Condividi questa pagina su

blu Status blu (Livello 3/10)

angus75

angus75

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 22/11/2002

51

Iron Maiden Tour 2003 04/11/2003

UNA SERATA DA..LEONI

Iron Maiden Tour 2003 Eccomi come vi avevo preannunciato qualche giorno fa al resoconto del concerto dei Maiden di martedì scorso. Quest'anno di concerti massici ne ho veramente visti una "caterba", ma questo (che è il mio secondo stagionale degli Iron dopo quello di Imola dello scorso giugno) merita una citazione particolare. Il giorno è un insolito martedì, uno di quei giorni dove dopo il lavoro bene che ti vada passi un'oretta con la fidanzata o ti vai a fare una partita a calcetto; ma questo mio martedì rimarrà nella storia come una giornata all'insegna dell'Heavy Metal purosangue. La giornata è nuvolosa con una noiosa pioggerellina di fondo. La mattina, purtroppo, la passo a lavorare aspettando le fatidiche ore 13. Passo a prendere il mio mitico compagno di concerti (ciao grande Guido!) e si parte all'arrembaggio di Firenze. Al nostro arrivo (ore 16) intorno al Palasport c'è già una fitta schiera di metallari impazienti; nel giro di un'ora la zona si trasforma in una bolgia. All'apertura dei cancelli si corre all'impazzata a cercare un posto sotto il palco e noi ,muniti di fotocamera e registratore (per un eventuale bootleg) siamo lì a farci valere. Il gruppo di supporto dei Gamma Ray suona per quasi un'ora lasciando una buona impressione e finalmente intorno alle 21.30 il momento tanto atteso sta per arrivare......Si spengono le luci..si riaccendono e si parte! Eccoli...un pò invecchiati ma sempre sobri e scattanti. Il nuovo singolo, l'esplosiva "Wildest Dreams" dà il via al concerto. Noi ci ...

Iron Maiden 01/11/2003

IL RITORNO DEGLI DEI

Iron Maiden "Dance Of Death" è il nuovo attesissimo album degli Iron Maiden uscito finalmente allo scoperto i primi di settembre. Quando nella copertina leggi I R O N M A I D E N sai già che vai sul sicuro e ogni volta ti aspetti sempre qualcosa di più dai maestri del metallo.E ancora una volta sono rimasto impressionato dai sempre verdi Iron che hanno tirato fuori un vero e proprio capolavoro dal loro cilindro. La carica e lo stile eguagliano l'ultimo "Brave New World", però questo "Dance Of Death" ha qualcosa in più; un'atmosfera particolare, un tocco di pura magia sprigionato da quelle tre meravigliose chitarre che si intrecciano in modo spettacolare. "Wildest Dreams" apre l'album in modo energico, l'impatto ti fa capire con chi hai a che fare; "Rainmaker" prosegue sulla stessa scia senza incattivire troppo gli animi; "No More Lies" è un pezzo trascinante con arpeggi melodici che si intrecciano a powerchords rendendola semplicemente stupenda; la "title-track" è forse il top del top di questo album ma una citazione particolare la voglio fare per la ballata acustica "Journeyman". Tre chitarre acustiche ( più unica che rara per i Maiden!) in un'atmosfera magica (una delle migliori performance vocali di Bruce Dickinson in assoluto). In sostanza questo qui signori è un capolavoro assoluto del panorama Hard/heavy e di tutta la musica in generale, quando si dice la classe non è acqua...... P.s: A breve vi scriverò un ampio resoconto del concerto che ho vissuto martedì scorso a Firenze...una ...

Microsoft Windows XP 22/01/2003

ORMAI NON LO REGGO PIU'...

Microsoft Windows XP Circa tre mesi fa mi sono deciso a fare il grande acquisto, un Pentium 4 con 2,53 Ghz di CPU e 256 Mb di RAM (non sto a descriverlo troppo anche perchè non ci capisco un belino di schede audio-video e cazzate varie). Il sistema operativo installato è quello di Windows XP. Io avevo sempre vissuto con Windows 98, il quale nella sua semplicità non mi aveva mai creato problemi. Ebbene devo dire che con XP mi sto trovando davvero male. Sicuramente l'aspetto grafico è molto buono; tutto è decisamente migliorato, soprattutto i procedimenti per la configurazione del sistema. Molto interessante ho trovato subito il Movie Maker, col quale si possono acquisire filmati da telecamere digitali o periferiche video (da me molto sfruttate...); anche l'aspetto della protezione è aumentato, con l'introduzione di un firewall di sistema. Però quello che volevo dire principalmente e che mi causa tanti problemi è il continuo conflitto che mi crea XP con tantissimi software. Probabilmente è anche causa del notevole materiale che scarico con l'ADSL che mi intasa il computer, però prima non mi accadeva col 98. Ho già formattato il computer tre volte in tre mesi e si avvicina la quarta. E' sicuramente innovativo e utile quanto volete ma io sono per le cose semplici ed efficaci, quindi spero di tornare presto a "scasinare" col mio Windows 98. Ciao Nic

Kill 'Em All - Metallica 03/01/2003

QUANDO IL METALLO SUONAVA SANO E SPORCO

Kill 'Em All - Metallica E' il lontano 1983 e quattro giovani californiani alle prime armi danno vita a un album che lascia una cicatrice indelebile nel panorama hard & heavy: "Kill'Em All". Un album di chiaro stampo metal con sonorità pesanti e grezze, ritmicamente ineccepibili. I ritmi "stoppati" di Hetfield e Hammet costituiranno materiale d'apprendimento per generazioni future, il basso del compianto Burton e la batteria di Ulrich martellano all'impazzata senza concedere la minima pausa. Apre l'album una veloce e violentissima "Hit The Lights", segue una stupenda "The Four Horsemen". Nessuna canzone passa inosservata; veloci ed elettrizzanti le varie "Motorbreath", "Jump In The Fire" e la devastante "Metal Militia"; metallo allo stato puro è invece "Phantom Lord"; più melodica e gustosa "Seek & Destroy". Un album d'esordio eccezionale per i Metallica, grezzo e rimbombante, a tratti devastante. KILL'EM ALL (1983) (*****) - HIT THE LIGHTS (*****) - THE FOUR HORSEMEN (*****!) - MOTORBREATH (*****) - JUMP IN THE FIRE (*****) - (ANESTHESIA)-PULLING TEETH (***) - WHIPLASH (****) - PHANTOM LORD (****) - NO REMORSE (****) - SEEK & DESTROY (*****) - METAL MILITIA (****) ...

Guitarnotes.com 03/01/2003

TUTTO CHITARRA E NON SOLO

Guitarnotes.com Guitarnotes.com è un sito interessante, utile per tutti gli amanti dello strumento più bello del mondo. E' diviso in varie sezioni. Nella sezioni "Guitars", "Music" e "Guitarists & Bands" puoi letteralmente sbizzarrirti nella ricerca di tabulati, file mp3, midi, chitarristi e gruppi di qualsiasi genere musicale. Molto interessante è la sezione "Instruction", dove è possibile imparare scale e accordi in forma autodidatta cliccando sui link. Le altre sezioni sono di ottima consultazione per valutare i vari tipi di amplificatori ed effetti presenti sul mercato. E' presente anche una sezione di discussione. Un sito quindi davvero molto completo, aggiorato molto frequntemente, di grande utilità per appassionati di chitarra esperti ma anche per chi è ai primi approci con questo strumento.

Slippery When Wet - Bon Jovi 29/12/2002

SICURAMENTE IL MEGLIO DEI BON JOVI

Slippery When Wet - Bon Jovi "Slippery When Wet" (1986) rappresenta l'album di più grande successo per Jon Bon Jovi & Co. Ai tempi Jon (ero alle medie) era uno dei miei preferiti (ho letteralmente consumato le cassette dei primi 4 album..), fino all'album successivo ("New Jersey"), poi sinceramente la loro musica è diventata troppo commerciale e si è rammollita per i miei gusti. Va bè, tornando all'album in questione si può dire che, nonostante la presenza di una forte vena commerciale, è un lavoro di ottima fattura. 10 canzoni, di cui nessuna passa inosservata. "You Give Love A Bad Name" e "Livin' On A Prayer" sono di sicuro i pezzi di spicco; due canzoni dai riff rockettiani di sicuro successo; "Wanted Dead Or Alive" è una ballata acustico-elettrica eccezionale; "Raise Your Hands" e "Wild In The Streets" due pezzi veloci e prepotenti con un contorno di assoli ben orchestrati. La commercialità raggiunge il suo top nelle ballads "Without Love" e "Never Say Goodbye" due pezzi strappalacrime (vietato ascoltarle in fase di crisi depressiva!). Un album azzeccato di grande qualità, che sprizza energia a go-go. Peccato che poi i Bon Jovi abbiano preferito privilegiare una musica più soft, commerciabile fino al vomito...Non che gli ultimi album siano penosi..intendiamoci, ma visti i primi 4 album uno che è di tendenza had-ock potebbe anche rimanere offeso d brutto...! SLIPPERY WHEN WET (1986) (*****) - LET IT ROCK (****) - YOU GIVE LOVE A BAD NAME (*****!) - LIVIN' ON A PRAYER (*****!) - SOCIAL DISEASE ...

Master Of Puppets - Metallica 27/12/2002

SEMPLICEMENTE..THE BEST OF METAL

Master Of Puppets - Metallica Torniamo indietro di 17 anni. Era il 1986 e i Metallica danno sfogo al loro momento più prolifico dando alla luce "Master of Puppets", ossia uno dei capolavori assoluti del panorama hard & heavy. L'album (l'ultimo con il compianto Cliff Burton al basso) sprigiona un'energia incredibile (ha poco da spartire con gli ultimi lavori della band, purtroppo), con pezzi dinamici, esplosivi, di grande qualità esecutiva. L'album apre con la potentissima "Battery" (Lars Ulrich al top del "martellamento ritmico") per poi proeguire con "Master of Puppets", una sorta di manifesto del "Metallica sound" dei bei tempi; sintetizza in pochi minuti tutte le qualità della band: potenza, velocità d'esecuzione e grande tecnica. "Welcome Home (Sanitarium)" è forse il pezzo migliore in assoluto; con un arpeggio delizioso crea un'atmosfera da sogno, semplicemente stupenda. "Orion" è un bellissimo pezzo strumentale con un basso in prima linea (lode a te Cliff!). L'album chiude con la vertiginosa "Damage Inc.", che spiega a chi non lo sa cosa vuol dire Heavy metal! "Master of Puppets" si può definire quindi un album heavy metal a tutti gli effetti, senza troppi fronzoli o segate varie, privo di una certa "commercialità" che ha portato succesivamente i Metallica ad una perdita di creatività e dinamicità, qualità che li avevano inizialmente distinti dal resto della massa. MASTER OF PUPPETS (1986) (*****) - BATTERY (*****) - MASTER OF PUPPETS (*****!) - THE THING THAT SHOULD NOT BE (****) - WELCOME ...

Magix.com 27/12/2002

UN SITO PER..FANATICI AUDIO VIDEO

Magix.com www.magix.com è un interessante sito per tutti quelli che si interessano di musica elaborata col computer. Sono presenti tanti software acquistabili e alcuni freeware molto interessanti. Nella sezione "Create" vengono messi in rassegna i software per creare musica, remixare Cd e inserire videoclip elaborabili. Nella sezione "Convert & Play" si trova tutto il necessario per l'elaborazione più dettagliata e la masterizzazione su CD e DVD (consigliatissimo il nuovo Magix Audio Cleanic 2003 Deluxe, un vero e proprio "studio" di elaborazione , restauro e mixaggio del suono). In "Mediaworld" ci sono ottimi programmi per i migliori sounds e clip entusiasmanti. Tra i freeware ora come ora si può scricare il PlayR Jukebox e le demo di Music Maker7 e di Mp3 Maker Platinum versione light.

Powerage - AC/DC 27/12/2002

HARD ROCK TUTTO D'UN FIATO..

Powerage - AC/DC "Powerage" (1978) è stato un album registrato dagli AC/DC piuttosto frettolosamente (dopo circa un anno in tour); quindi non ci sarebbero i presupposti per un lavoro di grande qualità, ma...questo è sicuramente uno degli Lp preferiti dei grandi fans come me della band australiana. Il sound è sempre quello dei "magici tre accordi", ci sono ben poche innovazioni (forse nessuna) rispetto ai lavori precedenti; però è un album tenace e compatto, rozzo e tagliente, un altro piccolo manifesto dell' "AC/DC sound". Il pezzo di spicco è sicuramente "Riff Raff", che corre lungo un veloce riff di Angus, un classico pezzo di rock-boogie frenetico, destinato ad aprire tanti spettacoli degli AC/DC. "Rock'n'Roll Damnation" è un buon rock-melodico; "Sin City" un interessante classico dal testo malizioso (in perfetto stile Bon Scott). Tra gli altri pezzi si distinguono "Gimme A Bullet", dalla linea quasi ballabile; "Up To my Neck In You", un classico del rock'n'roll in versione accellerata; "Down Payment Blues", un rock-blues dal forte impatto. Tutto sommato "Powerage" contiene delle ottime canzoni (che formeranno l'ossatura di tante esibizioni "live"); non è sicuramente l'album più felice degli AC/DC ma è sempre un buonissimo album di sano e semplice hard-rock. POWERAGE (1978) (****) - ROCK'N'ROLL DAMNATION (****) - DOWN PAYMENT BLUES (*****) - GIMME A BULLET (***) - RIFF RAFF (*****) - SIN CITY (****) - WHAT'S NEXT TO THE MOON (***) - GONE SHOOTIN' (****) - UP TO MY NECK IN YOU ...

Led Zeppelin IV (Digitally Remastered) - Led Zeppelin 24/12/2002

UN ALBUM DI ROCK MAGICO

Led Zeppelin IV (Digitally Remastered) - Led Zeppelin "Led Zeppelin IV" (1971) rappresenta il IV capitolo eccezionale del dirigibile (forse l'ultimo...). E' un album di "rock magico" dalle suggestive atmosfere etniche, capace di conciliare l'hard-rock con il folk, accentuando il contrasto tra musica acustica ed elettrica. "Black Dog" e "Rock'n'Roll" sono due brani di rock granitico dai classici "riff zeppelliani"; "The Battle of Evermore" e "Going to California" sono due splendide ballate che valorizzano appieno l'immagine acustica della band; "Stairway to Heaven" merita sicuramente un discorso a parte. Un memorabile pezzo fiabesco, in apertura acustico (con un arpeggio da delirio!), pronto poi a svilupparsi in un crescendo musicale contornato da uno splendido assolo di Jimmy Page. Insieme a "Whole Lotta Love", "Stairway To Heaven" diviene l'inno dei fans del gruppo. In questo quarto album erano comunque presenti (per la prima volta in un lavoro degli Zep) anche due brani piuttosto mediocri come "Misty Mountain Hope" e "When the Levee Breaks"; due pezzi sicuramente molli e pesanti. Probabilmente "Led Zeppelin IV" è stato l'ultimo album eccezionale degli Zep, che da lì in poi perderanno in creatività e concretezza, che sfociò in calo definitivo con la morte di "Bonzo" Bonham nel Settembre del 1980. LED ZEPPELIN IV (1971) (*****) - BLACK DOG (*****) - ROCK AND ROLL (*****!) - THE BATTLE OF EVERMORE (****) - STAIRWAY TO HEAVEN (*****!!!) - MISTY MOUNTAIN HOPE (***) - FOUR STICKS (****) - GOING TO CALIFORNIA (****) - ...

Machine Head - Deep Purple 23/12/2002

FUMO NELL'ACQUA E..FUOCO NEL CIELO

Machine Head - Deep Purple Era la fine del 1971 quando i Deep Purple diedero alla luce forse il loro più grande album (dico così per tutti i loro Lp!!!), "Machine Head". La band a quel tempo decise di registrare l'album in un teatro, sfruttando l'acustica naturale, per incidere un album di studio in condizioni più o meno "live". Fu scelto il Casinò di Montreaux. Proprio il giorno prima dell'inizio previsto per le registrazioni fu tenuto un concerto al Casinò; Frank Zappa e The Mothers of invention. Durante il concerto scoppiò un terribile incendio con panico generale; fortunatamente nessuno rimase ferito. I Deep (che per fortuna non ci rimisero neanche l'attrezzatura a differenza di Frank zappa) si trasferirono altrove per registrare il nuovo album; per la precisione in una vecchia sala da concerto. Purtroppo mentre stavano finendo di registrare una traccia, la polizia li invitò a sgomberare per il troppo rumore da loro prodotto ("Swiss time was running out"..dice una "certa" canzone..). I Deep si trasferirono nel corridoio di un albergo, dove poterono finalmente finire il loro lavoro. "Smoke on the water" (uno dei riff più famosi della storia della musica) era un riassunto delle disavventure accadute alla band, con quei tre accordi che hanno mandato in delirio almeno tre generazioni; "Highway Star" apriva l'album in modo veloce e scattante (contiene uno dei più grandi assoli in assoluto di Blackmore!); "Lazy" era un frizzante pezzo rock-boogie con un "mostruoso" intreccio chitarra-tastiera; "Pictures ...

Natale sul Nilo 23/12/2002

TANTE RISATE PER UNA SERATA IN ALLEGRIA

Natale sul Nilo Ieri sera ho visto il film "Natale Sul Nilo", il classico film di fine anno della premiata ditta Boldi-De Sica. Di sicuro non mi aspettavo chissà cosa; tra me e me pensavo fosse il solito "Vacanze di Natale" con le solite segatine mischiate a qualche gag divertente. Invece devo dire che mi sono divertito davvero (come del resto tutto il pubblico presente che non faceva altro che ridere a schiamazzi). Beh chiaramente è sempre un pò la solita minestra, però le trovate dei personaggi sono davvero simpatiche e certe battute ti mandano davvero "in delirio". De Sica e Boldi sono dei "maestri" della risatina facile; gli "orripilanti" fichi d'india fanno ridere solo a guardarli; Enzo Salvi mi fa letteralmente "sganasciare" col suo romanaccio volgare...il tutto condito in un ambiente (l'Egitto) decisamente suggestivo. E' sicuramente meglio del solito "Vacanze di Natale" classico che ormai sinceramente aveva un pò gonfiato le palle... Un film quindi adatto per una serata spensierata insieme agli amici, non troppo impegnativa.

22-12-02 22/12/2002

RESOCONTO DEL PRIMO MESE SU CIAO.COM

22-12-02 Oggi 22 dicembre ho completato il primo mese di "vita" su Ciao.com. Le impressioni che ho ricevuto sono molto positive su vari fronti. Quella principale è stata la possibilità di conoscere tante persone e di installare con loro un rapporto di amicizia, tramite lo scambio di commenti e messaggi. La possibilità di scrivere e leggere opinioni permette di confrontarti con gli altri e di imparare sempre qualcosa di nuovo. Le mie prime opinioni sono nate un pò così..per provare (la prima è stata una specie di lode al mio gruppo preferito...) e ho visto subito che la gente era lì pronta a "sparare" commenti e a dare giudizi. Ho trovato subito tre miei "sosia" in fatto di gusti musicali (tanti saluti e buon Natale a Brasino, JoePerry85 e NighTrain!!!) e tanti altri che hanno condiviso e hanno lodato i miei pareri (anche chi è stato critico mi ha sempre fatto piacere..così si può sapere dove c'è da migliorare..). Elencare tutti gli amici che ho scoperto mi porterebbe via troppe pagine...saluto tutti, in particolare metto in evidenza quelli che mi hanno più colpito: Silvia78 per la simpatia e il modo divertente con cui scrive opinioni; Panoramikx per l'utilità delle segnalazioni; Tiz-Taz per la grande capacità di scrittura coinvolgente e poi tutti gli altri....(visto che mi fido già di 25 autori!!) Quindi sono soddisfatto pienamente di questi primi trenta giorni qua con voi...via auguro buone feste (redazione compresa)...e che continui il divertimento su ciao!!

Led Zeppelin III (Digitally Remastered) - Led Zeppelin 20/12/2002

IL LATO PIU' DOLCE DEGLI ZEP

Led Zeppelin III (Digitally Remastered) - Led Zeppelin "Led Zeppelin III" (1970) è considerato l'album "meno aggressivo" della band. E' un album che evoca forti emozioni; la musica si intenerisce rispetto ai due lavori precedenti, senza però scendere troppo sotto il "livello base dell'hard-rock". Il rock compatto affiora prepotentemente in "Immigrant Song" (che celebra il mito dei Vichinghi); "Tangerine", "Brown-Y-Aur-Stomp" e "Since I've Been Lovin' You" rappresentano ballate dolci dalle atmosfere folk; "Hats Off To (Roy) Harper" è un pezzo classico della tradizione britannica. Per il resto ci sono ottimi passaggi acustici per un rock-blues dal sapore magico, intenso e granitico. LED ZEPPELIN III (1970) - IMMIGRANT SONG (****) - FRIENDS (****) - CELEBRATION DAY (*****) - SINCE I'VE BEEN LOVING YOU (*****) - OUT ON THE TILES (****) - GALLOWS POLE (****) - TANGERINE (*****!) - THAT'S THE WAY (*****) - BROWN-Y-AUR STOMP (****) - HATS OFF TO (ROY) HARPER (****) P.S: Se volete fare un regalo speciale per Natale io consiglio un "pacco regalo coi primi 4 album degli Zep": una spesa non eccessiva per un regalo di qualità!! ...

Magix Audio Cleanic Gold 20/12/2002

UN POTENTE LABORATORIO AUDIO DIGITALE

Magix Audio Cleanic Gold Audio Cleanic Gold rappresenta un software interessante per chiunque si cimenti con i file audio, soprattutto se il fine principale è quello di dare una "pulitina" al suono. E' quindi un potente programma audio per l'assemblaggio, il restauro digitale e il mastering di qualsiasi sorgente sonora (es: dischi e cassette, brani in formato mp3) che può essere elaborata, combinata con altre e messa su CD. Le funzioni di Audio Cleanic offrono svariate possibilità. Le funzioni di restauro digitale permettono di eliminare i rumori fastidiosi del materiale audio. Il "Declicker" elimina gli scricchiolii (tipici dei vecchi dischi); il "Decrackler" cancella i crepitii continui (caratteristico rumore di fondo costante dei vecchi dischi); il "Denoiser" elimina i rumori prolungati (es: interferenze delle attrezzature audio); il "Dehisser" elimina i fruscii regolari, tipici della registrazione analogica. E' possibile da questo comando prelevare (pick!) un campione del rumore contenente il segnale di disturbo e modificarlo a piacimento. Si possono anche regolare il suono e il volume in quanto sono a disposizione funzioni professionali di mastering; lo "Stereo-Enhancer" (modifica il panorama stereo) e l'Equalizzatore che, intervenendo direttamente sull'acustica, permette di potenziare o di ridurre il volume delle singole bande di frequenza. Altri effetti interessanti sono le funzioni di ricampionamento e time-stretching che permettono di accellerare o rallentare il materiale audio. Sono ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra