Condividi questa pagina su

arancione Status arancione (Livello 6/10)

destin0

destin0

Autori che si fidano di me: 81 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Opinioni scritte

dal 22/10/2016

28

MotoGP 17 (Xbox One) 16/09/2017

Un mondo ad alta velocità

MotoGP 17 (Xbox One) Non ho mai avuto un grande feeling con i videogiochi dedicati al motociclismo e se pensassi ai motori su console, questo vuol dire quasi sempre quattro ruote e non due, ma c'è un valido perché. Probabilmente simulare la guida di un'automobile, da Formula 1 a Gran Turismo ecc... è più semplice e i risultati si sono visti, farlo con un videogioco sul motociclismo non deve esserlo altrettanto perché è totalmente differente, basti pensare alle sole pieghe in curva e al bilanciamento della moto; tutto è difficile secondo me e ciò alla fine si ripercuote sull'immediatezza del gameplay. Non ho mai avuto tanti giochi sulle moto (MotoGP e Superbike) oltretutto giocati a distanza di qualche anno l'uno dall'altro, quanto basta per rendersi conto non solo dei miglioramenti in termini di grafica e modalità, ma anche di quelli riguardanti la giocabilità. I videogiochi ufficiali del motomondiale sono stati pubblicati a partire dalla fine degli anni '90 e hanno avuto un'origine nettamente differente da quelli legati alla Formula 1, già sviluppati dal 1996 per Playstation; il primissimo videogioco dedicato a quella che un tempo si chiamava classe 500 era esclusiva delle sale giochi dove Namco la faceva da padrone. Sull'esperienza di questo titolo arcade, sono poi arrivati i primi titoli su Playstation 2; a quel tempo Milestone sviluppava invece i videogiochi dedicati al mondiale Superbike, con grande successo. Il primo titolo MotoGP realizzato dagli sviluppatori italiani risale al 2007, ...

Fantozzi in paradiso (Dvd) 30/07/2017

Un sorriso per sempre

Fantozzi in paradiso (Dvd) Con un "leggerissimo" ritardo - come avrebbe detto Ugo Fantozzi - riesco ad avere la possibilità di scrivere qualcosa per salutare uno degli attori comici più importanti e apprezzati della storia del cinema italiano, Paolo Villaggio. Non solo attore, ma anche scrittore e sceneggiatore, infatti non bisogna dimenticare che Fantozzi è stato prima di tutto un bestseller letterario con un buon successo anche all'estero. Villaggio è stato definito nei giorni successivi alla sua scomparsa un genio della comicità, ma lo è stato a tal punto - aggiungo io - che il suo personaggio di maggior successo - Fantozzi - ha condizionato tutta la successiva carriera dell'attore genovese, impersonandolo in gran parte dei film comici successivi anche quando si trattava di un altro ruolo; ad esempio quello di Fracchia, che in origine aveva delle differenze nette rispetto a Fantozzi, diventando un personaggio - di fatto - fagocitato dallo strepitoso successo di quest'ultimo. Come tanti, anche io ho visto fin dall'infanzia i film di Villaggio e ancora oggi, nonostante siano stati rivisti più volte, riescono sempre a strapparmi più di un sorriso; nel corso degli anni ho acquistato diversi DVD, tra cui molti dei tanti Fantozzi usciti (me ne mancano due) ma ancora in commercio non c'è nessun Blu-ray. Nel 2015 sono stati restaurati i primi due film sul ragioniere più famoso d'Italia e questo avrebbe potuto essere il primo passo per la loro pubblicazione in alta definizione; ciò non è ancora stato fatto, ...

Assassin's Creed Chronicles (Xbox One) 18/06/2017

Il mondo in due dimensioni e mezza

Assassin's Creed Chronicles (Xbox One) In attesa della fine di ottobre e - auspicabilmente - di poter mettere mano ad Assassin's Creed Origins, ambientato nell'Antico Egitto, di cui i trailer pubblicati promettono molto bene, Ubisoft ha racchiuso in un'unica edizione i tre spin-off della serie Chronicles, usciti in formato scaricabile secondo un intervallo di tempo molto ampio e dalla durata di circa un anno. Il primo, pubblicato nell'aprile del 2015 è Assassin's Creed Chronicles: China, ambientato nel 1526 e con protagonista il leggendario assassino Shao Jun; il secondo, pubblicato ben otto mesi dopo nel gennaio 2016, è Assassin's Creed Chronicles: India, in cui si fa un balzo di oltre tre secoli - più precisamente nell'anno 1841 - e dove dovremo impersonare Arbaaz Mir. Il terzo e ultimo episodio è secondo me quello dal punto di vista storico più interessante, in quanto ambientato in Russia nel 1918 ovvero poco tempo dopo la rivoluzione d'ottobre di qualche mese prima; il protagonista in questo caso è Nikolai Orelov. Buona parte di questi spin-off - in particolare l'ultimo, inclusi i protagonisti - sono tratti dai fumetti dedicati proprio alla serie di Assassin's Creed. I tre episodi sono legati dal solito filo conduttore dello scontro tra gli Assassini contro i Templari, e quindi non c'è un cambiamento così radicale in termini di trama; infatti ciò che soprattutto rende diverso Chronicles da tutti gli altri è la tipologia di gioco in se. Se notate più in basso, tra i generi che ho indicato per questo titolo c'è ...

Assetto Corsa (PS4) 18/06/2017

Spettacolo italiano

Assetto Corsa (PS4) Pubblicato a distanza di un anno dalla versione PC, ecco che anche su console è arrivato un sorprendente videogioco di guida realizzato in Italia dalla Kunos Simulazioni; il nome Assetto Corsa è ovviamente nella nostra lingua, ed è bello vedere che - anche all'estero - ci sia un titolo italiano tra i tanti in lingua straniera e quasi esclusivamente in inglese. Una conversione da PC a console che non deve essere stata affatto semplice, visto il tempo che ci è voluto per vedere il gioco sulle piattaforme di Microsoft e Sony, ma credo che a conti fatti ne sia valsa la pena. Prima di entrare nel dettaglio bisogna però precisare una cosa, che non ci si deve aspettare un videogioco dai tantissimi contenuti - auto e circuiti - come quelli che si ha l'abitudine di vedere in titoli come Forza Motorsport e Gran Turismo, perché la quantità è decisamente più limitata, ma comunque sufficiente per godersi alla grande un gioco che fa della simulazione di guida e la sua estrema vicinanza alla realtà il suo punto di forza, ma ovviamente i margini di miglioramento per quanto riguarda tutto il resto sono ancora molto grandi, come si vedrà meglio nelle righe seguenti di quest'opinione. La storia di Assetto Corsa mi ricorda un po' i GP3 e GP4 di Geoff Crammond con licenze di F1 dell'anno precedente alla pubblicazione, ma che hanno rappresentato la migliore esperienza di gioco di quegli anni per quanto riguarda quel genere di videogiochi di ...

Alien Isolation (Xbox One) 18/06/2017

Iniziate a tremare

Alien Isolation (Xbox One) Quando qualche settimana fa ho rivisto la saga di Alien in televisione, non avevo ancora in mente di scrivere questa opinione, capitata quasi al momento propizio con la visione del nuovo Alien; Covenant. Per chi non conoscesse questa serie di film che sono un mix tra fantascienza ed horror, faccio una sorta di prologo introduttivo sul primo film, fondamentale per la comprensione di gran parte di ciò che scriverò successivamente. Questo videogioco è solo l'ultimo di tanti che si sono succeduti dalla metà degli anni '80 ad oggi, ovvero dall'uscita di Aliens, secondo film della serie principale diretto da James Cameron e l'unico tra i quattro ad essere allo stesso livello del primo. Comunque tutto è iniziato nel 1979 anno di uscita di Alien, diretto dal regista Ridley Scott e ambientato in un futuro molto lontano (forse nell'anno 2122, non c'è una data precisa), un'epoca dove il viaggio nello spazio è ormai una normalità. Una grande astronave mercantile chiamata Nostromo sta facendo ritorno sulla Terra con un grosso carico per conto della Compagnia, fino a quando - improvvisamente - l'equipaggio si risveglia dal criosonno; il computer che stava controllando l'astronave ha ricevuto un segnale di dubbia interpretazione e apparentemente di soccorso da un pianeta sconosciuto. Secondo le disposizioni della Compagnia, l'equipaggio è obbligato ad atterrare sul pianeta e verificare'; una volta atterrati hanno trovato un'astronave con il corpo di un extraterrestre con il petto perforato ...

Le Tour De France 2016 (Xbox One) 28/05/2017

La lunga strada verso Parigi

Le Tour De France 2016 (Xbox One) In questi giorni in cui il centesimo Giro d'Italia sta volgendo al termine con le ultime e decisive tappe, purtroppo non ho la possibilità di guardare per intero ogni istante, fatta eccezione per il weekend, ma ciò non ha comunque mutato la mia voglia di riprovare dopo un po' di tempo un videogioco sul ciclismo. Spesso mi piace fare una pedalata in bicicletta, avendo anche la possibilità di farlo in strade poco trafficate e inserite in un contesto ambientale molto gradevole, però è anche bello ogni tanto immedesimarsi a livello virtuale nelle imprese e nei campioni di questo sport. Per chi non conoscesse il ciclismo, ci sono varie gare in tutto il mondo e nel corso dell'anno all'interno del circuito principale dell'Unione Ciclistica Internazionale ovvero l'UCI World Tour; le tre più lunghe, circa tre settimane, sono anche le più prestigiose e importanti: a maggio c'è il Giro d'Italia, a luglio il Tour de France e a settembre la Vuelta a España. Delle "tre grandi corse a tappe", la più seguita dal pubblico internazionale - e quindi più importante al mondo - è il Tour de France ed è anche quella che assegna più punti nella classifica annuale dell'UCI World Tour; per non parlare degli introiti economici. La corsa francese è trasmessa in circa 190 paesi in tutto il mondo, con tantissimi soldi provenienti dai diritti televisivi, a cui si devono aggiungere gli sponsor che pagano parecchio grazie all'enorme ...

Gli Uccelli (Blu-ray) 17/05/2017

Qual è il loro diabolico intento?

Gli Uccelli (Blu-ray) In seguito all'uscita di Psycho nel 1960, considerato il più grande successo di Hitchcock, tre anni dopo il regista angloamericano è tornato a girare un film a colori che - almeno secondo me - è ancora più riuscito del precedente. Già indicativo della qualità del lungometraggio è il teaser trailer de Gli Uccelli, in cui lo stesso Hitchcock, con uno spiccato umorismo macabro, mostra una sintesi di tutte le brutalità che l'uomo compie continuamente a danno dei volatili: un fucile e un quadro sulla caccia con uccelli infilzati da frecce; cappelli con piume; l'uovo che comunemente utilizziamo in cucina; un uccellino in gabbia; un invitante pollo arrosto... Ma qualcosa non quadra, mentre il regista si prende gioco del piccolo uccellino, viene improvvisamente beccato e ferito al dito; contemporaneamente inizia a sentirsi un strano rumore che si fa sempre più vicino, uno stormo di uccelli che insegue la protagonista appena entrata nella stanza dicendo: "stanno arrivando!". Un trailer che non mostra nemmeno una scena del film, però spiega benissimo il significato alla base de Gli Uccelli, ovvero la loro ribellione nei confronti dell'uomo, concetto fondamento di uno dei racconti della scrittrice britannica Daphne du Maurier, da cui Hitchcock ha tratto ispirazione. Come si vede dall'immagine sopra, il racconto Gli Uccelli della du Maurier è incluso in una raccolta a lei dedicata edita da il Saggiatore. Rispetto al film, ...

Hitman: La Prima Stagione Completa (PS4) 12/05/2017

Il ritorno dell'Agente 47

Hitman: La Prima Stagione Completa (PS4) Nel 2013 l'ultimo videogame della serie, Hitman Absolution (che ho tutt'ora per PS3), aveva dimostrato di essere il migliore fino ad allora uscito, con un'ottima grafica, il doppiaggio in italiano e soprattutto un eccellente gameplay, secondo me ben proporzionato, in quanto garantiva tante ore di gioco in più. Di negativo c'era ben poco, forse appariva un po' troppo difficile per i neofiti, ma per chi aveva già dimestichezza era indubbiamente il massimo e da questo punto di vista è stato fatto in parte un piccolo passo indietro con il nuovo Hitman del 2016, almeno inizialmente. Prima ancora di entrare nel dettaglio del videogame, c'è da dire subito che la mia scelta di acquisto è stata fatta in funzione del tempo limitato a disposizione per i videogame, infatti per questo nuovo gioco, con protagonista il sicario chiamato Agente 47, c'è un'importante novità. Gli sviluppatori danesi di IO Interactive hanno optato per un cambiamento non di poco conto, pubblicare il videogioco ad episodi, scelta che a me - come a tanti - non è piaciuta affatto. Alcuni si sono ricreduti, io invece ho preferito non acquistare sullo store i singoli episodi e - con pazienza - attendere la pubblicazione di un'edizione completa, per poter avere l'occasione di giocarci in un arco di tempo più limitato e adatto alle mie esigenze. Per chi non la conoscesse, questa serie ha come protagonista 47, un infallibile killer professionista chiamato ...

La Presenza con la Tunica Bianca (Rossella Barzaghi) 12/05/2017

Che cosa è accaduto in quell'osteria?

La Presenza con la Tunica Bianca (Rossella Barzaghi) L'horror è uno dei miei generi cinematografici e letterari preferiti, perciò una volta venuto a conoscenza che un'utente di questo sito aveva scritto il suo primo romanzo rientrante nei miei gusti, non mi sono lasciato scappare l'occasione di leggerlo. L'autrice in questione è Rossella Barzaghi - alias Rossella1978 - che per ciao ha scritto diverse recensioni su libri e film thriller-horror. La struttura del romanzo è abbastanza semplice e la stessa autrice ne spiega la genesi, infatti il primo capitolo era in origine un semplice racconto, il nucleo da cui poi è stato sviluppato il resto della storia, che ora riassumerò molto brevemente: durante una serata tra amici, un ragazzo parla di un fatto accaduto qualche anno prima in una vecchia osteria abbandonata, un incontro con una presenza, un fantasma, una presenza vestita di bianchi stracci che ha fatto scappare quattro ragazzi rimasti terrorizzati alla sua vista. Il resto del romanzo è un alternarsi tra due linee temporali differenti, una nel presente in cui Francesca Tato, spinta dalla curiosità per quell'aneddoto cerca di capire cosa ci sia di vero, e una nel passato che ricostruisce ciò che è effettivamente accaduto. Attraverso la lettura di questo libro, l'interesse di Francesca nel capire qualcosa di più sui fatti accaduti, diventerà il medesimo che indurrà il lettore ad andare avanti con le pagine. Ciascun capitolo - non eccessivamente lungo - presenta ...

La nuova Nintendo Switch 07/05/2017

La strada intrapresa non si abbandona

La nuova Nintendo Switch Per tanto tempo si è vociferato di una nuova console Nintendo, alcuni hanno persino parlato di potenzialità hardware enormi, superiori a quelle di PS4 e Xbox One. Il nome era misterioso, con quello in codice che sembrava essere un programma: Nintendo NX una console che avrebbe dovuto rappresentare una svolta, dopo la deludente Nintendo Wii U; un cambio di rotta non solo per la recente storia dell'azienda nipponica ma anche un ritorno ad un glorioso passato, quello degli anni '80 e nella prima parte dei '90. La prima Wii è stata un successo, ma secondo me solo una felicissima parentesi, per quanto nel gameplay rivoluzionaria e ciò che mi aspettavo da Nintendo era una console casalinga potente che consentisse di giocare a capolavori come Zelda, ai divertentissimi titoli come Super Mario Kart e anche a giochi come Watch Dogs 2, Assassin's Creed ecc... ovvero a tutti quei titoli che sono o saranno sviluppati per PS4 e Xbox One. Quindi volevo vedere una Nintendo non più limitata a quella fascia di mercato che ha conquistato con la Wii, ma che puntasse ad una diretta concorrenza con le console di Sony e Microsoft. Quando ho visto il primo video promozionale su YouTube la realtà mi è apparsa subito chiara. Il nome era ovviamente cambiato in Nintendo Switch, presentandosi subito come una console innovativa in quanto ibrida, ovvero si può utilizzare sia a casa che fuori, ma non c'è voluto ...

Sniper Elite 4 (Xbox One) 02/04/2017

A caccia di nazisti tra i partigiani e la mafia

Sniper Elite 4 (Xbox One) Con parecchio ritardo rispetto all'anno di uscita del primo gioco (avvenuta nel 2005), anche io ho avuto modo di apprezzare la serie di Sniper Elite, uno dei tanti sparatutto di ambientazione storica che sta avendo un discreto successo negli ultimi anni. Senza addentrarsi - fin da subito - nei particolari, la caratteristica più "appariscente" di questi videogames prodotti da Rebellion è la cosiddetta killcam, una particolare sequenza animata in cui si vede il proiettile uscire dall'arma da fuoco, percorrere la sua traiettoria e colpire l'obiettivo con tanto di dettaglio della perforazione di ossa e organi o la distruzione di parti meccaniche ecc... quindi si tratta di una cosa spettacolare per alcuni, ma in parte disgustosa per altri. Non molto tempo fa sono riuscito a giocare con Sniper Elite 3 per PC, ambientato in Nordafrica nel 1942 e quindi durante la Seconda Guerra Mondiale, trascorrendo delle ore di divertimento grazie all'ottimo gameplay. Perciò, essendo rimasto soddisfatto dell'esperienza, ho deciso di acquistare e giocare anche al seguito, con il medesimo protagonista e ambientato in un contesto della stessa guerra per noi ancora più interessante, perché si tratta della storia del nostro paese; la copertina di Sniper Elite 4 rende già l'idea con la scritta ITALIA nel logo dell'aquila nazista sotto il titolo. A questo proposito è molto bello il video introduttivo che descrive quel periodo storico: dopo la ...

Mine (Blu-ray) 02/04/2017

Oltre i limiti estremi, fisici e psicologici

Mine (Blu-ray) Appena visto il trailer sono stato subito attratto dalla trama di questo film, semplice quanto geniale. Un soldato che ha messo il piede su una mina e non può più staccarlo da terra, rischierebbe infatti di farla esplodere; cosa farebbe? Il clima del deserto è ostile, sia di giorno che di notte, come si può sopravvivere? Mi sono posto queste domande all'uscita di Mine nelle sale cinematografiche italiane nell'ottobre 2016; in quel periodo non sono riuscito a vederlo ma, tenendo bene a mente quel trailer, ho atteso l'uscita per il mercato Home Video e l'ho acquistato in Blu-ray. Una volta visto, ne sono rimasto piacevolmente sorpreso, perché mi aspettavo un semplice film di guerra con un soldato costretto a resistere in condizioni estreme, ma è qualcosa di più. Questo è un film molto più profondo di quanto sembri, con delle storie alla base che fanno davvero pensare e un finale che lascia a bocca aperta. Ancora più sorprendente è sapere che è stato diretto da due registi italiani senza nemmeno grande esperienza; infatti, Fabio Guaglione e Fabio Resinaro (Fabio & Fabio) sono riusciti, in maniera impeccabile, a realizzare un film che dimostra ancora una volta la vitalità del cinema italiano e per di più in generi cinematografici dove gli americani la fanno da padrone, anche se bisogna precisare che la produzione è in parte spagnola e anche statunitense. In ogni caso, il cinema italiano con questo film esce da una situazione ...

Forza Horizon 3 (Xbox One) 02/04/2017

Benvenuti a Horizon Australia!

Forza Horizon 3 (Xbox One) La serie Forza Motorsport ne ha fatto di strada nel corso degli anni. Nata del 2005 come risposta Microsoft a Gran Turismo 4 di Sony, non solo ha iniziato ad assumere una propria identità, ma è riuscita a superare in termini di qualità generale il glorioso rivale giapponese. L'ultimo Forza Motorsport 6 ha riportato la serie ad altissimi livelli, dopo qualche incertezza nel precedente capitolo, raggiungendo un livello tecnico davvero impressionante, con tantissimi contenuti e un livello grafico davvero eccellente. Una base di partenza davvero solida per qualsiasi spin-off, come quello di cui sto per parlare. Dal successo della serie principale, infatti, nel 2012 è nata una serie parallela, uscita per Xbox 360 con il titolo di Forza Horizon; questa si caratterizzava principalmente per una sola cosa in paricolare, l'abbandono delle piste in favore della strada liberamente percorribile, sul modello dei due Test Drive Unlimited pubblicati negli anni precedenti. Il primo Forza Horizon è stato da subito un ottimo gioco, ma l'eccessiva ripetitività lo rendeva migliorabile, mentre - due anni dopo - Forza Horizon 2 risolveva questo problema, ma altri di sola natura tecnica ne avevano compromesso il risultato complessivo finale. Quindi, puntuale come un orologio svizzero, ecco l'arrivo nel 2016 di questo nuovo Forza Horizon 3 che si presenta bene fin dalle prime battute; ambientato in Australia e soprattutto in un'area molto ...

Among the Sleep (PS4) 02/04/2017

Buona notte tesoro. Sogni d'oro...

Among the Sleep (PS4) Circa due anni fa, tra i tantissimi trailer su film e videogame che ho visto e continuo a guardare tutt'ora, non era passato inosservato ai miei occhi quello di un videogioco molto particolare. Chi mi ha letto nelle precedenti opinioni sa perfettamente che adoro l'horror, e pensando ai videogames vengono subito in mente titoli come Resident Evil e Silent Hill tanto per citarne alcuni; ma Among the Sleep è qualcosa di diverso a metà strada tra incubo e realtà. Infatti, in questo caso, non si tratta di un semplice "survival horror", ma di un horror psicologico e più precisamente di un "indie horror", in quanto sviluppato dall'azienda informatica norvegese Krillbite Studio che aveva inizialmente pubblicato il videogame per PC. Solo in seguito ad un certo successo, lo scorso anno è arrivato anche su console ad un prezzo molto interessante; ho trovato la versione per Playstation 4 scontata e mi sono ricordato di quel trailer, quindi ho detto: "perché no?" ed eccomi qui, per scrivere questa nuova opinione. Una bambina di due anni, il punto di vista inedito per un videogame horror: Among the Sleep *Titolo: Among the Sleep *Genere: Horror Psicologico *Paese d'origine: Norvegia, Austria *Sviluppatore: Krillbite Studio *Distributore: Soedesco *Data di uscita: 10/12/2015 *Piattaforma: PlayStation 4 disponibile anche per: PC, Xbox One *Versione: Prima Edizione *Formato: Blu-ray Disc *Regione: Europa *Lingua dell'audio: Inglese *Lingua dei testi: ...

F1 2015 (Xbox One) 02/04/2017

Due stagioni di Formula 1 in un gioco solo, ma...

F1 2015 (Xbox One) Sono sempre stato un appassionato di Formula 1 e dei videogiochi legati a questo mondo. Ero ancora un ragazzino quando avevo provato, a casa di un mio amico, il primissimo gioco ufficiale per PlayStation dal semplice titolo Formula 1 e basato sulla stagione 1996. In realtà quel gioco era stato da lui comprato a prezzo ridotto nel 1998, ma lo avevo adorato così tanto che decisi di andare a comprare quello della stagione allora in corso, ovvero Formula 1 98. Il commesso del negozio specializzato però - devo ammettere con grande competenza - mi aveva detto immediatamente di non acquistarlo, perché rispetto ai giochi degli anni precedenti (incluso quello del mio amico) era davvero peggiorato, consigliandomi di comprare Formula 1 97. Devo ammettere tutt'ora che quel consiglio era stato saggio, infatti quando ho avuto modo di provarla, l'edizione del 1998 era veramente ingiocabile, mentre con quella dell'anno precedente mi sono divertito tantissimo giocandoci davvero molto. Alla fine degli anni '90 a sviluppare quei videogiochi era stato lo Studio 33, poi acquisito da Electronic Arts alla fine del 2003; proprio nei primi anni 2000 si è avuto l'exploit dei Gran Prix di Geoff Crammond, ma successivamente c'era stata una fase di declino che ha reso i tanti appassionati orfani di un videogioco di livello legato alla Formula 1. Alla fine, solo con Codemasters tra il 2010 e il 2011 si è avuta una rinascita, con dei titoli di assoluto livello che secondo me sono validi ancora oggi. ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra