Condividi questa pagina su

bronzo Status bronzo (Livello 7/10)

Zompo

Zompo

Autori che si fidano di me: 91 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Opinioni scritte

dal 23/07/2016

478

Fuori in 60 secondi (Dvd) 23/11/2017

Cage d'azione

Fuori in 60 secondi (Dvd) Un tempo seguivo tutti i film di Nicolas Cage, cosi ho visto anche questo in cui interpreta un bravissimo ladro d'auto uscito dal giro di nome Memphis. Tuttavia quando suo fratello viene rapito sara costretto a rientrare nel giro e rubare 50 auto di lusso in pochissimo tempo se vuole rivederlo vivo. Il film non brilla certo per originalita' ne' imprevedibilita', ma semplicemente e' quello che vi potreste aspettare dopo aver letto la mia breve trama, un film d'azione caricato da assurdita' in stile americano come se ne sono visti tantissimi. E Cage si e' fatto coinvolgere anche in questo progetto. Spesso mi sono domandato se la sua poliedricita' nel realizzare ruoli cosi diversi sia sinonimo di bravura, di voglia di mettersi in gioco o solo una scelta mirata a far piu soldi possibili finche era in auge. Analizzando tutti i suoi film mi sono reso conto che pur interpretando ruoli diametralmente opposti Nicolas usa sempre la stessa faccia e poche espressioni per delineare sempre lo stesso personaggio che tde al drammatico e all'esagerazione, un personaggio che ben si addice a qualsiasi situazione, specie nei film in stile tipicamente americano. Perche' vedere questo ennesimo film d-azio'e e di auto? Il film e' onesto e non pretende di essere nulla in piu di quello che e'> intrattenimento chiassoso ed eccessivo con una Jolie di contorno che non guasta mai. Se non avete niente da fare e vi garba il genere e' quello che fa per voi. Il dvd offre una buona qualita audio&video che ...

Automata (Dvd) 23/11/2017

Prima dei biscotti...

Automata (Dvd) Antonio Banderas, da anni attore in declino, ci regala una perla prima di dedicarsi alla carriera di "biscottaio" per la pubblicita'. Il cinema spagnolo sta trovando numerosi consensi e riesce a regalarci piccole perle, anche senza usare idee totalmente originali, infatti questo film s'ispira alla fantascienza di Asimov, dove tanti prima di Ibanez avevano gia attinto. Automata racconta le investigazioni di Vaucan, un assicuratore che lavora per la compagnia robotica, intorno alla distruzione di un robot da parte di un poliziotto. Il robot era stato modificato illegalmente e cio contraddiceva le leggi della robotica. Sullo sfondo di un'umanita' decadente destinata all'estinzione nell'anno 2044 ormai molto vicino. Ibanez mescola con sapienza tanti ambienti dei film di fantascienza dalle metropoli ipertecnolgiche ai deserti da calamita naturale e vi si muove con grande naturalezza. Senza fretta. Devo ammettere che la prima volta, questa sua lentezza, mi ha fatto desistere dalla visione, ma intravedevo qualcosa che mi ha fatto tornare su questo film e non me ne sono pentito. La lentezza da spazio alle riflessioni dell'autore tramite i dialoghi e la lenta indagine che porta alla scoperta finale con colpo di scena, una scoperta che da' una nuova dimensione al genere. Idea che mi ha colpito ed ho apprezzato, forse l'unica soluzione allo scempio che il genere umano perpetua sul pianeta Terra. Questo film di fantascienza non e' adatto ai piu perche' non ha i ritmi frastornati di un ...

Acqua & Sapone 23/11/2017

Tutto sulla pulizia

Acqua & Sapone In una nuova area commerciale è stato aperto un negozio Acqua & Sapone, proprio a due passi di un grande supermercato Famila. Non conoscevo questa catena di supermercati, ma mi meravigliava che avesse qualche speranza un negozio che vendesse solo prodotti per la detersione e cosmetici vicino ad un grande supermercato che ha già la maggior parte di quei prodotti nel suo assortimento. Tuttavia, mia moglie e una sua amica sono volute entrare per curiosità, e alla fine sono uscite con più di un prodotto a testa, proprio perchè hanno trovato molti saponi di uso comune a prezzi convenienti. Il negozio è ben organizzato e assortito con tantissimi prodotti che riguardano pulizia, se[parati per tipologia molto bene e con vasto assortimento di tutte le migliori marche. La pecca evidente del punto di vendita che ho visitato, locato a Giarre, e' la mancanza di personale qualificato capace di direzionare le vendite e aiutare i clienti in cerca di prodotti coscmetici, nonostante non ci fosse folla nessuno si e' avvicinato ne' ho visto addetti ai vari reparti oltre alle cassiere. Noi non siamo piu andati perche fare una fermata per risparmiare qualche decina di cent su prodotti per la detersione non e' affatto conveniente, infatti anche il nostro tempo e' prezioso e dubito che un negozio di questo genere possa riuscire senza un personale all'altezza. ...

Miss Peregrine - La Casa dei Ragazzi Speciali (Dvd) 23/11/2017

I ragazzi speciali di Burton

Miss Peregrine - La Casa dei Ragazzi Speciali (Dvd) Sulla scia di un bombardamento pubblicitario, abbiamo visto questo film che mia moglie si è convinta essere strepitoso, mentre io ero molto titubante. Quando leggo la parola "ragazzi" nel titolo, dubito che sia un film adatto a me, tuttavia la regia di Burton mi dava buone speranze sull'apprezzamento del film, ma non e' stato affatto cosi. l protagonista è Jacob, che vive i fantastici racconti del nono e di una misteriosa casa su un'isola in Galles in cui abbia vissuto la sua infanzia insieme a dei ragazzi straordinari. Alla morte del nonno, lui si reca lì e scopre che era tutto vero... Tim Burton è un vero maestro e non smentisce la sua bravura, il suo stile e la perfezione dell'ambientazione dark come suo solito, ma questo film non mi ha per niente appassionato. Non è una caduta dell'attenzione al dettaglio di cui Burton è maestro ne una diminuzione di originalità, ma sembra chiaro dai suoi ultimi lavori che le sue tematiche siano diventate di massa e l'accenno allo sfondo storico. Forse anche la forzatura di una storia noiosa e piuttosto ripetitiva, tuttavia mi stupisce che non sia riuscito a coinvolgermi perchè in passato ci era riuscito con soggetti ancora più infantili all'apparenza, ma dalla satira sagace e intrigante. Spero che si riprenda. Il dvd offre una buona qualita audio e video, oltre alla possibilita di vedere il film in lingua originale con sottotitoli. All'interno si possono trovare diversi contenuti speciali che aiutano ad approfondire i significati del ...

Don't Say a Word 22/11/2017

Non parlare

Don't Say a Word Nathan Conrad e' uno psichiatra di successo con una splendida famiglia, ma per riuscire a salvare la figlia rapita dovra' far parlare una ragazza malata e far uscire dalla sua testa una combinazione segreta. Questa trama e' piuttosto cervellotica anche per un thriller psicologico come questo e non mi ha entusiasmato piu di tanto proprio perche' manca di realismo e credibilita'. Questo ha smorzato il mio interesse fin dall'inizio, si puo apprezzare lo sforzo creativo degli sceneggiatori, ma la situazione non risulta per niente credibile, non e' colpa del cast, ma di certo non riescono a migliorare la situazione. Ormai indisposto dallo scarso realismo della storia, tutte le falle del film emergono e me lo rendono indigesto, non mi e' proprio piaciuto. Tuttavia ho notato che diverse recensioni positive e pareri di amici ca cui non era affatto dispiaciuto, mi ha costretto a tornarci sopra e rivederlo almeno in parte, ma proprio non riesco a cambiare idea. Non riesco a vedere le cose positive che ci vedono altri, ma solo una pessima recitazione su un copione ancora peggiore, l'unica fortuna di questo film e' di essere uscito nelle sale in un momento storico particolare che sicuramente ha traviato il giudizio di tanti. Da evitare. {opi gia da e pubblicata su altri siti}

The Fan, il mito (Dvd) 22/11/2017

Tifo che passione!

The Fan, il mito (Dvd) Questo film del secolo scorso è rimasto nella mia memoria e l'ho rivisto con piacere, sebbene non sia esattamente un capolavoro. Il protagonista è Robert De Niro nei panni di un uomo sull'orlo del baratro dopo un matrimonio finito che sfocia tutta la sua passione nel baseball e in Bobby Rayburn, di cui è grande tifoso. Una passione malata... Questo è il film che farei vedere a tutti i giocatori professionisti, e per loro sarebbe un vero e proprio film dell'orrore, mentre per noi comuni mortali non è facile immedesimarsi nelle paure del protagonista, e il regista non ha fatto del suo meglio per aiutarci in quest'impresa, infatti ci sono diverse pecche a livello stilistico e carenze nell'organizzazione della storia. Tuttavia, il film riesce a reggere grazie alle numerosi e notevoli star che realizzano personaggi interessanti capaci da soli di fare il film, che se fossero stati ben diretti avrebbero realizzato un vero e proprio capolavoro. La storia mi ha appassionato e suppongo che, nonostante sia un film datato, visto la scarsezza d'idee nel genere del thriller psicologico questo potrebbe essere un film piacevole per chi non l'ha ancora visto. Il dvd offre una versione rimasterizzata di questo film con qualita audio video migliroata, inoltre e' possibile goderselo in lingua originale o sottotitolato. Contiene numerosi contenuti speciali molto interessanti, a me e' piaciuto in particolare l'intervista con De Niro e il documentario sul set davvero simpatico vedere come sono ...

Il Club (P. Larrain - Cile 2015) 22/11/2017

Bella combriccola

Il Club (P. Larrain - Cile 2015) Ogni tanto mi piace pescare film indipendenti premiati e trovare qualche perla, tuttavia non sempre riesco nemmeno a finirli. In questo caso ci sono riuscito, ma spinto più dalla rabbia di vedere che dal film in sé. Il film racconta di una casa in un piccolo paese cileno dove una suora e quattro preti sconsacrati convivono, allontanati in questo esilio dalla Chiesa per gravi colpe morali. A loro si unisce Laczano, che si porta appresso i fantasmi del suo passato, ossia un vagabondo di cui abusato da bambino. Questo film mi ha fatto scoprire un regista ricco di talento e di stile che mi è molto piaciuto per come riesce a parlare attraverso al telecamera e i suoi campi, ma col quale sono nettamente in contrasto per il modo in cui ha affrontato questo tema. Il film descrive come questo luogo di esilio una sorta di inferno per questi abitanti che convivono con la loro colpa, lontano dal mondo civile ed è bravo a raccontarcelo e far parlare le immagini, ma io non credo che sia sufficiente perchè in confronto a quello che passano le vittime di queste violenze e' nulla e meriterebbero di soffrire pene ben peggiori di questa sorta di prigione morale. Io trovo che l'argomento trattato sia molto scottante e mi ha incuriosito vedere che fine facciano i preti fedifraghi, il regista riesce a renderci molto reale questo fatto, anche se io so che molti continuano ad essere spostati, restano preti e continuano a commettere le loro nefandezze difesi dal Vaticano. Non nego che ho guardato il ...

Avent Naturally 22/11/2017

Il suo biberon

Avent Naturally Dopo un'accurata ricerca abbiamo scelto il suo primo biberon, nella speranza che non ci sarebbe mai servito, ma poi purtroppo il destino ha voluto che la bimba necessitasse un'aggiunta del latte materno. Così già in ospedale abbiamo dovuto usare il biberon, ma è stato l'ospedale stesso a fornirci questo e così non abbiamo dovuto acquistarloche pèer una strana cpooincidenza era lo stesso che avevamo scelto. Il motivo che ci aveva direzionato verso questa scelta era l'assenza di componenti tossici e la ricercatezza del beccuccio che simula la suzione di un capezzolo come ho letto sula confezione e su alcuni forum, sebbene siamo consci che non puo essere mai la stessa cosa. Purtroppo mia moglie non ha potuto allattare, ma suppongo che questa particoalre anatomia abbia contribuito a non disabituare la bimba al seno materno e, quando è guarito, l'ha naturalmente riportata verso la suzione del seno. Noi ci siamo trovati bene con questo biberon che è davvero affidabile, efficace e ben realizzato. Lo si trova un pò iun tutti i negozi perrchè è un marchio di punta, ma purtroppo non ci sono i pezzi di ricambio. Alla fine del suo lavoro era usurato ed è diventato un giocattolo "vero" per la mia piccola. cponsigliato opi da me pubblicata su altri siti ...

50 volte il primo bacio (Dvd) 21/11/2017

Un amore... smemorato!

50 volte il primo bacio (Dvd) Questa commedia romantica di diversi anni fa riesce sempre a prendermi e la guardo con piacere quando non c'e' niente di nuovo in televisione. La protagonista è Lucy, una splendida insegnate che incontra Henry. I due s'innamorano, ma quando lui torna da lei la mattina dopo non sembra ricordarsi di averlo mai incontrato perchè, a causa di un terribile incidente, non le funziona la memoria a breve termine. Henry non demorde, e ogni mattina si presenta da lei per riconquistarla. Questo film è davvero intrigante perchè, pur essendo una commedia, è fatta davvero bene e include anche dei momenti drammatici totalmente inaspettati, che contribuiscono a renderlo più realistico e interessante. D'altronde, solo questo poteva salvare una trama debole e renderlo memorabile, infatti se ne son visti tante di storie del genere e non ha alcuna originalità. Il cast è davvero ottimo, sia per quanto riguarda i protagonisti che per quanto riguarda i personaggi minori, soprattutto funziona alla perfezione l'alchimia fra Adams e la Berrymore ed [ proprio su questo che si regge tutto il film. Una bella commedia romantica da guardare e riguardare senza troppi pensieri. Il DVD offre una buona qualità e comprende numerosi extra, alcuni dei quali offrono spunti di comicità e rubano qualche risata. E' stato divertente vedere le scene sbagliate che mostrano come sono i protagonisti dietro le quinte e la simpatia dei due attori. {opi gia da me pubblicata su altri siti}

Le comiche (Neri Parenti 1990) 21/11/2017

Le comiche

Le comiche (Neri Parenti 1990) Questo film affonda le radici a quando ero bambino e mi portarono al cinema a vederlo, ricordo che fu uno spasso! Rivedendolo nel corso degli anni, il suo potere comico su di me andava scemando sempre più, e oggi è solo un pallido ricordo dei miei tempi da bambino. Questo è uno di quei film radicato nei suoi tempi, tempi in cui questo era il tipico film comico italiano con i comici che andavano più di moda a quei tempi, ma che oggi non ha più senso di esistere nè riesce a far ridere. Il film ha una trama inconsistente che è solo una scusa per mostrarci la serie di gag comiche del duo, la maggior parte delle quali è piuttosto banale e ricalca una comicità adatta ad un pubblico infantile o d'altri tempi. Mi è capitato di vederlo tempo fa, ma non sono riuscito a seguirlo per più di 5 minuti, la noia ha prevalso e ho cambiato canale. I due protagonisti del film non sono certo colpevoli se non nel fatto di essersi prestati a questo copione, ma hanno conosciuto tempi migliori e film migliori, credo che la regia avrebbe potuto sfruttare meglio il loro talento comico e affiatamento che si nota anche in questo film. L'unico pregio e' stato che riivederlo mi ha fatto ricordare quei bei tempi della mia infanzia in cui i miei genitori mi hanno portato al cinema e comprato il pacchetto di patatine, ed ero felice con un film cosi e un pacchetto di patatine. Senza pensieri. {opi gia da me pubblicata su altri siti}

Storia di Una Ladra di Libri (B. Percival - USA 2014) 20/11/2017

Trasposizione mediocre

Storia di Una Ladra di Libri (B. Percival - USA 2014) Ancora una volta un libro di successo viene trasposto al cinema, purtroppo mia moglie ha voluto vederlo, mentre il libro lo avevo accuratamente evitato. Non sono un mostro, ma credo che il problema degli ebrei sia stato affrontato sotto tutti i punti di vista e non ne posso più di sentire queste storie struggenti. Liesel è una giovanissima ebrea che viene nascosta da una famiglia generosa e nasconde la terribile realtà dietro l'insegnamento dei libri. Il film non mi ha per nulla entusiasmato perchè non l'ho trovato minimamente interessante, e non potevo immedesimarmi nell'ennesima storia drammatica di una ragazzina ebrea ai tempi della seconda guerra mondiale. Dando un giudizio spassionato, posso notare che lo sfondo della guerra rilegato alla voce fuoricampo e ai pensieri della bambina diventa cosi maltrattato e poco comprensibile, sarebbe stato giusto dare un po di contesto storico. L'uso della lingua originale rende la storia ancora più pesante di quello che già è. Il film vuole commuovere e regalare una riflessione sull'importanza dei libri, una riflessione interessante, ma che, a mio parere, non necessita di scomodare ancora una volta questo ingombrante tema. Capisco la tragedia degli ebrei, ma non sono le uniche popolazioni ad aver subito genocidi, alcuni popoli sono addirittura scomparsi, eppure non ricevono le stesse attenzioni. Evitabile. {opi gia da me pubblicata su altri siti}

Split (Blu-ray) 20/11/2017

Tante personalita'!

Split (Blu-ray) Avevo apprezzato i lavori di questo regista in passato, ma era un po' che si era perso, tuttavia ho voluto dargli un'altra chace con questo suo film Split e non ne sono rimasto deluso. Alcune ragazze vengono rapite da Kevin, un vero maniaco, tuttavia le ragazze scopriranno presto che questo ragazzo ha ventitre personalita' differenti, solo alcune sono veramente pericolose. Ma quali? Il titolo ci anticipa subito la prima sorpresa, ossia che il maniaco ha personalita multiple, tuttavia non e' questa l'unica del film e il regista e' un vero maestro nello stupire lo spettatore ed e' riuscito a farlo anche con me nel finale. Il regista e il protagonista mostrano tutto il loro talento nei continui cambi di registro che le personalita' multiple del protagonista impongono alla storia e al suo ritmo, ma nonostante questo non mi ha entusiasmato perche' c'e' qualche piccola pecca. La sensazione continua del colpo di scena imminente e' nell'aria e questo stato di attesa si dilunga fin troppo facendo scemare in me un p; l'interesse nella storia. Storia che tutto sommato e' coinvolgente e intrigante, ma forse io ne ho visti troppi thriller e non amo il genere, infatti mia moglie lo ha adorato questo film. il finale mi ha stupito e non mi capita spesso. I contenuti extra della versione Home non lasciano affatto delusi, analizzano il film sotto tutti i possibili punti di vista. Fra le tante cose e' davvero intrigante il finale alternativo. Imperdibili le due interviste ai veri protagonisti ...

Midnight in Paris 20/11/2017

Allen sbarca a Parigi!

Midnight in Paris Non sono un fan di Woody Allen, ma ammiro la sua capacita' di caratterizzare una determinata citta per mezzo di film molto descrittivi, tuttavia raramente riesce anche a farci un film interessante intorno. Stavolta ci e' riuscito alla grande. Il protagonista e' Gil, uno sceneggiatore americano insoddisfatto della vita, che si trova in vacanza a Parigi con la futura moglie e i suoi invadenti genitori. Durante una passeggiata notturna viene catapultato nella Parigi anni venti e si ritrova alla Villa Lumiere con i tanti artisti dell'epoca... Ancora una volta Allen realizza un film molto autobiografico nel quale descrive un protagonista in cui si vede molto la sua poetica, questo Gil e' proprio il classico americano insoddisfatto delle sue radici culturali e di un presente sterile dal punto di vista artistico, cosi il suo desiderio lo catapulta in un'epoca piu ricca. E qui puo conoscere ed incontrare tutti i suoi artisti preferiti passando le serate a bere con loro e parlare, ma proprio da queste discussioni nascera' in lui una nuova consapevolezza che l'insoddisfazione sta proprio alla base dell'essere umano e la ricerca costante di un passato o un futuro migliore. Cosi vedra' come anche i suoi idoli non erano felici di quel periodo proprio come lui non lo e' del suo presente. Allen incornicia il tutto in una splendida ricostruzione della Parigi moderna e antica che si fondono in un tutt'uno, anche se non era una delle mie mete preferite, questo film mi ha fatto ...

Sette anni in Tibet (J. J. Annaud, 1997) 20/11/2017

Le avventure di Herrer

Sette anni in Tibet (J. J. Annaud, 1997) Questo splendido film racconta le avventure di Heinrich Herrer, scalatore austriaco aggregatosi ad un progetto nazista di conquistare l'Hymalaya. Avevo letto il libro che era affascinante, ma abbastanza prolisso, mentre in questo caso il film riesce a rendere meglio una storia davvero straordinaria. E Pitt e' un interprete straordinario che sceglie sempre i progetti piu interessanti, invece di riposare sugli allori come molti suoi colleghi. Herrer, fallito il progetto di scalta, vaghera' nel Tibet e sara' il primo europeo ad entrare nella citta sacra e conoscere il Dalai Lama. Vivra' sette anni intensi in questo straordinario paese. Questo e' un film davvero molto bello e riflessivo, fatto di lunghi campi su paesaggi straordinari che tolgono il fiato e che probabilmente mai riusciro' a vedere dal vivo, con una colonna sonora meravigliosa. E Pitt e' riuscito a dare spessore al personaggio e ritmo alla storia, una storia che ho letto nel libro e non aveva assolutamente appeal ne' ritmo. Il film e' riuscito a catturare i principi di una filosofia diversa come quella tibetana, ma a renderli interessanti anche per gli europei creando un ponte fra due mondi davvero molto lontani. \Lo consiglio vivamente a chi ama i film riflessivi con splendidi paesaggi, nonostante sia del secolo scorso.

Resident Evil (PS) 19/11/2017

Rivoluzionario

Resident Evil (PS) ll primo capitolo della saga di Resident Evil usci' negli anni novanta e fu una vera rivoluzione nell'ambito dei videogiochi online e ci giocai sulla mia prima playstation. Diverra' capostipite di una saga infinita che sbarchera' pure al cinema, innumerevoli i tentativi di copia. Queso sara' uno dei primi videogiochi ad avere una trama degna di un film ed effetti speciali di tale livello, magari fara' sorridere i ragazzi di oggi per la grafica, ma per quei tempi era il massimo. I protagonisti sono Jill Valentine e Chris Redfield e potrete decidere di giocare con uno o l'altra con piccole varianti. E' successa una catastrofe a Racoon city e i due si rifugiano in un palazzo apparentemente abbandonato per sfuggire alle creature mutanti che li aggrediscono, questa e' la sede della multinazionale Umbrella corporation, che si scoprira' essere colpevole di questo disastro e del virus che stra tramutando tutti in zombie. Oltre alla storia il videogioco sparatutto vissuto in prima persona e' fatto davvero con gran cura dei dettagli, gli giusti scenari e le giuste musiche che riescono a coinvolgerti fino in fondo in questa nuova realta'. Io ricordo che aspettavo che i miei genitori andassero a letto, spegnevo tutte le luci e ci giocavo nel televisore grande... Terrore! Finirlo non e' stato facile e mi ha messo a dura prova, ma non era nemmeno impossibile. Da recuperare per gli appassionati della serie e del genere, magari in una versione rimasterizzata per una delle consolle di ultima ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra