Condividi questa pagina su

verde Status verde (Livello 2/10)

QuackChy

QuackChy

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 30/11/-0001

18

Con la I 23/11/2005

Il vento ha soffiato.

Con la  I Il vento ha soffiato forte questa mattina... Questa bufera fredda ha smosso il tronco, che credevo solido, e mi ha privata di tutte le foglie: l'autunno è giunto anche per me. Sono scarna, vuota, nuda... Ed ora che sei andato via, penso...e dal vento nemico mi faccio cullare. Ho preso la valigia... Mi chiedo se sia giusto scappare da un amore come il nostro. Il vento mi racconta di nuovi soli e nuovi tramonti, di lidi lontani, di porti ancora da conoscere e di sorrisi da incontrare... Chiede di seguirlo e di rompere le radici che mi tengono ancorata al terreno...Vuole che io abbandoni le mie certezze e che fugga da questo amore che richiede impegno, fiducia...e che rischia di farmi soffrire. Lo stesso vento che anni fa mi gelò il cuore è ora qui, che mi avvolge. Chissà perchè mi sento rassicurata dall'insicurezza. Chissà perchè desidero scappare ogni volta che mi sento ingabbiata, ogni volta che mi si domanda di concedere fiducia, di lasciarmi andare. Penso e ripenso. Il mio è un rimurginio continuo, un lavorio mentale che non ha precedenti e che distrugge ancora di più il sogno di una vita trascorsa insieme, di un legame che superi il tempo e lo spazio. Ho freddo... Tremo... Il gelo si sta insinuando dentro di me, penetra nelle vene e invade tutto il mio corpo. Forse è ora di andare via, di correre... Di scappare da questo dolore che mi assale quando ti so lontano da me, da questa gioia che mi sorprende quando ti osservo dormire. Lasciami volare via, andare ...

Suicidio 15/11/2005

Dedicato a Stefano

Suicidio In pausa dal lavoro, "incappo" in questa opinione... La pioggia scrosciante mi mette malinconia e mi fa pensare a te, giovane ragazzo che non esisti più, ormai. Siamo stati due teneri "fidanzatini", nulla di serio...amici che passeggiavano mano nella mano... avevo 13 anni ed ancora una mentalità da bambina (a dispetto delle mie compagne di classe già navigate...) e l'unico bacio che ti avevo concesso era sulla guancia. Tu, quasi 15enne, mi comprendevi e ti accontentavi di accompagnarmi semplicemente al trampolino della spiaggia... Poi,si sa come vanno le cose...Quella piccola storia era destinata a frantumarsi...era fragile ed io avevo ancora in mente "i balocchi", i divertimenti... Non la prendesti molto bene, ricordo. Mi telefonavi ogni giorno minacciando di ammazzarti. Nessuno, neppure i tuoi amici, ti avevano mai preso sul serio... Gli anni sono trascorsi e noi li abbiamo vissuti incuranti uno dell'altro. Sì, avevi provato a riavvicinarti a me ma...nulla di fatto. I giorni si susseguivano, allegri o no, ma trascorrevano, facendoci crescere... Sapevo che avevi una ragazza con cui stavi da un po' di tempo...Ne ero molto felice. Avevo compreso che avevi bisogno di affetto, di amore (quello che io non ero ancora in grado di donarti) e finalmente avevi trovato chi potesse offrirtelo. Un giorno leggo sul quotidiano regionale che un ragazzo, 19 anni, si è suicidato in auto. Non c'era il nome, solo delle iniziali...Subito pensai a te ma poi cercai di scacciare dalla mente ...

Fidanzato/a 02/11/2005

...E poi all'improvviso...sei arrivato tu...

Fidanzato/a "La grande tragedia della vita non è che gli uomini muoiano, ma che cessino di amare" ~ William somerset maugham ~ Io credevo di aver smesso di amare...dopo quella storia infelice, dolorosa...dopo aver donato la mia anima ad una persona che l'aveva tradita, incompresa... Pensavo di avere chiuso il mio cuore in una cassaforte e di aver gettato le chiavi in alto mare. Mi riempivo la bocca di parole sarcastiche, ciniche... Parevo così felice, indipendente...Libera di fare qualsiasi cosa, di scherzare con qualsiasi ragazzo senza mai concludere nulla. Ma la notte era triste...ed era ancora più buia del giorno... E piangevo. Non capivo il perchè...tutto mi pareva stupendo... Avevo tanti amici, non ero sola...ma tutto ciò non era altro che un maschera. Dentro me avvertivo il bisogno di una parola, di una carezza, di un bacio. Desideravo ardentemente essere amata e poter amare... semplicemente... POI SEI ARRIVATO TU... Non mi capacitavo del fatto (e, a dire la verità, ancora adesso...) che tu ti fossi interessato a me. Tutti guardavano la mia "amica", quella più prosperosa, quella che si metteva più in mostra,quella più...disponibile! Mai avrei creduto che tu potessi interessarti a me, a quella ragazza che passava sempre in secondo piano... a quella "matta, folle" Chiara che nessuno comprendeva. E mai avrei creduto di interessarmi a te. Andavo fiera del mio soprannome "Cuore di ghiaccio" e poi stavo ancora leccandomi le ferite...ancorandomi ad un ricordo che non era ...

Conoscersi: profili personali 29/10/2005

Me. my self and I

Conoscersi: profili personali "Chiara non è nulla. Rifugge dalle etichette e dalle definizioni sebbene lei ne sia spesso vittima. Troppe volte, davvero troppe, è stata apostrofata "strana" sebbene lei non si reputi tale. Non fa nulla per apparire, per cui non immaginatevi una ragazza che si abbiglia chissà in quale modo, un'alternativa che segue rigorosamente la moda... lei non è cosi... Tutto ciò che fa lo fa perchè a lei piace. Come il tatuaggio, quell'araba fenice al fondo della schiena, che per lei ha un significato enorme... La rinascita, la fine di un periodo orrendo in cui lottava contro se stessa e contro il suo corpo... Ora è cresciuta anche se questa situazione le ha lasciato ancora dei germi che, a volte, le infiammano l'anima...facendole provare tristezza e rancore verso quell'immagine riflessa allo specchio (sebbene sappia di non essere affatto brutta...). I professori la definivano "timida", la classica ragazza dalle mille potenzialità ma che non faceva nulla per dimostrarle. Troppe volte le parole non le uscivano di bocca e si sentiva come imbavagliata... Poi un giorno... di punto in bianco, è cambiata...come la favola del brutto anattroccolo, è diventata un cigno...ma sempre nero... Ha rivalutato se stessa e si è persino scoperta una artista in erba. Adora l'arte e tutto ciò che essa nasconde... Piange dinnanzi ad un quadro e, quando va nei musei, se le è permesso, si avvicina il più che può alla tela cercando di captare le pennellate. Ama il genio creativo di Van Gogh e con lui ...

100 colpi di spazzola prima di andare a dormire (Melissa P.) 09/10/2005

Un sesso che non scandalizza più di tanto...

100 colpi di spazzola prima di andare a dormire (Melissa P.) Ebbene sì, anch'io sono caduta nel tranello...anch'io sono inciampata tra le pagine di questo libro... Che non ho acquistato ma che ho trovato, pensate un po', tra i libri della libreria del centro per anziani presso cui lavoro. Mi sono lasciata sopraffare dalla curiosità, io che rifuggo dai libri troppo pubblicizzati, dalle scritture appositamente studiate per colpire il lettore. La storia è relativamente semplice: le avventure sessuali di una giovane ragazza (libro autobiografico...anche se io mi riservo di avere dei dubbi sulla sua autenticità...) alla ricerca disperata dell'amore. Sesso di gruppo, rapporti omosessuali, sado maso, spogliarelli...Non manca nulla...L'autrice ha proprio un fornito carnet di attività sessuali... però... Devo dire la verità: il libro non è mi è eccessivamente dispiaciuto...E non mi sono neppure scandalizzata più di tanto, conscia del fatto che il "parlare di sesso" sia stata una trovata "pubblicitaria", un modo per "fare parlare di sè, per scandalizzare,appunto". Ecco, cara Melissa, io non mi sono affatto turbata...sebbene non abbia mai avuto finora e non voglia avere una vita sessuale ricca come la tua (ma che ricchezza è, poi, il concedersi ad uomini di cui non si conosce neanche il volto?)... Forse sono un "flop" nel tuo progetto... A fine lettura, anzi, ho provato un senso di infinita pena e di compassione... Già, ho provato rammarico e tristezza per questa ragazza desiderosa di affetto e che credeva di trovare conforto, calore, in ...

Britney - Britney Spears 29/09/2005

Una Barbie che canta in playback!

Britney - Britney Spears Ragazzi, questa opinione sarà molto dura, devo ammetterlo. Tra me e Brit (così la chiamo, siamo NEMICHE GIURATE, ormai) non scorre affatto buon sangue...anzi, le ho proclamato GUERRA. Scherzi a parte, credo che, già da questo cappello introduttivo, abbiate compreso il mio pensiero circa la signorina "ONE MORE TIME". Non ho mai comprato alcun disco e tantomeno ho seguito la sua carriera, ma parecchie volte mi sono scontrata nei suoi video sul mio canale musicale preferito e, siccome sono pigra persino a pigiare il tasto del telecomando, ho dovuto sorbirmi le sue lagnatele. Per carità, una cosa devo ammetterla: le canzoni sono "orecchiabili", nel senso che si riescono ancora ad ascoltare...Ma se si cerca in profondità, magari cercando un qualche suo testo in Internet provando addirittura a tradurlo...Beh, sono testi che scriverebbe persino la mia cuginetta di 12 anni. E' un ottimo prodotto commerciale, questo lo devo ammettere. Qualsiasi cosa faccia, le riesce bene...Poi, adesso, ha messo in commercio anche il SUO profumo...per cui, è un'ottima intenditrice di marketing (lei o chi sta DIETRO di lei?)... Solo che, ahimè, neppure in questo è originale...Prima di lei, difatti, la signorina MADONNA (non quella del Regno dei Cieli, si intende...) che non ho mai apprezzato granchè ma che ho di gran lunga rivalutato dopo l'ascesa di queste POST MADONNA IN RITARDO! Insomma, a mio parere, sa fare molto poco. Forse ballare, certo...dopo ore e ore di allenamenti. E non parlatemi ...

Anziani 28/09/2005

Dedicato a mia nonna...

Anziani Cara nonna, scrivo questa opinione sugli anziani pensando a te. Purtroppo tu non hai mai avuto la possibilità di vedere il tuo volto con le rughe, di avere i vuoti di memoria... Hai lasciato mia madre troppo presto, che ancora era una bambina. Credo davvero che sarebbe stato bello invecchiare, per te...Avresti potuto vedere le tue figlie crescere e saresti stata accanto a loro al momento del parto... Tu che amavi stare in casa, tu che avevi un animo materno quasi esagerato, saresti diventata matta di gioia con le tue due nipotine. Di sicuro le avresti straviziate, stracoccolate...E quanti vestitini, tu che eri sarta! Non ho mai avuto la fortuna di poterti conoscere, se non tramite le parole di mia madre, ma sono fiera di essere parte di te. Il destino ha voluto che io, orfana di nonni, trovassi un lavoro che mi avrebbe portato a conoscerne una novantina...Già novanta "vecchietti" a cui, ogni giorno, dono la mia attenzione, il mio ascolto. Basterebbe così poco, vero? Ascoltarli...perchè la loro voce è l'eco di un tempo che fu, perchè sono la storia. Purtroppo non sempre mi vengono raccontati divertenti aneddoti, anzi quasi mai...e, a sentire loro, la vecchiaia pare essere una gran brutta cosa: "è bello diventare vecchi, ma è orrendo esserlo", così mi sento molte volte apostrofare. E posso comprenderli benissimo, loro, voci inascoltate persino dallo Stato che dovrebbe garantirgli una vita più serena, che dovrebbe garantirgli una pensione degna da essere chiamata tale. E' ...

Gelosia 27/09/2005

Una novella "Otello" si racconta...

Gelosia "Come geloso, io soffro quattro volte: perché sono geloso, perché mi rimprovero di esserlo, perché temo che la mia gelosia finisca col ferire l'altro, perché mi lascio soggiogare da una banalità: soffro di essere escluso, di essere aggressivo, di essere pazzo e di essere come tutti gli altri." da Barthes Roland, "Frammenti di un discorso amoroso:Convivenza 3". Credo che questa citazione esemplifichi al meglio la mia personale esperienza: la gelosia è un tormento! Ho letto innumerevoli libri di psicologi da "strapazzo" (alcuni, devo ammetterlo, molto bravi...però...) e tutti questi erano concordi nel dividere la gelosia in categorie: c'è quella giusta (ovvero quando si ha il sospetto fondato che lui ha fatto il galletto con un'altra), quella femminile (tutta incentrata sui sentimenti..."desidero che l'uomo pensi a me e solamente a me"...ho letto di un sondaggio dove l'80% delle donne sosteneva di preferire la situazione del ragazzo che la tradisce pensando a lei piuttosto che, mentre fa l'amore con lei pensi ad un'altra...) quella maschile (basata essenzialmente sul sentimento di possesso: "è mia e guai a chi me la tocca") e quella morbosa. Fino a poco tempo fa credevo di appartenere alla prima categoria... Ma, ragazzi, mi sono dovuta ricredere. Mi sono ingelosita per delle cavolate, addirittura borbottando perchè aveva giudicato Monica Bellucci una bella attrice (e chi potrebbe negarlo, al mondo?). Potete stare certi che, quando si fanno ragionamenti simili, non è ...

Pena di morte 27/09/2005

"Nessuno tocchi Caino"

Pena di morte Pena di morte. Argomento alquanto scottante e, ancora adesso, attuale. Sono un essere umano anch'io e anch'io, come credo tutti, quando leggo sui quotidiani di pedofilia, di maniaci sessuali... penso per un secondo: "sarebbero da ammazzare!". Credo sia inevitabile ragionarla così, presi dall'impeto del momento. Ma non deve essere che un attimo. Trovo la pena di morte ingiusta. Al suo posto dovrebbe esistere una GIUSTIZIA REALE, che punisca a dovere i colpevoli (dando ergastoli e mantenendoli, però!) e assolva gli innocenti... Ma, ahimè, così non è. Chi sostiene che questa debba esistere lo fa appigliandosi ad un bisogno di giustizia, chiedendo che, chi ha trasgredito, venga totalmente "cancellato" dal mondo...venga ucciso. Ciò, ai miei occhi, pare altamente inconcepibile e contradditorio. La legge vieta, giustamente, l'uccisione...ma con quali diritti, uccide lei stessa? Non dovrebbe essere al di sopra di tutto? Non dovrebbe essersi posta dei limiti anche lei? Per non parlare dell'esecuzione...barbara...qualsiasi strumento si utilizzi. Prima di scrivere questa opinione mi sono informata circa gli strumenti della morte e,posso assicurarvi, mi sono sentita male... Anche perchè, molte volte, l'esecuzione non avviene come dovrebbe e si prolunga il dolore (casi palesi con la sedia elettrica...ma anche con l'iniezione letale...Per non parlare poi dell'impiccagione o della fucilazione...) del condannato. Io voglio urlare NO! Questa non è affatto giustizia, ma crudeltà, ...

Situazione femminile ieri e oggi 26/09/2005

Storia delle donne.

Situazione femminile ieri e oggi Hmm, bell'argomento... e molto, molto difficile... Ma scrivere un'opinione è per me molto importante, visto e considerato che mi sono sempre infervorata quando si parla di emancipazione femminile o di pari diritti... Nonostante ciò, premetto, non sono affatto femminista e non sostengo che gli uomini debbano essere, in tutto e per tutto, uguali a noi (trovo assolutamente impropinabili personaggi alla Costantino...e gli spogliarelli maschili... Non credo si riferissero a ciò le suffraggette quando chiedevano l'uguaglianza...). Comunque sia è impossibile negare che la donna, nella storia della umanità, si sia trovata molto spesso in una posizione di inferiorità... Purtroppo la società è sempre stata di impronta maschilista e ciò non sono io ad inventarlo ma, ahimè, parlano i fatti (escludendo le civiltà palelolitiche, egizie, cretesi ed etrusche): nell'antica Grecia le donne vivevano in totale passività e lo stesso si può dire per quanto concerne la società romana. Questa, difatti, escludeva, addirittura, la donna dalla vità "cittadina" e non aveva alcun diritto (la famiglia, difatti, era di stampo fortemente patriarcale e la donna era considerata come una schiava). Ma è stato con l'avvento della religione monoteista (difatti nelle religioni pagane esistevano anche divinità femminili ) che la donna ha perso ancora più importanza. La religione cattolica, difatti, considerava (agli albori) la donna come un essere diabolico, demone tentatore e impuro, in poche parole: una strega ...

The skeleton key (Iain Softley, 2005) 26/09/2005

Una piacevole sorpresa!

The skeleton key (Iain Softley, 2005) Sono andata a vedere questo film solo per accompagnare mia madre e non credevo potesse piacermi così tanto...A dire la verità ero un pochino prevenuta e poi, Kate Hudson, non è che mi dicesse granchè. Insomma, pensavo fosse il classico film dell'orrore... Invece, questo film mi ha "rubata", letteralmente ipnotizzata. Il regista, Iain Softley, è riuscito a creare un film lontano, appunto, dai classici stereotipi... Ciò che balza subito all'occhio è la fotografia, i paesaggi...Paesaggi dell'America del Sud, dell'America popolata da antichi rituali, da magie...e sortilegi. Nulla di inspiegabile, forse. Nessun mostro che si genera dal nulla o vampiri in cerca di sangue... Credevo di ritrovare la classica storia sui fantasmi che non vogliono abbandonare la casa in cui vivono, invece...è ben altro! Tutto è incentrato sulla magia, magia degli uomini e sul potere della suggestione... Qui si parla di hodoo (credo si scriva così, ma non saprei...), magia legata a fini materiali differente dal vodoo, che ha scopi anche religiosi. La storia: una ragazza, Caroline (Kate Hudson) dopo aver perso il padre e non avendo avuto l'occasione di assisterlo durante i suoi ultimi giorni di vita, decide di "rivendicarsi" studiando da infermiera e prestando il proprio aiuto agli anziani malati, sul punto di morire... Dopo un primo lavoro, abbandonato perchè considerato troppo "cinico" (in effetti, in quante case di riposo gli anziani vengono considerati solo dei pesi?) viene assunta come infermiera ...

Vivere, amare, capirsi (Leo Buscaglia) 11/08/2005

Che bello imparare ad amare!

Vivere, amare, capirsi (Leo Buscaglia) Questo libro lo lesse, prima di me, mia madre. Ricordo ancora con quale emozione me lo descrivesse... Si commuove ancora oggi al solo pensiero. Allora io avevo all'incirca 16 anni ed ero in una fase della vita particolarmente negativa (in una parola: adolescenza), molto insicura di me stessa...timorosa di non riuscire in nulla e vittima dei professori... Così mia madre mi consigliò di leggere questo libro. Ero abbastanza reticente nel farlo...perchè credevo che l'argomento non avesse nulla a che fare con me e invece... Ho visto il mondo con occhi nuovi. Leonardo Buscaglia, docente universitario che tiene corsi sull'amore (proprio così), è meraviglioso! Le sue parole sanno sollevare il cuore anche più angosciato e ci riempiono di speranza. L'amore si impara...come ogni altra cosa...e occorre saper guardare il mondo con occhi diversi, sapersi stupire di ogni piccola cosa...e avere il coraggio di essere noi stessi. Molto divertenti sono, inoltre, gli aneddoti raccontati dall'autore che, riguardano (molto spesso) egli stesso... Come il fatto di essere considerato folle perchè, quando entra in un ascensore, invece di salire e di chinare la testa, muto, esordisce con un saluto e cerca di attaccare bottone... Un libro che valorizza l'empatia, la condivisione, il sentirsi un tutt'uno con il genere umano...Ma non solo, questo è anche un libro che, secondo me, dovrebbe leggere ogni insegnante...perchè spiega come evitare di ridicolizzare gli studenti...perchè, dice Leo, invece di ...

Sony Ericsson z1010 10/08/2005

Un bel cellulare, ma anche un bel peso!

Sony Ericsson z1010 Ho comprato questo cellulare a prezzo inferiore rispetto a quello di mercato poichè era in promozione con la 3 (piccola fregatura, poichè la scheda non può essere cambiata...ma, a dir la verità, non è che mi trovi molto male con la 3). Dunque, ora non ho dietro tutte le proprietà tecniche, ecc...Comunque già a prima vista si può capire quanto possa possedere questo cellulare (difatti, è abbastanza grande ed ingombrante). Ha una fotocamera (persino con un programma che permette di ritoccare le fotografie) abbastanza potente, e, inoltre, è possibile effettuare le videochiamate. Non solo, si possono anche girare piccoli video amatoriali...e, per la memoria, NO PROBLEM, perchè tutte le vostre foto e i vostri video andranno a fare parte della memory stick che, ovviamente, si può rimuovere (e mettere nel computer per estrarre foto oppure caricare giochi...). E' possibile ascoltare musica...musica mp3, certo, manca la radio...ma non si può pretendere tutto, no? Soprattutto visto e considerato che si può anche navigare (se attaccato al computer, il cellulare svolgerà anche funzione di modem...)in Internet. In più ci sono divertenti giochini Java, non molto numerosi ma, se volete, potete anche scaricarli. A me, però, ha dato dei problemi...ogni tanto (soprattutto quando aziono i giochi) si blocca e non solo è necessario spegnerlo,ma occorre anche togliere la batteria. Non posso essere delusa, poichè è un cellulare che possiede, comunque sia, delle buone funzioni... però devo ...

Verità supposte - Caparezza 09/08/2005

Le verità di una capa riccia

Verità supposte - Caparezza Ho riascoltato il cd proprio oggi...cosicchè riuscissi a scrivere un'opinione decente...e devo dire che a me piace molto. Ma tralasciamo le mie considerazioni (per il momento)... Allora, questo è il secondo album di Caparezza (il primo "Caparezza?!?"), da cui è stato estratto come singolo portante il famoso tormentone estivo "Fuori dal tunnel", che credo tutti abbiano sentito in televisione (era la sigla di Zelig) o in discoteca (riproposto in versione remix...dimostrando così di non aver compreso nulla del vero significato della canzone). Ciò che caratterizza l'album di Capa è la struttura dei testi, originali e molto intelligenti...Difatti anche nelle canzoni che possono apparire un po' stupidine, "Fuori dal tunnel" in primis (ma anche "Stango e Sbronzo") è sempre presente una critica (neppure tanto velata), ben fatta e scritta, della società moderna. Può sembrare un album "rap" anche se utilizzare questa definizione mi pare un po' riduttivo per un artista come Caparezza che mescola molti generi tra loro e crea musiche divertenti, dove gioca anche con rumori, versi... Ciò che emerge dai testi è un rifiuto della società, la voglia di starne al di fuori, di ritornare, appunto, sulla luna ("Io vengo dalla luna"), il desiderio di non appartenere a nessuna categoria predefinita ("Nessuna razza"). I primi tempi dopo l'acquisto non passava giorno che non ascoltassi l'album... quasi come fosse una droga. E questo perchè io mi rispecchio in molte frasi che lui dice e chissà, ...

Shrek (Dvd) 06/08/2005

Che bello scoprirsi "ORCA"!

Shrek (Dvd) Una fiaba bellissima, un film che non smetterei mai di rivedere. Dissacrante, simpatico, addirittura mi fa piangere dal ridere...ma piangere fino a starci male. Tutto, in questo film, è il contrario di quello che eravamo abituati a guardare...Scordatevi Cenerentola e la sua scarpetta di cristallo, scordatevi Biancaneve e il bacio d'amore, scordatevi la trasformazione della Bestia in Principe...qui tutto è invertito...tutto è diverso, trasformato. La principessa è una donna tosta dai capelli rossi, che "rutta" allegramente ed è in grado di fare mosse alla Matrix...una principessa che, però, nasconde un segreto...e che segreto! Ma che bello, poi, scoprire che... E Shrek...l'eroe antieroe...il principe azzurro...verde! E con le fattezze di un orco all'apparenza burbero, ma dal cuore buono come il pane. Per non parlare del suo amico, quell'animaletto buffo che tanto desiderebbe essere un cavallo ma che deve accontentarsi delle sue zampette corte da...CIUCHINO! Lo adoro...sarà anche perchè assomiglia al mio cane... Un film meraviglioso, che fa ridere, è vero ma che fa anche pensare... che ci fa comprendere come la bellezza sia poi...relativa... Da vedere, assolutamente! (ma chi può dire di non averlo visto, suvvia!)
Visualizza altre opinioni Torna sopra