Condividi questa pagina su

rosso Status rosso (Livello 5/10)

Nemo73

Nemo73

Autori che si fidano di me: 68 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

E' il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante...

Opinioni scritte

dal 01/12/2000

85

Riflessi di Donne (Maria Pia Carella) 09/12/2007

Sull'orlo del mistero

Riflessi di Donne (Maria Pia Carella) Non credevo ai miei occhi mentre scartavo il pacco appena recapitato... Maria Pia ce l'aveva fatta! Col suo entusiasmo e la sua determinazione era riuscita in quell'impresa che tutti quelli a cui piace scrivere sognano di compiere prima o poi: avevo tra le mani il suo "primo" libro! Ho cominciato da subito a cercare di capire cosa mi stava trasmettendo, con quei suoi colori inusuali e quel frammento di "specchio di carta" che salta immediatamente agli occhi in copertina... ho cercato di respirare già col tatto le emozioni che mi avrebbe trasmesso, come fa un bimbo con un nuovo gioco dopo averlo scartato. E forse questo è stato il mio primo errore! Ho imparato di recente, per esperienze personali, che ciascuno vede il mondo a modo suo, ma non per cattiveria o presunzione: il problema è che nessuno ci ha spiegato da piccoli che nel crescere ci siamo costruiti un filtro tutto nostro attraverso cui far passare la luce che poi prenderà la forma della vita nella nostra mente. Quel filtro si chiama "pregiudizio"... che non è una brutta parola a priori: lo diventa quando ci dimentichiamo che ciascuno ha il suo e che la verità potrebbe non essere solo come noi la vediamo. Provate a chiedervi, se mai vi siete posti il problema, quand'è che vi prende quella sensazione per cui mettete in gioco la vostra visione del mondo. A me succede in corrispondenza a certi eventi o grazie a certi "elementi disturbatori" che si insinuano tra le false certezze e fanno vacillare, anche solo ...

Harry Potter e l'Ordine della Fenice(David Yates - USA, Gran Bretagna 2007) 31/07/2007

Qualcosa per cui lottare!

Harry Potter e l'Ordine della Fenice(David Yates - USA, Gran Bretagna 2007) == Cosa ci rende forti? Cosa ci fa credere di essere giusti? Cosa distingue i nostri passi da quelli di coloro che ci hanno fatto del male? Sarebbe così bello lanciare un "evanesco!" e veder sparire i dolori, le sofferenze, i momenti di fragilità che nascondiamo dietro un sospiro o una lacrima che non vogliamo lasciar uscire... Ma la magia è un'altra cosa... e forse neanche serve! ...ma questo lo chiarirò nell'Epilogo! == Si aprono le porte sul quinto anno di studi ad Hogwarts. Le danze si ripetono puntuali e cantilenanti... il binario 9 e 3/4, l'Espresso, i mantelli neri sulle divise scolastiche ravvivate dai colori delle 4 case... Ma c'è qualcosa di diverso per Harry Potter quest'anno... Non parlo dei dissennatori che hanno attaccato lui e "Big D" a Privet Drive, ma dell'atmosfera sempre più cupa di un posto che un tempo aveva definito "la mia casa"! E cosa sono quegli scheletri orribili a forma di cavalli con teste di drago ed occhi bianchi senza pupille che trainano le carrozze verso il castello? Luna "lunatica" Lovegood sa dirtelo con precisione: sono i testri... Luna ed Harry possono vederli perchè hanno visto la morte, mentre tutti gli altri continueranno a pensare che le carrozze volino da sole. La gnte ha paura dei testri... il Ministero li ha catalogati tra le creature pericolose... ma in fondo è ciò che la gente fa con tutto ciò che non comprende! Questo è uno dei tanti segnali della diversa atmosfera di ...

Great Ocean Road 07/06/2007

Da Maiali ad Apostoli

Great Ocean Road == Altra tappa del mio recente Viaggio di Nozze! State tracciando la via? State ipotizzando un percorso coerente che metta insieme tutte queste pagine del Diario di Bordo? Non mi deludete! == Avete presente la sensazione fastidiosa del riverbero solare quando ai tuoi occhi darebbe fastidio anche la lucetta dell'ascensore? ...quando cominci a pensare che i raggi ti stiano squagliando addosso le lenti degli occhiali scuri che hai ritirato una settimana prima di partire? ...quando ti rassegni al fatto che non riuscirai più ad aprire gli occhi col solo aiuto delle palpebre? Ecco... più o meno queste erano le sensazioni che provavamo mia moglie (scusate ma mi devo allenare a dirlo o rischio di chiamarla ancora "la mia ragazza"!!!!) ed io sul pullman granturismo della Gray Line! Non so se qualcuno di voi abbia mai viaggiato su queste trappole: l'autista è autorizzato a guidare come un assassino sebbene stia costeggiando una scogliera a picco sul mare su una strada tutta curve dove c'entrano a malapena due auto! ...e nel frattempo, anzichè guardare la strada, fa di tutto, dal raccontare le storie sulla mitologia aborigena al servire il the con crackers e vegemine (non chiedetemi cosa sia... ho preferito rimuovere) tra una tratta e l'altra del tour! A dire il vero, in origine avremmo voluto goderci la vista della Great Ocean Road in tutta tranquillità prendendo un'auto a noleggio e percorrendola da Adelaide a Melbourne... poi ...

Hotel Kia Ora, Rangiroa 03/06/2007

Io, tu e il pesce balestra!

Hotel Kia Ora, Rangiroa == Prosegue il viaggio del mio miiiitico Viaggio di Nozze! Ai più attenti non sfuggirà la totale casualità della sequenza di luoghi descritti, ma sono ispirato più dalle sensazioni che dallo spazio e dal tempo quindi, se vi va, potrete riordinare in una linea temporale coerente tutte le opinioni che ho scritto e che scriverò su questa esperienza... per ora è facile, ma nei prossimi mesi le cose si complicheranno! == Dopo una deludente Tahiti ed un'avventurosa Moorea (che descriverò in una prossima opinione, quindi segnatevi l'indizio temporale) ci ritroviamo nel tipico aeroporto fatiscente in cui ti portano le valigie col carretto ed aprono il gate con un fischio che dà inizio alla transumanza dei passeggeri verso l'aereomobile. La particolarità dei voli Air Tahiti Nui sono i colori e la gentilezza del personale di bordo... in verità è lo stesso idioma della Polinesia Francese a giocare un ruolo fondamentale nella cordialità, con suoni dolci ed armonici che fanno sembrare un canto anche un semplice ciao (Ia Ora), un benvenuto (Maeva) o un grazie (Mauruuru). Da Tahiti a Rangiroa c'è poco più di un'ora di volo. Un viaggio un po' noioso, visto che fuori c'è solo acqua a perdita d'occhio, ma alla fine vieni premiato perchè dal primo momento in cui avvisti l'atollo sai già che non sarà una vacanza come le altre! Rangiroa è il più grande atollo dell'arcipelago delle isole Tuamotu ed il secondo nel mondo per grandezza... magari ...

Ayers Rock 20/04/2007

La grande roccia dai tanti colori

Ayers Rock Sulla guida c'era scritto ben poco e quel che diceva era di difficile comprensione... è l'ultima volta che compro una guida in lingua originale! Se poi la lingua è quella degli Anangu, amici miei, vi potete dedicare alla visione delle foto e mettervi l'anima in pace... L'avevo presa, appunto, per le splendide foto panoramiche a doppia pagina! L'immagine principale ritraeva due serpenti che si incontrano in un punto... uno dei due porta delle uova attorno al collo... poi ci sono delle impronte di... canguro... si, mi pare parli di un canguro nano, o wallaby... o mala, come lo chiamano gli aborigeni! Che gente gli aborigeni! Così orgogliosi di preservare la loro cultura, le loro leggende, i ricordi del dreamtime, come lo chiamano gli inglesi d'Australia... sono curioso di incontrarli! Va bene, lo ammetto: ho acquistato la guida all'aeroporto di Perth per ingannare il mio stomaco... mi avevano avvertito delle turbolenze... ma niente! Lo stomaco non voleva saperne di essere ingannato... per la prima volta in vita mia cerco tranquillità nella vicinanza del sacchetto! Fuori è tutto bianco-nuvola e ogni tanto, negli spiragli di luce, vengo abbagliato da un rosso-deserto! La mia compagna di viaggio, con la sua fede lucida di neanche 20 giorni, è interessata alla moda stile impero dei giornali australiani... forse per distrarsi d questa giostra poco divertente da cui non puoi scendere. All'improvviso l'aereo piega paurosamente verso il basso e si esce dalle nuvole... dal ...

Con la F 29/07/2006

Il Piccolo Flavio

Con la  F == Mi è sempre piaciuto il deserto. Ci si siede su una duna di sabbia. Non si vede nulla. Non si sente nulla. E tuttavia qualche cosa risplende nel silenzio. == Ciao cucciolo d'uomo, sei qui da poco e già mi sembra di conoscerti da sempre. Si dice che quando un bimbo afferra la tua mano per la prima volta, ti abbia catturato per sempre... ma tu non me ne hai dato il tempo... non mi hai permesso di prenderti in braccio... di spupazzarti un po': ti è bastato aprire gli occhi grandi, neri, pieni sonno e di timore... guardare attraverso il vetro, dalla tua culla... incrociare i miei. Un solo istante. ...di cui neanche ti ricorderai. Un misero istante. ...per percepire dentro me il bene che ti voglio. I grandi occhi del mio nipotino... piccolo come un fagotto... grande come l'amore che lo ha generato. Come la magia che c'è dietro il mistero della nascita. == Tutti i grandi sono stati bambini una volta (Ma pochi di essi se ne ricordano). == Piccolo Flavio, più ti osservo e più mi sembra di conoscerti da sempre... come se tu ci fossi sempre stato, come le meraviglie della natura, che sono intorno a noi e non riusciamo a vedere finchè non decidono di manifestarsi. Ti invidio tanto, sai? Stai per scoprire tante cose favolose... per te tutte nuove. Stai per conoscere per la prima volta emozioni che a me ormai sembrano normali. Stai per stupirti del calore ...

Con la D 10/01/2006

16 domande sul 2005

Con la  D == Avevo voglia di scrivere qualcosa sull'anno appena terminato perchè per me è stato speciale... si può dire che la mia vita sia totalmente cambiata rispetto a ciò che era fino al 2004... ma forse questo l'avevate già immaginato cogliendo una punta di ottimismo pervadere le mie ultime opinioni! Il 2005, per me, è stato l'anno della "conquista" della mia anima genella che, un po' per amore e un po' per sfinimento, ha deciso di starmi accanto! Il 2006 sarà un anno altrettanto speciale perchè il progetto è quello di fare il sospirato grande passo (ma no... non parlo dell'acquisto dell'intero set di cofanetti in edizione deluxe di tutte le serie di Star Trek!!!). Per ora, comunque, non vi anticipo nulla... restate sintonizzati su questa frequenza per saperne di più! Alla fine, però, non ho più scritto l'opinione sul 2005: sarebbe stato davvero arduo farlo dopo aver letto l'ultima splendida e toccante opera di elixa (se non l'aveste ancora letta, precipitatevi!)... dopo una lettura di cotal pregio ti sorge la domanda: "e che aggiungo io?". L'ancora di salvezza arriva dai buoni cari vecchi test, nei quali non mi sono più imbattuto da tempi immemori. Ad offrirmi lo spunto è stata emmegi1 alla quale rubo l'idea e, come nella più classica delle catene di sant'Antonio mi accodo alla lista di modificatori... ... copiato da emmegi1 che l'ha copiato da sportalupi, che a sua volta lo ha copiato da skorpioncina... ... che l'ha copiata dal topo che al ...

Le cronache di Narnia: il leone, la strega e l’armadio (A.Adamson, 2005) 09/01/2006

Seconda stanza a destra e dritti fino all'armadio

Le cronache di Narnia: il leone, la strega e l’armadio (A.Adamson, 2005) == Ho sentito un vuoto quando ho visto l'ultimo episodio del "Signore degli Anelli" e ho provato un remoto dispiacere quando ho letto che la Rawlings ha deciso di scrivere la parola fine alle avventure di Harry Potter... Sebbene manchino un po' di anni all'effetivo termine della saga, avevo già comiciato a chiedermi cosa avrebbero potuto mai inventare i signori di Hollywood per tenermi ancora incollato allo schermo senza farmi sospirare di rimpianto. La domanda derivava dalla mia ignoranza in fatto di letteratura moderna per ragazzi: vedendo adesso il "mattone" delle "Cronache di Narnia" esposto in libreria, mi è sembrato così naturale che questa saga diventasse un colossal cinematografico, che mi sono imposto di andare al cinema per paura di restare tagliato fuori di qui ai prossimi 7 anni... le cronache, infatti, sono 7, come i re di Roma, i vizi o le spose degli altrettanti fratelli... se la Walt Disney è prolifica e perseverante come lo è stata la Warner con i giovani maghi, vedremo avventure dei fratelli Pevensie fino al 2013! == Peter Pevensie, un leader più per necessità che per passione. Susan Pevensie, coraggiosa e razionale. Edmund Pevensie, difficile e introverso. Lucy Pevensie, onesta e generosa. Quattro fratelli. Uniti da un destino che li vuole sradicare dalla loro vita a causa di una guerra impietosa che non sta a guardare chi ha davanti ma miete vittime e dispensa dolori con grande generosità. Un anziano ...

Pesci di mare 22/12/2005

Filetti di persico in crosta di patate

Pesci di mare Cari appasionati (ed affamati festaioli) di Ciao, in nome del vecchio adagio secondo il quale bisogna provare tutto nella vita, sto per cimentarmi in una categoria che mai avrei pensato potesse incrociare la mia strada! Come dice il "maestro" Allan Bay, cuochi si diventa... e con questa ondata di ottimismo passo a desrivere un piatto di sicuro effetto che, anche senza troppo tempo a disposizione e particolare empatia con i fornelli, vi farà fare bella figura al cenone di fine anno (in realtà ero combattuto tra questa e la bruschetta con olio ed aglio, ma avevo paura di fallire in qualche passaggio e non sarebbe stato perdonabile!). == Filetti di persico in crosta di patate Naturalmente, io - in qualità di esperto conoscitore della fauna ittica e delle sue proprietà - ho usato i filetti di persico perchè erano in offerta al reparto pesce dell'Auchan di Casal Bertone, ma questa ricetta si adatta a tutti i pesci che si prestano ad essere "sfilettati", quindi al merluzzo, a... no, mi spiace, mi viene in mente solo il merluzzo mentre la mente vaga su nomi come "branzino", "dentice" e "nasello", che non so neanche quale forma abbiano! ATTENZIONE: non credo si tratti di una ricetta dietetica! == Ingredienti: 1 - Filetto di persico (con un filetto medio riesco a farci due porzioni, comunque è facile regolarvi al bancone del pesce perchè i filetti non si ritirano e non crescono, quindi ciò che comprate sarà ciò che servite). 2 - Patate ...

Donnie Darko 20/12/2005

Universo tangente o film d'amore?

Donnie Darko == Bentrovati! Mi perdonerà traveller55, ma questo è uno di quei casi in cui l'opinione è stata scritta in più riprese e a dovuta distanza dalla "degustazione" del prodotto... gli dò ragione quando dice che il tempo altera la percezione del libro, del film o del ristorante di cui stiamo parlando, ma stavolta avevo così tanti dubbi su quanto mi frullava nella testa che scrivere di getto sarebbe stato inutile: avrei ritrattato tutto la settimana successiva. Se non vi è chiaro, figuratevi a me... per ora datemi fiducia e seguite le mie prosopopeiche elucubrazioni... buona lettura! == Certe notti, ascoltando la voce del fuoco scoppiettante accanto alla mia tendiana di montagna, guardo le stelle sopra di me, quasi fossero i riflessi di bivacchi d'altri tempi rimasti impressi nella memoria del firmamento... E' in quei momenti che respiro la pace e concedo alla mente di vagare per voli pindarici senza alcun freno. Solo cedendo a questa sensazione di smarrimento, nella maestosità dell'universo, non ti meravigli di alcune domande essenziali che ti affiorano dal nulla: 1) Chi la stilerebbe questa fantomatica classifica dei migliori 100 film della storia del cinema? 2) Sarebbe possibile avere l'elenco completo, una volta per tutte? 3) Mi piacerebbe, inoltre, avere i titoli non in ordine alfabetico ma nella loro posizione in classifica! Mi spiego: come sottotitolo ormai fisso a Donnie Darko trovo scritto "tra i migliori 100 film della ...

Harry Potter e il Calice Di Fuoco 15/12/2005

Crisi!

Harry Potter e il Calice Di Fuoco > Premesse di rito < Carissimi amici e lettori (quei pochi che sono rimasti data la mia insistente ancorchè fastidiosa latitanza), pensavo di iniziare questa opinione con qualcosa di poetico sfruttando un momento di black out del sistema informativo che negli ultimi mesi mi sta togliendo il sonno (e il tempo per scrivere) ma ecco che dopo aver buttato giù poche parole ispirate alle sensazioni della pellicola da poco assaporata, odo una collega alle mie spalle che esclama "me so' rotta le pxxx de stamme a fa' le pippe ar cervello pe' fa' funziona' a calci 'sto caxxo de sistema! Buttamolo ar cesso e damo 'n senso a 'sta giornata!". Che la mia collega mi trovi in pieno accordo o meno con la sua visione del mondo ha poca importanza... oramai la poesia è infranta! Mi tolgo dalla scarpa, quindi, le formalità di rito che da più lidi piovono sul nostro maghetto in maniera tale da lasciar spazio a più spontanee riflessioni: - Il libro è meglio. - Non sono state riportate nel film alcune parti salienti del libro, mentre ne sono state aggiunte altre solo per aggiungere spettacolarità. - Ci siamo giocati i Dursley! - Harry non ha alcuna parentela con la Joy Potter di Dawson's Creek. - Tra un po' i ragazzi andranno all'università anche se in realtà dovrebbero essere passati solo 3 anni dal primo episodio. - I toni si stanno facendo sempre più cupi rendendola sempre meno una storia per bambini. Fine delle banalità: passiamo all'opinione. > Sensazioni a pelle ...

Zoo sauvage de Saint-Félicien, Lac-Saint-Jean 27/10/2005

L'uomo e la bestia!

Zoo sauvage de Saint-Félicien, Lac-Saint-Jean La bellezza di un tour in Canada è che non finisce mai... puoi vedere chilometri e chilometri di strada e sei certo che la fine è ben lontana dall'arrivare! Ogni giorno un paesaggio stupendo. Ogni giorno un mondo diverso da quello precedente. Si tratta di una vacanza tutt'altro che turistica... la definirei più una bella avventura! Se avete letto le altre opinioni che ho scritto nei giorni scorsi, sapete di cosa parlo: ogni tappa scelta quasi a caso di questo tour improvvisato si è rivelato particolare... e ogni giorno mi dicevo che avevo trovato un paesaggio più bello di quelli dei giorni precedenti... e ogni giorno venivo piacevolmente smentito dal verde degli aceri o dall'azzurro delle acque del fiume San Lorenzo! Avrei giurato di aver guidato fino in capo al mondo... ma poi, guardando la cartina geografica, mi rendevo conto che facevo passetti da formichina in un territorio per la cui vastità non avevo ancora trovato metri di paragone! Si dice che "la strada nel bosco non è dura se ami la persona che stai andando a trovare"... io la persona che amo ce l'avevo seduta accanto e forse è per questo che non ho sentito la pesantezza di quelle ore di macchina attraverso i parchi senza incontrare anima viva se non qualche procione che imprudentemente attraversava la strada! Dopo giorni di cammino in auto da quando avevamo lasciato Toronto, la mia dolce futura metà ed io arriviamo stanchi morti a vedere le sponde del lac St Jean... una pozzanghera, a giudicare dalla ...

Hotel Tadoussac 06/10/2005

Il canto delle balene

Hotel Tadoussac Cari amici, prosegue il racconto di un tour meraviglioso che ho deciso di fare quasi per caso quest'estate tra i parchi, le acque e le affascinanti cittadine del Quebec. Come ho già detto in altre opinioni, a causa del frazionamento della categoria "viaggi e turismo", vi tocca sorbirvi i miei racconti divisi per località, hotel, bar e ristoranti cercando di ricostruire il percorso completo (un po' come il corvo parlante della settimana enigmistica!). Oggi vi parlo di Tadoussac... che se non vi mettete in testa di visitare quando salite sull'aereo diretto in Canada, difficilmente vi capiterà di incrociare sul vostro cammino. >>> Consiglio personale e spassionato <<< ANDATECI ! >>> Fine delonsiglio personale e spassionato <<< Semmai vi veniste in mente di partire per il Canada e concentrare il vostro tour in 8 o 10 tappe, non fate l'errore di saltare Tadoussac, una deliziosa cittadina che domina l'omonima baia ed offre un paesaggio da cartolina. Tadoussac si trova quasi alla fine del fiordo di Saguenay, in prossimità della confluenza con il fiume San Lorenzo. Si tratta di una tappa obbligata per chi non ha voglia di andare fino al parco della Gaspesie, molto più a nord, per partecipare ad una battuta d'avvistamento delle balene. Dalla baia, infatti, partono ad intervalli regolari piccole navi da crociera, motoscafi e gommoni per addentrarsi nel fiordo e restare un paio d'ore in religioso silenzio a motori spenti nell'attesa che qualcuno gridi "megattera a ore ...

Basilica di Notre-Dame, Montreal 05/10/2005

La più bella tra tutte

Basilica di Notre-Dame, Montreal Dunque... anche se non è nel mio stile, vorrei cominciare con una critica a chi ha deciso di cannibalizzare questa sezione! Una volta c'era la possibilità di parlare di una città a tuttotondo, con le sue magie ed i suoi problemi, mischiando le bellezze dei monumenti agli sguardi della gente... L'effetto era quello di un quadro armonico che esprimeva al meglio le sensazioni che quella città ti dava. Oggi entro dopo un po' di tempo nella categoria dei viaggi per raccontare un po' delle mie vacanze e mi ritrovo ogni località (persino le varie ed eventuali) spezzettata in 4 diverse categorie!!! Cerco di farvi capire l'assurdo: se un giorno decidessi di prendere l'aereo e partire per Paperopoli, difficilmente farò 8 ore di viaggio (questo è notoriamente il tempo di volo per Paperopoli) per andare a vedere solo un museo o andare a mangiare in un determinato ristorante! Ve lo immaginate un vostro collega che vi dice: "Sai, ho letto su Ciao che a Bangalore c'è un bar dove fanno un caffè divino... mi sa che nel fine settimana ci vado!" Chi sceglie di partire per Paperopoli, Topolinia o, come nel caso del sottoscritto, per Montreal, spera di vedere il più possibile in quei pochi giorni che ci starà... NON PUO' LEGGERSI CENTINAIA DI OPINIONI SU OGNI SASSO CENSITO NELLA CATEGORIA!!!! Vabbè... ora mi calmo che sennò mi si alza la pressione... e a voi toccherà di leggere la mia visita a Montreal sezionata tra tutti i monumenti. Parte la sfida: chi riesce a ricostruire ...

Toronto 05/10/2005

Rogers... passo!

Toronto Ore 14.00... è pieno pomeriggio e il sole scalda la carlinga dell'Air Canada appena atterrato. Ho un sonno bestiale... forse perchè per me non sono le 14... ma più o meno le 20. Già... perchè questo non è il mio cielo e come al solito quando attraverso l'oceano verso ovest mi incanto a guardar fuori dal finestrino e mi scordo di dormire, in quello che è un giorno lunghissimo... a rincorrere il sole che sta sempre in passo avanti a te, ma non lo molli finchè non atterri! Poi lui prosegue mentre tu cerchi di stare sveglio in quel che resta della tua giornata: il tuo corpo sa che, normalmente, a quell'ora manca poco ad un bel tuffo carpiato con avvitamento nel tuo letto... ma questo stride con tutto quel sole e col fatto che tutti gli orologi a parte il tuo segnano 6 ore in meno. L'ora di Toronto. Ontario. Canada. Poco prima di atterrare ho dato un'occhiata al mare... solo che non era il mare ma il lago Ontario... almeno così dice la mia guida. Strano. Non mi suscita le stesse emozioni del lago Michigan, coi suoi freddi respiri e i cupi riflessi... no... l'Ontario è più solare, sereno, tranquillo... Ecco! Se fossimo in una di quelle stupidissime indagini di mercato e mi chiedessero "dite la prima parola che vi viene in mente entrando a Toronto" direi "tranquillo". Sarà forse merito dell'autostrada a 6 corsie per senso di marcia che ti introduce nella metropoli? Oppure sarà per le facce allegre che si vedono in giro? Magari me le sto sognando io... oppure mi ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra