Condividi questa pagina su

verde Status verde (Livello 2/10)

dancer92

dancer92

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 11/01/2012

20

Colazione da Tiffany 11/02/2012

Colazione da tiffany : la distruzione dell'indifferenza emotiva.

Colazione da Tiffany Una vita senza sicurezze,senza emozioni da poter vivere a pieno,un'esistenza anonima in cui ogni cosa non assume mai un aspetto definitivo,ma sfugge costantemente.Holly,la protagonista del famoso film "colazione da Tiffany" vive così così i suoi giorni :disprezzando la sicurezza di una vita banale e cercando di far denaro,di appartenere all'alta società per non perdere quella disponibilità economica utilizzata unicamente per creare una migliore immagine di se stessa,un'immagine che subirà una trasformazione totale quando proprio nel momento in cui crollerà tutta la sua indifferenza emotiva, comprenderà che il prezzo delle emozioni è troppo alto da poter pagare e si innamorerà,ritrovando in un bacio tutto il sapore della vera libertà. Holly è una prostituta d'alto borgho che vive in un appartamento non definitivamente ammobiliato e con un gatto che ella stessa continua a chiamare "gatto" come se il dare nome alle cose potesse comportare un'eccessiva responsabilità.Non ha casa,è fuggita da un marito che l'amava e si ritrova isolata in un mondo pieno di gente ricca e d'alta importanza,ma che non conosce davvero,che gli è utile solo per non restare sul lastrico,è sola in una nobile folla.Il suo atteggiamento e la sua determinazione ad una libertà basata sull'insicurezza e l'indifferenza dei sentimenti,muterà solo grazie all'incontro con Paul,un giovane scrittore che vive al piano di sotto che si innamorerà di lei e le farà notare quanto valore abbia la semplicità se la si ...

Neverland - Un Sogno Per La Vita (Blu-Ray) 02/02/2012

Neverland e le nostre isole di spensieratezza.

Neverland - Un Sogno Per La Vita (Blu-Ray) Chiudete gli occhi per un istante e immaginate di poter volare grazie al soffio leggero di polvere di fata che vi accarezza il viso,immaginate di uscire dalla finestra lanciandovi nel vuoto e andando verso un'isola solo vostra,un'isola che non c'è ma che esiste dentro ciascuno di noi.Peter Pan è a mio parere la storia disney che si dovrebbe raccontare costantemente,una delle poche che non vede l'amore come protagonista,ma la libertà,il volo...per non parlare delle riflessioni a cui ci porta rivedendolo con occhi con più esperienza,che nel frattempo dall'infanzia in poi ne hanno viste di cose tanto da voler fuggire davvero a nuoto su quell'isola che vivevamo spesso quando eravamo bambini.Una storia che ancora ci insegna tanto,ci insegna l'emozione nel lasciarci completamente andare...seconda stella a destra e poi dritto fino al mattino.NEVERLAND si ispira a questa fantastica storia firmata walt disney e vede come protagonista un uomo,un meraviglioso Johnny Depp,che scrive commedie teatrali la cui vita muterà del tutto dopo aver incontrato casualmente una donna,Kate Winslet,con i suoi ragazzi i cui nomi;George,Michael,Peter riflettono il cartone animato sopra citato.Lo scrittore si lascerà totalmente invadere dalla ingenuità e dalla fervida immaginazione di questi ragazzini tanto da renderli partecipi anche della sua di immaginazione,un mondo tutto suo il cui angolo emotivo più privato viene lasciato nascosto anche alla stessa moglie per poi essere condiviso con la donna ...

La Ricerca della felicità (Dvd) 27/01/2012

La ricerca della felicità: meglio la corsa o il traguardo?

La Ricerca della felicità (Dvd) La determinazione nel raggiungimento dei propri obiettivi,la voglia di continuare a lottare nonostante vada tutto storto,nonostante un turbinio di negatività che cerca di infrangere il sottile velo di speranza da cui ognuno di noi è delicatamente avvolto.Il famoso "sogno americano" per cui troppo spesso si è disposti a rinunciare a tutto,alla proria famiglia,agli affetti...La ricerca della felicità è il primo film di Muccino di produzione americana che vede come protagonista un fantastico Will Smith che interpreta la parte di Chris Gardner,sulla cui reale storia si basa l'intero film.Chris nonostante la povertà è riuscito a divenire milionario contando sulla sua forza di volontà e sulla speranza che, per quanto delle volte possa sembrare vana, è la miglior arma contro le delusioni. Il film descrive la vita di un Will Smith che cerca costantemente di dare un' esistenza dignitosa alla moglie e al figlio,ma nonostante gli sforzi perderà la propria donna e gli rimarrà solo la speranza nel proprio futuro e il credere nelle proprie capacità,un coraggio che lo porterà a raggiugere un mondo avvolto finalmente da un'atmosfera positiva,dopo aver perso la propria casa,dopo essere stato cacciato da un piccolo albergo dove aveva trovato rifugio per pochi giorni,cacciato dal cuore della donna che amava,cacciato dalla felicità,una felicità che costantemente sfugge e che gli sembra impossibile da afferrare.Ma la felicità forse non è il raggiungimento di un paradiso,della perfezione,la ...

Io sono di legno (Giulia Carcasi) 24/01/2012

IO SONO DI LEGNO:IL CORAGGIO DELLA VERITA'

Io sono di legno (Giulia Carcasi) "La verità è bicolore,non ci stanno tinte di mezzo,non ci stanno i compromessi del grigio,il carnevale del blu,del rosso e del giallo.L'ho imparato quando ho messo a stendere le parole nere sul foglio bianco e la verità le ha asciugate".Parole.Semplici parole,emozioni,sensazioni imprigionate in un cuore che non sa amare,un cuore che si nasconde tra bugie,falsità e nostalgia. "Io sono di legno"scritto da Giulia Carcasi è un libro che sorprende per il suo stile semplice,ma sentimentale,ricco di quei pensieri che sanno d'amore e di paura.Il complicato rapporto di una madre,Giulia,e sua figlia,Mia,fatto di silenzi che feriscono e lacerano l'anima.A Giulia mancano i gesti più sinceri,quelli dettati dal sentimento,le manca la libertà di essere se stessa,una libertà che acquisterà raccontandosi pur di distruggere la barriera di brividi immobili che la separa da Mia.Mia,diciotto anni e voglia di vivere,realista,non sogna emozioni,le vive e basta senza inutili pensieri;tanti uomini,ma nessun "ti amo",perchè un vero sentimento è difficile da gestire se si riflette in un cuore impolverato,che non riesce ad esprimere sensazioni.Due personalità che si raccontano,due mondi che si avvicinano pian piano,pagina dopo pagina,che si cercano tra la carta,per quando l'affetto non lo si sa trasmettere guardandosi negli occhi,ma scoprendo verità nascoste,anche quelle di una figlia,per quando si scrive perchè parlare non riesce e si macchia col cuore,con la propria storia, un foglio ...

Avatar (Dvd) 24/01/2012

AVATAR : LA REALTA' OMBRA DELLA FANTASIA.

Avatar (Dvd) La fantasia spesso oscura la realtà,la rende un'immensa ombra da accantonare,stupisce quanto possa sembrare"vera",ma ci trasporta in altri mondi,tra altre vite e avventure frutto di un'immaginazione che ci avvolge del tutto:una realtà alternativa che viviamo nelle nostre menti o semplicemente guardando un film,lasciandoci trasportare da scene ad effetto e immagini fantastiche."Avatar"offre tutto questo:emozione allo stato puro,sembriamo esserci sul serio in questo mondo fantastico e lo sguardo si perde tra le situazioni che si susseguono,va oltre e in un momento non è più solo un film,ma un'avventura che si sta vivendo. "Avatar" è una lotta tra due universi lontani:quello umano e quello dell'isola di Pandora,abitata da un popolo di indigeni che vivono venerando il proprio dio e proteggendo il loro territorio semplice e magico. Il protagonista James si ritroverà su quest'isola nel corpo di un Avatar,un clone di un indigeno,per studiarli e trasmettere informazioni alla base scientifica e militare.James è un marine e inizialmente la sua missione è trovare un modo per annientare il popolo,conquistando la sua fiducia e trovando il punto debole per distruggere il villaggio e appropiarsi dei diamanti preziosi nascosti in quella terra fantastica.Il soldato in un primo momento eseguirà gli ordini,ma in seguito la sua personalità verrà talmente influenzata dagli indigeni che egli stesso finirà per unirsi a loro,innamorarsi della figlia del capo e proteggere questo "suo" nuovo mondo ...

I Colori dell'anima - modigliani (Dvd) 23/01/2012

I colori dell'anima : un arcobaleno di sentimenti...

I Colori dell'anima - modigliani (Dvd) Il rosso della passione,il grigio dell'indecisione,il bianco dell'indifferenza,l'arcobaleno di un sorriso e l'intensità del colore di uno sguardo che verrrà dipinto solo quando un uomo riuscirà a scoprire davvero l'anima della propria donna.I colori dell'anima ci riporta ancora una volta intorno agli anni venti,precisamente nel 1919 nella splendida atmosfera parigina dove il protagonista Amedeo Modigliani,pittore italiano realmente esistito,sfoggia la sua allegra pazzia artistica tra i colleghi tra cui Pablo Picasso il suo peggior nemico,vittima per gran parte del film delle beffe del pittore.Modigliani,nonostante un'apparenza dalle emozioni leggere e di poca importanza,è innamorato di una donna,Jan,che sarà per lui l'unica ancora di salvezza e che sacrificherà tutta la sua vita e la sua stessa figlia per stare accanto all'uomo che ama.Amedeo però non è quello che oggi si direbbe un uomo con la testa sulle spalle,si sà gli artisti sono tutti un pò strambi,vedono cose che nessuno vede e stargli accanto o cercargli di imporre una visione comune è praticamente impossibile,inoltre a questa sua grande arte modigliani affianca l'uso di droghe e alcol che assieme alla tubercolosi da cui non è mai guarito da anni,lo porteranno inevitabilmente alla morte.Entrambi ,l'uomo e la donna, sono due personaggi alquanto interessanti,lui in quanto artista certo,ma anche in quanto uomo con alle splalle un'infanzia difficile che lo perseguiterà nel corso del film attrverso continue visioni e lei ...

La Verità E' Che Non Gli Piaci Abbastanza (Dvd) 22/01/2012

La verità è che non gli piaci abbastanza:un fiume di realismo.

La Verità E' Che Non Gli Piaci Abbastanza (Dvd) L'amore:una delle più grandi illusioni in cui ognuno di noi si sentirà imprigionato almeno una volta,un velo spesso di sensazioni che spesso sembrerà avvolgerci e stringerci con una tale forza da renderci impossibile respirare. "La verità è che non gli piaci abbastanza" è una di quelle tipiche commedie leggere e sentimentali che si vedono tra una risata e l'altra in compagnia di amici,ma ciò che colpisce è come riesce a gettare un secchio pieno di realismo su uno spettatore che difficilmente non riuscirà ad identificarsi in qualcuno dei personaggi.Il film ha una trama semplice,una ragazza romantica che crede ancora nel principe azzurro rimane per l'ennesima volta vittima di un amore che in realtà non esiste e scoprirà nel corso del film,grazie all'aiuto dell'uomo che poi si innamorerà inaspettatamente di lei,che l'amore non è quello che sogna e in cui ogni volta spera disperatamente,la verità è che se lui non ti chiama,non ti cerca,non vuole vederti,non sei abbastanza importante.La verità è che sei la regola,non l'eccezione.Si mette in risalto il tipico errore di noi donne,trovare troppe giustificazioni per credere che in realtà lui sia interessato a noi quando invece gli uomini sono in genere piuttosto semplici...se un ragazzo ti vuole prima o poi te lo fa capire,qualsiasi incidente capiti nella sua vita,non troverà stupide scuse se gli piaci sul serio. "Se un uomo si comporta come se non gliene fregasse un cazzo di te...non gliene frega un cazzo davvero!" una frase che ...

Il Bambino Con Il Pigiama A Righe (Dvd) 21/01/2012

Il bambino con il pigiama a righe:e voi quale abito indossate?

Il Bambino Con Il Pigiama A Righe (Dvd) Due bambini,due mondi,uno sguardo su ingenuità differenti,l'una regalo dell'età più bella,l'atra rubata dalla spietata cattiveria umana.La visione su un mondo in cui si concretizzano violenza e discriminazione accompagnate da una pazzia che ancora oggi viene considerata come la peggiore tragedia mai commessa dall'uomo. Tutti conoscono la storia del campi di sterminio, dei più di sei milioni di ebrei che furono ammazzati dal un potere nazista che aveva come obiettivi:mettere in risalto la superiorità della razza ariana e conquistare lo spazio vitale, come viene scritto da Hitlernel libro intitolato "la mia battaglia".Protagonista di questo film è innanzi tutto il periodo della seconda guerra mondiale,non lo si può comprendere a fondo se non si conosce,anche se per sommi capi,il periodo in cui la sceneggiatura è ambientata.L'originalità è che sullo sfondo si muovono dei personaggi in miniatura,due bambini,un ebreo rinchiuso nella fabbriche di lavoro e distruzione umana e l'altro figlio del capo delle SS che nella sua ingenuità non sa di essere a un passo dall'inferno.La figlia maggiore del capo si lascerà influenzare dalla idee naziste come la massa di persone che infestavano la società di allora,una massa senza alcuna personalità che seguiva un potere negativo e spietato senza rendersi conto dell'assurdità delle proprie azioni.Una società senza alcuno spessore critico,come direbbe Marcuse,una società ad una dimensione,piatta ed inutile. Tra i personaggi vi è una donna,moglie ...

Fare filosofia. Per i Licei e gli Ist. Magistrali (Vol. 3) - Ottocento e Novecento (Nicola Abbagnano, Giovanni Fornero, Domenico Massaro) 18/01/2012

IL POSSESSO DISPERDE L'ATTRAZIONE:la filosofia ai giorni nostri.

Fare filosofia. Per i Licei e gli Ist. Magistrali (Vol. 3) - Ottocento e Novecento (Nicola Abbagnano, Giovanni Fornero, Domenico Massaro) Ho scelto di far riferimento a questo fantastico manuale perchè mi è stato molto utile durante il liceo e lo consiglio a chiunque si interessi di filosofia non solo a livello scolastico,ma anche esclusivamente per desiderio personale,in quanto riesce a far comprendere ciascun pensiero di un autore ...anche se all'inizio sembra sempre impossibile immedesimarsi nella mente di un filosofo.Il segreto è riportare ciò che pensavano al nostro presente,lasciare che il pensiero riesca attraverso di noi a superare e ad attraversare le linee temporali per avere la possibilità di legare l'interpretazione di un autore ad una più moderna senza però allontanarsi del tutto dal fondamento da cui il pensiero originale è nato. Io adoro parecchi filosofi,tra questi Schopenauer che nonostante il pessimismo scrive di concetti che ancora oggi risultano essere attuali.Non fa un pò impressione questo?Leggere parole del passato e scoprire che in fondo non è mutato così tanto.Gli uomini si emozionano sempre allo stesso modo,pensate all'amore esiste da sempre e nonostante il progresso e il passare dei secoli è sempre lo stesso sentimento che forse è stato un pò sbiadito e reso meno romantico,ma non ha mai cessato di avere i medesimi effetti sugli uomini siano questi dell'ottocento o del 2011.E' un'emozione senza tempo.Ma non sono qui per parlare d'amore,scrivo per consigliare questo libro e in particolare per esprimere la mia opinione su una parte della filosofia di Schopenauer che mi ha colpito ...

Il ritratto di Dorian Gray (Oscar Wilde) 18/01/2012

Il ritratto di Dorian Gray e il velo ingannatore di Schopenauer

Il ritratto di Dorian Gray (Oscar Wilde) La bellezza e l'esteriorità sono legate alla giovinezza,alla primavera della vita come direbbero i poeti,ognuno è legato all'immagine della propria gioventù quando c'erano speranze e voglia di conquistare il mondo,io stessa credo che quando crescerò mi ritroverò a ricordarmi del mio volto da ragazza,ma il tempo non può fermarsi e c'è chi si dannerebbe per farsì che lo scorrere della vita non porti con sè la bellezza della primavera. Conservare bellezza e giovinezza a ogni costo,vivere in un infinito presente anche se il prezzo è un'infinita dannazione: la storia di Dorian Gray è probabilmente una delle più note che la letteratura abbia mai raccontato e non c'è generazione di lettori che non si sia confrontata con la straordinaria favola per adulti scritta da Oscar Wilde.Una favola che intreccia personaggi,o meglio anime molto diverse tra di loro:da Dorian Gray,il dandy che espia il proprio edonismo con la vecchiaia,a Lord Henry,il cui spirito cinico e decadente richiama quello dello stesso Wilde.Ma proprio l'intrecciarsi di tante anime,insieme alla fortissima tensione narrativa,fa sì che l'incanto del Ritratto resti intatto nonostante il passare del tempo. Dorian abbandona completamente la sua anima,la imprigiona in un quadro e ciò lo porterà a compiere azioni assurde pur di raggiungere piacere e concretizzare desideri,la sua dannazione lo porterà al prevalere della superficialità,darà così tanta importanza alla propria immagine di ragazzo che si dimenticherà della sua ...

Source Code (Dvd) 18/01/2012

Source Code :connubio perfetto tra azione e sentimento.

Source Code (Dvd) E se esistesse una realtà parallela in cui tutto potesse mutare?Se esistesse un mondo popolato dalle stesse persone che amiamo,gli stessi ambienti,ma che possiamo vivere solo travestiti di un'identità che non ci appartiene?Se esistesse sul serio un Source Code quanti di noi sarebbero disposti a rischiare di mettere in pericoloro la vera vita per una che sembra essere non altro che un'illusione creata artificialmente?Source Code "codice sorgente" è un dispositivo creato dal dottor Tutledge per obiettivi mililari:riuscire ad evitare attacchi terrorisitici avendo la possibilità non di modificare il passato,ma di riviverlo in maniera consapevole per poi poter dare indizi e notizie fondamentali per fermare il colpevole. Il Source Code dona la possibilità di vivere gli ultimi otto minuti di una vita altrui,persa proprio a causa della tragedia passata di cui si cercherà di evitare il ripetersi nuovamente. Protagonista di questa missione è Stevens,il comandante dell'areonautica militare morto precedentemente in una battaglia e che non sa di essere vivo nell'illusione della realtà parallela che è costretto a rivivere per riuscire a scoprire chi abbia fatto scoppiare l'enorme bomba posta sul treno e che ha causato numerose vittime.Stevens rivivrà questi ultimi otto minuti sotto le sembianze di Sean Fentress e durante la sua missione stringerà una relazione con Christina di cui si innamorerà anche se il film sicuramente non lascia molto spazio all'aspetto romantico,ciò che prevale è ...

L'attimo fuggente (P. Weir - USA 1989) 17/01/2012

L'attimo fuggente : il tempo che sfugge da Orazio a Seneca.

L'attimo fuggente (P. Weir - USA 1989) Per ragioni d'età credo di non poter fare a meno di recensire questo film di Peter Weir,a diciannove anni è piuttosto facile credere alle parole di un professore come Robin William che insegna ad afferrare ogni singolo attimo della vita,a renderla straordinaria e guardarla in ogni sua singola sfaccettatura..."è proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da un'altra prospettiva".Ispirato alla famosissima poesia di Orazio del carpe diem in cui l'uomo suggerisce a Leuconoe di afferrare il presente e di non far fuggire nemmeno un attimo della propria storia,l'attimo fuggente è un vero capolavoro,per trama e per un fantastico Robin che riesce perfettamente nel ruolo assegnatogli.La storia probabilmente la conoscete tutti,un uomo,un insegnante che fa credere ai suoi allievi del college quanto sia importante cogliere l'attimo."Rendete straordinaria la vostra vita"...questa frase autorizzerà l'animo giovane a fuggire da tutte le responsabilità, ad andare contro la propria famiglia pur di sfruttare al massimo le opportunità che si manifestano dinanzi agli occhi delle giovani vite.Il professore verrà accusato per aver trasmesso la voglia di essere se stessi e la voglia di non sprecare il proprio tempo ad essere qualcuno che in realtà appare come estraneo.Un ragazzo si metterà contro il proprio padre per raggiungere i suoi obiettivi,ma questo lo porterà a severe critiche da parte di quest'ultimo tanto che il giovane deciderà di prendere la strada del suicidio per ...

Soundtracks, The - Ennio Morricone 17/01/2012

Ennio Morricone e la magia della musica.

Soundtracks, The - Ennio Morricone La prima cosa che mi viene da scrivere per introdurre questa mia opinione è :meno male che esiste la musica.Musica,sei lettere e un mondo che si apre alle nostre sensazioni ogni qualvolta ne abbiamo bisogno,un velo di sicurezza che ci avvolge quando abbiamo più paura,una corazza quando abbiamo bisogno di corraggio,un amico quando ci consola e riesce a far diventare anche la sofferenza un momento indimenticabile.Ennio Morricone è senza alcun dubbio uno di quelli che io definirei proprio "dio della musica",ogni colonna sonora che riesce a creare, una per tutti come esempio quella che accompagna il famoso e bellissimo film"the mission",dona emozioni che non riesco quasi a definire con le parole. La musica è veramente una di quelle delicate sensazioni di cui non si può fare a meno,è sempre con noi,in macchina,in camera,per strada quando utilizziamo l'mp3 o semplicemnte nella nostra mente quando le note continuano a risuonare tra i nostri pensieri.Non ci abbandona mai,non tradisce,non si distrugge è inutile accanirsi.Credo che la musica abbia una magia tutta sua,ci trasporta in mondo lontano e impalpabile,nasce dal cuore di chi cerca di dar sfogo a dei sentimenti che nella maggior parte dei casi sono comuni a molti, è una capacità quasi da invidiare al musicista.E' un pò come quando si invidia uno scrittore perchè ha saputo trovare le parole perfette per esprimere ciò che noi rinchiudevamo in una corazza emotiva e non riuscivamo a liberare.La musica è così,solo che al posto delle ...

The Butterfly Effect (Dvd) 17/01/2012

The butterfly effect : un super potere sul passato.

The Butterfly Effect (Dvd) Pensate per un attimo di poter avere nelle vostre mani il super potere di poter controllare il tempo,come vi comportereste?Immaginate di aver trovato un modo per poter modificare il vostro passato e conseguentemente il vostro presente ogni qual volta non siate pienamente soddisfatti di ciò che vi offre la vita,riuscireste ad utilizzarlo senza lasciarvi influenzare dalla voglia irrefrenabile di rendere tutto perfetto,di avere la ragazza dei vostri sogni,il lavoro che desiderate,riuscireste a pensare anche agli altri e perdere un pezzo importante del vostro puzzle esistenziale per donarlo a chi amate?Il protagonista del film "The butterfly effect" riesce in tutto ciò,sicuramente sbagliando all'inizio e credendo che modificare il passato sia cosa da nulla,ma successivamente arriverà a sacrificare l'amore della sua vita pur di rendere felice una ragazza che perderà del tutto alla conclusione del film.Evan,il protagonista di questa splendida storia,scopre di avere fin da bambino delle amnesie che non gli permettono di ricordare la maggior parte degli episodi della propria vita per tanto,sotto consiglio del dottore,comincia ad appuntare sui suoi diari ogni sua giornata,proprio questi appunti gli permetteranno in seguito di tornare indietro tra i suoi ricordi.Durante il periodo universitario Evan,ormai cresciuto,non avrà più problemi di amnesia,ma si accorgerà di possedere uno strano potere già appartenuto al padre,ossia la possibilità,leggendo episodi della propria vita ...

Save the last dance 17/01/2012

Save the last dance : mai dimenticarsi di una passione.

Save the last dance Tutti abbiamo una passione,un sogno in cui crediamo fermamente da quando siamo bambini,quel desiderio che occupa la mente da sempre prima di addormentarci,la risposta che eravamo soliti dare quando ci chiedevano "cosa vuoi essere da grande?".Save the last dance è questo:il racconto di una passione,il racconto di un sogno che nonostante tutte le difficoltà riesce a realizzarsi.La protagonista,Sara,ha un grande talento per la danza,ma ha abbandonato nel suo enorme cassetto da sognatrice questo desiderio dopo la morte della madre in un incidente stradale accaduto mentre accelerava per essere presente al provino della figlia.Il senso di colpa porta la ballerina a lasciar perdere un sogno che le aveva portato via la donna a cui era più profondamente legata,ma le passioni,quelle vere,che ti incendiano il cuore e che ti fanno sobbalzare l'anima non si potranno mai dimenticare,la danza poi...te la porti dentro in qualunque momento,è un fiume in piena che non riesce a trattenersi e scorre impazzito inondando tutto ciò che trova dinanzi a sè.Sara ritroverà l'intensità della passione grazie ad un ragazzo conosciuto nella nuova città dove si è trasferita per vivere col padre...e proprio questo ragazzo così diverso da lei,ma con la stessa voglia di raggiungere un obiettivo che li accomuna,riesce a convincerla a farle fare il provino per la Juliard.Tra i due nasce un sentimento piuttosto tormentato dalle differenze tra le culture di quelli che vengono definiti i due mondi,dei bianchi e dei ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra