Condividi questa pagina su

verde Status verde (Livello 2/10)

allogy

allogy

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 09/01/2007

29

Planta Medica Tisana Rooibos con Olio Essenziale di Mandarino 04/03/2008

Antiossidanti dall'Africa

Planta Medica Tisana Rooibos con Olio Essenziale di Mandarino Ho ricevuto in regalo una confezione di Rooibos con olio essenziale di Mandarino assieme ad altri prodotti della Planta Medica, azienda che produce infusi, sciroppi e rimedi erboristici. Devo dire che a me piace il tè, ma in genere non son amante di altri tipi di tisane, quindi ero un po' scettica. Poi questo Rooibos non lo conoscevo proprio, ma informandomi ho trovato che è un arbusto che cresce in Sudafrica, dalle proprietà antiossidanti e rinfrescanti, con pochissima caffeina. L'ho provato seguendo le istruzioni sulla confezione, che consigliano di lasciare la tazza coperta durante l'infusione: in effetti si mantiene assai meglio l'aroma del Mandarino, che dona all'infuso di Rooibos, appena appena acidulo (mi ha fatto venire in mente il tiglio con una puntina di Karkadè), una nota agrumata e un profumo che stanno veramente bene col sapore della tisana. Pare che questo infuso sia ricco di antiossidanti, che ci aiutano a combattere gli "assalti" di tante sostanze dannose che entrano nel nostro corpo. Lo spero bene, visto che quando sono andata in erboristeria per comprare una nuova scatola l'ho pagata 5 euro e 90!

Studentessi - Elio e le Storie Tese 25/02/2008

Studentessi... Riecco gli EELST!

Studentessi - Elio e le Storie Tese Dopo 5 anni, finalmente! A ogni ascolto di questo disco, cosa che succede sempre con Elio e le Storie Tese, si scopre sempre qualcosa di nuovo, un suono, una battuta, un rimando... Da un po' di giorni si poteva vedere il video di "Parco Sempione", il primo estratto da "Studentessi". Gli EELST si schierano apertamente contro la decisione che ha portato all'abbattimento del Bosco di Gioia (una delle sempre troppo poche aree verdi di Milano) nonostante più di 16mila firme raccolte. Lo fanno alla loro maniera, con ironia e irriverenza che alla fine del ritornello diventano un'invettiva... Come dar loro torto... Finalmente possiamo ascoltare tutto intero il loro nuovo lavoro: la già citata "Parco Sempione" mi aveva fatto pregustare il loro ritorno in piena forma, dopo un paio di lavori precedenti che non mi avevano acchiappato più di tanto. "Studentessi" parte subito in quarta con Antonella Ruggiero che fa arrampicare agile la sua voce su "Plafone", un pezzo che musicalmente a me ha ricordato la stagione d'oro del progressive rock e che inizia subito a far vedere, per chi non lo sapesse, di che pasta sono fatti "gli Elii" come musicisti. I loro testi e lo stile possono non piacere, ma non si può non riconoscere che ci troviamo di fronte a strumentisti "da paura". Poco dopo, troviamo Giorgia ospite in "Ignudi tra i nudisti", dove Elio canta con un vocione stile Elvis ultimo periodo, anche il brano mi ricorda certe cose del Presley anni '70. Elogio della tristezza è appunto ...

Smith Optics Catalyst Slider 22/02/2008

Occhiali 4 stagioni

Smith Optics Catalyst Slider Tra occhiali da sole e maschere per lo sci, ormai ho una certa familiarità con questa Casa. Smith è da tempo una delle mie marche preferite di occhiali da sole sportivi, per alcune essenziali motivazioni (e da un po' anche questa è diventata una marca italiana, al pari della più nota Oa***y). La comodità: montature leggere, ma nonostante questo abbastanza robuste. La qualità delle montature: sono sempre ben costruiti, con buoni materiali e con forme carine. Hanno veramente tanti modelli tra cui scegliere. Le lenti: ottime, mai trovato una distorsione, ho sempre sentito un'adeguata protezione dal sole. Il prezzo: solitamente onesto, per una 45ina di euro (che diventano 35 su qualche benedetto negozio ebay...) ci si porta a casa un bel paio di occhiali da sole per le nostre scorribande di fitness all'aperto. Il Catalyst in particolare è uno dei modelli Smith più diffusi, viene proposto in una miriade di colori (io ne ho uno rosa e uno tartaruga chiaro), anche grazie alla forma che va bene un po' a tutti, alla leggerezza e al sistema Slider, che permette in pochi secondi di cambiare le lenti con un paio di tonalità differente. Nei modelli Slider, Smith fornisce tre paia di lenti in tre colori diversi. A seconda del modello possono variare, ma in genere sono sempre ben azzeccati per l'uso che l'acquirente si presume ne debba fare. Il modello Catalyst si presta bene allo sci, alla montagna in genere e anche alla mountain bike oltre che al fitness. La forma è abbastanza ...

Diamir Freeride Plus 22/02/2008

Diamir Freeride Plus, sciare al 1000%!

Diamir Freeride Plus Quante volte, sci ai piedi, abbiamo contemplato posti dove non passava nessuno pensando: vorrei essere lì... Ho iniziato a sciare tardi, e dapprima il divertimento era tutto nello scivolare sulle piste cercando di far bene le curve. Dopo poco ho incontrato il mio futuro marito che, ormai è già passata una decina d'anni, mi ha iniziato allo sci fuoripista appena abbandonato lo spazzaneve. Per un po', visto che anche le case produttrici non mettevano sul mercato prodotti adeguati, mi arrangiavo con sci abbastanza stretti e attacco da discesa: la mia poca abilità faceva il resto e quindi rotolavo spesso, ma mi divertivo lo stesso a sciare per boschetti, radure e pendii dove passava poca gente. Via via che andavo migliorando, però, ho iniziato a sentire l'esigenza di qualcosa che potresse aiutarmi a non dover dipendere più dalla vicinanza di seggiovie o cabinovie per spostarmi da una discesa all'altra e allora, dopo diverse prove, considerazioni e test, ho cambiato attrezzatura, acquistando uno sci piuttosto largo su cui ho fatto montare questo fantastico attacco: il Diamir Freeride Plus. La casa produttrice è la svizzera Fritschi, un produttore ben noto a chi fa scialpinismo grazie ai suoi attacchi robusti e versatili. Cos'hanno di diverso rispetto ai soliti attachi da discesa? Beh, gli attacchi da scialpinismo servono anche per la salita! Hanno un meccanismo che permette lo sgancio della talloniera mantenendo la punta agganciata, come succede nel fondo e nel telemark: ...

FrutTè Tisana al Tè Verde e Frutti di Bosco 13/02/2008

Una pausa rigenerante a metà pomeriggio

FrutTè Tisana al Tè Verde e Frutti di Bosco Non conoscevo questa particolare marca di infusi. L'occasione per provarla l'ho avuta perché me li hanno regalati, conoscendo la mia abitudine quotidiana a farmi un tè o una tisana al pomeriggio. Non amo particolarmente il gusto amarognolo del tè verde, quindi non mi aspettavo granchè quando mi sono preparata la prima tazza: mi sbagliavo, poiché il gusto di FrutTè è buonissimo e perfettamente equilibrato: il sapore del tè verde si sposa alla perfezione con gli aromi dei frutti di bosco e del Rooibos, in una bevanda dal sapore prevalentemente dolce ma leggermente acidulo, con il tè verde come retrogusto. E' buono già così com'è, ma a volte mi piace aggiungere un po' di miele. E' un infuso dalle proprietà antiossidanti, contenute nel tè verde e nel Rooibos (pianta sudafricana antiossidante e rinfrescante) e che contiene anche le sostanze benefiche dei frutti di bosco (biancospino, ribes nero, mora, lampone...), che migliorano la microcircolazione, e sappiamo tutti quanto questo faccia bene agli occhi, dopo le lunghe sedute al pc... oltre a dare a questa tisana il loro sapore. Questo prodotto, realizzato da Planta Medica, si trova in Erboristeria ed è considerato un integratore alimentare, come è chiaramente riportato sulla scatola. Pertanto si consiglia di non superare le dosi consigliate di 1-2 tazze al giorno e di non considerare gli integratori come sostituti di una dieta variata. Avvertenze doverose, visto che comunque il tè contiene un po' di caffeina... Il che per ...

chitarradaspiaggia.com 29/01/2008

Siamo tutti musicisti! Chitarradaspiaggia.com

chitarradaspiaggia.com Da quando ho deciso di riprendere a suonare la chitarra, dopo anni di stop, ho iniziato a cercare su internet un po' di risorse che potessero essermi utili. Premetto che non sono una principiante in senso assoluto, dato che comunque studiavo la chitarra classica e so leggere la musica, però volevo riprendere suonando le cose che ascolto solitamente e divertirmi con un po' di leggerezza, le canzoni che mi piacciono, senza dover passare ore a fare esercizi per arrivare a suonare il pezzo classico. Ci sono molti siti e forum dove è possibile trovare lezioni ed esempi, ma una volta trovato chitarradaspiaggia.com mi sono fermata lì: dapprima ho usato il forum per chiedere consigli sulla scelta dello strumento (e mi hanno risposto in tanti, tutti gentili e molto disponibili) poi, una volta trovata la chitarra che faceva per me (e della quale ho già parlato qui su Ciao), ho iniziato a seguire il loro corso base: la comprensione risulta immediata per me che già ho un po' di studio alle spalle, ma proprio per questo mi sento di dire che anche chi parte da zero riuscirà ad imparare, perché tutto è spiegato in maniera chiara e mai "professorale", non ci si sente mai in soggezione o "negati". Si sente chiaramente che i contenuti del sito sono stati redatti da persone che lo hanno fatto per passione e per il gusto di provare a far appassionare altri, non da gente che che usa la propria competenza per mettersi su un piedistallo, come mi è capitato di vedere in qualche altro ...

Ibanez AW 40 ECE RDV 28/01/2008

Una chitarra che vale più di quel che costa

Ibanez AW 40 ECE RDV Dopo una pausa durata anni, ho avuto di nuovo voglia di rimettermi a suonare la chitarra. Avevo voglia di prendermi uno strumento adatto a suonare la musica che ascolto (pop, rock classico e cose così), non avevo più voglia della chitarra classica che avevo studiato da ragazzina. Logica conclusione: chitarra acustica, anche detta chitarra folk. Non essendo del tutto principiante, avevo chiare delle linee guida che mi hanno guidato nella scelta; avrei cercato uno strumento non troppo costoso (entro i 300 euro) ma soddisfacente (in questa fascia di prezzo se ne trovano eccome). Avrei evitato strumenti troppo economici, perché se anche le mani erano fuori allenamento non lo sono certo le mie orecchie, e mi è parso subito inutile, dopo le prime prove in giro per negozi, spendere troppo poco per una chitarra che non mi avrebbe dato soddisfazione, magari dal manico scomodo e dalla quale non avrei ripreso niente una volta deciso di rivenderla per prenderne una decente. Avrei considerato la possibilità di una chitarra amplificata, una dreadnought (la forma tipica della chitarra folk, con una cassa di dimensioni generose) a spalla mancante, perché ho la possibilità di attaccarmi a un'amplificatore per basso e perché poi non si sa mai, è una possibilità in più che non incide poi molto sul costo finale dello strumento. Detto fatto, con queste premesse inizio a girare i negozi della zona e, grazie al consiglio di una cantante-chitarrista, arrivo a quello dove trovo la mia Ibanez ...

statcounter.com 11/01/2008

Chi passa dal tuo sito? Statcounter te lo dice!

statcounter.com Quando si tratta di scegliere un servizio di statistiche per il proprio sito, ci si trova a dover scegliere tra miriadi di proposte. Spesso ho trovato fuorvianti i consigli altrui, perché a molti piace avere sul sito un contatore che indichi le visite e nulla più, mentre a me serviva uno strumento che mi consentisse di analizzare il traffico degli utenti sulle mie pagine che possibilmente fosse gratuito e non richiedesse obbligatoriamente l'inserimento di un'icona o di un counter. Google offre l'ottimo Google Analytics, ma per chi non volesse immergersi nel suo mastodontico mondo fatto di account milleusi oppure volesse comparare i risultati di più statistiche, segnalo questo utilissimo servizio che ho trovato per caso, appunto grazie a Google. Statcounter offre statistiche web dettagliatissime e un funzionamento abbastanza semplice da capire: quando si registra un account, tramite questo si possono gestire distintamente le statistiche di più siti web (chiamati "projects"), utilissimo per chi gestisce più siti. Una volta registrati, si passa alla configurazione del primo sito da tenere d'occhio tramite alcune semplici schermate ove inserire le informazioni; si può scegliere se avere un contatore invisibile, uno numerico o un piccolo bottone che apparirà nel punto della pagina in cui abbiamo intenzione di inserire il codice che ci viene fornito al termine della procedura. C'è anche una dettagliata spiegazione su come inserire il codice nelle pagine, per ogni principale ...

spider146.com 08/11/2007

Spider146.com: un pc shop di fiducia

spider146.com Quando si cerca un negozio di informatica online, per prima cosa generalmente si inizia sempre rivolgendosi ai soliti grandi nomi, ai siti che tutti ormai conosciamo. Di essi possiamo leggere intere schermate di opinioni qui su Ciao, non sempre lusinghiere a dire il vero; del resto anche a me è successo recentemente di restare assai delusa da uno di questi "colossi" (e ho scritto anche una dettagliata opinione a tal proposito). Ma esistono anche, per fortuna, delle realtà magari più piccole ma che offrono un servizio veramente eccellente a prezzi competitivi, ed è di una di queste che voglio parlare: Spider146.com. Spider146.com è il sito di e-commerce di un negozio con lo stesso nome che ha sede a Zanè, in provincia di Vicenza. Il negozio e i ragazzi che lo "abitano" sono ben conosciuti in zona dagli utilizzatori di computer più esigenti, da chi col computer lavora in ogni ambito agli appassionati videogiocatori che non si perdono un LAN-party (come loro di Spider, del resto!). Il titolare e i suoi collaboratori prima che venditori sono degli appassionati di informatica e la competenza con la quale seguono il cliente lo testimonia. Ma iniziamo a parlare del sito. Appena si entra, appaiono le offerte in corso: in genere 8-10 articoli di vario tipo, componenti, periferiche, consumabili; non c'è una regola prestabilita e spesso viene offerto l'abbuono delle spese di spedizione. L'interfaccia è funzionale e senza fronzoli: dal menù a sinistra si sceglie la categoria ...

Pixmania.com (prima di novembre 2010) 29/10/2007

Pixmania non mi avrai di nuovo!

Pixmania.com (prima di novembre 2010) Abbiamo avuto necessità di acquistare una stampante nuova, e una volta scelto il modello abbiamo iniziato a cercare in rete qualche offerta vantaggiosa. Siamo capitati su Pixmania, che offriva una promozione comprendente la stampante scelta più due confezioni di carta fotografica. Poiché avevamo intenzione di acquistare con partita IVA, siamo stati dirottati sul sito Pixmania-pro: è sempre Pixmania, ma ha una serie di opzioni apposta per chi, appunto, ha una partita IVA e che quindi scarica l'imposta quando acquista cose che servono per la sua attività: ad esempio la fattura disponibile online in PDF. Abbiamo apprezzato subito la facilità di acquisto e l'organizzazione del sito: le promozioni sono illustrate chiaramente e il carrello è veloce e ben fatto. Purtroppo le informazioni vanno un po' "cercate", quando invece dovrebbero essere ben chiare: per esempio non è ben chiaro PRIMA che si ha una fattura di acquisto in esenzione di IVA: in pratica l'IVA non la pago (di solito si paga ma si scarica dopo) e devo calcolarla, registrarla e poi scaricarla. Questo comporta un piccolo aumento di burocrazia che inserisco nella lista dei "contro": se risparmio qualcosa ma perdo troppo tempo, la convenienza diminuisce, giusto? Ma proseguiamo... inserita la stampante nel carrello, paghiamo con carte di credito (e chissà perchè, pagare è sempre così beffardamente semplice!) e riceviamo conferma dell'avvenuto ordine. Non essendo precedentemente registrati con Pixmania, abbiamo ...

Hotel Alphotel Tyrol, Racines 26/10/2007

Come coccolare se stessi per tutto un week-end

Hotel Alphotel Tyrol, Racines Un fine settimana da signore con tanto di beauty farm:questo volevamo, io e la mia amica-complice, per far iniziare meglio la brutta stagione e avere qualche ricordo in più su cui ridere durante qualche pomeriggio piovoso. Date precedenti esperienze positive in Tirolo, abbiamo deciso di cercare un posto tra Alto Adige e Austria. Ci siamo messe su internet due o tre settimane prima di partire, e via di google! Venivano fuori alberghi di tutti i tipi e in ogni angolo del Trentino Alto Adige, ma noi avevamo deciso di restringere la scelta a quelli che parevano dotati di un centro benessere ben attrezzato. A dire la verità avevamo una dritta su un tre stelle in un'altra zona, ma poi non l'abbiamo seguita perché abbiamo notato che in bassa stagione i prezzi dei 3 e dei 4 stelle si avvicinano molto, e anzi spesso sono proprio gli alberghi più quotati a risultare più convenienti: in genere sono strutture più grandi con maggiori costi di gestione, quindi hanno tutto l'interesse ad avere clienti sempre, anche scontando fortemente i prezzi. Non sapevamo nulla di questo hotel e, fidandoci delle informazioni contenute nel sito, abbiamo deciso di prenotare, direttamente dal web: d'altra parte l'offerta appariva davvero golosa: in bassa stagione, un'ampia camera doppia di 24mq, con bagno e balcone, ci sarebbe costata 56€ a persona. Il luogo, Racines (BZ), ci era stato descritto come molto carino e inoltre avevamo notato che era anche comodo da raggiungere, quindi ci siamo messe ad ...

Radiohead - In Rainbows 22/10/2007

Il nuovo viaggio di una grande band

Radiohead - In Rainbows Finalmente! Il settimo lavoro della magica band di Thom Yorke è arrivato, e in una forma che ha sorpreso tutti quelli che non conoscevano questo gruppo: coloro che li seguono da un po' non si saranno stupiti del fatto che, almeno fino a dicembre 2007, il disco sarà reperibile unicamente da internet. E' infatti possibile scaricare, pagando il prezzo che si ritiene giusto (!!!) l'intero album in formato mp3 a 160kbps sul sito www.inrainbows.com. Per chi volesse avere "fisicamente" qualcosa in più è disponibile, sempre dal sito, il Discbox che contiene 2 cd (uno di canzoni e uno interattivo), un doppio vinile, libretto dei testi e artworks vari, oltre al codice per il download digitale, al prezzo di 40 sterline. Passiamo adesso a dire qualcosa sulla "polpa" contenuta in questo nuovo lavoro: è un gran bel disco. Si è attenuata la ricerca sperimentale intrapresa in album come Amnesiac e Kid A, ma nel riavvicinamento alla canzone propriamente detta questa parte del cammino dei Radiohead non è andata persa ma si è fusa con successo alla vena rock di altri lavori (mi viene in mente, in modo banale, Ok Computer). Si parte acidi con 15 Steps, per proseguire con Bodysnatchers, il pezzo più rock. Il terzo pezzo, Nude, rilassa e avvolge, introducendo il mix Weird fishes/Arpeggi, che via via si fa sempre più incalzante per finire in crescendo. Dalla quinta canzone in poi si parte verso un viaggio affascinante tra echi di psichedelia, capolavori melodici e sperimentazioni ...

eBay.it 24/09/2007

Ebay: purtroppo un "male" a volte necessario

eBay.it Spesso ho usato eBay con soddisfazione, per disfarmi di oggetti che non usavo più, che non facevano al caso mio, per riciclare regali ;-). Adesso però mi sto scontrando con alcune regole che trovo sinceramente assurde, a causa di un'inserzione che ho inserito. La storia: ho 2 biglietti per il concerto dei Police che mi avanzano. Dovevano venire due amici ma non possono e allora stiamo cercando di non buttare via i soldi spesi. Non sono un bagarino, per cui non ho intenzione di guadagnarci ma solo di cercare di riprendere quel che ho speso: metto in vendita i biglietti di cui sopra a prezzo di costo con il sistema del "Compralo Subito". Risultato: qualcuno (presumibilmente uno dei bagarini che affollano eBay) segnala la mia inserzione all'assistenza Clienti, che provvede immediatamente a chiuderla. Ok, lo so che i biglietti non si possono vendere su eBay proprio per questioni di bagarinaggio, e onestamente speravo che la mia inserzione non venisse notata, però trovo lo stesso assurdo che un privato non possa cedere i biglietti per un concerto: basta vedere i feedback, certa gente non vende altro, e non ne ha titolo, però gli è permesso di segnalare chi intralcia i loro affari. Basterebbe imporre di venderli al prezzo di costo e senza usare il formato Asta online, così il prezzo non potrebbe salire e non ci sarebbe guadagno. Per gli affari dei disonesti ci si rimette tutti, come al solito. Inoltre un privato che vende qualcosa ogni tanto paga delle commissioni che ...

La Quinta Stagione - Cristina Donà 20/09/2007

Un'artista che traccia una strada

La Quinta Stagione - Cristina Donà Finalmente... Avevo consumato già i precedenti lavori di Cristina Donà e avevo bisogno di questo nuovo cd da dare in pasto al lettore. Al primo ascolto riconosco ciò che nei vecchi album avevo sempre apprezzato: l'assenza di banalità e la forza dei testi. Musicalmente gli arrangiamenti si sono fatti ancora più raffinati: credo che, complessivamente, un po' della freschezza e dell'impatto dei primi lavori si siano stemperati in atmosfere più "classiche" (come in "Universo", il primo singolo estratto) ma è anche naturale che questo accada. Suoni curatissimi, voce ricca di sfumature, testi mai scontati, ottimi musicisti: oramai Cristina Donà si riconosce al volo, già dalle prime battute delle canzoni. Le mie aspettative non sono andate deluse: 10 composizioni che confermano una classe che il tempo ha ulteriormente raffinato. Certo, i graffi di "Tregua" mi mancano un po', ma è normale e giusto che un'artista evolva; l'immediatezza rock di pezzi come "Ho sempre me" lascia il posto ad arrangiamenti più ariosi che acquistano in ricchezza quello che possono perdere in impatto. E' l'album di un'artista "matura", questo al contempo è il pregio e il difetto (ma trascurabile!), penso. I miei pezzi preferiti? "Settembre " e "I duellanti", a mio avviso gli anelli di congiunzione tra i precedenti album e questo: insieme ad una maggiore pacatezza complessiva si ritrova un suono più immediato rispetto al resto del disco, che scorre fluidamente verso paesaggi sonori più morbidi ma anche più ...

onlineglobalrecruiting.com 19/07/2007

Per ora i migliori secondo me

onlineglobalrecruiting.com Dallo scorso anno mi sono iscritta a diversi panel che pagano per rispondere a sondaggi e ricerche di mercato su internet. Tra tutti, quello di gran lunga più interessante e soddisfacente è OnlineGlobalRecruiting, una branca di Brand Institute, azienda che si occupa di studiare e "inventare" i nomi commerciali da dare ai prodotti più vari. In effetti, se vi iscriverete, vedrete che i questionari vi arriveranno principalmente a nome di Brand Institute. Prima la notizia cattiva: una volta completato un sondaggio, il relativo compenso vi arriverà su paypal dopo circa un mesetto. Le notizie buone: 1) in media ogni sondaggio è pagato 15$, anche se ne ho ricevuti alcuni da 30, alcuni da 2 e altri da 10. 2) è possibile farsi pagare su paypal, questo è vantaggioso per più di un motivo: quando il pagamento viene effettuato è immediatamente vostro, i $$ non vanno persi in giro per il mondo, si ha sempre sott'occhio il tasso di cambio dal dollaro, quindi si può decidere al volo di ritirare i soldi quando il cambio è più favorevole a noi e avere soldi su paypal può essere utile per comprare qualcosa al volo da ebay senza star tanto a trafficare con le carte di credito. 3) si guadagna qualcosina se qualcun'altro si iscrive col nostro link di riferimento: 5$ per sondaggio completato dal nuovo iscritto. Bisogna sapere un po' di inglese, dato che i sondaggi sono tutti in questa lingua. L'argomento principale sono i nomi dei farmaci: se non siete medici, infermieri o comunque ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra