Condividi questa pagina su

oro Status oro (Livello 9/10)

fabgirl

fabgirl

Autori che si fidano di me: 613 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

“Il senso della vita, beh, non è niente di speciale… siate gentili con il prossimo, leggete un buon libro, fate passeggiate e cercate di vivere in pace e armonia con gente di ogni fede o nazione.”...Monty Python

Opinioni scritte

dal 16/03/2006

1907

L'arte di far accadere le cose. Come creare la realtà che hai sempre desiderato (Mike Dooley) 18/10/2017

I sogni son desideri di felicità…"Infinite Possibilities"!

L'arte di far accadere le cose. Come creare la realtà che hai sempre desiderato (Mike Dooley) I libri possono essere tra i migliori insegnanti della vita, anche se è ovvio che da soli non bastano. Questo è il pensiero che sintetizza il perché mi piace arricchire e aggiornare di continuo sia la mia biblioteca cartacea che quella digitale, anche se non sono una life coach, e né tanto meno mi definisco un’amabile filosofa. “L’arte di fare accadere le cose. Come creare la realtà che hai sempre desiderato” di Mike Dooley, Eitore Sperling & Kupfer, è una di quelle opere da cui ho imparato, davvero molto. L’ho acquistato molti anni fa, ma continua ad essere attuale, efficace, tanto che lo rileggo sempre molto volentieri, soprattutto nei periodi in cui mi sento un po’ persa, quando perdo di vista le mie vere priorità, o mi allontano da quelli che io considero i miei obbiettivi. E’ vero, si tratta di un libro, non è un Life Coach in carne ed ossa, però aiuta ugualmente, e cosa importante, ci rende protagonisti attivi della nostra vita. Le parole, i pensieri che esprime, diventano i nostri. “L’arte di fare accadere le cose. Come creare la realtà che hai sempre desiderato” di Mike Dooley ha subito catturato la mia attenzione, nel momento stesso in cui ho letto il titolo, e coincidenza strana in quel periodo, era mia intenzione realizzare un progetto che avevo accantonato da diverso tempo. Mi sentivo pronta, eppure non spronata a sufficienza, non da altri ma da me stessa. Essendo curiosa per natura, l’acquisto da parte mia è stato quindi inevitabile, così come leggerlo, ...

Antiaging con gusto (Chiara Manzi) 17/10/2017

Antiaging con gusto...

Antiaging con gusto (Chiara Manzi) N.B. Antiaging con gusto: A scuola di cucina per restare giovani - Con le ricette dei grandi chef, è il titolo completo. Tengo a precisarlo, perché potrebbe essere confuso con un’opera simile della stessa autrice. “L’uomo passa la prima metà della sua vita a rovinarsi la salute e la seconda metà alla ricerca di guarire” è una citazione attribuita al grande Leonardo da Vinci, mentre George Bernard Shaw dichiarava che “Le cose buone della vita sono illegali, immorali o fanno ingrassare”. Entrambe le citazioni le ho prese da “Antiaging con gusto” di Chiara Manzi, edito da Sperling & Kupfer, con la prefazione di Luca Montersino, chef e maestro pasticciere, e la presentazione del Prof. Michele Rubbini, Università di Ferrara. Ho volutamente riportato le due citazioni perché io credo nella cucina salutista, e questo mi porta a sperimentare di continuo, per cui – curiosa come sono – non ho saputo resistere, e ho aggiunto anche questo titolo alla mia biblioteca digitale. “Antiaging con gusto” di Chiara Manzi la considero un’opera ben fatta, ma subito aggiungo anche che non dice niente di nuovo: la maggior parte delle informazioni che “sciorina” in realtà sono ormai note, perché divulgate già in precedenza da altri illustri, solo che quest’ultimi – chiedo scusa per la brutale franchezza – non hanno saputo vendere altrettanto bene la loro mercanzia! In apertura ho trovato abbastanza interessante la prefazione di Luca Montersino, noto pasticcere, collaboratore attivo – da quello che ...

Digiuno: istruzioni per l'uso (Gisbert Bolling) 16/10/2017

Digiuno: istruzioni per l'uso…

Digiuno: istruzioni per l'uso (Gisbert Bolling) Ho letto che per vivere bene e in salute è importante fare 5/6 pasti al giorno: colazione, pranzo, cena, e 2/3 spuntini… Possiedo molti libri in cui si afferma che la colazione è il pasto più importante della giornata, se si salta si rischia di ingrassare… E ancora: la dieta vegetariana e quella vegana aiutano a vivere meglio e più a lungo… mangiare proteine (soprattutto carne bianca) e grassi buoni (quelli del pesce) permettono di non avere problemi di peso, di colesterolo e diabete… la dieta migliore è quella che si basa sul cibo crudo, perché il calore distrugge le sue proprietà vitali… l’uomo per natura nasce fruttaiolo… geneticamente siamo programmati per consumare un solo pasto al giorno (i nostri antenati mangiavano ad intervalli irregolari, perché procurarsi il cibo non era cosa facile)… e potrei continuare così per moltissimo ancora! La verità, o meglio la mia filosofia di dieta, che al momento mi permette di non avere problemi di peso e di salute? Sono sempre in movimento, mi dedico con piacere alle persone e alle cose che amo, passo molto tempo all’aria, mi rigenero nella natura, e mangio tutto, senza eccedere nelle porzioni… ci sono dei giorni in cui faccio 5/6 piccoli pasti regolari, e altri che invece mi capita di fare a meno della colazione o della cena! In pratica seguo il mio naturale istinto! La mia curiosità invece mi porta a leggere tutto, e così – poiché negli ultimi tempi si sente tanto parlare di digiuno – ho arricchito la mia libreria digitale di un ...

Risotti per un anno 13/10/2017

Risotti per un anno... o quasi!

Risotti per un anno Il risotto, come già in più occasioni mi è capitato di ribadire, per me è una cosa seria, di cui sono molto golosa, tanto da cucinarlo almeno una volta a settimana. Mi ritengo una vera esperta in materia. Lo preparo sempre in modo diverso, mi piace sperimentare, mettermi alla prova e, perché no? anche stupire piacevolmente i miei ospiti, con accostamenti che potrebbero sembrare quasi azzardati, ma che alla fine soddisfano anche i palati più difficili. Le mie ricette però non sono al 100% farina del mio sacco, ma spesso sono la mia personale rivisitazione di quelle che ho letto e studiato sui miei libri di cucina, come “Risotti per un anno”, Autori vari, Editore Tecniche Nuove, di cui possiedo una copia digitale per il Kindle e i dispositivi vari che lo supportano. “Risotti per un anno” è il ricettario perfetto per chi come me cerca ricette semplici da realizzare a casa, i cui ingredienti non siano difficili da trovare sul mercato, e che soprattutto riescano sì a gratificare il palato, ma senza danneggiare il portafoglio e la salute! E’ ovvio che chi come me non ha problemi di salute e di peso, le può tranquillamente provare tutte. Devono invece prestare attenzione coloro che hanno delle problematiche diverse, come nel caso di colesterolemia o di diabete. Introduzione, Le ricette, Primavera, Estate, Autunno, Inverno, Tutto l’anno, Indice delle ricette: questi sono i titoli delle diverse sezioni del libro. L’introduzione è a cura di Venetia Villani, attuale direttore del ...

Brodo (Vicki Edgson, Heather Thomas) 12/10/2017

Brodo - Vicki Edgson e Heather Thomas

Brodo (Vicki Edgson, Heather Thomas) Il brodo… è il mio comfort food per eccellenza: una tazza di brodo caldo per scaldarsi durante le fredde giornate invernali, o quanto si è raffreddati, oppure per rendere speciali zuppe (calde e fredde), risotti, stufati… Chi si accontenta dei suoi surrogati, preparati con gelatine, polverine, o dadi, o si orienta verso i brodi pronti in brik, molto probabilmente non ha mai avuto l’occasione o la possibilità di assaporarne uno vero! Io mi sono voluta un po’ specializzare nel farlo, perché spesso è la base delle mie creazioni in cucina, quindi è presente durante tutto l’anno. Ho imparato seguendo i consigli delle mie adorate donne di casa, e leggendo e studiando molti manuali e ricettari. Quello che però mi è stato maggiormente d’aiuto, e che ha contribuito ancora di più nel ritenere il brodo come un pilastro saldo della mia cucina, è la bellissima monografia “Brodo” di Vicki Edgson e Heather Thomas, un libro scritto a quattro mani, con le splendide fotografie di Lisa Linder, Guido Tommasi Editore. Vicki Edgson – secondo Daisy Finer, Fondatrice di Spa Kitchen e Spa Editor, Condé Nast Traveller – è una “potenziatrice di vita, una donna saggia e una cuoca sensazionale…” per me, sebbene non abbia la fortuna di conoscerla di persona, è assolutamente vero! Heather Thomas è un esperta di temi gastronomici, nonché giornalista e scrittrice, forse meno nota della prima, ma che credo sia stata determinante nella realizzazione di quest’opera culinaria di tutto rispetto. Il libro ...

Peanuts. Ediz. limitata (Charles M. Schulz) 11/10/2017

Cofanetto Peanuts - Charles M. Schulz

Peanuts. Ediz. limitata (Charles M. Schulz) Impossibile – per quelli della mia generazione - non conoscere e amare i Peanuts di Charles Monroe Schulz! Personalmente li adoro quasi quanto Mafalda! Così, molti anni fa, quando ho visto il “Cofanetto Peanuts” di Adriano Salani Editore, nonostante non costasse poco, circa 40 Euro, non ho saputo resistere e l’ho aggiunto allegramente alla mia collezione di fumetti. Chi sono i Peanuts? Sono dei personaggi straordinari, non perché hanno poteri speciali, o doti da super eroi, anzi! Precisamente sono dei bambini piuttosto comuni, di età pre-scolare e scolare, impegnati a vivere, in un mondo in cui gli adulti ci sono, ma non si vedono mai, o si sentono borbottare suoni non definiti, tradotti dai bambini stessi in forma di dialogo indiretto. Il “Cofanetto Peanuts” di Adriano Salani Editore si presenta come una allegra e simpatica scatola di latta, che mi ricorda tantissimo quella che avevo da bambina, dove riponevo i miei lego. Contiene 5 volumetti perfettamente rilegati, con copertina flessibile, stampati – è incredibile… ma è vero! – in Cina. Si tratta questo di un piccolo dettaglio che ho notato solo dopo l’acquisto, ma che comunque, anche se è stata per me una delusione, non mi avrebbe certamente impedito l’acquisto, poiché il mio è stato amore a prima vista! I cinque volumetti - per un totale di oltre 1500 strisce in bianco e nero, selezionate tra le più belle di Charles M. Schulz prodotte e pubblicate dagli anni ’50 fino al 2000 – hanno per protagonisti i divertenti e ...

Chips, patatine & dintorni (Orathay & Vania) 11/10/2017

Le mille e una chips di casa mia!

Chips, patatine & dintorni (Orathay & Vania) Chips… e subito l’immaginazione corre a visualizzare un bel piatto di patatine croccanti, oppure al classico sacchetto perfetto da sgranocchiare al cinema o davanti al tv di casa! Io le adoro, per me – come tantissimi altri, perché sono certa di essere in buona compagnia! – sono semplicemente irresistibili! Si fa presto però a dire “chips”! Prepararle è la cosa più semplice che ci possa essere, eppure siamo – dopo anni e anni di pratica, sono diventata un esperta! – in pochi a potere dire che le nostre sono perfette (o comunque manca pochissimo alla perfezione!), altro che quelle che ci vengono spacciate nei soliti fast-food o che troviamo impacchettate sugli scaffali dei supermercati! Chips… come si preparano? Qual è la tecnica migliore? E poi, perché limitarsi solo alle patate, quando esistono tantissimi altri ingredienti per essere gustati allo stesso modo?.. lo confesso, non è stato un lavoro facile, ho fatto tantissimi esperimenti, molti sono andati a buon fine, altri un po’ meno, e ci sono stati anche quelli disastrosi! Un po’ sono andata per intuito, seguendo le mie fantasie culinarie, ma il resto è venuto da se nel momento in cui ho assemblato tutte le informazioni utili derivanti dai vari ricettari e manuali della mia biblioteca culinaria, e tra questi ha contribuito in modo determinante la bellissima opera “Chips, patatine & dintorni” di Orathay, con le splendide fotografie di Charlotte Lascève, collana Piccoli Spuntini, Guido Tommasi Editore. ‘Chips, patatine & ...

Il risottario (Sergio Barzetti) 10/10/2017

Il risottario… per veri amanti del risotto all'italiana!

Il risottario (Sergio Barzetti) Oggi ho preparato uno squisito ‘Risotto ai porcini e noci’. Sia i porcini che le noci ovviamente sono 100% Made in Italy, per essere precisa, provengono direttamente dal mio fornitore di fiducia di Anghiari. Il riso che ho utilizzato? Ovviamente anche lui 100% italiano, un carnaroli invecchiato comme il faut! Sì, perché il risotto per me è una cosa seria, è uno dei miei piatti preferiti, lo preparo almeno una volta a settimana, e – senza falsa modestia – mi ritengo un esperta in materia! E’ uno dei pochi piatti che ho imparato da sola, perché i miei genitori – entrambi buongustai e ottimi cuochi – non lo preparavano molto spesso… bisogna però dire che da noi in Romagna, sono ben altri i piatti della nostra tradizione! Arancini al radicchio con cuore filante, Brodo di Sergio o di recupero, Frittelle dolci al gianduia, Paniscia, Risotto “alla genovese”, Risotto “del Barzetti”, Risotto ai “bruscitti di Busto Grande”, Risotto ai calamari, cime di rapa e mollica, Risotto ai fagioli dall’occhio con catalogna e salamella, Risotto ai pistacchi mantecato con caciocavallo ragusano, Risotto ai porcini e noci, Risotto al cefalo, spinacie bottarga di muggine, Risotto al prosecco e radicchio, Risotto all’arancia, martin sece “strachitunt”, Risotto alla robiola, servito con luganega al vino rosso, Risotto con culatello, parmigiano e aceto balsamico, Risotto rosa all’acqua di pomodoro con alici e gocce di basilico… sono le ricette che più mi hanno colpito, e maggiormente ispirato per ...

Oggi mordo! Mafalda (Quino) 10/10/2017

"Oggi mordo! Mafalda" di Quino

Oggi mordo! Mafalda (Quino) Oggi voglio fare una piccola confessione, voglio essere sincera, liberarmi da un peso, confessarmi, ebbene sì… sono una “Mafaldomane”! E sfacciatamente aggiungo anche che questo mi rende felice! Ecco il perché considero “Oggi mordo! Mafalda” uno tra i pezzi più importanti della mia collezione di fumetti, di quelli veramente utili, a cui ricorro quando sono un po’ giù di morale. E’ una medicina buona, che non ha controindicazioni, è molto meglio dei macarons o degli éclair con ripieno di chantilly, perché non alza la glicemia e né tanto meno il colesterolo cattivo, non ha calorie che poi si trasformano in odiosi cuscinetti, e così non va neppure ad alimentare le culotte de cheval! “Oggi mordo! Mafalda” di Quino, Magazzini Salani, Adriano Salani Editore, è una raccolta per me assai speciale, racchiusa in una simpatica scatola di latta, contenente ben 8 piccoli volumi, con oltre 2000 strisce (1920 nei volumi da 1 a 7, più un centinaio nel volume 8), tutte ovviamente in bianco e nero, in cui la piccola e impertinente protagonista, incompresa dagli adulti, dal cuore tenero, quasi sempre impegnata a preoccuparsi delle sorti del mondo, si lascia amare semplicemente per quel che è: una bambina dall’enorme testone nero e sproporzionato con il resto del corpo, indipendente nel pensare, e che odia la minestra! La scatola – come già accennato – contiene 8 piccoli volumi, tutti perfettamente rilegati, con copertina flessibile, non vendibili separatamente, e (incredibile!) stampati in ...

Pane pizza e focacce 09/10/2017

Le delizie del mio forno!

Pane pizza e focacce Pane e pasta sono due alimenti per me indispensabili! La pasta, se si tratta di quella secca, normalmente l’acquisto, mentre quella fresca – da brava romagnola che sono! – la preparo io stessa. Il pane invece non lo compro quasi mai, perché – con la macchina o a mano – preferisco farlo io, utilizzando e alternando i vari tipi di farine, classiche e speciali. Questo vale anche per le pizze e le focacce, di cui sono ghiotta, ma allo stesso tempo anche molto critica, quindi sono davvero difficile da accontentare, anche perché avendo il forno a legna – senza falsa modestia – mi riescono molto bene. Come ho imparato? Seguendo un paio di corsi, ma soprattutto sperimentando le tante ricette dei miei insostituibili manuali, da cui continuo tuttora a prendere ispirazione. Ingredienti semplici come farina, acqua, lievito, sale… Metodo di lavorazione diretto, semidiretto, indiretto… Lievitino, poolish, biga, lievito naturale (pasta madre)… all’inizio possono creare non poche difficoltà a chi non ha molta dimestichezza nel mettere le mani in pasta. Imparare a conoscerli, prima in via teorica e poi con la pratica, sono il segreto per ottenere successo nella panificazione home made, e sono anche le prime e fondamentali nozioni che mi è stato possibile apprendere in “Pane Pizze e Focacce”, uno dei miei primissimi manuali/ricettari, che mi ha permesso di diventare una brava “panificatrice” domestica! Si presenta così organizzato: ‘Scuola di cucina’, ‘Pane’, ‘Pizze’, ‘Focacce’, e ‘Per finire ...

Torte dolci e salate 06/10/2017

Torte dolci e salate… che bontà!

Torte dolci e salate Merendine confezionate… preferisco evitarle! Ovviamente non è sempre stato così. Ricordo che la mia mamma – ma lo fa tutt’ora - ha sempre preparato tutto lei in casa, quindi sono cresciuta seguendo una dieta sana ed equilibrata, fino a quando non sono andata a vivere da sola. In quel periodo ho ceduto anch’io ai cibi pronti, poi mi sono sposata, e le cose sono nuovamente cambiate, per tornare definitivamente alle mie vecchie e sane abitudini nel momento in cui sono diventata mamma. E questo perché voglio che i miei bambini crescano senza i problemi derivanti da una cattiva alimentazione: sono io il genitore, decido io cosa i miei figli debbano mangiare, e posso assicurare che ci vuole ben altro che un asteroide che mi caschi sulla testa per farmi cambiare idea, perché noi donne – a volte – possiamo decidere di non combattere per realizzare i sogni nel cassetto, per l’uomo della nostra vita, ma quando si tratta della nostra adorata prole, non ci limitiamo a tirare fuori solo gli artigli!!! Cosa c’entra tutto questo con “Torte dolci e salate”? Ebbene, poiché non acquisto le merendine confezionate, e in genere i dolci industriali, e ai miei bambini – come penso alla stragrande maggioranza di loro – piacciono i dolcetti, glieli preparo io, sempre diversi, prendendo ispirazione da libri di cucina come questo. “Torte dolci e salate”, Lt Editore (Sitcom editore Srl), collana I quaderni di Alice Cucina, di cui possiedo la versione digitale (v. foto), è una magnifica e golosa ...

L'insolito legume (Marianna Franchi) 05/10/2017

L'insolito legume - Marianna Franchi

L'insolito legume (Marianna Franchi) I legumi… li ho sempre mangiati molto volentieri, prediligendo soprattutto quelli secchi, facendo poche eccezioni: fave e piselli, li gradisco solo freschi, salvo che non li utilizzi sotto forma di farina. Non solo lenticchie, fagioli, e ceci, ma anche soia, lupini, e cicerchie sono spesso e volentieri i protagonisti della mia cucina. Nel nostro menù di casa compaiono tutti i giorni, sono la nostra naturale fonte di proteine vegetali, perché anche se non siamo vegetariani, di carne e suoi derivati ne consumiamo il minimo indispensabile. Ecco la ragione per cui, nella mia biblioteca culinaria, non poteva certamente mancare un testo come “L’Insolito legume” di Marianna Franchi, Guido Tommasi Editore. Marianna Franchi, l’autrice, è vegetariana per cui nel libro non compaiono le carni e il pesce, ma sono presenti le uova, i formaggi, il latte e i suoi derivati. Io ho imparato ad apprezzarla grazie al suo primo libro, “Di farina in farina”, e successivamente ho cominciato a seguire molto volentieri anche il suo blog “menta & liquirizia”, quindi per me è stato quasi scontato acquistare anche questo suo secondo libro, e facendo un confronto tra i due, devo ammettere che quest’ultimo lo trovo ancora più interessante del precedente. Il libro si articola in questo modo: Introduzione; Consigli e suggerimenti; Ceci Cicerchie; Fagioli; Fave; Lenticchie; Lupini Piselli; Soia; Legumi; Marmellate, conserve e altre cose buone; Indici; Ringraziamenti. Escludendo le parti relative a ...

Le incredibili virtù dei succhi verdi (Colette Hervé Pairain, Nadège Pairain) 03/10/2017

Le incredibili virtù dei succhi verdi

Le incredibili virtù dei succhi verdi (Colette Hervé Pairain, Nadège Pairain) N.B. Le incredibili virtù dei succhi verdi… in realtà più che succhi, sono frullati… forse si tratta di un errore di traduzione… Adoro i frullati, per me rappresentano un pasto sano, leggero, e allo stesso tempo gustoso. Ovviamente li preparo io stessa in casa, non ricorro assolutamente ai prodotti confezionati, di cui è difficile conoscere la provenienza degli ingredienti, senza dimenticare che anche quelli migliori, perdono buona parte delle loro proprietà nutritive, poiché subiscono dei processi di conservazione, meccanica o fisica che sia! Inoltre, sono semplicissimi da preparare, e perfino divertenti se si coinvolgono i bambini. Anzi, farlo assieme, potrebbe essere la soluzione per far mangiare loro le verdure, senza costrizioni. Prepararli quindi non è affatto complicato, è sufficiente avere un buon frullatore, e almeno un piccolo manuale per cominciare. Ovviamente io ne ho un bel numero, sia in formato cartaceo che digitale, alcuni sono semplicemente stupendi, altri purtroppo si sono rivelati alquanto deludenti, come nel caso di “Le incredibili virtù dei succhi verdi”, di Colette Hervé Pairain e Nadège Pairain, di cui possiedo la versione eBook. Frullato verde… cos’è? E’ una preparazione semplicissima, da preparare e gustare al momento stesso, a base di frutta e verdure a foglia verde, senza l’aggiunta di latte e derivati, ma di acqua, o se si preferisce di succhi vegetali. Le sue proprietà, come viene spiegato in “Le incredibili virtù dei succhi verdi”, di Colette ...

Diventare vegetariani o vegani. Una guida completa di cultura e cucina veg per iniziare a capirne di più e meglio 27/09/2017

Diventare vegetariani o vegani?..

Diventare vegetariani o vegani. Una guida completa di cultura e cucina veg per iniziare a capirne di più e meglio N.B. Non è un libro per soli vegetariani e vegani! Vegana? Vegetariana? Nessuna delle due, o forse sono entrambe le cose. In realtà, l’unica dieta in cui mi identifico “full-time”, o meglio a “tempo-pieno”, è la nostra Dieta Mediterrannea, il che mi porta a pensare che sono una vegana, ma anche vegetariana, a “part-time” o a “tempo-parziale”, e così vale anche per mio marito e i miei figli, poiché sono l’unica – al momento – a gestire la mia cucina! In altre parole, a casa mia, siamo onnivori, anche se prediligiamo cereali (possibilmente) integrali, legumi (italiani), olio extra vergine di oliva, verdure e frutta, e limitiamo molto il consumo di carne, pesce, latte, formaggi, burro, e in genere tutto ciò che deriva dal mondo animale. Il nostro, tenendo presente che pratichiamo anche della sana attività fisica tutti i giorni, è uno stile di vita abbastanza sano, perché ovviamente ci sono sempre le eccezioni, tipo patatine fritte e hamburger (ovviamente tutto cucinato da me o in un locale di cui mi fido)! Perché allora ho comprato e letto “Diventare vegetariani o vegani. Una guida completa di cultura e cucina veg per iniziare a capirne di più e meglio”? Semplice! Sono una persona assai curiosa, mi piace cucinare, ed essere informata su tutto ciò che ruota intorno al cibo e alla sua importanza per vivere sani e in forma! “Diventare vegetariani o vegani. Una guida completa di cultura e cucina veg per iniziare a capirne di più e meglio” di Federica Giordani, Silvia De Bernardin, ...

Ricevere in un istante (Donna Hay) 26/09/2017

Ricevere in un istante - Donna Hay

Ricevere in un istante (Donna Hay) Mi piace ricevere parenti, amici, conoscenti… sono sempre i benvenuti alla mia tavola, cucinare per loro è uno dei tanti modi con cui cerco di far capire loro quanto siano importanti per me: è un atto d’amore. Ogni volta preparo piatti diversi, cerco di non ripetermi quasi mai. Le mie creazioni culinarie – lo ammetto – non sono proprio farina del mio sacco, prendo spunto dai miei libri e manuali di cucina, come “Ricevere in un istante”, di Donna Hay, Guido Tommasi Editore, con le splendide fotografie di Con Poulos. Donna Hay è una delle mie food writer preferite, di lei possiedo molte altri libri. Le sue opere per me sono dei piccoli capolavori: la semplicità e la squisita eleganza dei suoi piatti, nonché i suoi modi deliziosi nel proporsi a suoi lettori, sono per me fonte importantissima per la creazione e preparazione delle mie ricette. “Ricevere in un istante” non è solo un semplice ricettario, io lo considero un mini-corso sul ricevere e cucinare “easy”, senza stress. E’ ricco di preziosi suggerimenti che spaziano dal come apparecchiare, alla scelta dei vari ingredienti, e come sostituirli – senza togliere valore al piatto – nel caso in cui ne siamo momentaneamente sprovvisti o abbiamo difficoltà a reperirli, senza dimenticare i preziosi consigli per risparmiare tempo, o per avere dei risultati sorprendenti anche quando ne abbiamo poco! E’ semplice da consultare, si presenta così suddiviso: Introduzione; 1 - In settimana; 2 - Sabato sera; 3 - Pranzo della domenica; 4 - ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra