Condividi questa pagina su

verde Status verde (Livello 2/10)

Lysander

Lysander

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 25/07/2007

56

Montorfano De Filippo Franciacorta BRUT D.O.C.G. 09/05/2012

Bevi Franciacorta e non sbagli mai

Montorfano De Filippo Franciacorta BRUT D.O.C.G. Il vino che voglio suggerirvi stavolta si tratta di uno spumante prodotto in Lombardia, più precisamente in Franciacorta, nota zona a sud del lago d'Iseo (BS) dove vengono prodotti gli ottimi vini omonimi, spumanti e non. Dire Franciacorta è sinonimo di qualità, come dire Champagne. L'ho trovato casualmente in un Discount della catena In's. Fa ridere andare a comprare un vino simile in un discount, ma è così. E tra l'altro l'ho trovato scontato a 5,99 euro, anzichè 7,69 euro. Vuoi non provarlo? La bottiglia si presenta bella pesante, come da tradizione degli spumanti di pregio metodo champenoise dove la fermentazione avviene in bottiglia: l'etichetta forse è anche fin troppo semplice, poche informazioni sull'abbinamento su quella sul retro oltre all'indicazione della sede della cantina e al marchietto del consorzio Franciacorta, ma quello che conta è il sigillo DOCG sul collo con la numerazione progressiva, a garanzia del rispetto del disciplinare del 1995 e, ovviamente, il prezioso contenuto. La fermentazione completa avviene per 18 mesi in bottiglia dopo una prima fermentazione. In totale dalla vendemmia il Franciacorta è pronto per la commercializzazione dopo due anni: ciò giustifica in parte anche il prezzo solitamente più alto di altri vini metodo classico. Le uve di origine sono Chardonnay e Pinot nero solitamente, ma il disciplinare consente l'utilizzo di Pinot Bianco fino al 50% per la produzione del Franciacorta Brut DOCG. Tolta la stagnola trovo una simpatica ...

TDK EB 100 Cuffie 07/05/2012

...e finalmente dei bassi potenti.

TDK EB 100 Cuffie Una breve recensione per questa coppia di auricolari della TDK. Ascoltando musica durante la giornata al lavoro, per ovviare al fastidio dei macchinari e alle chiacchiere dei colleghi, praticamente consumo diversi auricolari all'anno. Più che altro è il solito cavetto che si impiglia e alla fine uno dei due auricolari non funziona più. Dopo che anche gli ultimi hanno fatto la fine degli altri, trovo questa coppia di auricolari in un punto vendita Mercatone Uno e decido di acquistarli. Ho un vecchio lettore MP3/radio della Philips, non proprio un campione di potenza (va bene: preserva l'udito, ma con certi MP3 il rumore intorno è superiore al suono emesso dalle cuffie) e sono rimasto impressionato dalla potenza sonora. Nulla di esplosivo, ma non ho mai abbassato il volume, se sono al lavoro, con altri auricolari. So che solitamente le cuffie hanno un impedenza intorno ai 22/20 Ohm. Queste hanno 16 Ohm di impedenza, che tradotto "in soldoni" significa che a parità di potenza dell'apparecchio emettono un suono più forte rispetto a quelle con impedenza più alta. La tecnologia Bass Boost permette una riproduzione fedele dei bassi, anche se poi in gran parte dipende da come si adattano al vostro orecchio. A me stanno abbastanza bene: altri cascavano più facilmente. La risposta in frequenza è compresa tra i 100 ed i 18.000 Hz: direi un discreto range. Io ascolto prevalentemente del Death Metal ed il risultato è veramente soddisfacente. Difetti? Il cavetto è rivestito in un ...

Iridium - Empty Tremor 17/02/2012

Italiani maestri nel progressive

Iridium - Empty Tremor Rilasciato nel 2010, Iridium è l'album più recente della band ravennate Empty Tremor, nota nell'ambiente delle band metal progressive. Che dire innanzitutto: bella la copertina con il suo mix fra un'iride e il globo terrestre. A quanto ne so in realtà l'iride centra poco in quanto nel titolo si fa riferimento all'iridio, l'elemento chimico. Ad un primo ascolto trovo molto presenti i Dream Theater di Falling into infinity: lo ricorda soprattutto lo stile del batterista, ottimo, preciso, potente e le tastiere: lo stile mi ricorda molto Derek Sherinian, anche nell'uso dei suoni. La voce solista potrebbe ispirarsi vagamente a Geoff Tate dei Queensryche, ma ha una sua personalità: è riduttivo accostarla idealmente ad un gruppo prog piuttosto che un altro.. volendo si potrebbero trovare anche similitudini con lo stile che aveva Alex Baroni. I Symphony X si sentono soprattutto nei cori, ben strutturati e molto belli come risultato finale. I richiami a Malmsteen dei lavori precedenti, non li ritrovo molto in questo album. SI può comunque definire un disco tipicamente italiano: per quello che ho sentito, vi è una certa raffinatezza come negli album dei Labyrinth, Vision Divine e Secret Sphere. Devo dire che qui però ci si è attenuti di più ad una melodia pulita, non facendo utilizzo di blast beat, effetti pesanti sulla voce o voci in growl, cosa che ho sentito sporadicamente in alcuni brani delle band citate. E' un album molto equilibrato dove se da un lato qualcuno potrebbe ...

Apocolokyntosys - Empty Tremor 12/02/2012

Progressive Metal (e non solo) Italiano 100%

Apocolokyntosys - Empty Tremor L'esordio degli Empty Tremor, band originaria di Ravenna, si concretizza con Apocolokyntosys, un disco che come tutti i primi lavori potrebbe soffrire di una certa "imperfezione": capita a tutti anche ai Dream Theater. "L'imperfezione" che intendo è relativa alla composizione dei brani e se ascoltate i lavori successivi capite cosa intendo: questo buon disco è solo l'antipasto di quello che gli Empty Tremor potranno esprimere. Tecnicamente come disco è molto buono, sia come mastering che come esecuzione e le tastiere risultano in particolare evidenza. Ciò è dovuto al fatto che Daniele Liverani, l'allora tastierista e mastermind del gruppo, aveva molta più esperienza del resto del gruppo, formato da giovani promettenti, ma con meno anni sulle spalle. Non diversa la cosa dagli attuali Dream Theater, dove Jordan Rudess è nettamente più vecchio dei restanti membri (circa 10 anni). Lo stile ricorda molto il progressive à la Fates Warning, Symphony X e Pain of Salvation (di cui più o meno sono contemporanei), con la raffinatezza tipica dei gruppi metal italiani (Labyrinth, Secret Sphere, Vision Divine...). Le canzoni sono piuttosto lunghe, come da clichè progressive e ancora non vi è quel giusto equilibrio, come dire "un gruppo all'esordio solitamente nell'enfasi della produzione di un album tende ad eccedere piuttosto che centellinare". Non si sente molto l'influenza dei Dream Theater a mio avviso, se non in certi passaggi di batteria a mio avviso, anche se li accosterei più ai ...

Cantina Storica il Montù Vie del Canto Iperal Pinot Spumante Oltrepò Pavese DOC 31/12/2011

Ottimo spumante

Cantina Storica il Montù Vie del Canto Iperal Pinot Spumante Oltrepò Pavese DOC Amo da sempre, anche per un filo di campanilismo, gli spumanti lombardi, siano essi Oltrepò Pavese o Franciacorta. Il prodotto di cui voglio parlarvi è venduto sia con il marchio del produttore, lòa cantina storica di Montù Beccaria (PV) che come Vie del Canto, marchio venduto dalla catena Iperal. Io recensisco quest'ultima versione. Il prezzo della bottiglia è di 3,99 euro, che per uno spumante DOC da supermercato è in linea con la concorrenza. L'ho provato più per il prezzo che non per altro: conoscevo già la cantina di Montù Beccaria, che produce rossi notevoli, ma non avevo mai provato un loro spumante. Incuriosito dalla dicitura "Metodo Martinotti"*, convinto dal prezzo e dal tipo di vitigno, 100% Pinot Nero che solitamente apprezzo molto, lo porto a casa. A dire la verità la degustazione non è stata proprio il massimo: sono tornato a casa dopo le ultime spese verso le 3 del pomeriggio non avendo mangiato e non volendo accompagnare ai funghi sottolio, al prosciutto e al gorgonzola, la birra calda appena comprata, abbiamo deciso di aprire la bottiglia. Il botto degno dell'ultimo dell'anno ha liberato una effervescente spuma, fortunatamente raccolta tutta nel bicchiere. Il colore è molto chiaro, tendente lievemente al verdognolo, ma molto lieve: un perlage persistente, ma non invasivo. Molta spuma e un gusto molto equilibrato, leggermente "salino". Non sono Paolo Lauciani e quindi non mi cimento in "ricorda la mela Golden o l'ananas", anche se in effetti l'idea è ...

Beko DPU 8360 X 23/12/2011

Asciuga molto e consuma relativamente poco

Beko DPU 8360 X Dopo la lavatrice recensita qualche mese fa, ora vi dico la mia sull'asciugatrice appena comprata: una BEKO DPU8360X. (Da Wikipedia): Presente fin dal 1955, anno di fondazione della Arçelik, Beko è il marchio internazionale e più conosciuto degli elettrodomestici prodotti dall'azienda turca. Io l'ho scoperto solo da pochi mesi, cioè da quando ho iniziato a vagliare le alternative per acquistare un'asciugatrice. Il modello in questione ha capacità 8 Kg, tecnologia a Pompa di Calore e possibilità di allacciamento alla rete di scarico della casa oppure di raccogliere l'acqua in un contenitore. Uno sguardo ai dati tecnici. -Tecnologia: Pompa di calore -Consumo per ciclo cotone a pieno carico: 2,68 KWh -Consumo istantaneo in Watt: 900 -Peso: 49 Kg -Misure HxLxP: 84,6x59,5x59,8 -Display retroilluminato. -Programmi principali: Cotone (stiro, armadio, extra), Sintetici (stiro, armadio) -Programmi aggiuntivi: Express 1 Kg/45 min, Camicie, Jeans, Misti, Sport, Quotidiano, Tessuti Bambino, Delicati, Ventilazione a freddo, Ventilazione a freddo Lana. -Programmi a tempo: asciugatura a bassa temperatura con durata variabile da 10 a 160 minuti. -Luce interna. -Cicalino a fine programma -Sistema antigrinze. -Partenza ritardata 24 ore -2 stadi di filtrazione della lanugine e pelucchi -Blocco bambini L'uso è molto semplice: dopo aver premuto il tasto on/off (si accende la luce interna) si pone la biancheria da asciugare. Si seleziona il programma tramite manopola: a questo punto il ...

Sony Micro Vault 4 GB 17/12/2011

Design e qualità by Sony

Sony Micro Vault 4 GB Non avrò molto da dire su questo semplice dispositivo di archivio dati, ma lo possiedo e non essendoci un'opinione al riguardo... Dunque: ero alla ricerca di una chiavetta USB per fare alcuni esperimenti, tra i quali creare un dispositivo che in alternativa ad un cd di installazione, mi consentisse di avviare un programma per installare un sistema operativo. Ho sentito che molte chiavette creano problemi: ero nel dubbio se fosse un problema di hardware o incompetenza degli utilizzatori. Nel megastore in cui mi sono recato vi era una vasta scelta e nonostante vi fossero svariate offerte con prodotti che costavano la metà della chiavetta Sony, ho scelto quest'ultima in quanto ho fatto un semplice ragionamento che finora non mi ha mai tradito riguardo alle produzioni asiatiche: preferire nell'ordine Giappone, Corea, Taiwan e per ultime Hong Kong e Cina. La chiavetta in questione è prodotta in Taiwan e quindi fra quelle sotto i dieci euro me l'ha fatta preferire ad altre. Il design è curato, molto gradevole ed elegante e la qualità della plastica è buona. Ottimo il meccanismo di scorrimento del connettore usb. Capacità 4 GB. All'inserimento viene riconosciuta subito senza problemi dal pc. La velocità di trasferimento è buona: apparentemente digerisce ogni tipo di file, anche se a dire la verità durante un trasferimento di prova di una cartella di file mp3 da circa 3,5 GB il processo si è interrotto. Potrebbe anche essere dovuto alle connessioni frontali del case ormai un po' ...

Cobra auricolare stereo anatomici CS8 22/11/2011

Volume basso, ma suono pulito

Cobra auricolare stereo anatomici CS8 Ciao a tutti. Stavolta vi voglio parlare degli auricolari Cobra CS8, un modello estremamente economico. Pagati da Euronics 3,90 euro. Li valgono tutti... ma vediamo meglio in dettaglio. Specifiche (da sito produttore): Audio stereo Magnete Ø 15 mm mylar Impedenza d'uscita 32 Ohm Risposta in frequenza 20 ÷ 20.000 Hz Sensibilità 98 dB Max potenza d'ingresso 60 mW Spinotto jack 3,5 mm stereo dorato Cavo 1,1 m Peso (escluso cavo) 7 g Innanzitutto, nonostante vengano dichiarati come anatomici, non stanno molto bene al loro posto e quindi tendono a scendere, anche solo muovendo un poco la testa. L'isolamento dall'esterno è veramente minimo, tanto che ascoltando del death metal riuscivo a parlare tranquillamente con chi avevo di fronte (sorgente audio lettore mp3 Philips). Il cavetto gemellato non presenta il classico fermo per evitare che si separi oltre il dovuto: una volta separato fino al punto giusto (per dare un minimo di indipendenza agli auricolari tra di loro) ho dovuto fare un nodo. Lavorando su delle macchine da falegnameria praticamente sono inservibili. Il mio problema è che praticamente gli auricolari li "divoro": è sufficiente che un cavetto si impigli in una maniglia o altro (ovviamente nulla in movimento tipo mandrini o lame circolari.. il cavetto è ben protetto dagli abiti, ma è sufficiente che si impigli quel poco che sporge dalla tasca dei pantaloni e alè.. cavetto danneggiato) per far sì che io non senta più nulla. Quindi per forza cerco materiale a costo ...

Varo Power Plus Pow X015 09/11/2011

Trapano a batteria potente ed economico

Varo Power Plus Pow X015 Possiedo questo elettroutensile da quasi un anno. Sono sempre stato restio verso i trapani a batteria in quanto come tutti gli apparecchi cordless (si pensi agli avvitatori elettrici e gli aspirapolveri di piccole dimensioni) ho sempre avuto dei dubbi riguardo l'usura delle batterie. Il mio utilizzo è abbastanza intermittente, giusto in occasione di un trasloco ed il relativo montaggio di pensili e specchi oppure di una riparazione con fori da fare. Infatti il mio fido black&decker del 1991 ce l'ho tuttora in piena efficienza. Tuttavia in occasione dell'ultimo trasloco avevo necessità di montare la cucina e gli specchi del bagno, ma non avevo ancora avuto l'allacciamento all'enel. Quindi mi sono recato nei punti vendita vicino a casa per cercarne uno a batteria con funzione percussione per forare nei muri. I prodotti non mancano, ma i prezzi non sono proprio accessibilissimi: o meglio i prodotti proposti mi sembravano comunque un acquisto impegnativo. Ho visto buttare via molti di questi avvitatori cordless solo perchè la batteria non teneva più e non mi andava assolutamente di ripetere l'errore di altri. Un po' sconsolato vado comunque al Carrefour per la solita spesa e girando nel reparto fai da te mi trovo davanti questa voluminosa e pesante scatola contenente una valigetta in materiale plastico con all'interno un grosso trapano a batteria, una batteria di scorta, un'impugnatura supplementare e un caricabatterie rapido con indicazione di carica avvenuta. Il tutto ad un ...

Drammatica alluvione in Liguria. L'ennesima tragedia annunciata? 05/11/2011

Tragedia annunciata non una, ma più volte: indegno.

Drammatica alluvione in Liguria. L'ennesima tragedia annunciata? A guardare le immagini, a volte in modo morboso comodamente seduti in poltrona, si rimane senza parole. A sentire i commenti dei giornalisti anche. Si prova a immaginare quello che significa fare i conti con una simile devastazione. E alla fine rimane sempre da attribuire una responsabilità ad una o poche persone ben precise. Ma è davvero così? Per prima cosa ci si pone la domanda: "Si poteva evitare?" I morti sì, il disastro no, soprattutto per il secondo evento alluvionale a Genova. La Liguria, con la sua morfologia, è soggetta, come peraltro il meridione italiano, a disastri di questa portata. Mare e montagna così vicini significa automaticamente ruscelli e torrenti ingrossati dalle piogge che scaricano direttamente a mare senza filtro alcuno (un lago, una pianura dove perdono velocità). Purtroppo, come viene enfatizzato ormai ad ogni evento di questo tipo, le cause dello scempio sono naturali e umane. Cause naturali ovviamente le precipitazioni che innescano tali fenomeni: è assolutamente naturale che a seguito di giorni di pioggia intensa un bacino imbrifero scarichi tutto nell'asta principale di fondo valle. E' normale che ci sia anche qualche smottamento di terreno (per citare un evento estremo: quale causa di natura umana ha generato la frana in Valtellina del 1987 che ha sbarrato il fiume, il quale dopo 24 anni scorre ancora nella galleria di bypass?). Non è normale invece che una pianificazione fatta male abbia consentito di edificare in prossimità di potenziali ...

Carrefour Home CHB400S-11 03/11/2011

Frullla, trita e monta: costa poco ed è fatto bene.

Carrefour Home CHB400S-11 Questo piccolo elettrodomestico che vado a recensire l'ho appena regalato a mia madre, che cercava un frullatore tritatutto per fare pesto, macinare carne e simili, in piccole quantità. Il suo vecchio Simac e il piccolo Amstrad avevano detto basta (ad uno si è rotto il giunto trascinatore, mentre l'altro si è proprio fuso) e quindi ho dovuto cercare un sostituto. Il minipimer (a.k.a. frullatore ad immersione) in casa nostra non c'è mai stato: mai avuto bisogno e sinceramente è un prodotto che non ho mai preso in considerazione, ma l'altro giorno al Carrefour ho notato questo frullatore al prezzo di 19,90 euro. Un normale frullatore ad immersione della potenza di ben 400 W, due velocità, dotato di sbattitore interamente in acciaio inox (il classico stelo del minipimer) per frullare frutta e verdura direttamente nel recipiente, tritatutto con lame in acciaio inox e recipiente abbastanza capiente, frusta per montare albumi, sempre in acciaio inox. Nel corredo vi è anche una caraffa trasparente in plastica da 700 ml ed un supporto per appendere il frullatore al muro. Le due velocità sono appropriate perlopiù per lo sbattitore e la frusta: per il tritatutto è un po' lento, ma la potenza consente di lavorare comunque agevolmente. Il frullatore si assembla e si pulisce con facilità. Mia madre lo usa spesso per fare della tartare di carne: poche pressioni del tasto "II" e la carne è tritata. Certo, non come un tritacarne, ma è tagliuzzata bene. Allo stesso modo si preparano verdure ...

DamatoMacchine DM2 Aspiratore 01/11/2011

Aspira la segatura e non si intasa

DamatoMacchine DM2 Aspiratore Vi voglio parlare di questo prodotto, non propriamente utile a tutti, ma indispensabile per coloro che si dilettano come me anche in piccoli lavoretti di fai da te nel garage di casa. Io lo uso al lavoro, ma mi serve solo come aggiunta al ben più potente aspiratore fisso che abbiamo. Tuttavia grazie a questo ho risolto finalmente anche il problema del sottile polverino che scappa via durante la lavorazione del legno senza dover fare chissà quale impianto aggiuntivo... semplicemente lo sposto nei pressi del macchinario, collocando la bocca di aspirazione nei pressi del punto di emissione della polvere residua. Vi assicuro che il risparmio di tempo per pulire la postazione e il miglior benessere dei miei polmoni sono assicurati (ovviamente mai togliere la mascherina dal viso: un minimo di pulviscolo si produce sempre). Inoltre è comodissima la funzione di aspiratore per pavimento, di cui è dotato. Un minimo di tecnica. Dico innanzitutto che si trova lo stesso modello o comunque veramente simile, marchiato in altro modo: si tratta di un modello dalle specifiche ben collaudate e che l'azienda in questione presumo abbia solo richiesto una particolare verniciatura, il logo sui sacchi e ovviamente le garanzie di sicurezza necessarie per quanto riguarda la parte elettrica. Il modello in questione è un aspiratore dotato di 2 sacchi, dei quali uno funziona esclusivamente come manica di filtraggio (il superiore), il secondo come sacco di raccolta (e filtraggio fino a riempimento). Il ...

Zephir ZMW2010S 31/10/2011

Non esente da difetti

Zephir ZMW2010S Questo Zephir ZMW2010S è un termoconvettore elettrico con 2 livelli di potenza riscaldamento, oltre alla ventilazione, selezionabile tra 1000 o 2000 watt. E' dotato di alette oscillanti o fisse a seconda della selezione della funzione swing. E provvisto di un timer per lo spegnimento ritardato selezionabile tra 30 minuti e 7 ore e mezza, con passi da 30 minuti. E' controllabile sia tramite i pulsanti posti sotto uno sportellino in plastica trasparente oppure tramite il telecomando in dotazione. Ogni funzione è contrassegnata dal corrispondente led posto sul corpo macchina, vicino ai tasti funzione. Difetti principali. Qualità delle plastiche abbastanza scadente, troppo morbide. Essendo un elettrodomestico che lavora anche ad alte temperature, la parte inferiore vicino alla feritoia di uscita dell'aria si deforma alla lunga, così come le alette: mi è capitato di accendere con il telecomando un convettore di questi e trovarmi dopo mezz'ora circa con le alette ancora chiuse, roventi, poichè erano rimaste incastrate. In teoria si dovrebbero aprire automaticamente (c'è un motorino per il movimento) non appena parte la ventola di tipo centrifugo, posta trasversalmente per tutta la lunghezza. E' provvisto di un termostato antisurriscaldamento: ora non so se sia mai entrato in funzione in occasione del guasto. Da allora ho sempre verificato l'apertura delle alette all'avvio. Inoltre tende ad accumulare parecchia polvere al suo interno. L'efficienza di riscaldamento è limitata ...

Billa Acqua Naturale Minimamente Mineralizzata 06/09/2011

Leggera e povera di sodio... per davvero.

Billa Acqua Naturale Minimamente Mineralizzata Nell'opinione seguente vi voglio parlare di un'acqua minerale naturale che ho scoperto relativamente da poco. Sono sempre alla ricerca di acque piuttosto leggere più che altro per un gusto personale che non per le solite notizie che il sodio fa male etc etc (e poi lo propinano nel Gatorade). Fatto sta che a me piacciono le acque frizzanti e a quanto ho visto meno residuo fisso hanno e più piacevoli sono le bollicine. Sono solito acquistare acque piemontesi, salvo rari casi in cui per esempio un'acqua friulana venduta al discount soddisfaceva le mie richieste. L'acqua è marchiata con il nome della catena (Billa), ma in realtà è commercializzata con il nome Acqua Martina e proviene da Montoso di Bagnolo Piemonte (CN). Come altre acque vicine è realmente molto leggera e vi elenco le caratteristiche salienti. Temperatura alla sorgente 7.5°C Altitudine sorgente 1240 m slm pH alla sorgente 7.1 Residuo fisso 180°C 23,7 mg/l Durezza in gradi francesi 0,96 Conducibilità elettrica in microSiemens/cm a 25°C 29,7 Anidride carbonica libera 1,0 mg/l Sostanze disciolte mg/l Sodio 1,5 Magnesio 0,52 Potassio 0,62 Solfati 5,0 Cloruri 0,48 Analisi, Torino 22/09/2009 L'etichetta mi sembra anche fin troppo semplice: solitamente vengono elencati anche l'idrogeno carbonato e i nitrati (anche assenti), talvolta stronzio ed altri metalli (anche in questo caso è possibile che siano assenti o in tracce). Tolto questo neo quest'acqua non ha nulla da invidiare alla sua diretta concorrente Sant'Anna ...

Sega Fox F36-522B 01/09/2011

Solo per l'hobbista principiante che si accontenta.

Visualizza altre opinioni Torna sopra