Condividi questa pagina su

viola Status viola (Livello 4/10)

fashionlady

fashionlady

Profilo utente non disponibile. La persona che stai cercando non è più un utente di Ciao.

Opinioni scritte

dal 07/11/2009

54

I segreti del Codice. La verità dietro Il Codice da Vinci 18/04/2010

E ora sentite l'altra campana!

I segreti del Codice. La verità dietro Il Codice da Vinci Ricordo che quando uscì il Codice da Vinci, le librerie erano piene di libri inerenti i temi trattati dal bestseller: templari, santo Graal, Maria Maddalena, Opus Dei ecc. Ce n'era davvero per tutti i gusti! Una vasta gamma di manuali per approfondire le tematiche toccate da Dan Brown. Mi appassionai anch'io e nella mia biblioteca c'è tutt'ora uno scaffale ben fornito di libri sui templari e sul santo Graal. Quello che sto per descrivervi l' ho finito di leggere poco tempo fa; sinceramente dopo aver approfondito tutto ciò che concerneva la vita dei templari, mi sentivo ben sazia di notizie e pronta per leggere altri libri di altri generi, ma qualche mese fa mentre mi trovavo a casa di zii, scorsi questo volumetto che avevo visto tante volte nelle librerie ma che non avevo comprato perchè ne avevo già tanti sull'argomento e mio zio me lo prestò :). Innanzitutto c'è da dire che il suddetto libro lo consiglio SOLO a chi vuole approfondire le radici della nostra religione. Se non vi piace l'argomento è meglio che evitiate onde evitare di scrivere che il libro è noioso. Non si tratta di un libro discorsivo; i vari argomenti sono affrontati da ricercatori, studiosi, professori di tutto il mondo; per lo più si tratta di interviste, punti di vista di più persone, per questo il libro potrebbe risultare ripetitivo. Ma vi posso assicurare che si tratta di un libro molto interessante, e ha colmato molte mie lacune in materia. Riprende i punti chiave del Codice, ma non si limita a ...

Bottega Verde Iris Crema Corpo 11/04/2010

una buona crema dal profumo indefinito di iris

Bottega Verde Iris Crema Corpo Premetto che per me il profumo di qualunque crema o prodotto per il corpo/capelli mi deve piacere, non potrei mai comprare un prodotto a "naso chiuso" ;), senza averlo annusato almeno una volta. Deve piacermi prima la profumazione e poi viene tutto il resto, non mi sognerei mai di avvolgermi in una crema puzzolente pur essendo di ottima marca e soprattutto pur se fosse ottima! Detto ciò, questa crema per il corpo di Bottega Verde mi è stata regalata; si presenta in un elegante tubetto bianco da 200 ml con un bel e elegante fiore di iris. Quando me lo sono trovato tra le mani, ho pensato che l'iris in realtà non è un fiore profumato, lo so per certo visto che amo i fiori e li coltivo sul mio balcone. Aprendo il tubetto annuso e lo sento molto "fresco" come odore. La crema è lilla, si stende molto facilmente lasciando la pelle molto fresca proprio come sensazione e per questo credo sia adatta nella stagione estiva per rinfrescare il corpo. L'odore iniziale è molto forte, sprigiona le note del burro di karitè che contiene, ma non ha nulla a che vedere con la buonissima linea al karitè di BV! Anche perchè l'odore predominante è un altro, quello del "latte" d'iris, (ecco spiegato il profumo di iris del suo latte :) ). Mentre stendevo la cremina sul braccio, avevo paura che non mi sarebbe piaciuta; in realtà dopo alcune ore il profumo si è attenuato ma si sente ancora ed è molto più delicato e facile da "portare". La pelle si presenta morbida con una sola passata, anche se sul ...

Fria Intima Biodegradabile 08/04/2010

Salviettine intime Fria: pratiche fuori casa :)

Fria Intima Biodegradabile Le salviettine sono utilissime quando ci troviamo fuori casa, ultimamente ne ho viste di tutti i tipi, dalle normalissime multi uso a quelle rinfrescanti, esfollianti, purificanti e chi più ne ha, più ne metta! Quelle di cui sto per parlarvi sono le salviettine intime della FRIA, molto comode e pratiche quando siamo fuori casa! La confezione è molto simile alle tantissime alternative che il mercato ci offre in merito alle salviette: una confezione di plastica bianca e rosa con il marchio Fria e 2 fiorellini particolari che dovrebbero rappresentare l' hamamelis virginiana di cui è impregnata la salviettina stessa. Il pacchetto ne contiene 20 e può essere tenuto comodamente in borsa; un occhio distratto potrebbe scambiarle per salviettine struccanti :) (sono discrete, non che ci sia nulla di male eh!). Sono prive di alcol, ph fisiologico, dermatologicamente testate e sono biodegradabili! Un punto in più visto che in molti bagni pubblici non esistono i cestini... o sono al di fuori del bagno stesso, per cui possono essere gettate direttamente nel water senza il pericolo d'otturazione. La salviettina non è grande, è quasi un quadrato, il tessuto è simile a carta igienica, è meglio essere delicati nel prelevarle altrimenti potrebbero strapparsi. Ovviamente è completamente imbevuta (praticamente bagnata) ed è profumata; un profumo fresco ma che non mi fa impazzire, potrebbe non piacere. Sulla confezione c'è scritto che sono delicate e infatti non provocano bruciori nè ...

L'Oréal Elvive Liss Setoso Balsamo Spray 20/03/2010

Effetto anti-crespo non pervenuto!

L'Oréal Elvive Liss Setoso Balsamo Spray Ho ripreso questa prima mini-opinione per trasformarla in una vera e propria opi :) Il prodotto impazzava mesi fa essendo quello della settimana, per cui quando lo riconobbi scrissi una mini opi a riguardo. Un avvertimento al non usarlo... Ho i capelli lunghi e di prodotti ne uso veramente tanti dagli shampo ai balsami, dalle maschere ai trattamenti specifici salva colore e anti rottura, per arrivare agli anti-statici! Questo in realtà è un balsamo spray (da NON risciacquare); premetto che per quanto riguarda i prodotti non risciacquanti preferisco alla lunga i prodotti spray a quelli in crema (salvo alcune eccezzioni). Utilizzo diversi prodotti L'oreal, con alcuni mi trovo benissimo, con altri un pò meno...Questo liss setoso di bello ha 2 cose: il nome :) e il profumo; del resto se una volta spruzzato andiamo solo a pettinare la chioma, oltre a un effetto districante (che ormai hanno tutti i moderni prodotti) non noteremo grandissimi miglioramenti.Bisognerà armarsi cmq di piastra per lisciare il capello ribelle. L'effetto anti-statico è veramente poco, e si rischierà di trovarsi con i capelli unti se si abbonda con gli spruzzi. Io lo utilizzo per rinnovare la chioma tra 2 shampi così come scritto sulla confezione, lascia un piacevole profumo ma nient'altro di tangibile. Costa sui 3 euro, reperibile in qualunque supermercato, si possono trovare anche le versioni per capelli ricci e il total repair che sarei tentata di acquistare... A buon intenditor poche parole!

Max Factor Kohl Pencil 20/03/2010

Occhi magnetici per poco tempo...

Max Factor Kohl Pencil Uno dei trucchi che preferisco dopo il mascara è la matita per occhi, essenziale per sottilineare e dare maggior risalto allo sguardo. Non sono una tipa che si trucca molto, ma se devo acquistare dei prodotti specifici, mi affido alle marche, anche se non sempre il marchio è sinonimo di qualità. Avendo degli occhi sensibili, non ho pensato minimamente ad acquistare matite a poco prezzo di marche sconosciute ed ho deciso di acquistarne 2 affidandomi totalmente alla marca Max Factor. Ho preso la numero 20 Black, e la num. 60 ice blue, che ho pagato sui 9 euro cad. ( dalle mie parti non riesco a trovare offerte su trucchi & co. tutto a prezzo pieno...) Descriviamo brevemente i pregi (purtroppo pochini): • la mina è morbida, si tempera facilmente senza spezzarsi, colora facilmente ( quella nera è molto intensa!) E ora i difetti: • dura pochissimo. Pur lasciando un bel tratto marcato (sto parlando sempre della nera) dopo pochi minuti noteremo che verso gli angoli il colore verrà meno... Quindi necessita di frequenti ritocchi. A lungo andare il colore sbava sia agli angoli che sotto l'occhio, lasciando un antiestetico alone. Dopo 3 ore il tratto si presenta irregolare, letteralmente mangiato... Quella blu invece, lascia un tratto chiaro che si nota ben poco, è più tendente al verde chiaro che al blu e bisogna sottolinearla molte volte affinchè scriva. Questa al contrario della nera non sbava, ma viene mangiata solamente dalla rima dell'occhio... Sto evitando di usarla ...

Garnier Ultra Dolce Maschera all'Olio di Mango e Fiori di Tiaré 19/03/2010

La maschera per un capello secco e sfibrato

Garnier Ultra Dolce Maschera all'Olio di Mango e Fiori di Tiaré Ciao! Vi voglio parlare di una maschera per capelli della Garnier, l'ultimissima, quella all'olio di mango e fiori di tiarè. E' da un pò di tempo che utilizzo lo shampo e balsamo della Garnier, la linea all'olio di avocado e burro di karitè; purtroppo la maschera di questa linea non riesco a trovarla in nessun supermercato, tanto meno in centri commerciali o profumerie, per cui, ho optato per questa di cui sto per parlarvi, adatta per capelli SECCHI E SCIUPATI. I miei tendono a seccarsi solo sulle punte, e ultimamente si erano indeboliti per via delle tinte, quindi l'ho voluta acquistare per nutrirli e renderli più morbidi. Il barattolo è arancione, con disegnati questi piccoli fiori di tiarè, (provenienti dalla Polinesia); è un prodotto che spicca sugli scaffali, si fa notare e affianca lo shampo e balsamo della stessa linea. La maschera si presenta con una consistenza cremosa, a "pappetta", di color arancio tenue. Il profumo è favoloso :) come tutti i prodotti Garnier, ma a differenza di altri prodotti, sarà per la presenza di questi fiori, è diverso, sa di fresco e non è paragonabile a nient'altro che abbia già annusato! Si utilizza dopo lo shampo, si stende lungo tutta la chioma e si lascia in posa per 3 minuti. Io ne ho usato un pò troppo forse... Già mentre stendevo con le mani la crema, al tatto ho notato un capello setoso, protetto, avviluppato dalla maschera. L'ho tenuta un pò di più, 5 minuti credo e poi l'ho risciacquata. Essendo una maschera, non ...

Pizze, Focacce e Torte Salate 18/03/2010

La mia focaccia al pomodoro!

Pizze, Focacce e Torte Salate Ciao, volete provare una ricettina deliziosa e invitante? Bene, armatevi di penna e appuntatevi la ricetta che sto per darvi! Si tratta della Focaccia al pomodoro pugliese, quella fatta con la patata. INGREDIENTI: 500 g di farina 00, una patata media, olio, sale, 1 lievito di birra, pomodori ciliegino. METODO DI PREPARAZIONE: vi consiglio vivamente di utilizzare un robot da cucina, altrimenti i tempi di preparazione si allungheranno notevolmente e si potrebbero formare grumi difficili da smaltire lavorando a mano. Bene, detto ciò, immergiamoci nella preparazione! Vi svelerò alcuni trucchetti in modo da ottenere un ottimo risultato al primo colpo! Perchè preparare la focaccia richiede alcune attenzioni particolari! Primo: abbiate pazienza, non preparatela in fretta e furia, prendetevi un pò di tempo; le cose fatte con calma riescono meglio :). Prendete una patata di medie dimensioni, (io non la peso, perchè è una ricetta che faccio spesso e "ad occhio" so già quale è la dimensione giusta), comunque vi posso dire di non prendere una grande perchè l'impasto risulterebbe molto patatoso, troppo pesante sia nel gusto che nella digestione e andremmo a rovinare il tutto! Una media tendente al piccolo è l'ideale! Lessatela in abbondante acqua, lasciatela raffreddare per un pò. Nel robot, mettete la patata lessa tiepida e azionate al minimo per non farla schizzare. Quando si sara formata la "pappetta" aggiungete la farina, un cucchiaio colmo di olio, strabordate, non vi ...

Shutter Island (M. Scorsese - USA 2010) 15/03/2010

"la Follia è un bruco che saltella nel cervello"...

Shutter Island (M. Scorsese - USA 2010) Shutter Island... L'ho visto ieri sera, e ancora oggi rifletto su questo film veramente ben fatto. Vidi il trailer qualche settimana fa, e devo dire che è praticamente fuorviante, nel senso che sembra si tratti dell'ennesimo thriller para-psicologico, pieno di effetti speciali, flashback e quant'altro, quando in realtà ci troviamo difronte a un film drammatico. L'ho visto perchè mi piaceva il fatto che lo interpretasse Di Caprio, e appunto perchè il genere para-psicologico mi piace, e ne sono uscita ancora più entusiasta per aver visto un ottima performance di Leo ma soprattutto per il film in sè che non mi aspettavo neanche lontanamente fosse così. La pellicola fa riflettere, e parecchio direi. Affronta il tema delicato delle malattie mentali negli anni 50. Quando esistevano i manicomi. L' isola ospitava un penitenziario psichiatrico dove venivano spediti i pazienti che avevano commesso omicidi e crimini. Erano divisi in 3 padiglioni, a seconda dell'efferatezza del crimine commesso: il padiglione A e B per i pazienti più "tranquilli" e il padiglione C per i più pericolosi. Era impossibile scappare dall'isola, perchè essendo di origine rocciosa, si era circondati da scogliere a strapiombo; il molo era l'unica alternativa, ma era controllato dalla polizia. All'epoca c'erano 2 scuole di pensiero: i metodi barbari di alcuni psichiatri di tentare di curare i pazienti tramite scariche elettriche e immersioni in acqua gelida (ma tutto ciò non si vedrà nel film, verrà solo ...

Develey Salsa greca 14/03/2010

lo Tzaziki senza cetriolo!

Develey Salsa greca Dopo aver trascorso una bellissima vacanza in Grecia, io che non mangiavo nulla di diverso dalla nostra cucina tradizionale, sono diventata ghiotta di una squisita salsina greca: lo TZAZIKI ! Si tratta di una salsa bianca composta da yogurt greco, (che è ben diverso dal nostro!), cetrioli e aglio. Lo so, cari lettori, chi non l'ha mai assaggiata, ora starà pensando ma che schifezza sarà mai!? Un'accozzaglia di yogurt e aglio??? Con l'aggiunta di cetrioli? :) Io fui la prima a pensarlo all'epoca... Ma vi posso garantire che è una cremina squisita!!! In Grecia lo preparano in diversi modi, generalmente lo si trova nella gyrospita, una specie di kebab, oppure lo si può mangiare come contorno per carni o semplicemente spalmato sulla Pita, che sarebbe una specie di piadina o ciccio ma ben soffice e molto buono! Ora, pur andando qualche volta in gyrosteria, ho pensato di acquistarne una bottiglietta e tenerla in frigo per ogni evenienza. Eh, si perchè questo prodotto della Develey viene venduto in bottigliette di vetro e lo si trova sui normali scaffali dei supermercati, vicino ai sughi pronti e alle conserve. In Grecia invece, lo tzaziki l'ho visto in comode vaschette, in frigo (io qui non l'ho trovato, proverò in qualche ipermercato, sicuramente è un prodotto più fresco...) Infatti il fatto di non trovarlo nel reparto frigo, mi ha fatto un pò riflettere; si tratta senz'altro di un prodotto a lunga conservazione (quello che ho comprato scade nel 2011) e sarà pieno di ...

Alice in Wonderland (T. Burton - USA 2010) 13/03/2010

Il "sogno" di Alice

Alice in Wonderland (T. Burton - USA 2010) Dopo 2 tentavi falliti, perchè le sale erano strapiene, ieri finalmente ho potuto vedere anch'io Alice in wonderland! Ho letto alcune recensioni prima di andare a vedere il film, tutte positive a riguardo; di solito non mi faccio influenzare dalle altre opinioni, del resto se il genere piace va visto, altrimenti è meglio starsene a casa piuttosto che vedere un film solo perchè "va tanto di moda." Cmq, anche se ci sono già diverse opi in merito, proverò ad apportare anch'io il mio piccolo contributo, descrivendovi le sensazioni che ho provato, piuttosto che la trama che conosciamo già. Quello che mi ha spinta a vederlo è stato soprattutto il fatto di essere un film in 3D! Dopo essere rimasta affascinata dal mondo tridimensionale visto in Avatar, non potevo perdermi un altro film del genere, pieno di dettagli, quale il favoloso "paese delle meraviglie". Ma da questo punto di vista, io che sono una persona attenta ai dettagli e amante dei paesaggi e della scenografia, ma soprattutto amante dei classici disney di un tempo, posso dirvi che si poteva far meglio. Di meraviglie infatti se ne vedono ben poche, potevano benissimo rendere quei posti più belli, più ricchi di dettagli e di colori! Invece, mi è sembrato che il "paese" non è stato valorizzato per niente, quei funghi giganti potevano fluttuare, scintillare, (per fare un es) e invece erano lì, di quel colore che non ipnotizza per niente. Il 3 D, c'era, ma non è stato sfruttato al massimo, sono pochissime le scene in cui i ...

Il Missionario - Le missionnaire (R. Delattre - Francia 2009) 11/03/2010

Quando i ruoli si invertono... ;)

Il Missionario - Le missionnaire (R. Delattre - Francia 2009) "Il missionario" è quel tipo di film comico - divertente che serve vedere ogni tanto per distrarsi un pò! Non è il mio genere, però non disdegno queste commediole simpatiche :) anche se devo dire è un modello già visto, dove si verifica uno scambio di ruoli, un pò scontato forse, ma diciamo che è un film soddisfacente e le 3 stelline se le merita :) Mario, dopo 7 anni, esce di prigione per buona condotta, ma ad aspettarlo ci sono i suoi ex complici che reclamano parte di un succulento bottino; si tratta di gioielli che Mario ha nascosto nella cripta di suo padre defunto... Suo fratello Patrick è un prete, mingherlino e dall'apparenza timoroso e comicissimo, che pur di aiutare il fratello corrompe la sua anima... :-D (rido pensando al film...). Per nascondere Mario, quale travestimento migliore se non un abito da prete? Solo vedere quest'uomo imponente, con una voce molto roca e cicatrici vicino il labbro, vestito così, è esilarante, immaginate la serie di gag che si verranno a creare! Patrick, lo manda in un paesino sperduto, dove non ci sono macchine; gli unici mezzi di trasporto sono le biciclette e una corriera che passa una sola volta al giorno. Appena giunto in paese, viene accolto dagli abitanti del posto, sindaco e dalla polizia che gli fanno una festa pensando che sia il nuovo parroco; ogni occasione sarà valida per bere! Il falso prete, si troverà in tutte le situazioni che un vero parroco possa trovarsi: dallo svolgimento di un funerale (del vecchio prete) molto ...

Kiko Nail Polish Remover 11/03/2010

Un prodotto deludente :(

Kiko Nail Polish Remover Vi starete chiedendo perchè solo 2 misere stelline per un prodotto Kiko; per una serie di motivi che vi elencherò subito. Innanzitutto mi sono imbattuta in un negozio kiko perchè il mio solvente per unghie che uso di solito era finito nelle altre profumerie di un noto centro commerciale, per cui siccome mi serviva urgente, sono entrata nel punto vendita kiko e ne ho chiesto uno. Non avevo mai acquistato prodotti kiko prima del "misfatto", ma sentendo diversi pareri positivi su questa marca, non ci ho pensato 2 volte. E poi la commessa che ne tesseva le lodi, non mi ha fatto percepire nulla di negativo, esaltando il fatto che non contenesse acetone, manco fosse il primo solvente che creano senza acetone, ormai la stragrande maggioranza sono acetone free!... Cmqi il nail polish remover della kiko si presenta in modo mooolto "fashion" :), potreste essere catturate da questa bella confezione rosa satinata con tappo nero contenente 125 ml di leva smalto, che costa la bellezza di 4, 50 euro e non ne vale manco mezzo... Non potendo fare altrimenti, lo compro e me lo porto a casa. Aprendolo, il profumo è molto forte, tipo acetone, anche se non ne contiene; ma la cosa che mi lascia perplessa è che imbevendo un batuffolo, lo smalto non viene via alla prima passata, ma bisogna lavorarci per un bel pò. Una cosa odiosissima, anche perchè con quello che usavo prima, alla prima passata lo smalto andava via; con il solvente kiko invece ci ho messo molto più tempo, per non parlare delle ...

L'Oréal Infaillible 200 Sable Doré Fondotinta Compatto 09/03/2010

Fondotina compatto per una copertura leggera & soft

L'Oréal Infaillible 200 Sable Doré Fondotinta Compatto Ciao! Vi voglio parlare del mio primo fondotinta! Eh si, primo perchè non è che ci sia chissà che da coprire, per fortuna non ho imperfezioni, giusto qualche lentiggine, molto chiare vicino il nasino che si accentuano in estate con l'abbronzatura. Quando mi sono recata in profumeria, la commessa è rimasta un pò stupita, potevo farne a meno disse, ma volevo comunque un prodotto da usare nel weekend per uniformare il colorito, quindi abbiamo iniziato a provarne di diversi. Che impresa ardua!!! Ho la pelle olivastra per cui c'erano alcune marche che non avevano nella rosa dei colori neanche uno adatto per la mia pelle! O erano rosati o troppo scuri! Il mio polso era un tripudio di colori... Alcuni sembravano fard per quanto erano rosa!!! La Deborah lasciamo stare, non aveva niente da offrirmi... La Max factor ne aveva uno carino che si avvicinava al mio colorito e conteneva micropagliuzze iridescenti(bell'effetto) ma non si FONDEVA con la mia pelle. L'Accord Parfait col roll on non si avvicinava neanche.. Alla fine, mi fa provare quello che è stato il mio acquisto: L'oreal finfaillible fondotinta compatto polvere cremosa, che vedete in foto; è il numero 260 Golden sun, pagato sui 18 euro, un pò troppo direi. Alla prima passata si è uniformato col mio colorito:) tutta contenta pago e la sera lo provo. Il fondotinta è racchiuso nel "dischetto" trasparente che reca la scritta tenuta record. Sotto il fondotinta troveremo specchio e spugnetta, per cui risulta un pò scomodo il ...

Diva International Fria Struccanti Waterproof 09/03/2010

Le salviettine struccanti waterproof

Diva International Fria Struccanti Waterproof Acquistai queste salviettine tempo fa; la cosa che mi colpì oltre alla confezione nera, (decisamente diversa dalle altre in circolazione!) fu la scritta Waterproof, adatte quindi per togliere in un solo gesto, un trucco ben tosto, come può essere o almeno lo è stato nel mio caso il mascara. Non ero ancora a conoscenza delle salviettine che uso abitualmente (le recensite Lycia) per cui mi fidai ciecamente di questa marca, che sembrava essere l'ideale per evitare l'alone nero sotto gli occhi che altre marche mi lasciavano :(. Purtroppo il mascara è il trucco più difficile da togliere, per cui acquistai una confezione senza pensare al prezzo, 3,80 euro per 20 salviettine!!! Le acquistai da Auchan, ma l'altro giorno le ho riviste da Acqua e sapone a meno di 2 euro :) I prezzi purtroppo variano tantissimo da negozio a negozio... Una scritta campeggia sulla confezione : Sono testate dermatologicamente ed oftalmologicamente e sono prive di alcol. Aperto il pacchetto, prendo una salviettina che risulta bella grande, con rilievi marcati e la scritta FRIA in più punti. L'odore è piacevole, la passo sul viso, e purtroppo mi graffia il viso, quei rilievi per me sono troppo marcati, quindi la ripasso facendo più attenzione, ma quel fastidio permane, rendendo lo "struccamento" un pò lento. Il trucco cmq viene via facilmente. Passo agli occhi, il mascara va via con una passata, ma parlo per me, mi bruciavano gli occhi soprattutto le estremità e dovevo sciacquarli immediatamente per ...

Deborah Mascara Volume Sprint 08/03/2010

Il mascara very black

Deborah Mascara Volume Sprint Ho letto pareri discordanti su questo che è il mio attuale mascara:Deborah volume sprint. In realtà ho letto pareri pessimi proprio sulla marca Deborah perchè è una marca da supermercato... Cmq, questo mascara l'ho scelto per la sua forma rigonfia al centro e per lo scovolino doppio e curvo che ho sempre cercato nei mascara da sempre. Non so perchè ma gli scovolini lunghi e fini non mi danno l'idea di essere in grado di creare volume. Questo della Deborah costa sui 10 euro, e mi dura parecchio. Il colore è nero anzi nerissimo :). Ho delle ciglia lunghe già di mio, per cui posso dirvi che su di me funziona, ossia le allunga e le marca di un bel nero, effetto ventaglio, le volumizza ma non eccessivamente; certo si nota un miglio se lo si indossa; non è come alcuni che non allungano. L'unico difetto è che se prendiamo troppo prodotto si formano grumi, per cui non bisogna lasciare il tubetto aperto per troppo tempo, altrimenti tende a seccarsi con alta probabilità di grumi. Altro difetto, ma credo sia tipico di qualunque mascara è che non è facile da togliere, ci vuole uno struccante adatto. Cmq, lo riesco a togliere bene con le salviettine struccanti Lycia recensite giorni fa. Lo consiglio a chi è scura, a chi ha già delle belle ciglia, per poterle valorizzare al meglio proprio perchè si tatta di un prodotto forse un pò troppo marcato per pelli chiare ;) ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra