Condividi questa pagina su

oro Status oro (Livello 9/10)

fabgirl

fabgirl

Autori che si fidano di me: 504 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

"Esperienza" è il nome che tutti danno ai propri errori. Oscar Wilde

Opinioni scritte

dal 16/03/2006

1527

Terrine (Stéphane Reynaud) 04/02/2016

Terrine - Stéphane Reynaud

Terrine (Stéphane Reynaud) Le terrine sono la specialità di mia madre, anche se – negli ultimi tempi – le mie le fanno dura concorrenza, e questo lo dice mio padre, che agli occhi miei è il miglior giudice! Che siano di carne o di pesce, verdure o di formaggi, per me sono una vera ghiottoneria, che mi diverto a preparare tutto l’anno, anche se il periodo migliore per gustarle è il freddo inverno, ma a dire la verità, sono deliziose anche fredde, e soprattutto pratiche da portare come pranzo al sacco in montagna! Ho imparato a cucinarle soprattutto osservando e mangiando quelle di mia madre, e prima ancora quelle di mia nonna, però non nego che spesso e volentieri, prendo spunto da libri come “Terrine” di Stéphane Reynaud, un magnifico libro a tema, che tratta anche gli squisiti pâté, di cui sono altrettanto ghiotta! “Terrine” di Stéphane Reynaud è uno di quei libri che solo in apparenza si presenta semplice, ma non lo è poi così tanto, e non perché le ricette siano complicate, o perché a base di ingredienti difficili da trovare, ma perché la riuscita di una terrina, o di un pâté, dipende tantissimo dalla scelta della carne, o del pesce, o delle verdure, o dei formaggi, che devono tutti essere di primissima scelta, e non mi riferisco al taglio, perché una parte meno nobile darà grandissimi risultati se la si saprà trattare. Io scelgo solo carni nostrane, che siano anche di origine italiana, e non solo allevate in loco, evito quelle d’importazione, perché è vero che costano poco, ma spesso valgono ...

Pic nic e pranzi all'aperto 04/02/2016

I libri di Cucina Naturale: Pic nic e pranzi all'aperto

Pic nic e pranzi all'aperto Cucina Naturale è una delle mie riviste preferite a cui sono abbonata. E’ fatta molto bene, per chi ha voglia di provare e creare piatti sempre nuovi. E altrettanto interessanti sono anche i suoi libricini, che spesso si trovano in edicola abbinati alla rivista, oppure venduti singolarmente, come “Picnic e pranzi all’aperto”, a cura di Daniela Garavini, pubblicato da Tecniche Nuove, prezzo di copertina 9 Euro e 90 Centesimi. E’ ancora presto per parlare di picnic e pranzi all’aperto, specialmente oggi che sul “mio” Carpegna ha nevicato! Il libro però, l’ho tirato lo stesso giù dallo scaffale, perché sono in cerca di nuove idee per i prossimi menù che proporrò ai miei ospiti, e che indubbiamente non mancherò di pubblicare sul mio sito. L’ho aperto a caso, ed ecco - neanche a farlo apposta - è saltata fuori una delle ricette più gettonate della scorsa estate, il “Tortino di quinoa con caponata alla curcuma”… sfoglio un po’, et voilà! “La teglia di ortaggi ai tre ripieni”, e le “Zucchine tonde ripiene con tofu e mandorle”… buonissime! “Picnic e pranzi all’aperto” è un libricino di poco più 100 pagine, ma racchiude un piccolo tesoro, soprattutto per chi ama frutta e verdura quanto me, e ha voglia di “giocare” a creare nuovi piatti colorati, e sorprendenti combinazioni. E’ strutturato in modo molto semplice, così da potere essere consultato facilmente, e le sue piccole dimensioni permettono di tenerlo in borsa, e portarlo con se, magari da sfogliare mentre si fa la coda alla ...

Vegan street food (Eduardo Ferrante, Valerio Costanzia) 04/02/2016

Vegan street food - Eduardo Ferrante, Valerio Costanzia

Vegan street food (Eduardo Ferrante, Valerio Costanzia) Il cibo di strada, o se si preferisce Street Food, perché fa più “fico”, negli ultimi tempi sta tonando di gran moda, e purtroppo questo non significa che sia a vantaggio della qualità, della salute, e del rispetto per l’ambiente. Se ne parla molto bene, come un qualcosa da (ri)scoprire e (ri)valorizzare assolutamente. Be’ , io ci vado molto cauta, e preferisco che sia così anche per i miei figli, in quanto quello che vedo proposto in questi nuovi locali di tendenza, non sempre è di qualità, soprattutto quando i prezzi sono stranamente bassi. Questo però, non significa che io resti indifferente alle loro proposte, tant’è che mi capita spesso di studiare i loro menù, per poi ricreare quei piatti a casa, ma con gli ingredienti da me scelti con cura. E per poterlo fare nei migliori dei modi, mi avvalgo ovviamente dei miei preziosi libri di cucina, come “Vegan street food” di Eduardo Ferrante e Valerio Costanzia, con l’introduzione di Yari Prete, Macro Edizioni, della collana L’arte di cucinare, prezzo di copertina 15 Euro e 60 centesimi. La prima cosa che tengo a dire, è che (purtroppo) a me piace la carne, quindi non sono né vegana e né vegetariana, ma reducetariana, e così siamo tutti in famiglia. Tutti gli ingredienti che uso nella mia cucina provengono però da allevamenti non intensivi e coltivazioni bio, possibilmente a km zero. Mangiamo davvero pochissima carne, mentre frutta e verdura tantissima. Da qui anche l’esigenza di cercare sempre nuovi spunti per renderle ancora ...

Cervello splendente (Franck Senninger) 03/02/2016

Cervello splendente - Franck Senninger

Cervello splendente (Franck Senninger) Ho acquistato “Cervello splendente” di Franck Senninger, dopo che ho letto “Still Alice. Perdersi. Senza ricordi non c'è presente” di Lisa Genova, di cui forse, è molto più conosciuto l’omonino film, con la bravissima Julianne Moore – che per il ruolo di Alice, si è portata a casa l’oscar come migliore attrice protagonista -, Kristen Stewart, Alec Baldwin, Kate Bosworth, e Hunter Parrish, solo per citarne alcuni. Ricordo di essere rimasta così sconvolta dalla storia che, dopo avere versato litri e litri di lacrime, volevo conoscere un po’ di più il mio cervello, senza però entrare negli oscuri dettagli, a quali hanno libero accesso solo i neuro chirurghi e similari! Leggere “Cervello splendente” di Franck Senninger mi ha aiutato – indubbiamente – a capire un po’ di più questo nostro preziosissimo organo, e soprattutto a ricordarmi che senza, non sarei altro che un guscio vuoto. E’ un libricino scorrevole, neanche 100 pagine, scritte in un linguaggio moderno, ma soprattutto semplice, così da potere essere facilmente compreso anche da chi – come me – non ha un dottorato in medicina. E’ diviso in piccoli capitoli: Il cervello umano, L’evoluzione del cervello, I 3 cervelli, Dall’organo alla cellula, Dalla cellula all’intelligenza, Le sostanze che agiscono sul cervello, i nemici del cervello, Alimentare meglio il cervello, Macronutrienti e micronutrienti, Alimenti che incentivano le principali funzioni cerebrali, Il menù del cervello, Combinare correttamente i pasti, e Per ...

Slow walk. Il manuale del camminare lento (Alessandro Vergari) 03/02/2016

Slow walk. Il manuale del camminare lento - Alessandro Vergari

Slow walk. Il manuale del camminare lento (Alessandro Vergari) Ho cominciato a praticare il così detto – oggi tanto modaiolo – walking nel 2000. Volevo vivere delle piccole avventure nella natura, ma senza allontanarmi troppo da casa, e soprattutto – essendo io una gran fifona – non volevo incontrare delle bestie feroci. Quindi, niente deserto, savana, jungla… i tranquilli e bellissimi appennini vicino casa mia erano – e sono tut’ora – l’ideale! Ho cominciato con i gruppi del CAI, però questi erano un po’ troppo rumorosi per me, non volevo incontrare le bestie feroci, ma ammirare caprioli, cervi, tassi, volpi, e perchè no? anche lupacchiotti e cinghiali visti da una certa distanza di sicurezza… questo sì! Allora io e mio marito, abbiamo cominciato ad avventurarci da soli, munendoci di cartine sentieristiche, bussole, binocoli, e zaini termici, soprattutto questi, perché ho l’abitudine di non saltare mai nessun pasto, e un calice di vino, di quello buono, per me è d’obbligo, soprattutto quando ho di fronte una vista panoramica mozzafiato! Prima ancora però, mi sono voluta documentare su questa attività, e tra i tanti manuali che ho letto all’epoca, c’è anche “Slow walk. Il manuale del camminare lento” di Alessandro Vergari, dimostratosi molto più utile di quanto potessi immaginare. L’ho pagato, stando a quanto riportato sulla copertina, 7 Eruo e 90 Centesimi, ma posso assicurare che li è valsi tutti! “Slow walk. Il manuale del camminare lento” di Alessandro Vergari è un vero e proprio corso, contiene tutte quelle informazioni che magari ...

Baccalà! (Giovanni De Biasio, Nicolas Lemonnier) 03/02/2016

Baccalà! di Giovanni De Biasio, foto Nicolas Lemonnier

Baccalà! (Giovanni De Biasio, Nicolas Lemonnier) “Se fossi, se avessi e se potessi, erano tre fessi che giravano per il mondo” un pensiero davvero originale – purtroppo non mio, ma del grande artista Totò - che tutte le volte che mi viene in mente, mi rimanda al “Baccalà”, il bellissimo libro di Giovanni De Biasio, arricchito dalle splendide fotografie di Nicolas Lemonnier! Perché la celebre frase di Totò mi rimanda a questa originale raccolta di ricette? Ebbene, mi vergogno un po’ a dirlo, ma se devo dare del fesso a qualcuno, preferisco elogiarlo come baccalà! Questo, per me, in cucina – fino a qualche tempo fa - rappresentava un ingrediente un po’ anonimo, a cui per dargli una certa personalità, bisognava che lo lavorassi un po’, e mi riferisco sia al baccalà che allo stoccafisso, stesso pesce (merluzzo, ma anche nasello, o comunque pesce azzurro), in modalità diversa! E ciò che mi sembrava un “difetto”, in realtà si è trasformato in uno dei migliori pregi, perché oggi diventa materia perfetta per la mia creatività in cucina! Baccalà: Lusitania, In forno, Al cartoccio, Piatti freddi, I semplici, I sofisticati, Facciamolo strano, Internazionali, Dulcis In fundo! Sono tutti i gli accattivanti titoli, delle diverse sezioni dell’omonimo libro, dedicate a questo – che oggi definisco, quasi con orgoglio - “eclettico” ingrediente! Dalle ricette più tradizionali a quelle meno convenzionali, da quelle definite classiche per eccellenza, a quelle più eleganti, sono i mille volti di un ingrediente che spesso viene “snobbato”, ma ...

Sale e pepe (Jody Vassallo) 03/02/2016

Sale e pepe - Jody Vassallo

Sale e pepe (Jody Vassallo) Mi piacciono molto i libri di cucina di Jody Vassallo. Vorrei somigliarle almeno un po’, è capace di trasmettermi tutta la sua passione sia per i viaggi, che per la cucina stessa. Ogni suo libro è una specie di avventura, una continua (ri)scoperta di ingredienti vecchi e nuovi, che riesce sempre a sorprendermi. E’ una delle mie migliori fonti d’ispirazione, perché come diceva il grande Jim Jarmusch, “…Scegli di rubare solo dalle cose che parlano direttamente all’anima. Così facendo, l’opera (e il furto) risulterà autentica”. “Sale & Pepe”, da non confondere con la nota rivista italiana di cucina, è uno dei migliori lavori che Jody Vassallo ha pubblicato finora, grazie anche alle bellissime foto di Deirdre Rooney. In Italia è distribuito da una delle migliori case editrice del settore, Guido Tommasi Editore. Il prezzo di copertina è di 24 Euro, ma posso assicurare che si tratta di un ottimo investimento, perché si sente parlare - spesso e volentieri - sia del sale che del pepe. Il primo – il più delle volte, in modo anche abusivo - viene indicato come una sorta di veleno, mentre per il secondo, capita di doversi destreggiare tra i tanti “Vero & Falso” che circolano in rete! Il sale fa male se si si superano le soglie consigliate dagli specialisti, cosa assai facile, se la dieta si basa soprattutto sui preparati industriali. Il pepe, indicato come un “portentoso acceleratore del metabolismo”, ha le sue pericolose controindicazioni, se si usa oltre il limite consigliato. ...

La felicità è servita (Trish Deseine) 03/02/2016

La felicità è servita - Trish Deseine

La felicità è servita (Trish Deseine) “La Felicità è servita”, di Trish Deseine, con le splendide fotografie di Sylvain Thomas, raccoglie oltre 100 ricette. Non è la solita cucina francese, o anglosassone, o asiatica, o mediterranea, perché è una loro libera reinterpretazione. E’ un libro di cui mi sono innamorata prima ancora di leggerlo e studiarlo, il suo titolo è stato determinante, così la copertina, e ovviamente anche l’autrice, una mia vecchia conoscenza (per modo di dire, perché non ho mai avuto il piacere di conoscerla di persona), di cui possiedo altre opere, altrettanto interessanti, seppure questo è il mio preferito. Trish Deseine è l’esempio di come si possa cucinare, senza stress. Tantissimi suggerimenti, tante piccole confidenze, come quando ci si scambia piccoli segreti tra amiche. Simpatici e divertenti i suoi aneddoti sul prosciutto, o sulla carne, ma quello che più mi ha colpito, è la semplicità della sua stesura. “La Felicità è servita”, si gusta anche solo sfogliandolo… gli aperitivi, la famiglia, l’ora del tè, gli avanzi, i contorni facili, i dessert facili, e le conserve… cotture semplici, tantissime ricette, deliziose, invitanti, appaganti, da preparare senza fretta, e da gustare in compagnia. Gli aperitivi che possono aspettare, come le “Chips di mela al limone verde”, o le “Tartine di Tete de moine con pomodori sott’olio”. I week-end in famiglia per le “Guance di manzo alla bourguignonne”, o il “Cosciotto al cucchiaio o cosciotto in sette ore”. L’ora del tè, per gustare i “Quattro ...

Verdure di primavera 02/02/2016

Verdure di primavera

Verdure di primavera E’ un po’ presto per parlare di primavera, quando siamo solo ai primi di febbraio! Poco importa, a me piace giocare d’anticipo, così curiosando tra la mia vasta collezione di libri culinari, mi sono soffermata su uno dedicato completamente alle “Verdure di Primavera”, titolato proprio così! Sì, perché sono in cerca di nuove idee, per creare dei nuovi piatti da proporre molto presto ai miei ospiti, e che ovviamente non mancherò di pubblicare. E anch’io, come i “grandi artisti” copio, per poi rielaborare in modo creativo, perché citando William Ralph Inge: “Cos’è l’originalità? Plagio non svelato”. “Verdure di Primavera” fa parte della serie “I colori della cucina – Alice Cucina”, SITCOM EDITORE. La mia copia è stata finita di stampare nel marzo del 2011, e stando a quanto riportato sulla copertina, l’ho pagata 9 Euro e 90 Centesimi. E’ un libricino di circa 100 pagine, riccamente illustrato, con ben 39 ricette, una più buona dell’altra! Anche questo, come la maggior parte dei libri di Alice Cucina, presenta l’interessantissimo indice iconografico – come piace a me chiamarlo – in cui i titoli delle ricette sono posti sotto a delle piccole foto, che sarebbero le riproduzioni in miniatura di quelle originali, e che permettono in un attimo di decidere quale ricetta si è interessati a realizzare. Segue una piccola sezione, “I protagonisti”, dedicata ad asparagi, fave, e piselli, per poi passare alle ricette, suddivise in 4 capitoli: Antipasti, Primi, Secondi, e Contorni. Ogni ...

Ciao.it 02/02/2016

Lettera aperta a Ciao.it

Ciao.it Gentilissimo staff di Ciao.it, la mia è una lettera aperta a tutti, che ho voluto scrivere, perché questo sito mi piace molto. Per me, voi rappresentate una piattaforma di gioco, dove – seppure sono pochi – i centesimi che guadagno, rappresentano un piccolo traguardo, come i punti che accumulo facendo la spesa al supermercato, e che per me hanno valore più di qualsiasi altro sconto! Cerco di non farmi coinvolgere dalle polemiche dei vari ciaonini di turno, le trovo noiose, e a me piacciono le cose divertenti! Tutti hanno delle cose intelligenti da dichiarare, e tutti hanno degli ottimi suggerimenti da dare, peccato però che mi ricordano tanto quelli che circondarono la donna adultera per lapidarla, e quando furono esortati a scagliare la prima pietra - purchè fossero senza peccato – si dileguarono con la coda tra le gambe (be’, il passo citato ovviamente non è opera mia, è nel vangelo, e non so quale; perché (purtroppo) sono una cristiana poco praticante, e molto a modo mio, ovviamente senza alcuna allusione im(es)plicita alla macchina da caffè Lavazza “A modo Mio”!). Comunque, poiché tutti avanzano delle proposte, e ascoltare - in questo caso leggere - non costa niente, vorrei provare anch’io a dare dei piccoli suggerimenti, che sarò felicissima se verranno accolti, e altrettanto se non lo saranno: 1 - Ridurre le attuali votazioni (ne sono troppe) in utile e inutile; 2 – Fissare dei limiti alla lunghezza delle opinioni, perché non è possibile leggere una recensione ...

Sfoglia frolla e brisée 28/01/2016

Sfoglia frolla e brisée

Sfoglia frolla e brisée La mia passione per la cucina, per il cibo sano, e per il mangiare bene, sono le ragioni per cui in casa ho una fornitissima biblioteca culinaria, ricca e variegata, che comprende preziosi volumi da collezione, ma anche semplici quaderni, acquistati in edicola, come “Sfoglia Frolla e Brisée”, della serie “I colori della cucina – Alice Cucina”, SITCOM EDITORE, prezzo di copertina 9 Euro e 90 Centesimi. “Sfoglia Frolla e Brisée” è un piccolo libro finito di stampare nell’aprile del 2012. E’ “piccolo” perché è grande quasi quanto un quaderno, però il suo contenuto è assolutamente “grande”. Sono circa 100 pagine, in cui vengono illustrate, passo passo, 38 squisite ricette. Alcune sono semplicissime da realizzare, altre forse sono un po’ più impegnative, ma i risultati non deludono mai, anche l’ospite più noioso! E’ molto facile da consultare, si presenta diviso in 7 sezioni: A colpo d’occhio, Piccoli trucchi, Le tre basi (e non solo), Così per iniziare, Torte e quiches salate, Dolci e crostate, Piccole delizie. “A colpo d’occhio” è una specie di indice iconografico, che permette in un attimo di vedere il suo ricco contenuto, così da potere scegliere più rapidamente la ricetta che interessa. In “Piccoli trucchi” sono svelati alcuni piccoli accorgimenti per Stendere la pasta, In caso di rottura, Per imburrare, Rifilare la pasta, e Un po’ di riposo non guasta. Quindi seguono le tre ricette base per preparare la pasta sfoglia, la frolla, e la Brisée. Seguono quindi le ricette vere ...

Insalate tradizionali, moderne, creative 28/01/2016

Insalate tradizionali, moderne, creative

Insalate tradizionali, moderne, creative Nell’immaginario collettivo, solitamente, quando si parla di insalata, in automatico si pensa ad un piatto o ad una ciotola, con delle “foglie verdi, condite con sale, olio, aceto, e forse qualche altra spezia”… che tristezza! Spesso viene relegata come contorno rapido, ed economico, quando non si ha voglia di stare ai fornelli, oppure come piatto da consumare durante quelle diete assurde, che promettono di far perdere peso in poco tempo! Niente di più sbagliato, almeno a casa mia, dove siamo abituati – grandi e piccini – a mangiarne tutti i giorni, sia in estate che in inverno, utilizzando soprattutto gli ingredienti di stagione, e possibilmente a chilometro zero. E’ ovvio quindi, che nella mia ricca biblioteca culinaria, non poteva assolutamente mancare un libro come “Insalate tradizionali, moderne, creative”, un’incredibile raccolta di Andy Harris per Gourmet Traveller, con le bellissime foto di Brett Stevens, pubblicato in Italia da Luxury Books, con il prezzo di copertina di 25 Euro. “Insalate tradizionali, moderne, creative” appartiene a quella categoria di libri che si gusta già solo guardando le splendide foto, prima ancora di passare all’opera, leggendo e studiando l’elenco degli ingredienti, le varie fasi di preparazione, fino al momento della vera e propria degustazione nel piatto. E’ un volume di poco più di 190 pagine, di cui sono rimasta piacevolmente colpita già solo leggendo l’introduzione di Andy Harris, un tempo noto direttore dell’Australian Gourmet ...

Curare i reni. Così elimini cistite, calcoli e acidi urici 28/01/2016

Curare i reni. Così elimini cistite, calcoli e acidi urici

Curare i reni. Così elimini cistite, calcoli e acidi urici Io credo molto nella prevenzione. Per me rappresenta lo strumento migliore per restare sani e in forma, e perfino il portafogli ne gioisce. Per questo mi piace essere informata, e investo molto nell’acquisto di libri e riviste che mi tengono aggiornata su questo argomento così affascinante, e poiché non sono un medico, cerco quelle letture adatte a me, come le riviste e i manuali Edizioni Riza. Cosa c’entra tutto questo con il libro “Curare i reni. Così elimini cistite, calcoli e acidi urici”? Direi molto, perché in questi giorni, almeno dalle mie parti, le temperature si sono alzate. Sono diverse mattine che – ho la (s)fortuna di vivere in campagna, nella provincia del riminese, verso il lato delle Marche – gli uccellini cantano allegri nel mio giardino, e seppure alla fine dell’inverno manca ancora molto, il mio corpo mi manda dei chiari segnali che vuole essere disintossicato, alleggerito, e io cerco di assecondarlo. Come? Semplice, depurando in modo naturale quelli che sono i nostri principali filtri, ovvero i Reni! “Curare i reni. Così elimini cistite, calcoli e acidi urici” Edizioni Riza, l’ho acquistato in edicola, diverso tempo fa, ricordo di averlo pagato 8 Euro e 70 Centesimi. L’argomento è trattato in 5 capitoli: 1-L’apparato urinario: funzioni principali e disturbi frequenti; 2-L’analisi psicosomatica; 3-Le regole pratiche per proteggersi; 4-La guida naturale per curare reni e vescica; 5-L’alimentazione depurativa. In pratica si parla dell’anatomia e delle ...

I Miei Amici Tigro E Pooh - Il Mondo Intorno A Noi (Dvd) 28/01/2016

I Miei Amici Tigro E Pooh - Il Mondo Intorno A Noi - Dvd

I Miei Amici Tigro E Pooh - Il Mondo Intorno A Noi (Dvd) Ho acquistato il dvd “I Miei Amici Tigro E Pooh - Il Mondo Intorno A Noi” per i miei figli, alcuni anni fa. Contiene gli episodi della serie animata “I miei amici Tigro e Pooh”, realizzata al computer. I protagonisti sono il goloso orsetto di pezza Pooh, l’originale tigre saltellante Tigro, il timido maialino rosa Pimpi, e due nuovi e simpatici personaggi: la bimba Darby e il suo cane Buster. A loro fianco ci sono ovviamente anche il coniglio Tappo, l’asinello Ih-Oh, Mamma canguro Kanga e il suo piccolo Ro, l’elefante Effy, e il gufo Uffa, a cui si aggiungono – di volta in volta - nuovi amici, così da rendere ancora più divertente ogni loro avventura nel Bosco dei Cento Acri. Il dvd “I Miei Amici Tigro E Pooh - Il Mondo Intorno A Noi” fa parte della collana Prescolare Walt Disney, studiata per divertire e intrattenere, in modo costruttivo, i bambini dell’asilo, e delle prime classi delle elementari. I dialoghi sono molto semplici. I personaggi si muovono e parlano come se fossero consapevoli della presenza dei bambini, e li invitano a giocare, cantare, e a risolvere piccoli rebus, assieme a loro. Ai miei figli piaceva molto, e continuano tuttora a guardarlo, solo in modo diverso, perché adesso lo utilizzano per studiare l’inglese, una lingua che a loro piace tantissimo! Sì, perchè l’audio, oltre che in italiano, è inglese, tedesco, ceco, ungherese, e turco. Mentre i sottotitoli sono disponibili in italiano, inglese, inglese per non udenti, tedesco, ceco, ungherese, turco, ...

Il Mondo Incantato Di Peter Coniglio 02 (Dvd+Booklet) 22/01/2016

Il Mondo Incantato Di Peter Coniglio 02 -Dvd+Booklet

Il Mondo Incantato Di Peter Coniglio 02 (Dvd+Booklet) L’inglese Beatrix Potter era - in realtà lo è tuttora seppure sia scomparsa da moltissimi anni ( nata a Londra il 28 luglio 1866 – morta a Sawrey il 22 dicembre 1943) - una delle mie autrici, e illustratrici, preferite. Il suo meraviglioso mondo mi ha sempre incantato. Tutt’ora conservo gelosamente i suoi libri illustrati, e possiedo perfino la loro versione in vhs. E’ ovvio quindi, che nel momento in cui ho trovato i relativi dvd, li ho acquistati, perché anche i miei figli potessero scoprirla e amarla quanto me. Peter Coniglio è sicuramente il personaggio più famoso, creato dalla Potter, ed è anche il più amato dai miei figli, che hanno potuto conoscerlo grazie alla serie animata prodotta al computer, e trasmessa sul canale Raiyoyo. Questa versione, seppure molto bella, non ha nulla a che vedere con gli episodi contenuti nei tre dvd “Il Mondo Incantato Di Peter Coniglio”, che ho avuto modo di acquistare, e che hanno letteralmente conquistato anche le mie due “bestioline”. Il dvd “Il Mondo incantato di Peter Coniglio 02 + Booklet” è possibile acquistarlo - come ho fatto io - assieme agli altri 2 dvd confezionati singolarmente, in un interessante e conveniente pacchetto multiplo, che ricordo di avere pagato - perchè in offerta - solo 19 Euro e 90 Centesimi. Contiene un piccolo opuscolo sul mondo incantato di Beatrix Potter, e un disco, in versione standard, in quanto non è in alta definizione, blu-ray, e né tanto meno in 3D! Il suo menù è semplicissimo, permette di ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra