Condividi questa pagina su

rosso Status rosso (Livello 5/10)

emma1111

emma1111

Autori che si fidano di me: 66 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Opinioni scritte

dal 04/02/2012

28

L'ultimo re, l'ultima regina (Silvio Bertoldi) 25/07/2012

La Monarchia

L'ultimo re, l'ultima regina (Silvio Bertoldi) Inizierò raccontando come è arrivato tra le mie mani questo libro, si tratta di un regalo di Marianna. Marianna Quando da Venezia mi sono trasferita nel piccolo paese dove vivo, ho conosciuto lei, la mia vicina di casa. Nata nel 1912 in Francia da genitori Friulani, fece ritorno qui nella terra dei suoi avi all'età di 15 anni. Rimasta orfana quasi subito del padre e maggiore di 4 sorelle, venne mandata subito a lavorare dalla madre, essendosi comunque diplomata e madrelingua Francese, andò da una famiglia di nobili come istitutrice della figlia. Passò tutta la vita a Milano, senza sposarsi e una volta rimasta sola, tutte le sorelle erano mancate prima di lei, decise di tornare nel suo paese. Siamo diventate amiche o come amava definirmi lei, la figlia a lei mancata, anche se in realtà poteva essermi nonna considerando che la mia di nonna era più giovane. Una donna di un'intelligenza notevole, brillante e lucidissima, con lei ho percorso tratti della storia che mi erano sconosciuti. Bellissima nelle foto che la ritraevano da giovane, era ormai ritornata bambina nell'altezza e nei capricci. Mi ha insegnato molto Marianna,anche un pò di francese, e mi ha regalato numerosi libri, tra i quali anche una Bibbia, che però non ho mai aperto, e questo libro che conservo gelosamente. Lo scrittore Bertoldi Silvio è un giornalista e scrittore Veronese nato nel 1942 laureato all'università di Lettere a Padova, ha scritto numerosi saggi storici. Direttore di Epoca e ...

Ristorante El Buso, Caorle 11/07/2012

La nostra festa

Ristorante El Buso, Caorle Mia figlia ed io abbiamo la fortuna di condividere un giorno importante, il compleanno. E' il nostro giorno, non importa cosa facciamo o dove andiamo, l'importante è stare insieme. Solitamente cerchiamo di organizzare qualcosa che ci rimanga impresso nella memoria, da poter ricordatre nel tempo. L'anno scorso abbiamo fatto un viaggio a Londra e siamo andate a vedere il Musical di Grease, 2 anni fa siamo andate a Gardaland ecc. Quest'anno siamo arrivate alla nostra data un po' stanche, Sara reduce da una serie di esami dati all'università ed io alle prese con delle ristrutturazioni in casa e non abbiamo pensato a nulla. E così è arrivato il giorno senza che ce ne rendessimo conto, ci siamo alzate al mattino, i soiti auguri ai quali non mi abituerò mai, mi sembra sempre un po' surreale, caffè ed abbiamo deciso, ce ne andiamo al mare!! Abbiamo diverse località balneari e turistiche qui vicino,siamo a metà strada tra Trieste e Venezia. Lignano, che però conosco molto bene, Jesolo, ma è diventata troppo caotica, Bibione, ma non offre poi tanto, quindi abbiamo optato per Caorle. Veloce ricerca nel web del locale, la scelta è ricaduta su "Da Buso" per le ottime recensioni trovate. Caorle Piccola cittadina pittoresca e policromatica dell'Adriatico con un centro storico dominato da un campanile cilindrico e dalla chiesa Romanica, entrambe nella piazza centrale. Ricorda Venezia nei nomi, la sua via principale si chiama "Rio terà" come una delle vie principali di Venezia, tra ...

Con la O 30/05/2012

Occhi

Con la  O Suona la sveglia, apro gli occhi e allungo la mano per spegnerla. Mi stiracchio un po', mi piace tanto farlo, poi mi alzo. Caffè, necessario, la mia mente riprende lucidità solo dopo averlo bevuto, sino ad allora vago per la casa come un automa senza meta. Quando è pronto esco in giardino, è Primavera, mi accendo una sigaretta, lo so fa male ma devo smettere, e alzo lo sguardo al cielo, lo faccio sempre. E' una giornata come tante, ma oggi non lavoro, mi dedico a me stessa, alla casa, ai miei hobby o anche solo a guardare il cielo, perchè no. La giornata scorre tranquilla, poi una telefonata, è il mio compagno, mi passa a prendere in moto e poi ceniamo fuori. Ok! La moto, la mia più grande passione, quando salgo sul sellino è come se il mio corpo perdesse consistenza, come se vivessero solo le sensazioni che riesce a crearmi. E' arrivato, salgo dietro e faccio aderire il mio corpo al suo, non sono un passeggero, mi sento più un coopilota o forse una sorta di timone, nelle curve mi butto talmente tanto che il mio compagno si spaventa e mi rimprovera, ma è più forte di me lo devo fare. Facciamo un giro , senza meta, abbiamo viaggiato tanto insieme e sempre così. Per la strada vediamo una trattoria, che carina, ci fermiamo. Mangiamo, beviamo, troviamo sempre qualcuno con cui scambiare 4 parole, ci piace fare nuove amicizie. Intanto arriva il buio, inizia anche a piovere e dobbiamo fare parecchia strada, non abbiamo con noi le tute per la pioggia e dopo un po' ...

Black Celebration (Digitally Remastered) - Depeche Mode 19/05/2012

La voce

Black Celebration (Digitally Remastered) - Depeche Mode E' l'alba di mercoledì mattina, piove........ Avevo dei progetti per oggi, volevo andare al mare oppure a Venezia, mia sorella la più grande vive ancora lì. Niente di particolare, un giro in barca, un po' di mare, un pranzetto a base di pesce con una buona bottiglia di vino, una passeggiata, 4 risate, sicure, mia sorella è un'attrice comica mancata. Ma piove, siamo a Maggio e piove............ E sogno, ad occhi aperti, non riesco a smettere di sognare, non voglio smettere di sognare. I sogni sono un'ancora della vita, un salvagente nelle avversità, una rete nelle catastrofi della nostra esistenza. E mi piace la musica, di tutti i tipi, i miei gusti musicali sono molto ampi, ma c'è una cosa alla quale dò la precedenza, la voce. Il primo impatto, c'è chi guarda gli occhi, chi le mani, chi altro, per me è la voce. Piove, rimango a casa, leggo un libro, magari anche scrivo un po', e ascolto loro......... I Depeche Mode Gruppo inglese nato negli anni '80, da più di trentanni nel panorama musicale, la loro musica è sinth pop, ma negli anni ha incontrato anche altri generi musicali come la new wave, pop rock, dance alternativa sino a diventare la band di maggior successo nella musica elettronica. Successi ed eccessi hanno scandito la vita di questo gruppo che è passato attraverso all'alcool, alla droga,divorzi, tentati suicidi, liti e scontri di ego tra i vari componenti del gruppo. Nel 1986 esce questo album Black Celebration, un disco molto più cupo rispetto ai ...

Alyssa Ashley - Musk Eau de Toilette Natural Spray 19/05/2012

Vomito di balena e ghiandole di cervo

Alyssa Ashley - Musk Eau de Toilette Natural Spray Anno di lancio 1968 Ingredienti principali: bergamotto, muschio, arancio, gelsomino, iris, rosa, ambra, chiodi di garofano. Questa marca di profumo è stata inventata da un artista americano che ha utilizzato il suo soprannome "Ashley" e il nome della figlia minore "Alyssa". Olfatto: uno dei nostri 5 sensi, che permette di percepire e distinguere gli odori, utilizzato anche per riconoscere un possibile partner. Ognuno di noi ha un proprio odore, diverso da qualsiasi altro essere umano, basti pensare a frasi del tipo "a pelle quella persona mi piace o non mi piace". Nel mio caso è il senso più sviluppato. Profumo: odore gradevole emanato da sostanze naturali o artificiali, utilizzato per creare benessere personale e come esternazione del proprio carattere, e aggiungo, per sottolineare personalità, stile e gusto. L'uso del profumo è attribuito già agli egizi ben 5000 anni fa. Generalmente ne esistono 3 versioni: eau de parfume, eau de toilette, eau de cologne. Gli ingredienti possono essere ricavati da fiori, frutti, spezie, resine, erbe, bacche, foglie, radici, corteccie, muschi e animali. Ho amato questo profumo dalla prima volta che lo sentii qualche anno fa, fu come riconoscerlo in qualcosa di "mio". Un profumo (come lo sento io) con una nota di testa decisa, quasi mascolina, con una nota di cuore intrigante e molto femminile, e una nota di fondo talcata, delicatissima. Un profumo che dopo averlo indossato, non lo sentivo più come tale, ma come se ...

Rowenta TN 5030 06/05/2012

Pronti, a posto............via!!

Rowenta TN 5030 Volevo fare un regalo al mio lui, ma ero un pò indecisa, non che mi manchi la fantasia, anzi, forse a volte mancano più i liquidi perchè di idee ne avrei a centinaia. Allora ho girato un pò per negozi alla ricerca ed ho visto questo rasoio, perchè no, dopotutto ultimamente si è un pò fissato con il tagliare i capelli molto corti e le varie depilazioni...... così l'ho acquistato! L'articolo in questione è un rasoio elettrico professionale della Rowenta, il TN 5030 Wet&dry utile sia per la depilazione che per il taglio dei capelli. Come spiega appunto il nome è un Wet&dry, quindi utilizzabile sia asciutto che bagnato. Oltre al rasoio nella scatola troviamo: 8 pettinini con guida per il taglio dei capelli nelle seguenti misure 3-6-9-12-16-18-22-25 mm. un adattatore un contenitore con dell'olio una spazzolina per la pulizia delle lame Alcune indicazioni per l'uso: è un rasoio ricaricabile, quindi non va usato direttamente collegato alla corrente, ma va caricato precedentemente per circa 8 ore (una spia che diventa di colore rosso segnala l'avvenuta ricarica) l'autonomia poi è di circa 40 minuti è utilizzabile nell'acqua, si consiglia però di usarlo sotto la doccia e non durante il bagno ogni 2-3 volte di utilizzo le lame vanno oliate e poi pulite con l'apposito spazzolino i pettini sono velocemente sostituibili, quindi se dovete fare dei tagli con varie regolazioni il procedimento è molto veloce Il rasoio è stato acquistato a gennaio di quest'anno, un tempo ...

Barcis 30/04/2012

Tra le montagne incantate

Barcis Questo bellissimo paesino disposto a terrazzi che si affacciano sull'omonimo lago si trova ad un altitudine di 409 metri, circondato dal verde dei boschi, all'uscita della "Forra del Cellina" (è una riserva naturale) alle sue spalle ci sono i monti "il Messer" 2230 metri ed il "Crep Nudo" 2207 metri. Il lago è nato artificialmente negli anni '50 per la produzione di energia elettrica, diventato oggi un importante centro dove si può praticare la vela, kajak, surf, hovercraft, sport subaqueo, motonautica e canoa (sono presenti scuole specifiche). Notevolmente valorizzato negli ultimi anni da vari sentieri panoramici che permettono di passeggiare attorno al lago, numerose le aree per il pic-nic e le terrazze dove distendersi al sole e fare il bagno, è possibile anche pescare. Nelle vicinanze c'è anche la "Foresta Nera del Prescudin" natura incontaminata nella quale si può entrare solo a piedi, nel panorama le Dolomiti Friulane- Patrimonio dell'Umanità. Risalendo lungo la strada che costeggia il cellina, è possibile fermarsi in numerose gole di sassi a prendere il sole a stretto contatto con i ruscelli (in qualcuno il parcheggio è a pagamento). Continuando il percorso si arriva a Claut, piccolo paese nel quale sembra di essere schiacciati dalle montagne, proseguendo ancora incontriamo Cimolais ed Erto, sino ad arrivare alla famosa Diga del Vajont, scendendo poi si va a Longarone ed all'eventuale autostrada. Il paese è anche sede di numerosi eventi: 1 maggio Mercatino ...

Qual è la vostra festa preferita in primavera? 26/04/2012

A te mia amata

Qual è la vostra festa preferita in primavera? La Fantasia C'era una volta una bambina che viveva in una città incantata, lenta, dove non esistevano i rumori e la frenesia, dove regnava la fantasia sospesa sopra ad una nuvola d'acqua, "una città galleggiante." La Storia Il 25 aprile è la festa di S.Marco il patrono di Venezia. E' il giorno della ricorrenza della sua morte, che per i Veneziani è molto più antica dell'attuale Festa Nazionale. Nel 828 due mercanti Veneziani, Buono da Malamocco e Rustico da Torcello riuscirono a riportare nella sua terra, le reliquie del santo che si trovavano in terra Islamica ad Alessandria D'Egitto, trasportandole all'interno di un carico di carne di maiale, riuscirono ad oltrepassare i controlli, perchè essendo loro musulmani, furono disgustati a tal punto dal carico che decisero di non mettervi mano. Il leone alato è la rappresentazione simbolica dell'evangelista Marco, nonchè simbolo di Venezia e della sua antica Repubblica. La Leggenda Nella seconda metà dell'ottocento, la figlia del Doge Orso I Partecipazio, Maria Partecipazio, s'innamorò ricambiata di un certo Tancredi, giovane di umili origini. Il doge era ovviamente contrario a questa relazione, e Maria, consigliò all'amato di andare in guerra contro i Turchi a combattere, e di ritornare con la gloria delle proprie imprese. La fama di Tancredi fece il giro del mondo ed arrivò anche a Venezia, egli si distinse valorosamente in guerra, ma un giorno che ormai si avvicinava il suo rientro dall'amata, venne ferito ...

Una bambina (Torey L. Hayden) 22/04/2012

E' una storia vera

Una bambina (Torey L. Hayden) A torey con tanto amore da Sheila R. Vennero gli altri Cercarono di farmi ridere Giocarono ai loro giochi con me Alcuni giochi per svago altri sul serio E poi se ne andarono Lasciandomi tra le rovine dei giochi Senza sapere quali erano sul serio Quali erano per svago Lasciandomi sola con gli echi di una risata che non era la mia Poi venisti tu Coi tuoi modi strani Non proprio umani E mi facesti piangere E non ti importava il pianto Dicesti solo il gioco è finito E aspettasti Che tutte le mie lacrime si trasformassero in gioia La Scrittrice Torey L.Hayden, americana ma inglese di adozione, la sua esperienza di insegnante nelle scuole per bambini emotivamente disturbati e negli istituti psichiatrici, ha fatto di lei una specialista sulla psicologia infantile. Trovò tra la posta un biglietto sul quale erano scritte questa parole. Questo libro racconta di una bambina Nella scuola dove insegna Torey, ci sono classi per ritardati mentali, classi per bambini emotivamente labili, classi per handicappati fisici, classi per disturbi del comportamento, classi per difficoltà di apprendimento, sino alle classe di Torey che nel distretto scolastico viene definita la "classe pattumiera"o come la definisce lei "la classe dei rifiuti umani". Sheila arriva qui, ha 6 anni ed ha commesso una cosa terribile, ha legato ad un albero un bambino di 3 anni e gli ha dato fuoco. Sheila è piccola, dimostra molto meno della sua età, non parla, è aggressiva, violenta, e Torey scopre (perchè ...

Brandani 58416 18/04/2012

Design retrò

Brandani 58416 Sono una pessima cuoca, ma veramente pessima! Soprattutto se la mia permanenza in cucina supera un massimo di 10 minuti, credo sia una delle poche cose che riesce a spazientirmi. Per fortuna qualche anno fa ho incontrato il mio compagno, che insieme ad altre mille qualità è anche un bravo cuoco, per la sopravvivenza mia e la gioia di mia figlia, non che io non l'abbia nutrita nel corso degli anni, anzi tutto sommato è anche una cucina molto salutare, niente fritti, niente soffritti, niente intingoli, molta verdura, tante bistecche alla piastra e, sempre per la felicità della mia creatura, pizza almeno un paio di volte alla settimana. Un altro problema che si presentava ogni giorno era il quantitativo della pasta senza poterla pesare, spaziavo dai 100 grammi ai 300 grammi per 2 persone. Così un giorno mi sono decisa, vado a comperare una bilancia! Ho acquistato questa perchè mi piaceva molto esteticamente, non mi serviva una bilancia di precisione, ma ne volevo una che avesse un contenitore capiente. E' completamente in acciaio, ha una portata massima di 3 kg. suddivisione minima di 10 grammi (quindi non adatta a chi deve seguire una dieta) ha un'altezza di 27 cm. e una larghezza di circa 23 cm., sicuramente una bilancia per chi non ha problemi di spazio. Sul retro c'è anche una rotella per regolare la tara con un qualsiasi altro contenitore. Dal sito: Brandani è un'azienda di grandi tradizioni dove l'esperienza e l'attenzione costante delle nuove tendenze, ...

Polcenigo Sorgente Gorgazzo 13/04/2012

Tra le gelide acque ai piedi del cansiglio

Polcenigo Sorgente Gorgazzo Giovanni Marinelli nel 1877 scrisse: prendete il colore dello smeraldo, quello dei turchesi, quello dei berilli, gettateli in un mare di lapislazzuli, in modo che tutto si fonda e ad un tempo conservi l'originalità sua propria, avrete così la tinta di quella porzione di cielo liquido che si chiama "Gorgazzo". ( Parole affisse all'entrata della fonte del Livenza) Questa sorgente, che dista circa 20 km. dalla provincia di Pordenone, è soprannominata "el Buso" dalla gente locale ed è situata nel comune di Polcenigo antico borgo medievale e rinascimentale, in quest'ultimo da vedere anche il castello che lo sovrasta, ha più di 1000 anni. Collegata al fiume Livenza, nel quale si riversa,dopo un percorso di 1750 metri, crea in numerosi luoghi delle cascatelle, una è visibile nella piazza del paese. Luogo incantevole, in un giardino meraviglioso tra muri di rocce ed una folta vegetazione che, nelle giornate particolarmente soleggiate, filtra qualche raggio, lasciando intravedere all'interno della fossa, la statua di cristo. Posta a 50 metri sul livello del mare, ha una cavità a forma di imbuto, che si incunea fino a raggiungere i 17 metri di profondità ed una lunghezza sconosciuta in via lineare, è la sorgente italiana più profonda in assoluto. Meta di sommozzatori fin dagli anni '60, sono riusciti a raggiungere la profondità di 212 metri a scapito però di numerose vite, (non ho un dato certo, ma credo una decina). La voce gira come fosse una leggenda, ma purtoppo non è ...

Vittime della crisi economica. In aumento il numero dei suicidi in Italia a causa della crisi che porta gli imprenditori a compiere gesti estremi. 10/04/2012

Non trovo le parole

Vittime della crisi economica. In aumento il numero dei suicidi in Italia a causa della crisi che porta gli imprenditori a compiere gesti estremi. Qui posso dire la mia opinione forse più di altri. Posso raccontare la cosa da entrambi i lati. Sono stata una dipendente per molti anni, ho cambiato numerosi lavori e per svariati motivi. Sono una persona che non riesce a stare ferma, ho sempre voglia di cambiare, di avere nuovi stimoli, di mettermi alla prova in tutti i campi ma soprattutto nel lavoro, provare a me stessa fin dove posso arrivare, devo sempre trovare qualcosa di nuovo al quale dedicarmi. E così sono stata un assistente alla poltrona in uno studio dentistico, una barista, floricultrice, ho lavorato per i servizi sociali, anziani, punti verdi, prescuola,doposcuola, educatrice infanzia. Finchè ho deciso di aprire una mia attività, un bar serale. Sono partita senza grandi risorse, ma con i denti e le unghie sono riuscita ad avere tutto, prestiti, contratti, l'iscrizione al registro esercenti, tutto quello che serviva, ma soprattutto il mio bellissimo bar, curato in ogni dettaglio, la musica, il vino selezionato, bicchieri particolari, il caffè migliore, ho anche fatto un corso di cocktails. Non era facile ero sola e con una figlia da crescere e volevo tenacemente dargli un bel futuro. Sono partita alla grande, un buon carattere come base, sono ottimista anche quando il mondo mi crolla addosso e non mollo mai anzi, le asperità mi danno ancora più spinta nei confronti della vita. Ma le difficoltà non ci hanno messo molto ad arrivare, e non riguardanti il lavoro che già mi toglieva quasi tutte le ...

Ristorante Pechino Di Ma Lin & C., Pordenone 07/04/2012

Standard

Ristorante Pechino Di Ma Lin & C., Pordenone Che dire, rispetto al tema dello scorso mese, che iniziava un pò ad infastidirmi con tutti quegli inci, qui ho un pò di cose in più su cui argomentare. Amo pranzare e cenare fuori casa, non sono molto portata per la cucina anche se una delle mie passioni è la cucina (quella pronta). Di conseguenza quando posso mangio fuori casa. Le mie preferenze ricadono quasi sempre su locali dove c'è del buon vino e dell'ottima carne, ma ogni tanto mi piace anche la cucina cinese. Cosa dire su questo ristorante, un pò si assomigliano tutti, l'arredamento è quello classico cinese, molti drappeggi in oro, molta plastica negli accessori abbastanza pulito, ma non so quanto.....( ho un amico dei N.A.S. e se vi dicessi le cose che mi ha raccontato sui ristoranti cinesi) preferisco sorvolare........... Molto gentili i titolari, però questa è una cosa che mi chiedo spesso e magari la chiedo anche a voi, sono veramente così gentili o ci prendono per i fondelli? Ho un pò questa sensazione............... Anche qui il menù è quello classico dei ristoranti cinesi io di solito mangio gli involtini primavera, gli spaghetti alla piastra sono buonissimi, il riso al curry, il riso primavera, prendevo spesso i ravioli al vapore, ma sempre per colpa "dell'amico" non li mangio più, poi i gamberi sale e pepe, il pollo caramellato, il gelato fritto.............. Dimenticavo la birra cinese che secondo me è buonissima!!!!!! Il prezzo se frequentate i ristoranti cinesi è quello standard, forse hanno ...

Ristorante Cellini, Pordenone 05/04/2012

A cena con le ex

Ristorante Cellini, Pordenone In quella che io ormai considero un'altra vita insegnavo in un asilo nido vicino a casa mia (sono un'educatrice per l'infanzia) lavoro che tra l'altro adoravo e che ho svolto per sei anni, in un susseguirsi di volti e di nomi, tra bambini, genitori e colleghe di lavoro. Si, siamo passate in tante, in quell'asilo nido, in tante ce ne siamo andate e non di certo perchè non amavamo il nostro lavoro, ma perchè la tipologia di contratto che ci veniva offerto non permetteva a nessuna di campare, ed è così che abbiamo instaurato dei legami forti che però non si sono sciolti con l'interruzione della frequenza giornaliera, ma continuano ancora oggi, magari una o due volte all'anno ci ritroviamo. Punto centrale Sacile, e così il Cellini è diventato il nostro ristorante. Siamo una decina di donne, di varie età, di vari gusti, di vari tipi, ma siamo state legate tenacemente da una cosa: il nostro amore per i bambini. Sacile Bellissima cittadina medievale del Friuli- Venezia Giulia, nata attorno al fiume Livenza, appartenuta un tempo alla repubblica di Venezia, della quale conserva molti tratti. Il Cellini Ristorante nato all'interno di un palazzo storico, elegante anche se informale, con un ampia entrata nella quale si viene prontamente accolti. Noi solitamente prenotiamo, giusto per non dover optare per un altro posto, anche perchè con 10 macchine da spostare la cosa diventerebbe un po' troppo impegnativa. Il locale ha due due sale molto ampie all'interno ...

AEG CTV 4903 LCD/DVB-T 04/04/2012

Un buon acquisto

AEG CTV 4903 LCD/DVB-T Schermo LCD 26 pollici, misure 66x47 cm. risoluzione 1366x768, amplificatori 2x6w. AEG è stata fondata in Germania nel 1887 con una filosofia di base: tutto quello che viene progettato deve essere perfetto nella forma e nella funzione! Il marchio si fuse nel 1967 alla famosa Telefunken dalla quale si scorporò per passare al gruppo svedese Electrolux. Ad oggi è prodotta in Italia dalla Zanussi. Devo dire innanzittuto che se mi dovevo cimentare nella traduzione di un testo in cinese, avrei incontrato meno difficoltà che nel descrivere questo apparecchio, ma trattandosi di un prodotto che possiedo, ho voluto dare il mio modesto parere senza addentrarmi troppo nel tecnico. Non si tratta di una Tv se vogliamo dire"principale", ma di quella che si trova nella mia camera da letto, e vista la mia durata una volta che mi trovo in posizione supina, non pretendevo dovesse avere chissà quali potenzialità, la mia intenzione era comperare un buon prodotto ad un prezzo basso. L'ho acquistata nel 2010 e l'ho pagata 289,00 euro. Molto bella esteticamente, c'è la possibilità sia di posizionarla su un tavolo oppure di fissarla ad una parete. Buona sia la qualità video che quella audio, con regolazione automatica del volume, 99 canali con scorrimento veloce per la ricerca, spegnimento a tempo (per quanto mi riguarda la funzionalità più importante). Non posso descrivere il telecomando, perchè non ho più il pezzo originale, dopo numerosi voli sul pavimento, ho dovuto ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra