Condividi questa pagina su

rosso Status rosso (Livello 5/10)

Zeikfried

Zeikfried

Autori che si fidano di me: 7 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Opinioni scritte

dal 14/10/2007

245

Cartoomics 2014 18/03/2014

un castello di carte crollato!Un fuoco di paglia già consumato!

Non vedevo l'ora che arrivasse Marzo per tornare alla Cartoomics, la fiera di fumetti a mio avviso più bella del Nord Italia, seconda solo a Lucca Comics. Giorni dela fiera dal 14 al 16 marzo 2014, dalle 9.30 alle 19.30. Anche questo anno, come l'anno passato, la fiera si è tenuta a Rho Fiera, a mio avviso un'ottima location, io ci arrivo col treno e col passante ferroviario, e in 5 minuti siamo arrivati. Vorrei però segnalare che i parcheggi in loco sono un suicidio, 16.50 € per 8/10 ore di parcheggio, una rapina! Io non ho la macchina, non ho quel problema, ma segnalarlo è d'uopo! Ingresso in fiera: 13 € intero 10 € con sconto stampato da internet handicappati con accompagnatori e bambini 0/10 anni gratis online 9 €, con ricarica in internet ***solo venerdì 14 marzo studenti di scuole medie/superiori in gruppo 5 € a testa, cosplayer gratis*** E già qui iniziano i problemi: una mia amica aveva comprato il biglietto online, poi si è fatta male, ha chiesto il rimborso, non so se le sia arrivato, si lamentava che fossero lenti nella restituzione dei soldi. Come si dice "se devi prendere i soldi sei Flash, ma se devi restituirli sei Slowpoke" Poi, venerdì, cosa c'è di norma? La scuola, o il lavoro, quindi quella giornata è limitata, non tutti ci potranno andare in fiera e la fiera si tutela da troppi che vogliono entrare gratis. Abbonamento 2 giorni 15 €, 3 giorni 20 € Niente animali domestici in fiera, per tutelare la loro incolumità. Le casse erano veloci e affidabili, i ...

Governo Renzi. Un governo giovane e con alta percentuale di donne, pensate sia una svolta positiva o rimanete scettici? 05/03/2014

Cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia

Governo Renzi. Un governo giovane e con alta percentuale di donne, pensate sia una svolta positiva o rimanete scettici? Da quanto ricordo il governo Prodi ha fallito, e siamo caduti nella merda; Berlusconi, osannato come il salvatore della patria, ha mollato; Monti, si è dimesso prima che lo linciassero; Letta, aveva grandi speranze ma anche lui è caduto. Ora c'è Renzi, che già come biglietto da visita non mi dà tante speranze, uno che ha fatto il concorrente alla Ruota della Fortuna, vede forse un gioco il governare questo paese, che, dal mio punto di vista, è morto e sepolto, Rip Italia, qui siamo a Merdonia? Non prendetemi come un ingrato, come uno che sputa nel piatto in cui mangia, io sono orgoglioso del mio paese, per quante delusioni ci sta dando, se ne parlo così è perchè voglio che il popolo, la vera forza, si svegli, e la smetta di credere alle fandonie che un gruppo di pagliacci ci racconta; come vidi tempo fa su un link di Facebook, i politici ci vogliono far credere che tutto va bene, ma non è così, troppe persone si suicidano, c'è chi si ammala, per il nervoso, chi si chiude in sè stesso, c'è chi vorrebbe combattere ma farebbe la fine dello scarafaggio sull'autostrada, e credo di essermi spiegato. Si dovrebbe prendere in mano la situazione, basta fare satira sul nostro paese, quanti link su facebook che dicono che questo paese è morto, che dicono che siamo gli unici che abbiamo un presidente ottuagenario, anzi, di più, ora abbiamo un governo giovane, ma non so se ce la farà a rattoppare le falle di questa nave, abbiamo imbarcato troppa acqua, ora come ora serve un gesto forte ...

Sanremo 2014. Al via la 64a edizione del Festival più famoso d'Italia. Solo tradizione culturale o anche una vetrina utile al rilancio dell'industria discografica italiana? 25/02/2014

Perchè Sanremo è Sanremo? NO!

Sanremo 2014. Al via la 64a edizione del Festival più famoso d'Italia. Solo tradizione culturale o anche una vetrina utile al rilancio dell'industria discografica italiana? Anni fa si aspettava con ansia il Festival di Sanremo, ma oggi? Ai giovani non piace, nessuno lo ha visto, solo pochi nostalgici, ma chi lo ha visto, ho sentito, ha detto che era uno spettacolo mal organizzato, Fazio e la Littizzetto hanno avuto un sacco di soldi per presentare lo spettacolo e, nonostante i loro sforzi, non sono riusciti nell'impresa, di rilanciare una trasmissione che oramai ha toccato il fondo, per non dire che lo ha superato. Secondo me, chiunque fosse stato chiamato a condurre il festival, facendo parte dello spettacolo, sarebbe stato criticato "perchè si prende un sacco di soldi quando, per colpa della crisi, famiglie non arrivano alla fine del mese e gente innocente si suicida", io credo che anche un disoccupato, probabilmente, sarebbe stato criticato "perchè lui si e io no?" sarebbe serpeggiato, "lui probabilmente è raccomandato!" si sarebbe detto "perchè se non lo sei nessuno ti calcola" come accade in tante occasioni, dire che, anche se un disoccupato prendesse 10000 € per quelle serate, spesato vitto e alloggio, sarebbero dei soldi che lo potrebbero aiutare per qualche tempo, aiutarlo magari a rilanciarsi, certo, perchè scegliere Tizio, a discapito di Caio, con le proteste di Sempronio? Poi certo, se uno si prende quei soldi magari una persona li sperpera in vari modi, qualcuno li potrebbe investire, qualcuno li mette via e li usa per le emergenze, dipende da caso a caso. La verità di questo è che Invidia ed Egoismo vanno a braccetto in questi ...

Violenza sulle donne. Quali potrebbero essere i comportamenti e le soluzioni migliori utili a debellare questa piaga sociale? 06/02/2014

Comoda prendersela con i più deboli!

Violenza sulle donne. Quali potrebbero essere i comportamenti e le soluzioni migliori utili a debellare questa piaga sociale? E' un argomento che sento molto, avendo vissuto il bullismo in varie occasioni, e questa cosa, a mio avviso, è una sorta di bullismo, probabilmente peggiore del bullismo stesso. Una donna non si può difendere come un uomo, e se lo fa viene accusata di non essere abbastanza femminile, lo stereotipo della nostra società non prevede di vedere una ragazza con i muscoli come un maschio, e se una ragazza dovesse palestrarsi risulterebbe disgustosa. Purtroppo il nostro "paese" non prevede una difesa personale, o meglio, la cosa è complicata, ci sono delle leggi, ma ognuno le interpreta come meglio crede, per dire, io provai ad acquistare un taser, per la mia difesa personale, dopo avere subito una aggressione da un balordo, nei posti ove lo chiesi mi dissero: 1)è illegale, se te lo trovano addosso avrai problemi; 2)lo puoi comprare, ma lo dovrai tenere in casa, non lo potrai portare in giro; 3)lo puoi comprare, portare in giro, ma le lo usi per fare lo stupido potresti avere problemi seri, anche se l'aggressore dovesse avere conseguenze anche pesanti. Insomma, con un regolamento del genere, come possiamo sapere se quello che stiamo facendo è giusto o sbagliato? Se il difenderci da una aggressione ci porterà dalla parte del torto, a noi, vittime, passare per carnefici? Io sono favorevole ad insegnare l'autodifesa alle ragazze (ho insegnato ad amiche ad usare tacchi e plateau non solo per camminare), sono favorevole che girino con uno spray al peperoncino in tasca/borsetta, il ...

modelshoot.net 20/12/2013

Non è possibile esprimere liberamente la propria passione/lavoro

Auchan 28/11/2013

Dal punto di vista del promoter,troppe regole rigide,1 dittatura

Auchan Vorrei scrivere questa opinione dal punto di vista del promoter che va a promuovere i prodotti nell'ipermercato, ho avuto questa esperienza ed ora ve la vado a narrare; sarà una opinione particolare, non so nemmeno se sia il posto giusto ove scriverla, nel caso mi scuso di averla redatta qui, e indirizzatemi dove posso esprimere le mie memorie a riguardo. Anni fa promuovevo prodotti di elettronica in un centro commerciale che alle 12:30 chiudeva per la pausa pranzo, e faceva uscire tutti: io allora andavo all'auchan, lì a un tiro di schioppo da dove lavoravo, e mangiavo lì. Come posto è ottimo, ha prezzi molto buoni, il personale è gentile, ci sono vari negozi, dall'elettronica, alle gioiellerie, al Gamestop, a cui io faccio sempre tappa, negozi di abbigliamento e calzature, serramenti e molti altri. Dopo la tappa GS mi sedevo su una panchina a mangiare un panino e tiravo l'ora di tornare al lavoro. L'ultimo giorno di promozione mi accorgo che lo zaino è più disordinato del solito, allora decido di sistemarlo, che ho tempo: dimentico un disegno che ho fatto su una panchina, le persone si fermano a guardarlo, mi fanno i complimenti, decido di lasciarlo lì che non dà fastidio a nessuno, penso. Poco dopo arrivano le guardie addette alla sicurezza, che mi chiedono di togliere quel disegno, che sto facendo una mostra non autorizzata, chiedo che fastidio dia, che non sto vendendo niente, nel caso avrei capito il disagio, ma per una cosa del genere dovevano sorvolare, tanto più che ...

Ufo Robot Supersigle - AA. VV. 11/11/2013

Un tuffo nel passato: UFO ROBOT! UFO ROBOT! SUPERSIGLE DAVVERO!!!

Chi vuol essere miliardario (PS) 08/11/2013

Gerry Scotti in casa vostra,lezioni gratuite e apprendimento

Chi vuol essere miliardario (PS) Questo gioco ricalca in maniera più che fedele il gioco "Chi vuol essere miliardario" portato al successo da Gerry Scotti. Si devono giocare 15 domande, nella scalata al miliardo. Le prime 5 domande sono abbastanza facili, direi fino alla 7, dalla 8 in su le cose si fanno toste. Si hanno 3 aiuti pubblico 50:50 (toglie 2 risposte errate su 4) telefonata a casa si vincono, nell'ordine, 100000 lire 200000 lire 300000 lire 500000 lire 1000000 lire (qui una volta raggiunto questo traguardo i soldi non ce li porta più via nessuno, prima invece si può tornare a casa a mani vuote) 2000000 4000000 8000000 16000000 32000000 (altro traguardo, prima di questo si torna al milione) 64000000 125000000 250000000 500000000 IL MILIARDO!!!! Gerry Scotti è come nella trasmissione, ride e scherza con noi, e se perdiamo si dispiace, si può anche lasciare il gioco quando si vuole, a qualsiasi cifra. Di norma il pubblico è affidabile sino alla domanda 8, poi non più, e la telefonata non è detto che ci dica la risposta esatta. Il gioco dura circa 30', con internet si raggiunge il milardo, senza...io mi sono fermato a 16 milioni senza + aiuti e ho perso. E' un gioco istruttivo ed educativo, da fare da soli o in compagnia, col multitap è possibile fare "il dito più veloce" e vedere chi giocherà per primo, nella scalata verso la vetta. Uno stupendo gioco nei ricordi della Lira, a mio avviso la NOSTRA, SOLA E UNICA MONETA!, quando a mio avviso le cose andavano meglio. Il gioco contiene un ...

Bullismo. Un fenomeno la cui portata viene spesso sottovalutata. Comportamento esclusivamente giovanile o problema profondo della personalità? Dite la vostra! 05/11/2013

Morte ai bulli! Non sono umani! E non restate mai da soli!!!

Bullismo. Un fenomeno la cui portata viene spesso sottovalutata. Comportamento esclusivamente giovanile o problema profondo della personalità? Dite la vostra! Mi scuso subito per il titolo, ma questo argomento mi tocca personalmente, avendolo subito da molto tempo, e anche ora, anche se sono cresciuto, lo subisco ancora, non più a scuola, ma magari a colloqui di lavoro, o con amici, se si aggrega alla compagnia qualche elemento provocatorio. A scuola sono stato un ragazzo particolare, non parlavo di "sesso" come molti miei coetanei, non facevo sport, non seguivo la moda, stavo nel mio mondo, sono un "otaku", ossia preferivo trascorrere i pomeriggi attaccato alla tv a seguire il bim bum bam e i cartoni animati, *E DI QUESTO NE SONO ORGOGLIOSO*, i miei migliori amici di infanzia, oltre gli animali, sono stati Naoto Date (l'Uomo tigre), Kenshiro (Ken il guerriero) e i cartoni che giravano in tv all'epoca. Le ragazze non mi notavano, anzi, mi dicevano che ero un cesso, e uno sfigato, anche, ero un bambino, e i coetanei sovente mi picchiavano, io, non facendo sport ed essendo gracilino, oltre ad avere questa passione che mi porterò dietro fino a quando avrò vita, ero il loro bersaglio prediletto. Anche i professori, per qualsiasi problema, essendo mio padre operaio e mia mamma casalinga, contro persone da conto (avvocati, medici, uno aveva persino una concessionaria) se la prendevano con me, o meglio, una professoressa, che ne faceva di preferenze, e puniva sempre me per ogni problema, mentre quelli là potevano fare come meglio credevano. Un giorno decisi di ribellarmi, ne dissi due a quella scofessoressa, fui molto pesante, le dissi ...

Immigrazione. I drammatici eventi di Lampedusa hanno riaperto il dibattito sui movimenti migratori. Raccontaci la tua su un tema dai grandi risvolti umani. 30/10/2013

Un problema che non deve essere sottovalutato

Immigrazione. I drammatici eventi di Lampedusa hanno riaperto il dibattito sui movimenti migratori. Raccontaci la tua su un tema dai grandi risvolti umani. "CI RUBANO IL LAVORO!!!" Quante volte abbiamo detto questa frase? Quante volte abbiamo detto "vaffa agli stranieri che ci rubano le nostre terre?" Quante volte abbiamo pensato di affondare quei barconi e di fare mangiare quelle persone dagli squali? Quante volte abbiamo detto "clandestini fuori dai confini/tornate al vostro paese?" Quante volte abbiamo accusato gli stranieri di rubarci le nostre cose e di farci del male con furti e violenze? E quante volte abbiamo detto "tutelano più lo straniero che noi italiani?" Sono cose brutte da dire ma vere, molti di noi non lo ammetterebbero mai, m questa è la realtà dei fatti: il 95% se non più della popolazione italiana si è rotta le scatole degli immigrati. Certo, bene e male ci sono dappertutto, loro, prima di essere clandestini, sono persone, come lo siamo tutti, io stesso che sto scrivendo questa opinione, nessuno di noi è perfetto, io stesso sono una antologia di difetti. Loro, nel loro paese, non hanno più nulla, sono disperati, e sono condannati a morire di fame, o di stenti, se restano là a non fare niente: per questo si rivolgono a personaggi senza scrupoli che, con la promessa spesso falsa di aiutarli, di portarli in paradiso, di dare loro una vita dignitosa, quindi racimolano i pochi soldi che trovano (e qui chi ci guadagna sono come sempre degli speculatori senza scrupoli, che per pochi soldi comprano i sacrifici di una vita di intere famiglie) e partono per il viaggio della speranza, senza sapere che non saranno ...

Activision Gungrave (PS2) 21/10/2013

Un bel gioco dura poco, Gungrave è così

Activision Gungrave (PS2) Ieri sono stato in un Gamestop e ho visto un gioco di ui ignoravo l'esistenza, Gungrave, per Ps2. Il gioco è precedente a Gungrave Overdose, è su DVD, del 2002, sviluppato da Activision. La grafica non è chissà che, il gioco è datato, ha solo 6 livelli ( è cortissimo) il primo livello il protagonista deve ripulire dai cattivi, gangster, un grattacielo (banale) il boss è un tipo stravagante che muore immediatamente o quasi; livello 2, magazzino/laboratorio, non troppo difficile, attenti ai nemici coi lanciarazzi; scienziati e gangster sono i nemici, il boss è un ciccione sfigato che muore abbastanza in fretta; livello 3, ora il protagonista va a Chinatown, dove, dopo aver distrutto tutto e ucciso chiunque si trovi sul suo cammino, dovrà raggiungere un dirigibile ed affrontare un terrorista obeso, sia nella sua versione umana che mutata; sottolineo che ci saranno nemici armati di spada, ma che vogliono fare delle spade contro le pistole di Grave? livello 4, i nemici di Grave uccideranno il dottor T., un suo amico, e rapiranno una bambina, Mika: il protagonista dovrà seguirli nelle metropolitane, sterminando gangster a colpi di pistola e bazooka, spaccando tutto, e affrontando infine, dopo essere sceso nei sotterranei della metro, a bordo di un treno, i soliti gangster, elicotteri e treni che viaggiano in parallelo a voi. Il boss è una specie di cybor che teneva in ostaggio Mika; livello 5, Grave entra dalle fogne e sale una torre, uccidendo i vari scienziati e i gangster che ...

Royal Baby. La nascita di un erede al trono e il nuovo volto della monarchia inglese. Cosa ne pensate? 15/08/2013

Ma chi se ne frega?Quanti bambini sono nati in quel giorno?

Royal Baby. La nascita di un erede al trono e il nuovo volto della monarchia inglese. Cosa ne pensate? Nuovo caso mediatico: la coppia inglese William & Kate hanno avuto un bambino! Finalmente è nato l'erede al trono! Felicitazioni! Si, ok, ma mi sa che si è pompata troppo la notizia, dal matrimonio, alla gravidanza, al fatto che Kate non fosse vergine al matrimonio, che Kate abbia detto "Wow!" vedendo lo sfarzo...qui se ne è fatto un caso di stato, festa popolare, quando di eccezionale non c'è poi chissà che! Kate e William sono una donna e un uomo che si sono sposati, hanno fatto quello che dovevano fare per avere un bambino e hanno avuto un figlio, frutto del loro amore: ma quante altre persone in quella stessa data sono diventati genitori? Facciamo un sondaggio e lo scopriremo...anche se la notizia che nasce un bambino in Etiopia/Brasile/Cina/Europa/ecc. passerà inosservata. A mio avviso si ha pompato troppo la notizia, hanno parlato oltre i limiti di un avvenimento importante, ma non troppo, quando ci sono argomenti a mio parere ben più importanti, come la Crisi economica, il fatto che tante, troppe persone non abbiano un lavoro, la guerra...invece hanno focalizzato troppo l'attenzione su quel fatto, quando, dinanzi a Dio, William e Kate sono due comuni mortali qualunque. E la satira si è fatta sentire anche su Facebook ad esempio, ricordo una vignetta con 4 persone che leggono il giornale "la crisi in medioriente", "disoccupazione alle stelle" "crisi europea" e tutti ammassati si chi leggeva che era nato il pargolo reale, ed era un maschietto! Ne hanno parlato sin ...

Io sono il Libanese (Giancarlo De Cataldo) 08/07/2013

Quando Er Libanese era ancora un "piskello"

Io sono il Libanese (Giancarlo De Cataldo) C'è un ragazzo in carcere, detto "Libanese" a causa della sua carnagione scura (ha origini calabresi, ma si è trasferito giovane a Roma con la sua famiglia). Era in carcere per una storia di armi, e un giorno il ragazzo salva da morte certa un giovane, che sta per essere ucciso da un "armadio umano". Il Libanese le prende anche, le guardie lo hanno scambiato per il cattivo: una volta chiarito l'equivoco, si scoprirà che è stato salvato il nipote di un boss della Camorra che, riconoscente, diverrà amico del Libanese, e gli proporrà un affare: 300 "testoni" (milioni delle vecchie lire) per un carico di droga da smerciare, con vantaggi per tutti. Il Libanese esce di prigione, va al bar con gli amici di sempre, Bufalo, Dandi, e Scrocchiazeppi, i quali vanno poi ad una festa dove incontrano "il Terribile" colui il quale si crede il re di Roma, ma non ne ha le caratteristiche per diventarlo, mentre quel posto è del Libanese, o almeno lui sogna questo. Il Libanese conoscerà poi una ragazza ricca, Giada, che ha tutto ma è annoiata e viziata, e per questo si droga e fa furtarelli: sogna di fare una rivoluzione, di cambiare le cose, ma non ha tenuto conto che la Strada, quella su cui il Libanese è cresciuto sin da piccolo, è brutta e cattiva, e quando lo capirà tornerà sui suoi passi, ritornando a studiare. Il Libanese la vorrà prima per sfruttarla e raggiungere l'obiettivo "300" che si è prefissato, poi gli verranno rimorsi di coscienza, tornerà da lei per amore, sino a capire che ...

Romanzo Criminale - Stagione 02 (Blu-ray) 26/06/2013

La fine di un sogno, ritorno alla triste realtà

Romanzo Criminale - Stagione 02 (Blu-ray) "Il Libanese" è morto la notte prima, i suoi amici della banda non si danno pace per quanto successo, ma anche la polizia è sul piede di guerra, per trovare il colpevole. A seguito di alcune indagini, dopo aver eliminato senza pietà chi parlava male di "Libano", si scopre che i colpevoli sono i fratelli Gemito, che già avevano tradito "Er Teribbile" mettendolo nelle mani del "Sardo" e della Banda. Ben presto i Gemito, nonostante le precauzioni, sono giustiziati, il primo con discrezione, in una sala da gioco, accoltellato allo stomaco, il secondo all'ospedale, dopo una sparatoria che, oltre a ferire un infame, ha incrinato il rapporto di amicizia e fiducia nella banda, e quella crepa porterà alla fine di un gruppo di amici, esaltati, ma che avevano portato alla conquista di Roma, tra gli anni '70 e '90. Infatti Dandi lascia alla mercè della polizia Ricotta, che viene ferito ad una gamba da Gemito, e Bufalo, che fuggirà ferito prendendo un ostaggio: quest'ultimo giurerà vendetta contro Dandi, e per anni sognerà il momento in cui lo ucciderà. Ricotta e Bufalo saranno condannati per l'omicidio della guardia del corpo di Gemito e altri reati, ma anche gli altri non se la passeranno bene: senza la guida del Libanese, che teneva salda la banda come una colla, ognuno pensa per sè, fa le cazzate, iniziative sbagliate, e nonostante si cerchi di mantenere compatto il gruppo solo il Dandi, che si prenderà la protezione di Mafia e Camorra, la farà franca. Pentimenti, tradimenti, ...

Il ragazzo di campagna 30/05/2013

La felicità è dove la hai lasciata, dove hai messo radici

Il ragazzo di campagna Artemio è un contadino che abita in un borgo di campagna chiamato 3 case, dove regna sovrana la noia (l'unico divertimento è andare a vedere il treno che passa una volta alla settimana da lì, e ci si deve pure portare la sedia), la sua casa è priva di comfort (luce, gas o acqua corrente) e questo ad Artemio pesa, nel 1984 vivere ancora come nel 1884. Il paese è popolato da vecchi, infatti Artemio non sa con chi sposarsi, c'è solo MariaRosa, la figlia del vinaio, circa sua coetanea (ma è brutta e ad Artemio non piace), la giovane è innamorata del contadino. La vita di Artemio è: sveglia all'alba, colazione con pane raffermo, via nei campi a zappare, sotto pioggia o sole o quel che c'è, pranzo sotto ad un albero (occhio alle formiche che mangiano tutto) poi a casa...una sera di queste MariaRosa va a trovarlo, e gli ricorda, con la madre, che Artemio oggi fa 40 anni. Il giovane si rende conto che non ha realizzato nulla nella sua vita, così decide di prendere il trattore, i risparmi di una vita e di andare in città, dal cugino Severino, detto "lo scorreggione", e fare fortuna in una metropoli. Arrivato a Milano gli viene sequestrato il trattore, non ha la patente per usarlo, la valigia gli viene portata via dai netturbini che la scambiano x spazzatura, mentre lui sta chiamando in cabina suo cugino, che lo viene a prendere e lo porta a casa sua. Severino ha la casa piena di roba e Artemio non capisce dove la abbia presa: i due, in motorino, vanno a fare un giro, e Severino ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra