Condividi questa pagina su

rosso Status rosso (Livello 5/10)

Lipo

Lipo

Autori che si fidano di me: 70 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Ogni tanto si ritorna :) -- Scusate se non ho risposto a commenti o messaggi, ma mi sono dimenticato di aggiornare l'email... Adesso rispondo :)

Opinioni scritte

dal 09/10/2000

125

Dikom RW 37 in 1 Lettore Schede & Sim 06/10/2007

Gestire Dati, Rubrica e SMS a meno di 10€

Dikom RW 37 in 1 Lettore Schede & Sim La Dikom RW-37in1 permette di leggere e scrivere su diversi tipi di schede flash, tra cui anche le SIM dei cellulari. E' un accessorio molto utile, prodotto italiano, ma con qualche difetto non trascurabile. Visto il basso prezzo è comunque consigliabile. Andiamo nel dettaglio: nell'opinione cercherò di rispondere alle seguenti domande di base: 1 - Di che si tratta in particolare? 2 - Che vantaggi ha rispetto a prodotti simili? 3 - Cosa ha di negativo? 4 - Quali sono le caratteristiche tecniche? Se avete altre domande non esitate a lasciarle nei commenti! --------------- --------------- - 1- DI CHE SI TRATTA --------------- --------------- - Questa penna USB permette di leggere e scrivere su schede flash, cioè di gestire i supporti di memoria ormai onnipresenti nelle fotocamere, nelle videocamere, in alcuni lettori MP3 e ormai anche nella maggior parte di cellulari. La prima caratteristica che salta all'occhio è la compatibilità con le schede SIM, sì avete capito bene, con quelle piccole tesserine che portano trionfanti i loghi di TIM, 3, Wind e Vodafone (o Omnitel per i nostalgici). Per poter usufruire di questa funzionalità è necessario però installare il programma in dotazione (SIM card editor 4.0) che ha una mediocre interfaccia grafica, ma fa quello che deve fare: esportare/importare/modificare dati di rubrica e SMS memorizzati nella SIM. La seconda caratteristica, quella comune a tutti i "card reader", è... beh è ovvio è la possibilità di leggere ...

Canon Powershot A570IS 09/09/2007

Ottima Compatta, Veloce ed Affidabile

Canon Powershot A570IS Dopo aver dovuto abbandonare la mia vecchia fotocamera Kodak, e dopo aver visto brutte esperienze con fotocamere Nikon e Kodak, ho cercato di acquistare una fotocamera compatta veloce, il più versatile possibile e con una buona qualità. Dopo qualche settimana di giri per internet e per negozi ho scelto la Canon Powershot A570IS. Dopo un mese posso garantirvi che sono più che soddisfatto. Nelle prossime parti vi spiego quali sono le caratteristiche che mi hanno fatto optare per questo prodotto. CARATTERIST ICHE SPIEGATE Qui riepilogo le caratteristiche principali di questa fotocamera con una piccola spiegazione. Forse la maggior parte di voi sa già cosa significano i vari parametri, ma per chi vuole approfondire aggiungo una piccola spiegazione. Spero che questo vi spieghi meglio perché ho scelto questa fotocamera rispetto ad altre. Risoluzione CCD: 7.1 Megapixel Effettivi Il CCD è l'elemento elettronico che trasforma i segnali luminosi in dati elettronici (e quindi permette di salvare il file JPG da guardare sul PC). E' formato da una griglia di sensori, ognuno dei quali corrisponde ad un punto colorato, il pixel. Dire che la risoluzione è di 7.1 Mpix significa dire che ci sono più di 7 milioni di sensori. Detto questo, in pratica a cosa ci servono i Mpix? Maggiore è il numero, più sono i particolari che riuscirete a raccogliere con una singola foto. Per questo motivo se avete bisogno di usare la foto come poster da appendere in camera, avete bisogno di tanti ...

Beck's Next 06/05/2007

Più una mossa commerciale che una birra

Beck's Next La Beck's Next? Più una mossa commerciale che una birra, ma andiamo per gradi: --------------- --------------- --------------- -------- IL MIO PARERE "SPASSIONATO" --------------- --------------- --------------- -------- I niziamo da come ce l'aveva presentata la pubblicità: "Sapore morbido". In effetti la Beck's classica (insomma quella che si proclama la birra tedesca numero uno al mondo) ha il gusto un po' amarognolo (cioè che si avvicina di più al gusto di una birra), a differenza di altre marche molto note come ad esempio la Heineken. Probabilmente l'introduzione di questa variante ha lo scopo di aumentare l'offerta e di essere così appetibile ad una maggior fetta di consumatori. In pratica ciò che la distingue dalla notissima Beck's (insomma se vi piace la birra, una volta l'avrete provata per forza una bottiglia da 33 cl. di Becks) è il gusto. Come avrete forse già capito a me questo nuovo gusto non entusiasma affatto, anzi. Ne ho bevute due: una a temperatura ambiente (intorno ai 20°, appena comprata al supermercato) e una fredda di frigo. Un mio piccolo parere: le birre fredde si bevono tutte, ma a temperatura ambiente si riesce a finire solo quelle buone. E la Beck's next è impossibile da bere "calda". Anche la Beck's normale non è un granché, ma quest'altra fa venire il voltastomaco. A temperatura di frigo (cioè intorno ai 4°) va giù senza intoppi, finché non prendi una boccata d'aria e senti il suo sapore "amabile" e ti domandi perché hai speso ...

I fiori blu (Raymond Queneau) 09/08/2006

L'essenza di finocchio e il sogno incrociato

I fiori blu (Raymond Queneau) L'opinione è divisa (come da tradizione) in tre parti. Ad alcuni questo serve per trovare subito cosa gli interessa, ad altri a capire meglio cosa si possono aspettare dalle prossime righe. Alla maggior parte non serve a niente, ma costituisce una simpatica introduzione di un numero ridotto di righe. Se siete dei lettori dovreste sapere che le introduzioni di un numero ridotto di righe fanno piacere. Spero di avervene procurato alquanto. Detto ciò e sottolineando in anticipo, per vostro ulteriore godimento, che nell'edizione che ho comprato non ci sono introduzioni, ecco le tre parti in cui l'opinione è suddivisa: 1) Di che si tratta 2) Chi l'ha scritto 3) L'edizione che ho comprato (Einaudi) --------------- ----------- DI CHE SI TRATTA --------------- ----------- Premetto come al solito il mio odio viscerale per chi racconta la trama nelle opinioni. Poiché non mi odio, non vi racconterò niente. Riuscirò nell'alchimia di farvi capire se vale proprio la pena leggere questo libro? Sì, ne vale proprio la pena. Non vi ho convinto, lo so. Vorrete almeno capire di che si tratta prima di tirar fuori noveuroecinquantaoddioquasiventimilalire, vero? Mi butterò allora, nel tentativo impossibile di descrivere i contorni di un libro surreale, quindi privo di confini. Il libro di apre con il Duca d'Auge che nel milleduecentosessantaquattro sale in cima al torrione del suo castello per considerare la situazione storica. "Ottimo!" diranno i miei piccoli lettori ...

Conversazione in Sicilia (Elio Vittorini) 30/08/2005

LA VITA DI OGNUNO E IL MONDO OFFESO

Conversazione in Sicilia (Elio Vittorini) Strutturerò come al solito questa opinione in parti, ma questa volta non per rendere più facile quella che si cerca. In pratica non vi sarà utile per saltare le parti più noiose, dove parlo di quello che ho provato e saltare ai dati più "tecnici". Mi dispiace, con i libri non ci riesco!! Ecco come ho diviso l'opinione: (1) - ANTEFATTO - il contesto biografico e storico della Conversazione. (2) - ANALISI - un'attenta (per non rovinarvi la lettura) descrizione della trama. (3) - L'EDIZIONE BUR - ovvero quella che ho comprato. --------------- --------------- -------- [1] ANTEFATTO --------------- --------------- -------- Siamo nel 1941 a Milano. Vittorini pubblica un libro (in gestazione dal 1937) che diventerà pietra miliare della letteratura italiana. Siamo nel 2005 a Roma. Mauro (cioè... io) capita per sbaglio nella libreria della stazione Termini e sacrifica i soldi della cena (sette e cinquanta!) per comprare il libro scritto 64 anni prima. La scelta del libro però non è stata casuale: come dimostra l'opinione precedente ho già avuto un rapporto molto intimo con l'autore, per la precisione con il suo "Uomini e no". Era passato giusto un mese dalla lettura di quella stupenda opera d'arte e a rivedere il nome "Elio Vittorini" sullo scaffale... beh... qualcosa mi sussultò in grembo (probabilmente era la fame per aver saltato la cena, ma mai sottovalutare sussulti in grembo! La storia insegna!). A dire il vero siamo rimasti una decina di minuti a ...

Uomini e no (Elio Vittorini) 18/07/2005

PARLA ANCHE DI ME

Uomini e no (Elio Vittorini) --------------- --------------- ----- DI CHE SI TRATTA --------------- --------------- ----- UOMINI E NO (1945) Di Elio Vittorini (1908-1966) Edizione Oscar mondatori (7,40€) Romanzo incentrato sulla figura di Enne 2, partigiano nella Resistenza di Milano del 1944. --------------- --------------- ----- COSA NE PENSO --------------- --------------- ----- Surreale, sembra che tutto ciò che si legge sia solo una favola, o peggio, una storia di paura da raccontare intorno al fuoco. Tipo le streghe che mangiano i bambini, o gli animali che parlano. In effetti anche in questo libro gli animali parlano, anche in questo libro c'è un uomo che viene mangiato. Ma è tutto così reale, tutto così maledettamente reale!!! Elio Vittorini scrisse questo libro nell'autunno del 1944, in piena Resistenza (quella con la R maiuscola), mentre era nascosto in montagna perché ricercato dai tedeschi. Ha 36 anni mentre scrive e non scrive di luoghi incantati: se ad esempio scrive di San Vittore, se scrive di quello che avviene nel carcere di Milano, è perché lui era stato in quel carcere, per ben tre mesi… E' indubbiamente un romanzo vissuto, un romanzo vero, ma è allo stesso tempo un romanzo dove i cani parlano. Anzi tutto parla. Tutto parla nella Milano martoriata del 1944, parlano i cani, parlano i morti, parlano le persone che tacciono. Tutto parla. E tutto tace, perché non c'è bisogno di dire nulla se intorno a te tutto già parla da sé. E tutto porta l'uomo a pesanti ...

Delonghi DAP 70 04/05/2005

SE TI IRRITA DOVER RESPIRARE..

Delonghi DAP 70 Siete allergici? Vi danno fastidio le tanto temute polveri sottili? Vi svegliate con gli occhi gonfi e il naso chiuso? Può darsi che un purificatore d'aria come questo vi possa aiutare un pochino... come al solito vi divido l'opinione in parti per aiutare la lettura: --------------- - CHE È --------------- - Si tratta di un sistema di filtraggio dell'aria a tre livelli (prefiltro lavabile, filtro HEPA, filtro a carboni attivi) con possibilità di ionizzazione negativa dell'aria. È adatto ad ambienti fino a 25 mq, ma esiste anche la versione DAP 130 per ambienti fino a 45mq. --------------- - I FILTRI --------------- - L'aria viene forzata a passare attraverso tre stadi di filtrazione per eliminare le sostanze in sospensione e gli odori. Il primo è un filtro molto grossolano che blocca le particelle più grosse di polvere. È costituito da una sottile spugna che si può (anzi si dovrebbe) lavare periodicamente e riutilizzare. Il secondo filtro (HEPA) è più importante. È costituito da un foglio simile alla carta posto a zig-zag in modo da offrire la maggiore superficie utile al passaggio dell'aria. Grazie alle microfibre sintetiche lavorate insieme alla cellulosa è capace di fermare particelle piccole fino a 0,1 micron (cioè un decimillionesimo di metro). In pratica è capace di eliminare dall'aria le famose PM10 (polveri sottili) che dicono facciano tanto male.. È quindi molto indicato per chi è allergico alla polvere, ma anche ai pollini. Il terzo filtro è ai ...

HD Health v2.1 17/02/2005

Ricordati che Deve Morire (l'HD..)

HD Health v2.1 Se siete qua a leggere questa opinione sarete seduti davanti ad una di quelle macchine infernali chiamate Personal Computer.. malvagi condensati di componenti in grado di rompersi proprio quando meno te lo aspetti, magari proprio il giorno prima di consegnare una tesi, o di finire a scrivere il libro della propria vita.. Nella mia piccola esperienza ho notato che i responsabili maggiori di crash totali (cioè quelli per cui il pc diventa praticamente inutilizzabile) sono la scheda madre (processore incluso) e l’Hard Disk(disco fisso, indicato come HD). La rottura di quest’ultimo è quanto di peggio ci si possa augurare, visto che potrebbe comportare la perdita permanente dei propri dati. In questa opinione tratterò di un utilissimo programma che permette di evitare di bestemmiare in turco quando è ora di gettare nella spazzatura il proprio disco fisso. Come al solito divido il tutto in tre parti: 1) DI CHE SI TRATTA (breve spiegazione) 2) S.M.A.R.T. e T.E.C. (come interpretare i dati ricevuti dal Programma) 3) VARIE ED EVENTUALI (altre caratteristiche, dove prendere il programma e un po’ di commenti) --------------- --------------- --- DI CHE SI TRATTA --------------- --------------- --- L’HDD Health è un programma della panterasoft con licenza freeware (quindi totalmente gratuito) che va a leggere i dati della S.M.A.R.T. (Self Monitoring and Reporting Technology) che tutti i nuovi dischi fissi possiedono. Tramite l’analisi di queste statistiche (di cui ...

Pecorino di Norcia di caseificio 15/01/2005

Quel "Pizzicorino" che fa Godere tutti i Sensi

Pecorino di Norcia di caseificio Nello splendido scenario dell’Umbria, a ridosso del confine con le Marche, ci sono dei paesi che riescono ad appagare tutti i sensi. Uno dei più caratteristici è proprio Norcia, splendida cittadina famosa per il tartufo e per i buonissimi insaccati (la norcineria appunto). La produzione di formaggio pecorino è un po’ meno conosciuta, ma rappresenta sicuramente uno dei punti di pregio più alti della gastronomia locale. Bella introduzione, eh? Però andiamo per gradi, un punto alla volta, con la calma e la tranquillità che queste terre ispirano, e che nel passato hanno ispirato la santità di uno dei più grandi santi di tutti i tempi: San Benedetto da Norcia appunto (ok, ho esagerato.. però ditemi che non è un’introduzione meravigliosa..) Ecco come è strutturata l’opinione: 1) LA ZONA DI PRODUZIONE 2) IL PECORINO DI NORCIA 3) ABBINAMENTI IMPERDIBILI --------------- --------------- --------------- ----- LA ZONA DI PRODUZIONE --------------- --------------- --------------- ----- Non è un caso che quando un prodotto è particolarmente pregiato viene premiato con una sigla (DOC, DOP) che ne attesta l’origine. I sapori sono sempre stati frutto della terra da dove nascono. Non si tratta di una semplice combinazione chimica di aria, terra e sole, bensì di un’alchimia ben più vasta che attinge anche dalla storia, dalla cultura, dalle tradizioni. Il modo migliore per gustare al meglio un prodotto è quindi quello di conoscere dove viene prodotto, vedere come vengono ...

2004 Dicembre 08/01/2005

COMPRARE ONLINE NEGLI USA

2004 Dicembre Il dollaro sta risalendo sopra i suoi minimi storici (1,36$ per 1€ di un mese fa), ma ancora 100$ valgono meno di 80€ e spesso vedendo i prezzi sui negozi online si può pensare quanto siano più economici rispetto ai nostri ormai costosissimi negozi. Risparmiare una cinquantina di euro non fa male a nessuno credo e quindi se siete in vena di acquisti tecnologici, musicali o particolari, è giusto che vi venga il dubbio: e se lo comprassi oltre oceano? Prima di procedere alla transazione online, magari con la vostra PostePay, dovete però stare attenti ad alcune cose fondamentali (molte di queste si applicano anche agli acquisti via ebay). Prendiamo ad esempio l’acquisto di 100$ di merce. Quanto la pagherete in verità in euro? 1) PRIMA CONVERSIONE: iniziamo dalla parte più bella. Prendete una calcolatrice in mano e dividete i 100$ per il tasso di conversione eurusd (lo trovate ad esempio su it.finance.yahoo.com). Ad esempio oggi è attestato intorno ai 1.30, quindi avete 77€. È una cifra indicativa, dipende anche dal tipo di pagamento scelto, ma il valore effettivo non si discosterà di molto. Questi sono i soldini che intascherà il negoziante. 2) SPESE DI SPEDIZIONE: Dipende da tanti fattori: se viene spedita via corriere o via posta, se sarà assicurata oppure no, dalla grandezza del pacco. Se ad esempio il pacco è piccolo quanto una videocassetta e non si supera i due etti di peso di può andare da 10$ a 40$. Il primo prezzo è per una spedizione non assicurata via ...

Love Supreme (Digitally Remastered) - John Coltrane 09/12/2004

TENSIONE VERSO IL SUPREMO AMORE

Love Supreme (Digitally Remastered) - John Coltrane Un’orazione a Dio, una preghiera sentita e intensa verso l’amore più elevato che si può provare: verso l’assoluto. John Coltrane(1926-1967) è un sassofonista chiave nella storia del jazz. La personalità estremamente razionale, ma allo stesso avida di spiritualità e di voglia di sperimentare, unità al caratteristico suono e alla capacità di esprimersi sia in intricati soli in tempi velocissimi che in efficaci linee melodiche nello slow time sono alcune delle caratteristiche peculiari che gli hanno meritato un posto d’onore nel Pantheon dei musicisti afroamericani. Non sto a trattare tutta la vita di Coltrane perché voglio soffermarmi proprio su quest’opera, con alcuni cenni di come sia arrivata al suo genio. La crescita artistica vicino a giganti del calibro di Davis e Monk furono ottimo concime su quel terreno fertile che era la sua voglia di comprendere i meccanismi che regolano il suono, al di fuori della tipica armonia europea e quindi americana. Inoltre la stessa discriminazione razziale e il giusto disgusto che si provava verso la cultura dominante bianca lo spinsero verso una concezione di qualcosa di universale, sia nella musica che nella spiritualità. Raggiunse una religione che non si fermava ad un’unica confessione, bensì lui stesso affermava di credere in tutte le religioni, anche se nella realtà si avvicinò molto di più a quelle orientali, l’indiana principalmente. Già nell’album Giant Steps (1960) egli vide un segno di Dio nella scoperta armonica ...

Sorryeverybody.com 06/12/2004

GUARDATELI IN FACCIA: SONO UMANI !!

Sorryeverybody.com L’America (quella grossa con tante stelline e le strisce biancorosse) si scusa. Beh, non tutta, secondo questo sito solo il 49%. Ma almeno si scusa e dimostra di essere a conoscenza dell’esistenza del resto del mondo.. niente male, eh? Questo piccolo e modesto sito internet infatti si appella proprio a noi, “the citizens of the rest of the world”. E potrete trovare tante foto di statunitensi affranti e ritratti con un cartello scritto di proprio pugno. L’ideatore del sito apre la pagina principale con un foglio di quaderno, un mondo disegnato e la scritta “Scusa mondo (ci abbiamo provato) – il resto dell’America”. È da notare anche la traduzione di “sorry” in italiano: spiacente. Niente da dire si sono proprio impegnati! Talmente impegnati da iniziare a produrci un libro e talmente convincenti da suscitare una risposta dal resto del mondo!! Forse sto andando troppo veloce: manca ancora l’essenziale.. vi sarete domandati: “ma di che si scusano questi qua?”. Non mi dite che non l’avete ancora capito!! È pur vero che è passato un mese, è pur vero che i traumi si rimuovono.. ma non ricordate la rielezione di Giorgdabbliù (non scrivo la doppiavù altrimenti sembra di scrivere Viva!...un po’ fuori luogo)?!?!? Eggià! Quel piccolo 49% di americani che si rende conto di che macchina (difettosa) da guerra, di che marionetta, di che avido e freddo personaggio hanno messo a capo dell’esercito più potente del pianeta.. quella piccola percentuale ha ritenuto necessario farci ...

Multiplex Pathè (8 Gallery) 24/11/2004

IL GALLO MALEDUCATO

Multiplex Pathè (8 Gallery) Il Pathè Multiplex è un cinema multisala di Torino che si trova all’interno del Centro Commerciale “8 Gallery”, ex fabbrica Fiat del Lingotto. È uno dei più grossi di Torino, contiene 11 sale di cui una molto grande (700 posti) e altre sale da 300/400 posti. Appena arrivati fa sicuramente una gran bella impressione. Tutto il pavimento di tessuto rosso, un enorme simbolo del fumetto con scritto Pathè! rotea di fianco alla biglietteria, sopra la quale tre bellissimi schermi al plasma segnalano i posti rimanenti nelle varie sale. Sale nelle quali ovviamente vengono proiettate tutte le nuovissime produzioni. Si inizia a storcere la bocca ovviamente quando si vedono i prezzi: intero 7,50€, ridotto (bambini,anziani,studenti) 6€, oppure 8€ per le anteprime del sabato notte… Lo so, lo so, sono prezzi normali.. attualmente è normale spendere 7,50€ (quindicimilalire?!?!?) per due ore di film. Così ci si rassegna facilmente, si scende al piano di sotto con la scala mobile e si è pronti per essere fagocitati dalle tentazioni dell’attesa: un cafè e un cinema fast-food (con i menu dove al posto dei panini ci sono i pop-corn… vedendo i prezzi dei quali ci si domanda di che prodigiosa sostanza esotica debbano essere composti per arrivare a spendere anche 12 euro per un menu gigante con una cocacola! Forse lo fanno per far apparire il prezzo del biglietto meno caro..). Una volta terminata l’attesa in questo atrio (sempre rigorosamente tutto tappezzato di rosso), una volta ...

Autoricarica Ricevi Super 23/11/2004

SI PUO' SPENDERE ANCHE SOLO 5 cent/minuto!

Autoricarica Ricevi Super ----------- CHE È? ----------- Autoricarica Ricevi Super è un nuovo piano tariffario ricaricabile della Vodafone al quale si può passare gratuitamente fino al 30 novembre 2004 (dopo costerà addirittura 7€!!). Basta andare su 190.it oppure telefonando al 190 (da un numero Vodafone o un fisso, altrimenti si paga!) --------------- --------------- -------------- ANDIAMO SUBITO AL SODO! --------------- --------------- -------------- Di che si tratta? Una tariffa molto semplice: 0,19 €/min + 0,15€ alla risposta verso tutti i telefoni italiani. SMS 0,15€. Esiste sempre l’opzione You&Me, che permette di parlare ad un unico numero a 0,07€/min + 0,15€ alla risposta. Fin qui è uguale a tutti gli altri piani SUPER (Chiama, Ricevi, SMS), ma la particolarità sta nella ricarica di 1 € ogni 20 minuti di chiamate ricevute. Il che corrisponde (sempre se arrivate a 20 minuti o multipli) ad una ricarica di 0,05€ al minuto… Ovviamente esiste un massimo: non si può ricevere più di 10€ per mese solare. --------------- ---------- A CHI CONVIENE --------------- ---------- Ovviamente conviene a chi fa poche telefonate e ne riceve molte. Se si ricevono 200 minuti di telefonate al mese (quindi ci si ricarica di 10€) e si spende meno di 10€ tra telefonate ed SMS ovviamente si può andare avanti in eterno senza ricaricare, o meglio con una ricarica minima di 5€ ogni anno per rinnovare la validità della scheda. C’è un altro caso in cui conviene molto. Se si parla ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra