Condividi questa pagina su

oro Status oro (Livello 9/10)

fabgirl

fabgirl

Autori che si fidano di me: 445 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Per i miei gentilissimi e fantastici lettori: non valutate le mie opinioni con “Eccellente” (e soprattutto non sentitevi in obbligo), io mi ritengo più che soddisfatta anche con “Molto Utile” e “Utile”...Grazie.

Opinioni scritte

dal 16/03/2006

1325

Ti ricordi, Sprite? (Mark R. Levin) 02/09/2015

Ti ricordi, Sprite?

Ti ricordi, Sprite? (Mark R. Levin) Lassie? Rin Tin Tin? Credo che siano i cani più famosi della televisione, e forse anche i più amati. Sarà! Personalmente non mi sono mai stati tanto simpatici, e mi sono sempre rifiutata di vedere o leggere le loro avventure, ed è un’antipatia che nutro tutt’ora. Questo però non significa assolutamente che io non ami i cani, anzi. Se dipendesse da me, adotterei l’intero canile, ma purtroppo non mi è possibile, e quindi mi limito a coccolare e ad essere coccolata dai miei tre bastardelli, che non sono di razza, ma sono bellissimi, hanno un ottimo carattere, e accettano me e la mia famiglia, con tutti i nostri pregi e difetti. Detto questo, per me è normale avere provato da subito una forte simpatia per Sprite, il protagonista di questo breve, ma bellissimo romanzo di Mark R. Levin. “Ti ricordi, Sprite?”, il titolo in un certo senso, dice quasi tutto. E’ una storia d’amore e d’amicizia, sincera, profonda, e incondizionata. E’ una storia vera, e a scriverla è un noto avvocato e scrittore americano, di cui ignoravo l’esistenza, fino a quando mi sono imbattuta nel suo libro. Sprite è una specie di cocker spaniel, con grandi occhi marroni, la coda mozza, e dal manto morbidissimo, con petto, muso e parte delle zampe, bianchi, e il resto tendente al nocciola. E’ docilissimo e molto affettuoso, anche se la vita non deve essere stata affatto facile, almeno fino a quando è stato accolto prima da una famiglia affidataria, e poi da quella di Levin, che se ne sono innamorati a prima ...

La gallina volante (Paola Mastrocola) 02/09/2015

La gallina volante - Paola Mastrocola

La gallina volante (Paola Mastrocola) Leggo molto volentieri i romanzi di Paola Mastrocola, anche perché mi capita così di rado di apprezzare un autore italiano! Mi è piaciuto moltissimo “E se covano i lupi”, e altrettanto “Una barca nel bosco”, così quando ho trovato “La gallina volante” al mercatino dei libri usati, non ho saputo resistere, l’ho comprato, e in poche ore l’ho letto, restando però un po’ delusa nel finale. Carla ha 42 anni, è sposata, ha due figli, e insegna lettere in un liceo di Torino. E’ lei a raccontarsi. Le piace leggere, ma non tanto insegnare. Il suo terrore è quello di essere sorteggiata per gli esami di maturità, o meglio di essere beccata. Anche suo marito, Mario, insegna, una materia che potrebbe sembrare opposta alla sua, ovvero matematica. Primo quadrimestre, secondo quadrimestre, e poi ci sono gli esami. In un anno scolastico possono accadere molte cose, sia dentro che fuori dalla scuola. Soprattutto quando si ha una passione molto particolare, con un obbiettivo fuori dal comune, come quello di Carla, che alleva galline, ed è convinta che possano volare… Mi piace il personaggio di Carla, e anche suo marito Mario. Li trovo una bella coppia, ben assortita. In realtà provo una certa simpatia per tutti i personaggi che popolano il romanzo, dalla bidella Rita, al contadino e saggio Isidoro, a Tanny… tutti, chi più e chi meno, mi ricordano qualcuno che ho conosciuto o che conosco tutt’ora. Sì, leggendo di loro, ho avuto la piacevole sensazione che fossero reali, ma questo perché ...

Firmino. Avventure di un parassita metropolitano (Sam Savage) 02/09/2015

Firmino. Avventure di un parassita metropolitano

Firmino. Avventure di un parassita metropolitano (Sam Savage) Ci sono diversi modi per allenare il proprio cervello, evitando che invecchi precocemente, e uno di questi è sicuramente leggere un piccolo capolavoro filosofico come “Firmino. Avventure di un parassita metropolitano” di Sam Savage. E’ una lettura indubbiamente molto originale, in cui il protagonista è un topo, che non somiglia neanche lontanamente alla figura creata da Walt Disney, Mickey Mouse. E non ha niente in comune neanche con il topo co-protagonista di “Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico” di Luis Sepulveda. E’ un personaggio da amare, e accettare per quello che è, o almeno è quanto io ho fatto dal momento in cui l’ho conosciuto. Firmino è il tredicesimo di una nidiata di topi. La sua mamma, Flo, è un roditore come tanti altri, una specie di pantegana alcolizzata, che sceglie di partorire per necessità, in una libreria anni ’70 di Boston. La sua “fame” di conoscenza è forte quanto il suo istinto di sopravvivenza, a cui deve la scoperta dei libri, gli unici alimenti di cui si può cibare, poiché essendo l’ultimo e il più gracile della nidiata, non riesce a nutrirsi dalle mammelle della mamma. Le pagine sono solo cibo, fino a quando scopre il loro contenuto, e il mondo degli umani diventa sempre più affascinante, fino all’incredibile scoperta del cinema! “Firmino. Avventure di un parassita metropolitano” di Sam Savage racconta la storia di un topo, a cui mi sono affezionata fin dalle prime pagine, perché seppure non sono mai riuscita ad apprezzare e ad ...

Lamù - La ragazza dello spazio 29 (Dvd) 02/09/2015

DVD Lamù - La ragazza dello spazio 29

Lamù - La ragazza dello spazio 29 (Dvd) Correre sul tapis roulant non è molto divertente, però non ho molte alternative quando piove, soprattutto se di voglia ne ho poca. Così questa mattina, non mi sono potuta allenare come faccio di solito, e ho optato per una corsetta “home-made”, e per non annoiarmi, ho scelto di rivedere uno dei miei vecchi cartoni animati preferiti, un piccolo capolavoro di anime giapponese, ovvero “Lamù - La ragazza dello spazio 29”, che fa parte della mia preziosissima raccolta di ben 61 dvd e 61 fascicoletti! Lamù per me, e per molte/i della mia generazione, rappresenta quasi un personaggio storico. Non ha nulla a che vedere con le dolci e bellissime fanciulle della Walt Disney, ed è questa – molto probabilmente – la ragione per cui rappresenta una delle mie eroine preferite, altro che Biancaneve, Aurora, Cenerentola, Belle, Ariel, e tutte le altre! Lamù è speciale, e non si tocca! Giunge dallo spazio. E’ in grado di volare, e lanciare delle terribili scariche elettriche. Svolazza libera indossando il costume del suo pianeta: un sexy bikini tigrato, coordinato con gli stivali da elfo. Sembrerebbe una ragazza come tante, se non fosse per i due piccoli cornetti tigrati sulla testa, le orecchie a punta, e i denti aguzzi simili a quelli di un vampiro! Non è sola, assieme a lei ci sono il cuginetto Ten - che è un piccolo lanciafiamme ambulante -, le amiche d’infanzia Ran, Benten e Oyuki, e poi l’incallito dongiovanni sfigato di Ataru Moroboshi, di cui la bella aliena è innamorata, la ...

Appuntamento al Cupcake Café (Jenny Colgan) 02/09/2015

Appuntamento al Cupcake Café - Jenny Colgan

Appuntamento al Cupcake Café (Jenny Colgan) Non sono molto golosa, generalmente preferisco il salato, però ai cupcake proprio non so resistere! Li preparo tutti i giorni, sempre diversi, sia in versione dolce che salata. Al momento credo che non mi stancherò, e né tanto meno mi annoierò mai a farli, a mangiarli e a offrirli a chiunque venga a casa mia, perché sono la mia specialità, una specie di mio personale biglietto da visita! Così per me è quasi del tutto naturale essere attirata anche dalla lettura che li riguarda, come “Appuntamento al Cupcake Café” di Jenny Colgan, perfetto esempio della migliore chick-lit! Issy è giovane, intelligente, simpatica, carina, generosa, ma ovviamente come la maggior parte delle persone comuni, svolge un lavoro poco soddisfacente, seppure ben retribuito. In più ha una storia clandestina col suo capo. Vorrebbe voltare pagina, ma non ne ha il coraggio, fino a quando – a causa della crisi economica – si ritrova ad essere disoccupata, e per giunta senza fidanzato. Issy però ha un vero e proprio talento, è brava a preparare i dolci, e in particolare modo i cupcake, grazie ai preziosi insegnamenti di nonno Joe, con cui è cresciuta, e che ha saputo dargli tutto l’affetto e l’attenzione che solitamente ci si aspetta da una mamma. Decide quindi di mettersi in gioco, e aprire il “Cupcake Café”, in un angolino della città quasi dimenticato, ma che prende vita col suo arrivo. Ci sono poi gli amici, vecchi e nuovi, come Helena, Pearl, Caroline, Louis, Darny, e Austin, che è l’esatto opposto di ...

Sushi per principianti (Marian Keyes) 01/09/2015

Sushi per principianti - Marian Keyes

Sushi per principianti (Marian Keyes) Chick-lit, ovvero letteratura per pollastrelle, è il genere che considero perfetto per alleggerire la mia testa, sia sotto l’ombrellone, che nei periodi di maggiore stress. Mi aiuta a conciliare il sonno, quando la sera sono troppo stanca, e magari anche un po’ nervosetta. Romanzi che si leggono con piacere, che seppure hanno una trama un po’ così, e un finale per lo più scontato, riescono a divertirmi, proprio come “Sushi per principianti” di Marian Keyes. Sono tre le protagoniste. Lisa è una giovane donna in carriera, bella, sexy, e stronza, vice-direttore della rivista di moda “Femme”, che vorrebbe ricoprire lo stesso ruolo ma per la rivista “Manhattan” di New York. Quando viene convocata dai suoi capi, spera di ottenere l’incarico, invece viene spedita a Dublino, ad occuparsi di un nuovo magazine femminile. La delusione è grande, purtroppo però non ha alternative: accettare o licenziarsi, poiché la sua attuale carica è stata già assegnata a qualcun altro. Inoltre, la sua vita sentimentale ha subito un duro colpo, e il divorzio sembra esserne la conclusione. Ashiling, vive a Dublino, ed è semplicemente una ragazza carina, piuttosto insicura. Anche lei lavora come giornalista, ed è stata licenziata per avere pubblicato un “consiglio sbagliato” nella sua rubrica per la soluzione dei problemi domestici. Così, dopo un colloquio di lavoro, si ritrova ad essere la redattrice per la stessa rivista di Lisa. Clodagh, bellissima, è la migliore amica di Ashiling. E’ sposata, ha due ...

I love shopping (Sophie Kinsella) 01/09/2015

I love shopping - Sophie Kinsella

I love shopping (Sophie Kinsella) Sophie Kinsella, ovvero Madeleine Wickham, è sicuramente tra le scrittrici più celebri per quanto riguarda il genere chick lit. L’ho scoperta per puro caso, quando ho visto il film “I love shopping”, divertente commedia tratta dall’omonimo libro. Così ho cominciato a seguirla, e adesso mi ritrovo – sugli scaffali della mia libreria – anche tutta la saga di “I love shopping”, che confesso di avere letteralmente divorato! Rebecca Bloomwood - semplicemente Becky – lavora come giornalista per una rivista finanziaria, precisamente si occupa di una rubrica sul risparmio. Ha un notevole fiuto, e un ottimo talento naturale nel consigliare i suoi lettori. Una cosa assolutamente normale, se non fosse per il fatto che, la simpatica ragazza, è una maniaca dello shopping compulsivo, ovvero è una vera e propria shopaholic! E’ praticamente impossibile per lei, entrare in un qualsiasi negozio, e uscirne senza avere fatto almeno un acquisto! Così il suo conto corrente è sempre in rosso, tanto da essere perseguitata dall’ufficio recupero crediti… Ebbene, se vedere il film è stato divertente, per me leggere il libro si è dimostrato essere un vero e proprio spasso, e non me lo sarei mai aspettato! Sophie Kinsella è stata semplicemente geniale nel creare un personaggio come Rebecca Bloomwood, e sicuramente anche molto originale, seppure poi la storia segua i soliti cliché del genere. Il lavoro, l’amicizia, la famiglia, l’amore, sono i soliti ingredienti, ma in questo caso vengono sapientemente ...

Chocolat (Joanne Harris) 01/09/2015

Chocolat - Joanne Harris

Chocolat (Joanne Harris) Juliette Binoche e Jonny Deep… per me entrambi indimenticabili in “Chocolat”, liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Joanne Harris, uno dei pochi casi in cui confesso di amare, allo stesso modo, sia il lavoro cinematografico che letterario. Sono due opere diverse, ma avendo visto prima il film, e poi letto il libro, ormai mi resta difficile immaginarmi una Vianne o un Roux che non abbiano il volto della Binoche e di Deep! Vianne viaggia assieme a sua figlia Anouk. Vorrebbe fermarsi in qualche luogo, stabilirsi assieme a sua figlia, ma ogni volta, qualcosa la spinge ad andare oltre. Quando giunge nel piccolo villaggio di Lansquenet, qualcosa le fa credere diversamente. Il vento sembra essersi fermato. Apre la sua pasticceria, La Céleste Praline, dove crea le sue prelibatezze al cioccolato, perfette per addolcire le amarezze che gli abitanti del villaggio si portano dentro. Questo però, non è visto di buon occhio dal giovane curato Francis Reynaud, lui vede nella giovane donna - madre single, bella, sexy, e con la sua voglia di vivere - una specie di minaccia per il tranquillo paese. Un pericolo reso maggiore dall’arrivo di una compagnia di nomadi… “Chocolat” è stato il primo romanzo che ho letto di Joanne Harris, ma non lo giudico il migliore, anche se mi è piaciuto moltissimo, tant’è che ho letto anche il seguito. Vianne, Anouk con il suo amico invisibile Pantoufle, Armande, Joséphine, Guillaume, per me sono tutti personaggi indimenticabili, appartenenti ad un mondo ...

La signora dei funerali (Madeleine Wickham) 01/09/2015

La signora dei funerali - Madeleine Wickham

La signora dei funerali (Madeleine Wickham) Il titolo, “La signora dei funerali”, è stato una specie di calamita, a cui non ho saputo resistere. Certamente ha contribuito anche la fama dell’autrice, Sophie Kinsella - celebre grazie alla saga “I love shopping” -, seppure il romanzo lo abbia firmato con il suo vero nome, Madeleine Wickham, come è riportato sulla stessa copertina. Ci sono tanti modi per accalappiare un uomo ricco, almeno questo è quanto accade nella maggior parte dei libri rosa. Uno dei più interessanti, che finora ho letto, è descritto proprio in questo romanzo, in cui è necessario dimenticare i party alla moda - quindi niente allegri happy hour o family brunch domenicali - e volgere la propria attenzione ai funerali. Sì, questi potrebbero sembrare deprimenti, forse anche più delle uscite organizzate alle proprie spalle dagli amici accasati! Eppure, per una donna bella e affascinante, ma ovviamente senza scrupoli, come Fleur Daxeny, non sono altro che una specie di mercato, dove aggiudicarsi un oggetto in apparente svendita – quale potrebbe essere un ricco e consolabile vedovo – e fare un ottimo investimento per le proprie finanze, dileguandosi al momento giusto! E’ questa la prassi, ma non sempre è possibile programmare tutto nei minimi dettagli, perché purtroppo ci sono sempre gli imprevisti… Madeleine Wickham, in arte Sophie Kinsella, in “La signora dei funerali”, mi è piaciuta molto più di in “I love shopping”, perché la protagonista mi ha convito e conquistato molto più dell’altra, e così anche ...

Sipario, l'ultima avventura di Poirot (Agatha Christie) 28/08/2015

Sipario, l'ultima avventura di Poirot!

Sipario, l'ultima avventura di Poirot (Agatha Christie) Possiedo quasi tutti i romanzi di Agatha Christie, da “Dieci piccoli indiani” a tutti quelli che hanno come protagonisti Miss Marple ed Hercule Poirot. Non li ho tutti perché i romanzi che non avevano come protagonista i due celebri personaggi, li ho letti, ma non mi hanno soddisfatto tanto da comprarli. Tra quelli con Hercule Poirot, l’unico di cui mi sono pentita di leggere, ma che non ho potuto evitare di acquistare perché altrimenti il suo ciclo era incompleto, è stato “Sipario, l'ultima avventura di Poirot”. Styles Court è il luogo in cui è ambientata la prima e anche ultima avventura di quello che è sempre stato, e credo che lo sarà sempre, il mio investigatore preferito. Sono trascorsi 50 anni quando Poirot vi ritorna. Il luogo non è più lo stesso. La vecchia dimora è stata trasformata in una pensione. Anche il piccolo “Belga” è molto cambiato, è malato, però vuole compiere la sua ultima grande impresa: smascherare il più grande e feroce assassino dei suoi tempi. E per fare questo, invita il suo caro e vecchio amico, il Capitano Hastings, a raggiungerlo… Ebbene, mi fermo qui, perché magari ci sono ancora molti lettori che non l’hanno letto, e svelare un giallo è quasi un delitto. Il romanzo venne pubblicato poco tempo prima che l’autrice morisse, ma in realtà venne scritto molti anni prima, solo che gli stessi editori – credo - si rifiutarono di pubblicarlo, e in un certo senso la Christie fu quasi costretta a proseguire le avventure del piccolo belga. A lei non gli ...

Effervescente naturale (Wendy Holden) 28/08/2015

Effervescente naturale - Wendy Holden

Effervescente naturale (Wendy Holden) Leggere apporta innumerevoli benefici, sia per la mente che per il corpo, anche quando si tratta di romanzi come “Effervescente naturale” di Wendy Holden! Il titolo originale è “Simply Divine”, la traduzione è di Luisa Corbetta. Jane è una giornalista. E’ simpatica, carina, e con qualche chiletto di troppo, ma definirla intelligente non mi sembra proprio il caso! Scrive per una rivista femminile, che non si occupa ovviamente di economia e finanza, ma di moda e pettegolezzi. Precisamente cura una rubrica, per conto di una ricca ereditiera, Champagne D’Vyne che, dalla descrizione, mi ricorda un mix ben riuscito tra il corpo statuario di Victoria Silvstedt, e il caratterino della bella Paris Hilton. Convive con il suo fidanzato, che qualsiasi donna con un minimo di sale in zucca, non avrebbe mai accettato, neanche regalato... e poi c’è la sua amica Tammy, aristocratica e povera… In pratica contiene tutti gli ingredienti giusti per una storia che sicuramente non brillerà per originalità, ma che è un vero spasso! E’ ovvio che un romanzo come questo non può avere altro che risvolti positivi, come stimolare la mente (perché invita noi donne a usare il cervello), riduce lo stress (in quanto fa capire quando siamo fortunate con i nostri uomini (be’, almeno io mi ritengo tale)), amplia le conoscenze (con la lettura si apprende sempre qualcosa), arricchisce il proprio vocabolario (la traduzione in italiano è discreta e varia), migliora la memoria (ricordarsi i nomi dei protagonisti e ...

Il Mondo incantato di peter coniglio 02 (Dvd) 28/08/2015

Il Mondo incantato di peter coniglio 02 - Dvd

Il Mondo incantato di peter coniglio 02 (Dvd) Le storie di Peter Coniglio, di Beatrix Potter, erano le mie preferite, quando ero bambina, e lo sono tuttora. Tant’è che - oltre ai libri che conservo gelosamente, e ad una serie di videocassette (reperti storici!) – possiedo anche la loro versione in dvd, perché piacciono molto anche ai miei figli. Loro hanno conosciuto questo simpatico personaggio, grazie alla serie animata di recente produzione in 3D, trasmessa sul canale Raiyoyo, che sebbene sia fatta molto bene, non ha niente a che vedere con le precedenti versioni, molto più vicine – per quanto riguarda la trama, i disegni e i colori – alle illustrazioni originali della Potter. Il dvd “Il Mondo incantato di peter coniglio 02” - nel mio caso - fa parte di un pacchetto multiplo di 3 dvd distinti e confezionati singolarmente - anche per quanto riguarda le cover rigide - che ho avuto occasione di acquistare in offerta a solo 19 Euro e 90 Centesimi, ma che possono essere comprati anche singolarmente. Il prodotto è distribuito da Cinehollywood. Il bellissimo dvd “Il Mondo incantato di peter coniglio 02” contiene un disco con tre episodi, che vedono come protagonista non solo il simpatico coniglio, ma anche alcuni altri piccoli e simpatici abitanti del bosco: La storia dei coniglietti Flopsy; Tom Micio e Jemina Anatra; La storia di Jonny topo di città. - La storia dei coniglietti Flopsy: i coniglietti Flopsy sono assai golosi, e a volte anche molto imprudenti, tanto che dopo una bella scorpacciata di verdure nell’orto del ...

Una boccata d'aria fresca (Katie Fforde) 27/08/2015

Una boccata d'aria fresca - Katie Fforde

Una boccata d'aria fresca (Katie Fforde) Katie Fforde è una delle poche scrittrici del genere chick lit di cui ricordo il nome, e di cui ho letto anche diversi romanzi. Le sue storie non brillano per originalità, ma le trovo ugualmente piacevoli, perfette per rilassarmi, essendo poco impegnative, e sicuramente più interessanti di ciò che trasmette la tv, soprattutto negli ultimi tempi. Tra i miei preferiti c’è “Una boccata d’aria fresca”, titolo originale “Restoring Grace”, tradotto dalla brava Sara Caraffini, acquistato alla bancarella dei libri usati, e quindi pagato solo 3 Euro anziché di 9 Euro e 90 Centesimi! Grace è una giovane donna, dal carattere mite e riflessivo, che dopo due anni, ancora non è riuscita a vincere il dolore dell’abbandono da parte di suo marito. Vive in una antica villa, Luckenham House, nella campagna inglese, ereditata da sua zia. Sia la sorella che il fratello, Allegra e Nicholas, vorrebbero che lei la vendesse, così da potere dividerne il ricavato. Questa forse sarebbe la soluzione più logica, poiché la casa è grande, ed ha bisogno di essere restaurata, ma a Grace non piace l’idea, perché la considera come il suo rifugio. Ellie è una giovane pittrice, e al contrario dell’altra, è una ragazza energica e solare. Aspetta un bambino, da un uomo che invece non è contento di diventare padre. A lei però non interessa, e decide di proseguire con la gravidanza, e di crescere il figlio da sola. E’ ovvio che le due donne diventano amiche da subito, entrambe hanno bisogno l’una dell’altra, per ...

Le vie delle signore sono infinite (Alessandra Appiano) 27/08/2015

Le vie delle signore sono infinite - Alessandra Appiano

Le vie delle signore sono infinite (Alessandra Appiano) Alessandra Appiano… non so perché, ma quando penso a lei, mi viene in mente la più matura Barbara Alberti (sono del 1973, quando avevo 20 anni, per me era quasi un mito, leggevo sempre la sua posta su Amica). Forse, dipende dal fatto che anche lei cura una rubrica, settimanale (per tantissimi anni, Amica è stato un periodico settimanale, solo adesso è mensile) su Donna Moderna. In ogni caso, lo confesso, al momento “Le vie delle signore sono infinite” è l’unico suo romanzo che ho letto, e salvo che non mi debba ricredere, mi fermo qui. Erminia, Mara, Veronica, Federica… quattro donne, molto diverse tra loro, ognuna con la sua storia, il suo bagaglio – più o meno ingombrante – e la voglia di riscatto, senza perdersi d’animo di fronte all’inevitabile scorrere del tempo. Destini che casualmente si incrociano, e che lasciano un po’ l’amaro in bocca, soprattutto quando si pensa alla tragicomica frase/citazione ad effetto “Dietro liceo, davanti… museo”. E’ una lettura semplice, molto scorrevole, per certi versi anche abbastanza originale, eppure non è riuscita a coinvolgermi e a convincermi fino in fondo. “Le vie delle signore sono infinite” ovvero come le donne possono essere sincere, allegre, cattive, disperate, amiche fidate, e tant’altro ancora. Non è il classico romanzo rosa, non rientra a pieno titolo nel genere chick lit, ma non ne è del tutto estraneo, anche quando si parla di uomini… Restano divertenti però, anzi direi esilaranti all’invero simile, alcune descrizioni ...

Amore, zucchero e cannella (Amy Bratley) 27/08/2015

Amore, zucchero e cannella - Amy Bratley

Amore, zucchero e cannella (Amy Bratley) Mi piace pensare, e credere, che viviamo in un epoca letteraria democratica. Buona parte di tutto quello che oggi viene mandato in stampa, o semplicemente pubblicato on line, sarebbe andato sicuramente perso nei secoli scorsi (in alcuni casi, forse sarebbe stato un bene per l’umanità). Un romanzo come “Amore, zucchero e cannella” di Amy Bratley, ai primi posti delle classifiche europee – come viene esplicitamente dichiarato nella sua fascetta – è probabile che, nei migliori dei casi, sarebbe rimasto nel cassetto segreto dell’autrice, mentre ipotizzando il peggio, non sarebbe mai stato scritto; o se spudoratamente presentato a qualsiasi casa editrice: rifiutato; con la conseguenza tragica che la scrittrice - non superando il terribile shock - lo avrebbe bruciato nel caminetto della sua stanza, o nella stufa della cucina… e addio all’attuale “Best Seller ai primi posti delle classifiche Europee” (non oso immaginare cosa ci sia stato, o ci sia, al primo posto!). “C’è un solo rimedio per alleviare le pene d’amore: i buoni, vecchi consigli della nonna”: non penso che faccia al caso mio, entrambe le mie nonne, da brave romagnole, non erano poi così tanto dolci, mi basta pensare a come erano brave a usare il “mattarello”..; “Che cos’è la felicità? Una casa, con dentro le persone che ami”: pienamente d’accordo, ma escludendo i figli, agli altri, è sempre opportuno chiedere delle credenziali, e ovviamente verificarle… Detto questo, posso cominciare la mia vera recensione sul ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra