Condividi questa pagina su

rosso Status rosso (Livello 5/10)

Zeikfried

Zeikfried

Autori che si fidano di me: 8 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Opinioni scritte

dal 14/10/2007

298

Icomix, Milano 03/12/2016

Icomix 2016: delusione e poco divertimento

Icomix, Milano Con amici sono andato alla Icomix, manifestazione tenutasi al Palaforum di Assago in data 26-27 novembre, io ci sono andato di domenica. Noi ci siamo fatti circa 4 ore di treno e metro per raggiungere la location che, essendo fuori Milano, non nell'area urbana, il biglietto costa di più (1 € in più rispetto all'altro treno). Appena arrivati, nel cavalcavia che ci avrebbe portato dalla metro alla fiera (sotto passa l'autostrada, il cavalcavia è d'obbligo in quel caso!) ci stavano quei truffatori che si spacciano per associazioni di beneficienza e chiedono soldi ai passanti/visitatori, purtroppo avranno truffato parecchia gente, uno l'ho visto che stava contando circa 400 €! Il consiglio che vi dò è, mai dare soldi a sconosciuti, a gente che non vi dà garanzie, a gente che incontrate per caso in giro e che vi si avvicinano con delle scuse, sono truffatori, noi li abbiamo ignorati, anche se avremmo voluto mandarceli... Arrivati in fiera, le casse erano all'aperto (fortuna che non pioveva) ma faceva freddo (siamo a novembre) su 7 casse disponibili, solo 2 funzionavano, una per gli ingressi con lo sconto, 5 € anzichè 8, una prezzo pieno, e davano un albo in omaggio a tutti (carta straccia che può essere riciclata tranquillamente). Dopo averci fatto 20' di fila, ci dicono alle casse, quando è il nostro turno per pagare, che la fiera è al completo (!!!) e che non è detto che potremo entrare, dobbiamo aspettare che qualcuno se ne vada! Paghiamo e ci facciamo una seconda fila che ci ...

Unes 29/11/2016

Caro rispetto altri posti,personale ok ma sprechi intollerabili!!

Unes Di ritorno dopo una giornata impegnativa, io e amici siamo entrati in un Unes per comprare vettovaglie che quel giorno non avevamo nemmeno pranzato, visti gli impegni che ci avevano impegnato. Quello era l'unico posto che vendeva roba da mangiare in quell'area, escluse le macchinette, dove le cose costano molto di più, quindi ci siamo entrati. Hanno un armadietto dove depositare borse e borsoni e non richiedono la moneta per azionarlo, come armadietti di altri posti. Il posto è pulito e il personale cortese e gentile, simpatico, se gliene si dà l'occasione, sanno vendere, ascoltano e rispondono a quello che gli dicono i clienti. Hanno un reparto ortofrutta ben fornito, macelleria, pescheria, pane, hanno anche panini imbottiti che possono riscaldare su richiesta del cliente con una piastra. Reparti: alcolici, secchi, grissini, cracker, patatine, brioche e biscotti, cioccolato, bibite, acqua e vendono inoltre giocattoli o cose non alimentari. Hanno tutto, ma i prezzi, ho notato, sono più alti (non di molto, ma sul totale si sentirebbe, + 0.30 su un prodotto, + 0.25 su un altro ecc.) rispetto ad altri posti. Fanno orari molto lunghi, il posto che abbiamo visitato io e i miei amici fa orario continuato 9.00/22.00 tutti i giorni, è quindi stressante per chi vi lavora! I prodotti, non so, hanno poca qualità rispetto a quelli di altri posti, tipo, presi una volta i crackers "loro", erano insipidi (una fatica finirli!) un panino imbottito che ho preso era raffermo (e costava 2.49 € ...

Anna dai capelli rossi (Lucy M. Montgomery) 13/11/2016

La storia di Anna,raccontata da Giunti

Anna dai capelli rossi (Lucy M. Montgomery) Questa storia mi ha molto appassionato, il cartone animato, tanto che, dopo aver visto la serie in TV, ho comprato il libro della RaiEri del 1980 cartonato, con le illustrazioni del cartone, e il libro della BUR, che ho trovato usato in una libreria e ho preso immediatamente, come manco fosse l'ultima copia nell'Universo ^^ Amici, che mi hanno sentito appassionato, mi hanno regalato questa edizione, della Giunti, che ho letto più per curiosità che per altro: ho notato, rispetto alle altre edizioni, che questa edizione è più infantile, nelle espressioni, rispetto che la Bur, intendiamoci, la storia è quella classica, descritta nei minimi particolari, ossia i Tetti Verdi dove vivono Marilla e Matthew Cuthberth, 2 anziani fratelli che stanno invecchiando, e per questo decidono di adottare un orfano che aiuti Matthew, malato di cuore, nei lavori nei campi; per un malinteso arriva però una bambina gracile e lentigginosa, coi capelli rossi, Anna, che dapprima verrà rifiutata, ma poi accolta nella famiglia, dove saprà farsi voler bene, e la storia qui narrata nella Giunti è quella integrale, tutto apposto, con una prefazione della narratrice che ci racconta qualcosa di Lucy Maud Montgomery, l'autrice di Anna dai capelli Rossi. Però non mi ha appassionato come l'edizione Bur, anche i caratteri, può sembrare una banalità, preferisco quelli dell'edizione Bur, questi non mi attirano, non so come spiegare, di questa edizione mi piace la copertina, gialla con Anna seduta alla stazione, ...

MonstersGame.it 11/11/2016

Dopo l'entusiasmo iniziale diventerà una noia mortale ed eterna

MonstersGame.it Un giorno ero in una chat, da solo, mi entrò una ragazza, mise un link che andai a cliccare, e mi ritrovai nel gioco di Monstersgame; la fanciulla che mi aveva morso era una Vampira e così divenni un Vampiro. Dopo l'iscrizione, molto intuitiva, ci si deve registrare con una mail valida e confermare l'account, si inizia il gioco, si è teletrasportati a Shadow, e io Vampiro avrei dovuto cacciare i lupi mannari, in una guerra eterna in cui le due razze si sarebbero dovute dare battaglia, per sempre. All'inizio è una figata, si combatte per livellare, diventare sempre più forti, acquistando, dal livello 1, delle armi e delle armature dal commerciante, dove è possibile equipaggiarsi per difendersi meglio dagli avversari durante le battaglie (dopo vi spiegherò bene la cosa) pozioni di colore blu per aumentare la nostra forza per un'ora (piccole, medie e grandi) e pozioni rosse per ricaricare le energie rosse (mini, piccole, medie, grandi, giganti) che ci ricaricano da 25 puntivita a 5000. Il gioco si articola nella caccia all'umano, nel quale il personaggio entra negli accampamenti umani (qui gli umani sono trattati alla stregua di frutta e verdura) a fare razzie, possiamo prendere palo/cestino/vagare senza meta (andata malissimo) il villaggio (pochissimo sangue ed oro) la cittadella (poco sangue ed oro) la città (un bel po' sangue ed oro) la capitale (LUSSO!!!) queste prede vanno ad ampliare il diario del nostro personaggio. Abbiamo un massimo di 1 ora al giorno per cacciare, ...

Come si è modificato nel tempo il nostro rapporto con la TV? 07/11/2016

Oggi la tv trasmette solo spazzatura e molti l'hanno abbandonata

Come si è modificato nel tempo il nostro rapporto con la TV? Mi ricordo che anni fa ero molto amico della TV, vi ho trascorso l'infanzia, l'adolescenza, e dalla TV ho imparato tante cose, oltre che avere avuto una grandissima Amica che ha saputo anche intrattenermi e mi ha fatto compagnia, a me e ai miei, nei pomeriggi o nelle varie serate. Ricordo trasmissioni ormai dimenticate, come "Il pranzo è servito" con l'inimitabile Corrado, inimitabile Presentatore, un mito, e la SUA corrida, assieme al maestro Roberto Pregadio, che pregava alzando gli occhi al cielo quando un concorrente era "troppo" in tutti i sensi... Plauso poi al Bim Bum Bam, nato il 12 settembre 1983, ci sono cresciuto con quei cartoni animati, David Gnomo, l'incantevole Creamy, la magica Emi, il conte Dacula, Il mistero della Pietra azzurra, Milly un giorno dopo l'altro e Papà Gambalunga per citarne solo alcuni, non semplici cartoni ma leggendari Capolavori, chissà se un giorno una mia opera potrà essere apprezzata a quel modo...ricordo che facevo correre mamma e papà dopo l'asilo e la scuola che mi aspettavano quegli amici. Conobbi poi, su emittenti locali, capolavori degli anni '70-80, L'uomo Tigre, il grandissimo!!! Rocky Joe, i vari robottoni (Mazinga/jeeg/Goldrake/Danguard) oggi "persi nello scorrere del tempo" senza dimenticare Ken il Guerriero e Sampei ragzzo pescatore. Vorrei poi ricordare l'estate del 1997 quando su Italia 1 vi fu il massimo splendore del Bim Bum Bam, con alle 16 "Notizie da prima pagina" cartone animato francese di due reporter avventurosi, ...

Come sopravvivere alla scuola 06/11/2016

I pensieri di una ragazza allegra, vivace e solare

Come sopravvivere alla scuola Avevo conosciuto Eleonora Olivieri tramite Youtube, dove mi uscirono dei suoi video, ragazzina giovane (ha 16 anni, è nata nel 2000) ma che già fa parlare di sè, nel bene, è simpatica, è piacevole sentirla parlare, è anche carina, ha i suoi ammiratori e di questo sono felice per lei, onore a lei, che nonostante sia solo una adolescente si sia conquistata lo spazio che si è conquistata, meritatamente. Mai volgare, sempre gentile ed affabile, e si gioca bene gli argomenti che tratta nei suoi video. Ho preso questo, uno dei 4 manuali a lei dedicato, nella quale Eleonora parla, in queste pagine, della scuola, la sua visione della scuola, lo fa in maniera allegra e spensierata, solare, come è l'autrice nei video di YT, ma, più che un libro, è più un diario personale, e, a mio parere, i diari dovrebbero stare in un cassetto, non essere messi alla pubblica piazza, ma forse sono io che sono di mentalità antica e mi dovrei aggiornare. Eleonora consiglia, a suo modo di vedere le cose, come rapportarsi con compagni, professori, come fare amicizia più facilmente, come studiare più proficuamente e come non fare certi errori ma riconoscerli per tempo; a mio parere però ognuno di noi è unico e, quello che va bene ad uno, non va bene ad un altro, è questo il bello, l'unicità, non mi piacerebbe stare in un posto dove sono tutti le fotocopie dell'altro. Forse qualcuno troverebbe i consigli di Eleonora inutili, per qualcun altro potrebbero essere utili, ripeto, questo dipende da ognuno di ...

Hunger games. La trilogia (Suzanne Collins) 04/11/2016

Una grande edizione per un grandissimo fenomeno editoriale!

Hunger games. La trilogia (Suzanne Collins) Anni fa pochi conoscevano "Hunger Games" quando stava sugli scaffali di una biblioteca, io ne avevo sentito parlare e, quando ne ebbi l'occasione, lo acquistai, non mi sono mai pentito della scelta. Racconta delle peripezie di gente che vive in un futuro post apocalittico, dove il mondo in cui si svolgono le vicende della nostra storia (nord america) è stato suddiviso in 12 settori, alcuni più ricchi, altri molto poveri, e il distretto 13 è stato addirittura annientato! Ogni anno, per ricordare la rivolta, quelli di Capital City indicono un concorso, nel quale 2 giovani, 1 maschio e 1 femmina, tra i 12 e i 18 anni vengono sorteggiati, o si offrono volontari, per partecipare alla mietitura, una sorta di reality show, seguito dal mondo intero, dove si vedranno i ragazzi darsi battaglia, fino a che non ne sopravviverà uno solo, il quale avrà salva la vita e porterà onore e gloria al suo distretto. La protagonista della nostra storia, Katniss Evergreen, è una delle sorteggiate, e si offrirà volontaria per salvare sua sorella Prim, che era uscita, nonostante ci fosse un solo biglietto col suo nome (in questo posto le famiglie, per comprare i viveri, possono chiedere di mettere più biglietti col nome di chi potrebbe partecipare agli HG, così aumentano le possibilità di essere scelti, mentre di Katniss c'erani tanti biglietti) e per il distretto 12 di cui fa parte Kat viene scelto Peeta, il figlio del fornaio e amico di Kat. Dopo il sorteggio, danno un'ora di tempo per salutare, ...

Guida non ufficiale a Pokémon GO. Segreti, trucchi e suggerimenti dell'app di cui tutti parlano 03/11/2016

Cambiando le copertine il risultato non cambia!

Guida non ufficiale a Pokémon GO. Segreti, trucchi e suggerimenti dell'app di cui tutti parlano Prima di prendere il libro che andai a recensire in passato, la guida pokemon, durante la "febbre di agosto" per questa app, presi questo prodotto, il quale riporta paro pari quanto si può trovare gratuitamente in internet, cose che si possono capire anche da soli, una guida, oggi che sto scrivendo l'opinione, inutile, perchè non riporta i nuovi aggiornamenti, ossia il compagno, quando cioè affianchiamo 1 pokemon al nostro allenatore, che, km e km che facciamo, ci dà caramelle per la sua crescita, che non ci sono più le zampine, che ci dice dove sta un certo pokemon, in quanto il gioco si aggiorna nel tempo, a mio parere peggiorando le cose, infatti con gli ultimi upgrades il gioco non funziona più sui telefoni più vecchi e questo genera un certo malcontento. Questa guida non ci dice dove trovare i pkm più rari, quello lo si impara col tempo, giocando, sperimentando, magari usando anche qualche trucco tipo fake gps, non ce lo deve dire una accozzaglia di carte, che costa anche caro, visto quello che offre, e non è nemmeno una guida ufficiale come riportato in calce sulla copertina! Mi disse il libraio che io solo, lì, acquistai quella guida, ma me la cambiò con l'altra guida, che ho già recensito, e che, per mia fortuna, era difettata e la potei cambiare con qualcosa di più utile ed istruttivo. Volete buttare soldi? Questo libro fa per voi. Viceversa, lasciatelo sugli scaffali della libreria, fino a quando non lo ritireranno, se lo ritireranno, altrimenti per me può anche ...

Pokémon GO! La guida essenziale per diventare Pokémon master (Cara Copperman) 30/10/2016

Cose già dette e sentite inutile buttare via 10 €!

Pokémon GO! La guida essenziale per diventare Pokémon master (Cara Copperman) Il fenomeno del momento ha portato alla stesura di guide per aiutare i provetti allenatori a dare il meglio di loro e anche di più, peccato che questa guida non sia la trasposizione su carta di guide online, che nulla aggiunge a quanto già si sa su quel gioco, che sta morendo giorno dopo giorno, amici che ci giocavano hanno smesso per noia, alla fine il gioco è sempre la solita zuppa, si esce a caccia di pokemon, se si trovano e si catturano si amplia il pokedex, se non si trovano perchè non ce ne sono, che sei in una zona "povera" non vai avanti, e ti costringono a smettere! Niantic preferisce pensare a nuovi metodi per bloccare eventuali bari, chi usa l'emulatore per giocare e divertirsi, invece di sistemare i bug e i crash che vanno a danneggiare una struttura già poco stabile di suo, invece di pensare a novità per attirare player! E bloccando gli emulatori uccidono anche i vecchi telefoni, e nessuno sano di mente cambierebbe un telefono ancora buono per giocare con una app che è praticamente morta, o poco le manca per defungere! Bene, questo libro, peraltro non guida officiale, non è nient'altro che il ripetere delle nozioni che un giocatore sa già! Cose che si comprano in edicola, in riviste ben più dettagliate e corpose di questo manualino, o che si possono trovare tranquillamente su internet, in blog, forum, spazi dedicati a questo giochino, che non è Pokemon! Che, parere personale, se io son in giro a caccia e ho le mano occupate dal telefono non ho mani aggiuntive ...

Mia madre è Satana. Diario di un figlio bullizzato dalla mamma (iPantellas) 29/10/2016

Benvenuti alla fiera della boiata,per farvi due risate!

Mia madre è Satana. Diario di un figlio bullizzato dalla mamma (iPantellas) Oggi un amico ha comprato il libro de "IPantellas" due ragazzi che fanno video su YT e sono anche su FB, e hanno un discreto pubblico. Glielo ho chiesto in prestito per darci una occhiata, e potervi fare una recensione seria, il libro lo ho letto tutto (ci ho messo 30'); il linguaggio è abbastanza scurrile, ma diverte, a modo suo, quelle situazioni/gag, sono scritte in maniera divertente, anche se, come libro, non lascia niente, sono praticamente gli sfoghi di gente isterica che ha delle idee balorde, o almeno, il messaggio che arriva è quello, anche se, si sa, essendo IPantellas molto famosi, si sa che scherzano e non fanno sul serio. A mio parere però 16 € sono una esagerazione per un prodotto del genere, che poco dura e non vi lascia niente, e a mio parere è utile solo per farsi due risate, quando si è giù di morale, o quando proprio ci si vuole rilassare, sono sciocchezze che sanno però tenerci compagnia, le hanno orchestrate bene e questo glielo riconosco. Vi confesso che mi hanno ispirato un mio prossimo scritto, che andrà a fare compagnia a due dei miei romanzi pubblicati ora in ebook, sui quattro che ho scritto sino ad ora. Le pagine svolazzano velocemente, sono proprio pensieri, senza un senso logico/una storia, mini gag, diciamolo, non hanno figure, ma solo disegnini senza senso qua e là; secondo me, definire, sebbene in modo scherzoso, una mamma "satana", a mio avviso, è eccessivo, e sul bullismo non ci sarebbe da scherzare; poi, ripeto, parere personale, è sempre ...

Darkwatch (PS2) 27/10/2016

Spaghetti Western con salsa di sangue di Vampiro

Darkwatch (PS2) Se vi dico di un videogioco ambientato nel western tutti o quasi mi risponderanno con "Red Dead Redempion" io però ho trovato, in occasione da GS, sugli scaffali, questo gioco, lo ho preso e lo ho provato, non me ne sono pentito. E' il primo gioco per Ps2 con sparatoria in prima persona, ossia che vediamo solo la pistola e non il personaggio che si muove (a parte una breve parte all'inizio in terza persona) pubblicato nel 2005, distribuito da Capcom in America e da Ubisoft in Europa. Impersonifichereno Chris Jericho, uno spietato fuorilegge, che ha deciso di rapinare un treno sperando di fare un bel colpo, l'unico colpo che ottiene è quello di liberare Lazaruss, un crudele demone, che i Darkwatch, una sorta di ranger del paranormale, stavano portando al sicuro! Il demonio ora libero appesta le terre circostanti e trasforma Jericho in vampiro, ora noi potremo sfruttare i suoi poteri nel gioco! Scopo del gioco sarà fermare Lazaruss, che fu anche il creatore dei Darkwatch, ma sarà tutt'altro che facile, ha appestato le terre di morti viventi, streghe e altre creature paranormali che ci renderanno la vita un inferno!!! Ogni nemico ha le sue forze e debolezze, ad esempio gli scheletri muoiono con un colpo di calcio di fucile (quindi non serve sciupare munizioni con loro) le streghe volano, quindi si dovrà cercare di averle a tiro e bastonarle, degli zombie obesi non esploderanno con un semplice candelotto di dinamite, scheletri kamikaze che corrono con un barile di dinamite ...

Come ci proteggiamo dalle influenze stagionali? 24/10/2016

Non fare i leoni anche se il tempo non ci aiuta

Come ci proteggiamo dalle influenze stagionali? "Non ci sono più le mezze stagioni" quanto è vero! Oggi piove e fa freddo, domani c'è un sole che scioglie l'asfalto, dopodomani magari nevica e il giorno seguente magari ci saranno 40° all'ombra. Il tempo non ci aiuta, non è più come un tempo quando l'autunno era tiepido, l'inverno freddo e moderato, si riscaldava in primavera e d'estate faceva un caldo non insopportabile! Con il tempo pazzo il corpo si debilita, ci si ammala più facilmente, ma è naturale, non so se e quanto un vaccino possa aiutarci nel caso, di certo potremmo essere costretti ad un pit stop forzato. Sperando di avere un lavoro da dipendente, dove se ci si ammala comunque abbiamo una retribuzione, perchè se facciamo un lavoro da libero professionista se ci si ammala quei giorni sono persi e non si guadagna. Uscire si deve uscire di casa, o per lavoro o per fare la spesa, quindi potremmo essere a contatto con dei microbi, o contrarre l'influenza da un paziente "X" che, già ammalato, ci contagia. Personalmente io credo che, oltre a sperare di non ammalarsi, non si debba fare gli eroi, ossia andare in giro con abbigliamento estivo quando fa freddo (io in gioventù lo ho fatto, sono andato a una fiera del fumetto in cosplay, avevo un costume leggero, sono uscito in giardino per fare delle foto che mi avevano chiesto, fuori freddissimo, dentro il torridume, il giorno dopo 39 di febbre e una settimana a letto!) se non ne siamo costretti (amiche modelle ne sono costrette, a stare in sandali senza calze, o vestiti ...

Ti scatteró una foto.. Sí, ma in digitale o facciamo sviluppare il rullino? 14/10/2016

La tradizione non sarà mai battuta,o è il momento di aggiornarsi?

Ti scatteró una foto.. Sí, ma in digitale o facciamo sviluppare il rullino? "Una foto non scattata è un ricordo che non c'è". Così recitava uno slogan in una reclame degli anni '90. Oggi, come è diventata la fotografia? Vediamo di riproporre la storia della fotografia, da ieri ad oggi. Bellissimo questo argomento del mese, che mi tocca molto sul personale, e vi posso parlare di una mia passione che ho! In passato si facevano i ritratti, solo che serviva tempo per disegnare una persona, giorni, settimane, mesi...e non tutti erano in grado di disegnare, infatti gli artisti, veri ARTISTI, venivano pagati molto bene, vitto e alloggio compreso, e non era male. Citando Wikipedia "La storia della fotografia descrive le vicende che portarono alla realizzazione di uno strumento capace di registrare il mondo circostante grazie all'effetto della luce. Utilizzando le scoperte e gli studi iniziati già nell'antica Grecia, la fotografia si concretizzò agli inizi dell'800 e si sviluppò arrivando alla riproduzione del colore e all'utilizzo di supporti digitali, imponendosi inoltre come mezzo artistico capace di supportare e affiancare le altre arti visuali. La fotografia si è affermata nel tempo dapprima come procedimento di raffigurazione del paesaggio e dell'architettura, poi come strumento per ritrarre la nascente borghesia e il popolo. La diffusione sempre maggiore del mezzo fotografico portò ad uno sviluppo della sensibilità estetica e all'indagine artistica del nuovo strumento, consentendone l'accesso nelle mostre e nei musei. Ebbe inoltre un ruolo ...

Nintendo Pokemon GO PLUS Mobile 14/10/2016

Come direbbe Fantozzi "E' una cagata pazzesca!!!"

Nintendo Pokemon GO PLUS Mobile Pokemon Go, data di uscita 15 luglio 2016. Tutti che si sono scoperti fan dei mostriciattoli. Dopo 2 mesi, da 75 milioni di player, 15 milioni hanno abbandonato. Questo perchè? Perchè la Niantic (colei la quale ha programmato e messo in rete il gioco in collaborazione con Nintendo) fa una miriade di cagate! Innanzitutto, il gioco che doveva uscire il 15 luglio, c'erano degli apk in rete coi quali si poteva giocare in anteprima (quindi se uno abitava in una grande città faceva 25 lv in quei giorni!); se uno abita in una grande città ha Pokemon e Pokestop (dove recuperare oggetti per giocare tra cui le pokeball per catturare gli animaletti) in abbondanza, mentre se sta in un piccolo paesino che non lo conoscono manco i suoi residenti non avrà niente se non il deserto, e la Niantic se ne sbatte di questo!; bug, crash e altri disagi! I server non reggono più di tanto, e anche il GPS impazzisce, e il nostro personaggio se ne va in giro per i cazzi suoi!, magari lo troviamo a New York mentre noi stiamo ad Osaka; LA NIANTIC BANNA POSSIBILI BARI, E TRA I BAN BANNA ANCHE GENTE CHE GIOCA ONESTAMENTE, SE LA NIANTIC SOSPETTA CHE UNO GIOCHI CON DEI TRUCCHI LO BANNA, E SE QUESTI FA RICORSO AL 99.9% LA NIANTIC NON LO CALCOLA!; Il gioco è progettato per Android 4.4 o Ios 5+, se uno ha Windows phone non può giocare; un disabile non può giocare a pokemon go perchè non può uscire di casa! Mi pare che ce ne sia abbastanza per associare pokemon go a merda, aspettate questa informazione: dei ...

youtube.com 17/09/2016

Uno strumento,dipende da chi lo usa se è eccellente o pessimo

youtube.com 2004, anno di nascita di YT: da allora ne ha fatta di strada questo servizio. Oggi chiunque ne può usufruire, basta avere un mezzo di riproduzione per fare video (un cellulare ad esempio) e postare video sul canale, aspettare visualizzazioni, se alle persone piace quello che viene postato l'autore del canale può avere successo, e fare carriera, YT può essere il trampolino di lancio di una brillante carriera. Su YT c'è tutto, immaginate qualsiasi cosa e c'è, ho visto video di recensioni di videogiochi, cartoni animati, film, sigle di cartoni animati, ma anche cose assurde come gente che calpesta giocattoli, insetti, non chiedetemi per quale motivo lo faccia, la mente umana è un argomento molto bello e complesso ma non per questo vi si deve perdere il sonno per comprenderla, o tentare di capirla. YT ha visto la nascita, e la consacrazione, di parecchie persone, ho sentito che se uno fa video che piacciono può chiedere alla piattaforma una sponsorizzazione, e dopo tot visualizzazioni venire pagato per i video che vengono visti, quindi vive di rendita, in un certo senso, come se costruisce un acquedotto che gli dà acqua mentre lui fa altro, se sfruttato bene il mezzo può essere utile, certo serve anche un bel po' di fortuna, e serve di starci dietro, direi di caricare almeno un video alla settimana sulla piattaforma, fare video utili, simpatici, incontrare il favore del pubblico, mettersi in piazza e farsi accettare dal pubblico del web. Ho visto anche gente crollare, per i ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra