Condividi questa pagina su

bronzo Status bronzo (Livello 7/10)

franky

franky

Autori che si fidano di me: 121 iscritti
Visualizza le statistiche dell´utente

Opinioni scritte

dal 03/07/2000

402

Le App stanno cambiando la vita degli individui? 05/04/2017

Non cambiano la vita ma la migliorano

Le App stanno cambiando la vita degli individui? Al giorno d'oggi vivere senza smartphone è diventata un'eccezione,un fatto raro, soprattutto verso il pubblico giovanile.Ho 45 anni ed ho visto per intero questa evoluzione velocissima che nel giro di pochi anni ha portato ad un'invasione di nuovi modelli e offerte per attirare sempre più pubblico. Parallelamente è 'sbocciato' un mercato infernale di APP,da installare sul telefonino di ogni genere e sorta. Partendo da quanto letto alcuni giorni fa,cioè che il numero di accessi al web da cellulare ha superato quelli da PC,è ormai certo che questo mondo ha radicalmente modificato lo stile di vita di tutti noi, tanto che volenti o nolenti siamo fruitori (o vittime?) di tutto quello che giornalmente ci viene proposto. Un uso consapevole di quello che il mondo mobile di offre, può sicuramente portare dei miglioramenti alle nostre abitudini e rendere la quotidianità più facile da gestire. Siamo in un mondo frenetico, in continuo movimento, bombardati da informazioni di ogni genere, e il fatto di non saper discernere tutto quanto ci viene proposto porta sicuramente ad essere travolti da questo tipo di teconologia. Secondo me,uno smartphone non può non avere: Un programma di messagistica (WhatsApp su tutti), non ti cambia la vita ma ti permette di contattare le persone per dare brevi notizie senza dover disturbare con una telefonata, app importante che aiuta spesso ma che non deve diventare un'ossessione iscrivendosi a mille gruppi di cui 999 inutili,fatti solo per scrivere ...

amazon.it 16/11/2016

Io acquisto spesso

amazon.it Ormai il mondo dell'e-commerce ha un'offerta talmente ampia e complessa da rendere estremamente difficile la possibilità di districarsi nei propri acquisti. L'idea di rivolgersi a dei veri colossi,famosi ed affermati da tempo,è sicuramente un aspetto importante che dà di per se maggiori garanzie. Tra i colossi che ad oggi primeggiano sul mercato,uno dei migliori è sicuramente Amazon, piattaforma online di e-commerce praticamente globale. Il sito chiaro e di facile navigazione, è organizzato in categorie in cui è suddiviso l'enorme numero di prodotti venduto.Ci si trova davvero di tutto (ultimamente ci si può far anche la spesa) e spesso i prezzi e le offerte rendono molti prodotti davvero appetibili. Facendo molti acquisti,vale la pena di abbonarsi ad Amazon Prime che, con una spesa di 19,95 € all'anno garantisce sempre spese di spedizione gratuite. La rete di distribuzione è eccellente e si appoggia anche su negozi (es. le librerie Giunti) ove è possibile ritirare i propri prodotti. Il settore elettronica (con tutti gli annessi) la fa da padrone per vastità e varietà dell'offerta,ma anche il resto non è da meno. Il pagamento avviene tramite carta di credito, con addebito al momento della partenza del pacco e non prima; unico grosso neo ad oggi è il fatto che non è accettato paypal. In questi anni ho effettuato molti acquisti con loro,da notebook a cellulari,da libri a giocattoli e sono sempre rimasto soddisfatto degli acquisti, con tempi di consegna perfettamente ...

The Danish Girl (Dvd) 07/09/2016

La vera identità di una persona

The Danish Girl (Dvd) Qualche giorno fa Canale 5 ha trasmesso in prima visione questa pellicola e, dopo aver letto diverse critiche positive, mi sono convinto alla visione. Il film, ambientato negli anni 20, narra la storia di una coppia di sposi, Gerda ed Einar Wegener. La donna, pittrice di professione ed in cerca di notorietà, convince il marito a posare travestito da ballerina per un ritratto. Il gioco però continua ed i due si presentano ad una festa con Einar travestito e che si presenta come Lili. L’uomo, dopo questi fatti, cade in una profonda crisi, rendendosi conto di avere grossi dubbi sulla propria identità sessuale. Gerda, perdutamente innamorata del marito, lo segue nonostante la situazione, anche quando, dopo un trasferimento a Parigi, incontrano un medico che si offre di operare il marito. L’uomo ci pensa e decide di fare da cavia per gli interventi necessari al cambio di sesso. Il primo intervento di asportazione del pene va a buon fine ed Einar, ormai a tutti gli effetti Lili, si riprende abbastanza bene e comincia una nuova attività lavorativa come commessa. La voglia di diventare a tutti gli effetti Lili la spinge a fare troppo in fretta il secondo intervento, necessario per la costruzione di un organo femminile. La situazione non è buona e comincia il calvario medico di Lili…. Qui mi fermo nella trama per non svelare il finale…. Film difficile, che affronta un tema molto delicato e dalle mille sfaccettature. Il fatto che si tratti di una storia vera, aumenta la mia ammirazione ...

Strangerland (K. Farrant - Australia, Irlanda 2015) 30/08/2016

La disperazione di due genitori

Strangerland (K. Farrant - Australia, Irlanda 2015) Siamo in Australia e ci troviamo in un piccolo paesino vicino al deserto, in cui la famiglia Parker si è da poco trasferita con i due figli per cercare di ritrovare serenità ed armonia familiare. I litigi purtroppo non si placano e chi ne risente maggiormente sono i due ragazzi. Tom, nonostante la tenera età, soffre d’insonnia ed ama girovagare senza meta di notte per le strade; Lily, quindicenne, viene vista e bollata come una ragazza di facili costumi, tacciata di aver avuto storie con molti ragazzi del paese. Durante un’escursione notturna i due ragazzi spariscono senza lasciare traccia, lasciando nello sconforto i Parker, che decidono di informare la polizia della scomparsa. Il detective Rae, titolare delle indagini, inizialmente pesa ad una fuga dei due ragazzi, ma con l’andare del tempo si rende conto che qualcosa non quadra e comincia serrate indagini. La vicenda si infittisce di mistero, tutto il paese è ostile ai Parker, che ormai sono nella più cupa disperazione. Le ricerche procedono comunque a pieno ritmo, per cercare di venire a capo della vicenda e scoprire che fine hanno fatto i due ragazzi. Il finale è particolare, ma non dico nulla di più.. Giudizio: l’ambientazione australiana è ben rispettata, la vastità del luoghi e la bellezza dei paesaggi è ben resa dalle immagini, la trama del film non è però molto lineare ed in alcuni passi la regista si perde in qualche forzatura che dovrebbe aiutare a dare forza alla narrazione, ma che spesso non ne migliora il filo ...

Melone 08/08/2016

Una delizia estiva

Melone L’estate porta con se una varietà di frutta che rende sempre piacevole sedersi a tavola. Tra i simboli dell’estate c’e’ sicuramente il melone. Frutto della famiglia delle cucurbitacee, la polpa si può presentare bianca, gialla o arancione, a seconda della varietà del prodotto. Lo si trova correntemente in tutti i negozi, a prezzi sicuramente accessibili e che rendono davvero appetibile l’acquisto. Il melone porta con sé notevoli proprietà benefiche: essendo composto quasi interamente da acqua (circa il 90-95%), è ricco di sali minerali e vitamine che aiutano a depurare i reni e sono un antidoto ai bruciori di stomaco. Data la sua composizione, ha uno scarsissimo numero di calorie, cosa che lo rende uno dei migliori candidati come frutto estivo; alcune persone, ho letto, faticano a digerirlo, quindi consiglio prima di tutto di provarlo almeno una volta prima di andare incontro a problemi, anche se in altri studi si contraddice la teoria sostenendo che il melone sia un aiuto alla digestione. Da studi fatti, sono numerosi i benefici alla salute che vengono portati dal melone, tra cui: prevenzione al cancro, prevenzione a infarti e ictus e fonte di energia, per la quantità e (soprattutto) qualità degli zuccheri presenti. Ma come è possibile consumare il melone? Nella maggioranza dei casi lo si mangia crudo, accompagnato ad un buon prosciutto o in una gustosa macedonia, o magari anche così, perché no, solo soletto…. Un paio di volte ho anche avuto modo di apprezzare il risotto al ...

Carne e sangue (Patricia D. Cornwell) 13/04/2016

Fermate il killer

Carne e sangue (Patricia D. Cornwell) Eccomi a parlare di un nuovo libro della Cornwell.Protagonista è ancora una volta Kay Scarpetta che, alla vigilia del suo compleanno è prossima a partire per una rilassante vacanza in Florida, insieme al marito Benton Wesley. Mentre è indaffarata a sistemare il giardino della sua villetta nota, disposte in fila su un muretto, sette monete da 1 centesimo, che riflettono la luce del sole,quasi fossero nuove. Avvicinandosi nota che tutte le monete hanno data di conio del 1981; stupita del ritrovamento ma non preoccupata, sente suonare il telefono di casa; è il detective Marino che le comunica che vicino alla sua abitazione è avvenuto un omicidio: è stato ucciso uno stimato professore di musica con numerosi colpi di arma da fuoco, omicidio di cui apparentemente nessuno si è reso conto. Comincia da qui una catena di omicidi ad opera di un uomo misterioso, apparentemente senza un filo logico ed un legame tra le morti. Kay viene coinvolta nelle indagini e si ricompone la squadra, da sempre vincente con la nipote Lucy e Marino. Unica traccia sono dei fili di rame, indizio da cui parte un'indagine complicata,ricca di colpi di scena e molto interessante. In questo libro c'e' una buona ripresa da parte dell'autrice; è tornato ad esserci un ritmo incalzante, ci sono capovolgimenti di fronte che tornano finalmente a coinvolgere il lettore e rendono il libro veramente interessante Sicuramente da leggere per gli amanti del genere,con una Cornwell davvero in buona ripresa Voto 7.

truecaller.com 27/01/2016

LA salvezza dagli scocciatori

truecaller.com Eccomi a presentare un'app molto semplice ma secondo me di grandissima utilità.Parliamo di TrueCaller,un'app (scaricabile gratuitamente dal Playstore) che riconosce chi ti sta chiamando e ti segnala,in fase di chiamata eventuali numeri di call center (le 'famose' chiamate con utenza anonima). Come funziona? Truecaller possiede un proprio db che viene alimentato da più fonti: elenchi pubblici presenti online, dagli stessi utenti di truecaller che, iscrivendosi possono inserire nuovi numeri e segnalare alla community eventuali numeri di scocciatori. Ad ogni chiamata l'app identifica il chiamante quando è in grado e segnala eventuali numeri che altri utenti hanno già bollato come scocciatori.E' quindi possibile gestire un elenco di chiamate rifiutate,in questo caso la chiamata non parte proprio e comapre solo un messaggio di blocco. Ritengo il software estremamente utile,vista la marea di telefonate che spesso vengono fatte da pubblicitari e società in maniera abbastanza insistente. Ad oggi non vedo particolari criticità,il software non è invasivo e non condivide dati sensibili residenti sul vostro telefono. Voto 8

Lego City Il Treno 7938 30/12/2015

Dedicato a chi ha la passione del treno

Lego City Il Treno 7938 I bambini,si sa,hanno un fascino particolare per il lego,ma,e lo dico in tutta sincerità, anche per gli adulti comporta ancora un bel fascino. Questo treno, che ormai la lego commercializza da qualche anno,si compone di tre carrozze,di cui una con il motore,una serie di binari (che permettono di costruire la classica pista ovale), una piccola stazione. Il montaggio delle vetture non è particolarmente difficile,basta stare un pò attenti alle parti motorizzate, ed in breve tempo si riesce a creare un qualcosa di magico,un qualcosa che ti dà un'atmosfera da paese dei balocchi... Vedere il treno comandato via wireless che si muove lungo i binari porta a sognare,ti dà sensazioni davvero piacevoli,tanto che i miei figli spesso ci passano ore,inventando storie,usando anche macchinine e camion,per creare una città frutto di fantasia ma che ha una magia unica. Per rendere il tutto più divertente ho acquistato separatamente ulteriori binari e scambi,in modo da complicare la pista ed aumentare gli stimoli di fantasia. Insomma il mondo del Lego è un mondo fantastico,adatto a tutti ma proprio tutti.Lo consiglio però a bambini dai 5 anni in su, che sono in grado di apprezzare meglio la cosa e sanno riconoscere quei minuscoli pezzi che un neonato potrebbe facilmente ingoiare Voto 8

Trattoria Caprese, Milano 30/12/2015

Se ti piace mangiare....

Trattoria Caprese, Milano Milano,zona Romolo... esiste questa trattoria gestita da napoletani che è stata una lietissima scoperta.Il locale si trova su una strada molto trafficata (viale Cassala),ma riesce a creare una buona atmosfera. L'ho provato più volte a pranzo e mi sono sempre trovato molto bene;spesso, in caso di mancata prenotazione,occorre attendere in quanto tutti i tavoli sono occupati.C'e' all'ingresso una delle cameriere che accoglie i visitatori,allietandoli con qualche stuzzichino ed un piccolo aperitivo. Veniamo al menù: per il pranzo solitamente c'e' la proposta di un menù fisso con scelta tra due primi,due secondi frutta e caffè. Nel menù rientra sempre qualcosa legato alla cucina napoletana,che stuzzica il palato e rende il pranzo estremamente piacevole, il tutto condito dal folklore napoletano dei camerieri, che rallegrano l'atmosfera. Unico neo: le porzioni sono abbastanza ridotte. In alternativa si possono richiedere tutti quei piatti della tradizione napoletana che rientrano nel menù (ottima la mozzarella di bufala con il crudo) E' presente all'interno del locale un enorme bancone dove vengono disposti numerosissimi ingredienti per comporre insalatone davvero ottime.La scelta dei prodotti da inserire nell'insalata è davvero ampia e ci si può veramente saziare,accontentando ogni genere di gusti. Ultima,ma non in ordine di importanza,è la pizza; viene preparata 'alla napoletana' e si avvicina notevolmente a pizza che ho mangiato dalle parti di Napoli. La varietà di pizze è ...

Conto alla rovescia (Michael Ledwidge, James Patterson) 09/09/2015

Follia umana

Conto alla rovescia (Michael Ledwidge, James Patterson) Patterson mi piace,l'ho sempre letto con piacere ed anche stavolta penso che abbia colto nel segno. Protagonista è il detective Bennet che,in vacanza con la famiglia, viene sconvolto da una telefonata che lo richiama di corsa in servizio,in quanto qualcuno ha piazzato una bomba nella più grossa libreria di New York. L'ordigno,di alta ingengeria e pericolosità,è opera sicuramente di una mente molto intelligente,che conosce a fondo l'argomento. Accanto alla bomba viene trovato un messaggio in cui il killer dice di essere 'Figlio di Sam',un feroce assassino che ha sconvolto gli USA decenni prima e che sta scontando l'ergastolo in una prigione di massima sicurezza. Nei giorni successivi si presentano altri episodi sconvolgenti,che replicano in tutto e per tutto quanto fatto da Sam decenni prima. Bennet e i suoi devono correre,per riuscire a fermare il pazzo ad ogni costo e cercare di prevenire altri delitti. La trama è di buon livello,con qualche sorpresa inaspettata e qualche aspetto già visto in altri romanzi. Lo ammetto,sono di parte,ma Patterson a me piace; lo stile è fluente,niente di eccezionale,ma anche questo libro si legge bene, non è troppo impegnativo e tiene una buona suspance,lasciando il lettore incuriosito e con una gran voglia di continuare a leggere. Consigliato a chi ama il genere,voto 7 1/2.

Samsung Galaxy S5 Mini 03/09/2015

Un gioiellino a buon prezzo

Samsung Galaxy S5 Mini Quest'estate per causa di forza maggiore ho dovuto cambiare telefono e,allettato da un'offerta decisamente buona,mi sono buttato su questo modello.Lette le caratteristiche e considerando che ci sono bambini piccoli che girano per casa, ho pensato che un modello che ha tra le sue caratteristiche la resistenza ad acqua e polvere sia indicato. Derivato dall'S5, ne eredita le principali caratteristiche estetiche, cosa che lo rende alla vista gradevole alla vista e con una buona forma complessiva. Lo schermo misura 4,5 pollici in diagonale con una risoluzione massima di 1280 x 720 pixel e 329 ppi,cosa che porta ad avere una visualizzazione molto pulita e di ottimo livello. Le caratteristiche incluse sono molto simili a quelle dell'S5,senza grosse differenze. Unico neo,ma giustificato,è la fotocamera, degna di un cellulare di fascia media. La batteria,punto debole di molti modelli,ha,a mio parere, una buona durata,il consumo è lineare e con un utilizzo 'standard' è assicurata una buona durata. In chiamata il volume è buono,la voce è decisamente pulita e non ho mai avuto particolari problemi di ricezione. La funzione WiFi che con altri modelli mi aveva dato problemi è in questo caso sempre stabile,mantenendo un buon segnale. Ad oggi,dopo circa un mese di utilizzo,sono decisamente contento del prodotto e di quanto offre. Voto 8

Trattoria Emanuela, Milano 29/07/2015

Dalla Puglia con furore

Trattoria Emanuela, Milano Milano,da grande città ti assorbe in tutto e per tutto,ma ogni tanto si scoprono anche delle sorprese che,per chi come me a Milano ci lavora,sono davvero le ben venute. I miei colleghi mi hanno portato a pranzo in questa trattoria,sita in via Carlo Torre vicino ai Navigli ; la gestione è familiare e l'atmosfera veramente informale (cosa che a me piace moltissimo).Il locale è aperto solo a pranzo ed è possibile mangiare con 10 euro un pasto intero,comprese le bevande;scegliendo solo un primo o un secondo il prezzo ovviamente diminuisce. La qualità dei cibi è elevata e tutto è fresco,appena cucinato senza cose pre-riscaldate. Ogni giorno c'e' una buona scelta,ma il piattoforte è il venerdì,dove vengono proposti piatti a base di pesce; in questa giornata consiglio sicuramente la frittura,che non è pesante nè estremamente unta. Veniamo alle note negative: il posto è piccolo (non più di 40 coperti) e se si 'sgarra' sull'orario ci si deve armare di santa pazienza ed attendere che la fila di persone in attesa prenda posto.Il locale,visto il numero esiguo di posti,non accetta prenotazioni a pranzo,ma in ogni caso ne vale veramente la pena,ne sono sempre uscito soddisfatto. E' possibile il pagamento con carte ed anche buoni pasto. Il locale è aperto solo a pranzo;l'apertura serale avviene solo nel caso ci siano delle prenotazioni. Merita per chi è in zona. Voto 8.

Libri vs E-Book. In un’era dove la tecnologia è ovunque, anche la lettura si evolve. E voi cosa porterete sotto l’ombrellone: il buon vecchio libro in cellulosa o il vostro nuovo kindle? 16/07/2015

Io sono per la tradizione

Libri vs E-Book. In un’era dove la tecnologia è ovunque, anche la lettura si evolve. E voi cosa porterete sotto l’ombrellone: il buon vecchio libro in cellulosa o il vostro nuovo kindle? Eccomi a parlare di una delle mie più grandi passioni: la lettura.Sono pendolare e per far passare il tempo durante gli spostamenti,cosa può esserci di meglio di un buon libro? La domanda posta è davvero interessante,ed aiuta a sviscerare un mondo che si sta velocemente evolvendo. Il libro cartaceo ha una storia infinita; poter sfogliare le pagine,sentire 'il profumo della carta',avere un qualcosa di tuo che puoi portare con te e non ultimo lo spettacolo di una libreria con tutti i tuoi volumi... Lo dico chiaramente: io sono per i libri cartacei;ne acquisto durante l'anno,andando comunque verso le edizioni economiche per risparmiare qualcosa.Tra le note dolenti del libro cartaceo c'e' sicuramente il costo (un romanzo appena uscito arriva tranquillamente a 20 euro), il consumo di carta (con conseguente disboscamento delle foreste....). Per quanto riguarda il digitale,la situazione è completamente diversa; una volta muniti di un dispositivo di lettura (è la spesa più ingente,circa 100 euro per un buon prodotto) è possibile caricare centinaia di libri,poterli consultare in qualsiasi momento con pochissima fatica.Un ebook-reader,qualunque esso sia,pesa davvero poco, ha dimensioni ridotte e lo si può portare in giro senza fatica. Ad oggi rimango un fautore dei libri di carta,ma è certo che la lettura digitale sta prendendo sempre più piede ed anche uno come me,affezionato alla tradizione, prima o poi potrebbe capitolare

Omino Bianco 100 Più Smacchia Facile 13/07/2015

Prodotto con dei limiti

Omino Bianco 100 Più Smacchia Facile Ciao a tutti, avendo tre figlio piccoli la lavatrice di casa nostra è in funzione tutti i giorni e,soprattutto nel periodo più caldo, deve combattere con magliette e calze veramente sporche.Per poter riuscire a far tornare puliti tutti i vestiti,spesso bisogna ricorrere a prodotti che danno un aiuto per cercare di risolvere i problemi;tra quuesti OMINO BIANCO 100 PIU' SMACCHIA FACILE PRETRATTANTE è sicuramente uno dei più conosciuti ed anche uno dei più publicizzati.Visionando le istruzioni sulla confezione,si legge che il prodotto viene definito altamente efficace per tutte le tipologie di macchie,tranne quelle di: inchiostro,erba,pennarelli... ed ecco i primi dubbi... Abbiamo pensato: 'Ma queste sono le macchie più comuni sui vestiti dei bambini.....' Vabbè,ormai una confezione era presa,ed essendo in offerta ci siamo decisi a provarla;il risultato è stato quello descritto nelle istruzioni: per le macchie standard siamo arrivati ad un'ottima pulizia;per le macchie descritte sopra (lo abbiamo 'testato' a fondo sull'erba)è stato necessario ritrattare e rilavare successivamente i capi con un altro prodotto per poter far tornare i capi alle condizioni originali.Il prodotto lo si trova in qualsiasi supermercato ed è riconoscibile per la confezione bianca e rossa. Vale la pena? Si,se non si hanno in casa bambini piccoli; come detto ha avuto ottimi risultati su macchie 'standard',mentre pecca su erba,ecc... cosa di cui si viene avvisati di questo nelle istruzioni. ...

Con la Q 10/07/2015

Quasi un'odissea....

Con la  Q Ciao, eccomi a raccontare un'esperienza avuta di recente,a stretto contatto con la pubblica amministrazione. Sono in possesso di una patente B speciale,per via degli occhiali e mi accorgo che la scadenza non è lontana. Mi collego al sito dell'ASL della mia città e trovo un servizio di prenotazione on-line (wow finalmente qualcosa che funziona,penso...) Prenoto la visita di routine per un sabato mattina e mi presento allo sportello per tempo... la fila è lunga ma la chiamata è per cognome e quindi sono tranquillo. Arriva il mio turno e la 'solerte' impiegata mi guarda con fare arrogante e quasi mi assale,dicendomi: 'La sua patente viene riclassifica in B normale; ma come,non ha portato il campo visivo?' Sbigottito le dico: 'Ho prenotato online...' E lei: 'Online non potrebbe e poi non ci sono queste informazioni...'. Preso da ira dico: 'Che facciamo?' E lei: 'Le blocco la pratica,lei fa in campo visivo,poi torna qui e chiudiamo il tutto;fatto questo dovrà andare alla motorizzazione per chiedere il rilascio della nova patente....' Mi vengono consegnati versamenti da fare,marca da bolo da acquistare,fogli da compilare.... Vado a fare l'esame e l'infermiera mi dice che moti sono nella stessa situazione,visto che all'ASL per queste cose sono all'età della pietra.Termino all'ASL la pratica e speranzoso mi sposto alla motorizzazione. Anche qui si prende il numero come al supermercato e si aspetta speranzosi che l'impiegata torni dal caffè o la smetta di parlare di altro con le ...
Visualizza altre opinioni Torna sopra