Condividi questa pagina su

rosso Status rosso (Livello 5/10)

dalla

dalla

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 26/09/2000

87

Oleandro 14/03/2003

Oleandro - come moltiplicarlo

Oleandro Quest'estate, ad inizio agosto, ho prelevato delle talee apicali (le punte di un ramo) di 10-15 cm, da una pianta di oleandro. Per ogni talea, ho lasciato solo 4 foglie, quelle molto grandi le ho anche tagliate a meta'. Ho riempito un barattolo di vetro con acqua, ho coperto l'imboccatura con della pellicola trasparente per alimenti, e con la punta delle forbici ho fatto tanti buchini quante erano le talee (nel mio caso 6). Ho infilato una talea per buco ed ho lasciato il contenitore al sole per circa 40 giorni. Dopo questo periodo ogni talea aveva emesso le radichette. Le ho quindi piantate in vasetti (10 cm di diametro) con terriccio universale. Alcune le ho riposte in una serra (vivo al nord e fa freddo!) altre le ho portate in casa su un davanzale di una finestra sopra ad un termosifone. Le piantine stanno crescendo e stanno ora spuntando le prime foglioline nuove (sia sulle piantine riposte in serra che su quelle in casa). In primavera penso di rinvasarle in vasi con diametro di 2 cm piu' grande ed in estate le piantero' in piena terra (verro' ad aggiornare l'opinione per i risultati).p Come esperimento, in dicembre, ho nuovamente prelevato delle talee da una pianta adulta ed ho ripetuto quanto sopra tenendo il contenitore in casa, su un davanzale sopra ad un termosifone, vicino ad una finestra senza tenda. Le radichette sono spuntate anche questa volta e piu' in fretta che non in agosto! Deduco quindi che il momento in cui si prelevano le talee non sia ...

Con la F 12/11/2002

F come Furetti

Con la  F Ho due furetti, un maschietto di 3 anni e mezzo che abita con me da 3 anni ed una furetta di 2 anni adottata solo un anno fà. Riesco a far mangiare loro sole le crocchette per gatti al manzo della Coop (fino ad un anno fà anche quelle della Kitekat ma ultimamente devono aver cambiato la composizione perchè vengono ora rifiutate dei 'pargoli') e le apposite crocchette della Merrick. Vanno però matti per il latte (due goccini al giorno altrimenti . . .) e l'olio d'oliva (non quello del supermercato ma solo quello prodotto da nostri amici: una punta di cucchiaio una volta la settimana). Apprezzano in modo particolare le banane, al punto che talvolta si arrampicano sul carrello ove ripongo il cesto della frutta, ne rubano una, la nascondono sotto il mio letto e lentamente la mangiano, almeno fino a che non arriva il giorno delle pulizie domestiche e la trovo! Il maschietto adora le melle. . . scusate lui le chiama così . . . volevo dire le caramelle di gelatina alla ciliegia, la femminuccia le noccioline americane ed il panettone (mi vedete in agosto al supermercato a cercarlo?). Li ho abituati a 'sporcare' sui fogli di giornale che devono però essere sostituiti spesso (almeno ogni 12 ore) perché altrimenti la fanno dove è più pulito (leggi direttamente sul pavimento!) e sempre in un angolino. Comunque per fortuna le deiezioni non puzzano. Hanno una stanza tutta per loro o quasi. In realtà si tratta della mia stanza armadio ove però non danneggiano nulla. ...

Gardenia (Giorgio Mondadori Editore) 14/10/2002

Il giardino di carta

Gardenia (Giorgio Mondadori Editore) Sono felice, finalmente è arrivata. Lo capisco già da lontano. lo sportellino della cassetta delle lettere è alzato, chissà perchè il postino non la inserisce mai bene eppure ho acquistato la cassetta adatta alle riviste. Metto la macchina in garage, ho tante cose da fare come preparare cena ma non mi cambio neppure, corro sul sofà, straccio il celophane ed inizio. Salto le prime pagine che contengono le rubriche, tanto me le gusterò con calma le sere successive ed inizio a sfogliarla per vedere forme, colori e, giuro, a sentire profumi. Fotografie bellissime, a tutta pagina, di piante, fiori, giardini o un dettaglio di queste magari le nervature di una foglia, il pistillo di un fiore, uno stelo che si specchia nell'acqua. Fotografie di piante comuni o ricercate e particolari sempre e comunque ritratte in modo da esaltarne la bellezza o la particolarità. Sì, la vera essenza della rivista, ciò che più la differenzia dalle altre dedicate al 'verde' è, secondo me, la cura dedicata alla fotografia. Eppure quando, qualche anno fà ho iniziato ad acquistare questo genere di riviste, dopo aver comprato il mensile, l'ho eliminato dalla lista della mia spesa. Allora mi aveva fatto uno strano effetto, mi pareva una rivista elitaria, solo per gli addetti ai lavori, troppi i termini e le specie a me sconosciute, troppi i servizi su importanti giardini. Io cercavo consigli terra-terra per curare il mio ficus benjamin o i miei geranei . . . opss scusate, pelargoni, per come ...

Black & Decker GL600 cesoie senza filo 27/08/2002

Ti rasero' l'aiuola . . .

Black & Decker GL600  cesoie senza filo Nel mio giardino ho una aiuola di circa 20 mq 'in salita' ovvero con una pendenza di circa il 30%. Vi ho piantato numerose piante tra cui: rose, mahonia, hebe, salvia officinale e splendens, mirtillo, oleandro, pieris, edera variegata, gladioli, canna picasso, ginestra domestica, helicrysum, tagete, peperoncino ornamentale, margherite, gipsophilla, mesebriantenum e varie portulaca multicolore. E' un vero splendore, tutte le piante hanno attecchito egregiamente ed ora l'aiuola la chiamiamo la 'collina di hollywood' per via delle molte dive e divi che la popolano! La base è seminata a prato e per i primi tempi è stato arduo mantenerla in ordine. Con il taglia erba non potevo rasarla a meno di non falciare anche le piante e fare uno sforzo ciclopico per via della pendenza, quindi mi armavo di santa pazienza e con le forbici potasiepe mantenevo l'altezza dell'erba. Questo fino a quando non ho acquistato 'Cesoie senza filo GL600' della Black&Decher. Si tratta di un attrezzo manegevole, dal peso di circa 300 gr, costituito da un corpo in plastica resistente in cui è inglobata l'impugnatura,il pulsante di blocco interruttore, l'interruttore e la batteria e da due pettini metallici sovrapposti formati uno da 5 lame e l'altro da 4. L'oscillazione orizzontale ed opposta dei pettini consente alle lame un taglio preciso e veloce di erba, erbacce e siepi. La batteria si carica in 16 ore ed ha una durata di 45 minuti. Sono sicure in quanto per attivarle è necessario prenere ...

Con la D 10/07/2002

Diario di un cane

Con la  D Quanto segue non è farina del mio sacco, l'autore del diario è sconosciuto, il testo circola da tempo via e-mail, ma credo valga la pena di diffonderlo con tutti i mezzi. 1° SETTIMANA Oggi è una settimana che sono nato!! Che allegria... essere arrivato in questo mondo!! 1° MESE La mia mamma mi accudisce molto bene... E' una madre esemplare!! 2° MESE Oggi mi hanno separato dalla mia mamma...Era molto inquieta e con i suoi occhi mi ha detto "ADDIO" , con la speranza che la mia nuova "famiglia umana" mi sappia accudire come lei ha fatto con me!! 4° MESE Cresco rapidamente..tutto richiama la mia attenzione...Ci sono molti bambini in questa casa che sono per me come dei "fratellini". Sono molto gentili con me...giochiamo insieme con una palla che mordo solo per gioco 5° MESE Oggi la mia padrona mi ha castigato ...si è molto arrabbiata perché ho fatto "pipì" in casa... ma nessuno mi ha mai detto dove poterla fare...!!! 6° MESE Sono un cane felice. Ho il calore di un focolare, mi sento sicuro e protetto Credo che la mia "famiglia umana" mi ami molto!! Quando loro sono a tavola invitano anche me e il cibo che mi danno lo sotterro nel cortile (visto che ne ho uno tutto per me) come hanno sempre fatto i miei antenati lupi 12° MESE Oggi compio 1 anno. Sono un cane adulto e i miei padroni dicono che sono cresciuto di più di quello che speravano. Devono essere molto orgogliosi di me!! 13° MESE Oggi non sto molto bene..Non sono per niente in ...

Wind.it 08/07/2002

Che disdetta

Wind.it Da anni ero un soddisfatto cliente Wind ma nel 2001 ho traslocato ed avendo cambiato città ho dovuto anche cambiare il mio numero telefonico. Mentre con Telecom è stato sufficiente chiedere il trasferimento del contratto su di un nuovo mumero telefonico con Wind non ho potuto fare la stessa cosa. A novembre ho quindi dovuto dare disdetta dell'abbonamento e con mio sommo dispiacere al momento di stipulare il nuovo contratto ho appreso che le tariffe erano cambiate ed in peggio . . . ma questa è un'altra storia . . . ed ad oggi devo ancora scegliere il nuovo operatore. La vera sorpresa l'ho ricevuta a gennaio 2002: è arrivata una fattura con cui chiedevano l'anticipo del canone dell'opzione 'Superlight' per i mesi di novembre e dicembre '01. A parte il ritardo della richiesta dell'anticipo (bel giro di parole) ho dato disdetta e mi chiedono di pagare il canone? Sarà un errore del computer o si saranno dimenticati di chiudere il contratto. Nè l'una ne l'altra cosa. La signorina del 158 mi ha chiarito il tutto. La chiusura del contratto, per procedure interne di Wind avviene un mese dopo la richiesta da parte dell'utente ed inoltre il canone và a bimestri. Bene ho dovuto pagare lire 20.000 per un servizio che non ho potuto utilizzare! Non ho neppure avuto il rimborso (del secondo mese) perchè sempre secondo le loro procedure rimborsano solo cifre che eccedono i 5 euro. State quindi attenti. Se vi dovesse accadere di trasferirvi ricordate di dare disdetta a Wind con due ...

Le idee di casa mia 17/06/2002

decoratrice per hobby

Le idee di casa mia Volete abbellire la vostra casa con oggetti fatti da voi? Volete rinnovare le pareti di casa con idee originali? Invidiate la bravura della vostra amica che fa con le sue mani oggetti con la tecnica del decoupage, quilling, punto croce, composizioni di fiori, patchwork, stencil? Non sapete nulla delle tecniche sopra elencate ma vi piacerebbe saperne di piu’? Il mensile Idee di CASAMIA fa per voi. E' una rivista davvero ricca di idee e consigli. Adatta a chi gi… si cimenta da tempo con il bricolage e fai da te e a chi per la prima volta si avvicina a questi passatempi. Per ogni tecnica, al fondo della rivista, vengono riportate le tecniche di base ed i consigli per i principianti. Ogni mese, vengono proposte idee di arredamento (dai mobili alle tende, dalle pareti ai soprammobili) a tema: con i fiori, in montagna, al mare, in campagna, la cucina rustica, le camerette per i bimbi, etc. Tutte le idee vengono spiegate nel dettaglio con i passi e le istruzioni da seguire per realizzarle in casa propria. Allegati alla rivista si trovano i fogli progetto ed i fogli da cui ritagliare le figure da usare per il decoupage, gli schemi del punto croce, i tracciati per farsi le mascherine dello stencil. Vi sono inoltre le rubriche: bazar, i libri, antiquariato, agenda, internet, impara l'arte. . . corsi e lezioni divisi per regioni, i mercatini, cucina, riconoscere gli stili, l'architetto risponde, un angolo dedicato alle foto dei lavori eseguiti dalle ...

Candele decorative 31/05/2002

Candele originali - ecco come creale

Candele decorative Esistono candele dalle forme più strane e dai profumi intriganti ma quanto costano! Se però provassi a fartene una? Come? Segui le mie istruzioni. MATERIALE - contenitori di cartone spesso o di plastica che utilizzerai per lo stampo. Alla fine li dovrai rompere scegli quindi quelli che non ti dispiacerà rovinare (per iniziare puoi provare con i vasetti dello yogurt). - acquista al supermercato le confezioni di candele bianche (sai quelle anonime e brutte che non ti sogneresti mai di mettere in mostra). Io le compero da Ikea e la confezione da 50 pezzi costa 9900 lire. - pastelli a cera (quelli della giotto dei bimbi vanno benone) - vaschette di alluminio - una pentola (se vecchia è meglio, potresti rovinarla con la cera fusa) - un bastoncino di legno più lungo del diametro dello stampo - uno stoppino (puoi recuperarlo dalle candele) ESECUZIONE di BASE Sminuzza la cera dele candele e mettila nella vaschetta di alluminio. Aggiungi qualche scaglia di pastello del colore preferito. Riempi la casseruola di acqua e poni la vaschetta a bagnomaria. Mentre attendi la fusione della cera lega una estremità dello stoppino al bastoncino di legno e all'altra un peso. Quando la cera sarà fusa (dopo pochi minuti) potrai versarla nello stampo scelto Appoggia il bastoncino sullo stampo ed immergi lo stoppino nella cera cercando di inserirlo ben dritto. Attendi qualche ora per lasciare raffreddare la cera e poi con delicatezza rompi il contenitore per estrarre la tua ...

Allium 19/09/2001

per combattere i pidocchi delle rose

Allium Le scorse estati le mie rose avevano un appuntamento fisso. Già con gli afidi o pidocchi. Sì con quelle bestioline verdi o nere, minuscole macosì dannose. Attaccavano i boccioli delle rose, ne suchiavano la linfa e così non sbocciavano ma seccavano e nei casi più 'virulenti' l'intera pianta soffriva perdendo tutte le foglie. Inutile utilizzare insetticida specifici. Quest'anno, in primavera, ho seguito un vecchio rimedio. Ho prelevato due spicchio d'aglio, li ho sbucciati e li ho piantati vicino alle radici della rosa. Sarà stato un caso ma le mie rose non sono state colonizzate da invasori sgraditi ed ho potuto finalmente coglierle per comporre graziosi mazzolini. Consiglio a tutti di fare la prova . . . per quel che costa . . . al limite non ha effetto . . . e se lo avesse risparmiate in insetticida seguendo una tecnica totalmente naturale.

Lavapavimenti Polti 19/06/2001

Lo vendo per una modica cifra

Lavapavimenti Polti Stò cambiando casa e quella nuova è decisamente più ampia. Io ed il mio fidanzato abbiamo pensato che il tempo da dedicare alle pulizie domestiche aumenterà in maniera notevole rubandoci parte del già poco tempo libero che abbiamo. La pubblicità ci ha aiutati: per una casa più grande ci vuole un grande elettrodomestico! Allora la scelta: Vaporetto Polti LecoAspira 910 Kit. E' una macchina che promette i miracoli. Aspira, lava ed asciuga i pavimenti, pulisce i vetri, lava tappeti e divani, stira. Peccato che mai una scelta si dimostrò così infausta. Ho pulito gli avvolgibili. Apparentemente erano puliti fino a che non mi è venuto in mente di provare a passare una spugna con acqua e candeggina. Bene l'acqua è diventata nera e le tapparelle finalmente davvero pulite. Poi sono passata ai vetri: l'ho rotto! Sì perchè non và usata con i vetri camera. Li ho puliti con il vecchio sistema di acqua ed ammoniaca asciugandoli con fogli di giornale, sono una meraviglia (tutti tranne il primo ovviamente!). Non contenta ho provato a pulire il divano: lo sporco è diminuito nel senso che quello che prima era concentrato si è espanso e dunque la densità di sporco per cm quadro è inferiore. Ok ho capito, smonta il rivestimento e gettalo nella lavatrice, ah finalmente pulito! Stavo buttando questo fantastico elettrodomestico dalla finestra (tanto il vetro era già rotto) quando il mio fidanzato mi dice: "dai, prma di arrenderci, proviamo le funzioni di aspirazione e lavaggio dei ...

Ficus beniamino 06/06/2001

Ficus beniamina

Ficus beniamino Una pianta adatta a tutti. In casa puo' raggiungere i 5 metri. Aspetto: ha foglie piccole di forma ovale e di verde intenso: esistono varieta' a foglie striate (Starlight). Provenienza: India e Malesia Dove sistemarla: Vuole molta luce, ma non gradisce quella diretta del sole. La temperatura deve essere tra i 14 ed i 18 °C. Non tollera correnti d'aria. In estate sistemala all'aperto, all'ombra. Come curarla: annaffiare due volte la settimana in estate; in inverno ogni 10 giorni. L'acqua non deve assolutamente ristagnare nel sottovaso. Spruzza le foglie con acqua tiepida, sia in inverno che in estate . Concimazione: durante il periodo estivo e' bene somministrare ogni 15 giorni un concime liquido con l'acqua dell'annaffiatura. in inverno una volta al mese. Terriccio: usa terriccio torboso. Rinvasatura: effettuala nel periodo primaverile, quando le radici tendono ad uscire dal terreno. Moltiplicazione: si moltiplica per talea apicale (punta di 15 cm di un ramo giovane in alto) inserita in un terriccio ricco. Portare la talea alla luce solo dopo che ha radicato (1 mese circa). I mesi giugno, luglio ed agosto sono quelli ideali per la moltiplicazione. Precauzioni: se noti che le foglie cadono allontana la pianta da correnti d'aria o ponila in un luogo piu' luminoso. Se ingialliscono riduci le annaffiature. Nome botanico: ficus benjamina (famiglia moracee) ...

Anthurium 06/06/2001

Se le foglie si arrotolano . . .

Anthurium Ho visto che ci sono già opinioni che descrivono questa elegantissima e decorativa pianta. Dunque non mi dilungo su provenienza e cure. Voglio però raccontarvi quanto ho rilevato personalmente. Quest'inverno ho posto la pianta in prossimità di una finestra ove potesse ricevere un'adeguata quantità di luce. La luce era filtrata da una tenda in modo che i raggi del sole non arrivassero direttamente. La collocazione sembrava essere proprio ideale e mi ha regalato moltissime spate. Nell'ultimo mese però le foglie della pianta hanno iniziato ad arrotolarsi su se stesse pur rimanendo verdi e sane. Ho aumentato le annaffiuture ho praticato aspersioni sulle foglie ma con nessun risultato. Finalmente ho capito che la luce, intensificatasi con la bella stagione, era troppo forte. Ho spostato la pianta un poco più distante ed in un paio di giorni le foglie sono tornate al loro aspetto originario. Ora è in gran forma e spero con questa mia op. di aver dato indicazioni a chi di voi avesse lo stesso problema. Nella scheda sono costretta a scegliere un mese per la fioritura, non è però corretto, perchè se concimata ed esposta correttamente alla luce, è una pianta che fiorisce tutto l'anno.

Clivia 24/05/2001

Clivia-inizia la fioritura in casa

Clivia E’ una pianta originaria dell’Africa. Ha foglie coriacee di color verde come lunghi nastri larghi 3-4 cm che hanno la stessa origine. I fiori gialli, albicocca od arancione, sono ad ombrello raccolti su un unico stelo da cui partono da un minimo di 4 ad un massimo di 10-15. Va tenuta in posizioni ben illuminate, ma assolutamente lontano dalla lice diretta. Teme le correnti d’aria. Annaffiarla abbondantemente tra aprile e settembre. Una volta ogni 15-20 giorni nel restante periodo. Per far rifiorire la Clivia è necessario stimolarla, lasciando a riposo in ottobre: annaffiatela poco e non concimatela. Nei primi mesi dell’anno svilupperà lo scapo floreale. Quando noterete che lo stelo ha raggiunto i 15 cm aumentate le annaffiature. Non fate mai ristagnare l’acqua nel sottovaso. Alla caduta dei fiori tagliate lo stelo per evitare che la pianta spenda inutili energie. In inverno la si può tenere in casa, in estate all’aperto all’ombra. E’ semplicissima da moltiplicare. Dopo la fioritura asportare i germogli basali maneggiandoli con delicatezza e recidendoli dalla pianta madre con un coltello ben affilato. Piantarli in terriccio composto da comune terra da giardino mista a foglie. Rinvasare la pianta ogni anno, dopo la fioritura. Concimare con fertilizzante liquido per piante fiorite ogni 15 giorni. Se notate sulle foglie delle macchie gialle significa che annaffiate con acqua troppo fredda. Se invece ...

Santa Rosa 11/05/2001

Santa Rosa - Confettura extra davvero

Santa Rosa Da circa vent'anni sono un'affezionata consumatrice delle confetture Santa Rosa. Sono delle vere delizie ed hanno davvero i pezzi di frutta: e che pezzettoni! Vengono utilizzati 50 gr. di frutta per 100 gr. di confettura. In realtà non so dire se le altre marche contengano una percentuale maggiore di frutta, ma posso assicurare che il risultato e' nettamente meno appetibile. Io preferisco la confettura di pere, il mio fidanzato quella di mirtilli, ma non disdegnamo neppure quella di prugne asprigne e quella di ciliegie. Unico svantaggio, per queste ultime due, e' costituito dal fatto che, talvolta, si trovano, frammenti di nocciolo. Forse questo garantisce che la frutta impiegata è davvero . . . frutta, ma non sempre è piacevole incontrarne uno. I vantaggi comunque superano questo svantaggio e noi rischiamo comunque! Probabilmente solo i veri golosi ci capiranno. ...

IperCoop 13/04/2001

Forse diventerà il mio preferito - aggiornamento

IperCoop Questa mattina (domenica) il mio frigorifero era davvero . . . deserto: un limone rinsecchito, un barattolo di maionese, qualche cetriolino e poi . . . il nulla. Io ed il mio fidanzato ci siamo guardati e dopo un breve consulto abbiamo deciso che era giunto il omento di andare a fare la spesa. Abbiamo telefonato al supermercato presso il quale abitualmente ci forniamo ma non era aperto. Abbiamo allora telefonato agli altri del circondario ed abbiamo scoperto che il centro comm.le Le Fornaci di Beinasco (TO) era aperto per i festeggiamenti del carnevale. Per la prima volta abbiamo fatto la spesa in un supermercato IperCoop e devo dire che ne siamo rimasti piacevolmente colpiti. Esamino in seguito le caratteristiche che ci hanno sorpreso. AMBIENTE Il supermercato è piuttosto spazioso, ben illuminato, i prodotti ben ordinati (anche se è domenica) e facilmente accessibili. La temperatura, contrariamente ai supermercati che frequento, è molto piacevole. Appena entrato non ti assale la solita vampata di calore che non ti abbandona più fino all’uscita. I servizi igienici lindi (è uno dei parametri che utilizzo per giudicare un locale). Il parcheggio ampio ed il carrello funzionante (quante volte capita di trovarne uno con le ruote bloccate o che và dove vuole). PRODOTTI La scelta è ottima. Per ogni prodotto è possibile scegliere tra tantissime marche. Buono anche l’assortimento di prodotti del marchi del supermercato. Ho trovato molti accessori per auto e moltissimi ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra