/2017

Being Cristina

Non tutti gli uomini vengono per nuocere (Federica Bosco) Mi è impossibile raccontare di questo libro senza raccontare la storia di come io e lui ci siamo trovati e poi incontrati. Il 26 settembre 2016 mi trovavo a Verona. Ultimo giorno di una microvacanza per il concerto di Zucchero visto il giorno prima. Entro in una libreria e mi metto a curiosare...chissà perché mi casca l'occhio su questo libro: NON TUTTI GLI UOMINI VENGONO PER NUOCERE Leggo la trama e ridacchio...Sembrava quasi la storia della mia vita! Non potevo lasciarlo lì. Ed è così è approdato a Cagliari. Ma ci sono voluti mesi, quasi un anno prima che il libro mi dicesse: leggimi Ed era effettivamente il momento giusto, il momento di connessione assoluta fra me e Cristina, la protagonista. Cristina, rompe con il fidanzato e decide di farsi una bella dormita con un bel po' di Valeriana, ingurgitata con un po' di vino. Peccato che il suo ultimo messaggio all'Ex venga frainteso, e Cristina si ritrova con un tubo in bocca, a biascicare parole, cercando di dire val... ( eriana) ...val....V A L I U M capiscono i medici.... E via col tubo in gola! Aprendo gli occhi...La visione: il medico del pronto soccorso. Marco. Occhi scuri, capelli ricci, barba ( l'autrice conosce la descrizione del mio uomo ideale?!) Il colpo al cuore. ( non solo di Cristina) Fra una chiacchiera e l'altra, si insinua in Cristina quella sensazione di comodità, sicurezza e familiarità che comincia a farla innamorare di Marco. E siccome le tipe come Cristina ( e come me) si incasinano la vita ...

Miss Peregrine: La Casa dei Ragazzi Speciali (T. Burton - USA 2016) 16/02/2017

E' tempo di essere speciali!

Miss Peregrine: La Casa dei Ragazzi Speciali (T. Burton - USA 2016) Tutti i bambini sono speciali. Ma esistono bambini che sono...più speciali di altri, e per loro esiste luogo...Speciale! Una piccola isola nel Galles dove questi bambini speciali possono vivere tranquilli sotto "l'ala protettiva" di una tutrice speciale, Miss Peregrine. E' così che a Jake , suo nonno racconta della sua infanzia, e di come una volta cresciuto, ha lasciato l'isola per andare a cacciare i mostri, in tutto il mondo. Ma secondo Jake quelle sono storie fantastiche che suo nonno gli ha sempre raccontato per farlo addormentare quando era piccolo. Fino a che... Jake non trova suo nonno morente nel bosco vicino casa: gli hanno strappato gli occhi. Malgrado la causa della morte si stata attribuita ad un animale feroce, Jake vuole capire qualcosa in più, e fa in modo di recarsi in Galles alla ricerca della Casa dei Bambini Speciali. E' qui che inizia la grande avventura. Un'avventura fuori dal tempo e all'interno del tempo! Ciò che rende veramente speciale la casa dei bambini speciali è che si trova, in un anello temporale che protegge i bambini per sempre senza farli mai crescere. Ma questa protezione non serve a molto. Un pericolo incombe: L'ex scenziato Barron vuole fare degli esperimenti e mangiare gli occhi di tutti i bambini speciali. Solo Jake può fermarlo. Ma come? In questa avventura, Jake scoprirà che non solo i bambini speciali esistono davvero, ma che esistono i mostri e tante altre cose...Speciali. E non solo: scoprirà chi è davvero e cosa vuole fare ...

Inferno (Dan Brown) 11/02/2017

Lasciate ogni speranza, o voi lettori...

Inferno (Dan Brown) Eccoci ad un nuovo capitolo della saga di Robert Langdon. Questa volta il prode professore si risveglia in un letto d'ospedale, a Firenze, senza sapere né come né quando ci sia arrivato. E dal momento del risveglio cominciano ad accadere cose strane, "brutta gente" che vuole ucciderlo, uno strano contenitore di qualche agente patogeno che proietta quadri, nascosto nella fodera della giacca, una giovane dottoressa che lo aiuta. Corse per Firenze, indagini. Da Vasari a Dante, indizi, messaggi nascosti, aiuti inaspettati. L'organizzazione mondiale della sanità...Cosa nasconde? E il rettore? A che gioco sta giocando? Chi è l'uomo con la maschera? Stavolta la storia è ingarbugliata, si ribalta, e poi di nuovo, e si vola, da un inferno ad un altro. Riuscirà Robert a risolvere la situazione? Ai lettori che non perdono le speranze, l'ardua sentenza! Dan Brown non si smentisce mai. Anche questo libro è strutturato come se il lettore stesse guardando un film. Da una scena all'altra il fuoco si apre man mano su tutti i personaggi, mantenendo alto l'anone di mistero e riuscendo a far avere al lettore una certa idea su ciascusno per poi fargliela cambiare, ancora, e poi ancora. Fino all'epilogo, invitabile e senza dubbio aperto. L'unica pecca è stavolta l'eccessiva lunghezza delle descrizione storico-artistiche. Da amante della storia dell'arte ho risentito parecchio dell'edizione priva di fotografie. Impossibile avere un'idea precisa di cosa stia succedendo e del contesto se non ...

La Pazza Gioia (P. Virzì - Italia 2016) 27/11/2016

Equilibri sopra la follia

La Pazza Gioia (P. Virzì - Italia 2016) Qualche giorno fa sono riuscita a recuperare la visione de LA PAZZA GIOIA di Paolo Virzì. Il film racconta l' "avventura" di due donne che vivono in un centro di riabilitazione psichiatrica. Beatrice: una donna ricca, ma affetta da ( quasi sicuramente) disturbo bipolare con tratti di personalità border line. Donatella: una ragazza di ceto sociale medio basso, ex cubista che in realtà sta scontando una pena per tentato suicidio-infanticidio e dichiara di essere affetta da depressione maggiore. Come spessissimo avviene fra i malati psichiatrici, l'incontro tra le due donne crea una sorta di relazione terapeutica per cui chi sta meglio, a seconda dei momenti recupera comportamenti funzionali per aiutare l'altro. E così Beatrice, si autonomia terapeuta di Donatella, la coinvolge in una "pazza" fuga dal centro, alla ricerca di un po' di svago, divertimento, relax...e di Elia, il figlio di Donatella che è stato dato in adozione e che lei non può vedere. In questi pochi giorni di fuga le due donne, si trovano nei guai, litigano, scappano, ne combinano di tutti i colori, mostrando l'una all'altra non solo le varie sfaccettature della propria patologia, ma anche e soprattutto gli aspetti più profondi di se stesse e del loro dolore. Perché la malattie psichiatrica non è altro che un dolore, inspiegabile, indicibile e profondo, che non si gestisce, ma lo si vede in tutta la sua interezza, negli occhi. Negli sguardi disperati, stanchi e devastati di chi lotta ogni giorno con quelle ...

Forsan Hennè Rosso Egiziano 20/11/2016

Spremuta di rame al profumo di fieno

Forsan Hennè Rosso Egiziano Chi mi conosce anche solo un po' sa che sono fissata con i capelli rossi. E' una passione viscerale che mi porto dietro da sempre e avendo i capelli castano chiaro, tendenti al biondo, cerco sempre di tingerli perché proprio non mi ci vedo con questo colore. Ho provato nel corso di questi ultimi 10 anni, varie soluzioni. Mi hanno soddisfatta tutte, se non fosse che poi non ho più trovato in commercio i prodotti :( In genere ho sempre usato prodotti senza ammoniaca e non permanenti per non rovinare troppo i capelli. Siccome ancora me lo posso permettere li tingo anche una volta l'anno giusto per cambiare. Qualche giorno fa mentre gironzolavo per la parafarmacia della Auchan ho beccato l'hennè rosso egiziano della Forsan. Per chi non lo sapesse gli Hennè sono dei coloranti naturali ottenuti da una pianta che si chiama lawsonia Inermis Agiscono sui capelli tingendoli e creando una sorta di guaina protettiva che li nutre e li rende lucidi, resistenti e forti. Erano anni che volevo provare l'hennè ma mi sembrava troppo laborioso. ( girano certi tutorial che non capisco se stiano cucinando o trattando i capelli! E' troppo per me!) Stavolta mi sono convinta anche perché le istruzioni sono semplici: - 1 busta se hai capelli corti. 2 buste se li hai lunghi. - versare il contenuto in una ciotola di plastica e miscelare con acqua ( possibilmente calda) - applicare sui capelli PULITI E PETTINATI - ricoprire con le pellicola e lasciare dai 20 minuti ad un'ora, a seconda del ...

Ouija: L'Origine del Male (M. Flanagan - 2016 USA) 10/11/2016

Occhio alle parole delle spettro...

Ouija: L'Origine del Male (M. Flanagan - 2016 USA) Los Angeles 1965. Una vedova, Alice Zander, per tirare avanti organizza false sedute spiritiche, con l'aiuto delle figlie Lina e Doris. la vita di questi tre personaggi cambia nel momento in cui Alice compra una tavoletta ouija e scopre che Doris con i morti ci parla davvero, e si può mettere in contatto con il padre defunto. Ma sarà veramente il defunto marito di Alice a manifestarsi? Strani fenomeni colpiscono Doris, voci, visioni e storie passate si intrecciano arrivando poi all'epilogo finale.(?) Questa è il breve la trama di ouija-l'origine del male film diretto da Mike Flanagan, e prequel del film del 2014 Ouija, uscito nelle sale italiane il 27 Ottobre. Il film può essere suddiviso in due parti. La prima parte è una sorta di introduzione ai personaggi, alle loro vite e alle loro dinamiche. La seconda parte è quella in cui il dramma demoniaco ha il suo sviluppo e si concentra la parte thriller del film. Entrambe le parti sono ben costruite e utili l'una all'altra per uno sviluppo scorrevole e sensato della storia. A parte la presenza del prete che fa tanto Esorcista, le scelte relative agli spiriti, e alla loro storia non sono troppo scontate e le scene sono ricche di attimi di suspance e spavento e questo, da ciò che si osserva in sala ha fatto saltare sulla poltroncina parecchi spettatori. Sicuramente per gli amanti del genere è un film gradevole e ben fatto. E considerato che con i thriller e gli horror ultimamente si rischia parecchio di incappare in film ...

Lo Chiamavano Jeeg Robot (G. Mainetti - Italia 2015) 09/11/2016

C'è un eroe in Te...anche se ancora non lo sai

Lo Chiamavano Jeeg Robot (G. Mainetti - Italia 2015) In unaRoma piegata da continui attacchi terroristici, il ladruncolo da Enzo Ceccotti, che vive in una quartieraccio e si nutre esclusivamente di budini e birra, durante una fuga si butta nel fiume venendo a contatto con una strana sostanza tossica simile alla pece. Il giorno successivo a causa di un affare andato male precipita da 9 piani e non muore. Neanche un graffio. E' così che Enzo scopre di avere una forza incredibile. Questo gli permette di fare qualche bella rapina interessante e fare un po' di soldi MA - si ritrova a fare da babay sitter ad Alessia, figlia di un amico che è stato ucciso e che ha sviluppato uno strano delirio per Jeeg Robot d'acciaio. Alessia infatti vede il mondo come nel cartone e scambia Enzo per Jeeg Robot. - visto che si è fatto notare Enzo deve fare i conti con Lo Zingaro, un noto delinquentello della periferia romana, fissato con gli anni '80, che in preda ad un delirio di onnipotenza vuole conquistare tutta la città e farla saltare in aria. La situazione si complica quando viene messa in mezzo la Camorra, quando Enzo si innamora di Alessia, quando Lo Zingaro cade nella sostanza tossica. Tutto questo contornato da fughe, combattimenti, e scene di vita vera, genuine e spontanee. Una pellicola che non perde mai il ritmo, che tiene incollati allo schermo, che nonostante abbia per protagonisti dei delinquenti ci fa comunque fare il tifo per il quel "cattivo" che scopre che è vero l'Amore cambia per le persone, e che per quell' Amore vale la ...

Come farlo innamorare. Un metodo scientifico (Giulio C. Giacobbe) 12/10/2016

Consigli per Ranocchie.

Come farlo innamorare. Un metodo scientifico (Giulio C. Giacobbe) Gironzolando per Verona ( splendida città) durante il mio ultimo giorno di permanenza ho trovato una bella libreria che vende sia libri nuovi che usati...Ho subito approfittato dell'occasione per fare un po' di spesa e ho beccato un libro di un autore che mi piace molto e che mancava alla mia collezione. Sto parlando di Giulio Cesare Giacobbe Il libro in questione è COME FARLO INNAMORARE Essendo una ranocchia ho pensato che potesse tornarmi utile per capire qualcosa di più sul mio costante aspettare treni all'aeroporto. Il libro, sempre scritto con un linguaggio parlato, ed indirizzato ovviamente alle donne, si pompa di grandi battute umoristiche su uomini e donne per poi andare al nocciolo della questione, ossia riassumere la teoria di Giacobbe. La lui la chiama psicologia evolutiva, e individua tre personalità : - bambino - adulto- - genitore che caratterizzano il modo di relazionarsi delle persone, quasi in maniera assoluta. A meno che si abbia a che fare con l'uomo o la donna completa, che ha in sè tutte le tre personalità e le sa tirare fuori tutte in modo funzionale a seconda dei contesti e dei momenti della relazione. In base all'uomo che si incontra, ossia se è bambino, adulto o genitore, Giacobbe indica come bisogna soddisfare queste personalità. Tutto questo, e molto di più, era già stato descritto nel suo precedente libro COME DIVENTARE BELLA, RICCA E STRONZA Che io ho già letto. Questo libro è solo una specie di riassunto, scritto a parer mio perché ...

Storia di una ladra di libri (Markus Zusak) 08/10/2016

I libri, le vite, le storie, la morte

Storia di una ladra di libri (Markus Zusak) Qualche mese fa ho scoperto che a mio padre era stato regalato STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI, libro il cui titolo originale è "la bambina che salvava i libri" di Markus Zusak , da cui è stato tratto un film. Non avendo visto il film mi sono subito lanciata nella lettura del libro, grosso, e polposo, di quelli che piacciono a me. Non posso fare il riassunto della trama se prima non spiego chi è la vera narratrice della storia. Cosa che oltretutto mi ha colpita profondamente. La Morte E' lei che racconta tutto. A volte, per gentilezza prima ci fa pure un riassunto di ciò che succederà. Ma non è una morte classica, non è una figura oscura, col mantello nero e la falce. E' una figura quasi leggiadra, certo cupa, ma non terrificante. E' compassionevole e delicata, a volte quasi schiacciata dal suo compito. E come con le anime, prende la mano del lettore per accompagnarlo indietro nel tempo. Germania 1939. Liesel, la protagonista della storia, sta andando verso Molchin dove conoscerà la sua nuova famiglia, insieme a sua madre biologica e al suo fratellino, che però muore durante il viaggio. Durante lo sbrigativo funerale Liesel ruba il suo primo libro: il manuale del necroforo. Caduto dalla tasca del ragazzo che aiutava durante il seppellimento. Da quel primo furto ne seguiranno altri. Una nuova vita con la famiglia Hubermann. La grande amicizia con Rudy, compagno di furti, di giochi, di corse e di dolori. La guerra, i libri che bruciano, il salvataggio di un ebreo, nascosto in ...

Istruzioni per rendersi infelici (Paul Watzlawick) 21/01/2016

Infelici con stile!

Istruzioni per rendersi infelici (Paul Watzlawick) Siete ottimisti? Fiduciosi, allegri?...siete Felici? Se la risposta è si allora questo libro...NON FA PER VOI! La ricerca della felicità è ormai un concetto sorpassato, tanto più che dopo aver faticato anni per trovarla...ci sfiora appena lasciandoci in soddisfatti. L'infelicità invece, è la concretezza del quotidiano, è l'essenza della vita ed è molto più semplice da ottenere, e Watzslawik, in questo suo "libretto" divulgativo, ci spiega in modo approfondito come! Alcuni sono in realtà sulla buona strada ma senza saperlo, dunque l'autore offre una dettagliata descrizione di alcuni meccanismi relazionali e comunicativi, che portano dritti dritti all'infelicità! Essere sempre fedeli a se stessi senza mai sgarrare; Vivere nel passato; Pensare costantemente che qualcosa andrà male e azzeccarci sempre; Leggere pensieri e comportamenti degli altri, ed azzeccarci sempre; Le ingiunzioni paradossali come "sii spontaneo"; La sicurezza che chi mi ama ha qualcosa che non va Sono solo esempi di tutto ciò che serve per affinare la tecnica. E Watzlawick non solo spiega tutti questi meccanismi con estrema facilità a li contorna si storielle divertente e aforismi esemplificativi. Il libro è di per sé un'umoristica ingiunzione paradossale che nell'invitare il lettore ad accogliere l'infelicità, gli spiega in realtà quali sono i più comuni errori ( od orrori?) comunicativi e relazionali che tutti commettono inconsapevolmente, smascherandoli e rendendoli dunque consapevoli e gestibili. Un ...

E il cuore salta un battito (Claudio Rossi Marcelli) 15/11/2015

L'amore ha tutti i colori del mondo.

E il cuore salta un battito (Claudio Rossi Marcelli) Poco fa, con la lacrimuccia di commozione e il cuore traboccante di tenerezza ho terminato la lettura di E IL CUORE SALTA UN BATTITO un libro autobiografico scritto da Claudio Rossi Marcelli, giornalista dell'Internazionale che ha deciso di condividere col mondo gli anni probabilmente più importanti della sua vita. Si parte dall'estate del 1996, quando Claudio, ritrovatosi da poco single, viene quasi costretto ad uscire per un appuntamento al buio. Controvoglia e scoraggiato Claudio non sa che quella sera Manlio entrerà nel suo cuore e nella sua vita per sempre. A soli 20 anni con tante esperienze da vivere, l'università e una personalità ancora giovane e molto esuberante, Claudio vivrà, scoprirà, e capirà che cosa sia l'amore. Verrà lasciato da Manlio almeno tre volte, frequenterà altri ragazzi, scoprirà se stesso, ma senza mai abbandonare il filo conduttore della sua vita: l'amore per Manlio. L'unica certezza, l'unica costante invariata di quegli anni. Ma non si tratta di uno sdolcinato romanzo d'amore. E' la storia di due ragazzi che crescono, delle loro vite a Roma, è la storia della fine degli anni '90. Tutto raccontato col sorriso sulle labbra e tanto senso critico. Divertente, tenero, emozionante "E il cuore salta un battito" ci descrive l'amore che non ha colore perchè di colori ne ha davvero tanti, tutti quelli del mondo e forse ancora di più. Per chi non ci crede più, nell'amore, è una ricarica di fiducia energia e speranza. E' la dimostrazione che l'amore nel ...

Il canto della rivolta. Hunger games (Suzanne Collins) 06/10/2015

SE NOI BRUCIAMO, VOI BRUCERETE CON NOI.

Il canto della rivolta. Hunger games (Suzanne Collins) Il risveglio di Katniss nel Distretto 13 è un essere catapultata dentro una realtà parallela. Ritrova sua Madre, sua sorella Prima, ma del 12 non è rimasto nulla, a parte il quartiere dei vincitori ( che tanto era praticamente disabitato) Peeta però non è con lei. E' prigioniero di Capitol City. Nel distretto 13, che ormai è diventato una società sotterranea, il mondo è un mondo solo ed esclusivamente militare. Ogni cosa è controllata, razionata, ordinata, organizzata in modo meticoloso. Non esistono persone, ma reclute e soldati. Lei compresa. E ceret cose non cabiano mai. La ragazza di fuoco ora è e deve essere la Ghiandaia Imitatrice: il vessillo dei ribelli, la voce della rivoluzione. Il canto della rivolta. Questo significa: fare dei video, essere di nuovo sotto ai riflettori per far vedere, per dimostrare, per mandare messaggi. Accompagnata dalla guida hi Haymitch, con Gale e la sua troupe al seguito, Katniss mostra le atrocità della guerra, e ne è essa stessa testimone. Ma non esiste niente di più atroce che sapere Peeta in mano di Snow che a giudicare dai video che passano in Tv lo sta torturando in modo più o meno subdolo. Per far fronte al problema una squadra speciale libera Peeta a lo riporta al 13. Ma nessuno è preparato alla realtà: le sevizie sono state olto più sudbole.Il suo cervello è stato riprogrammato, i suoi ricordi deviati, per lui adesso Katniss è un nemico da uccidere. E' una guerra su più profonti: dalle bombe alle violenze ...

La ragazza di fuoco. Hunger games (Suzanne Collins) 02/10/2015

Mai soffiare su un tizzone ardente...

La ragazza di fuoco. Hunger games (Suzanne Collins) La letturaè veramente veloce ed eccomi di nuovo qui. Dopoaver vinto gli Hunger Games, i vincitori, i primi nella storia di panem ad essere 2, Katniss e Peeta, tornano al distretto 12. La vita non sarà più la stessa. Casa nuova nel quartiere costruito appositamente per i vincitori. PIù soldi, più cibo. Se Katniss si era illusa di smettere di fingere la suoa storia d'amore con Peeta dovrà ben presto ricredersi. Una visita del presidente Snow in persona con contorno di minaccia di orte per suo.."amico del cuore" Gale, la costringerà a prendere atto che deve recitare. Per tutta la vita. L'unico che non può fingere è Peeta, comunque addolorato per la faccenda. Durante il tour della vittoria però, cominciano ad accadere strane cose. Una scintilla microscopica ha cominciato a bruciare e alcuni tizzoni silenti stanno cominciando a bruciare. Intanto prosegue la recita dei due innamorati che annunciano il loro matrimonio. Ma questo non basta e ciò che sta per accadere ha dell'incredibile. Durante l'annuncio del programma per i 75esimi Hunger Games che rappresentano l'edizione della memoria ( festeggiata ogni 25 anni), per ricordare che anche il forte dei tributi non sarà mai più forte di Capitol City, i trubuti verranno selezionati nientepopodienoche: dai vincitori. questo significa solo una cosa: Katniss tornerà nell'arena di nuovo, e nel momento in cui fra il menotre Hymitch e Peeta, viene sorteggiato Hymitch, Peeta corre ad offrirsi volontario e la storia si ripete. In ...

Hunger games (Suzanne Collins) 01/10/2015

La scintilla del cambiamento

Hunger games (Suzanne Collins) In previsione dell'uscita al cinema a Novembre dell'ultimo film Hunger games ho deciso di prendere in mano i libri. Un po' per curiosità e un po' per confrontare l'opera cinematografica e quella letteraria. In un limbo post apocalittico sospeso fra la tecnologia e il medioevo, lo stato di Panem è suddiviso in 12 distretti. Prima erano 13 ma dopo una rivolta il 13esimo è stato distrutto. Capitale di pane è Capitol City, dove la tecnologia e il futuro hanno la massima espansione. Panem controlla tutto da lì. E per ricordare a tutta la popolazione che le ribellioni provocano solo morti e fame, ogni anno si organizzano gli Hunger games, i giochi della fame, in cui vengono sorteggiati due tributi ( un maschio e una femmina) per ogni distretto. I 24 tributi verranno poi spostati in un'arena in cui dovranno lottare fra loro uccidendosi a vicenda e solo uno potrà vincere. Katniss Ererteen la protagonista della storia, parteciperà agli Hunger Games offrendosi volontaria al posto di sua sorella minore Prim di soli 12 anni, e la sua situaizone peggiorerà quando verrà sorteggiato il tributo maschio: Peeta Mellark, che in passato le ha salvato la vita gettandole del pane, quando lei stava praticamente morendo di fame. In una società controllata in tutto e per tutto, dove la libertà di espressione, di azione, e di pensiero sono praticamente morte, gli Hunger Games rappresentano l'ennesima forma di controllo da parte di Capitol City e "starci dentro" per Katniss significa prenderne ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra