Condividi questa pagina su

argento Status argento (Livello 8/10)

dario_cima

dario_cima

Autori che si fidano di me: 157 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Mi piace leggere e viaggiare. Appunti di viaggio e foto su viadario.altervista.org

Opinioni scritte

dal 13/10/2000

1432

Il baco da seta (Robert Galbraith) 20/08/2017

Thriller lento con qualche originalità

Il baco da seta (Robert Galbraith) L’autrice Dietro allo pseudonimo di Robert Galbraith si nasconde la scrittrice inglese J. K. Rowling, inventrice del fortunato personaggio di Harry Potter e seconda donna più ricca del mondo. Non ho letto nessuno dei libri col famoso “maghetto”, ma mi hanno incuriosito i corposi thriller che compongono la trilogia di Cormoran Strike. Il libro Il baco da seta (The Silkworm- 2014) è il secondo dei romanzi che ha come protagonista l’investigatore privato londinese Cormoran Strike; scritto in terza persona non onnisciente, la trama potrebbe essere convincente ed originale, ma i cali di tensione narrativa sono abbastanza frequenti soprattutto per la prolissità della scrittura. Qualche volgarità, passi truculenti e il tira e molla dell’inconcludente rapporto tra l’investigatore e la bella assistente Robin rivitalizzano le un po’ la lettura. L’autrice ha attinto a piene mani alla letteratura angloamericana noir (Lee Child, Chandler, Connelly), non disdegnando l’ispirazione dei romanzi più recenti di Isabel Allende. Il protagonista La figura di Cormoran Strike si costruisce durante la lettura dei tre romanzi e veniamo così a sapere che ha scelto il cognome della madre Leda, una groupie (fan dai discutibili costumi ) del famoso e trasgressivo cantante rock che li ha abbandonati. Cresciuto nella sballata esistenza della madre, forse uccisa dall'ultimo dei "patrigni" di Cormoran, appena maggiorenne è divenuto un militare dalle grandi capacità e dal fisico possente. Lo conosciamo ...

La sostanza del male (Luca D'Andrea) 13/08/2017

La giustizia dei Padri

La sostanza del male (Luca D'Andrea) L’autore Luca D’Andrea (Bolzano 1979) è un insegnante di lettere; autore di racconti per ragazzi ha esordito nella letteratura nel 2016 con “La sostanza del male”. Il libro La sostanza del male (2016) è il romanzo d’esordio di Luca D’Andrea. Il libro è stato un successo decretato dai ricercatori di talenti (scout letterari) alla fiera del Libro di Londra 2016. Ancora in bozza il romanzo è stato acquistato da decine di editori in tutto il mondo. Ambientato ai giorni nostri nell’immaginario paese alpino di Siebenhoch la narrazione è in gran parte in prima persona da parte del protagonista Jeremiah; la struttura narrativa è una convincente fusione di noir e horror, tra cupe montagne e solitari boscaioli l’autore ha creato un romanzo ben scritto anche se con ritmo lento (spezzato da qualche passo ironico). Trama Jeremiah Salinger è un documentarista statunitense (per la precisione un autore di factual, serie tv che raccontano fatti e persone reali seguendole con la telecamera) che insieme il socio Mike ha ottenuto grande successo con una docufiction TV sugli allestitori dei palchi delle rock star. Innamoratosi di un’italiana (Annelise) decide di andare a vivere nel paese altoatesino di Siebenhoch in un suo periodo di crisi di creatività e mentre sta per nascere la figlia Clara. È nel paese di 700 anime incuneato tra le montagne che Jeremiah conosce i volontari del Gruppo di Soccorso delle Dolomiti, associazione ben attrezzata dopo anni pionieristici, in cui si è distinto ...

Pane (Maurizio De Giovanni) 11/08/2017

La squadra dei Bastardi contro tutti

Pane (Maurizio De Giovanni) L’autore Maurizio de Giovanni, napoletano del 1958, ha esordito con successo nel 2005 come scrittore di libri gialli. In pochi anni si è affermato con una produzione di numerosi romanzi e racconti tutti appassionanti. Il protagonista dei romanzi più noti è il commissario Ricciardi, un poliziotto che vive nella Napoli del periodo fascista; un altro personaggio che ha dato origine ad una serie ambientata in epoca contemporanea, sempre a Napoli, è l’ispettore Lojacono. Il protagonista e il libro Pane per i bastardi di Pizzofalcone (2016) è il sesto romanzo dove compare il personaggio letterario di Giuseppe Lojacono, un ispettore quarantenne trasferito a Napoli dalla natia Sicilia, accusato (ingiustamente) di collusione con elementi mafiosi. L’ispettore dopo il divorzio ha recuperato il rapporto con la figlia che ha deciso di vivere con lui a Napoli. La caratteristica fisica più evidente sono i suoi occhi dal taglio orientale che gli meritano il soprannome de “il cinese”, le donne lo trovano affascinante ma irraggiungibile e lui a stento se ne accorge in bilico tra le tenere attenzioni della ristoratrice Letizia e il ruvido rapporto con la procuratrice Laura Piras. Nella recentissima serie TV della Rai tratta dai libri di De Giovanni, il protagonista è interpretato da Alessandro Gassman. La programmazione è iniziata a Gennaio 2017. Il romanzo è composto da una narrazione principale (in terza persona onnisciente che riguarda le indagini del commissariato di Pizzofalcone) ...

La carta più alta (Marco Malvaldi) 07/08/2017

La vita è una scommessa.

La carta più alta (Marco Malvaldi) L’autore Marco Malvaldi è nato a Pisa nel 1974 e nel 2007 ha esordito nella narrativa con il giallo “La briscola in cinque” dando vita ad una serie di opere (finora cinque romanzi e qualche racconto) con protagonisti alcuni abitanti dell’immaginario paese toscano di Pineta. Ha scritto anche saggi e romanzi di vario genere. Il BarLume Il protagonista è Massimo Viviani, prossimo ai quaranta anni, separato e dal notevole curriculum studentesco che ha deciso di rompere col passato ed aprire un bar nella cittadina di Pineta. Gli affari non vanno male, la prosperosa Tiziana lo assiste in maniera impagabile e l’unico piccolo problema è la combriccola di quattro anziani che praticamente bivaccano nel suo locale; ottuagenari dallo spiritaccio toscano che Massimo deve ospitare per forza perché uno di loro è suo nonno Ampelio. Dai libri è stata tratta una serie TV (Sky) con protagonista Filippo Timi (girata all’Isola d’Elba con panorama molto più bello ma incongruente con quello dei romanzi). Il libro La carta più alta (2012) è il quarto romanzo della serie del BarLume, pubblicato ancora una volta da Sellerio (con la sua elegante ma delicata rilegatura). Trama L’unico dei vecchietti del BarLume che ancora lavora è il ristoratore Aldo; purtroppo il suo ristorante è stato dato alle fiamme e l’opportunità di un nuovo locale nella tenuta di Villa del Chiostro gli crea qualche incertezza perché il proprietario della beauty farm annessa gode di cattiva reputazione. Riccardo Foresti è ...

Il gioco delle tre carte (Marco Malvaldi) 06/08/2017

Solamente i bravi prestigiatori sanno distrarre l'attenzione.

Il gioco delle tre carte (Marco Malvaldi) L’autore Marco Malvaldi è nato a Pisa nel 1974 e nel 2007 ha esordito nella narrativa con il giallo “La briscola in cinque” dando vita ad una serie di opere (finora cinque romanzi e qualche racconto) con protagonisti alcuni abitanti dell’immaginario paese toscano di Pineta. Ha scritto anche saggi e romanzi di vario genere. Il BarLume Il protagonista è Massimo Viviani trentascinquenne separato e dal notevole curriculum studentesco che ha deciso di rompere col passato ed aprire un bar nella cittadina di Pineta. Gli affari non vanno male, la prosperosa Tiziana lo assiste in maniera impagabile e l’unico piccolo problema è la combriccola di quattro anziani che praticamente bivaccano nel suo locale; ottuagenari dallo spiritaccio toscano che Massimo deve ospitare per forza perché uno di loro è suo nonno Ampelio. Dai libri è stata tratta una serie TV (Sky) con protagonista Filippo Timi (girata all’Isola d’Elba con panorama molto più bello ma incongruente con quello dei romanzi). Il libro Il gioco delle tre carte (2008) è il secondo romanzo della serie del BarLume, pubblicato ancora una volta da Sellerio (con la sua elegante ma delicata rilegatura). Trama Giunto un po’ ansioso dal Giappone l’anziano professor Asahara è pronto per partecipare ad una conferenza di chimica organizzata in Toscana. La preoccupazione sul presunto caos italico lascia spazio alla sorpresa di trovarsi in un paese civile dove non tutto è confusione e caos…ma lo studioso viene ucciso appena dopo il suo ...

Fai la nanna, Nannina. (Sennò papà e mamma sbroccano) (G. Luca Belardi) 02/08/2017

Ironia sul maschio adulto.

Fai la nanna, Nannina. (Sennò papà e mamma sbroccano) (G. Luca Belardi) L’autore Gian Luca Belardi (Roma, 11 febbraio 1967) è un comico, attore, autore televisivo e scrittore; ha debuttato nel cabaret alla fine degli anni ’90 poi la notorietà grazie a Zelig nel 1998 (anche in coppia col coetaneo Gabriele Cirilli). Ha recitato in varie fiction televisive ed in alcuni film, come autore collabora con vari comici ed agenzie pubblicitarie. Ha scritto due libri comici ironizzando (in maniera un po’ cinica) sulla condizione degli adulti maschi nati negli anni ’60. Il libro Fai la nanna, Nannina (sennò papà e mamma sbroccano) (2009) è il secondo libro scritto da Gian Luca Belardi. Il protagonista (alter ego dell’autore) è il quarantenne Peppe, autore comico nei suoi primi dieci anni di vita da padre. Un po’ troppo “politicamente scorretto” nelle prime pagine, diventa più piacevole continuando la lettura. Trama La paternità per Peppe, che scrive le battute per un comico di nome Cuckoo, arriva insieme alla prima occasione professionale davvero promettente. Mentre la figlia Nannina nasce a Bari, dove il romano Peppe e la moglie pugliese Camilla hanno “temporaneamente” deciso di vivere, lui riceve la proposta di ideare uno show che andrà in onda sulle reti Mediaset. Lavoro e famiglia si riveleranno impegni difficilmente compatibili, sia per il fatto di vivere lontano dalle capitali televisive (Roma e Milano) sia per la difficoltà di far prendere sonno alla neonata. Mentre inaspettatamente lo show “Bidoni” prende corpo nella mente di Peppe (il comico ...

Uva noir. La commissaria Lolì tra passione e delitti (M. Gabriella Genisi) 01/08/2017

La mora e il farmacista. Sensualità e disperazione.

Uva noir. La commissaria Lolì tra passione e delitti (M. Gabriella Genisi) L’autrice Gabriella Genisi (1965), scrittrice pugliese appassionata di arte, cucina e letteratura è organizzatrice della rassegna letteraria “Il libro possibile” a Polignano a mare. Ha scritto una decina di libri alcuni con originale protagonista una donna commissario di Bari: Lolita Lobosco detta Lolì. Il libro e la protagonista Uva noir (2012, sottotitolo la commissaria Lolì tra passione e delitti) è il terzo romanzo, ironico e un po’ volgarotto (al femminile) in cui compare la trentasettenne Lolita Lobosco, da un anno trasferita nella natia Bari come commissario della Polizia sezione Omicidi. Sexy, spavalda, brava cuoca e prepotente con i prepotenti, ha divorziato ormai da quattro anni e nonostante la sua prorompente femminilità ha avuto poche storie con uomini. La voce narrante è quella della protagonista (tranne un paio di capitoli dedicati ai pensieri di due uomini che se la contendono), molti i dialoghi in un semplificato, ma simpatico, dialetto pugliese. Al termine del libro si trova una serie di ricette a base di uva, frutto che dà il soprannome (Uva ‘gnura, cioè Uva nera) alla mamma di un bambino rapito ed ucciso in una zona residenziale di Bari. I libri della Genisi hanno ispirato una serie TV in cui la protagonista è interpretata da Micaela Ramazzotti. Trama Nel parcheggio della questura di Bari campeggia una grossa scritta rossa: “PUTTANA”. Chi è la donna accusata è facile da capire, la prorompente femminilità e la scarsità di donne poliziotto indicano di ...

Giallo ciliegia (M. Gabriella Genisi) 31/07/2017

Tre bocche di uno stupefacente color ciliegia

Giallo ciliegia (M. Gabriella Genisi) L’autrice Gabriella Genisi (1965), scrittrice pugliese appassionata di arte, cucina e letteratura è organizzatrice della rassegna letteraria “Il libro possibile” a Polignano a mare. Ha scritto una decina di libri alcuni con originale protagonista una donna commissario di Bari: Lolita Lobosco detta Lolì. Il libro e la protagonista Giallo ciliegia (2011, sottotitolo la nuova inchiesta della commissaria Lolì) è il secondo romanzo, ironico e un po’ volgarotto (al femminile) in cui compare la trentaseienne Lolita Lobosco, da quasi un anno trasferita nella natia Bari come commissario di Polizia. Sexy, spavalda, brava cuoca e prepotente con i prepotenti, ha divorziato ormai da tre anni e nonostante la sua prorompente femminilità non ha più avuto storie con uomini. La voce narrante è quella della protagonista, molti i dialoghi in un semplificato, ma simpatico, dialetto pugliese. Al termine del libro si trova una serie di ricette a base di ciliegie, frutto determinante per collegare gli indizi del caso di scomparsa di un giovane pescatore. I libri della Genisi hanno ispirato una serie TV in cui la protagonista è interpretata da Micaela Ramazzotti. Trama L’estate del 2010 a Bari è iniziata ad essere torrida già da Giugno; mentre i mondiali di calcio del Sudafrica iniziano ad essere deludenti per la nazionale italiana, la commissaria Lolita Lobosco è impegnata perlopiù in occupazioni burocratiche e la sua vita sentimentale, temporaneamente rianimatasi grazie al fascinoso dentista ...

La circonferenza delle arance. La prima inchiesta della commissaria Lolì (Gabriella Genisi) 25/07/2017

Un poliziesco al femminile, ironico ed originale.

La circonferenza delle arance. La prima inchiesta della commissaria Lolì (Gabriella Genisi) L’autrice Gabriella Genisi (1965), scrittrice pugliese appassionata di arte, cucina e letteratura è organizzatrice della rassegna letteraria “Il libro possibile” a Polignano a mare. Ha scritto una decina di libri alcuni con originale protagonista una donna commissario di Bari: Lolita Lobosco detta Lolì. Il libro e la protagonista La circonferenza delle arance (2010, sottotitolo la prima inchiesta della commissaria Lolì) è il primo romanzo, ironico e un po’ volgarotto (al femminile) in cui compare la trentaseienne Lolita Lobosco, da poco trasferita nella natia Bari come commissario di Polizia. Sexy, spavalda, brava cuoca e prepotente con i prepotenti, ha divorziato ormai da tre anni e, nonostante la sua prorompente femminilità, non ha più avuto storie. La voce narrante è quella della protagonista, molti i dialoghi in un semplificato, ma simpatico, dialetto pugliese. Al termine del libro si trova una serie di ricette a base di arance, il frutto è amato dalla protagonista e proprio grazie ad una dieta a base di arance, seguita da una giovane vittima, sarà possibile chiudere un’indagine. Trama E’ la vigilia di un caldo Natale quando il fascinoso dentista Stefano Morelli viene denunciato dalla sua assistente per violenza carnale. La giovane Angela è bella, ma la clientela di Stefano è praticamente tutta femminile e tutta disponibile, inoltre lui è sposato con la stupenda Chiara… sarà per questo che Lolì tende a considerarlo innocente oppure perché lui è stato il suo primo ...

Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone (Maurizio De Giovanni) 18/07/2017

Chi ama bambini e animali non può essere tanto cattivo

Cuccioli per i Bastardi di Pizzofalcone (Maurizio De Giovanni) L’autore Maurizio de Giovanni, napoletano del 1958, ha esordito con successo nel 2005 come scrittore di libri gialli. In pochi anni si è affermato con una produzione di numerosi romanzi e racconti tutti appassionanti. Il protagonista dei romanzi più noti è il commissario Ricciardi, un poliziotto che vive nella Napoli del periodo fascista; un altro personaggio che ha dato origine ad una serie ambientata in epoca contemporanea, sempre a Napoli, è l’ispettore Lojacono. Il protagonista e il libro Cuccioli per i bastardi di Pizzofalcone (2015) è il quinto romanzo dove compare il personaggio letterario di Giuseppe Lojacono, un ispettore quarantenne da poco trasferito a Napoli dalla natia Sicilia, accusato (ingiustamente) di collusione con elementi mafiosi. L’ispettore ha subito il divorzio dalla moglie, rimasta in Sicilia e solamente da poco i rapporti con la figlia adolescente sono stati ripristinati. La caratteristica fisica più evidente dell’ispettore sono i suoi occhi dal taglio orientale che gli meriteranno il soprannome de “il cinese”, le donne lo trovano affascinante ma irraggiungibile e lui a stento se ne accorge. Nella recentissima serie TV della Rai tratta dai libri di De Giovanni, il protagonista è interpretato da Alessandro Gassman. La programmazione è iniziata a Gennaio 2017. Il romanzo è composto da una narrazioni principale (in terza persona onnisciente che riguarda le indagini del commissariato di Pizzofalcone) intercalata dai pensieri di protagonisti che via via ...

Giudici (Andrea Camilleri, Giancarlo De Cataldo, Carlo Lucarelli) 12/07/2017

Tre racconti, tre autori, tre buone letture.

Giudici (Andrea Camilleri, Giancarlo De Cataldo, Carlo Lucarelli) Giudici è un libro pubblicato nel 2011 che contiene tre racconti di autori diversi: *Il giudice Surra di Andrea Camilleri (buono), *La bambina di Carlo Lucarelli (sufficiente) *Il triplo sogno del procuratore di Giancarlo De Cataldo (buono). Ambientati in tre periodi storici diversi sono accomunati dalla figura di incorruttibili magistrati inquirenti, rifiutati, proprio per la loro intransigenza, dalla comunità che dovrebbe proteggere. Il giudice Surra (Andrea Camilleri) Arrivato in Sicilia da Torino appena dopo l'unità d'Italia, si trova ingenuamente ad affrontare la "Fratellanza" (così erano note le associazioni dalle quali sarebbe poi nata “Cosa Nostra”). La sua capacità organizzativa permette al tribunale di Montelusa di ripartire addirittura con entusiasmo ed, anche se con grande fortuna, allontanare dalla vita politica, sociale ed economica la mafia per tre anni. La bambina (Carlo Lucarelli) Ivano Ferrucci, brigadiere prossimo alla pensione, viene destinato alla scorta della giovanissima magistrato Valentina Lorenzini, detta “La bambina”. Siamo a Bologna 1980 e Valentina sta indagando su qualcosa che travalica i confini della criminalità: prima l’attentato alla sua vita, poi l’omicidio del brigadiere che l’ha salvata ed infine l’intervento decisivo di un medico clandestino porteranno a scoperchiare una sezione deviata dei servizi segreti (sembra tutto finito quando scoppia la bomba alla stazione di Bologna). Il triplo sogno del procuratore (Giancarlo De Cataldo ...

Un Natale in giallo 10/07/2017

Un'antologia noir.

Un Natale in giallo Nel 2011 Sellerio ha pubblicato la prima di una serie di fortunate raccolte di brevi gialli scritti da autori che collaborano da tempo con la casa editrice siciliana. Questa antologia è composta da 7 racconti che hanno in comune solamente l’ambientazione natalizia; ogni racconto è preceduto da una breve descrizione dell’autore e del protagonista ricorrente. I racconti Natale nella casa di ringhiera. Francesco Recami (1956, Firenze) valutazione sufficiente : il condominio di ringhiera della periferia milanese, ambientazione dei romanzi di Recami, stavolta viene sconvolto dalla confusione causata dal regalo che Amedeo Consonni ha fatto al nipotino: un mitra giocattolo micidiale. Un Natale di Petra . Alicia Giménez-Bartlett (1951, Almansa Spagna, notissima per i suoi gialli con protagonista Pedra Delicado) valutazione sufficiente : Pedra Delicado ed il suo vice Fermín Garzón interrompono il loro cenone natalizio per accorrere sul luogo di un’esecuzione. Una coppia di uomini vestiti da Babbo Natale si è introdotta nel più grande ospedale di Barcellona insieme ad alcuni volontari in costumi natalizi per uccidere un mafioso russo. Come fu che cambiai marca di whisky. Santo Piazzese (1948 Palermo, biologo palermitano autore di alcuni noir interessanti, in particolare il libro d’esordio “I delitti di Via Medina-Sidonia”) valutazione buono: Lorenzo La Marca (il protagonista che scrive in prima persona e presenta molti tratti autobiografici dell’autore, un po’ troppo ...

La rete di protezione (Andrea Camilleri) 04/07/2017

Due casi minori per Montalbano

La rete di protezione (Andrea Camilleri) L’autore Tutti conosco Andrea Camilleri (Porto Empedocle, 1925), divenuto scrittore in età non giovanissima ed ormai uno degli autori italiani più prolifici dell’ultimo ventennio. Caratteristica ed eccezionale la fusione linguista tra italiano e dialetto siciliano che rende i suoi libri originali ed avvincenti. Il protagonista I romanzi migliori sono sicuramente quelli con protagonista il commissario Salvo Montalbano, antieroico investigatore siciliano burbero ed acuto che somiglia al miglior Pepe Carvalho dello scrittore spagnolo Manuel Vázquez Montalbán (il cognome del commissario è volutamente un tributo all’autore morto nel 2000). E’ forse inutile dilungarsi sulla figura di questo poliziotto che bada più alla Giustizia che alla Legge, dell’uomo che non riesce a costruirsi una vita privata, del raffinato cultore della buona cucina, dell’individuo cosciente del proprio invecchiamento … ormai grazie anche alla trasposizione televisiva, lo conoscono tutti. Il libro La rete di protezione è il romanzo di Andrea Camilleri pubblicato nel 2017 con protagonista il commissario Montalbano contornato dal solito staff di collaboratori: l'incredibile Catarella, Fazio, Augello che, grazie alla televisione non dobbiamo neanche sforzarci ad immaginare. La politica e la cucina sono sullo sfondo, Livia (l’eterna fidanzata) è lontana ma presente. Trama Mentre nel commissariato regna un’atmosfera stranamente rilassata, la cittadina di Vigàta è in agitazione a causa di una produzione ...

Il regno perduto (Tom Martin) 03/07/2017

Il misterioso Tibet

Il regno perduto (Tom Martin) L’autore Con due libri all’attivo lo scrittore inglese Tom Martin (è uno pseudonimo) ha avuto un certo successo soprattutto con il libro d’esordio “Pyramid” (2007). Il libro Il regno perduto (titolo originale Kingdom) è un fantathriller scritto nel 2009. Un buon inizio avvincente ed originale, poi la trama “scivola” nei luoghi comuni del genere fantarcheologico fortunatamente senza sprofondare nel “rosa” del libro d’esordio dell’autore. Edito da Newton Compton costa 3,90 Euro in versione e-book. Trama Un navigato giornalista argentino, Anton Herzog, sparisce improvvisamente dopo aver lasciato l’India per recarsi in Tibet. Grande appassionato di culture orientali aveva indicato come sua pupilla la giovane collega statunitense Nancy Kelly che viene mandata a Nuova Delhi per sostituirlo. Le cose però si fanno complicate, Anton è ricercato dalle autorità indiane e cinesi per spionaggio e Nancy viene costretta a subire un duro interrogatorio. Da quel momento la ragazza capisce che Anton non scriveva solamente i soliti pezzi di “colore locale“ e tra gli oggetti che ritrova nella casa del giornalista non ci sono solamente “cineserie”. Un antico manufatto dimostra che Anton conduceva ricerche su culti esoterici legati anche alla genesi del nazismo; alle pendici dell’Himalaya cercava lo Shangri-La (il mitico regno paradisiaco dove sarebbe custodito il Libro di Dzyan) facendosi guidare dagli esagrammi dell’ I Chin (il libro dei Mutamenti, più noto come testo divinatorio, scritto ...

Il passaggio (Michael Connelly) 02/07/2017

Vita da pensionato...

Il passaggio (Michael Connelly) L’autore Lo scrittore Michael Connelly (1956), ex giornalista di cronaca nera, è noto soprattutto per i suoi thriller incentrati sulla controversa figura di Hieronymus (Harry) Bosch, agente della polizia di Los Angeles. Altri personaggi che nella finzione letteraria incontreranno Bosch, hanno dato vita a serie romanzesche meno consistenti ma suggestive (il giornalista Jack McEvoy e l’avvocato Mickey Haller). I protagonisti In questo libro si incontrano di nuovo Harry Bosh ed il fratellastro Mickey Haller; entrambi vivono nella caotica e violenta Los Angeles ed hanno in comune un passato di eccessi e sregolatezze. In comune hanno avuto anche il padre che però ha riconosciuto come figlio legittimo solamente Mickey Haller. La genesi di Harry Bosch è legata alla figura del detective Philip Marlowe, il personaggio dei romanzi di Raymond Chandler che Michael Connelly apprezzava talmente tanto da riuscire a prendere in affitto l’appartamento dove Chandler e poi il regista Robert Altman avevano ambientato l’azione del detective Marlowe. Proprio in quell’appartamento, nel 1992, prende corpo la figura di Hieronymus (Harry) Bosch, il cui nome sarebbe stato scelto dalla madre in onore dell'omonimo pittore del XV secolo. Harry Bosch sarebbe nato nel 1950 e compare quarantenne nel primo romanzo; in oltre 20 anni di carriera sarà impiegato un po’ in tutti i reparti e le sezioni del grande e disorganizzato baraccone delle forze dell’ordine di Los Angeles. Figlio di una prostituta, orfano, ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra