Condividi questa pagina su

arancione Status arancione (Livello 6/10)

Zompo

Zompo

Autori che si fidano di me: 55 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Opinioni scritte

dal 23/07/2016

323

I Love Shopping (Dvd) 27/03/2017

Shopping-dipendente.

I Love Shopping (Dvd) Questo film racconta la storia di Rebecca, una ragazza che è fa acquisti compulsivi riempendosi di debiti e saturando le carte di credito, con l'impeigato del recupero crediti sempre dietro l'angolo per cercare di recuperare i soldi dovuti;e nemmeno un lavoro fisso, riesce a trovare lavoro scrivendo una rubrica finanziaria che predica la parsimonia... E' chiaro che questa storia fa acqua da tutte le parti ed è il festival delle banalità, proprio come il libro da cui è tratto e che ha avuto un successo planetario grazie alla sua capacità di usare il linguaggio di quelle ragazze che si rispecchiano nella protagonista, ma io proprio non ho apprezzato perchè ha valore letterario pari a zero, perlomeno il regista ha tenuto fee al libro da cui è tratto il film. Mediocre lo script, mediocre il cast, mediocre i dialoghi, mediocre la storia. Una commediotta banale per passare una serata senza pensieri, ma evitate di accendere il cervello che non mi sento di svalutare ancor di più perchè chi va a guardare un'opera del genere non può certo pretendere dialoghi impegnativi o spunti filosofici. Tutto naviga proprio sulla mediocrità come ci si aspetterebbe anche per tener fede al tema trattato di una vita mediocre dedita allo shopping e alle firme, forse ci si può vedere una sorta di metafora in tale mediocrità, ma non esageraiamo. ...

The blair witch project - Il mistero della strega di blair (Dvd) 26/03/2017

La strega di internet

The blair witch project - Il mistero della strega di blair (Dvd) Questo film fu un grande succeso quando ero un ragazzino grazie al tam-tam su internet. Credo che furono proprio film come questo a far capire l'importanza di internet e di quello che sarebbe diventato di lì a poco. Il trucco è stato quello di realizzare un film horror sul genere del falso documentario facendo trapelare la storia su itnernet come se fosse vera e calamitabndo una vera folla di curiosi, tanto da far emergere il film e fallo passare nelle sale. Il film racconta la storia di un gruppo di ragazzi che, armati di telecamera, vanno nel bosco a girare un documentario sulla strega di Blair e sui ragazzi che scompaiono in questi luoghi. Fin dall'inizio sappiamo che i ragazzi faranno una brutta fine ed è stata solo la loro telecamera con questo film dentro; ed è stato questo proprio ad attirare l'attenzione dei più. Questo film è sempre rimasto nell'immagianrio colletivo come un capolavoro, tuttavia, se togliessimo l'effetto realismo dovuto alla leggenda che girava in rete, in realtà è un film scadente, con una sceneggiatura risibile e un cast rdicolo che racconta l'ennesima storia di streghe. Capirete da questo mio commento che non mi sono fatto prendere dalla storia e dal fenomeno, ma ho voluto dare solo un parere cinematografico distaccato. Devo ammettere di provare grande invidia per coloro che hanno realizzato quest'operazione commerciale e con pochi soldi (davvero una cifra redicola) hanno realizzato un film che ha incassato milioni di dolari nel mondo e ...

Lui e peggio di me (Dvd) 26/03/2017

Commedia d'altri tempi

Lui e peggio di me (Dvd) Ricordo con piacere questa commedia, ma che rivedendola oggi perde molto dei ricordi positivi che avevo. Quando lo vedevo ero un ragazzino e andavo matto per i due protagonisti che mi facevano morir dal ridere, inoltre c'era sempre l'occasione per spiare la bellona di turno della quale poi non si ricorda piu nemmeno il nome, inoltre le gag mi faceva morir dal ridere. Oggi non è più così. I protagonisti sono Celentano e Pozzetto che non sono insoliti a recitare insieme, specie in quegli anni e portano avanti le loro gag che fanno ridere con semplicità, qualcuna è davvero stupida, ma questo era il loro tipo di commedia; mi stupisce pensare a come la carriera di Celentano si sia allontanata tanto da ciò che faceva in quegli anni, mentre gli altri del suo stesso giro sonot ramontati in quellì'epoca e non si sono mai evoluti. Sicuramente c'è la malinconia nel ripensare ai tempi di gioventù e riaffiorano i ricordi mentre mi guardo il film, ma non rido più a crepapelle, così vedo tutte le pecche della trama e le ingenuità di un film dal quale sembra essere passato un millennio per tutto cio che è cambiato. Solo per malinconici.

Il tempo delle mele (Dvd) 25/03/2017

L'amore giovane

Il tempo delle mele (Dvd) Ricordo chennostante fosse datato adoravo questo film perchè rispecchiava appieno il modo in cui mi sentivo durante l'adolescenza e la mia idea di amore. Questo film ripercorre le tappe ella maturazione della giovane Vic nel passaggio tra l'infanzia e l'adolescenza. Dopo averlo rivisto negli ultimi anni sono consapevole che questo film non è un capolavoro e non spicca per nessuna caratteristica in particolare, se non il fatto di essere un vero e proprio cult del suo tempo e che io ci sono legato perchè l'ho visto proprio nella mia adolescenza, ma non credo che oggi qualcun altro possa vederci qualcosa d'interessante, anzi potrebbero trovarlo noioso e troppo mieloso. La cosa che ho apprezzato anche da adulto è il cast e la strepitosa colonna sonora. Ssconsiglio di rivederlo anche a chi lo ha amato da piccolo, tranne se vuole fare un tuffo nei ricordi, perchè ne resterà deluso; e lo sconsiglio anche ad un pubblico di oggi perchè ha tempi troppo lenti, colori poco sgargianti e non credo che il tema possa essere trattato nel modo giusto per i giovani d'oggi.

Ai city - La notte dei cloni (Dvd) 25/03/2017

Anime nevrotico

Ai city - La notte dei cloni (Dvd) Una delle mie colleghe universitarie usava Ai come nick nella chat diverso tempo fa, cosa che m'incuriosiva e mi ha spiegato che era una fan dell'anime omonimo e per questo usava questo nick, anzi c'era proprio una somiglianza fisica e alcuni suoi amici la chiamvano così. Non potevo esimermi dal vedere il film che mi aveva consigliato. Ai è una bambina dai poteri straordinari perseguitata da cattivi e viene protetta da un investigatore e una psicometra che l'aiuteranno nel suo percorso. Questo è un classico film d'animazione giapponese di fantascienza che mette parecchia carne al fuoco con una storia davvero minima e banale, copncentrandosi sulla filosofia. Onestamente mi sono sforzato di seguirlo proprio perchè mi era stato caldamente consigliato e sapevo che, la prossima volta che ci saremmo incontrati, la mia amica mi avrebbe interrogato, così non potevo semplicemente scartarlo alle prime difficoltà e sono arrivato alla fine. Non è stato facile ed è stata una visione piuttosto complessaità dovuta alla frammentarietà della trama che va avanti su diversi linee spaziali e temporali; da una parte onore al merito al regista che si cimenta in un settore difficile sulla quale pochi hanno il coraggio di provare, ma d'altro canto non credo gli sia riuscito benissimo perchè io ho intuito la storia, ma è davvero fatta male e mette in difficoltà lo spettatore. La grafica è piuttosto datata, ma non stupisce per l'epoca e usa colori spesso discoradnti e insensati. Sebbene ...

Il Club (Dvd) 24/03/2017

Il club dei preti pedofili

Il Club (Dvd) Mi soffermo sempre a guardare film che hanno ricevuto premi perchè non disdegno il cinema impegnato e d'autore, tuttavia non sempre ne resto soddisfatto come in questo film che, a mio parere ha solo il pregio di portare davanti alla telecamera una piaga sociale di cui tutti sembrano far finta di niente: i preti pedofili. Il film racconta di una casa sulla costa cilena dove vi abitano una suora e quattro preti sconsacrati per vari motivi, vivono allevando e facendo correre un cane, abbastanza in tranquillità. Lazcano viene perseguitato di un barbone di cui ha abusato da bambino, turbato gli si avvicina e si spara in testa. Questo episodio farà partire un'indagine della Chiesa che turberà la tranquillità di questi ex-preti. Il film affronta un tema importante, ma con una lentezza e una noia allucinante ho fatto fatica persino ad arrivare al primo dialogo grazie all'avanzamento veloce, infatti ci vogliono piu di 5 minuti per il primo dialogo. Capisco che sia cinema impegnato e l'intento quello di mostrare la serenità di questa famigliola allargata, poi si scopre cosa queste persone immonde abbiano combinato. Troppo metaforica la pena che il regista infligge ai preti pedofili, l'incarnazione di questa nel personaggio Sandokan, barbone disturbato per gli abusi subiti da piccolo, col quale gli ex-preti devono convivere in una sorta di pena che gli tormenta animo e coscienza; alla quale uno di loro non resiste sparandosi ala testa. Capisco perchè quest'opera abbia ricevuto un ...

Il Mostro della palude (Dvd) 24/03/2017

Horror mediocre

Il Mostro della palude (Dvd) Questo film racconta la storia di un mostro in una palude, il quale si è generato tramite misteriose reazioni chimiche tra un superfertilizzante e lo scenziato che lo testava. Si supponeva fosse morto e viene abbandonato il suo corpo nella palude, invece ha subito una profonda e mostruosa trasformazione... La sua scoperta amibiva le brame di un riccone che avrebbe fatto di tutto per prenderselo, ma dovrà vedersela con lo scenziato\mostro e una zelante agente. Io non sono un'amante del genere horror, ma ne sono spesso involontario spettatore per mia moglie, così guardo anche la sua reazione per valutare un horror e questo ci ha parecchio deluso, sebbene ci avesse caricato di buone aspettative per un buon cast e un inizio promettente, ma dopo lo scoppiettante inizio che ci presenta i fatti il ritmo si fa lento e la storia pesante ci fa perdere interesse. Purtroppo lo script non ha altre cose interessanti da dirci e i protagonisti non riescono a prendere sulle spalle il film per colorirlo un pò, così il film precipita e affonda senza speranze nella mediocrità e nella noia. Il finale prevedibile, la regia stantia, le musiche decenti. Non mi sento di consigliarlo nemmeno agli appassionati del genere.

Final destination (Dvd) 19/03/2017

La morte non dimentica!

Final destination (Dvd) Poco prima del volo per Parigi con la sua classe Alex ha una premonizione che gli fa vedere l'esplosione dell'aereo e invita tutti a scendere. Tre studenti, l'insegnate e altri tre passegeri che hanno creduto ad Alex scendono e poco dopo il decollo l'aereo esplode a mezz'aria. Ma i 7 miracolati hanno poco da festeggiare, la Morte non dimentica. Il film sfrutta a dovere un'idea ointeressante che esplica il concetto dell'inevitabilità del destino a cui nessuno può sfuggire, così i 7 che sono scampati erano destinati a morire su quell'aereo e la Morte torna a prenderseli, un'idea che mi ha dato notevoli spunti di riflessione, ma non crediate che il film ci si soffermi più di tanto ad analizzare la cosa. D'altro canto chi vede questo genere vuole solo vedere il terrore e ne ho visti tanti che non hanno nemmeno uno straccio d'idea da portare avanti, così sono rimasto affascinato da questo film e, come me, tanti ne sono diventati veri fan. E così ne è nata una serie di successo. D'altronde è un cast decente, con un cast presente e in parte, sebbene molto giovane e quest'idea originale che fanno dimetnicare i tanti bug nella scrittura e altre mancanze nella regia; questa è puntuale e riesce a creare la giusta suspence e inserire le musiche appropriate senza strafare. Soddisfacente.

The Others (DVD) 18/03/2017

Chi sono gli altri?

The Others (DVD) Questo è uno dei più bei thriller che ho visto nella mia vita. La splendida protagonista è Nicole Kidman nel suo periodo d'oro, quando riusciva ad interpretare con grande eleganza e perfezione film di ogni genere, in questo caso un thriller mozzafiato. Ed è proprio la sua presenza a dare il giusto spessore alla storia, una storia magari già ripresa da altri, ma che con la recitazione profonda e intensa dei protagonisti riesce ad essere vissuta fino alla fine e stupire il pubblico. E' davvero meravigliosa e stupisce la facilità con cui passa da una commedia a un thriller con facilità, lo stesso thriller, per quanto bello, non varebbe avuto los tesso impatto con una delle tante bellone di serie b che si usano per questo genere di film. Merito anche di una regia ben strutturata che sa seguire con la telecamera i giusti momenti dalla giusta angolazione e amalgamare sapientemente il tutto con una colonna sonora appropriata. Raramente mi è capitato di non prevedere il finale e, in questo caso, non ce l'ho proprio fatta e sono rimasto senza respiro a guardare fino alla fine. Non ne fanno più film così, il pubblico di oggi non vuole cosi tanta suspence, ma una giusta dose di suspence predigerita tratta da pellicole gia viste. Lo consiglio vivamente agli amanti del genere.

Biancaneve nella foresta nera (Dvd) 17/03/2017

Biancaneve da paura!

Biancaneve nella foresta nera (Dvd) Ricordo che ero incuriosito ed entusiasta di questa rilettura orrorifica di Biancaneve e i sette nani, volevo vederlo a tutti i costi, tuttavia il risultato non è stato all'altezza. Io lo avevo scelto con tante aspettative anche perchè c'era un cast degno di nota, ma è stata una vera delusione. La storia non funziona, la regia non è stata capace di amalgamarla e renderla credibile, così il cast si trova un pò spaesato e non riesce nell'interpretazione dei personaggi. Forse si poteva apprezzare l'idea di una rilettura di questa favola, ma ci voleva più impegno. Il progetto voleva creare una sorta di favola macabra, ma sembra che sono Burton riesca in questo tipo di lavoro con enorme classe ed elganza riuscendo anche a reliazzare lavori adatti ai bambini, forse pretendere tanto sarebbe stato esagerato, ma almeno qualcosa di decente. Un cast di tale portata avrebbe potuto trascinare il film con carisma anche con le tante mancanze che ha, invece si sono mostrati tutti un pò flosci e senza volontà nel progetto lasciandosi trasccinare dal film che affonda e dal botto. Tracollo.

Poveri Ma Ricchi (F. Brizzi - Italia 2016) 15/03/2017

Poveri ma ricchi!

Poveri Ma Ricchi (F. Brizzi - Italia 2016) il film racconta le vicende della famiglia Tucci, una famiglia di ciociari del romano davvero poveri, ma che sognano una vita migliore. Vincono 100 milioni alla lotteria, ma si rendono conto che, per tenere il segreto, non possono godersi la vincita, così sbarcano a Milano... Devo ammettere che stavolta il film di Brizzi mi ha piacevolmente stupito perchè mi sembrava ch il flusso narrativo si fosse ridotto alla realtà del paesino, ma l'improvviso cambio di scenario ha dato nuova verve ala storia e ala sua comicità che sembrava esaurirsi nella realtà cittadina. Solitamente questi film non riescono a farmi ridere, ma gli autori sono riusciti a concentrarsi proprio sulle battute realizzando alcune gag riuscite che va a nozze con i vari protagonisti del cast con De Sica, Ocone, ma con un'ottimo Covatta e Bebo Storti. Non vado matto per Brignano, ma, ad un certo punto si è scisso dalla famiglia migliorando il film e rendendo tutto spassoso. Probabilmente non sarà un capolavoro, la trama è abbastanza scontata e gli spunti di riflessione minimi, tuttavia chi si approccia ad un film del genere vuole solo farsi qualche grassa risata e credo che riesca ad admpiere bene a questo compito, cosa che a me accade di rado. Piacevole la colonna sonora. Ecco perchè mi sento di consigliarlo. ...

Come vivo ora (Meg Rosoff) 15/03/2017

Amore adolescente

Come vivo ora (Meg Rosoff) Una mia cugina più piccola mi ha invitato alla lettura di questo libro e non avendo di meglio da fare mi son lasciato convincere. Daisy viene mandata dal padre a trascorrere l'estate nella campagna inglese dalla zia, una zia piuttosto assente che lascia molta libertà ai suoi 4 figli coi quali Daisy dividerà la casa.All'inizio non è facile adattarsi alla vita rurale, ma ben presto si ambienta. Purtroppo la loro placida esistenza viene squarciata dall'improvviso attacco di un msiterioso nemico contro Londra e dallo scoppio della guerra. Il romanzo non mi ha entusiasmato all'inizio oerchp mi sembrava a parare unicamente verso una storia adolescenziale, sebbene fosse scritto abbastanza bene non mi stava coinvolgendo, poi il libro ha preso una svolta inaspettata. Un'improvvisa e misteriosa guerra che scoppia nel centro economico dell'europa. Il mistero s'infittisce e resta come un peso sulle spalle dei ragazzi che restano sospesi in attesa di notizie e, nel frattempo, continuano la loro normale esistenza come se niente fosse, anche perchè il piu grande tenta di nascondere le sue preoccupazioni. Tuttavia arriverrà l'esercito a separare questo gruppo. Ed è qui che il mistero, la suspence fanno crescere un pò il mio interesse e mi spingono ad arrivare verso un finale che lascia un pò l'amaro in bocca perchè tutto il mistero non viene svelato. Tutto sommato una lettura piacevole con personaggi coinvolgenti.

Gods Of Egypt (Dvd) 11/03/2017

Gli Dei "extraterrestri" dell'egitto

Gods Of Egypt (Dvd) Il lancio di questo film è stato fatto in maniera chiassosa e non lasciva presagire nulla di buone, se non l'ennesimo tentativo di sfruttare la moda del 3D per realizzare l'ennesima americanta su tema antico egitto. Me lo son perso al cinema, tuttavia l'ho visto quando mi è stato prestato, nonostante le mie scarse aspettative; ed è proprio per questo che non ne sono rimasto deluso e ho potuto apprezzare gli spunti. Il film racconta di un mitologico Egitto nel quale gli dei egizi sono personificati e vivono tra gli uomini. Osiride governa sull'egitto con giustizia e decide di lasciare il trono al figlio Horus, tutavia arriva l'altro figlio Seth ad usurparlo e far piombare l'egitto nell'oscurità... E' proprio un'americanta ricca d'azione e megalomania che ben si addice ai ruoli degli dei presenti, sia buoni che cattivi, tuttavia è proprio cio che si aspetta chi andrà a vedere qusto film e non certo una ricostruzione storica dell'egitto. Io devo dire che questa ricostruzione mi ha affascinato perchè proprio una delle teorie crede che nell'antico egitto sia intervenuta una qualche razza aliena ad aiutare lo sviluppo di questa civiltà in epoca cosi remota, ma con un'organizazione molto simile a quella del mondo mocerno. Questi dei così umani, ma con poteri sovrannaturali molto simili ad armi fantascientifiche schicciano l'occhiolino proprio a questa teoria, realizzandone una visione al'americana, ma che potrebbe affascianre chi, come me, è affascinato da questa teoria. ...

Scarpine Primigi Bimbi 11/03/2017

C'era una volta Primigi...

Scarpine Primigi Bimbi Primigi è un marchio noto da sempre per le calzature per bambini e anche mia madre le comprava per me quando ero piccolo, tuttavi io non sono legato ai marchi, al contrario di mia moglie e mia madre. Mi è anta una figlia così, quando ha cominciato a camminare è arrivato il problema delle scarpe che devono essere "buone" e mia moglie è andata dritta da Primigi in un centro commerciale. Le scarpe sembrano buone come comfort, ma si rovinano molto rapidamente, più veolcemente di quanto cresca il piede perchè al massimo le scarpe di un bimbo, al contrario degli adulti che non cambiano più taglia, devono resistere dai 3 ai 6 mesi. Le prime scarpe si sono rovinate ben prima, tuttavia poteva anche essere colpa nostra o della bimba che non camminando ancora bene si buttava spesso a terra. Il secondo paio di scarpre di Primigi mi è stato regalato e stavolta ho fatto più attenzione e ricordo benissimo che dopo una settimana che le indossava volevo portarla da mia zia per farle vedere come le stavano e me ne sono vergognato perchè le scarpre erano ridotte davvero male, erano tutte rovinate. Le abbiamo usate, ma, erano tutte mangiate. A quel punto non volevo più scarpe Primigi: perchè spendere 50 euro per un paio di scarpe che si rovinano subito? Tuttavia mia moglie è uscita per acquistare un paio di scarpe con la nonna e sono tornate con un paio di scarpe Primigi che erano davvero pperfette per il vestitino del compleanno. Ovviamene gliene ho dette 4. Stavolta non è nemmeno colpa ...

Duolingo - Learn Languages for Free 08/03/2017

Impara l'inglese sullo smartphone!

Duolingo - Learn Languages for Free Quando mia moglie è rimasta incinta volevo farle sfruttare il tanto tempo libero per fare qualcosa di utile, così ho scaricato una app in prova che le insegnasse l'inglese e ne ero soddisfatto tanto che stavo per fare l'abbonamento, quando ho notato che c'era Duolingo, che a differenza di quella tanto pubblciizzata era totalmetne gratuita. Non ho notato nessuna differenza con quella a pagamento, anche questa offriva la stessa tipologia di programmi ed esercizi così ho deciso di usarla. Mia moglie ha mollato dopo poco tempo, così mi sono cimentato io per allenare una lingua che conosco bene, ma non ho molta occasione di praticare. Dopo averlo finito tutto posso confermare che è un programma davvero completo che offre esercizi davvero complicati, soprattutto quando si tratta di pronunciare frasi o parole non è affatto facile superare i capitoli; ed io sono stato davvero felice di potermi cimentare. Forse, se devo trovare una pecca, credo che la parte teorica non è molto approfondita. Per il resto è davvero ottimo, facile da scaricare, gratuito, non occupa molto spazio sul telefono e lo si usa con facilità. Consigliato. ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra