Condividi questa pagina su

blu Status blu (Livello 3/10)

epistole

epistole

Autori che si fidano di me: 1 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

sono una persona che ama tutto ciò che permette di esprimere e condividere le emozioni che sente. Amo la lettura, la musica e la fotografia. Odio l'ipocrizia ed il moralismo.

Opinioni scritte

dal 23/03/2008

82

Caffè Quarta 26/08/2012

caffè strepitoso

Caffè Quarta Se c’è una cosa da valutare è proprio quando questa fa parte di abitudini della vita di cui, con il passare del tempo, quasi non ci si fa caso. Una di queste abitudini è proprio il caffé che molti non ne possono fare a meno di berlo ogni giorno. Poi ci sono le categorie di chi lo prende con la vecchia moka o chi esclusivamente espresso perché non può rinunciare alla piacevolissima crema. Eppure la differenza tra un caffé e per dirla alla Totò una “ciofèca” si sente e come. Anche al bar a volte si ha la sventura di sorseggiare caffé bruciati che fanno veramente schifo. Ho conosciuta marca di caffé Quarta frequentando negli anni universitari amici pugliesi, in particolare salentini. Questa marca di caffé viene prodotta a Lecce. Mi ricordo che la prima cosa che mi colpiva quando andavo nelle loro caso era il rito con cui preparavano questo caffè, come se dovesse essere un qualcosa di talmente pregiato a cui porre la massima attenzione. In effetti a parte la diffidenza iniziale, sinceramente il gusto rispetto agli altri caffé standard si percepiva e come migliore. In che senso? In un solo aggettivo mi verrebbe da dire che è un caffè dal gusto consistente. Un gusto gradevolissimo che ti rimane in bocca con decisione e grande piacere. Se poi si ha la possibilità di acquistarlo da macinare è ancora più buono ed intenso nel suo aroma. Sicuramente non è un caffè leggero, ma di ottima e piacevole qualità. ...

Asus Eee PC 1001PX 24/08/2012

un computer piccolo portatile economico per viaggiare

Asus Eee PC 1001PX Possiedo questo piccolo pc da circa due anni. E le ragioni principali sono: non potevo spendere molti soldi per un portatile, doveva essere piccolo per trasportarlo facilmente, ci potessi scrivere e navigare. Per tutti questi motivi l’ho acquistato. Ha uno schermo di 10 pollici con risoluzione pari a 1024×600 px, processore Atom N450 e sistema operativo Microsoft. Ha un disco da 250 Gb e batteria da 3 celle, ed un sistema operativo con Windows 7 Starter, hard disk da 250Gb e batteria da 6 celle. La tastiera sarà di tipo standard. Lo schermo opaco molto buon per chi usa il netbook all’aperto. Ha due porte usb e sistema wireless. Per la mia esperienza si sta rivelando uno strumento prezioso. Ha una tastiera standard con tasti grandi e quindi di comodissimo uso. Si scrive divinamente. Ottimo anche per le presentazioni powepoint con il videoproiettore, in quanto ha l’apposita porta seriale per l’allaccio. Anche la navigazione è buona, certamente qui dipende non tanto dal pc, ma dal tipo di connessione. Il sistema wireless comunque è eccellente. È naturale che non è un portatile normale, sia per le dimensioni piccole, sia per la velocità, rispetto alla quale si presenta lento nell’accensione e naturalmente non sopporta lavorare su troppi programmi aperti altrimenti si impalla. Il suo costo contenuto di 250 euro lo fa un oggetto molto buono, soprattutto per chi fa il pendolare o in ogni caso lo usa fuori casi. La durata della batteria dipende molto dal tipo di programmi usati, ...

Polase Sport 23/08/2012

ottimo aiuto contro la grande stanchezza dell'afa

Polase Sport Questi giorni di caldo torrido stanno mettendo a dura prova qualsiasi essere vivente, in particolare gli esseri umani, soprattutto le persone anziane che per quanto cercando di porre massima attenzione ed accorgimenti contro la calura estiva, spesso sembrano proprio non farcela. Certo questo prodotto è ottimo per chi pratica sport agonistico ed amatoriale. Ma in questo caldo il medico lo ha consigliato anche ai miei genitori ultrasettantenni che sono messi in questi giorni a durissima prova dall’afa. Presentano grande spossatezza e soprattutto si preoccupano molto per questo stato. Dopo che hanno iniziato ad assumere questo prodotto, la situazione sembra alquanto cambiata. È un prodotto che si assume sciogliendo una busta in circa mezzo litro d’acqua ed ha il gusto di arancio. Gradevole da bere soprattutto se l’acqua è un po’ fresca, ma non molto, per non provocare pericolose congestioni. Sinceramente come integratore salino mi sembra che faccia quasi un “miracolo”. Vedo i miei genitori che dopo circa mezzo’ora che lo assumono cambiano proprio tono muscolare, nel senso che si alzano dalla poltrona con molta meno difficoltà e riescono a compiere i loro atti quotidiani in casa ed all’esterno nella normalità. Ed è un effetto che dura per diverse ore della giornata. Tante quanto basta, da quello che ho osservato e da ciò che mi dicono, per superare le ore centrali del giorno assai critiche dal punto di vista del calore. Sinceramente lo ho trovato un grande aiuto in questi ...

Brum brum. 254.000 chilometri in Vespa (Giorgio Bettinelli) 22/08/2012

perché girare il mondo andando dentro le storie che vi abitano

Brum brum. 254.000 chilometri in Vespa (Giorgio Bettinelli) Ci sono persone nel mondo, per fortuna, che hanno fatto della loro irrequietezza non un male da curare con psicofarmaci o altri mezzi correttivi, ma semplicemente vivendola. E vivere l’irrequietezza significa accettare di non stare mai fermi, di dare sfogo più all’istinto che alle lunghe interminabili riflessione con tanti io vorrei, io se fossi stato. E quando l’irrequietezza riesce a diventare viaggio, esplorazione, nuove conoscenze, il gioco della vita si puo’ fare interessante. E lo stato anche per il giornalista scrittore Giorgio Bettinelli in questo libro in cui narra non tanto i suoi 254.000 chilometri fatti esclusivamente in vespa, quanto le storie dentro il mondo di una persona che ci passa sopra. E Bettinelli è stata una persona che ha fatto del suo tempo, il senso del viaggio. Capirete tutti che la vespa va piano, va lenta, ma quel piano e quella lentezza che per i più, ahimé significherebbe noia, per Bettinelli invece si chiama vita. Nuove conoscenze, amori, storie, paesaggi, disavventure, ci sono tutti gil ingredienti di un viaggio vero, quello che naturalmente è un po’ difficile incontrare dentro un’agenzia viaggio con il tutto organizzato, previsto e scandito. Leggere questo lento viaggio in tutto il mondo mette il cuore in pace, da la prospettiva al lettore di quanto è profondo emotivamente il mondo nelle sue splendide diversità. Un libro che far venir voglia di chiudersi la porta alle spalle e andare ad abitare il mondo. ...

Samsung ML 2160 21/08/2012

stampante che costa poco

Samsung ML 2160 Premetto che incomincio a diffidare molto delle stampanti laser, non solo per il costo elevato dei toner che spesso e volentieri supera anche il costo stesso della stampante, quanto della nocività che presentano le polveri sottili emanate appunto dal toner che sono cancerogene e di cui purtroppo se ne parla assai poco, anche se tutti gli uffici del mondo sono pieni! Ho acquistato questo modello di stampante laser in bianco e nero, attratto dal prezzo in offerta veramente invitante e dalle sue caratteristiche tecniche che mi sono apparse a prima vista interessanti. Questo modello di Samsung l’ho trovato buono, pratico, non occupa molto spazio. Ha un cassetto che può contenere 150 fogli alla volta. Ha una velocità di stampa fino a 20 ppm in A4 e un tempo di stampa prima pagina in meno di 8,5 secondi. La risoluzione di stampa è fino a 1200 x 1200 dpi. Facile da istallare e buono il software di gestione. La meccanica è abbastanza silenziosa e sottoposta anche a lunghe fasi di stampa i fogli non si inceppano. Nel complesso un buon prodotto. ...

Garmin NÜVI 1250 20/08/2012

navigatore di semplice uso ma caro da mantenere

Garmin NÜVI 1250 Ho acquistato questo navigatore perché mi sono accorto che sono oggetti destinati a scadere come il latte fresco. Ovvero dopo tempo che si hanno, come per magia non sono più aggiornabili. Ho trovato questo navigatore intanto facile nell’utilizzo, soprattutto per la sua logicità. È piccolo, si porta bene anche in tasca ed ha diverse funzioni. La cartina che si trova già prevaricata all’acquisto è quella dell’Europa ed ho notato che era già abbastanza aggiornata. Come altri navigatori anche in questo è possibile impostarlo su un percorso economico. È piuttosto preciso nel trovare il percorso e condurre alla mèta stabilita. Ma quello che mi aveva colpito una volta acquistato era la facilità di aggiornamento, una volta istallato il software nel computer e collegato i due apparecchi. Peccato pero’ che appunto come il “latte fresco” dopo pochi mesi gli aggiornamenti scadono. E se si vuole aggiornare l’apparecchio, a meno che non se ne voglia acquistare un altro, bisogna collegarsi al sito della Garmin pagare circa sessanta euro ed arriva l’aggiornamento. Stessa identica cosa per gli autovelox, servizio abbastanza utile anche se non è bene farci troppo affidamento, per aggiornare l’abbonamento bisogna sborsare altri euro. Che dire il prodotto è buono ma non tanto economico! ...

Il gioco delle perle di vetro (Hermann Hesse) 19/08/2012

la chiarezza di meditare e la lungimiranza nel cambiare

Il gioco delle perle di vetro (Hermann Hesse) Leggere l’ultimo libro che ha scritto un autore importante è sempre un qualcosa di strano. Affascinante ed allo stesso tempo serio. Herman Hesse è l’autore della mia adolescenza, Demian, Narciso e Boccadoro, Siddharta. Poi lo avevo abbandonato negli scaffali fino a che ho deciso di affrontare questo romanzo voluminoso e dal titolo intrigante. Come ogni romanzo la cui sceneggiatura descrive vite monastiche, regole, giochi come metafore nell’esercizio della vita, trovo tutto questo generalmente affascinante. Certamente un plauso grande va fatto anche ai traduttori che riescono a far vivere questi libri in modo intenso, seppur non letti nella lingua madre. Questo romanzo fu niente meno che censurato dal regime nazista quando uscì e in effetti è quanto meno rivoluzionario nella sua filosofia che vi si ritrova. Quello che a me ha rapito in modo particolare è stato la capacità di Hesse nel portare il lettore in un mondo meditativo dove tutto sembra avvenire nella semplice chiarezza. Anche se non c’è alcun collegamento a tratti nel personaggio principale ci ho rivisto il Siddharta adulto. Per carità, ripeto, nessun confronto. È un romanzo bello dall’inizio alla fine e con un finale veramente forte nei significati. Mi piacerebbe che un giorno qualche regista ci potesse fare un film. Un bel libro da leggere per rilassarsi. ...

Grundig 80 Concert BOY 18/08/2012

per i nostalgici della radio la consiglio

Grundig 80 Concert BOY Qualche anno fa mi era presa voglia una radio. Una radio e basta! Senza cd, audiocassette o mp3. Ma allo stesso tempo una radio moderna con un design anche un po’ retrò. Sono oggi più che mai convinto della compagnia che una radio può fare e per fortuna ne esistono tante quindi con possibilità di trovare quella che piace o interessa di più. Dopo alcuni giri in vari negozi, perché richiedere una radio e basta, sembra di essere un marziano, alla fine ho trovato questa Grundig 80 Concert BOY. È una radio dal peso leggero puo’ essere alimentata sia a corrente elettrica che a pile. La ricerca dei canali radio è con il sistema RDS e si possono preselezionare fino a dieci canali. Ogni operazione che si compie compare nel display ed è abbastanza facile comprendere la funzione. La recezione dei canali è molto buona e veloce. La radio è predisposta anche per le cuffie ed avendo l’orologio puo’ essere utilizzata anche come sveglia. L’antenna è estendibile ed il materiale sembra essere buono visto che l’ho trasportata varie volte anche utilizzando poche cure negli spostamenti. Mi piace soprattutto perché mi ricorda le dimensioni delle vecchie radio e soprattutto per la facilità con cui si trovano le stazioni. Per chi ama la radio e magari ha anche qualche nostalgia del passato la consiglio. ...

Terraferma (Dvd) 17/08/2012

un film che parla con le immagini stupende

Terraferma (Dvd) Sono affascinato dal modo di girare i film di Crialese. In particolare dal precedente capolavoro Nuovomondo. Questo è un film che parla soprattutto con le immagini, gli sguardi molto profondi degli attori e lo splendido mare dell’Isola siciliana. Un film che ha come argomento gli sbarchi dei clandestini, ma soprattutto le emozioni che si possono vivere incontrandoli, aldilà delle lingue diverse in una piccola isola abituata soprattutto a ricevere turisti e quindi impreparata a questi eventi umani. Il parlare in dialetto siciliano ha dato sicuramente al film una maggiore e piacevole drammaticità. Se penso a questo film provo un brivido a tutti quei primi piani sugli sguardi profondissimi. E’ un film che non puo’ che emozionare perché purtroppo è la storia delle persone che si ripete anche in negativo. Molto bravi tutti gli attori, in particolare Filippo Pucillo, Mimmo Cuticchio e Giuseppe Fiorello, ma soprattutto una sublime fotografia. Sicuramente è un film da consigliare. ...

Gaggia G 2010 17/08/2012

macchina caffè espresso molto economica e buona

Gaggia G 2010 Ho acquistato questa macchina da caffè nell’estate di quest’anno. Un acquisto dubbioso perché il prezzo era di molto diverso rispetto alle altre macchine, ovvero un’offerta a 49 euro. Generalmente diffido un po’ dalle offerte perché credo che ci sia una spiacevole sorpresa da qualche parte. Quello che temevo di più era soprattutto la scarsa capacità di fare un caffè caldo, poiché questo è il problema di molte macchine espresso. Sono tutte capaci a fare un caffè cremoso, ma praticamente scende tiepido. Invece no. Si è rivelato un acquisto nel rapporto qualità prezzo decisamente buono. La macchina è dotata di due filtri un per fare un caffè, l’altro per due. Il caffè risulta essere buono e soprattutto caldo! Tra l’altro l’operazione risulta essere anche in tempi rapidi. Molto facile anche il riempimento dell’acqua che avviene sfilando lateralmente l’apposito contenitore. L’ingombro rispetto alle altre macchine espresso è contenuto e questo è importante per chi non ha grandi spazi. Decisiamente un buon prodotto. ...

Fate la storia senza di me. Con DVD (Albertino Bonvicini) 16/08/2012

una storia vera rivissuta attraverso i diari e un ottimo filmato

Fate la storia senza di me. Con DVD (Albertino Bonvicini) Ho letto questo libro incuriosito da un video trailler che si trova su youtube ciccando proprio il titolo e la mia curiosità è stata bene ripagata. La storia di Albertino Bonvincini non la definirei una storia triste anche se sicuramente c’è diverso dolore dentro, ma è una storia soprattutto intensa, molto intensa. A partire dai suoi anni di ribellione in orfanotrofio ed ai suoi anni in carcere di cui libro riporta il suo intenso diario. Descrivere la vita all’interno del carcere potrebbe sembrare inutile in quanto tutti i giorni sembrano assomigliarsi in quanto privazione della libertà individuale. Eppure la descrizione di Albertino Bonvincini di ogni suoi giorno passato dentro il carcere sembra la risposta ai tanti confini fisici che si è trovato di fronte alla sua vita e che però non gli hanno impedito di condividere gli affetti e le emozioni. Molto bello è il dvd allegato al libro che consiglio di leggere dopo la lettura. Una lettura importante di una storia vera nemmeno tanto lontana nel tempo. ...

Nokia 5228 15/08/2012

decisamente deluso da questo modello Nokia

Nokia 5228 ho questo cellulare da circa un anno. Sono ritornato al modello Nokia dopo una parentesi Motorola. Quando l’ho acquistato ero affascinato dal design un po’ meno dal peso (113 grammi) che per un cellulare di nuova generazione mi sembra eccessivo. Altro elemento che mi ha spinto all’acquisto è stato il livello di ricezione QUADBAND anche se poi nella pratica, purtroppo mi sono accorto che rispetto ad altri cellulari con questa caratterista il Nokia 5228 tende a perdere campo con troppa facilità. Altra caratterista che mi ha spinto all’acquisto è il TOUCHSCREEN. A distanza di tempo dall’acquisto sono sinceramente deluso. A parte l’ingombro in tasca dovuto dallo spessore non irrilevante (1,15 millimetri) di questo cellulare, il tasto centrale che apre il meno sta venendo meno, nel senso che sono piu’ le volte che quando si tocca non succede niente, invece di svolgere la sua funzione. Inoltre, nonostante dentro non ci ho caricato quasi nulla a livello di file audio o video, è tremendamente lento!!! È lento anche quando per errore parte una chiamata e si vuole interromperla, prima che ciò accade già ha iniziato a squillare. Certo non è carino prendersela con un oggetto, ma spesso e volentieri mi fa suscitare un notevole nervosismo. Sconsiglio l’acquisto anche perché al prezzo di questi cellulari c’è di molto meglio in circolazione. ...

Ho servito il re d'Inghilterra (Bohumil Hrabal) 15/08/2012

ironicamente coinvolgente

Ho servito il re d'Inghilterra (Bohumil Hrabal) Ho letto questo libro incuriosito dal titolo. E poi fino ad oggi un romanzo con la voce narrante di un cameriere credo di non averlo mai incontrato prima. Mi è piaciuto dalla prima all’ultima riga, sia per la sua scorrevolezza che ricchezza di descrizioni scenografiche al punto che il lettore sembra proprio di stare accanto al cameriere di questo libro. Che dire poi dell’ironia dissacrante che l’autore utilizza soprattutto nei suoi trequarti del romanzo con goffi approcci del cameriere verso le donne tanto da dipingerlo come un tardo adolescenziale alla scoperta dei piaceri femminili. Ma quello che mi ha più colpito è stata proprio la ragione per cui mi aveva incuriosito il titolo. Il mondo visto con gli occhi di un servo, un cameriere, una persona che sta a servizio degli altri e che per farlo bene deve quasi per forza entrare, o almeno cosi crede di fare, nella mente e negli usi e costumi del cliente. Decisamente un bel libro per una lettura rilassante. ...

Mine Vaganti (Dvd) 20/03/2011

le doppie facce della vita ed una splendida Lecce

Mine Vaganti (Dvd) Vedere questo film è vedere tante immagini. E le immagini dei luoghi, dei non detti, delle formalità e delle cattiverie ha fatto si che “Mine vaganti”, sia proprio un bel film. La location è a dir poco da mozzafiato, la Lecce barocca con le sue splendide vie ed il suo sole che la rende color oro. La storia a che fare con l’onorabilità di una famiglia e con gli amori dei figli che stridono con il “codice” della buona famiglia. È un film sulle doppie facce della vita. E non mi riferisco a quelle sugli orientamenti sessuali, ma a quello che si vive dentro o si è costretti a vivere dentro e al fuori, ai sorrisi di correzione falsi ma allo stesso tempo alla luce del sole. Ferzan Ozpetek ci ha giocato molto su queste personalità vere/false, accondiscendenti/ostili. Ma la particolarità in più che il regista ci ha messo è far vivere tutte queste esperienze con un’emotività bella che è stata in grado di mostrare tutte le…mine vaganti. È proprio un bel film, ironico con delle immagini bellissime, in particolare quelle girate sulle piccole vie di Lecce. ...

Tuttalpiù muoio (Edoardo Albinati, Filippo Timi) 20/03/2011

la vita come un teatro dell'identità provvisoria

Tuttalpiù muoio (Edoardo Albinati, Filippo Timi) Ha letto questo libro di Abinati e Timi. È stata una lettura molto scorrevole. Il libro prende molto per il suo spirito libertario e le battute alle quale non può che farti una risata, cosa un po’ bizzarra se si legge il libro dentro un autobus di linea. Aggiungo al fatto che sono di Perugia e quindi anche le battute in dialetto perugino mi hanno messo molta allegria. La storia vera e inventata è quella di Filippo Timi. È una storia di legami famigliari e sentimentali. Ma è soprattutto una storia di un’identità che si specchia in uno specchio rotto e quindi si vede in tante miniscuole facce della stessa faccia appunto. Su questo gli autori nel libro ci giocano alla grande, con la verve istrionica e teatrale di Timi che rende il libro molto piacevole di leggere. È un libero che pone anche tanti interrogativi sull’ identità delle persone, molto provvisoria quella descritta dallo scritto e presa a pesci in faccia quella “definitiva”. Si sente molto tra le righe anche Tondelli e non a caso nel libro viene citato in più d’un occasione. Perplesso sulla parte finale del libro. Ma questo purtroppo è un difetto di tanti libri, molto belli per metà o tre quarti e poi nel finale non si sa come mai, ma non colpiscono tanto. Per chi ama Tondelli, gli scrittori UNDER 25, o scritture simili, è un libro che va sicuramente letto.
Visualizza altre opinioni Torna sopra